Seminario Museimpresa (Ottobre 2013)

339 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
339
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Seminario Museimpresa (Ottobre 2013)

  1. 1. Diritto d’autore, mondo digitale e licenze Creative Commons Seminario Museimpresa 2013 4 ottobre 2013 Federico Morando Questa presentazione è rilasciata con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo - Italia 3.0 e include parte di una presentazione elaborata da Massimo Travostino (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/it/)
  2. 2. Di cosa parliamo? Es.: Bundesarchiv & Wikipedia ● The New York Times, January 19, 2009: ● [...] Last month, in what is believed to be the largest donation online of “free” photographs — that is, unrestricted for commercial or noncommercial use — the German national archive uploaded nearly 100,000 historical photographs to the Wikimedia Commons, the virtual archive for material used in Wikipedia articles. ● Wikipedia articles include only photographs that have been licensed in the freest way, and there must be a stipulation that the copyright holder either agrees to such terms or that no one holds a copyright. ● [...] The photographs donated by the German archive have a lower resolution than what you would see in print (those still cost money), but are fine for online use. These lower-resolution photographs have been available at thearchive site, although watermarked and with rules against commercial use (an unreasonable restriction by Wikipedia terms). The archive agreed to change, recognizing that the number of people who visit Wikipedia so dwarfs its own online visitor traffic.
  3. 3. Esempi di eccellenza anche in Italia
  4. 4. Il contesto delle licenze CC ● Le licenze CC affondano le radici nella filosofia del software libero e open source – condivisione del codice sorgente per migliorarlo, ma anche creare business su servizi e prodotti complementari – progetti come Wikipedia hanno mostrato come questo approccio possa funzionare anche in altri contesti
  5. 5. Il contesto delle licenze CC 2001, Stanford Law School, Lawrence Lessig Creative Commons (creativecommons.org) è un'organizzazione no-profit fondata nel 2001 L'Italia è uno dei primi paesi in cui sono state “portate” (tradotte & adattate) le licenze CC: 2004
  6. 6. Il contesto delle licenze CC Creative Commons Italia (CCIT) è il gruppo di lavoro italiano affiliato a Creative Commons e parte del progetto CC Affiliate Network. Il gruppo di lavoro volontario è formato da giuristi, tecnologi ed altri esperti, che sin dal 2003 si occupano della traduzione italiana delle licenze Creative Commons e del loro adattamento al sistema giuridico nazionale. Il gruppo di lavoro è coordinato dal Centro Nexa su Internet & Società del Politecnico di Torino
  7. 7. I presupposti delle licenze: “All Rights Reserved” ● Il diritto d’autore (copyright) offre automaticamente il massimo grado di protezione possibile al creatore di un'opera: – protezione completa (con “tutti i diritti riservati” all’autore/detentore); – per la massima durata del diritto d’autore (es. vita dell’autore + 70 anni!); – nessuna formalità è richiesta per godere di questi diritti ● neppure l’apposizione di una nota sul diritto d’autore (o della famosa ©)
  8. 8. I presupposti delle licenze: “All Rights Reserved” Al contrario di quanto previsto per altri diritti di proprietà intellettuale (tipicamente: i brevetti), i diritti esclusivi sorgono in capo all'autore dell'opera dell'ingegno – a prescindere dal fatto che costui lo sappia, o ne sia consapevole. – Se l'autore intende consentire la circolazione o determinati utilizzi dell'opera, deve formalmente esplicitarlo, altrimenti ogni utilizzo è da considerarsi illegittimo.
  9. 9. L’alternativa Creative Commons: “Some Rights Reserved” ● La redazione di licenze e contratti di diritto d'autore è complessa e spesso insidiosa se non viene seguita da esperti legali ● Le licenze Creative Commons offrono ai titolari dei diritti che desiderino consentire determinati utilizzi delle proprie opere una serie di proposte standard secondo il modello ‘alcuni diritti riservati’ ● Le licenze offrono inoltre una soluzione standardizzata per fruitori e “riutilizatori”, così riducendo i costi di transazione (in senso lato)
  10. 10. L’alternativa Creative Commons: “Some Rights Reserved” Come funzionano le licenze CC ? vari moduli vengono combinati (volendo, in risposta a semplici domande), stabilendo ● quali diritti l’autore voglia riservarsi ● quali diritti l’autore voglia condividere
  11. 11. Due domande fondamentali? ● Permetti che la tua opera venga utilizzata a scopi commerciali? – Sì – No ● Permetti che la tua opera venga modificata? – Sì – Sì, fintanto che gli altri condividono allo stesso modo – No
  12. 12. Come si sceglie la licenza ?
  13. 13. Licenze Creative Commons 6 combinazioni possibili:6 combinazioni possibili: Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo Attribuzione - Non commerciale Attribuzione - Non opere derivate Attribuzione - Condividi allo stesso modo Attribuzione
  14. 14. Un considerevole sforzo comunicativo ● “Commons deed” – la versione “comprensibile ad esseri umani” ● Traduzioni – adattamento ai sistemi giuridici nazionali ● Gestione dei metadati – filtro per licenza tramite Google, Yahoo, etc. – add-on per Office, OpenOffice, Firefox, etc. ● Siti web comprensibili e FAQs – www.creativecommons.org – www.creativecommons.it
  15. 15. Comprensibile a computer ed esseri umani (non solo giuristi)
  16. 16. Commons Deed
  17. 17. Licenza comprensibile per computer: i metadati
  18. 18. L’alternativa Creative Commons: “Some Rights Reserved” Alcuni punti cardine e alcuni luoghi comuni da sfatare: 1) le licenze sono basate sul diritto d’autore, non in contrapposizione: nemo plus iuris transferre potest quam ipse habet
  19. 19. L’alternativa Creative Commons: “Some Rights Reserved” 2) Le licenze non proteggono, ma aprono (gestiscono i diritti in modo più permissivo, con alcuni paletti, es. Non Commerciale) 3) Le licenze Creative Commons non registrano alcuna opera o diritto: non ci sono elenchi o registri centralizzati di opere sotto licenze CC (benché terze parti offrano tali servizi)
  20. 20. L’alternativa Creative Commons: “Some Rights Reserved” 4) CC e gestione collettiva: es. diritti gestiti da SIAE con mandato esclusivo → incompatibilità (varie soluzioni già sperimentate all'estero + possibili sviluppi in corso) 5) Non esclusive 6) Irrevocabili, “licenze al portatore” (anche se si può cessare la distribuzione) 7) Per tutto il mondo e per tutti i media (non solo online)
  21. 21. Le licenze CC versione 3.0 Lanciate in Italia il 25 giugno 2011 Gestione più raffinata dei diritti morali: art. 1 licenziante e autore possono essere più di uno; art. 3 lett. b) opere derivate, deve esserci una chiara indicazione delle modifiche apportate;
  22. 22. Alcuni casi esemplari di uso delle CC La Stampa, inserti TuttoScienze, TuttoLibri e TuttoSoldi sotto licenza CC BY-NC-ND 2.5; alla fine del 2010 ha rilasciato l'intero proprio proprio archivio storico in licenza CC (http://www3.lastampa.it/archivio-storico/) .
  23. 23. Alcuni casi esemplari di uso delle CC
  24. 24. Alcuni casi esemplari di uso delle CC Il Fatto Quotidiano per la pubblicazione delle proprie notizie e Internazionale utilizza le licenze CC 3.0 unported
  25. 25. Alcuni casi esemplari di uso delle CC
  26. 26. Casi d'uso licenze CC ● Diverse opere scientifiche ● Apogeo - Kowalski (gruppo Feltrinelli) – romanzo di Francesca Ferrando "Belle anime porche" ● Piemme - Voci (Gruppo Mondadori) – romanzo di Carlotta Mismetti Capua “Come due stelle nel mare” – nasce da progetto "La città di Asterix" su Facebook
  27. 27. Casi d'uso licenze CC
  28. 28. Casi d'uso licenze CC
  29. 29. Casi d'uso licenze CC ● Svariati enti pubblici, come Regione Piemonte: licenze CC e dati pubblici
  30. 30. Casi d'uso licenze CC Tranne per i materiali specificamente ed espressamente indicati come diversamente tutelati, i contenuti del sito sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribution CC BY 2.5
  31. 31. Liberi tutti: CC0 ● Rinunciare a tutti i diritti d’autore e connessi (inclusi quelli sulle banche di dati) su un’opera – in ogni caso, allentare il più possibile i legami giuridici con quell’opera ● Waiver of rigths: rinuncia ad ogni diritto – in subordine, licenza gratuita ed irrevocabile – in subordine, impegno a non esercitare i diritti rimasti in capo al detentore

×