Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Progetto Telemouse: Dipendenze patologiche di ieri e oggi [Sibilla Aleramo]

1,888 views

Published on

Le slide sono state prodotte nell'ambito dei corsi di informatica per la terza età "Telemouse" presso l'I.I.S. Sibilla Aleramo (Roma)

http://www.mondodigitale.org

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Progetto Telemouse: Dipendenze patologiche di ieri e oggi [Sibilla Aleramo]

  1. 1. Dipendenze Patologiche <ul><li>L’organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) descrive il concetto di dipendenza patologica o di sindrome della dipendenza come “Quella condizione psichica e talvolta anche fisica, derivante dall’interazione tra un organismo vivente e una sostanza tossica, caratterizzata da risposte comportamentali e da altre reazioni, che comprendono sempre un bisogno compulsivo di assumere la sostanza in modo continuativo o periodico, allo scopo di provare i suoi effetti psichici e talvolta di evitare il malessere della sua privazione”. </li></ul><ul><li>Dipendenze da sostanze e dipendenze comportamentali (New Addictions) </li></ul><ul><li>Sono entrambe caratterizzate da: </li></ul><ul><li>Sensazione di impossibilità di resistere all’impulso di mettere in atto il comportamento (compulsività) </li></ul><ul><li>Sensazione crescente di tensione che precede immediatamente l’inizio del comportamento ( Craving ) </li></ul><ul><li>Piacere o sollievo durante la messa in atto del comportamento </li></ul><ul><li>Percezione di perdita di controllo </li></ul><ul><li>Persistenza del comportamento nonostante la sua associazione con conseguenze negative. </li></ul>
  2. 2. L' alcolismo è una sindrome patologica determinata dall'assunzione acuta o cronica di grandi quantità di alcol. Quando si comincia ad assumere alcolici in quantità eccessive (causa bisogno di essere approvato, impulsività, scarsa autostima, gestione emozioni dolorose, “cura” disturbi mentali), subentra la dipendenza fisica, il che significa che l'alcol è diventato l'unico mezzo per non provare disagio. L’ alcolismo procura dei danni direttamente sul fisico (fegato, cuore,apparato digerente ecc..) e danni psicologici (deliri, allucinazioni, depressione, suicidio ecc..). Il programma di disintossicazione per alcolisti si occupa di reintegrare completamente l'organismo con rimedi fisici e psicologici.
  3. 3. Droga è un termine che indica in senso generale sostanze di origine naturale o sintetizzate in laboratorio aventi proprietà non comuni, normalmente intese in relazione all'organismo umano. Nel linguaggio comune sono dette droghe: sostanze utilizzate nella preparazione di cibi per dare un sapore particolare(spezie); sostanze che provocano alterazioni della percezione della realtà e/o dello stato di coscienza (stupefacenti), o in grado di incidere sulle prestazioni e/o capacità psico-fisiche e che spesso inducono forme di dipendenza fisica o psicologica.
  4. 4. Il tabagismo, meglio conosciuto come l'azione del fumare, è l'atto di bruciare le foglie secche della pianta del tabacco e inalare il fumo derivato per piacere, per fini rituali, come abitudine o dipendenza. Il fumo di tabacco contiene nicotina, un alcaloide stimolante che crea dipendenza e che migliora temporaneamente la memoria, l‘umore e la velocità dei riflessi, ma genera anche una forte dipendenza chimica, sia fisica sia psicologica. La nicotina, come tutti gli stimolanti, può anche aumentare l‘ansia, la difficoltà nel riposo e i disturbi del sistema metabolico. Ricerche mediche hanno determinato che il fumo è uno dei maggiori fattori che contribuiscono a provocare problemi di salute, specialmente il tumore al polmone, l‘enfisema e le malattie cardiovascolari.
  5. 5. Dipendenza da Cellulare Come la televisione e il computer, anche il telefonino rappresenta uno strumento tecnologico di crescente utilizzo che, come dimostrano recenti e numerosi studi, è anche un oggetto verso il quale si può sviluppare una vera e propria forma di dipendenza. Con la crescita del numero e dei modelli di cellulari, nonché dei servizi offerti attraverso il telefonino, si assiste infatti all’incremento di casi di quella che, in alcuni paesi, è già diventata una “malattia sociale” e che è stata definita “telefonino-dipendenza”, “cellularomania” o “cellulare-addiction”. Inizialmente, il cellulare era uno strumento essenziale, alla portata di pochi, il cui possesso assolveva alla funzione di rendere costantemente rintracciabili in tempo reale un numero privilegiato di utenti “socialmente impegnati ed importanti”. Ben presto il cellulare ha cominciato a rispondere e ad alimentare il bisogno comune di essere vicini, superando i confini dello spazio e del tempo, trasformando profondamente le possibilità delle relazioni quotidiane, favorendo la possibilità di aumentare le occasioni di intimità e, talvolta, anche quelle di violazione della libertà e degli spazi personali.
  6. 6. Shopping Conpulsivo <ul><li>Comprare oggetti sempre più costosi, sempre più spesso e senza un motivo preciso, sono le caratteristiche principali di questa che ormai viene definita una vera e propria malattia (definita come Sindrome da shopping convulsivo). A differenza degli altri disturbi però questo dello shopping viene visto in maniera meno &quot;spaventata&quot; dalla società: la mancanza del rischio oggettivo e concreto di mettere a repentaglio la propria vita, induce nella società una visione poco critica delle conseguenze che lo shopping compulsivo può generare nella vita dei soggetti dipendenti. Il fenomeno inizia a preoccupare quando : </li></ul><ul><li>quando il denaro speso è eccessivo rispetto alle proprie reali possibilità economiche; - quando gli acquisti vengono fatti più volte nell’arco della settimana; - quando non importa cosa si compera (profumi, detersivi o formaggi): ciò che conta è possedere qualcosa di nuovo; - quando il mancato acquisto crea pesanti crisi di ansia e frustrazione; - quando la “dedizione” alle spese rappresenta un comportamento nuovo rispetto al passato. </li></ul>
  7. 7. A cura di: Lucia Carusoni & Marina Fidanza (Tutor) Classe 3 A I.I.S. &quot;Sibilla Aleramo&quot;, Roma

×