D.A DIRETTORE GENERALE ASL 1 N. 431 del 18 giugno 2010ADOZIONE PROCEDURA AZIENDALE PER L’ACCESSO ALLE           PRESTAZION...
TRATTAMENTO POST DIMISSIONE DOPO EVENTO ACUTO CHE HA RICHIESTO ILRICOVERO•RICOVERO IN STRUTTURE REGIONALI DGR 1985 DEL 22/...
REPARTO OSPEDALIERO                                       SERVIZI SOCIALI   NVT.(Inf. Fam)                     UNITA’ DI  ...
1.   Interventi clinico assistenziali           QUALI INTERVENTI ?         realizzabili esclusivamente al         domicili...
QUALI CRITERI?1.       Pazienti in dimissione ospedaliera inseriti         in percorsi riabilitativi aziendali: frattura d...
QUALI PRESUPPOSTI?1.   Presenza di barriere architettoniche     che non consentono il trasporto se     non con più persone...
Percorso Bisogno Riabilitativo Semplice                    Richiesta valutazione funzionaleMMMG/altri          Per bisogno...
Percorso Bisogno Riabilitativo Complesso MMG/altri specialisti                                                   Richiesta...
Infer.territoriale,                                                                         Segnalazione bisogno Assistent...
MMG                                REPARTO          UU.OO         SERVIZI                                                 ...
AUSILI PER LE CURE DOMICILIARI DEL DISABILEGRAVE
AUTONOMIAACCESSIBILITA      ’           AUSILI         ASSISTENZA         PERSONALE                           Andrich, 2007
»   ACCESSIBILITA’(design fo all)                             »    Adattamento                                  dell’ambie...
Ausilio nell’ICIDH          (1980)                                                          AUSILIO                       ...
Ausilio nell’ICF                                                        La disabilità non è     (2001)Condizione di salute...
Ausili e                                           e1) Prodotti e tecnologie     riabilitazione                           ...
ClassificazioneA              funzionale degli ausilis                                                               Andri...
La strategia assistivaCONTENUTO TECNOLOGICO                         •   Rimozione della necessità dell’attività           ...
Progetto individuale                          www.siva.it•   La prescrizione di un ausilio è anello importante di una in u...
Progetto individualeTRE DIMENSIONI PER UN       TRE PRINCIPI PER     OBIETTIVO DI       L’APPROPRIATEZZA DELLA     AUTONOM...
Autonomia ed ambiente (IOM 1997)
Normativa Nazionale• Decreto Ministero della Sanità 27 agosto 1999  n. 332: regolamento recante norme per le  prestazioni ...
Normativa Nazionale• Decreto Ministero della Sanità 27 agosto 1999  n. 332: regolamento recante norme per le  prestazioni ...
Normativa Nazionale   Decreto Ministero della Sanità 27 agosto 1999 n. 332:regolamento recante norme per le prestazioni di...
Alcune delibere regionali in attuazione del DM 332/99• DGR n. 333 del 19/03/2003 Linee di indirizzo regionali sui percorsi...
DGR n. 333 del 19/3/2003 “Linee di indirizzo regionali sui percorsi  prescrittivi di ausili e protesi”• Percorso prescritt...
Alcune delibere regionali in attuazione del DM                      332/99 DGR n. 333 del 19/03/2003 Linee di indirizzo re...
DGR n. 333 del addestramento all’uso                    collaudo e 19/3/2003 “Linee di   Percorso prescrittivo: Prescrizio...
DGR n. 777 del 21/5/2007 “Revisione DGR n.    333/2003. Documento vincolante sullastrutturazione dei percorsi prescrittivi...
DGR n. 777 del 21/5/2007 “Revisione DGR n.     333/2003. Documento vincolante sulla strutturazione dei percorsi prescritti...
DISTRETTO ALTOTEVERESCHEDA DI RIABILITAZIONE DOMICILIAREValutazione Riabilitativa :           Valutazione Ausili Riabilita...
DISTRETTO ALTOTEVERE                                DISTRETTO ALTOTEVERESCHEDA DI RIABILITAZIONE DOMICILIARE          SCHE...
DISTRETTO ALTOTEVERE                                    DISTRETTO ALTOTEVERESCHEDA DI RIABILITAZIONE DOMICILIAREValutazion...
DISTRETTO ALTOTEVERE    SERVIZIO AUSILI   Centro di Salute via Vasari, 5  tel. 0758509996/3408740753    09016 Città di Cas...
SERVIZIO AUSILI                   sedi1. Centro di salute di Città di Castello   (ausiloteca)2. Centro di salute di San Gi...
AUSILI ASSISTENZIALI• l’utente residente nell’ASL1 con invalidità civile  e con la proposta prescrittiva del proprio  m.m....
SERVIZIO AUSILI           Riferimenti normativi• Deliberazione Giunta Regionale n.777  Strutturazione dei percorsi prescri...
SERVIZIO AUSILI• Funzioni/competenze•• del Servizio Ausili (Deliberazione della• Giunta Regionale 21/05/2007 n 777):
SERVIZIO AUSILI Informazione rivolta a: M.M.G. Familiari Caregiver Stroke Unit U.O. ospedaliere
SERVIZIO AUSILI Consulenza:    tipologia di ausili e il loro utilizzo;    valutazioni per adattamenti ambientali;
SERVIZIO AUSILI• funzioni di Centro spoke per la valutazione dei  cat (comunicatori ad alta tecnologia) per  persone con g...
Servizio Ausili                                        ricezione del bisogno                                        Fisiot...
Ausili   adi
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Ausili adi

1,142 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,142
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ausili adi

  1. 1. D.A DIRETTORE GENERALE ASL 1 N. 431 del 18 giugno 2010ADOZIONE PROCEDURA AZIENDALE PER L’ACCESSO ALLE PRESTAZIONI DI RIABILITAZIONE
  2. 2. TRATTAMENTO POST DIMISSIONE DOPO EVENTO ACUTO CHE HA RICHIESTO ILRICOVERO•RICOVERO IN STRUTTURE REGIONALI DGR 1985 DEL 22/11/2006•RICOVERO IN U.O AZIENDALI UNITA’ DI VALUTAZIONE RIABILITATIVA PER DEFINIRE ILSETTINGTRATTAMENTO RIABILITATIVO DOPO EVENTO ACUTO CHE NON HA RICHIESTO ILRICOVERO:•VALUTAZIONE RIABILITATIVA TERRITORIALE visita specialistica per valutazione riabilitativa•VALUTAZIONE RIABILITATIVA DOMICILIARERichiesta su modulo da inviare al Centro di Salute che ne curerà l’i nvio al rispettivo Servizio diRiabilitazione Territoriale.PROTOCOLLO OPERATIVO DI VALIDAZIONE DELL’EROGATO (art 50 del D.L. 296 /2003)
  3. 3. REPARTO OSPEDALIERO SERVIZI SOCIALI NVT.(Inf. Fam) UNITA’ DI VALUTAZIONE RIABILITATIVA CENTRALE CONTINUITÀ MMG OSPEDALE TERRITORIO PROTESICA .
  4. 4. 1. Interventi clinico assistenziali QUALI INTERVENTI ? realizzabili esclusivamente al domicilio ai fini del risultato 2. Istruzioni ai famigliari e care giver per le attività assistenziali quotidiane 3. Educazione e informazione a paziente e famigliari sulle strategie di mantenimento delle migliori autonomie possibili 4. Identificazione degli ausili e modifiche ambientali adeguati, in relazione alle capacità del paziente e al contesto di vita. .
  5. 5. QUALI CRITERI?1. Pazienti in dimissione ospedaliera inseriti in percorsi riabilitativi aziendali: frattura di femore, stroke, grave cerebrolesione, mielolesione, con progetto riabilitativo2. Pazienti in dimissione ospedaliera che necessitano di sostegno all’autonomia per il rientro a domicilio3. Pazienti in dimissione ospedaliera che necessitano di intervento riabilitativo a domicilio, con progetto riabilitativo4. Pazienti che necessitano di interventi indirizzati al sostegno all’autonomia non in dimissione ospedaliera . .
  6. 6. QUALI PRESUPPOSTI?1. Presenza di barriere architettoniche che non consentono il trasporto se non con più persone2. Condizione clinica a rischio di aggravamento nel trasporto presso i servizi ambulatoriali o per i quali il trasporto influirebbe negativamente sul beneficio dell’attività svolta ambulatorialmente3. Necessità di interventi volti alle funzioni di vita quotidiana al domicilio .
  7. 7. Percorso Bisogno Riabilitativo Semplice Richiesta valutazione funzionaleMMMG/altri Per bisogno riabilitativo semplicespecialisti (counselling, addestramento, ADL…) Richiesta medicaInfer.territorialeAssistente sociale Segnalazione bisogno Scheda dimissioniEduc.professionale Riabilitativo semplice protetteMedico specialista/ Scheda segnalazioneinfermiere repartodimettente Documentazione Valutazione fisioterapica specificaFisioterapista Necessità n. accessi NO Rivalutazione Domiciliari Documentazione Fisioterapista? Con inviante specifica SI DocumentazioneFisioterapista Accessi Domiciliari Fisioterapista specifica Cartella riabilitativa NO Rivalutazione conFisioterapista Risposta al bisogno? inviante DocumentazioneMMG/Specialista SI Specifica Attivazione Medico Relazione di fineFisioterapista Specialista trattamento Fine percorso
  8. 8. Percorso Bisogno Riabilitativo Complesso MMG/altri specialisti Richiesta intervento Richiesta medica RiabilitativoAltrispecialisti Domiciliare (con Progetto Riab.vo Individuale) Progetto Riabilitativo .. Invio ad Altro Individuale Percorso Aziendale NO Fisiatra Necessità di trattamento Documentazione sanitaria Riabilitativo Specifica Domiciliare? Progetto Riabilitativo Individuale SI Inserimento lista d’attesa per Fisiatra Trattamento riabilitativo domiciliare (con Progetto Riabilitativo Inserimento lista attesa Individuale) Documentazione Per trattamento riabilitativo specificaFisioterapista domiciliareAbilitatoFisioterapista Attivazione fisioterapisti Unità Assistenziale o fisioterapisti privato accreditatoCoordinatore U.A.. Documentazione specifica Definizione e attuazione intervento riabilitativo NOMMG/Medico Rivalutazione Documentazione specifica Risposta al bisogno? paziente Valutazione clinicaspecialista SIFisioterapista Documentazione specifica Relazione di fine FINE PERCORSO trattamento
  9. 9. Infer.territoriale, Segnalazione bisogno Assistente sociale,Educ. riabilitativo semplice Professionale, Medico specialista/Infermiere Richiesta di valutazione funzionale reparto dimettente per ausili a domicilio ( ad Richiesta medica eccezione ausili nursing) MMMG/altri specialisti Accesso domiciliare per valutazione funzionaleFisioterapista Rivalutazione con inviante Documentazione sanitaria relativa NO Necessità Ausili?Fisioterapista SI Proposta ausiliFisioterapistaFisioterapista e Team Condivisione NO Accesso domiciliare medico specialistacoinvolto:medico specialista, proposta in teamautorizzatore ,fisioterapista,amministrativo…. SI Referto medico Prescrizione ausilio specialistaMedico Specialista Magazzino Autorizzazione Consegna dell’ausilio Ditte convenzionate (magazzino o nuovo ) secondo procedure Modulistica specifica Fisioterapista Ufficio protesi Fine percorso
  10. 10. MMG REPARTO UU.OO SERVIZI SERVIZI INFERMIERESPECIALISTI DEGENZA OSPEDALI SOCIALI SOCIALI . Valutazione del bisogno . Definizione livelli di priorità . Tempestività della risposta . Pianificazione dell’intervento . Integrazione altri professionisti PERCORSO PERCORSO PERCORSO BISOGNO RIABILITATIVO AUSILI BISOGNO RIABILITATIVO COMPLESSO PER L’AUTONOMIA SEMPLICE
  11. 11. AUSILI PER LE CURE DOMICILIARI DEL DISABILEGRAVE
  12. 12. AUTONOMIAACCESSIBILITA ’ AUSILI ASSISTENZA PERSONALE Andrich, 2007
  13. 13. » ACCESSIBILITA’(design fo all) » Adattamento dell’ambiente a tutte le persone che ne usufruiscono• AUSILI (assistive technology) – Tecnologie specializzate che permettono l’adattamento individuale della persona all’ambiente • Dispositivi per superare barriere all’accessibilità (montascale) • Dispositivi atti a compensare determinate limitazioni funzionali (carrozzine, comunicatori)• ASSISTENZA PERSONALE – Aiuto fisico di altre persone per svolgere determinate attività della vita quotidiana
  14. 14. Ausilio nell’ICIDH (1980) AUSILIO La disabilità è attributo della persona PATOLOGIA MENOMAZIONE DISABILITÀ HANDICAP > > > molecolare Malattia organo persona interpersonale o disturbo o persona/ cellulare ambiente tessutale aterosclerosi paralisi . cura ictus afasia personale ruolo les. cerebrale . mobilità lavorativo .comunicazioneQualsiasi prodotto, strumento, attrezzatura o sistema tecnologico, di produzionespecializzata o di comune commercio, utilizzato da una persona disabile per prevenire,compensare, alleviare o eliminare una menomazione, disabilità o handicap (ISO 9999, 1998)
  15. 15. Ausilio nell’ICF La disabilità non è (2001)Condizione di salute attributo della persona ma è una AUSILIO (malattia/disturbo) situazione Funzioni & Strutture Attività Partecipazione corporee (limitazione) (restrizione) (menomazione) Fattori ambientali Fattori personaliQualsiasi prodotto (inclusi dispositivi, apparecchiature, strumenti, sistemi tecnologici,software), di produzione specializzata o di comune commercio, atto a prevenire,compensare, tenere sotto controllo, alleviare o eliminare menomazioni, limitazioni nelleattività o ostacoli alla partecipazione” (ISO 9999, 2007)
  16. 16. Ausili e e1) Prodotti e tecnologie riabilitazione e2) Ambiente naturale e cambiamenti ambientali effettuati dall’uomo e3) Relazioni e sostegno sociale e4) AtteggiamentiDisablement functioning e5) Servizi, sistemi e politiche Attività Funzioni del corpo e Partecipazione Fattori e strutture Ambientali Strutture Funzioni Capacità Performance Facilitatori Barriere Protesi d’arto, ortesi Carrozzina, auto Montascale, gamba-piede adattata telecomandi
  17. 17. ClassificazioneA funzionale degli ausilis Andrich, 2007si • Compensare limitazionis funzionalit – Protesi iv – Ortesie • Compensare limitazionet nell’attivitàe – Adattativich • Rimuovere barrieren dell’ambienteol – Ambientalio • Rendere più sicuro e meno Sostenere specifici interventigy gravoso il compito della persona riabilitativi o educativi che assiste Rehabilitation technologies – Assistenziali Educational technologies • Sostenere funzioni vitali – Terapeutici • Facilitano l’autonomia in presenza di disturbi cognitivi – Cognitivi
  18. 18. La strategia assistivaCONTENUTO TECNOLOGICO • Rimozione della necessità dell’attività • Rimozione dell’ostacolo GRADO DI DIPENDENZA • Modifica dell’ostacolo • Strategia sostitutiva semplice • Strategia sostitutiva complessa • Ausili tecnici a bassa tecnologia • Ausili tecnici ad alta tecnologia • Aiuto umano
  19. 19. Progetto individuale www.siva.it• La prescrizione di un ausilio è anello importante di una in una programmazione riabilitativa individuale, accanto a molteplici fattori medici, terapeutici, tecnici, sociali, familiari, motivazionali, psicologici• Non esistono soluzioni univoche legate a una patologia o categoria di persone (tetraplegici)• Esistono obiettivi specifici di autonomia: realizzare una determinata attività in un determinato ambiente da parte di una persona con determinate limitazioni funzionali in modo da non trovarsi in situazione di disabilità
  20. 20. Progetto individualeTRE DIMENSIONI PER UN TRE PRINCIPI PER OBIETTIVO DI L’APPROPRIATEZZA DELLA AUTONOMIA SCELTA ATTIVITA’ COMPETENZA AMBIENTE CONTESTUALITA’ PERSONA CONSONANZA
  21. 21. Autonomia ed ambiente (IOM 1997)
  22. 22. Normativa Nazionale• Decreto Ministero della Sanità 27 agosto 1999 n. 332: regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell’ambito del SSN: modalità di erogazione e tariffe• Decreto Ministero della Sanità 31 maggio 2001 n. 321: modifica del regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell’ambito del SSN
  23. 23. Normativa Nazionale• Decreto Ministero della Sanità 27 agosto 1999 n. 332: regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell’ambito del SSN: modalità di erogazione e tariffe• Decreto Ministero della Sanità 31 maggio 2001 n. 321: modifica del regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell’ambito del SSN
  24. 24. Normativa Nazionale Decreto Ministero della Sanità 27 agosto 1999 n. 332:regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell’ambito del SSN: modalità di erogazione e tariffe Decreto Ministero della Sanità 31 maggio 2001 n. 321:modifica del regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell’ambito del SSN
  25. 25. Alcune delibere regionali in attuazione del DM 332/99• DGR n. 333 del 19/03/2003 Linee di indirizzo regionali sui percorsi prescrittivi di ausili e protesi;• DGR n. 1293 del 29/07/2005 Requisiti minimi strutturali, organizzativi e di personale necessari per l’iscrizione nell’elenco regionale delle Aziende fornitrici di protesi, ortesi e ausili di cui al DM 332/99;• DGR n. 777 del 21/05/2007 Revisione DGR n. 333/2003 documento vincolante sulla strutturazione dei percorsi prescrittivi ausili e protesi• DGR n. 332 del 31/03/2008 Documento vincolante sui percorsi prescrittivi dei ventilatori polmonari e dispositivi correlati;• DGR n. 657 del 09/06/2008 Modalità e tempi di effettuazione del collaudo di ausili e protesi di cui al D.M. 332/99;• DGR n. 950 del 28/07/2008 Istituzione Elenco regionale dei medici prescrittori di ausili e protesi di cui al D.M. 332/99• DGR n . 138 del 09/02/2009 Linee vincolanti regionali sui percorsi prescrittivi degli ausili per la comunicazione e dispositivi correlati
  26. 26. DGR n. 333 del 19/3/2003 “Linee di indirizzo regionali sui percorsi prescrittivi di ausili e protesi”• Percorso prescrittivo: Prescrizione, autorizzazione, fornitura, collaudo e addestramento all’uso• Progetto riabilitativo: l’ausilio deve essere inserito nel suo interno andando a costituire parte di uno specifico programma• Prescrizione multidisciplinare: è effettuata dallo specialista competente o dalla équipe muldisciplinare previa valutazione e verifica compresa valutazione ambientale-domiciliare ove necessaria• Centro Ausili : è un centro di informazione e consulenza finalizzato ad indirizzare gli utenti verso la conoscenza la scelta e l’utilizzo degli ausili• Ausili Tecnologici: tecnologia avanzata per migliorare la qualità della vita delle persone disabili
  27. 27. Alcune delibere regionali in attuazione del DM 332/99 DGR n. 333 del 19/03/2003 Linee di indirizzo regionali sui percorsi prescrittivi di ausili e protesi;DGR n. 1293 del 29/07/2005 Requisiti minimi strutturali, organizzativi e di personale necessari per l’iscrizione nell’elenco regionale delle Aziende fornitrici di protesi, ortesi e ausili di cui al DM 332/99;DGR n. 777 del 21/05/2007 Revisione DGR n. 333/2003 documentovincolante sulla strutturazione dei percorsi prescrittivi ausili e protesi DGR n. 332 del 31/03/2008 Documento vincolante sui percorsi prescrittivi dei ventilatori polmonari e dispositivi correlati; DGR n. 657 del 09/06/2008 Modalità e tempi di effettuazione del collaudo di ausili e protesi di cui al D.M. 332/99; DGR n. 950 del 28/07/2008 Istituzione Elenco regionale dei medici prescrittori di ausili e protesi di cui al D.M. 332/99 DGR n . 138 del 09/02/2009 Linee vincolanti regionali sui percorsi prescrittivi degli ausili per la comunicazione e dispositivi correlati
  28. 28. DGR n. 333 del addestramento all’uso collaudo e 19/3/2003 “Linee di Percorso prescrittivo: Prescrizione, autorizzazione, fornitura, Progetto riabilitativo: l’ausilio deve essere percorsi interno indirizzo regionali sui inserito nel suo andando a costituire parte di uno specifico programma prescrittivi di ausili e protesi ” Prescrizione multidisciplinare: è effettuata dallo specialista competente o dalla équipe muldisciplinare previa valutazione everifica compresa valutazione ambientale-domiciliare ove necessariaCentro Ausili : è un centro di informazione e consulenza finalizzatoad indirizzare gli utenti verso la conoscenza la scelta e l’utilizzo degli ausili Ausili Tecnologici: tecnologia avanzata per migliorare la qualità della vita delle persone disabili
  29. 29. DGR n. 777 del 21/5/2007 “Revisione DGR n. 333/2003. Documento vincolante sullastrutturazione dei percorsi prescrittivi ausili e protesi”I dispositivi prescrivibili si distinguono in due macrocategorie: Dispositivi assistenziali: di norma sono ausili di serie che non rientrano in un progetto riabilitativo individuale Dispositivi riabilitativi: di norma sono ausili personalizzabili che rientrano in un progetto riabilitativo individuale
  30. 30. DGR n. 777 del 21/5/2007 “Revisione DGR n. 333/2003. Documento vincolante sulla strutturazione dei percorsi prescrittivi ausili e protesi” Prescrizione Protesica Assistenziale Procedura Tipologia di utenzaTipologia di ausili (es. sponde letto, sollevatore mobile, materasso antidecubito) Prescrizione Protesica Riabilitativa Procedura Tipologia di utenzaTipologia di ausili (tutti gli ausili previsti dal D.M. 332/89 e quelli a loro riconducibili)
  31. 31. DISTRETTO ALTOTEVERESCHEDA DI RIABILITAZIONE DOMICILIAREValutazione Riabilitativa : Valutazione Ausili Riabilitativi:Al Centro di Salute diNome Cognome Data di nascitaIndirizzo: via Città telefonoFamiliare di riferimento telefonoMMG telefonoDiagnosi principale Diagnosi secondarie: Diagnosi secondarie:Tipologia della Disabilità:Il paziente proviene da recente ricovero: Si  No Ausili in uso:Progetto riabilitativo in atto o ADI Si  No Firma del medicoData richiesta:
  32. 32. DISTRETTO ALTOTEVERE DISTRETTO ALTOTEVERESCHEDA DI RIABILITAZIONE DOMICILIARE SCHEDA DI RIABILITAZIONE DOMICILIAREValutazione Riabilitativa : Valutazione Ausili Riabilitativi:Al Centro di Salute diNome Cognome Data di nascitaIndirizzo: via Città telefonoFamiliare di riferimento telefonoMMG telefonoDiagnosi principaleDiagnosi secondarie:Tipologia della Disabilità:Il paziente proviene da recente ricovero: Si  No Ausili in uso:Progetto riabilitativo in atto o ADI Si  No Firma del medicoData richiesta: Diagnosi principale
  33. 33. DISTRETTO ALTOTEVERE DISTRETTO ALTOTEVERESCHEDA DI RIABILITAZIONE DOMICILIAREValutazione Riabilitativa : Valutazione Ausili Riabilitativi:Al Centro di Salute diNome Cognome Data di nascitaIndirizzo: via Città telefonoFamiliare di riferimento telefonoMMG telefonoDiagnosi secondarie: Diagnosi principaleTipologia della Disabilità:Il paziente proviene da recente ricovero: Si  No Ausili in uso:Progetto riabilitativo in atto o ADI Si  No Firma del medicoData richiesta:SCHEDA DI RIABILITAZIONE DOMICILIAREAl Centro di Riabilitativa :Valutazione Salute di Valutazione Ausili Riabilitativi:Nome Cognome Data di nascitaIndirizzo: via Città telefono
  34. 34. DISTRETTO ALTOTEVERE SERVIZIO AUSILI Centro di Salute via Vasari, 5 tel. 0758509996/3408740753 09016 Città di Castello (PG) Dott.ssa Ft. Ferrara Alessandra
  35. 35. SERVIZIO AUSILI sedi1. Centro di salute di Città di Castello (ausiloteca)2. Centro di salute di San Giustino3. Centri di salute di Umbertide
  36. 36. AUSILI ASSISTENZIALI• l’utente residente nell’ASL1 con invalidità civile e con la proposta prescrittiva del proprio m.m.g. telefonicamente prende appuntamento all’Ufficio protesi (ex Inam) per i centri di salute di Città di Castello e San Giustino all’ufficio protesi di Umbertide per il Centro di salute di Umbertide.
  37. 37. SERVIZIO AUSILI Riferimenti normativi• Deliberazione Giunta Regionale n.777 Strutturazione dei percorsi prescrittivi ausili e protesi;• Decisione amministrativa del D.G. n.739 recepimento n.777;• D.A. del D.G. n.349 del 12 maggio 2009 regolamento per la concessione degli ausili.
  38. 38. SERVIZIO AUSILI• Funzioni/competenze•• del Servizio Ausili (Deliberazione della• Giunta Regionale 21/05/2007 n 777):
  39. 39. SERVIZIO AUSILI Informazione rivolta a: M.M.G. Familiari Caregiver Stroke Unit U.O. ospedaliere
  40. 40. SERVIZIO AUSILI Consulenza: tipologia di ausili e il loro utilizzo; valutazioni per adattamenti ambientali;
  41. 41. SERVIZIO AUSILI• funzioni di Centro spoke per la valutazione dei cat (comunicatori ad alta tecnologia) per persone con gravissime disabilità secondo quanto previsto dalla deliberazione della giunta regionale del 09/02/2009 n.138.
  42. 42. Servizio Ausili ricezione del bisogno Fisioterapista dedicata Fisiatra M.M.G. Informazione ausili Valutazione a domicilioAusilio riabilitativo Ausilio assistenziale Prescrizione Proposta prescrittiva Ufficio assistenza protesica Centro di salute Servizio ausili Autorizzazione Fornitura Addestramento alluso Collaudo

×