IX SUMMIT SULL’INDUSTRIA     DELLA COMUNICAZIONE    DELLA COMUNICAZIONE   I nuovi attori «sopra la rete» e la             ...
Le 3 fasi di internet                  Il sistema OTT                  Il i t       OTT                    Il sistema ICT ...
Le 3 fasi di InternetI 40 anni di vita di Internet potrebbero    Una fase che si apre con la rincorsa a creare business es...
La fase III: di consolidamentoInternet è diventato spazio di condivisione vitale per la stragrande maggioranzadelle person...
Uno scontro tra sistemi?EE’ un fatto però che l’innovazione digitale che è in questo momento storico in       fatto, però,...
Il “sistema” OTT  SERVIZI OVER­THE­TOP: UNA DEFINIZIONECon l’espressione “servizi over the top” si indicano genericamente ...
Il mercato dei servizi over the top:                                                   le economie di rete                ...
Il mercato dei servizi over the top:                                                                                the wi...
Il mercato dei servizi over the top:                                              una possibile classificazione           ...
Il mercato dei servizi over the top:                                                                   i modelli di busine...
Il “sistema” ICTL’economia europea risulta molto più telecom centered rispetto agli Usa:• i It li l uniche 2 i  in Italia ...
Le TLC sono in sofferenzaIl mercato delle Tlc, dopo la grande crescita generata dalle liberalizzazioni deglianni ’     ’90...
…non più compensate dalla crescita del                                                      broadband nel fisso…          ...
…e alla ricerca di nuovi schemi di business nel                                              broadband mobileAnche nelle t...
…anche per l’impatto dell’integrazione verticale tra                terminali e contenuti e del successo degli application...
Terzo angolo del triangolo è l’utente                                               finale…                               ...
La conoscenza dettagliata dell’utente è il                       punto nodale dei nuovi business                      punt...
Sulla governance delle informazioni si                                      giocheranno diverse partite…                  ...
… e con questi temi si dovrà confrontare il                                                legislatoreChi riuscirà ad adat...
Le prossime tappe dell’Osservatorio→          economicasi intende affrontare il tema dell’evoluzione sostenibile della cat...
Alcuni interrogativi aperti• Come può l’Europa favorire la nascita di imprese europee competitive con gliOTT?• E’ corretto...
Grazie per l’attenzione                             Osservatorio OTT 2011                             O         i OTT 2011...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

XIV Rapporto IEM presentazione Flavia Barca

1,171 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

XIV Rapporto IEM presentazione Flavia Barca

  1. 1. IX SUMMIT SULL’INDUSTRIA  DELLA COMUNICAZIONE DELLA COMUNICAZIONE I nuovi attori «sopra la rete» e la  FONDAZIONE ROSSELLIsostenibilità della filiera di internet Istituto di Economia dei Media Osservatorio OTT 2011 Flavia Barca Direttore Istituto di Economia dei Media
  2. 2. Le 3 fasi di internet Il sistema OTT Il i t OTT Il sistema ICT L’utente finale FONDAZIONE ROSSELLI Istituto di Economia dei Media Le sfideProssime tappe dell’Osservatorio Q Qualche domanda apertap
  3. 3. Le 3 fasi di InternetI 40 anni di vita di Internet potrebbero  Una fase che si apre con la rincorsa a creare business essere sintetizzati in 3 fasi online, attraversa l’esplosione della bolla speculativa e  si chiude con l’emersione di nuovi attori globali che  Un primo periodo di lenta scoperta  impongono modelli di business completamente nuovi  delle sue potenzialità e sostanziale  centrati sull’economia di rete, la capacità di  deregulation dei flussi sociali ed  deregulation dei flussi sociali ed monetizzare gli utenti ma soprattutto le informazioni  monetizzare gli utenti ma soprattutto le informazioni economici sulla rete da questi veicolate, ed una forza del brand dirompente una terza fase  che potremmo  definire di  definire di consolidamento
  4. 4. La fase III: di consolidamentoInternet è diventato spazio di condivisione vitale per la stragrande maggioranzadelle persone connesse con numeri destinati a crescere connesse, 2 miliardi di utenti Internet 800 milioni di iscritti a Facebook 1,2 miliardi di connessioni broadband mobili 500 milioni di smartphone oltre 3 miliardi di visualizzazioni al giorno e 48 ore di video caricate ogni minuto su YouTubecon conseguenti impatti sia sia a livello economico… sia a livello economico… a livello sociale… ‐ primavera araba e le vere e  ‐ la catena del valore della Rete si va  proprie rivoluzioni avvenute in  l evidenziando Nord Africa, che hanno portato alla  ‐ il mercato dei servizi sopra la rete si va  fine dei regimi di Ben Ali, Mubarak  fortemente concentrando e Gheddafi e Gheddafi ‐ gli utenti iniziano ad accettare  ‐ rivolte di New York e Washington,  gradualmente abbonamenti o micro  gli Indignados e l’Occupy Wall  pagamenti per accedere a contenuti  Street pregiati ed esclusivi.  pregiati ed esclusivi
  5. 5. Uno scontro tra sistemi?EE’ un fatto però che l’innovazione digitale che è in questo momento storico in fatto, però, l innovazionegrado di generare maggiore valore economico e maggiore valore di brand, e cheincide in tempo reale sui processi economici ancorché sociali, è un’innovazione“fuori dalle reti” e che quindi per tradizione non nasce in Europa ma negli Usa fuori reti quindi, tradizione,o in altri sistemi economici emergenti. Un’innovazione potremmo dire “sopra larete”, e difatti l’acronimo con il quale vengono spesso identificati soggetti comeYouTube, Apple,YouTube Apple Google o Facebook è “OTT”, over the top che include tutti quei OTT top,fornitori di servizi sulla rete Internet che sono soggetti terzi e indipendenti daiprovider di connettività.Non è un caso che questi operatori non si siano sviluppati in Europa, un’areasottoposta ad alti vincoli normativi, ancora estremamente frammentata, dove leimprese hanno una scarsa propensione al rischio Quello che si va a delineare rischio. delineare,quindi, è uno scontro tra sistemi contrapposti, un sistema europeo TLC‐centric eun sistema Usa OTT‐centric.
  6. 6. Il “sistema” OTT  SERVIZI OVER­THE­TOP: UNA DEFINIZIONECon l’espressione “servizi over the top” si indicano genericamente servizi che l espressione servizi top indicano, genericamente,sono forniti sulla rete Internet da soggetti terzi e indipendenti dai provider diconnettivitàLA PRINCIPALE CARATTERISTICA: LE ECONOMIE DI RETENegli ultimi anni i modelli di business interni alla catena verticale del valore diInternet sono sempre meno basati sul controllo delle infrastrutture e sempre piùorientati al controllo dei contenuti e delle applicazioni interattive checaratterizzano il Web 2.0, rendendo l’informazione la leva strategica di tutti i l informazionebusiness online.
  7. 7. Il mercato dei servizi over the top:  le economie di rete le economie di reteGli OTT, per la loro natura, sono a tutti gli effetti dei servizi di rete e presentano, quindi, tutte le principali caratteristiche economiche dei cosiddetti presentano quindi tutte le principali caratteristiche economiche dei cosiddettinetwork products OVER THE TOP E  ECONOMIE DI RETECARATTERISTICHE DELLE  • Concentrazione, effetti di rete e costi di transizione  ECONOMIE DI RETE rendono il mercato degli OTT un mercato con  • Concentrazione elevate barriere all’ingresso dove competere sulla  • Economie di scala medesima tipologia di servizio risulta spesso  p g p • Effetti di rete molto difficile • Dimensioni globali • Il vantaggio del primo entrante è spesso  • Logica few­to­many g f y fondamentale • Effetti di lock in e alti  • Vale la logica “the winner takes all”, che porta  costi di transizione all’affermazione di player di grandi dimensioni,  con cui è molto difficile competere p
  8. 8. Il mercato dei servizi over the top:  the winner takes all the winner takes allTHE WINNER TAKES ALLQuesta logica implica che nel momento in cui un soggetto economico supera la quota di Q t l i i li h l t i i tt i l t dimercato del suo concorrente, tende a raggiungere quote di mercato sempre più grandi fino ad arrivare al 100% ed è alla base delle guerre di standard e della concorrenza per l affermazione di servizi OTT tra loro sostituibilil’affermazione di servizi OTT tra loro sostituibili Utenti di Facebook e  MySpace a confronto, 2007­2011 Un esempio del modo in cui la 900 880 logica winner takes all funziona 800 nel mercato dei servizi OTT è 700 costituito dalla battaglia milioni utenti unici 600 600 MySpace e Facebook, in cui il 500 secondo è riuscito a scardinare 400 il mercato del primo entrante, 350 300 costruendo un network di 200 211 utenti molto solido e 114 100 60 45 apparentemente difficile da 50 0 109 20 scalfire 2007 2008 2009 2010 2011 Facebook MySpace Fonte: IEM 
  9. 9. Il mercato dei servizi over the top:  una possibile classificazione una possibile classificazioneI servizi OTT sono scomponibili in 6 macroaree:MOTORI DI RICERCA MOTORI DI RICERCAApplicazioni che permettono di rintracciare  Google QQ PORTALIrisorse associate a parole chiave Baidu WindowsLive IMDB ESPN Editori onlineSOCSOCIAL MEDIA Bing Yahoo! Ask Libero AOLPiattaforme che facilitano le discussioni, la  FilesTubepartecipazione e la condivisione di  The Pirate Bay Wikipediacontenuti/ informazioni in rete Torrentz DailyMotion AGGREGATORIAGGREGATORI Vimeo MegavideoServizi che riuniscono specifici tipi di  Hulu YouTubeinformazioni o contenuti MySpace Blogspot AdultiE­COMMERCE Netflix Tumblr MSN OrkutSoggetti attivi nel processo di compravendita S i i i l di di Amazon iTunes Store iTunes Store Blogger Digg Facebook SlideSharedi prodotti o servizi online. E‐Bay Skype Twitter Badoo Wal‐Mart Online LinkedInHOSTING ­ FILE SHARING Booking.com Megaupload FlickrServizi di archiviazione che offrono spazio sui  E‐COMMERCE Rapid Share DropBox Adult FriendFinderpropri server FILE SHARING  SOCIAL MEDIAPORTALI (hosting)siti organizzati in qualità di accessi , spesso  Fonte: Elaborazione IEM seg e tat te at ca e te, a co te ut esegmentati tematicamente, a contenuti e informazioni presenti su internet
  10. 10. Il mercato dei servizi over the top: i modelli di business i modelli di businessI modelli adottati dagli attori OTT  si estendono lungo un continuum che va dalla fornitura completamente gratuita del servizio per l utente finale, a servizi freefornitura completamente gratuita del servizio per l’utente finale a servizi freefinanziati da pubblicità, fino ad offerte completamente a pagamento.  MODELLI FREE MODELLI PAY free Free Trial dono Freemium transazioni Infomediary E‐commerce Affiliazioni sottoscrizioni Pay per use ad‐based Baratto Search Reti  Scambio  Vendita o  Metered aste E‐tailer pubblicitarie banner noleggio  consume contenuti Display Audience Estensione  Pay per  Marketplace Pay per  rating negozio fisico e view click Membership M b hi sponsorizzazioni Incentive Internet  video Pagamento marketing Portale Revenue produttore sharing Internet  Service  animazioni Service  Provider Vendita Provider Distributori Noleggio email Licenza Cloud/  Storage Ricerca classified E‐commerce  digitale Gruppi di Gruppi di Mobile ad acquisto Fonte: Elaborazione IEM 
  11. 11. Il “sistema” ICTL’economia europea risulta molto più telecom centered rispetto agli Usa:• i It li l uniche 2 i in Italia le i h imprese I t a fi Ict figurare t l prime 250 d l mondo sono tra le i del dTelecom Italia e Wind,• in Gran Bretagna: BT, Talk Talk, Virgin Media, Vodafone,•i F in Francia: F i France T l Telecom e Al t l L Alcatel Lucent, t• in Germania: Deutsche Telekom e Siemens Relativamente al proprio core business,  R l i l i b i Questi soggetti sono caratterizzati da  capitalizzano “solo” il valore della  un alto livello di “materialità”, poco  propria rete, la quale richiede elevati  “cool” e molto connotati (sia nel  investimenti di costruzione, gestione e  i i i di i i brand che nell’organizzazione  innovazione, e per la quale il costo di  aziendale) dalla propria origine di  ) p p g un utente aggiuntivo è spesso  monopolio statale o comunque dalla  estremamente incidente (specie  d ( propria natura primigenia di public  quando quest’ultimo si trova in zone  utility y impervie, lontano dai grandi centri  urbani)
  12. 12. Le TLC sono in sofferenzaIl mercato delle Tlc, dopo la grande crescita generata dalle liberalizzazioni deglianni ’ ’90, d ll’ dall’avvento d ll telefonia mobile e d ll d ff delle l f bl dalla diffusione d ll b d l della banda larga,vive dal 2007 una fase di stagnazione e arretramento. Le tlc fisse risultano in perdita dal 2006, le tlc mobili dal 2008 p Apice del comparto tlc  Il mercato delle telecomunicazioni: 1991 – 2010 (mln €) totali Apice del comparto tlc fisse Apice del comparto tlc  mobili Communications Fonte: elaborazione Iem su dati Agcom e Assinform Netconsulting
  13. 13. …non più compensate dalla crescita del  broadband nel fisso… broadband nel fisso Mercato dei servizi di rete fissa per categorie 2000-2010 (mln €)TraT i servizi di rete fi i i t fissa,il vistoso calo dellafonia (­4,5 mld dal 2000al 2010) l 2010)… Ricavi da accesso ad internet su totale ricavi da tlc fisse 2000-2010 (mld €) …è stato compensato solo parzialmente dall’ascesa del broadband, cresciuto da 0,5 a 3,5 mld e arrivato a generare il 23,5% dei ricavi complessivi di rete fissa
  14. 14. …e alla ricerca di nuovi schemi di business nel  broadband mobileAnche nelle tlc mobili si osserva la progressiva saturazione del mercato voce el’esplosione del mercato dei dati, servizi a valore aggiunto e, più di recente, quello esp os o e de e cato de dat , se a o e agg u to p ù d ece te, que odella fornitura dell’accesso ad internet. l’offerta dei pacchetti di minuti ha parzialmente frenato la diffusione dei serviziche offrono chiamate in modalità over‐the‐top. Nella fornitura di  Mercato dei servizi di rete mobile per categorie 2000-2010 (mln €)connettività mobile si connettività mobile sidiffonde un modello “semiflat” : navigazione navigazioneteoricamente illimitata ma drastica riduzione della riduzione dellavelocità di navigazione una volta superata la soglia mensilesoglia mensile Fonte: elaborazione Iem su dati Agcom e Assinform Netconsulting
  15. 15. …anche per l’impatto dell’integrazione verticale tra  terminali e contenuti e del successo degli application store Il successo degli application store (in particolare Apple e Google) ha impattatodecisamente sul mercato mobile: diminuisce il valore del mercato complessivo di contenuti e applicazionimobili(‐27%)mobili( 27%) gli operatori telco si concentrano sulla fornitura di connettività (+50%) Ricavi mercato mobile: accesso, contenuti e pubblicità, 2008-2010 2010 2009 2008 ∆% 10-09 ∆% 10-08 Mobile internet 538 423 360 27,19 49,44 Mobile content pay 545 596 744 -8,56 -26,75 - di cui d appl. store i da l 51 24 6 112,50 112 50 750,00 50 00 Mobile advertising 38 33 32 15,15 18,75 Totale 1.121 1.052 1.136 6,56 -1,32 Note: dati in milioni di euro. Fonte: elaborazione IEM su dati Polimi
  16. 16. Terzo angolo del triangolo è l’utente  finale… finale… sempre più avido di servizi in rete, specie servizi video che costituiscono il40% del traffico on‐line, sempre più pro‐sumer di contenuti, sempre piùdipendente da un determinato contenuto/servizio e dal device di fruizione e p /sempre più indifferente alla rete che lo veicola ma non alle politiche di pricing diquest’ultima, unica leva competitiva in mano alle TLC.Al contempo un utente che esprime nella rete un bisogno di protagonismo e dimessa in scena (messa in rete) caratteristico del post‐modernismo (o del suosuperamento, secondo alcuni), percepito come libertà suprema di espressione,ma al contempo anche massimo pericolo di perdita della propria libertàintesa come privacy, cioè di un chiaro distinguo della propria sfera personaledi riferimento, all’interno di un processo che alcuni hanno definito “di all interno diprivatizzazione della conoscenza collettiva”.
  17. 17. La conoscenza dettagliata dell’utente è il  punto nodale dei nuovi business punto nodale dei nuovi businessLa mole di informazioni che lo riguardano (dalla profilazione dei suoigusti, ai suoi amici etc) ‐ che operatori (OTT o TLC o broadcaster pay chesiano) acquisiscono all’attivazione d ll’ bb i ) i i ll’ i i dell’abbonamento o d ll’ dell’accesso allservizio e arricchiscono nel corso della “relazione” con l’utente – è il grandeterreno di battaglia dei prossimi anni.La gestione di questi dati fortemente sensibili è strettamente regolata inEuropa (o meglio relativamente alle aziende europee) mentre lo è moltomeno negli Usa, e questo “ l “squilibrio” regolatorio viene capitalizzato d l lb ” l l dagliOTT oltreoceano.
  18. 18. Sulla governance delle informazioni si  giocheranno diverse partite…  giocheranno diverse partite…Il mercato di internet è destinato a crescere e ad avere un impatto sempre p pmaggiore sulla società e l’economia, ma è un mercato che sarà sempre piùaperto ad una molteplicità di attori per via dell’abbattimento delle barriereg ggeografiche determinate da Investimenti nelle tecnologie di rete fissa e mobile 1991-2010 (mln €)protocolli sempre più universaliche viaggiano su reti differenti.Si delinea quindi uno scenariodove il flusso dei ricavi e quellodegli investimenticostituiscono due vettoriscollegati tra loro. Il rischio èquello di un forte trasferimento diricchezza tra Unione Europea eNord America con un effettosostanziale sulla divisioneinternazionale del lavoro lavoro. Fonte: elaborazione Iem su dati Agcom e Assinform Netconsulting
  19. 19. … e con questi temi si dovrà confrontare il  legislatoreChi riuscirà ad adattare e ad i i ià d d d interpretare i f futuri fl i i f i flussi informativi sarà il vincitore i i à i idella contesa per gli anni a venire.L’internet del futuro, in un’ottica di evoluzione che volge all’interazione e gprossimamente all’incorporamento degli oggetti, sembra avere bisogno semprepiù di standard condivisi e il Cloud computing apre prospettive enormi da questoppunto di vista.Occorre dunque ripensare le politiche pubbliche e il loro impatto su un mercatoestremamente strategico e destinato ad accrescere costantemente la propriaimportanza,importanza sia sul piano economico che sociale sociale.Questo è lo spirito con il quale si sta muovendo il nostro Osservatorio che, nelcorso del 2012, proseguirà lungo tre direttive principali:
  20. 20. Le prossime tappe dell’Osservatorio→ economicasi intende affrontare il tema dell’evoluzione sostenibile della catena del valore diInternet esaminando più nel dettaglio gli economics della rete e dei diversi attoriche compongono la filiera p g→ regolatorio/giuridicada un lato si intende sviluppare un approfondimento intorno al tema chiave dellatutela del consumatore (che implica questioni come la trasparenza e la privacy),dall’altro ci si vuole interrogare sul ruolo che devono svolgere gli attori politici eistituzionali in un mercato ormai fortemente liberalizzato, come quello delle TLC edi internet→ culturale/educativala Fondazione Rosselli reputa fondamentale affrontare il tema della “digital‐literacy ,literacy”, sia relativamente al digital divide, sia per la centralità che oggi, all’interno all internodi un concetto di “cittadinanza attiva”, deve assumere una chiara consapevolezzadei diritti, delle opportunità e delle minacce presenti in Rete.
  21. 21. Alcuni interrogativi aperti• Come può l’Europa favorire la nascita di imprese europee competitive con gliOTT?• E’ corretto intraprendere una politica industriale “protezionistica” di supportodei campioni nazionali/europei?• La strada è abbassare l’asticella normativa per tutti o alzarla per tutti? p p• Come proteggere la libertà e la globalizzazione dei flussi e delle scelte diinformazione (l’utente di internet non giudica più concepibile il mancato accessoad un servizio disponibile ad es negli Usa perché la rete ha educato la es. Usa,popolazione mondiale ad un concetto di libertà e internazionalizzazione mai vistiprima) salvaguardando al contempo le economie locali?
  22. 22. Grazie per l’attenzione Osservatorio OTT 2011 O i OTT 2011 a cura di di:Flavia Barca, Giulia Berni, Francesca Burichetti, Cristina Murroni,  Lorenzo Principali Istituto di Economia dei Media segreteria@fondazionerosselli.it www.fondazionerosselli.it  Tel. 0039.06.6869502

×