Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento Europeo 305/2011
per i materiali da costruzione
GEOSOLUTION S.r.l. – SOCIETÀ DI INGEGNERIA
Offre ai propri Committenti, pubblici e privati, un valido ausilio per il tratt...
La sinergia di professionalità specializzate in ambiti distinti garantisce un approccio
metodologico completo, in grado di...
Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento Europeo
305/2011 per i materiali da costruzione
Il 1 Luglio 2013 entrerà in vigore ...
Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento Europeo
305/2011 per i materiali da costruzione
Il nuovo Regolamento CPR mantiene l...
Obiettivi e novità del Regolamento CPR
Il nuovo Regolamento CPR mira a risolvere le difficoltà riscontrate nell’applicazio...
Obiettivi e novità del Regolamento CPR
Le principali novità del Regolamento CPR rispetto alla precedente Direttiva CPD son...
Il nuovo Regolamento CPR avrà un certo
impatto anche sulle future Norme armonizzate
Obiettivi e novità del Regolamento CPR...
Requisiti di base
Accanto ai requisiti già presenti nella CPD (Resistenza meccanica e stabilità, Sicurezza in
caso di ince...
Dichiarazione di Prestazione
(DoP)
Sostituisce la Dichiarazione di Conformità prevista dalla Direttiva CPD
Rappresenta il ...
Deroghe alla Dichiarazione di Prestazione
Sono previste alcune deroghe all'obbligo di redazione della DoP, nei casi in cui...
Adempimenti nel periodo transitorio
I prodotti venduti ai distributori prima del 1 luglio
2013 secondo la Direttiva 89/106...
Procedure semplificate
Nell'ottica di un progressivo snellimento burocratico, il CPR mette a disposizione dei
Fabbricanti ...
Valutazione Tecnica Europea
L'ETA (European Technical Approval) è uno strumento che sostituisce il Benestare Tecnico
Europ...
Punti di Contatto Prodotti
(PCP)
Rispondono all’esigenza di rendere facilmente accessibili agli utilizzatori le Norme tecn...
Grazie per l’attenzione
Il materiale oggetto della presente trattazione costituisce proprietà intellettuale di Geosolution...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

of

Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 1 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 2 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 3 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 4 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 5 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 6 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 7 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 8 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 9 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 10 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 11 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 12 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 13 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 14 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 15 Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione Slide 16
Upcoming SlideShare
Contratto, email, o stretta di mano? - Al riparo dal rischio non-ti-pago.ontratti
Next
Download to read offline and view in fullscreen.

2 Likes

Share

Download to read offline

Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione

Download to read offline

Il 4 aprile 2011 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il Regolamento UE n. 305/2011, che fissa le condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione. La precedente Direttiva 89/106 CPD aveva come obiettivo l’armonizzazione dei diversi sistemi normativi nazionali europei, fissando i requisiti essenziali per i materiali e i componenti da costruzione e creare, soprattutto, i presupposti per la libera circolazione dei prodotti stessi sul mercato europeo. Il nuovo Regolamento CPR, mantiene l’impianto fondamentale della Direttiva CPD, modificando alcune disposizioni al fine di rendere più snella e semplice l’applicazione delle procedure di valutazione e verifica delle prestazioni dei prodotti da costruzione. Il provvedimento fissa nuove condizioni armonizzate per la commercializzazione e la marcatura dei materiali da costruzione, apportando chiarimenti, semplificazioni amministrative e obblighi per i diversi operatori economici; ha applicazione immediata e non necessita di recepimento da parte degli Stati Membri, a differenza delle Direttive che devono essere accolte nell'ordinamento legislativo da apposite leggi nazionali.

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento UE 305/2011 per i materiali da costruzione

  1. 1. Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento Europeo 305/2011 per i materiali da costruzione
  2. 2. GEOSOLUTION S.r.l. – SOCIETÀ DI INGEGNERIA Offre ai propri Committenti, pubblici e privati, un valido ausilio per il trattamento e la risoluzione delle problematiche che, a vario titolo, interessano l’ambiente ed il territorio, dall’ambito progettuale a quello operativo di cantiere. Principali settori di intervento: Sistemi di Gestione Qualità, Ambiente, Sicurezza ed Energia Progettazione impianti trattamento acque meteoriche Studi idrologici e di compatibilità idraulica Bonifica siti contaminatiBonifica siti contaminati Screening e Valutazioni di Impatto Ambientale Modellazione geologica - Geotecnica - Geotermia www.geosolution.it
  3. 3. La sinergia di professionalità specializzate in ambiti distinti garantisce un approccio metodologico completo, in grado di fornire esaustività e flessibilità di intervento, sia nelmetodologico completo, in grado di fornire esaustività e flessibilità di intervento, sia nel campo pubblico che in quello privato Le prestazioni di GEOSOLUTION sono mirate ad assicurare al Committente il miglior risultato nel minor tempo, cercando di soddisfare anche le richieste più esigenti con un servizio “tutto compreso” I servizi di Geosolution ricoprono i seguenti macro-settori: Ingegneria ambientale Consulenza ambientale Geologia applicata Consulenza aziendale
  4. 4. Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento Europeo 305/2011 per i materiali da costruzione Il 1 Luglio 2013 entrerà in vigore il nuovo Regolamento UE 305/2011 (CPR) sui prodotti da costruzione, che sostituirà la Direttiva 89/106/CE (CPD).sui prodotti da costruzione, che sostituirà la Direttiva 89/106/CE (CPD). Il nuovo Regolamento fissa le condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione. Il 1 Luglio 2013 la Direttiva 89/106/CEE - CPD (Construction Product Directive) verrà quindi(Construction Product Directive) verrà quindi abrogata e sostituita dal nuovo Regolamento UE 305/2011 - CPR (Construction Product Regulation).
  5. 5. Dalla CPD al CPR. Il nuovo Regolamento Europeo 305/2011 per i materiali da costruzione Il nuovo Regolamento CPR mantiene l’impianto fondamentale della Direttiva CPD, modificando alcune disposizioni al fine di rendere più snella e semplice l’applicazione delle procedure di valutazione e verifica delle prestazioni dei prodotti da costruzionedelle procedure di valutazione e verifica delle prestazioni dei prodotti da costruzione Il provvedimento fissa nuove condizioni armonizzate per la commercializzazione e la marcatura dei materiali da costruzione, apportando chiarimenti, semplificazioni amministrative e obblighi per i diversi operatori economici Ha applicazione immediata e non necessita di recepimento da parte degli Stati Membri, a differenza delle Direttive che devono essere accolte nell'ordinamentoMembri, a differenza delle Direttive che devono essere accolte nell'ordinamento legislativo da apposite leggi nazionali
  6. 6. Obiettivi e novità del Regolamento CPR Il nuovo Regolamento CPR mira a risolvere le difficoltà riscontrate nell’applicazione della CPD e ad eliminare tutti quegli ostacoli regolamentari e tecnici alla libera circolazione dei prodotti da costruzione tuttora in esserecircolazione dei prodotti da costruzione tuttora in essere L’intento principe rimane quello di garantire la qualità e la sicurezza nelle costruzioni, con particolare attenzione alla difesa della salute dei lavoratori, dei consumatori e dell’ambiente, attraverso la rispondenza dei componenti costruttivi a requisiti minimi prefissati e validi per tutti i paesi dell’area Economica Europea Il Regolamento CPR 305/2011 si propone come strumento attraverso cui definire meglio gli obiettivistrumento attraverso cui definire meglio gli obiettivi della normativa comunitaria, semplificandone i meccanismi applicativi e cercando, nel contempo, di diminuire gli oneri amministrativi, soprattutto per le piccole e micro-imprese.
  7. 7. Obiettivi e novità del Regolamento CPR Le principali novità del Regolamento CPR rispetto alla precedente Direttiva CPD sono: • I Requisiti di base delle opere di costruzione passano da 6 a 7: viene introdotto il• I Requisiti di base delle opere di costruzione passano da 6 a 7: viene introdotto il requisito "Uso sostenibile delle risorse naturali“ • I precedenti sistemi di controllo della produzione ("Sistemi di Attestazione della Conformità") sono sostituiti dai “Sistemi di valutazione e verifica della costanza della prestazione”; il loro numero si riduce da 6 a 5 (viene eliminato il Sistema 2) • La Dichiarazione di Conformità (DoC) viene sostituita dalla Dichiarazione di Prestazione (DoP)(DoP) • L'istituzione, a livello nazionale, di appositi Organismi di valutazione tecnica, chiamati TAB (Technical Assessment Bodies), coordinati a scala europea dalla "Organizzazione dei TABs"; tale Organizzazione sarà quella che rappresenta oggi l’EOTA
  8. 8. Il nuovo Regolamento CPR avrà un certo impatto anche sulle future Norme armonizzate Obiettivi e novità del Regolamento CPR impatto anche sulle future Norme armonizzate (nuove o aggiornate) Esso infatti impone di tener conto, per valutare le prestazioni di un prodotto da costruzione, di metodi alternativi e meno onerosi rispetto alle prove di laboratorio (ad es. valori tabulati, sistemi di calcolo o descrittivi) e di metodi di controllo interno della produzione (FPC)controllo interno della produzione (FPC) calibrati rispetto alle dimensioni delle imprese.
  9. 9. Requisiti di base Accanto ai requisiti già presenti nella CPD (Resistenza meccanica e stabilità, Sicurezza in caso di incendio, Igiene, salute e ambiente, Sicurezza e accessibilità nell'uso, Protezione contro il rumore, Risparmio energetico e ritenzione del calore), nel nuovo Regolamentocontro il rumore, Risparmio energetico e ritenzione del calore), nel nuovo Regolamento CPR viene introdotto il settimo requisito "Uso sostenibile delle risorse naturali“: “Le opere di costruzione devono essere concepite, realizzate e demolite in modo che l’uso delle risorse naturali sia sostenibile e garantisca in particolare quanto segue: a) il riutilizzo o la riciclabilità delle opere di costruzione, dei loro materiali e delle loro parti anchecostruzione, dei loro materiali e delle loro parti anche dopo la demolizione; b) la durabilità nel tempo delle opere di costruzione; c) l’uso, nelle opere di costruzione, di materie prime e secondarie ecologicamente compatibili”. Tale requisito non avrà effetti concreti fino alla definizione, da parte dei singoli Stati membri, di apposite norme nazionali che individuino un criterio oggettivo per definire la sostenibilità di un prodotto.
  10. 10. Dichiarazione di Prestazione (DoP) Sostituisce la Dichiarazione di Conformità prevista dalla Direttiva CPD Rappresenta il concetto chiave del sistema CPR e accompagna il prodotto dal momentoRappresenta il concetto chiave del sistema CPR e accompagna il prodotto dal momento del suo collocamento sul mercato Esprime la prestazione del prodotto da costruzione in relazione alle caratteristiche essenziali e in accordo con le Norme armonizzate. Ai prodotti per i quali il fabbricante redige la DoP è apposto il marchio CEil marchio CE A differenza della vecchia Dichiarazione di Conformità, la DoP non è un documento riservato del Produttore, ma accompagna sempre il prodotto e può essere resa disponibile anche su supporto elettronico o sul sito web del produttore
  11. 11. Deroghe alla Dichiarazione di Prestazione Sono previste alcune deroghe all'obbligo di redazione della DoP, nei casi in cui il prodotto specifico sia fabbricato: • in un esemplare unico o su specifica del committente, installato su una singola e specifica opera • in cantiere per essere incorporato nelle rispettive opere • mediante un procedimento non industriale nell'ambito di interventi di conservazione e restauro del patrimonio architettonico tutelato. In tali casi è comunque prevista laIn tali casi è comunque prevista la responsabilità, per i soggetti incaricati della sicurezza, dell'esecuzione delle opere di costruzione designati ai sensi delle singole normative nazionali.
  12. 12. Adempimenti nel periodo transitorio I prodotti venduti ai distributori prima del 1 luglio 2013 secondo la Direttiva 89/106/CEE - CPD, possono essere immessi sul mercato di dettaglio dopo tale dataessere immessi sul mercato di dettaglio dopo tale data senza apportare modifiche alla documentazione di accompagnamento (Certificato CE e Dichiarazione di Conformità). Dopo il 1 luglio 2013 i prodotti venduti direttamente dai Fabbricanti dovranno essere accompagnati dalla DoP e dal Certificato CE adeguato ai contenuti degli artt. 8 e 9 del Regolamento UE 305/2011 – CPRartt. 8 e 9 del Regolamento UE 305/2011 – CPR Nella DoP il Fabbricante potrà continuare a citare il numero di Certificato rilasciato, prima del 1 luglio 2013, da un Organismo Notificato ai sensi della Direttiva 89/106/CE – CPD; le visite ispettive condotte dopo il 1 luglio 2013 dovranno essere eseguite esclusivamente da un Organismo Notificato ai sensi del Regolamento UE 305/2011 - CPR.
  13. 13. Procedure semplificate Nell'ottica di un progressivo snellimento burocratico, il CPR mette a disposizione dei Fabbricanti una serie di procedure semplificate per raggiungere la marcatura CE Possibilità di sostituire la prova di tipo con una documentazione tecnica appropriata attraverso cui dimostrare che il prodotto da costruzione, rientrante nell'ambito di applicazione di una norma armonizzata, corrisponde al Le microimprese (quelle cioè con meno di 10 dipendenti e con un fatturato inferiore ai 2Mil€) dotate di Sistemi di valutazione 3 o 4 possono individuare il prodotto-tipo con metodi alternativi rispetto a quelli previsti dalle normative tra le più significative: una norma armonizzata, corrisponde al prodotto-tipo di un altro prodotto da costruzione, fabbricato da un altro fabbricante e già sottoposto a prove (in conformità alla pertinente Norma armonizzata). rispetto a quelli previsti dalle normative armonizzate dimostrando, mediante una specifica documentazione tecnica, la conformità del prodotto ai requisiti applicabili.
  14. 14. Valutazione Tecnica Europea L'ETA (European Technical Approval) è uno strumento che sostituisce il Benestare Tecnico Europeo, e rappresenta una valutazione documentata delle prestazioni di un prodotto da costruzione. Non costituisce una certificazione di prodotto ma una “specificazione”: il Regolamento definisce che:Regolamento definisce che: “un ETA è una valutazione tecnica positiva dell’idoneità all’impiego di un prodotto per un uso previsto, basata sul soddisfacimento dei requisiti essenziali delle opere nelle quali il prodotto è impiegato” Un ETA può essere rilasciato, su richiesta del fabbricante, a prodotti per i quali: • non sia disponibile una EN armonizzata né una norma nazionale riconosciuta • non vi sia un Mandato per una EN inerente il tipo di prodotto in questione • la CE considera che una EN non possa, o non possa ancora, essere elaborata • vi sia una significativa deviazione dallo scopo di una EN armonizzata o di una norma nazionale riconosciuta • vi sia una deroga CE, anche se esiste un Mandato per una EN
  15. 15. Punti di Contatto Prodotti (PCP) Rispondono all’esigenza di rendere facilmente accessibili agli utilizzatori le Norme tecniche nazionali, svolgendo funzioni di assistenza al fine di fornire: “[…] utilizzando termini chiari e facilmente“[…] utilizzando termini chiari e facilmente comprensibili, informazioni sulle disposizioni, nel suo territorio, volte a soddisfare i requisiti di base delle opere di costruzione" I Punti di Contatto Prodotti sono designati dagli Stati Membri ai sensi dell’art. 9 del regolamento CE n. 764/2008. I PCP devono essere in grado di adempiere i loro compiti evitando conflitti di interesse, in particolare per quanto riguarda le procedure d’accesso alla marcatura CE.procedure d’accesso alla marcatura CE. Gli Stati membri devono assicurare che le risorse destinate ai Punti di Contatto siano sufficienti; in Italia tale organismo è stato istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico
  16. 16. Grazie per l’attenzione Il materiale oggetto della presente trattazione costituisce proprietà intellettuale di Geosolution S.r.l. e come tale non potrà essere copiato, riprodotto o pubblicato, tutto od in parte, senza il consenso scritto dell’autore (legge 22/04/1941 n. 633, art. 2575 e seg. C.C.) www.geosolution.it
  • StefanoPetruio

    Dec. 17, 2018
  • EnricoDeAngelis

    Mar. 21, 2016

Il 4 aprile 2011 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il Regolamento UE n. 305/2011, che fissa le condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione. La precedente Direttiva 89/106 CPD aveva come obiettivo l’armonizzazione dei diversi sistemi normativi nazionali europei, fissando i requisiti essenziali per i materiali e i componenti da costruzione e creare, soprattutto, i presupposti per la libera circolazione dei prodotti stessi sul mercato europeo. Il nuovo Regolamento CPR, mantiene l’impianto fondamentale della Direttiva CPD, modificando alcune disposizioni al fine di rendere più snella e semplice l’applicazione delle procedure di valutazione e verifica delle prestazioni dei prodotti da costruzione. Il provvedimento fissa nuove condizioni armonizzate per la commercializzazione e la marcatura dei materiali da costruzione, apportando chiarimenti, semplificazioni amministrative e obblighi per i diversi operatori economici; ha applicazione immediata e non necessita di recepimento da parte degli Stati Membri, a differenza delle Direttive che devono essere accolte nell'ordinamento legislativo da apposite leggi nazionali.

Views

Total views

2,502

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

5

Actions

Downloads

35

Shares

0

Comments

0

Likes

2

×