Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

A scuola di Diitti Umani: le principali violazioni nella Storia

478 views

Published on

Marcello Floris, accademico ed esperto di Diritti Umani è intervenuto nel progetto A scuola di Diritti Umani, realizzato con il contributo di Fondazione cariplo dal festival dei Diritti Umani di Milano.
www.festivaldirittiumani.it

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

A scuola di Diitti Umani: le principali violazioni nella Storia

  1. 1. Con il contributo
  2. 2. Le principali violazioni dei diritti umani Marcello Flores
  3. 3. Marcello Flores My Lai, radiografia di un massacro Arianna Editrice 28.03.2006 (vai all’articolo)
  4. 4. Due capi dei Khmer rossi, Khieu Samphan e Nuon Chea, chiedono per la prima volta pubblicamente perdono, per i delitti da loro commessi, alle loro vittime e ai loro familiari. Il genocidio in Cambogia fa parte del triste florilegio di genocidi del ventesimo secolo. Partito con il genocidio degli armeni nella prima guerra mondiale, poi la Shoah, c’è poi questo episodio veramente allucinante dal 1975 – 1979 in Cambogia, seguirà poi tristemente il genocidio dei Tutsi in Ruanda nel ’94. La cosa importante è che si inserisce il genocidio in Cambogia in questo grande periodo di guerra fredda che si è riverberato dalla guerra di Corea alla guerra del Vietnam per finire per coinvolgere Cambogia, Laos e Thailandia. Il genocidio cambogiano (1) Rai Storia 100 secondi con: Marcella Emiliani, Docente di storia politica Medio Oriente e Africa – Università di Bologna Forlì (video)
  5. 5. Il genocidio cambogiano (2) Pol pot nel 1975 conquista Phnom Phen, abbatte il regime di Long Lot e si mette in testa di creare l’uomo nuovo socialista. Per raggiungere lo scopo, evacua tutte le città cambogiane e raduna tutta la popolazione, perdendo centinaia di migliaia di persone per la strada, in campi di rieducazione. All’interno di questi campi li costringe a lavorare senza neanche poter manifestare affetto per i familiari, perché l’affetto veniva considerato una degenerazione borghese. Si è trattato di un omicidio pianificato di una nazione. Se era per Pol Pot potevano rimanere, su 6 milioni di partenza, un milione di veri comunisti cambogiani. Nel ’79 sono arrivati i vietnamiti per mettere fine a questo episodio agghiacciante della guerra fredda in Asia. Rai Storia 100 secondi con: Marcella Emiliani, Docente di storia politica Medio Oriente e Africa – Università di Bologna Forlì (video)
  6. 6. Il genocidio cambogiano (vai al video)
  7. 7. Diventato presidente del Sudafrica, Nelson Mandela si è trovato a gestire un’eredità politica pesantissima, ha dovuto garantire il passaggio dal regime di Apartheid alla democrazia. Il suo capolavoro politico nonostante i molti errori che indubbiamente ha commesso, è quello di aver favorito la nascita della famosa ormai, “Commissione per la verità e la riconciliazione”, che lavorò tre anni, in modo molto intenso e drammatico, con l’obiettivo di raccontare la verità, tutta la verità possibile su quello che era successo in Sudafrica negli anni del regime di Apartheid. La scelta coraggiosa quale è stata? Quella di porre un’alternativa molto secca tra verità e perdono. Mandela e la riconciliazione del Sudafrica (1) Rai Storia 100 secondi con: Alessandro Campi, Docente di storia di dottrine politiche – Università di Perugia (video)
  8. 8. È stato un modello, quello perseguito dal Sudafrica, sul quale probabilmente anche altri paesi che hanno conosciuto analoghe tragedie, come per esempio la Cambogia o altri paesi africani, dovrebbero riflettere. Molti hanno infatti preferito perseguire la strada dell’oblio al prezzo della verità. I criminali, i massacratori, coloro che avevano subito torture e violenze, le vittime oltre agli aguzzini sono stati chiamati in Sudafrica, a raccontare cosa era successo, in forma pubblica. Il lavoro della commissione è stato anche una specie di psicodramma, ma alla fine il Sudafrica ne è uscito in maniera conciliata. Si è perdonato, ma al tempo stesso si è riusciti a conoscere la verità su quegli anni drammatici. Mandela e la riconciliazione del Sudafrica (2) Rai Storia 100 secondi con: Alessandro Campi, Docente di storia di dottrine politiche – Università di Perugia (video)
  9. 9. Commissione per la verità e la riconciliazione sudafricana Udienza a Jeff Benzien (vai al video)
  10. 10. Claudio Bazzocchi Il Tribunale Penale Internazionale per la ex- Jugoslavia Osservatorio Balcani e Caucaso - Transeuropa 17.05.2002 (vai all’articolo)
  11. 11. Il Tribunale penale internazionale per l’ex- Jugoslavia delle Nazioni Unite (ICTY) è stato chiuso dopo 24 anni di lavori Il Post 22.12.2017 (vai all’articolo)
  12. 12. Marcello Flores (Padova, 1945) ha insegnato Storia contemporanea e Storia comparata nell’Università di Siena, dove ha diretto anche il Master in Human Rights and Genocide studies, e nell’Università di Trieste. Tra i suoi libri: Il secolo del tradimento. Da Mata Hari a Snowden 1914-2014, (il Mulino, 2017), Il genocidio degli armeni (il Mulino, nuova ed. 2015), Traditori. Una storia politica e culturale (il Mulino, 2015), Storia dei diritti umani (il Mulino, nuova ed. 2012), La fine del comunismo (Bruno Mondadori, 2011) e 1917. La Rivoluzione (Einaudi, 2007). Con Feltrinelli ha pubblicato Tutta la violenza di un secolo (2005) e La forza del mito. La rivoluzione russa e il miraggio del socialismo (2017). Marcello Flores
  13. 13. Con il contributofestivaldirittumani.it #ioalzolosguardo

×