2.Il Risorgimento italiano e le riv.naz.

2,226 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,226
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
40
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2.Il Risorgimento italiano e le riv.naz.

  1. 1. 2- Il Risorgimento italiano e le rivoluzioni nazionali RISORGIMENTO: con questo termine si indica un processo della storia d’Italia, iniziato dopo il Congresso di Vienna, che durò alcuni decenni e che portò il nostro Paese, suddiviso in tanti stati e controllato dagli Austriaci, ad essere UNICO, LIBERO ED INDIPENDENTE . Dopo il 1815 si diffusero, in Italia ed in Europa, le società segrete, a cui aderivano coloro che si dichiaravano contrari alla monarchia assoluta o volevano l’indipendenza per la propria nazione. In Italia, la più diffusa era la Carboneria. DOVE : in molte zone, in particolare nel Regno delle Due Sicilie, nello Stato della Chiesa, in Lombardia e in Piemonte, ma senza collegamento fra i vari gruppi PERCHE’ : per l’indipendenza italiana, ma senza un piano preciso CHI : era composta da borghesi liberali, ma anche da professionisti, studenti universitari o ufficiali e soldati che avevano combattuto negli eserciti di Napoleone CHE COSA : i Carbonari organizzarono le prime ribellioni contro le monarchie assolute
  2. 4. MOTI DEL 1820-21 Spagna, gennaio 1820 Napoli, luglio 1820 Piemonte, marzo 1821 Grecia, marzo1821 Nel 1823 intervento della santa Alleanza Repressione da parte delle truppe austriache Repressione da parte del re di Sardegna Carlo Felice Repressione da parte delle truppe austriache Indipendenza della Grecia (1830)
  3. 5. MOTI DEL 1830-31 Francia:Carlo X emana le ordinanze liberticide Paesi Bassi, 1830 Polonia, 1830 Italia (Modena, Parma, Stato della Chiesa) Rivoluzione del luglio 1830 a Parigi Concessione dell’indipendenza del Belgio Repressione da parte delle truppe russe Repressione da parte delle truppe austriache Luigi Filippo d’Orleans nuovo re di Francia per volontà popolare Luigi Filippo, quando si ribellarono Belgio e Polonia, proclamò il principio del non intervento, dichiarando che la Francia si sarebbe opposta all’intervento di qualsiasi potenza negli affari interni degli Stati in cui le popolazioni erano insorte. Ciò contraddiceva la Santa Alleanza. La Francia cercò l’alleanza con l’Inghilterra e i due Paesi riconobbero l’indipendenza del Belgio. IL DOMINIO DELLA SANTA ALLEANZA ERA DEFINITIVAMENTE INFRANTO
  4. 6. I moti del ‘20-21 e del ‘30-31 stimolarono molte riflessioni su come liberare l’Italia dagli stranieri, in particolare dall’Austria . Le posizioni erano diverse: MOVIMENTO LIBERALE MODERATO: MONARCHIA COSTITUZIONALE MOVIMENTO LIBERALE DEMOCRATICO: REPUBBLICA MOVIMENTO NEOGUELFO: CONFEDERAZIONE DI STATI GUIDATA DAL PAPA MOVIMENTO FEDERALISTA: FEDERAZIONE DI STATI CAMILLO BENSO conte di Cavour VINCENZO GIOBERTI MAZZINI CATTANEO E FERRARI
  5. 7. <ul><li>Libertà dei popoli </li></ul><ul><li>Giovine Italia (nuova società segreta) </li></ul><ul><li>Giovine Europa </li></ul>1833-34: azioni insurrezionali fallite Le teorie di Mazzini ebbero scarso seguito fra le masse
  6. 8. CAMILLO BENSO conte di Cavour

×