Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

È venuto da noi

410 views

Published on

Storie, libri, fumetti, presentazioni, video e pagine da colorare gratuite per bambini - www.freekidstories.org

Published in: Spiritual
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

È venuto da noi

  1. 1. È venuto da noi Non esistono documentazioni storiche della data della nascita di Gesù. Si sono fatte alcune ipotesi – alcuni dicono in primavera, altri in autunno – ma nessuno sa con certezza in che giorno nacque. Non c’è una prova storica che sia nato il 25 dicembre. In realtà si cominciò a celebrare la nascita di Gesù in quella data solo attorno al 350 d.C. Poi ci vollero centinaia di anni prima che il Natale fosse ampiamente accettato dai Cristiani come una celebrazione della nascita di Gesù. Man mano che le popolazioni dell’impero romano si convertivano, molte delle loro tradizioni vennero incorporate nelle festività cristiane. Recentemente stavo leggendo la storia del Natale e dell’origine delle varie tradizioni natalizie. Mi ha colpito che una delle verità più fondamentali riguardanti Gesù è che Lui accetta ognuno di noi così come siamo. Gesù capisce la grande varietà di culture e sfondi culturali e invece di esigere che la gente rinunci a tutto quello che conosce e gradisce, entra a far parte del nostro mondo. Gesù ti viene incontro lì dove sei.
  2. 2. Gesù non crea una curva d’apprendimento enorme per arrivare a conoscerlo. Non pretende che cambi prima di accettarti. Non aspetta fino a che hai raggiunto un certo livello di perfezione prima di riceverti. Gesù dice che accetterà chiunque andrà da Lui. Chiunque tu sia, non ti rigetterà. Se andrai da Lui, ti accoglierà a braccia aperte. Mentre leggevo la storia di Gesù, è stato interessante notare come si adattava per soddisfare i bisogni di ogni persona con cui veniva in contatto. Quando era con Nicodemo — un intellettuale, un membro importante del clero del tempio – Gesù gli parlò in modo da stuzzicare il suo interesse e sfidare il suo intelletto. [1] Quando era con i bambini, li prese fra le braccia e parlò con loro. [2] Quando era con pubblicani e peccatori, andò a casa loro, mangiò, bevve e rise con loro. [3] Un paio di volte, dopo aver insegnato alla folla, si rese conto che la loro maggior preoccupazione era la fame, così li sfamò. [4] In mezzo a una folla o individualmente, Gesù fece il necessario per raggiungere ogni persona e dimostrarle il suo amore. [1] Giovanni 3,1–21. [2] Marco 10,13–16. [3] Matteo 9,10. [4] Matteo 14,13–21; Marco 6,30–44; Luca 9,10–17; Giovanni 6,1–15.
  3. 3. Gesù visse e morì in questo modo; questo fu l’unico motivo per cui venne sulla terra. Divenne come noi. Prese forma umana e si abbassò al nostro livello. Ebbe a che fare con la vita quotidiana, la fame e la fatica. A volte deve essersi sentito scoraggiato. Ma ebbe le nostre stesse esperienze umane per provare quello che sentiamo e capire le cose che sono importanti per noi. Può prendere le cose che tu conosci e ami – quelle che sono importanti per te, come le tue tradizioni natalizie – e dare loro un significato ancora più grande. Così, mentre ti godi le tue feste, mentre apri i regali, canti e mangi cibi buoni, lascia che queste cose ti ricordino il profondo amore di Gesù per te. Prendi ognuna delle tradizioni che ti piacciono e fatti indirizzare da loro verso il grande dono che Gesù ha fatto a ognuno di noi venendo sulla terra, vivendo e morendo per noi. Adapted from My Wonder Studio. Published by www.freekidstories.org

×