Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

L’economia della sicurezza pubblica

10,996 views

Published on

Presentazione portata in "Commissione Giustizia" del Parlamento Italiano, in merito alla revisione della normativa sugli stupefacenti e alla discussione del progetto di legge Gozi-Farina.
La commissione giustizia ha ascoltato l' associazione ASCIA al fine di apportare corrette modifiche al teso unico sulle sostanza stupefacenti, prendendo in considerazione un numero di piante coltivabile.
La presentazione evidenzia come un cambio di approccio verso le sostanze stupefacenti deve essere attuato e come è stato considerato più preferibile un approccio medico verso gli stupefacenti, piuttosto che meramente repressivo.

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

L’economia della sicurezza pubblica

  1. 1. L’ECONOMIA DELLA SICUREZZA PUBBLICA Un approccio economico alle politiche di ordine e salute sociale Dott. Giorgio Gatti
  2. 2. LE POLITICHE DI CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DELL’USO DI CANNABIS COME DROGA: IL LORO FALLIMENTO E UNA RIVISITAZIONE DEL PROBLEMA IN CHIAVE ECONOMICA. NUOVE SOLUZIONI A PROBLEMI ORMAI DEGENERATI Dott. Giorgio Gatti
  3. 3. Sicurezza pubblica, «libertà privata» 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico 2. L’attività di prevenzione e soccorso 3. L’equilibrio tra tutela degli individui e tutela della salute degli individui 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata Dott. Giorgio Gatti
  4. 4. Sicurezza pubblica, «libertà privata» 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico 2. L’attività di prevenzione e soccorso 3. L’equilibrio tra tutela degli individui e tutela della salute degli individui 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata Dott. Giorgio Gatti
  5. 5. Cosa è la sicurezza pubblica 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico La pubblica sicurezza riguarda tanto le attività di polizia, volte ad assicurare la "sicurezza" attraverso il rispetto delle norme di legge, quanto quelle comunque finalizzate a "prevenire" che la comunità possa patire danni da eventi fortuiti e accidentali, infortuni e disastri naturali, climatici, o di qualunque altro genere, o comunque a prevenirne l'aggravio del danno attraverso l'organizzazione di forme di prevenzione e di soccorso. (Wikipedia) Dott. Giorgio Gatti
  6. 6. L’attività di polizia Eu serious and organised crime threat assessment Dott. Giorgio Gatti 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico EUROPOL Eu serious and organised crime threat assessment 2013
  7. 7. Le minacce per la sicurezza in Europa Dott. Giorgio Gatti 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico EUROPOL Eu serious and organised crime threat assessment 2013
  8. 8. Il traffico di droga Dott. Giorgio Gatti 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico EUROPOL Eu serious and organised crime threat assessment 2013
  9. 9. Le sostanze più trafficate. Le dimensioni dei 3 mercati maggiori: la cannabis Dott. Giorgio Gatti 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico
  10. 10. Le sostanze più trafficate. Le dimensioni dei 3 mercati maggiori: la cocaina Dott. Giorgio Gatti 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico
  11. 11. Le sostanze più trafficate. Le dimensioni dei 3 mercati maggiori: l’eroina Dott. Giorgio Gatti 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico
  12. 12. Cannabis: un mercato sempre verde Dott. Giorgio Gatti EUROPOL Eu serious and organised crime threat assessment 2013 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico
  13. 13. Focalizzarsi sulla cannabis: cinque ottime ragioni I consumi di cannabis in Europa: le stime sono attendibili? L’ impatto della «guerra alla droga» sul mercato della cannabis: quali sono i risultati? Le considerazioni dell’Europol Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze: Relazione europea sulla droga La cannabis terapeutica: un’opportunità Dott. Giorgio Gatti 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico
  14. 14. Il contesto internazionale Dott. Giorgio Gatti 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico
  15. 15. Cannabis in Europa: quanta se ne consuma? Dott. Giorgio Gatti
  16. 16. La difficoltà e l’impossibilità ad effettuare stime Dott. Giorgio Gatti 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico
  17. 17. 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico Dott. Giorgio Gatti
  18. 18. Le azioni da intraprendere Dott. Giorgio Gatti 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico
  19. 19. Sicurezza pubblica, «libertà privata» 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico 2. L’attività di prevenzione e soccorso 3. L’equilibrio tra tutela degli individui e tutela della salute degli individui 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata Dott. Giorgio Gatti
  20. 20. 2. L’attività di prevenzione e soccorso Dott. Giorgio Gatti
  21. 21. L’offerta di droga in Europa Dott. Giorgio Gatti 2. L’attività di prevenzione e soccorso EMCDDA Relazione europea sulla droga 2013
  22. 22. Il contesto internazionale In Europa, le politiche di controllo della droga operano nel contesto generale offerto dal sistema di controllo internazionale basato su tre convenzioni delle Nazioni Unite. Tale sistema delinea un quadro per controllare la produzione, il commercio e la detenzione di oltre 240 sostanze psicoattive, per molte delle quali è riconosciuto l’uso medico. Le convenzioni obbligano ogni paese a considerare l’offerta non autorizzata un reato penale. Si chiede di introdurre una misura analoga per la detenzione di droga per il consumo personale, benché alle condizioni dei “principi costituzionali e concetti fondamentali del sistema giuridico” di ciascun paese. Tale clausola non è stata applicata in maniera uniforme dai paesi europei, come risulta dai differenti approcci giuridici che si registrano in questo campo. Dott. Giorgio Gatti 2. L’attività di prevenzione e soccorso EMCDDA Relazione europea sulla droga 2013
  23. 23. L’ economia della sicurezza pubblica: un approccio da considerare Dott. Giorgio Gatti 2. L’attività di prevenzione e soccorso EMCDDA Relazione europea sulla droga 2013
  24. 24. La guerra alla droga negli USA 2. L’attività di prevenzione e soccorso 14,1 miliardi di dollari spesi nel 2009 per trattamento e prevenzione, spese internazionali, applicazione della legge. Dott. Giorgio Gatti
  25. 25. IL CONSUMO DI CANNABIS: EUROPA vs USA Stati uniti abitanti (mio) consumatori stimati(mio) Europa 314 250 739 23 percentule di consumatori 8% 3% stima consumi annui (ton) 14,0 2,5 140,00 560,0 25,00 108,7 Quantità sequestrata annua 2013 (resina + foglie) ton sequestro pro capite annuo (gr) 575,00 1,83036 580,00 0,78 incidenza dei sequestri sul mercato 0,3269% 0,7219% stima fatturato annuo mld(eur/usd) consumo medio annuo pro capite (g) Dott. Giorgio Gatti
  26. 26. IL CONSUMO DI CANNABIS: EUROPA vs ITALIA Europa abitanti(mio) consumatori stimati(mio) Italia 739 23 60 7 percentule di consumatori 3% 12% stima consumi annui (ton) stima consumi annui (gr) 2.500 2.500.000.000,00 778,50 778.502.960,87 25.000.000.000,00 108,70 7.785.029.608,70 108,70 stima fatturato annuo (eur/usd) consumo medio annuo pro capite (g) Dott. Giorgio Gatti
  27. 27. IL CONSUMO DI CANNABIS: ITALIA vs PARMA Italia abitanti consumatori stimati Parma 59.685.227,00 7.162.227,24 190.522,00 22.862,64 percentule di consumatori 12% 12% stima consumi annui (ton) stima consumi annui (gr) 778,50 778.502.960,87 2,49 2.485.069,57 7.785.029.608,70 24.850.695,65 stima fatturato annuo (eur/usd) Dott. Giorgio Gatti
  28. 28. Sicurezza pubblica, «libertà privata» 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico 2. L’attività di prevenzione e soccorso 3. L’equilibrio tra tutela degli individui e tutela della salute degli individui 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata Dott. Giorgio Gatti
  29. 29. 3. L’equilibrio tra tutela degli individui e tutela della salute degli individui Drug harms in the UK: a multicriteria decision analysis Prof David J Nutt, Leslie A King PhD , Lawrence D Phillips PhD , on behalf of the Independent Scientific Committee on Drugs Principi dello studio  Per fornire migliori linee guida ai policy makers su salute, ordine pubblico e politiche sociali, i danni relativi all’uso di droga devono essere appropriatamente pesati  Al fine di valutare appropriatamente i danni delle sostanze stupefacenti sono stati utilizzati sedici criteri di dannosità, dalla pericolosità intrinseca della sostanza, ai costi sociali e a carico del sistema sanitario Dott. Giorgio Gatti
  30. 30. Le tipologie di danni Dott. Giorgio Gatti Drug harms in the UK: a multicriteria decision analysis
  31. 31. Dott. Giorgio Gatti Drug harms in the UK: a multicriteria decision analysis
  32. 32. Dott. Giorgio Gatti Drug harms in the UK: a multicriteria decision analysis
  33. 33. 3. L’equilibrio tra tutela degli individui e tutela della salute degli individui Drug harms in the UK: a multicriteria decision analysis Prof David J Nutt, Leslie A King PhD , Lawrence D Phillips PhD , on behalf of the Independent Scientific Committee on Drugs I limiti dello studio  Non sono stati valutati i «benefici» degli stupefacenti (es: benefici commerciali del traffico di alcool e tabacco in termini di creazione di lavoro e tasse)  Molti danni delle sostanze stupefacenti derivano dallo status legale della loro disponibilità  Il modello di analisi dovrebbe distinguere tra l’uso delle sostanze stupefacenti e il risultato che deriva dal sistema di controllo sulle sostanze stesse  I danni delle sostanze stupefacenti non sono collegati all’uso delle sostanze quando prescritte per scopi terapeutici. Dott. Giorgio Gatti
  34. 34. Sicurezza pubblica, «libertà privata» 1. L’attivita di tutela dell’ ordine pubblico 2. L’attività di prevenzione e soccorso 3. L’equilibrio tra tutela degli individui e tutela della salute degli individui 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata Dott. Giorgio Gatti
  35. 35. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata La cannabis è una medicina Evidenze scientifiche Approccio medico vs approccio repressivo Esempi nel mondo La normativa italiana Soluzioni e riflessioni Dott. Giorgio Gatti
  36. 36. La cannabis è una medicina: Evidenze scientifiche 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata I potenziali campi di utilizzo della cannabis terapeutica: •Indicazioni accettate (*) Nausea e vomito in chemioterapia Stimolazione appetito nell'AIDS Indicazioni in corso di studio Sclerosi Multipla Terapia del Dolore Traumi cerebrali / Ictus Sindrome di Tourette Glioblastomi Artrite reumatoide Malattie infiammatorie croniche intestinali (morbo di Crohn, colite ulcerosa) Glaucoma Epilessia (*) in Germania, Gran Bretagna, Olanda, Belgio, Svizzera, Canada, USA, Israele e Sud-Africa ma non in Italia Dott. Giorgio Gatti Altre indicazioni potenziali Allergie Anti-tumorale Asma bronchiale Malattie autoimmuni (lupus eritematoso, ...) Malattie neurodegenerative (morbo di Alzheimer, corea di Huntington, morbo di Parkinson) Patologie cardiovascolari (aterosclerosi, ipertensione arteriosa) Sindromi ansioso-depressive Sindromi da astinenza nelle dipendenze da sostanze Spasticità nelle lesioni midollari (tetraplegia, paraplegia) Associazione Cannabis Terapeutica www.medicalcannabis.it
  37. 37. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata Approccio medico vs approccio repressivo  The smoking of cannabis, even long term, is not harmful to health.  Prominent among those currently calling for legislative reform are police chiefs and city medical officers  Politicians have largely remained silent, seemingly afraid of offending powerful segments of the electorate or merely of being perceived as weak in the face of rising crime figures.  where is the harm in decriminalising cannabis? There is none to the health of the consumers, and the criminal fraternity who depend for their succour on prohibition would hate it.  Sooner or later politicians will have to stop running scared and address the evidence: cannabis per se is not a hazard to society but driving it further underground may well be. Dott. Giorgio Gatti The Lancet (The Lancet is a British medical journal), Volume 346, Number 8985, November 11, 1995, p.1241, Editorial
  38. 38. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata Gli Stati Uniti La Regolamentazione L’ uso terapeutico Dott. Giorgio Gatti La cannabis è una medicina: Esempi nel mondo
  39. 39. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata La cannabis è una medicina: Esempi nel mondo Washington e Colorado La vendita, il possesso, la coltivazione della cannabis è regolamentata per i maggiori di 21 anni Dott. Giorgio Gatti
  40. 40. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata La cannabis è una medicina: Esempi nel mondo L’ uso terapeutico è riconosciuto negli Stati: Alaska 1998 Ballot Measure 8 (58%) - Arizona 2010 Proposition 203 (50.13%) - California 1996 Proposition 215 (56%) - Colorado 2000 Ballot Amendment 20 (54%) - Connecticut 2012 House Bill 5389 (96-51 House, 21-13 Senate) – District of Columbia 2010 Amendment Act B18-622 (13-0 vote) - Delaware 2011 Senate Bill 17 (27-14 House, 17-4 Senate) - Hawaii 2000 Senate Bill 862 (32-18 House; 13-12 Senate) Illinois 2013 House Bill 1 (61-57 House; 35-21 Senate) - Maine 1999 Ballot Question 2 (61%) - Massachusetts 2012 Ballot Question 3 (63%) - Michigan 2008 Proposal 1 (63%) - Montana 2004 Initiative 148 (62%)Nevada 2000 Ballot Question 9 (65%) - New Hampshire 2013 House Bill 573 (284-66 House; 18-6 Senate) - New Jersey 2010 Senate Bill 119 (48-14 House; 25-13 Senate) - New Mexico 2007 Senate Bill 523 (36-31 House; 32-3 Senate) - Oregon 1998 Ballot Measure 67 (55%) - Rhode Island 2006 Senate Bill 0710 (52-10 House; 33-1 Senate) - Vermont 2004 Senate Bill 76 (22-7) HB 645 (82-59) - Washington 1998 Initiative 692 (59%) Dott. Giorgio Gatti
  41. 41. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata L’ Olanda Bedrocan BV Cannabis Medicinale. Dal marzo 2005 Bedrocan BV e`l’unica società olandese autorizzata dal Ministero della Salute, Sanita`e Sport alla coltivazione e produzione di infiorescenze di Cannabis (flos). http://www.bedrocan.nl/ Dott. Giorgio Gatti La cannabis è una medicina: Esempi nel mondo
  42. 42. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata La cannabis è una medicina: Esempi nel mondo La Spagna: i cannabis social club  Sono tra i 400 e i 500  Forniscono cannabis ai soli soci per un massimo di 3 grammi al giorno  Attraverso questo modello di produzione e distribuzione si ambisce a ridurre i principali problemi associati all’uso di stupefacenti Dott. Giorgio Gatti
  43. 43. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata La cannabis è una medicina: La normativa italiana Testo aggiornato del DPR 309/90 Decreto del Presidente della Repubblica del 9 ottobre 1990, n. 309, recante: "Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza". (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Suppl. Ordinario del 15-3-2006) Dott. Giorgio Gatti
  44. 44. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata La normativa italiana Testo aggiornato del DPR 309/90 Titolo II DELLE AUTORIZZAZIONI Articolo 17. Obbligo di autorizzazione 1. Chiunque intenda coltivare, produrre, fabbricare impiegare, importare, esportare, ricevere per transito, commerciare a qualsiasi titolo o comunque detenere per il commercio sostanze stupefacenti o psicotrope, comprese nelle tabelle di cui all'articolo 14 deve munirsi dell'autorizzazione del Ministero della sanita'. 2. Dall'obbligo dell'autorizzazione sono escluse le farmacie, per quanto riguarda l'acquisto di sostanze stupefacenti o psicotrope e per l'acquisto, la vendita o la cessione di dette sostanze in dose e forma di medicamenti. 5. Il Ministro della sanita', nel concedere l'autorizzazione, determina, caso per caso, le condizioni e le garanzie alle quali essa e' subordinata, sentito il Comando generale della Guardia di Finanza nonche', quando trattasi di coltivazione, il Ministero dell'agricoltura e delle foreste. Dott. Giorgio Gatti
  45. 45. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata La normativa italiana Testo aggiornato del DPR 309/90 Titolo III DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA COLTIVAZIONE E PRODUZIONE, ALLA FABBRICAZIONE, ALL'IMPIEGO ED AL COMMERCIO ALL'INGROSSO DELLE SOSTANZE STUPEFACENTI O PSICOTROPE. Capo I Della coltivazione e produzione (Art. 26-30.) Capo II Della fabbricazione (art. 31-35) Capo III Dell'impiego (art. 36) Capo IV Del commercio all'ingrosso (art.37) Dott. Giorgio Gatti
  46. 46. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata La normativa italiana Testo aggiornato del DPR 309/90 Titolo IV DISPOSIZIONI RELATIVE ALLA DISTRIBUZIONE Capo I Della vendita, dell'acquisto e della somministrazione (art. 38-45) Capo III Della ricerca scientifica e sperimentazione (art.49) Dott. Giorgio Gatti
  47. 47. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata La normativa italiana Testo aggiornato del DPR 309/90 Titolo VIII DELLA REPRESSIONE DELLE ATTIVITA' ILLECITE Capo I Disposizioni penali e sanzioni amministrative Articolo 72. Attivita' illecite 2. E' consentito l'uso terapeutico di preparati medicinali a base di sostanze stupefacenti o psicotrope, debitamente prescritti secondo le necessita' di cura in relazione alle particolari condizioni patologiche del soggetto. Dott. Giorgio Gatti
  48. 48. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata Riflessioni e conclusioni  La cannabis è la sostanza illegale più diffusa in Europa. Circa l’ ottanta per cento dei sequestri di droga riguarda la cannabis e suoi derivati  Le politiche di repressione hanno un costo elevato  A questo costo non corrisponde un risultato efficace in termini di prevenzione dell’ uso di stupefacenti, anzi i dati dimostrano che un approccio tollerante risulta avere un impatto maggiore e meno costoso, per la società nel suo complesso, in termini sia economici che di diffusione dell’ uso di stupefacenti  La sicurezza pubblica dovrebbe tenere in considerazione, al fine di valutare il pericolo sociale degli stupefacenti, anche dei danni che l’ attuale sistema di controllo e repressione sta portando alla società  Si rende necessario un cambio di prospettiva: la cannabis, da sostanza proibita a farmaco dispensato sotto controllo medico Dott. Giorgio Gatti
  49. 49. 4. La sicurezza pubblica: la libertà privata Riflessioni e conclusioni  Poiché per la cannabis sono riconosciuti, dalla comunità scientifica, impieghi terapeutici si rende necessario un più facile accesso al farmaco sotto controllo delle istituzioni.  La produzione, la distribuzione e la vendita, andrebbero controllate in modo da soddisfare la necessità di rendere il farmaco disponibile e monitorare con precisione il mercato in modo tale da inibire la capacità delle organizzazioni criminali di sostituirsi nei vuoti di produzione dati dal nascere e morire di organizzazioni criminali dedicate.  Poiché in Italia è riconosciuto l’ impiego terapeutico della cannabis, la vendita sotto controllo da parte del SSN potrebbe essere un ottima opportunità per garantire nuove risorse alla luce dei tagli previsti nella spesa pubblica.  Poiché la produzione di cannabis è consentita dallo stato Italiano, andrebbero previste modalità di produzione più snelle Dott. Giorgio Gatti
  50. 50. Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezza. Benjamin Franklin Dott. Giorgio Gatti

×