Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

4 Gestione Collaboratori Inserimento

909 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

4 Gestione Collaboratori Inserimento

  1. 1. IL PERCORSO DI INSERIMENTO IN AZIENDA <ul><li>L’ingresso di una nuova risorsa in azienda è un momento delicato sia per la persona che per l’organizzazione. </li></ul><ul><li>Il neo-assunto è spesso intimidito e disorientato dall’impatto con le persone, code, regolamenti, mansioni sconosciute. </li></ul><ul><li>L’azienda, d’altro canto, ha la necessità di rendere pienamente operativa la nuova risorsa nel più breve tempo possibile. </li></ul><ul><li>Il Capo è il responsabile del successo di questa fase e della pianificazione razionale dell’inserimento. </li></ul>
  2. 2. Le fasi dell’inserimento
  3. 3. Accoglienza: Il preinserimento <ul><li>Precedentemente l’arrivo del neoassunto: </li></ul><ul><li>Predisporre il luogo fisico in cui il neo-assunto svolgerà il suo lavoro (scrivania, postazione) e gli strumenti indispensabili. </li></ul><ul><li>Preavvisare i colleghi che dovranno venir presentati e che illustreranno sinteticamente e chiaramente (evitando il gergo aziendale) la loro attività. </li></ul><ul><li>Individuare un tutor ovvero una figura di riferimento a cui il neo-assunto si possa rivolgere per qualsiasi informazione o aiuto. La figura del tutor, che può essere un collega o il capo stesso, deve essere assunta con senso di responsabilità ed impegno: in caso contrario oltre che inefficace potrebbe rivelarsi controproducente, enfatizzando disorientamento e senso di abbandono. </li></ul>
  4. 4. Accoglienza: il colloquio di inserimento <ul><li>Fornire precise indicazioni su quali sono le strategie aziendali. </li></ul><ul><li>Chiarire qual è la cultura aziendale, il clima, i rapporti tra le persone. </li></ul><ul><li>Precisare quali sono le sue responsabilità, priorità e obiettivi. </li></ul><ul><li>Esporre cosa vi aspettate da lui, come desiderate sia fatto il lavoro e quali comportamenti ritenete più idonei. </li></ul><ul><li>Comunicare quali sono le scadenze contrattuali e fissare quelle del tirocinio (verifiche Intermedie). </li></ul><ul><li>Provocare delle domande e rispondere con precisione. </li></ul><ul><li>Indicare chi sono le persone a cui si può rivolgere per avere informazioni. </li></ul><ul><li>Incoraggiarlo. </li></ul><ul><li>Affidarlo al tutor . </li></ul>
  5. 5. Programmare l’inserimento <ul><li>Definire il piano di inserimento è consigliabile per tutte le risorse umane acquisite dall'azienda ed è indispensabile per le persone per cui si prevede e si auspica una crescita professionale. </li></ul><ul><li>Gli obiettivi di apprendimento possono essere raggruppati in tre aree, a cui corrispondono differenti modalità di apprendimento: </li></ul><ul><ul><li>CONOSCENZE ORGANIZZATIVE </li></ul></ul><ul><ul><li>CONOSCENZE TECNICHE </li></ul></ul><ul><ul><li>ADDESTRAMENTO ALLA MANSIONE </li></ul></ul>
  6. 6. Valutare l’addestramento <ul><li>Per rendere la valutazione un momento costruttivo sia per il capo che per il collaboratore, è opportuno che ci si riferisca a fatti concreti e non a impressioni generiche: </li></ul><ul><ul><li>si riprenda la scheda su cui sono stati annotati tutti gli obiettivi assegnati e comunicati </li></ul></ul><ul><ul><li>si utilizzino i criteri di valutazione prestabiliti </li></ul></ul><ul><ul><li>si fornisca il feedback al nuovo collaboratore sull'attività svolta </li></ul></ul><ul><li>Inoltre va sempre tenuto presente che la pianificazione dell'inserimento, e quindi la valutazione, assolve a diverse necessità: </li></ul><ul><ul><li>rendere pienamente operativa la nuova persona in tempi brevi </li></ul></ul><ul><ul><li>verificarne l'adeguatezza entro il periodo di prova </li></ul></ul><ul><ul><li>individuare i punti di forza </li></ul></ul>

×