003 lezione

202 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
202
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

003 lezione

  1. 1. Friday, October 25, 13
  2. 2. Le libertà dei parlamentari Friday, October 25, 13
  3. 3. Le libertà dei parlamentari Il privilegio di Damocle Friday, October 25, 13
  4. 4. Le libertà dei parlamentari Il privilegio di Damocle Gian Luca Conti Friday, October 25, 13
  5. 5. Le libertà dei parlamentari Il privilegio di Damocle Gian Luca Conti Friday, October 25, 13
  6. 6. Friday, October 25, 13
  7. 7. Una triplice questione di libertà Friday, October 25, 13
  8. 8. Una triplice questione di libertà ✤ La libertà della politica: gli atti di esercizio dell’attività parlamentare non possono essere oggetto di alcun accordo. Sono indisponibili, perché appartengono alla sovranità elettorale. Di conseguenza, non possono essere sottoposti a nessuna forma di sindacato (scriminante) Friday, October 25, 13
  9. 9. Una triplice questione di libertà ✤ La libertà della politica: gli atti di esercizio dell’attività parlamentare non possono essere oggetto di alcun accordo. Sono indisponibili, perché appartengono alla sovranità elettorale. Di conseguenza, non possono essere sottoposti a nessuna forma di sindacato (scriminante) ✤ La libertà del politico: non vi può essere nessuna forma di limitazione della libertà personale senza l’autorizzazione della Camera di appartenenza (condizione di procedibilità) Friday, October 25, 13
  10. 10. Una triplice questione di libertà ✤ La libertà della politica: gli atti di esercizio dell’attività parlamentare non possono essere oggetto di alcun accordo. Sono indisponibili, perché appartengono alla sovranità elettorale. Di conseguenza, non possono essere sottoposti a nessuna forma di sindacato (scriminante) ✤ La libertà del politico: non vi può essere nessuna forma di limitazione della libertà personale senza l’autorizzazione della Camera di appartenenza (condizione di procedibilità) ✤ La libertà dal bisogno: un’indennità che consenta a tutti il mestiere della politica senza essere costretti a scegliere fra il bisogno e la passione (indennità, non retribuzione perché la rappresentanza non può avere un prezzo) Friday, October 25, 13
  11. 11. Friday, October 25, 13
  12. 12. Il fondamento storico Friday, October 25, 13
  13. 13. Il fondamento storico ✤ La pretesa anglosassone alla libertà del dibattito e del voto Friday, October 25, 13
  14. 14. Il fondamento storico ✤ La pretesa anglosassone alla libertà del dibattito e del voto ✤ La pretesa giacobina alla sovranità parlamentare, il che impedisce alla magistratura di emettere provvedimenti vincolanti in danno dei parlamentari senza il consenso del Parlamento stesso Friday, October 25, 13
  15. 15. Il fondamento storico ✤ La pretesa anglosassone alla libertà del dibattito e del voto ✤ La pretesa giacobina alla sovranità parlamentare, il che impedisce alla magistratura di emettere provvedimenti vincolanti in danno dei parlamentari senza il consenso del Parlamento stesso ✤ Il bisogno dei partiti di massa di una classe di politici di professione Friday, October 25, 13
  16. 16. Il fondamento storico ✤ La pretesa anglosassone alla libertà del dibattito e del voto ✤ La pretesa giacobina alla sovranità parlamentare, il che impedisce alla magistratura di emettere provvedimenti vincolanti in danno dei parlamentari senza il consenso del Parlamento stesso ✤ Il bisogno dei partiti di massa di una classe di politici di professione Friday, October 25, 13
  17. 17. Friday, October 25, 13
  18. 18. Il fondamento etico Friday, October 25, 13
  19. 19. Il fondamento etico ✤ Friday, October 25, 13 L’etica della rappresentanza di fronte all’etica della responsabilità
  20. 20. Il fondamento etico ✤ ✤ Friday, October 25, 13 L’etica della rappresentanza di fronte all’etica della responsabilità La distinza fra l’odore acre di una conquista e il profumo dell’abuso
  21. 21. Il fondamento etico ✤ ✤ Friday, October 25, 13 L’etica della rappresentanza di fronte all’etica della responsabilità La distinza fra l’odore acre di una conquista e il profumo dell’abuso
  22. 22. Friday, October 25, 13
  23. 23. Il problema storico delle autorizzazioni a procedere Friday, October 25, 13
  24. 24. Il problema storico delle autorizzazioni a procedere [I]. I membri del Parlamento non possono essere perseguiti per le opinioni espresse e i voti dati nell'esercizio delle loro funzioni. Friday, October 25, 13
  25. 25. Il problema storico delle autorizzazioni a procedere [I]. I membri del Parlamento non possono essere perseguiti per le opinioni espresse e i voti dati nell'esercizio delle loro funzioni. [II]. Senza autorizzazione della camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a procedimento penale; né può essere arrestato, o altrimenti privato della libertà personale, o sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, salvo che sia colto nell'atto di commettere un delitto per il quale è obbligatorio il mandato o l'ordine di cattura. Friday, October 25, 13
  26. 26. Il problema storico delle autorizzazioni a procedere [I]. I membri del Parlamento non possono essere perseguiti per le opinioni espresse e i voti dati nell'esercizio delle loro funzioni. [II]. Senza autorizzazione della camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a procedimento penale; né può essere arrestato, o altrimenti privato della libertà personale, o sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, salvo che sia colto nell'atto di commettere un delitto per il quale è obbligatorio il mandato o l'ordine di cattura. [III]. Eguale autorizzazione è richiesta per trarre in arresto o mantenere in detenzione una membro del Parlamento in esecuzione di una sentenza anche irrevocabile. Friday, October 25, 13
  27. 27. Friday, October 25, 13
  28. 28. La logica della insindacabilità indiretta Friday, October 25, 13
  29. 29. La logica della insindacabilità indiretta ✤ Si dice che fino al 1993, le Camere fossero solite negare le autorizzazioni a procedere, attraverso un abuso della considerazione del fumus persecutionis Friday, October 25, 13
  30. 30. La logica della insindacabilità indiretta ✤ Si dice che fino al 1993, le Camere fossero solite negare le autorizzazioni a procedere, attraverso un abuso della considerazione del fumus persecutionis ✤ Il vero è che le autorizzazioni a procedere richieste nei confronti dei parlamentari sono state negli anni tutt’altro che poche e non rari sono stati i casi in cui sono state concesse Friday, October 25, 13
  31. 31. La logica della insindacabilità indiretta ✤ Si dice che fino al 1993, le Camere fossero solite negare le autorizzazioni a procedere, attraverso un abuso della considerazione del fumus persecutionis Il vero è che le autorizzazioni a procedere richieste nei confronti dei parlamentari sono state negli anni tutt’altro che poche e non rari sono stati i casi in cui sono state concesse Friday, October 25, 13 501 VII 129 X ✤ I 256 XI 622
  32. 32. Friday, October 25, 13
  33. 33. Piccoli casi della vita Friday, October 25, 13
  34. 34. Piccoli casi della vita ✤ 1948: il parroco nel confessionale Friday, October 25, 13
  35. 35. Piccoli casi della vita ✤ 1948: il parroco nel confessionale ✤ 1953: torbidi assassinii intorno all’oro di Dongo Friday, October 25, 13
  36. 36. Piccoli casi della vita ✤ 1948: il parroco nel confessionale ✤ 1953: torbidi assassinii intorno all’oro di Dongo ✤ 17 dicembre 1958: 15 domande di autorizzazione a procedere Friday, October 25, 13
  37. 37. Piccoli casi della vita ✤ 1948: il parroco nel confessionale ✤ 1953: torbidi assassinii intorno all’oro di Dongo ✤ 17 dicembre 1958: 15 domande di autorizzazione a procedere ✤ Concedendo l’autorizzazione, il processo potrà fare piena luce sui fatti (ma perché l’apologia del fascismo non viene sempre trattata come la disobbedienza durante una festa dell’unità?) Friday, October 25, 13
  38. 38. Friday, October 25, 13
  39. 39. Che diventano il prisma dello scandalo del secolo Friday, October 25, 13
  40. 40. Che diventano il prisma dello scandalo del secolo ✤ Friday, October 25, 13 L’affaire Craxi (1992), Pillitteri, Tognoli, tutto ciò che ha ruotato intorno a Tangentopoli, è stato un processo celebrato non in virtù dell’autorizzazione a procedere ma grazie allo straordinario eco che veniva donato agli atti delle indagini preliminari (agli atti del pubblico ministero) dalla richiesta di autorizzazione a procedere
  41. 41. Che diventano il prisma dello scandalo del secolo ✤ ✤ Friday, October 25, 13 L’affaire Craxi (1992), Pillitteri, Tognoli, tutto ciò che ha ruotato intorno a Tangentopoli, è stato un processo celebrato non in virtù dell’autorizzazione a procedere ma grazie allo straordinario eco che veniva donato agli atti delle indagini preliminari (agli atti del pubblico ministero) dalla richiesta di autorizzazione a procedere Salta una convenzione di riservatezza, ma soprattutto la stessa possibilità politica della pregiuzialità parlamentare
  42. 42. Che diventano il prisma dello scandalo del secolo ✤ ✤ Friday, October 25, 13 L’affaire Craxi (1992), Pillitteri, Tognoli, tutto ciò che ha ruotato intorno a Tangentopoli, è stato un processo celebrato non in virtù dell’autorizzazione a procedere ma grazie allo straordinario eco che veniva donato agli atti delle indagini preliminari (agli atti del pubblico ministero) dalla richiesta di autorizzazione a procedere Salta una convenzione di riservatezza, ma soprattutto la stessa possibilità politica della pregiuzialità parlamentare
  43. 43. Friday, October 25, 13
  44. 44. Per poi divenire cose molto meno tragiche, ma forse non troppo prive di significato Friday, October 25, 13
  45. 45. Per poi divenire cose molto meno tragiche, ma forse non troppo prive di significato ✤ I conflitti Sgarbi e la prassi della interrogazione a sanatoria e condono Friday, October 25, 13
  46. 46. Per poi divenire cose molto meno tragiche, ma forse non troppo prive di significato ✤ I conflitti Sgarbi e la prassi della interrogazione a sanatoria e condono ✤ Le dichiarazioni di insindacabilità diventano difficili da sostenere per uno sguardo tradizionale sulla centralità dell’attività di critica e sintesi politica nelle aule parlamentari Friday, October 25, 13
  47. 47. Per poi divenire cose molto meno tragiche, ma forse non troppo prive di significato ✤ I conflitti Sgarbi e la prassi della interrogazione a sanatoria e condono ✤ Le dichiarazioni di insindacabilità diventano difficili da sostenere per uno sguardo tradizionale sulla centralità dell’attività di critica e sintesi politica nelle aule parlamentari ✤ Molto meno per uno sguardo attento alle mutazioni del significato della rappresentanza Friday, October 25, 13
  48. 48. Per poi divenire cose molto meno tragiche, ma forse non troppo prive di significato ✤ I conflitti Sgarbi e la prassi della interrogazione a sanatoria e condono ✤ Le dichiarazioni di insindacabilità diventano difficili da sostenere per uno sguardo tradizionale sulla centralità dell’attività di critica e sintesi politica nelle aule parlamentari ✤ Molto meno per uno sguardo attento alle mutazioni del significato della rappresentanza Friday, October 25, 13
  49. 49. Friday, October 25, 13
  50. 50. L’anatomia dello scandalo Friday, October 25, 13
  51. 51. L’anatomia dello scandalo ✤ Nel prisma del diritto costituzionale, l’inviolabilità del primo comma, che ha il valore di una scriminante sul piano penale, ma che guarda a un problema definitorio (e quindi assiologico), non viene distolta dall’interpretazione della condizione di procedibilità, che guarda al fumus persecutionis Friday, October 25, 13
  52. 52. L’anatomia dello scandalo ✤ Nel prisma del diritto costituzionale, l’inviolabilità del primo comma, che ha il valore di una scriminante sul piano penale, ma che guarda a un problema definitorio (e quindi assiologico), non viene distolta dall’interpretazione della condizione di procedibilità, che guarda al fumus persecutionis ✤ Nesso funzionale e fumus persecutionis formano una endiadi che si trasforma in un “ossimoro carnivoro”, attraverso un giudizio che è costituzionalmente ad hoc Friday, October 25, 13
  53. 53. L’anatomia dello scandalo ✤ Nel prisma del diritto costituzionale, l’inviolabilità del primo comma, che ha il valore di una scriminante sul piano penale, ma che guarda a un problema definitorio (e quindi assiologico), non viene distolta dall’interpretazione della condizione di procedibilità, che guarda al fumus persecutionis ✤ Nesso funzionale e fumus persecutionis formano una endiadi che si trasforma in un “ossimoro carnivoro”, attraverso un giudizio che è costituzionalmente ad hoc ✤ E le domande di autorizzazione a procedere, come gli avvisi di garanzia o le richieste di autorizzazione alle misure cautelari diventano condanne politiche in un clima da caduta degli dei Friday, October 25, 13
  54. 54. Friday, October 25, 13
  55. 55. La soluzione della Consulta: 1150/1988 Friday, October 25, 13
  56. 56. La soluzione della Consulta: 1150/1988 ✤ La Camera può dichiarare l’insindacabilità Friday, October 25, 13
  57. 57. La soluzione della Consulta: 1150/1988 ✤ La Camera può dichiarare l’insindacabilità ✤ Il giudice può non condividere sollevando conflitto per attribuzione Friday, October 25, 13
  58. 58. La soluzione della Consulta: 1150/1988 ✤ La Camera può dichiarare l’insindacabilità ✤ Il giudice può non condividere sollevando conflitto per attribuzione ✤ Spetta alla Corte dichiarare l’esistenza dell’endiadi/ossimoro [carnivoro] nesso funzionale_fumus persecutionis ogni volta che i due non giungono ad un accordo Friday, October 25, 13
  59. 59. La soluzione della Consulta: 1150/1988 ✤ La Camera può dichiarare l’insindacabilità ✤ Il giudice può non condividere sollevando conflitto per attribuzione ✤ Spetta alla Corte dichiarare l’esistenza dell’endiadi/ossimoro [carnivoro] nesso funzionale_fumus persecutionis ogni volta che i due non giungono ad un accordo ✤ E’ il punto terminale della dottrina sugli interna corporis: è ancora una libertà che partecipa della sovranità? O è la Corte che maneggia la sovranità parlamentare per come la stessa si esprime nella definizione ad hoc delle libertà della politica? Friday, October 25, 13
  60. 60. Friday, October 25, 13
  61. 61. I conflitti da inviolabilità Friday, October 25, 13
  62. 62. Friday, October 25, 13
  63. 63. Il nuovo 68, primo comma Friday, October 25, 13
  64. 64. Il nuovo 68, primo comma [I] I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell'esercizio delle loro funzioni . Friday, October 25, 13
  65. 65. Friday, October 25, 13
  66. 66. La stagione dei conflitti Friday, October 25, 13
  67. 67. La stagione dei conflitti ✤ Corte cost. 10 e 11/2000: la teologia formalistica del nesso funzionale va a sostituire un giudizio complessivo sull’attività politica Friday, October 25, 13
  68. 68. La stagione dei conflitti ✤ Corte cost. 10 e 11/2000: la teologia formalistica del nesso funzionale va a sostituire un giudizio complessivo sull’attività politica ✤ Aumentano gli annullamenti, aumentano le impugnazioni Friday, October 25, 13
  69. 69. La stagione dei conflitti ✤ Corte cost. 10 e 11/2000: la teologia formalistica del nesso funzionale va a sostituire un giudizio complessivo sull’attività politica ✤ Aumentano gli annullamenti, aumentano le impugnazioni ✤ Il Parlamento reagisce con una legge di “interpretazione autentica”: la legge 140/2003 che tenta di ripristinare la logica giacobina a fondamento dell’art. 68, Cost. (“ogni altra attività di ispezione, di divulgazione, di critica e di denuncia politica, connessa alla funzione parlamentare”), ma la Corte ne impone una interpretazione assai restrittiva (Corte cost. 120/2004, ma giurisprudenza costante sino ad oggi) Friday, October 25, 13
  70. 70. Friday, October 25, 13
  71. 71. E’ ancora un conflitto fra poteri? Friday, October 25, 13
  72. 72. E’ ancora un conflitto fra poteri? ✤ Friday, October 25, 13 Lo strumento del conflitto ha un senso per individuare il confine fra due poteri che concorrono a formare l’arcipelago della sovranità in un territorio sconosciuto
  73. 73. E’ ancora un conflitto fra poteri? ✤ ✤ Friday, October 25, 13 Lo strumento del conflitto ha un senso per individuare il confine fra due poteri che concorrono a formare l’arcipelago della sovranità in un territorio sconosciuto Quali sono i leoni che stanno dietro a questo conflitto e perché vi è una riserva di sovranità per il giudice costituzionale?
  74. 74. E’ ancora un conflitto fra poteri? ✤ ✤ Quali sono i leoni che stanno dietro a questo conflitto e perché vi è una riserva di sovranità per il giudice costituzionale? ✤ Friday, October 25, 13 Lo strumento del conflitto ha un senso per individuare il confine fra due poteri che concorrono a formare l’arcipelago della sovranità in un territorio sconosciuto In questo caso, il conflitto serve a riesaminare quanto deciso da un potere con riferimento a un preciso caso della vita
  75. 75. E’ ancora un conflitto fra poteri? ✤ ✤ Quali sono i leoni che stanno dietro a questo conflitto e perché vi è una riserva di sovranità per il giudice costituzionale? ✤ In questo caso, il conflitto serve a riesaminare quanto deciso da un potere con riferimento a un preciso caso della vita ✤ Friday, October 25, 13 Lo strumento del conflitto ha un senso per individuare il confine fra due poteri che concorrono a formare l’arcipelago della sovranità in un territorio sconosciuto Non vi sono leoni e, probabilmente, non vi è nemmeno spazio per la definizione di un confine, ma soltanto una questione di esercizio di un potere
  76. 76. E’ ancora un conflitto fra poteri? ✤ ✤ Quali sono i leoni che stanno dietro a questo conflitto e perché vi è una riserva di sovranità per il giudice costituzionale? ✤ In questo caso, il conflitto serve a riesaminare quanto deciso da un potere con riferimento a un preciso caso della vita ✤ Friday, October 25, 13 Lo strumento del conflitto ha un senso per individuare il confine fra due poteri che concorrono a formare l’arcipelago della sovranità in un territorio sconosciuto Non vi sono leoni e, probabilmente, non vi è nemmeno spazio per la definizione di un confine, ma soltanto una questione di esercizio di un potere
  77. 77. Friday, October 25, 13
  78. 78. La solitudine della Corte costituzionale Friday, October 25, 13
  79. 79. La solitudine della Corte costituzionale ✤ Davvero il concetto di nesso funzionale può servire a costruire il collegamento fra etica della responsabilità ed etica della politica che legittima la costruzione della insindacabilità come lacuna generata dalla sovranità elettorale nelle forme del conflitto fra poteri? Friday, October 25, 13
  80. 80. La solitudine della Corte costituzionale ✤ Davvero il concetto di nesso funzionale può servire a costruire il collegamento fra etica della responsabilità ed etica della politica che legittima la costruzione della insindacabilità come lacuna generata dalla sovranità elettorale nelle forme del conflitto fra poteri? ✤ Quali sono i leoni che stanno dietro a questo conflitto e perché vi è una riserva di sovranità per il giudice costituzionale? Friday, October 25, 13
  81. 81. La solitudine della Corte costituzionale ✤ Davvero il concetto di nesso funzionale può servire a costruire il collegamento fra etica della responsabilità ed etica della politica che legittima la costruzione della insindacabilità come lacuna generata dalla sovranità elettorale nelle forme del conflitto fra poteri? ✤ Quali sono i leoni che stanno dietro a questo conflitto e perché vi è una riserva di sovranità per il giudice costituzionale? Friday, October 25, 13
  82. 82. Friday, October 25, 13
  83. 83. L’art. 3, legge 140/2003 Friday, October 25, 13
  84. 84. L’art. 3, legge 140/2003 1. L'articolo 68, primo comma, della Costituzione si applica in ogni caso per la presentazione di disegni o proposte di legge, emendamenti, ordini del giorno, mozioni e risoluzioni, per le interpellanze e le interrogazioni, per gli interventi nelle Assemblee e negli altri organi delle Camere, per qualsiasi espressione di voto comunque formulata, per ogni altro atto parlamentare, per ogni altra attività di ispezione, di divulgazione, di critica e di denuncia politica, connessa alla funzione di parlamentare, espletata anche fuori del Parlamento. 2. Quando in un procedimento giurisdizionale è rilevata o eccepita l'applicabilità dell'articolo 68, primo comma, della Costituzione, il giudice dispone, anche d'ufficio, se del caso, l'immediata separazione del procedimento stesso da quelli eventualmente riuniti. 3. Nei casi di cui al comma 1 del presente articolo e in ogni altro caso in cui ritenga applicabile l'articolo 68, primo comma, della Costituzione il giudice provvede con sentenza in ogni stato e grado del processo penale, a norma dell'articolo 129 del codice di procedura penale; nel corso delle indagini preliminari pronuncia decreto di archiviazione ai sensi dell'articolo 409 del codice di procedura penale. Nel processo civile, il giudice pronuncia sentenza con i provvedimenti necessari alla sua definizione; le parti sono invitate a precisare immediatamente le conclusioni ed i termini, previsti dall'articolo 190 del codice di procedura civile per il deposito delle comparse conclusionali e delle memorie di replica, sono ridotti, rispettivamente, a quindici e cinque giorni. Analogamente il giudice provvede in ogni altro procedimento giurisdizionale, anche d'ufficio, in ogni stato e grado. 4. Se non ritiene di accogliere l'eccezione concernente l'applicabilità dell'articolo 68, primo comma, della Costituzione, proposta da una delle parti, il giudice provvede senza ritardo con ordinanza non impugnabile, trasmettendo direttamente copia degli atti alla Camera alla quale il membro del Parlamento appartiene o apparteneva al momento del fatto. Se l'eccezione è sollevata in un processo civile dinanzi al giudice istruttore, questi pronuncia detta ordinanza nell'udienza o entro cinque giorni. 5. Se il giudice ha disposto la trasmissione di copia degli atti, a norma del comma 4, il procedimento è sospeso fino alla deliberazione della Camera e comunque non oltre il termine di novanta giorni dalla ricezione degli atti da parte della Camera predetta. La Camera interessata può disporre una proroga del termine non superiore a trenta giorni. La sospensione non impedisce, nel procedimento penale, il compimento degli atti non ripetibili e, negli altri procedimenti, degli atti urgenti. 6. Se la questione è rilevata o eccepita nel corso delle indagini preliminari, il pubblico ministero trasmette, entro dieci giorni, gli atti al giudice, perché provveda ai sensi dei commi 3 o 4. 7. La questione dell'applicabilità dell'articolo 68, primo comma, della Costituzione può essere sottoposta alla Camera di appartenenza anche direttamente da chi assume che il fatto per il quale è in corso un procedimento giurisdizionale di responsabilità nei suoi confronti concerne i casi di cui al comma 1. La Camera può chiedere che il giudice sospenda il procedimento, ai sensi del comma 5. 8. Nei casi di cui ai commi 4, 6 e 7 e in ogni altro caso in cui sia altrimenti investita della questione, la Camera trasmette all'autorità giudiziaria la propria deliberazione; se questa è favorevole all'applicazione dell'articolo 68, primo comma, della Costituzione, il giudice adotta senza ritardo i provvedimenti indicati al comma 3 e il pubblico ministero formula la richiesta di archiviazione. 9. Le disposizioni di cui ai commi precedenti si applicano, in quanto compatibili, ai procedimenti disciplinari, sostituita al giudice l'autorità investita del procedimento. La sospensione del procedimento disciplinare, ove disposta, comporta la sospensione dei termini di decadenza e di prescrizione, nonché di ogni altro termine dal cui decorso possa derivare pregiudizio ad una parte. Friday, October 25, 13
  85. 85. Friday, October 25, 13
  86. 86. La pregiudizialità (inibente) parlamentare Friday, October 25, 13
  87. 87. La pregiudizialità (inibente) parlamentare ✤ Il voto dell’assemblea è palese, perché riguarda il prestigio dell’organo Friday, October 25, 13
  88. 88. La pregiudizialità (inibente) parlamentare ✤ Il voto dell’assemblea è palese, perché riguarda il prestigio dell’organo ✤ Durata massima novanta (più trenta) giorni, ma Corte cost. 284/2004 (il prestigio dell’organo non può conoscere una durata massima a pena di decadenza) Friday, October 25, 13
  89. 89. La pregiudizialità (inibente) parlamentare ✤ Il voto dell’assemblea è palese, perché riguarda il prestigio dell’organo ✤ Durata massima novanta (più trenta) giorni, ma Corte cost. 284/2004 (il prestigio dell’organo non può conoscere una durata massima a pena di decadenza) ✤ Il provvedimento che rigetta l’eccezione è un provvedimento a reclamo inevitabile (non impugnabile in sede giurisdizionale, ma oggetto di un riesame anche tacito - necessario da parte della Camera di appartenenza) Friday, October 25, 13
  90. 90. La pregiudizialità (inibente) parlamentare ✤ Il voto dell’assemblea è palese, perché riguarda il prestigio dell’organo ✤ Durata massima novanta (più trenta) giorni, ma Corte cost. 284/2004 (il prestigio dell’organo non può conoscere una durata massima a pena di decadenza) ✤ Il provvedimento che rigetta l’eccezione è un provvedimento a reclamo inevitabile (non impugnabile in sede giurisdizionale, ma oggetto di un riesame anche tacito - necessario da parte della Camera di appartenenza) ✤ E’ un diritto in attesa di espansione (per effetto vuoi del provvedimento giurisdizionale che definisce la res litigiosa, vuoi della deliberazione della Camera di appartenenza che vincola il magistrato, vuoi del provvedimento della Consulta sul “reclamo” per conflitto del potere giudiziario), secondo le tesi che si propongono di seguito, o una scriminante, secondo la dottrina classica? Friday, October 25, 13
  91. 91. Friday, October 25, 13
  92. 92. Il valore bicamerale (perfettamente bicamerale) di 140/2003 Friday, October 25, 13
  93. 93. Il valore bicamerale (perfettamente bicamerale) di 140/2003 ✤ E’ una legge, espressione del principio di preferenza per la legge generato dalla struttura bicamerale del Parlamento Friday, October 25, 13
  94. 94. Il valore bicamerale (perfettamente bicamerale) di 140/2003 ✤ E’ una legge, espressione del principio di preferenza per la legge generato dalla struttura bicamerale del Parlamento ✤ Regola lo status del membro del Parlamento con riferimento all’art. 68, primo comma, in termini unitari per entrambe le Camere perché unica è la sovranità elettorale e perciò unica la sovrana autonomia parlamentare con riferimento all’interpretazione della rappresentanza Friday, October 25, 13
  95. 95. Il valore bicamerale (perfettamente bicamerale) di 140/2003 ✤ E’ una legge, espressione del principio di preferenza per la legge generato dalla struttura bicamerale del Parlamento ✤ Regola lo status del membro del Parlamento con riferimento all’art. 68, primo comma, in termini unitari per entrambe le Camere perché unica è la sovranità elettorale e perciò unica la sovrana autonomia parlamentare con riferimento all’interpretazione della rappresentanza ✤ Non può farlo (Corte cost. 120/2004) con riferimento all’essenza della libertà parlamentare che è materia sottratta all’indirizzo politico e riservata all’interpretazione costituzionale della Corte per quanto riguarda l’attuazione “astratta” del 68, primo comma, ovvero della Camera di appartenenza per quanto riguarda la individuazione del concreto atteggiarsi del collegamento fra etica della responsabilità ed etica della responsabilità che costituisce il fondamento assiologico della prerogativa costituzionale Friday, October 25, 13
  96. 96. Il valore bicamerale (perfettamente bicamerale) di 140/2003 ✤ E’ una legge, espressione del principio di preferenza per la legge generato dalla struttura bicamerale del Parlamento ✤ Regola lo status del membro del Parlamento con riferimento all’art. 68, primo comma, in termini unitari per entrambe le Camere perché unica è la sovranità elettorale e perciò unica la sovrana autonomia parlamentare con riferimento all’interpretazione della rappresentanza ✤ Non può farlo (Corte cost. 120/2004) con riferimento all’essenza della libertà parlamentare che è materia sottratta all’indirizzo politico e riservata all’interpretazione costituzionale della Corte per quanto riguarda l’attuazione “astratta” del 68, primo comma, ovvero della Camera di appartenenza per quanto riguarda la individuazione del concreto atteggiarsi del collegamento fra etica della responsabilità ed etica della responsabilità che costituisce il fondamento assiologico della prerogativa costituzionale ✤ Lo fa con riferimento: (a) alla introduzione di una riserva di competenza in favore delle Camere per la definizione del contenuto della insindacabilità per mezzo di un ad hoc approach; (b) alla previsione che questa riserva di competenza possa essere attivata nel corso del processo dal giudice, di ufficio o su istanza di parte, ovvero direttamente dal membro del Parlamento che vi ha interesse Friday, October 25, 13
  97. 97. Il valore bicamerale (perfettamente bicamerale) di 140/2003 ✤ E’ una legge, espressione del principio di preferenza per la legge generato dalla struttura bicamerale del Parlamento ✤ Regola lo status del membro del Parlamento con riferimento all’art. 68, primo comma, in termini unitari per entrambe le Camere perché unica è la sovranità elettorale e perciò unica la sovrana autonomia parlamentare con riferimento all’interpretazione della rappresentanza ✤ Non può farlo (Corte cost. 120/2004) con riferimento all’essenza della libertà parlamentare che è materia sottratta all’indirizzo politico e riservata all’interpretazione costituzionale della Corte per quanto riguarda l’attuazione “astratta” del 68, primo comma, ovvero della Camera di appartenenza per quanto riguarda la individuazione del concreto atteggiarsi del collegamento fra etica della responsabilità ed etica della responsabilità che costituisce il fondamento assiologico della prerogativa costituzionale ✤ Lo fa con riferimento: (a) alla introduzione di una riserva di competenza in favore delle Camere per la definizione del contenuto della insindacabilità per mezzo di un ad hoc approach; (b) alla previsione che questa riserva di competenza possa essere attivata nel corso del processo dal giudice, di ufficio o su istanza di parte, ovvero direttamente dal membro del Parlamento che vi ha interesse ✤ Trasforma l’essenza di 68, primo comma, in un diritto in attesa di espansione, una situazione legittimante che può diventare signoria, e perciò pretesa alla lacuna che è l’essenza di questa libertà parlamentare, solo nel caso in cui la Camera deliberi in questo senso Friday, October 25, 13
  98. 98. Friday, October 25, 13
  99. 99. Il valore monocamerale (perfettamente monocamerale) della riserva di competenza istituita da 3, legge 140/2003 Friday, October 25, 13
  100. 100. Il valore monocamerale (perfettamente monocamerale) della riserva di competenza istituita da 3, legge 140/2003 ✤ L’art. 135, undicesimo comma, Reg. Senato Friday, October 25, 13
  101. 101. Il valore monocamerale (perfettamente monocamerale) della riserva di competenza istituita da 3, legge 140/2003 ✤ L’art. 135, undicesimo comma, Reg. Senato ✤ L’art. 18, primo comma, Reg. Camera Friday, October 25, 13
  102. 102. Il valore monocamerale (perfettamente monocamerale) della riserva di competenza istituita da 3, legge 140/2003 ✤ L’art. 135, undicesimo comma, Reg. Senato ✤ L’art. 18, primo comma, Reg. Camera ✤ Riguardano tutti i casi di cui all’art. 68 e perciò determinano il significato dell’ossimoro carnivoro fra nesso funzionale e fumus persecutionis Friday, October 25, 13
  103. 103. Il valore monocamerale (perfettamente monocamerale) della riserva di competenza istituita da 3, legge 140/2003 ✤ L’art. 135, undicesimo comma, Reg. Senato ✤ L’art. 18, primo comma, Reg. Camera ✤ Riguardano tutti i casi di cui all’art. 68 e perciò determinano il significato dell’ossimoro carnivoro fra nesso funzionale e fumus persecutionis ✤ Costruiscono un procedimento unico articolato su due fasi: dapprima, si pronuncia la Giunta e quindi si pronuncia l’Assemblea, approvando o meno la relazione di maggioranza ovvero di minoranza, che viene posta ai voti per prima Friday, October 25, 13
  104. 104. Il valore monocamerale (perfettamente monocamerale) della riserva di competenza istituita da 3, legge 140/2003 ✤ L’art. 135, undicesimo comma, Reg. Senato ✤ L’art. 18, primo comma, Reg. Camera ✤ Riguardano tutti i casi di cui all’art. 68 e perciò determinano il significato dell’ossimoro carnivoro fra nesso funzionale e fumus persecutionis ✤ Costruiscono un procedimento unico articolato su due fasi: dapprima, si pronuncia la Giunta e quindi si pronuncia l’Assemblea, approvando o meno la relazione di maggioranza ovvero di minoranza, che viene posta ai voti per prima ✤ La Giunta interpreta dal punto di vista dei principi costituzionali l’accaduto. L’Assemblea opera una sintesi che ha un sapore sovrano, perché una maggioranza politica non può essere sottoposta alla sovranità della legge negli stessi termini di un giudice Friday, October 25, 13
  105. 105. Il valore monocamerale (perfettamente monocamerale) della riserva di competenza istituita da 3, legge 140/2003 ✤ L’art. 135, undicesimo comma, Reg. Senato ✤ L’art. 18, primo comma, Reg. Camera ✤ Riguardano tutti i casi di cui all’art. 68 e perciò determinano il significato dell’ossimoro carnivoro fra nesso funzionale e fumus persecutionis ✤ Costruiscono un procedimento unico articolato su due fasi: dapprima, si pronuncia la Giunta e quindi si pronuncia l’Assemblea, approvando o meno la relazione di maggioranza ovvero di minoranza, che viene posta ai voti per prima ✤ La Giunta interpreta dal punto di vista dei principi costituzionali l’accaduto. L’Assemblea opera una sintesi che ha un sapore sovrano, perché una maggioranza politica non può essere sottoposta alla sovranità della legge negli stessi termini di un giudice ✤ E’ la sovranità della decisione dell’Assemblea che trasforma situazione la legittimante in una signoria (non più scriminante ma diritto in attesa di espansione) Friday, October 25, 13
  106. 106. Friday, October 25, 13
  107. 107. L’ultima fortezza e la sovranità parlamentare Friday, October 25, 13
  108. 108. L’ultima fortezza e la sovranità parlamentare ✤ Non esiste più la sovrana autonomia del Parlamento? Friday, October 25, 13
  109. 109. L’ultima fortezza e la sovranità parlamentare ✤ Non esiste più la sovrana autonomia del Parlamento? ✤ Esisterebbe se la decisione dell’assemblea fosse inappellabile, secondo il modello giacobino: solo il Parlamento può concedere il processo nei confronti di un suo membro, perché solo il Parlamento può giudicare della sovranità elettorale Friday, October 25, 13
  110. 110. L’ultima fortezza e la sovranità parlamentare ✤ Non esiste più la sovrana autonomia del Parlamento? ✤ Esisterebbe se la decisione dell’assemblea fosse inappellabile, secondo il modello giacobino: solo il Parlamento può concedere il processo nei confronti di un suo membro, perché solo il Parlamento può giudicare della sovranità elettorale ✤ Ma la Corte ha determinato la fine di questo principio con 1150/1988, il che significa che la Costituzione, l’interpretazione giuridica della Costituzione si impone alla sovranità parlamentare nella definizione del contenuto della rappresentanza Friday, October 25, 13
  111. 111. L’ultima fortezza e la sovranità parlamentare ✤ Non esiste più la sovrana autonomia del Parlamento? ✤ Esisterebbe se la decisione dell’assemblea fosse inappellabile, secondo il modello giacobino: solo il Parlamento può concedere il processo nei confronti di un suo membro, perché solo il Parlamento può giudicare della sovranità elettorale ✤ Ma la Corte ha determinato la fine di questo principio con 1150/1988, il che significa che la Costituzione, l’interpretazione giuridica della Costituzione si impone alla sovranità parlamentare nella definizione del contenuto della rappresentanza ✤ Si deve dubitare sia che la definizione del contenuto della rappresentanza tramite un ad hoc approach possa essere il mestiere della Corte costituzionale, sia che il legame fra la politica e il consenso possa essere interpretato secondo la logica meccanicistica del nesso funzionale Friday, October 25, 13
  112. 112. L’ultima fortezza e la sovranità parlamentare ✤ Non esiste più la sovrana autonomia del Parlamento? ✤ Esisterebbe se la decisione dell’assemblea fosse inappellabile, secondo il modello giacobino: solo il Parlamento può concedere il processo nei confronti di un suo membro, perché solo il Parlamento può giudicare della sovranità elettorale ✤ Ma la Corte ha determinato la fine di questo principio con 1150/1988, il che significa che la Costituzione, l’interpretazione giuridica della Costituzione si impone alla sovranità parlamentare nella definizione del contenuto della rappresentanza ✤ Si deve dubitare sia che la definizione del contenuto della rappresentanza tramite un ad hoc approach possa essere il mestiere della Corte costituzionale, sia che il legame fra la politica e il consenso possa essere interpretato secondo la logica meccanicistica del nesso funzionale ✤ La sovranità parlamentare può essere sostituita da una [opaca, perché non sempre trasparente] applicazione della Costituzione con metodo giurisdizionale?a Friday, October 25, 13
  113. 113. Friday, October 25, 13
  114. 114. L’ultima fortezza e la relazione della Giunta Friday, October 25, 13
  115. 115. L’ultima fortezza e la relazione della Giunta ✤ Ma se si distingue fra la valutazione della Giunta e la valutazione dell’Assemblea? Friday, October 25, 13
  116. 116. L’ultima fortezza e la relazione della Giunta ✤ Ma se si distingue fra la valutazione della Giunta e la valutazione dell’Assemblea? ✤ Se si considera impugnabile per conflitto la valutazione della Giunta, e si lascia il compito dell’ultima fortezza alla decisione dell’Assemblea? Friday, October 25, 13
  117. 117. L’ultima fortezza e la relazione della Giunta ✤ Ma se si distingue fra la valutazione della Giunta e la valutazione dell’Assemblea? ✤ Se si considera impugnabile per conflitto la valutazione della Giunta, e si lascia il compito dell’ultima fortezza alla decisione dell’Assemblea? ✤ E’ la Giunta che interpreta la Costituzione, l’Assemblea opera in una riserva costituzionale di competenza Friday, October 25, 13
  118. 118. L’ultima fortezza e la relazione della Giunta ✤ Ma se si distingue fra la valutazione della Giunta e la valutazione dell’Assemblea? ✤ Se si considera impugnabile per conflitto la valutazione della Giunta, e si lascia il compito dell’ultima fortezza alla decisione dell’Assemblea? ✤ E’ la Giunta che interpreta la Costituzione, l’Assemblea opera in una riserva costituzionale di competenza ✤ [Significherebbe che la porta della Corte si può aprire solo nel caso in cui la Giunta si esprima a favore dell’applicazione dell’art. 68, e che basterebbe un costante revirement delle decisioni della Giunta per tornare alla situazione ante 1150/1988, ma potrebbe essere sufficiente prevedere con norma regolamentare che se l’Assemblea intende disattendere l’avviso della Giunta debba chiedere alla Giunta stessa di riformulare il proprio avviso secondo i principi indicati dalla stessa] Friday, October 25, 13
  119. 119. Friday, October 25, 13
  120. 120. In ogni caso Friday, October 25, 13
  121. 121. In ogni caso ✤ Questa Fortezza Bastiani ha bisogno di trovare le proprie fondamenta in una legge costituzionale, che chiarisca il modello di espressione di una competenza della Corte costituzionale, che, forse, non può più essere considerata un conflitto da usurpazione, mentre l’essenza di un reclamo inevitabile contrasta con le logiche del conflitto da interferenza Friday, October 25, 13
  122. 122. In ogni caso ✤ Questa Fortezza Bastiani ha bisogno di trovare le proprie fondamenta in una legge costituzionale, che chiarisca il modello di espressione di una competenza della Corte costituzionale, che, forse, non può più essere considerata un conflitto da usurpazione, mentre l’essenza di un reclamo inevitabile contrasta con le logiche del conflitto da interferenza ✤ E comunque questi conflitti troppo spesso hanno la consistenza di chiacchiere fra comari Friday, October 25, 13
  123. 123. Friday, October 25, 13
  124. 124. L’autorizzazione a procedere (ovvero l’autorizzazione al provvedimento) Friday, October 25, 13
  125. 125. Friday, October 25, 13
  126. 126. Il nuovo 68, secondo e terzo comma Friday, October 25, 13
  127. 127. Il nuovo 68, secondo e terzo comma [II] Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, ovvero se sia colto nell'atto di commettere un delitto per il quale è previsto l'arresto obbligatorio in flagranza. Friday, October 25, 13
  128. 128. Il nuovo 68, secondo e terzo comma [II] Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, ovvero se sia colto nell'atto di commettere un delitto per il quale è previsto l'arresto obbligatorio in flagranza. [III] Analoga autorizzazione è richiesta per sottoporre i membri delParlamento ad intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni e a sequestro di corrispondenza. Friday, October 25, 13
  129. 129. Friday, October 25, 13
  130. 130. Art. 4, legge 140/2003 Friday, October 25, 13
  131. 131. Art. 4, legge 140/2003 1. Quando occorre eseguire nei confronti di un membro del Parlamento perquisizioni personali o domiciliari, ispezioni personali, intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni, sequestri di corrispondenza, o acquisire tabulati di comunicazioni, ovvero, quando occorre procedere al fermo, all'esecuzione di una misura cautelare personale coercitiva o interdittiva ovvero all'esecuzione dell'accompagnamento coattivo, nonche' di misure di sicurezza o di prevenzione aventi natura personale e di ogni altro provvedimento privativo della liberta' personale, l'autorita' competente richiede direttamente l'autorizzazione della Camera alla quale il soggetto appartiene. Friday, October 25, 13
  132. 132. Art. 4, legge 140/2003 1. Quando occorre eseguire nei confronti di un membro del Parlamento perquisizioni personali o domiciliari, ispezioni personali, intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni, sequestri di corrispondenza, o acquisire tabulati di comunicazioni, ovvero, quando occorre procedere al fermo, all'esecuzione di una misura cautelare personale coercitiva o interdittiva ovvero all'esecuzione dell'accompagnamento coattivo, nonche' di misure di sicurezza o di prevenzione aventi natura personale e di ogni altro provvedimento privativo della liberta' personale, l'autorita' competente richiede direttamente l'autorizzazione della Camera alla quale il soggetto appartiene. 2. L'autorizzazione e' richiesta dall'autorita' che ha emesso il provvedimento da eseguire; in attesa dell'autorizzazione l'esecuzione del provvedimento rimane sospesa. Friday, October 25, 13
  133. 133. Art. 4, legge 140/2003 1. Quando occorre eseguire nei confronti di un membro del Parlamento perquisizioni personali o domiciliari, ispezioni personali, intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni, sequestri di corrispondenza, o acquisire tabulati di comunicazioni, ovvero, quando occorre procedere al fermo, all'esecuzione di una misura cautelare personale coercitiva o interdittiva ovvero all'esecuzione dell'accompagnamento coattivo, nonche' di misure di sicurezza o di prevenzione aventi natura personale e di ogni altro provvedimento privativo della liberta' personale, l'autorita' competente richiede direttamente l'autorizzazione della Camera alla quale il soggetto appartiene. 2. L'autorizzazione e' richiesta dall'autorita' che ha emesso il provvedimento da eseguire; in attesa dell'autorizzazione l'esecuzione del provvedimento rimane sospesa. 3. L'autorizzazione non e' richiesta se il membro del Parlamento e' colto nell'atto di commettere un delitto per il quale e' previsto l'arresto obbligatorio in flagranza ovvero si tratta di eseguire una sentenza irrevocabile di condanna. Friday, October 25, 13
  134. 134. Art. 4, legge 140/2003 1. Quando occorre eseguire nei confronti di un membro del Parlamento perquisizioni personali o domiciliari, ispezioni personali, intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni, sequestri di corrispondenza, o acquisire tabulati di comunicazioni, ovvero, quando occorre procedere al fermo, all'esecuzione di una misura cautelare personale coercitiva o interdittiva ovvero all'esecuzione dell'accompagnamento coattivo, nonche' di misure di sicurezza o di prevenzione aventi natura personale e di ogni altro provvedimento privativo della liberta' personale, l'autorita' competente richiede direttamente l'autorizzazione della Camera alla quale il soggetto appartiene. 2. L'autorizzazione e' richiesta dall'autorita' che ha emesso il provvedimento da eseguire; in attesa dell'autorizzazione l'esecuzione del provvedimento rimane sospesa. 3. L'autorizzazione non e' richiesta se il membro del Parlamento e' colto nell'atto di commettere un delitto per il quale e' previsto l'arresto obbligatorio in flagranza ovvero si tratta di eseguire una sentenza irrevocabile di condanna. 4. In caso di scioglimento della Camera alla quale il parlamentare appartiene, la richiesta di autorizzazione perde efficacia a decorrere dall'inizio della successiva legislatura e puo' essere rinnovata e presentata alla Camera competente all'inizio della legislatura stessa. Friday, October 25, 13
  135. 135. Friday, October 25, 13
  136. 136. L’art. 135, Reg. Sen. Friday, October 25, 13
  137. 137. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. Friday, October 25, 13
  138. 138. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. 2. La Giunta non si pronuncia su una domanda di autorizzazione a procedere nel solo caso in cui il Ministro dia comunicazione che il relativo procedimento è cessato. Friday, October 25, 13
  139. 139. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. 2. La Giunta non si pronuncia su una domanda di autorizzazione a procedere nel solo caso in cui il Ministro dia comunicazione che il relativo procedimento è cessato. 3. Per la validità delle riunioni della Giunta in sede di esame delle autorizzazioni a procedere è prescritta la presenza di almeno un terzo dei componenti. Friday, October 25, 13
  140. 140. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. 2. La Giunta non si pronuncia su una domanda di autorizzazione a procedere nel solo caso in cui il Ministro dia comunicazione che il relativo procedimento è cessato. 3. Per la validità delle riunioni della Giunta in sede di esame delle autorizzazioni a procedere è prescritta la presenza di almeno un terzo dei componenti. 4. Tutti gli atti ed i documenti pervenuti alla Giunta relativi alle domande di autorizzazione a procedere possono essere esaminati esclusivamente dai componenti della Giunta stessa e nella sede di questa. Friday, October 25, 13
  141. 141. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. 2. La Giunta non si pronuncia su una domanda di autorizzazione a procedere nel solo caso in cui il Ministro dia comunicazione che il relativo procedimento è cessato. 3. Per la validità delle riunioni della Giunta in sede di esame delle autorizzazioni a procedere è prescritta la presenza di almeno un terzo dei componenti. 4. Tutti gli atti ed i documenti pervenuti alla Giunta relativi alle domande di autorizzazione a procedere possono essere esaminati esclusivamente dai componenti della Giunta stessa e nella sede di questa. 5. Il Senatore, nei cui confronti è stata richiesta l'autorizzazione a procedere in giudizio, che non si sia presentato spontaneamente al magistrato per fare dichiarazioni ai sensi del codice di procedura penale, può fornire chiarimenti alla Giunta anche mediante memorie scritte. Friday, October 25, 13
  142. 142. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. 2. La Giunta non si pronuncia su una domanda di autorizzazione a procedere nel solo caso in cui il Ministro dia comunicazione che il relativo procedimento è cessato. 3. Per la validità delle riunioni della Giunta in sede di esame delle autorizzazioni a procedere è prescritta la presenza di almeno un terzo dei componenti. 4. Tutti gli atti ed i documenti pervenuti alla Giunta relativi alle domande di autorizzazione a procedere possono essere esaminati esclusivamente dai componenti della Giunta stessa e nella sede di questa. 5. Il Senatore, nei cui confronti è stata richiesta l'autorizzazione a procedere in giudizio, che non si sia presentato spontaneamente al magistrato per fare dichiarazioni ai sensi del codice di procedura penale, può fornire chiarimenti alla Giunta anche mediante memorie scritte. 6. Se la domanda di autorizzazione a procedere ha per oggetto il reato di vilipendio alle Assemblee legislative, la Giunta può incaricare uno o più dei suoi componenti di un preventivo esame comune con rappresentanti della competente Giunta della Camera dei deputati. Friday, October 25, 13
  143. 143. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. 2. La Giunta non si pronuncia su una domanda di autorizzazione a procedere nel solo caso in cui il Ministro dia comunicazione che il relativo procedimento è cessato. 3. Per la validità delle riunioni della Giunta in sede di esame delle autorizzazioni a procedere è prescritta la presenza di almeno un terzo dei componenti. 4. Tutti gli atti ed i documenti pervenuti alla Giunta relativi alle domande di autorizzazione a procedere possono essere esaminati esclusivamente dai componenti della Giunta stessa e nella sede di questa. 5. Il Senatore, nei cui confronti è stata richiesta l'autorizzazione a procedere in giudizio, che non si sia presentato spontaneamente al magistrato per fare dichiarazioni ai sensi del codice di procedura penale, può fornire chiarimenti alla Giunta anche mediante memorie scritte. 6. Se la domanda di autorizzazione a procedere ha per oggetto il reato di vilipendio alle Assemblee legislative, la Giunta può incaricare uno o più dei suoi componenti di un preventivo esame comune con rappresentanti della competente Giunta della Camera dei deputati. 7. La Giunta deve riferire al Senato nel termine di trenta giorni dalla data di assegnazione della domanda, salvo che le sia stato concesso, e per una sola volta, un nuovo termine che non può superare quello originario. Friday, October 25, 13
  144. 144. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. 2. La Giunta non si pronuncia su una domanda di autorizzazione a procedere nel solo caso in cui il Ministro dia comunicazione che il relativo procedimento è cessato. 3. Per la validità delle riunioni della Giunta in sede di esame delle autorizzazioni a procedere è prescritta la presenza di almeno un terzo dei componenti. 4. Tutti gli atti ed i documenti pervenuti alla Giunta relativi alle domande di autorizzazione a procedere possono essere esaminati esclusivamente dai componenti della Giunta stessa e nella sede di questa. 5. Il Senatore, nei cui confronti è stata richiesta l'autorizzazione a procedere in giudizio, che non si sia presentato spontaneamente al magistrato per fare dichiarazioni ai sensi del codice di procedura penale, può fornire chiarimenti alla Giunta anche mediante memorie scritte. 6. Se la domanda di autorizzazione a procedere ha per oggetto il reato di vilipendio alle Assemblee legislative, la Giunta può incaricare uno o più dei suoi componenti di un preventivo esame comune con rappresentanti della competente Giunta della Camera dei deputati. 7. La Giunta deve riferire al Senato nel termine di trenta giorni dalla data di assegnazione della domanda, salvo che le sia stato concesso, e per una sola volta, un nuovo termine che non può superare quello originario. 8. Presentata la relazione o trascorso inutilmente il termine di cui al comma precedente, la domanda viene inserita tra gli argomenti iscritti nel calendario o nello schema dei lavori in corso. Friday, October 25, 13
  145. 145. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. 2. La Giunta non si pronuncia su una domanda di autorizzazione a procedere nel solo caso in cui il Ministro dia comunicazione che il relativo procedimento è cessato. 3. Per la validità delle riunioni della Giunta in sede di esame delle autorizzazioni a procedere è prescritta la presenza di almeno un terzo dei componenti. 4. Tutti gli atti ed i documenti pervenuti alla Giunta relativi alle domande di autorizzazione a procedere possono essere esaminati esclusivamente dai componenti della Giunta stessa e nella sede di questa. 5. Il Senatore, nei cui confronti è stata richiesta l'autorizzazione a procedere in giudizio, che non si sia presentato spontaneamente al magistrato per fare dichiarazioni ai sensi del codice di procedura penale, può fornire chiarimenti alla Giunta anche mediante memorie scritte. 6. Se la domanda di autorizzazione a procedere ha per oggetto il reato di vilipendio alle Assemblee legislative, la Giunta può incaricare uno o più dei suoi componenti di un preventivo esame comune con rappresentanti della competente Giunta della Camera dei deputati. 7. La Giunta deve riferire al Senato nel termine di trenta giorni dalla data di assegnazione della domanda, salvo che le sia stato concesso, e per una sola volta, un nuovo termine che non può superare quello originario. 8. Presentata la relazione o trascorso inutilmente il termine di cui al comma precedente, la domanda viene inserita tra gli argomenti iscritti nel calendario o nello schema dei lavori in corso. 9. E' ammessa in ogni caso la presentazione di relazioni di minoranza. Friday, October 25, 13
  146. 146. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. 2. La Giunta non si pronuncia su una domanda di autorizzazione a procedere nel solo caso in cui il Ministro dia comunicazione che il relativo procedimento è cessato. 3. Per la validità delle riunioni della Giunta in sede di esame delle autorizzazioni a procedere è prescritta la presenza di almeno un terzo dei componenti. 4. Tutti gli atti ed i documenti pervenuti alla Giunta relativi alle domande di autorizzazione a procedere possono essere esaminati esclusivamente dai componenti della Giunta stessa e nella sede di questa. 5. Il Senatore, nei cui confronti è stata richiesta l'autorizzazione a procedere in giudizio, che non si sia presentato spontaneamente al magistrato per fare dichiarazioni ai sensi del codice di procedura penale, può fornire chiarimenti alla Giunta anche mediante memorie scritte. 6. Se la domanda di autorizzazione a procedere ha per oggetto il reato di vilipendio alle Assemblee legislative, la Giunta può incaricare uno o più dei suoi componenti di un preventivo esame comune con rappresentanti della competente Giunta della Camera dei deputati. 7. La Giunta deve riferire al Senato nel termine di trenta giorni dalla data di assegnazione della domanda, salvo che le sia stato concesso, e per una sola volta, un nuovo termine che non può superare quello originario. 8. Presentata la relazione o trascorso inutilmente il termine di cui al comma precedente, la domanda viene inserita tra gli argomenti iscritti nel calendario o nello schema dei lavori in corso. 9. E' ammessa in ogni caso la presentazione di relazioni di minoranza. 10. L'Assemblea delibera sulla proposta della Giunta o, in difetto, sulla domanda di autorizzazione, udita la relazione informativa del Presidente della Giunta o di altro membro della Giunta dalla stessa espressamente delegato. Friday, October 25, 13
  147. 147. L’art. 135, Reg. Sen. 1. Le domande di autorizzazione a procedere inviate al Senato sono deferite dal Presidente all'esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, di cui all'articolo 19. A questa il Ministro competente trasmette i documenti che gli siano richiesti. 2. La Giunta non si pronuncia su una domanda di autorizzazione a procedere nel solo caso in cui il Ministro dia comunicazione che il relativo procedimento è cessato. 3. Per la validità delle riunioni della Giunta in sede di esame delle autorizzazioni a procedere è prescritta la presenza di almeno un terzo dei componenti. 4. Tutti gli atti ed i documenti pervenuti alla Giunta relativi alle domande di autorizzazione a procedere possono essere esaminati esclusivamente dai componenti della Giunta stessa e nella sede di questa. 5. Il Senatore, nei cui confronti è stata richiesta l'autorizzazione a procedere in giudizio, che non si sia presentato spontaneamente al magistrato per fare dichiarazioni ai sensi del codice di procedura penale, può fornire chiarimenti alla Giunta anche mediante memorie scritte. 6. Se la domanda di autorizzazione a procedere ha per oggetto il reato di vilipendio alle Assemblee legislative, la Giunta può incaricare uno o più dei suoi componenti di un preventivo esame comune con rappresentanti della competente Giunta della Camera dei deputati. 7. La Giunta deve riferire al Senato nel termine di trenta giorni dalla data di assegnazione della domanda, salvo che le sia stato concesso, e per una sola volta, un nuovo termine che non può superare quello originario. 8. Presentata la relazione o trascorso inutilmente il termine di cui al comma precedente, la domanda viene inserita tra gli argomenti iscritti nel calendario o nello schema dei lavori in corso. 9. E' ammessa in ogni caso la presentazione di relazioni di minoranza. 10. L'Assemblea delibera sulla proposta della Giunta o, in difetto, sulla domanda di autorizzazione, udita la relazione informativa del Presidente della Giunta o di altro membro della Giunta dalla stessa espressamente delegato. 11. Le disposizioni di cui ai commi precedenti si osservano, in quanto applicabili, per tutte le autorizzazioni richieste al Senato ai sensi dell'articolo 68 della Costituzione. Friday, October 25, 13
  148. 148. Friday, October 25, 13
  149. 149. Art. 18, Reg. Camera Friday, October 25, 13
  150. 150. Art. 18, Reg. Camera 1. La Giunta per le autorizzazioni richieste ai sensi dell'articolo 68 della Costituzione è composta di ventuno deputati nominati dal Presidente della Camera non appena costituiti i Gruppi parlamentari. Essa riferisce alla Assemblea nel termine tassativo di trenta giorni dalla trasmissione fatta dal Presidente della Camera, sulle richieste di sottoposizione a procedimento penale e sui provvedimenti comunque coercitivi della libertà personale o domiciliare riguardanti deputati. Per ciascun caso la Giunta formula, con relazione, proposta di concessione o di diniego dell'autorizzazione. La Giunta, prima di deliberare, invita il deputato interessato a fornire i chiarimenti che egli ritenga opportuni. 2. Trascorso il termine previsto nel comma 1 senza che la relazione sia presentata, né la Giunta abbia richiesto proroga, il Presidente della Camera nomina fra i componenti la Giunta un relatore, autorizzandolo a riferire oralmente, e iscrive senz'altro la domanda al primo punto dell'ordine del giorno nella seconda seduta successiva a quella in cui è scaduto il termine. 2-bis. Fino alla conclusione della discussione in Assemblea, venti deputati possono formulare proposte motivate in difformità dalle conclusioni della Giunta. Qualora la Giunta abbia proposto la concessione dell'autorizzazione e non siano state formulate proposte diverse, l'Assemblea non procede a votazioni, intendendosi senz'altro approvate le conclusioni della Giunta. L'Assemblea è sempre chiamata a deliberare sulle richieste di autorizzazione relative ai provvedimenti comunque coercitivi della libertà personale o domiciliare (*). 3. La stessa procedura prevista nei precedenti commi si applica quando la domanda di autorizzazione a procedere abbia per oggetto il reato di vilipendio delle assemblee legislative. In tal caso la Giunta può incaricare uno o più componenti per un preventivo esame comune con incaricati della competente Giunta del Senato. 4. La Giunta elegge nella prima riunione un presidente, due vicepresidenti e tre segretari ed esercita le proprie funzioni sulla base di un regolamento interno che, previo esame della Giunta per il Regolamento, deve essere approvato dalla Camera con le modalità previste nel comma 4 dell'art. 16. Friday, October 25, 13
  151. 151. Friday, October 25, 13
  152. 152. E’ una condizione di procedibilità? Friday, October 25, 13
  153. 153. E’ una condizione di procedibilità? ✤ Si dice, tradizionalmente, che la regola generale sia la negazione dell’autorizzazione a procedere solo in presenza del fumus persecutionis, che per definizione non esiste nel caso di arresto in fragranza o esecuzione di una sentenza passata in giudicato. E’ una regola che ha un sapore storico ben preciso: il profumo della magistratura asservita all’esecutivo. Per questo, si costruisce l’autorizzazione a procedere come una condizione di procedibilità Friday, October 25, 13
  154. 154. E’ una condizione di procedibilità? ✤ Si dice, tradizionalmente, che la regola generale sia la negazione dell’autorizzazione a procedere solo in presenza del fumus persecutionis, che per definizione non esiste nel caso di arresto in fragranza o esecuzione di una sentenza passata in giudicato. E’ una regola che ha un sapore storico ben preciso: il profumo della magistratura asservita all’esecutivo. Per questo, si costruisce l’autorizzazione a procedere come una condizione di procedibilità ✤ Ma questo può ancora essere detto quando la battaglia è fra le logiche della politica e le logiche della giurisdizione e il giudice può predicare di se stesso sia l’indipendenza che la soggezione solo alla legge? Friday, October 25, 13
  155. 155. E’ una condizione di procedibilità? ✤ Si dice, tradizionalmente, che la regola generale sia la negazione dell’autorizzazione a procedere solo in presenza del fumus persecutionis, che per definizione non esiste nel caso di arresto in fragranza o esecuzione di una sentenza passata in giudicato. E’ una regola che ha un sapore storico ben preciso: il profumo della magistratura asservita all’esecutivo. Per questo, si costruisce l’autorizzazione a procedere come una condizione di procedibilità ✤ Ma questo può ancora essere detto quando la battaglia è fra le logiche della politica e le logiche della giurisdizione e il giudice può predicare di se stesso sia l’indipendenza che la soggezione solo alla legge? ✤ Forse diventa l’oggetto di un discorso per certi versi opposto, in cui il membro del Parlamento è strutturalmente sottratto all’esercizio dell’azione penale per effetto del suo status a meno che non vi siano degli indizi di colpevolezza straordinariamente evidenti: il fumus commissi delicti sostituisce il fumus persecutionis Friday, October 25, 13
  156. 156. E’ una condizione di procedibilità? ✤ Si dice, tradizionalmente, che la regola generale sia la negazione dell’autorizzazione a procedere solo in presenza del fumus persecutionis, che per definizione non esiste nel caso di arresto in fragranza o esecuzione di una sentenza passata in giudicato. E’ una regola che ha un sapore storico ben preciso: il profumo della magistratura asservita all’esecutivo. Per questo, si costruisce l’autorizzazione a procedere come una condizione di procedibilità ✤ Ma questo può ancora essere detto quando la battaglia è fra le logiche della politica e le logiche della giurisdizione e il giudice può predicare di se stesso sia l’indipendenza che la soggezione solo alla legge? ✤ Forse diventa l’oggetto di un discorso per certi versi opposto, in cui il membro del Parlamento è strutturalmente sottratto all’esercizio dell’azione penale per effetto del suo status a meno che non vi siano degli indizi di colpevolezza straordinariamente evidenti: il fumus commissi delicti sostituisce il fumus persecutionis ✤ La condizione di procedibilità si trasforma così in un diritto suscettibile di affievolimento Friday, October 25, 13
  157. 157. Friday, October 25, 13
  158. 158. L’art. 6, legge 140/2003 Friday, October 25, 13
  159. 159. L’art. 6, legge 140/2003 ✤ E’ corretto che sia richiesta l’autorizzazione della Camera di appartenenza per l’uso delle intercettazioni indirette a carico di un membro del Parlamento? Friday, October 25, 13
  160. 160. L’art. 6, legge 140/2003 ✤ E’ corretto che sia richiesta l’autorizzazione della Camera di appartenenza per l’uso delle intercettazioni indirette a carico di un membro del Parlamento? ✤ Corte cost. 390/2007 (ma anche 113 e 114/2010): non è incostituzionale, ma non è neppure inevitabile Friday, October 25, 13
  161. 161. L’art. 6, legge 140/2003 ✤ E’ corretto che sia richiesta l’autorizzazione della Camera di appartenenza per l’uso delle intercettazioni indirette a carico di un membro del Parlamento? ✤ Corte cost. 390/2007 (ma anche 113 e 114/2010): non è incostituzionale, ma non è neppure inevitabile ✤ Qual’è il fumus commissi delicti delle intercettazioni telefoniche e, soprattutto, vale lo stesso principio che vale per le altre autorizzazioni all’atto in un tessuto in cui è la richiesta di utilizzo che le rende perfettamente conoscibili dall’opinione pubblica? Friday, October 25, 13
  162. 162. L’art. 6, legge 140/2003 ✤ E’ corretto che sia richiesta l’autorizzazione della Camera di appartenenza per l’uso delle intercettazioni indirette a carico di un membro del Parlamento? ✤ Corte cost. 390/2007 (ma anche 113 e 114/2010): non è incostituzionale, ma non è neppure inevitabile ✤ Qual’è il fumus commissi delicti delle intercettazioni telefoniche e, soprattutto, vale lo stesso principio che vale per le altre autorizzazioni all’atto in un tessuto in cui è la richiesta di utilizzo che le rende perfettamente conoscibili dall’opinione pubblica? Friday, October 25, 13
  163. 163. Friday, October 25, 13
  164. 164. Le altre prerogative Friday, October 25, 13
  165. 165. Friday, October 25, 13
  166. 166. Indennità e diaria Friday, October 25, 13
  167. 167. Indennità e diaria ✤ Art. 69, Costituzione, Legge 1261/1965, riferimento alla retribuzione di un magistrato con funzioni di presidente della Corte di cassazione. E’ la retribuzione di riferimento delle più alte cariche dello Stato Friday, October 25, 13
  168. 168. Indennità e diaria ✤ Art. 69, Costituzione, Legge 1261/1965, riferimento alla retribuzione di un magistrato con funzioni di presidente della Corte di cassazione. E’ la retribuzione di riferimento delle più alte cariche dello Stato ✤ Diaria, pari a 15 giorni di indennità di missione giornaliera nella misura stabilita per i magistrati con funzioni di presidente della Corte di cassazione Friday, October 25, 13
  169. 169. Indennità e diaria ✤ Art. 69, Costituzione, Legge 1261/1965, riferimento alla retribuzione di un magistrato con funzioni di presidente della Corte di cassazione. E’ la retribuzione di riferimento delle più alte cariche dello Stato ✤ Diaria, pari a 15 giorni di indennità di missione giornaliera nella misura stabilita per i magistrati con funzioni di presidente della Corte di cassazione ✤ Indisponibilità (art. 91, d.p.r. 361/1957), impignorabilità (art. 5, ultimo comma, legge 1261/1965) Friday, October 25, 13
  170. 170. Indennità e diaria ✤ Art. 69, Costituzione, Legge 1261/1965, riferimento alla retribuzione di un magistrato con funzioni di presidente della Corte di cassazione. E’ la retribuzione di riferimento delle più alte cariche dello Stato ✤ Diaria, pari a 15 giorni di indennità di missione giornaliera nella misura stabilita per i magistrati con funzioni di presidente della Corte di cassazione ✤ Indisponibilità (art. 91, d.p.r. 361/1957), impignorabilità (art. 5, ultimo comma, legge 1261/1965) ✤ Decurtazioni per le assenze: art. 1, secondo comma, Reg. Sen. e 48 bis, Reg. Cam. Friday, October 25, 13
  171. 171. Indennità e diaria ✤ Art. 69, Costituzione, Legge 1261/1965, riferimento alla retribuzione di un magistrato con funzioni di presidente della Corte di cassazione. E’ la retribuzione di riferimento delle più alte cariche dello Stato ✤ Diaria, pari a 15 giorni di indennità di missione giornaliera nella misura stabilita per i magistrati con funzioni di presidente della Corte di cassazione ✤ Indisponibilità (art. 91, d.p.r. 361/1957), impignorabilità (art. 5, ultimo comma, legge 1261/1965) ✤ Decurtazioni per le assenze: art. 1, secondo comma, Reg. Sen. e 48 bis, Reg. Cam. ✤ Gli altri contributi (il portaborse, il titolo di viaggio gratuito sui treni nazionali e sulle autostrade, le facilitazioni sui voli, l’ufficio romano) Friday, October 25, 13
  172. 172. Friday, October 25, 13
  173. 173. La trasparenza dei redditi Friday, October 25, 13
  174. 174. La trasparenza dei redditi ✤ Obbligo di depositare le proprie dichiarazioni dei redditi e di dichiarare qualsiasi contributo ricevuto Friday, October 25, 13
  175. 175. La trasparenza dei redditi ✤ Obbligo di depositare le proprie dichiarazioni dei redditi e di dichiarare qualsiasi contributo ricevuto ✤ La dichiarazione delle spese elettorali e il Collegio regionale di garanzia elettorale (legge 515/1993) Friday, October 25, 13
  176. 176. Friday, October 25, 13
  177. 177. Le prerogative minori Friday, October 25, 13
  178. 178. Le prerogative minori ✤ L’accesso alle caserme Friday, October 25, 13
  179. 179. Le prerogative minori ✤ L’accesso alle caserme ✤ La possibilità di visitare i carceri Friday, October 25, 13
  180. 180. Le prerogative minori ✤ L’accesso alle caserme ✤ La possibilità di visitare i carceri ✤ Il passaporto di servizio Friday, October 25, 13
  181. 181. Le prerogative minori ✤ L’accesso alle caserme ✤ La possibilità di visitare i carceri ✤ Il passaporto di servizio ✤ La dispensa dall’ufficio di giudice popolare (che suona quasi come una incompatibilità) Friday, October 25, 13
  182. 182. Da leggere M. Cerase, Anatomia critica delle immunità parlamentari italiane, Rubbettino, 2011 E. Furno, L’insindacabilità parlamentare, ESI, 2009 G. Furno, M. Volpi, Le immunità penali della politica, Il Mulino, 2012 L. Pesole, Verso la scomparsa dei conflitti sull’insindacabilità parlamentare?, in Giur. cost. 2009, 2153 Friday, October 25, 13

×