Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Quale sanità per il cittadino. Nuova domanda di empowerment.

1,043 views

Published on

Il tema del Change Management in sanità si pone come un argomento strategico
nell’ambito dei processi di deospedalizzazione e di presa in carico del processo
assistenziale da parte del territorio.
In questo contesto assume valore abilitante l’utilizzo delle piattaforme digitale
nel più ampio scenario della connected care, che chiama in causa processi di integrazione
aziendale e territoriale come aspetti di formazione di nuove competenze
da parte dei professionisti sanitaria.
Formare per l’innovazione, sostenere i processi di continuità assistenziale, mettere
a sistema le soluzioni di sanità digitale sono elementi che possono promuovere
la nuova geografia delle reti assistenziali

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

Quale sanità per il cittadino. Nuova domanda di empowerment.

  1. 1. Quale sanità per il cittadino. Nuova domanda di empowerment Giuseppe Fattori Marketing Sociale – Università di Bologna
  2. 2. G.Fattori - 2016
  3. 3. Le stagioni dell’etica in medicina Preferenze del paziente Appropriatezza sociale Lato - c Lato - b Co-creation G.Fattori - 2016
  4. 4. Medico Digitale Paziente Digitale Medico Analogico Paziente Analogico Fine Carriera Nativi Digitali G.Fa%ori  2016  
  5. 5. PER  I  MEDICI  LA  RETE  RIMANE  UNA  MINACCIA   Il  medico  come  si  rapporta  a  un  paziente  informato?   In  ambulatorio  si  vive  spesso  come  una  «minaccia»  la  relazione  con  il  nuovo   paziente  2.0:      solo  il  10%  dei  medici  di  medicina   generale  e  il  17%  degli  specialisD  pensa   che  sia  uDle  cercare  informazioni  su   internet    
  6. 6. Medici di famiglia e Social Media Più Si che No= 21% Si= 0% Basandosi sulla sua Esperienza, per il paziente, sono utili le informazioni cercate su Internet? No= 13%   Più No che Si= 66% 79%  
  7. 7. Comunità di pratica, formazione, linee guida «…trovo  che  i   social  media   siano   sopra%u%o   dannosi»   «Penso  che  le   isDtuzioni  debbano   evitare  forme  di   comunicazione  sCle   Twi%er  i  Wikipedia  con  eccesso  di   opinioni  ,  commenC  a  vuoto  etc..»   «..temo  che  i   social  media   saranno  la  più   grave  forma  di   inganno «…costringono  sempre  più  persone  a  sprecare  tempo  per  qualunque  cagata»   «L'assenza  dell'uClizzo  di  mezzi  informaCci  con  l'utenza  è  dovuta  alla  scarsa  se  non  assente  conoscenza  informaDca  da  parte  della  popolazione»   «Il  server  della  Azienda   USL  non  permeHe  di   accedere  ai  social   network» G.Fattori - 2016 Vorrei  che  si   realizzasse  il   conce%o  della   ʺ″comunità  di   praDcaʺ″  con  la   condivisione  delle  esperienze   maturate  nel   campo  della   promozione  della  salute    
  8. 8. Sanità e Twitter in Italia Maggio   2016   Follower 66.500 Aziende Sanitarie Pubbliche G.Fa%ori  2016  
  9. 9. G.Fattori - 2016 D  
  10. 10. Archimedicx,  motore  di  ricerca  per  i  migliori  centri  medici  del  mondo  (oltre  300  gli   ospedali  e  2.500  i  centri  clinici  censiD),  fornisce  tuHe  le  informazioni  necessarie  a   capire  qual  è  il  luogo  più  adaHo  per  richiedere  uno  tra  quasi  300  aV  medici,  e  poi   aHribuisce  a  ciascuno  di  essi  una  valutazione  cerDficata  che  consente  a  chi  è  in  cerca   di  muoversi  secondo  un  criterio  oggeVvo,  e  di  farlo  a  costo  zero.   Agnese  Codignola  
  11. 11. Influencer  
  12. 12. BoHom-­‐up  or  Top-­‐down?     It  should  be  both   Co-­‐ProgeHazione   Strategie   ..dove  si  va  
  13. 13. G.Fattori - 2016
  14. 14. Mappa  Defibrillatori  -­‐  Conacuore   G.Fattori - 2016
  15. 15. Da  Dove  Siamo  ParDD…   16  Novembre  2013    
  16. 16. G.Fa%ori  2016  
  17. 17. G.Fa%ori  2016  
  18. 18. G.Fattori 2016
  19. 19. TOO YOUNG TO DRINK Tròp cén par bàvver
  20. 20. APP  Helpaids     G.Fattori 2016
  21. 21. Impossibile trovare nel file la parte immagine con ID relazione rId2. G.Fattori 2016
  22. 22. Patients Included PatientsIncludedisaTrademarkoftheREshape&InnovationCenter ™ Citizens G.Fattori 2016
  23. 23. http://www.slideshere.net/Fattori Twitter – Giuseppe Fattori @mktsociale Newsletter: http://marketingsociale.net/ E-Book: Amazon- Feltrinelli – Hoepli G.Fattori 2016
  24. 24. Social media: the way forward or a waste of time for physicians? 1 M DeCamp, 2 AM Cunningham 1 Assistant Professor, Berman Institute of Bioethics and Division of General Internal Medicine, Johns Hopkins University, Maryland, 2 Clinical Lecturer, Institute of Medical Education, Academic Lead for eLearning, School of Medicine, Cardiff University, Heath Park, Wales Correspondence to M De Berman Institute of Bioeth Division of General Intern Medicine, Johns Hopkins U 1809 Ashland Avenue Baltimore MD 21205, USA tel +410 614 5550 e-mail mdecamp1@jhmi.edu Correspondence to AM Cunningham Institute of Medical Educa School of Medicine 3rd floor Neuadd Meiriony Cardiff University, Heath P Cardiff CF14 4XN,Wales tel +44 (0) 292 086 7152 e-mail CunninghamAM@cardiff.a Twitter @amcunningham ABSTRACT Social media is everywhere; its use has grown exponentially over recent years. The prevalence of these outlets for communication raises some interesting and potentially risky issues for physicians. On the one hand, some believe that physicians should have a strong social media presence and can benefit greatly from access to a global community of peers and leaders through blogs, online forums, Facebook,Twitter and other communication channels. Dr Anne Marie Cunningham provides a strong case for the advantages of developing networks and figuring out who and what to pay attention to online. On the other hand however, others believe that the use of social media places doctors at a professional and ethical risk and is essentially a waste of time for the already time-pressured physician. Professor DeCamp argues that the risks of social media outweigh their benefits. It makes it more difficult to maintain a distinction between private and professional personas, and as we have seen, one mistyped or inappropriate comment can have potentially negative consequences when taken out of context. With an already time-pressured day, the priority should be patients, not tweets. Whatever your thoughts on the benefits and risks of social media, it is here to stay. Specific guidelines and guidance are needed to ensure that physicians who Current controversies J R Coll Physicians Edinb 2013; 43:318–22 http://dx.doi.org/10.4997/JRCPE.2013.411 © 2013 Royal College of Physicians of Edinburgh Social media: the way forward or a waste of time for physicians? 1 M DeCamp, 2 AM Cunningham 1 Assistant Professor, Berman Institute of Bioethics and Division of General Internal Medicine, Johns Hopkins University, Maryland, USA; 2 Clinical Lecturer, Institute of Medical Education, Academic Lead for eLearning, School of Medicine, Cardiff University, Heath Park, Cardiff, Wales Correspondence to M De Camp Berman Institute of Bioethics and Division of General Internal Medicine, Johns Hopkins University 1809 Ashland Avenue Baltimore MD 21205, USA tel +410 614 5550 e-mail mdecamp1@jhmi.edu Correspondence to AM Cunningham Institute of Medical Education School of Medicine 3rd floor Neuadd Meirionydd Cardiff University, Heath Park Cardiff CF14 4XN,Wales ABSTRACT Social media is everywhere; its use has grown exponentially over recent years. The prevalence of these outlets for communication raises some interesting and potentially risky issues for physicians. On the one hand, some believe that physicians should have a strong social media presence and can benefit greatly from access to a global community of peers and leaders through blogs, online forums, Facebook,Twitter and other communication channels. Dr Anne Marie Cunningham provides a strong case for the advantages of developing networks and figuring out who and what to pay attention to online. On the other hand however, others believe that the use of social media places doctors at a professional and ethical risk and is essentially a waste of time for the already time-pressured physician. Professor DeCamp argues that the risks of social media outweigh their benefits. It makes it more difficult to maintain a distinction between private and professional personas, and as we have seen, one mistyped or inappropriate comment can have potentially negative consequences when taken out of context. With an already time-pressured day, the priority
  25. 25. Social media Salute Prestazioni Brand Stile di vita Servizi Identity Comunità Pazienti Stakeholders Obiettivo Target G.Fattori - 2016
  26. 26. Researchers  collected  6.9  million  Twi%er  posts,  idenCfying  4,401  posts  with  resemblance  to  an  adverse  event  (known  as   ‘Proto-­‐AEs’).  An  analysis  of  the  Proto-­‐AEs  found  concordance  with  consumer  reports  in  the  Food  and  Drug  AdministraCon   Adverse  Event  (AE)  ReporCng  System  at  the  system  organ  class  level  (note  log-­‐log  scale)   Monitoring  drug  safety  using  TwiHer   Drug  Safety  2014;37:343-­‐350.   G.Fattori - 2016
  27. 27. How Twitter Is Studied in the Medical Professions: A Classification of Twitter Papers Indexed in PubMed Shirley Ann Williams, Melissa Terras, Claire Warwick Med 2.0 2013;2(2):e2 Dal 2009 PubMed ha indicizzato gli articoli scientifici pubblicati relativi a Twitter per fornire una classificazione ai futuri lavori dei ricercatori. I primi paper scientifici (2009 - 2010) contenenti termini come - twitter, tweet, microblog - nel titolo o abstract, erano focalizzati sui meccanismi di funzionamento del microblog. Dal 2011 la tendenza va al data mining e data-sets, e gli studi si spostano a considerare: “Twitter as a source of data”   L’ accesso a grandi quantità di dati derivanti dai singoli tweet correlato con i meta-dati della località, ora del giorno, reti di follower può favorire l'identificazione della diffusione delle malattie infettive ………. G.Fattori - 2016
  28. 28. G.Fattori - 2016
  29. 29. Social Media Lefebvre, Digital Social Networks and Health, Circulation Metti del social nel social media (opinion leader; peer to peer; passaparola; ecc) Collabora per co-creare (utenti non solo fruitori passivi di saperi esperti) Crea esperienze condivise (la tua storia, la nostra storia) Pensa al di là dei grandi numeri e dei grandi network (comunità, non bersagli) Crea fiducia (60% nei post dei medici 56% infermieri 54% associazioni di pazienti 45% istituzioni che si occupano di salute) Segui standard professionali G.Fattori - 2016
  30. 30. Another     tweet     in  the  wall &  Pink  Floyd  modified Milioni di post in bacheca, profili e foto che girano sull’alcol giocano un ruolo importante nella normalizzazione del bere alcol all’interno della vita e della cultura dei giovani. I Social Network possono essere utilizzati in positivo in sanità, per incoraggiare i giovani bevitori a cambiare le loro pratiche in modo responsabile. Youth drinking cultures, social networking and alcohol marketing: implications for public health McCreanora T., Lyonsb A., Griffinc C., Goodwind I., Moewaka Barnesa H. & Huttone F. Critical Public Health 2013, Vol. 23 N.1:110-120   Gli utenti dei Social Network da un lato possono beneficiare della creazione e condivisione di contenuti, dall’altro rappresentano il bersaglio di facile raggiungimento da parte dei venditori di alcolici. Le caratteristiche che rendono popolari i Social Network, non regolamentati e probabilmente incontrollabili, avvicinano sempre di più i produttori di alcol ai consumatori. G.Fattori - 2016
  31. 31. “adescare” Fonte: “Alcol Marketing in the Digital Age”, Berkley Media Studies Group 2010 G.Fattori - 2016
  32. 32. . Esposizione degli adolescenti ai media e predisposizione all’uso di anabolizzanti. Un’indagine condotta in Belgio su un campione di 618 ragazzi tra gli 11 e i 18 anni ha misurato l'esposizione ai media sportivi, ai media incentrati sull’aspetto fisico e ai media dedicati al fitness con l’uso nella dieta di integratori e l'intenzione ad usare steroidi androgeni anabolizzanti. E’ emersa una correlazione positiva tra l'intenzione ad usare steroidi androgeni anabolizzanti, l’esposizione ai media incentrati sull’aspetto fisico e a quelli dedicati al fitness. L’esposizione ai media dedicati allo sport non ha mostrato correlazioni positive con tale intenzione e con l’uso di integratori proteici. Exposure to media predicts use of dietary supplements and anabolic-androgenic steroids among Flemish adolescent boys. Frison E. et al., Eur J Pediatr (2013) 172:1387–1392 G.Fattori - 2016
  33. 33. Another     tweet     in  the  wall &  Pink  Floyd  modified Social Networking Technologies as an Emerging Tool for Hiv Prevention Sean D. Young, William G. Cumberland, Sung-Jae Lee, Devan Jaganath, Greg Szekeres and Thomas Coates Annals of Internal Medicine 2013, 159:318-324   Le comunità sui social network sono considerate strumenti efficaci per aumentare il test HIV tra le popolazioni a rischio. Affrontare  le  popolazioni  a  rischio  tra  gli  utenC  di  Internet  è  parCcolarmente  importante   perché  coloro  che  cercano  il  sesso  su  Internet  possono  essere  più  esposC  al  rischio  di   Hiv.       Questo  intervento  di  12  sehmane  ha  dimostrato    che  i  partecipanC  che  hanno  ricevuto   informazioni  sulla  prevenzione  dell'HIV  via  Facebook  avevano  più  probabilità  di   richiedere  il  test  HIV  rispe%o  a  coloro  che  avevano  ricevuto  informazioni  sulla  salute  in   generale.       QuesC  intervenC,  a%raverso  la  figura  di  peer  della  comunità  on  line,    hanno   consenCto  l’incremento  dell'uso  del  preservaCvo  e  la  diminuzione  dei  rapporC  non   proteh.   G.Fattori - 2016
  34. 34. G.Fattori - 2016
  35. 35. A  PrescripDon  for  Drug  Companies  on  Social  Media     G.Fattori - 2015
  36. 36. & Pink Floyd modified Another tweet in the wall G.Fattori - 2016
  37. 37. G.Fattori - 2016 William  Osler  (Bond  head,  12  luglio  1849  –   Oxford,  29  dicembre  1919)  è  stato  un  medico   canadese,  definito  come  il  padre  della   medicina  moderna..  
  38. 38. INDICE XI PARTE 8 MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE 117 Esame obiettivo del cuore 641 118 Elettrocardiografia 645 119 Esami cardiologici non invasivi 649 120 Cardiopatie congenite nell’adulto 653 121 Valvulopatie cardiache 657 122 Cardiomiopatie e miocarditi 663 123 Malattie del pericardio 667 124 Ipertensione 672 125 Sindrome metabolica 678 126 Infarto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) 679 127 Angina instabile e infarto del miocardio senza sopraslivellamento del tratto ST 688 128 Angina stabile cronica 691 129 Bradiaritmie 696 130 Tachiaritmie 698 131 Scompenso cardiaco congestizio e cuore polmonare 709 132 Malattie dell’aorta 715 133 Vasculopatie periferiche 718 134 Ipertensione polmonare 721 PARTE 9 PNEUMOLOGIA 135 Funzione respiratoria e procedure diagnostiche polmonari 725 136 Asma 730 137 Malattie polmonari da agenti ambientali 734 138 Broncopneumopatia cronica ostruttiva 737 139 Polmonite e ascesso polmonare 741 140 Tromboembolia polmonare e trombosi venosa profonda 746 141 Malattie polmonari interstiziali 750 142 Malattie della pleura e del mediastino 754 143 Alterazioni della ventilazione 758 144 Apnea durante il sonno 760 PARTE 10 NEFROLOGIA 145 Approccio al paziente con malattie renali 763 146 Insufficienza renale acuta 766 G.Fa%ori  -­‐  2013   G.Fattori - 2016
  39. 39. G.Fattori - 2016
  40. 40. G.Fattori - 2016 SiD  WEB  
  41. 41. Scuola Educazione alla salute Dipartim. Sanità Pubblica Sert Consultori Spazio Giovani PEER Regione Ausl Comuni Volontariato Enti Locali Imprese Università    INTEGRAZIONE     GesDone  per  Processi:     è  il  coordinamento   orizzontale   interfunzionale  a  creare   valorePsicologi Medici Medicina Generale Pediatri Libera Scelta Nuovi processi (Social) Counselling Comunicazione Implementazione progetti Sensibilizza- zione Educazione G.Fattori - 2016
  42. 42. Fonte: http://frankmedia.com.au/frank-social-business-strategy/ G.Fattori - 2016
  43. 43. Comunità di pratica, formazione, linee guida Social Media Policy Accesso ai Social Network Aspetti normativi Adesso tocca a te: apri un account Iscriviti a un aggregatore: -Feedly -Flipboard -Pulse Usa i corsi on line G.Fattori - 2016
  44. 44. Sta prendendo vita una nuova geografia delle professioni, in cui lo status, inevitabilmente, conterà meno della velocità di interpretazione e di presenza, destinato a diventare “reliquia” per quanti non capiranno che stanno finendo le stagioni del culto. Postafzione Pier Luigi Celli

×