Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Introduzione a SBN (Servizio Bibliotecario Nazionale)

3,595 views

Published on

Lezione tenuta al Corso di Perfezionamento in saperi storici e nuove tecnologie, Percorso archivistico-bibliotecario, da Francesca Russo, Napoli, Università Federico II, 19 maggio 2007

Published in: Education, Business
  • Be the first to comment

Introduzione a SBN (Servizio Bibliotecario Nazionale)

  1. 1. Introduzione a SBN Francesca Russo http://www.storia.unina.it/snsp
  2. 2. Il Progetto SBN SBN è il progetto principale del Ministero dei ➲ Beni Culturali La riflessione su SBN nasce nel corso degli ➲ anni '70 Uno sguardo alla bibliografia su SBN ➲ > http://www.iccu.sbn.it/upload/documenti/BibSBN1979-2006.pdf 2
  3. 3. SBN: da Sistema a Servizio In un primo momento l'obiettivo sembrò ➲ essere la creazione di un sistema di biblioteche Rapidamente il peso si spostò sulla ➲ creazione di servizi La creazione dei servizi e di una comunità ➲ realmente cooperativa è stato un processo lento e mai del tutto concluso 3
  4. 4. SBN: Tappe principali [1] Nel 1985 si sono avviati i due Poli, snodi ➲ principali, delle due maggiori biblioteche italiane: La Centrale di Firenze, agenzia della Bibliografia  Italiana La Centrale di Roma, che cura la pubblicazione del  BOMS e che, per la ricchezza delle sue collezioni antiche, è la biblioteca di riferimento per la catalogazione del libro antico Le basi dati fino a questo momento sono ➲ quelle del libro antico e del libro moderno I periodici sono tutti gestiti nella base dati ➲ del libro moderno 4
  5. 5. SBN: Tappe principali [2] Successivamente si creano altri Poli e nel ➲ 1992 nasce la struttura Indice SBN che permette il dialogo e la condivisione delle notizie tra Poli locali e Indice nazionale 5
  6. 6. Nuovi modelli del lavoro bibliotecario: l'outsourcing in SBN La prima fase del lavoro in SBN richiede ➲ l'immissione di una massiccia mole di dati Le biblioteche non hanno la possibilità di ➲ provvedere al trattamento di decine di migliaia di record catalografici Si raggruppano imprese che provvedono – ➲ tramite l'assunzione di centinaia di giovani – a catalogare libri moderni italiani (BNI), stranieri (BOMS), libri antichi, musica, periodici. Più recentemente si sono avviati progetti di catalogazione retrospettiva, basati sulla conversione dei cataloghi cartacei in formato elettronico 6
  7. 7. L'OPAC Indice Nel 1997 viene pubblicato l'OPAC SBN, ➲ dove periodicamente sono riversati i dati provenienti dal sistema Indice SBN Grazie all'OPAC gli utenti remoti possono ➲ localizzare le notizie e avere informazioni sulle consistenze delle edizioni e dei periodici 7
  8. 8. SBN on line Dal 2000 è possibile interrogare insieme, ➲ oltre al catalogo SBN, anche i cataloghi di biblioteche e altri contenitori culturali (musei e archivi) che utilizzano il protocollo Z39.50 > http://sbnonline.sbn.it/zgw/homeit.html Si possono finalmente attivare i servizi ILL e ➲ DD attraversi i moduli di richiesta on line delle biblioteche che partecipano al prestito Il passaggio dalla semplice informazione e ➲ localizzazione alla fornitura in originale o in copia rappresenta un punto di svolta per la comunità SBN 8
  9. 9. Il nuovo Indice MARC [1] Lo sviluppo del nuovo Indice è derivato ➲ dalla necessità di rendere compatibili lo standard SBN con gli standard MARC diffusi nel mondo in ambito bibliotecario; Dalla necessità di favorire lo scambio dei ➲ dati a livello internazionale; Dalla necessità di aprire il colloquio a basi ➲ dati e reti non SBN 9
  10. 10. Il nuovo Indice MARC [2] La struttura del protocollo SBN MARC è ➲ caratterizzata da: compatibilità con il protocollo SBN attualmente in uso  negli applicativi locali e nell’Indice attuale; massima semplicità di colloquio tra livello periferico e  livello centrale; incremento delle possibilità di ricerca e identificazione  degli oggetti presenti nel catalogo centrale; incremento della gestione di Authority File (titoli di  raggruppamento, autori, soggetti/classi, marche, ecc.) flessibilità di utilizzo del servizio centrale da parte dei  sistemi locali, tramite la definizione di profili di accesso al sistema centrale 10 facilità di evoluzione del protocollo verso la risoluzione  di nuove richieste di servizio
  11. 11. L'architettura Client / Server [1] Il progetto Client/Server è frutto di una lunga ➲ riflessione sui cambiamenti degli applicativi gestionali e sulle nuove opportunità tecniche: interfaccia grafica, strutture relazionali, procedure modulari che consentono alti livelli di personalizzazione, ecc. Ai due livelli tradizionali del lavoro in SBN ➲ (Polo/Indice) si aggiunge il livello Biblio, dove è possibile gestire funzioni e servizi prima impensabili 11
  12. 12. L'architettura Client / Server [2] L'applicativo viene fornito gratuitamente alle ➲ biblioteche che intendono adottarlo La manutenzione è a carico dell'ICCU ➲ Il modulo di assistenza ai bugs C/S viene ➲ curato dal CILEA > http://assistenzasbn.cilea.it/main_page.php 12
  13. 13. Poli Unix C / S La sperimentazione Unix C/S è iniziata con ➲ il Polo ligure e con Poli interessati alla sua sperimentazione, in primo luogo il CILEA (che lo ha sperimentato in ambiente multiserver e collabora con l'ICCU, nella cura dell'assistenza ai Poli, attraverso il sw Mantis) In seguito altri Poli hanno adottato C/S, ➲ compreso il Polo NAP, ed oggi i Poli C/S sono circa 15 13
  14. 14. Interfaccia Diretta Interfaccia Diretta (ID) è la procedura con cui ➲ oggi interroghiamo il nuovo Indice SBN MARC Con un'autorizzazione dell'ICCU gli utenti ➲ operano in modalità di gestione e servizio direttamente sulla struttura centrale Attraverso ID possiamo interrogare una banca ➲ dati SBN più ricca: vediamo la base dati musicale, le marche (corredate di file digitale), banche dati di materiali speciali, attualmente integrabili nella base dati SBN. 14
  15. 15. Polo NAP della Biblioteca Nazionale di Napoli [1] Il Polo NAP aderisce a SBN nel 1989 e dal ➲ 1990 inizia le attività di catalogazione Al Polo partecipano circa 60 biblioteche di ➲ svariate tipologie (pubbliche statali, di enti locali, private, scolastiche, universitarie) Dal 2005 è attivo l'applicativo UNIX C / S ➲ È disponibile una sezione on line ➲ interamente dedicata al Polo e a UNIX C / S > http://www.bnnonline.it/polosbn/polo.htm 15
  16. 16. Polo NAP della Biblioteca Nazionale di Napoli [2] Il Polo si è dotato di un OPAC collettivo su cui ➲ sono state attivate le funzioni di servizio > http://polosbn.bnnonline.it/SebinaOpac/Opac Ogni biblioteca decide – in base alle proprie ➲ scelte – di partecipare ad alcuni servizi, parametrizzando la biblioteca e i propri utenti 16
  17. 17. I Servizi di SBN I servizi di SBN sono erogati attraverso SBN ➲ on line, l'OPAC di Polo o di biblioteca Attraverso un modulo on line è possibile ➲ autoregistrarsi ed effettuare le richieste sul documento Per il Polo NAP l'indirizzo è ➲ > http://83.103.45.90/servizi/login.pl 17
  18. 18. Modulo dei servizi del Polo NAP 18
  19. 19. Prospettive future: il nuovo C / S [1] Attualmente l'ICCU è impegnato nel ➲ rifacimento dell'applicativo Client / Server L'architettura, web-based, prevede client di ➲ uso comune (Explorer, Mozilla...), un Application server che riceve le richieste da parte degli utenti del Polo, un OPAC server per gestire l'OPAC di Polo La comunicazione con l'Indice avverrà ➲ attraverso il protocollo SBN MARC 19
  20. 20. Prospettive future: il nuovo C / S [2] Il nuovo applicativo sarà sviluppato con ➲ software open source Si atterrà ai criteri dell'usabilità e della ➲ accessibilità Permetterà all'utente la personalizzazione e il ➲ salvataggio delle richieste 20
  21. 21. SBN e la Biblioteca digitale 21
  22. 22. Alcuni esempi in UNIX C / S e ID 22
  23. 23. 23
  24. 24. 24
  25. 25. 25
  26. 26. 26
  27. 27. 27
  28. 28. 28
  29. 29. 29
  30. 30. 30
  31. 31. 31
  32. 32. 32
  33. 33. 33
  34. 34. 34

×