Giornalino 2009 11 parte_i

455 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
455
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Giornalino 2009 11 parte_i

  1. 1. 2 Sommario L'IMPATTO AMBIENTALE Un nuovo numero di GTV Notizie, IN VIETNAM l'ultimo per questo 2009 che sta volgendo al termine. Un anno di fe- Desta meraviglia vedere come la maggior parte de- gli studi economici pubblicati in Vietnam si basi es- steggiamenti, di iniziative e nuove senzialmente sul PIL e sulle condizioni della sua collaborazioni e con tanti, tanti pro- crescita. Come getti. In questo numero parliamo di ovunque negli altri catastrofi naturali e cambiamento paesi, c’è il silenzio climatico, fenomeni che interessano sugli effetti connessi alle attività produtti- anche l'area del sud est asiatico: un ve, alla costruzione di approfondimento che abbiamo infrastrutture, alle considerato doveroso, visto l'ultimo colture intensive: la tifone che ha colpito il Vietnam lo situazione sta deterio- scorso ottobre. E non è solo il rando rapidamente. L’uso massiccio di prodotti chimici per i fertilizzanti Vietnam a fungere da protagonista e gli erbicidi ha conseguenze importanti sull’inqui- in questi drammi, ma anche il namento delle acque. Lo stesso per i rifiuti delle Bangladesh, paese in cui siamo pre- industrie e per lo sviluppo di certe monoculture. Le senti da qualche anno e di cui in acque del delta del Fiume Rosso sono notevolmente quest'occasione vi presentiamo il inquinate, al punto da far diminuire la produzione di pesce. Nel Sud, in particolare sul Mekong, i guasti progetto “Sensibilizzazione a scuola prodotti dall’industria hanno provocato rivolte sulla gestione del rischio di eventi contadine. Si tratta soprattutto della Vebtan, calamitosi”. Consapevoli, però, che un’industria nippovietnamita di prodotti alimentari, GTV negli anni, è andato consoli- che ha scatenato un disastro ecologico. La defore- dando la propria presenza nell'area, stazione, frutto dello spargimento dell’agente orange e poi dell’estendersi di certe colture come il soprattutto con progetti di più caffè, ha prodotto erosioni e smottamenti di terra. A ampio spettro, quale vuole essere questo bisogna poi aggiungere che se il piano di quello di “Autodeterminazione e va- trasformare il Vietnam in un paese di media indu- lorizzazione economica delle strializzazione per il 2020 andrà a buon fine, i terre- donne” nella provincia di Nghe An, ni destinati alla produzione di riso si ridurranno a tre milioni di ettari, cioè il minimo per assicurare Vietnam. Scoprite di più su come l’alimentazione al paese. Questo comporterebbe la partecipare all'interno di questo nu- fine delle esportazioni. L’ignoranza delle esternalità mero! ecologiche risulta davvero inquietante per il futuro. ...ma ci sono anche altre novità, con Le autorità se ne preoccupano, in particolare il Mini- l'inizio di ottobre due nuove ra- stero dell’ambiente, creato nel 2002. Di fatto si pro- fila all’orizzonte il pericolo reale di una gazze in servizio civile sono con “taiwanizzazione” del Vietnam, cioè il formarsi di noi, Angela ed Anahi; Elisa ci ha uno stato permanente di inquinamento su ampie salutati, intraprendendo un nuovo superfici del paese. Sono in preparazione numerosi cammino insieme alla Scuola Musi- provvedimenti per salvaguardare la sovranità ali- cale di Riva ma come vedrete senza mentare, per lottare contro l’erosione del suolo, per limitare gli agro perdere i contatti! Mentre Lucia ha combustibili privile- deciso di proseguire il suo percorso giando la coltura con GTV nell'ambito del progetto della jatropha, su “+6” del servizio civile. Cresce terre povere, per pro- quindi lo staff dell'associazione, muovere l’agricoltura biologica. passare in Via San Marco 3 per credere!
  2. 2. 3 Dino Pedrotti - Presidente di GTV L'opinione NATALE: PRIMA DI TUTTO CHINARSI SUI PIÙ DEBOLI In questo numero “natalizio” I bambini e le loro mamme so- vanti ad un bambino povero”. troverete esposti due no il punto più giusto di riferi- Saputo che era nato il bambi- importanti progetti, riguardanti mento, sono il futuro no più povero del mondo, l’impegno del GTV nei dell’umanità. Solo vent’anni fa compiono tre azioni: scendono confronti delle donne vietnami- (1989) tutti gli stati del mondo dai loro troni (1), si mescolano te più emarginate e, in Bangla- hanno sancito (a parole!) i di- ai poveri pastori (2), lo cerca- desh, nei confronti dei bambini ritti dei bambini, come no, si chinano su di lui (3). più a rischio di vita e di soggetti di diritto. È appena da Convenzionalmente gli pre- mancanza di istruzione. Sono un secolo che i diritti delle sentano i doni in un ordine drammi che colpiscono le donne (almeno a parole!) sono considerato “normale”, prima persone più deboli nei loro sa- stati presi in considerazione e l’oro, simbolo dell’Avere, crosanti diritti alla vita, alla sa- siamo arrivati solo ora a procla- offerto dal re bianco-occi- lute, all’istruzione, al rispetto mare il loro diritto a pari dentale (1), poi l’incenso, della dignità umana. I diritti opportunità. simbolo dell’Apparire, offerto calpestati di bambini dal re giallo- e donne aumentano orientale (2); il re le nostre responsabili- nero del conti- tà nei confronti del nente più povero mondo povero e (messo di regola impoverito. in terza posizione) Sono state tentate offre poi la mirra, molte strade per un balsamo che cambiare un mondo lenisce i dolori, sbagliato: dall’alto che non vale e più alto in nome di un non profuma, Dio o in nome di un simbolo di Capo che si pone alla compassione e destra di Dio (1), amore (3). oppure in nome del Popolo (2) che vuole Secondo me, a giustizia e libertà, quel “povero cri- spesso a parole, e sto” hanno offerto che fa rivoluzioni, spesso per anzitutto cure e conforto (la avere potere. C’è tanta confu- Vorrei pensare con voi ad un fi- mirra) e la madre ha messo da sione… lo che può legare le feste di parte l’oro e l’incenso. Solo do- La storia di GTV ha le sue radi- Natale ai drammi che incontria- po aver usata “la mirra” è ci nel fatto che dieci anni fa, mo in Vietnam o in Bangladesh fondamentale l’oro (dei go- con gli Amici della Neonatolo- e a noi, che viviamo in un Pri- verni o delle multinazionali) gia trentina, abbiamo voluto mo mondo dove nessun bambi- per realizzare gli obiettivi del migliorare le condizioni in cui no nasce in una stalla e dove Millennio! Anche l’incenso tro- nascono e vivono i bambini del praticamente nessun neonato verà poi un suo nuovo signifi- Vietnam più povero. Chinarsi muore. cato: è simbolo della gioia di sui bisogni dei bambini, capire tutti quelli che vivono in pace i loro bisogni e i loro diritti a vi- (e non solo della gioia dei vere in un “mondo a misura di Il mondo consumistico prende ricchi). Dalla culla di Be- bambino”, dare ascolto e perfino l’immagine dei tre re tlemme un Dio-neonato ci indi- comportarsi di conseguenza in magi e riempie i loro cammelli ca una strada di conversione, modo responsabile è un terzo di regali per i nostri bambini. quella percorsa dai saggi re modo di cambiare il mondo, Secondo me, questi re sapienti magi (1 - 2 - 3). dal basso più basso, “in nome possono essere gli “archetipi dei Bambini” (3). dell’umanità che si inchina da-
  3. 3. 4 GTV tra Vietnam e Trentino CAMBIAMENTO CLIMATICO: LE CONSEGUENZE DA NON SOTTOVALUTARE La firma di un nuovo accordo meno non va certo sottovalu- 600 morti e 2000 persone internazionale sul clima dopo il tato. Secondo uno studio scomparse (ANSA). protocollo di Kyoto: questo è dell’Università delle Nazioni Anche il Bangladesh è spesso l’obiettivo della conferenza Unite, in collaborazione con sconvolto da disastri naturali. Onu che si terrà dal 7 al 18 di- l’organizzazione umanitaria Ca- Nel 2007, ad esempio, è stato cembre a Copenaghen. Si re International e con l’Universi- colpito dal ciclone Sidr. Le tratta di una speranza che ha il tà della Columbia, entro il 2050 persone coinvolte anche indi- sapore dell’urgenza: la spe- i profughi climatici divente- rettamente dagli effetti del ci- ranza di arginare un fenomeno, ranno ben 200 milioni. Fra i clone sono state ben 8 milioni quello del cambiamento climati- Paesi più a rischio lo studio e mezzo (Unicef 2008). GTV è co, che necessita di una colla- annovera anche Bangladesh e intervenuto con un progetto di borazione a livello globale per Vietnam, zone in cui opera sostegno all’educazione prima- non sfociare in ancor più gravi GTV. ria e secondaria, dando la pos- esiti. Le sue conseguenze, Uno sguardo sulla situazione sibilità ad 800 bambini di infatti, sono tutt’altro che del Vietnam è offerto dal riprendere gli studi interrotti a astratte lontananze. Gli effetti rapporto dell’ Asian Develop- causa del ciclone, attraverso il degli stravolgimenti del clima ment Bank del 2009 che sottoli- pagamento delle tasse scola- appaiono più reali che mai spe- nea dati allarmanti. Nel Paese stiche e la distribuzione di cialmente nei cosiddetti Paesi del sud Est Asiatico l’innalza- materiale per la scuola. Oltre a del Sud del mondo, manife- ciò è stata anche curata la standosi in catastrofi natura- formazione di due insegnanti li che si abbattono su che sono stati preparati su popolazioni già piegate dalle tematiche quali il sostegno difficoltà e spesso prive dei psicologico, la gestione di mezzi adatti per affrontare classi numerose e l’inclusione inondazioni, tifoni, siccità. degli alunni più svantaggiati. Per una paradossale e ingiu- Per concludere, si può ribadi- sta inversione, infatti, è pro- re la necessità di affrontare prio la metà più povera del la crisi ambientale con precisi mondo, cioè quella re- programmi che tengano sponsabile di appena il 7% conto soprattutto del benes- delle emissioni di gas serra, sere delle popolazioni. È que- ad essere la più colpita da que- mento del livello del mare sto l’approccio proposto dal sti fenomeni (Rapporto UNFPA raggiungerà il metro a fine se- Fondo per la popolazione delle 2009). A farne le spese sono colo e potrà sommergere deci- Nazioni Unite, che vorrebbe ovviamente gli abitanti: molte ne di migliaia di ettari di mettere al centro del dibattito, persone perdono la vita nei colture, costringendo 12 milio- a partire dalla conferenza di disastri ambientali più violenti. ni di persone ad emigrare e Copenaghen, il termine “popo- Oltre alle perdite umane la po- causando una drastica riduzio- lazione”. Questo significa polazione deve affrontare altri ne della produzione di riso. Se- concentrarsi su necessarie gravi problemi, come la rico- condo il rapporto di World politiche di sostegno alle struzione di case, scuole ed edi- Vision del 19 settembre 2008 persone che vivono sulla pro- fici distrutti o il difficile verranno colpite il 5% delle pria pelle le conseguenze del sostentamento di famiglie rima- terre, l’11% della popolazione cambiamento climatico. In ste senza uno o entrambi i geni- e il 7 % dei terreni adibiti questo modo anche il ruolo tori. Molte persone inoltre sono all’agricoltura. Per quanto ri- delle ONG e delle organizzazio- costrette a spostarsi per rico- guarda le catastrofi naturali la ni di volontariato assume struire una vita divenuta impos- penisola vietnamita rappre- ancor più importanza, proprio sibile nel luogo d’origine. Si senta una zona a rischio. Re- nel possibile punto d’incontro tratta dei cosiddetti “profughi centemente il Vietnam è stato fra ecologia e cooperazione climatici”, quelli che lasciano le colpito dal tifone Ketsala, internazionale: la persona. proprie case poiché minacciate abbattutosi sulle coste del Sud dall’innalzamento del livello Est Asiatico e nel Vietnam del mare e dell’oceano. Il feno- Centrale. Le stime parlano di
  4. 4. 5 GTV in Vietnam GTV IN BANGLADESH: COME CONTINUANO LE ATTIVITÀ IL PROGETTO SENSIBILIZZAZIONE A SCUOLA SULLA GESTIONE DEL RISCHIO DI EVENTI CALAMITOSI Località: Bangladesh subdistretti di Mathbaria (distretto di Pirojpur) di Pathargatha e Bamma (distretto di Borguna) Controparte locale: STEPS Periodo: 2009-2010 Enti finanziatori: - Regione Autonoma Trentino Alto Adige. - GTV Destinatari: 24 scuole di 8 unioni, 200 tutor e 720 studenti volontari. Indirettamente ne beneficieranno 240,000 membri della comunità delle 8 unioni. Contesto: Nella notte tra il 14 e 15 novembre 2007 il ciclone Sidr ha colpito il Bangladesh meriodionale uccidendo 3.000 persone e distruggendo 650.000 ettari di coltivazioni. Tra le circa 8 milioni e mezzo di persone coinvolte, la metà sono bambini, molti dei quali hanno perso la famiglia; il ripristino delle attività scolastiche procede a rilento e molti sono i ragazzi che hanno abbandonato gli studi per cercare un lavoro. Obiettivi: Il progetto prevede di rafforzare il ruolo della scuola e dell'istruzione nella preparazione alle calamità naturali. Le attività di formazione prevedono attività curriculari come: - misure di prevenzione; - misure di gestione della crisi, - educazione alla gestione ambientale, - promozione dei diritti dei gruppi più svantaggiati, - sostegno psicologico e sviluppo di attività socioricreative quali sport, musica, disegno, teatro, danza che stimolino la capacità di prevenzione del rischio/crisi. COSA PUOI FARE TU: DONA PER LA REALIZZAZIONE DI QUESTO PROGETTO COSA PUOI FARE TU: DONA PER LA REALIZZAZIONE DI QUESTO PROGETTO Puoi effettuare la tua donazione sul conto corrente numero IBAN: IT78 N0801334 2900 0000 0307 219 o Puoi effettuare la tua donazione sul conto corrente numero IBAN: IT78 N0801334 2900 0000 0307 219 o tramite tramite bollettino postale, presso ogni ufficio postale: c / c 13413398, specificando la causale Donazione per progetto Sensibilizzazione a ufficio postale: c / c 13413398, specificando la causale Donazione per progetto Bangladesh bollettino postale, presso ogni scuola sulla gestione del rischio di eventi calamitosi materiale informativo da distribuire ai volontari 50 € 20 € kit per un bambino (2 libri di testo, Formazione agli 1.000 € insegnanti delle 260 € 100 € materiale scolastico per una scuolarealizzazione di una trasmissione radiofonica (lavagne, tavoli, 16 scuole sedie, materiale per le attività extra curriculum)
  5. 5. 6 GTV in Vietnam UN NUOVO PROGETTO IN VIETNAM IL PROGETTO AUTODETERMINAZIONE E VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE DONNE Località: Comune di Hung Long, Distretto di Hung Nguyen, Provincia di Nghe An, nel Vietnam centrale Controparte locale: Unione delle Donne del Comune di Hung Long Periodo di implementazione: 2009/2010 Enti finanziatori: Provincia Autonoma di Trento Destinatari: 30 partecipanti a corsi di formazione, 40 donne che riceveranno una formazione relativa al microcredito. Contesto: La discriminazione di genere resta un elemento che continua a minacciare la salute e il benessere delle donne vietnamite. Nonostante gli sforzi compiuti negli ultimi 20 anni il livello di sviluppo raggiunto in termini di opportunità garantite alle donne, la loro partecipazione alla vita sociale, economica e politica del paese non è ancora pienamente soddisfacente. Gli ostacoli che si oppongono ad un pieno potenziamento delle donne in Hung Long non sono imputabili esclusivamente al limitato accesso e utilizzo delle risorse economiche o alla scarsa offerta formativa: la minaccia dell’HIV/AIDS e la diffusa violenza domestica sono altri importanti fattori che contribuiscono al deteriorarmento della condizione femminile nel Comune in oggetto. Descrizione: Il progetto prevede di promuovere una cultura della pari opportunità e contribuire all’empowerment femminile, inteso come crescita delle capacità finalizzate al controllo e all’utilizzo delle risorse economiche, espressione del proprio potenziale nella sfera decisionale privata e pubblica, ed esercizio del diritto alla salute e libertà da ogni forma di violenza. Sono contemplati corsi di formazione rivolti a formatori sul mainstreaming di genere, sulla violenza domestica a donne e minori, sull'HIV/AIDS. Un'altra attività importante sarà un corso sul microcredito e uno sull'allevamento di bestiame per 40 donne le quali riceveranno piccoli prestiti per avviare o potenziare i propri progetti di autoimpiego. INoltre verranno portate avanti delle campagne di sensibilizzazione e mobilitazione tra la popolazione attraverso incontri informativi, attività ludico didattiche, informazione porta a porta e workshop. COSA PUOI FARE TU: DONA PER LA REALIZZAZIONE DI QUESTO PROGETTO COSA PUOI FARE TU: DONA PER LA REALIZZAZIONE DI QUESTO PROGETTO Puoi effettuare la la tua donazione sul conto corrente numero IBAN: IT78 N0801334 0000 0307 219 o tramite Puoi effettuare tua donazione sul conto corrente numero IBAN: IT78 N0801334 2900 2900 0000 0307 219 o tramite bollettino postale, presso ogni ufficio postale: c / c 13413398, specificando la causale Donazione per 60 € 120 € 1.000 €unaFormazionedelle 20 € kit per un bambino (2 libri di testo, partecipazione di una persona al prestito ad una donna peragli corso sulla violenza domestica avviare piccola attivita' insegnanti imprenditoriale nel campo 100 € sensibilizzazione sulle questioni di genere dell'allevamento di bestiame 260 tra Vietnam escolastico per unaper la campagnatavoli, GTV € materiale materiale divulgativo Trentino scuola (lavagne, di
  6. 6. 7 GTV tra Vietnam e Trentino LA (LIETA) NOVELLA IN TERRA VIETNamica Un anno a lavorare per GTV, pienti opere di RicamArt, lo senza essere mai stata in scambio virtuale tra il Centro Vietnam: era inevitabile che de- Ricami di Hanoi e una classe cidessi di trascorrere le mie fe- dell'Istituto d'Arte di Trento. E rie nel paese del dragone e la anche i bambini del sostegno a farfalla. Per conoscere i pro- distanza (SAD), a cui volevo getti dell'associazione, ma più portare i disegni dei bambini dei progetti le persone che ci trentini, disegni realizzati du- sono dietro, da Que -la ragazza rante le letture animate vietna- che lavora nella sede di Hanoi mite. Tre settimane sembrano insieme a Barbara- ai beneficia- tante, ma in realtà volano, so- ri. Non avevo la pretesa di co- prattutto se si ha l'andata con noscere tutto e tutti; più che la tratta Verona-Hanoi e il ri- altro ero curiosissima di entra- torno Ho Chi Minh City-Verona Giocando con i bambini del SAD re in contatto con alcune realtà e si decide di viaggiare via in particolare. Come ad terra. Dopo 2 settimane a se solo non fosse stato tutto esempio le ragazze del pro- nord, ho iniziato a spostarmi, allagato e avessi avuto più getto cooperativa ad Hai via treno e autobus, a sud. Il tempo. La verità è che come Duong, dopo che, con la mo- Vietnam è più lungo di quanto spesso mi capita nei viaggi, stra fotografica itinerante, ave- non avessi immaginato all'ini- avrei potuto fare tante altre o vo contribuito a portare alcuni zio, e le piogge che hanno più cose, se, se, e se. I viaggi dei loro fotoritratti in tournée colpito il sud proprio mentre sono spesso incompleti, quasi per il Trentino; o gli autori e au- stavo arrivando io non hanno per definizione. Ma ho cono- trici che stavano dietro alle sa- di sicuro aiutato l'agibilità delle sciuto le persone, e le storie strade. Un tempismo perfetto che ogni persona porta con sé; Con alcune delle ragazze della cooperativa come sempre, il mio. Ri- ho visto un'altra faccia del guardando indietro sì, con un Vietnam, non solo quella che itinerario più turistico, volto a compare sulle guide turistiche vedere i posti, avrei dovuto si- dalla copertina patinata. Il curamente dedicare più tempo senso del viaggio, alla fine, per al meridione del paese, che è me è questo: e tra i ricordi più splendido e che ha un'offerta belli che mi sono portata via ci decisamente maggiore per i tu- sono due canzoni, “Bella Ciao” risti in termini di alberghi, cantata su richiesta delle ra- ostelli, escursioni organizzate e gazze di Hai Duong, e la così via. Avrei potuto trascorre- canzone dei canederli in dia- re un giorno in più tra le sarto- letto trentino, cantata in un rie di Hoi An, o prendermi 2-3 pomeriggio di giochi ai bambi- giorni per visitare le spiagge, ni del SAD. CONTINUA il programma di SOSTEGNO A DISTANZA Il programma "Sostegno A Distanza" è rivolto a bambini del Nord del Vietnam che versano in serie difficoltà e che per questo non possono andare a scuola. GTV crede che un bambino senza istruzione sia un adulto senza futuro. Per questo il progetto di sostegno a distanza, grazie al quale diamo a questi bambini un avvenire, paga le tasse scolastiche, compra il materiale necessario, la divisa scolastica e vestiti nuovi, fornisce alla famiglia 90 kg di riso ogni tre mesi (garantire un sostentamento anche all'intera famiglia significa compensare la mancanza del lavoro del bambino nei campi) e fa un regalo per il Tet, il capodanno vietnamita. L'importo richiesto è di 240 euro l'anno, per un impegno di due anni. Chi aderisce al programma ha la possibilità di scrivere al bambino, che risponde con lettere e disegni. Per garantire la massima trasparenza facciamo presente che il 10% dell'importo sarà trattenuto per le spese amministrative. La quota rimanente è assolutamente sufficiente per raggiungere gli obbiettivi indicati. Per richiedere il modulo di adesione e/o per maggiori informazioni: sad@gtvonline.org oppure 0461.986696

×