Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
stampa | chiudi
Copyright © RIP Srl
Rete Carburanti venerdì 14 novembre 2014
di Gabriele Masini
Rete carburanti, l'accordo...
riutilizzo del sito. Senza, al contempo, introdurre nuovi contributi per le chiusure che, in un mercato
disastroso e senza...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Rete Carburanti - Convegno Nov14 su razionalizzazione e bonifiche

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Rete Carburanti - Convegno Nov14 su razionalizzazione e bonifiche

  1. 1. stampa | chiudi Copyright © RIP Srl Rete Carburanti venerdì 14 novembre 2014 di Gabriele Masini Rete carburanti, l'accordo possibile Uno scivolo per facilitare le bonifiche, non solo dal punto di vista procedurale ma soprattutto per quanto riguarda la certezza dei costi, e un'attuazione reale ed efficace delle regole sugli impianti incompatibili. Sembrano questi i due punti minimi su cui potrebbe coagularsi un consenso al tavolo ministeriale per la razionalizzazione della rete carburanti. Un anno fa, quando il ministero dello Sviluppo economico presentò agli operatori il ddl sulla razionalizzazione, furono i rappresentanti dei retisti a bloccarne l'iter, contrari all'introduzione di nuove fattispecie di incompatibilità e all'introduzione di nuovi contributi per le chiusure. Un anno dopo il ministero ha di nuovo chiamato tutti i protagonisti attorno a un tavolo. E, per quanto le posizioni siano ancora distanti, alcune novità potrebbero facilitare la strada verso una soluzione condivisa. A partire da quelle messe sul tavolo dal ministero. Nell'ultimo anno sono state presentate 660 domande per l'accesso al Fondo indennizzi – e c'è ancora tempo fino alla fine dell'anno per chiudere gli impianti e per i successivi sei mesi per fare richiesta dei finanziamenti. Partiamo dunque da una base di almeno 660 impianti in meno. Si tratta solo di un decimo dell'obiettivo di 5-7.000 impainti dichiarato dal ministero un anno fa, ma è pur sempre un inizio. La secondo novità è il decreto che il ministero dell'Ambiente sta elaborando per semplificare le procedure di bonifica dei punti vendita. La terza è il completamento dell'anagrafe degli impianti, che consentirà al ministero di non procedere a tastoni e, anzi, di poter calibrare le misure su una realtà molto articolata e differenziata. Anche il mercato ha continuato a mandare segnali importanti, chiusure a parte. L'ultimo anno ha visto andare in porto più di una transazione significativa, dall'acquisto della rete Erg in Sicilia da parte della Grs Petroli all'operazione Ludoil-Italpetroli, dalla costituzione del consorzio Camelot all'operazione Kupit-Shell, all'espansione di Repsol con la sparizione del marchio Fly. Cui nelle ultime settimane si sono aggiunte le notizie provenienti dai bilanci delle compagnie. Eni e TotalErg continuano a veder calare la propria quota di mercato e a perdere nel business della distribuzione, mentre Saras torna ad aumentare volumi e guadagni vendendo agli indipendenti e a “rivenditori e grossisti”. La stessa Erg, uscita completamente dalla raffinazione costiera, dal primo gennaio opera con una propria società nel trading di greggi e prodotti petroliferi. Nei primi nove mesi dell'anno ha acquistato e venduto circa 5 milioni di tonnellate. Mentre sono sempre più numerosi i piccoli distributori con i conti in rosso. Tornando al tavolo ministeriale, la dissonanza più rilevante è stata quella del Consorzio grandi Reti, rappresentato da Giuseppe Gatti, che si è scagliato contro qualsiasi ipotesi di nuovo intervento legislativo, sostenendo che, essendo le compagnie petrolifere “titolari” dell'80% della rete (tra impianti di proprietà e convenzionati) la razionalizzazione è una questione che riguarda solo loro. Una posizione più sfumata è stata invece assunta da Mario Vincenzi, vice presidente di Assopetroli per la rete, in occasione di un convegno svoltosi la scorsa settimana a Padova su razionalizzazione e bonifiche, organizzato dalla società di consulenza Golder Associates e da Assoindipendenti. Vincenzi ha espresso l'auspicio che “sia possibile evitare una liberalizzazione selvaggia e accompagnare le chiusure con un accordo unitario”. La chiave è nell'abbassare i costi delle bonifiche – oltre che le procedure amministrative – e per questo Assopetroli ha chiesto al Mise di invitare al tavolo anche il ministero dell'Ambiente per apportare le opportune modifiche al decreto in materia. I retisti propongono una soluzione in due step: la messa in sicurezza dell'impianto con la rimozione delle strutture di superficie e l'inertizzazione serbatoi, lasciando la vera e propria bonifica al momento di Page 1 of 2Stampa | Staffetta Quotidiana 14/11/2014http://www.staffettaonline.com/Stampa.aspx?id=245335
  2. 2. riutilizzo del sito. Senza, al contempo, introdurre nuovi contributi per le chiusure che, in un mercato disastroso e senza margini, sarebbero “devastanti”. Quanto agli incompatibili, la proposta è quella di cercare uno strumento cogente in collaborazione con le Regioni. Sullo sfondo restano le questioni della moratoria sulle nuove aperture, che in molti vedrebbero con favore ma che si scontra con le regole Ue sulla libertà di stabilimento; il nodo del “nero”, che varrebbe il 10% del mercato e costituisce una concorrenza imbattibile per gli operatori onesti; l'accesso dei retisti al mercato cargo, che però richiede l'aggregazione di operatori con volumi, capillarità, esperienza e capacità finanziaria sufficiente. Lo Stacco Italia ai minimi e la presenza di un numero elevatissimo di impianti con prezzi al di sotto della media europea testimoniano che uno sforzo per rendere efficiente la rete si sta facendo, anche se a costi elevatissimi per gli operatori. Nel contempo, la crisi dell'intera filiera richiede anche una certa unità di intenti su fronti, come quello della fiscalità, che possono vedere tutti i protagonisti sulla stessa lunghezza d'onda. Detto tutto questo, nessun intervento potrà garantire una soluzione magica a tutti i problemi del settore. Una volta finita la guerra dei prezzi, ormai allineati al ribasso, la differenza la farà la capacità di ridare valore al brand, con la tecnologia, l'innovazione nei processi, la disponibilità di carburanti alternativi, la qualità del servizio. Dopo la distruzione di valore di questi anni, è necessario cominciare a ricostruire. © Tutti i diritti riservati E' vietata la diffusione e o riproduzione anche parziale in qualsiasi mezzo e formato. Page 2 of 2Stampa | Staffetta Quotidiana 14/11/2014http://www.staffettaonline.com/Stampa.aspx?id=245335

    Be the first to comment

    Login to see the comments

Views

Total views

106

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

4

Actions

Downloads

1

Shares

0

Comments

0

Likes

0

×