Pinterest e lo sviluppo della content curation

7,491 views

Published on

Pinterest e lo sviluppo della content curation. Cos'è e cosa può fare lato utente e lato azienda.

Published in: Business
0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
7,491
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5,747
Actions
Shares
0
Downloads
42
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Pinterest e lo sviluppo della content curation

  1. 1. e la content curation
  2. 2. Chi sono• Copywriter, blogger, sociologist MarketingArena Consulting.
  3. 3. Cos’è?1. Pinterest è un social media basato sulle immagini nato come start up nel 2010 in California con sede operativa a Palo Alto.2. Si tratta di una sorta di vetrina dove è possibile classificare immagini e video, quindi i propri interessi.3. Non si twitta, si “pinna”: si cattura/condivide un’immagine, un video, un’infografica dal computer o (direttamente) dal web e la si trasporta nelle cartelle/Board.
  4. 4. Come iniziare1. Procurati un invito (basta la mail)2. Collegalo a Twitter e Facebook.3. Completa il profilo con una breve bio.4. Seleziona le bacheche che ti interessano tra quelle suggerite o (meglio) creane di nuove.5. Scarica il “pin button” per il proprio browser6. Pinna!
  5. 5. Scenario
  6. 6. Scenario - statistiche• Iscrizioni: ha superato i 10 milioni di utenti dopo soli 9 mesi dal suo debutto in rete.• Visite: dai 7,5 milioni a dicembre ai 11,7 milioni di visitatori unici negli USA a gennaio 2012.• Tempo trascorso: 90 minuti al mese, contro le 7 ore di Facebook.• L’utente tipo è donna (dai 25 ai 45)• Settori: moda, food, design.
  7. 7. Home
  8. 8. Profilo utente
  9. 9. Profilo Azienda - MarketingArena
  10. 10. Profilo Azienda – Casa.it
  11. 11. Profilo Azienda - Sisley
  12. 12. Come si “pinna”
  13. 13. Come si “pinna”
  14. 14. Dove si “pinna”• Twitter: Azienda, utente• Facebook: Utente• Esiste un’estensione chiamata “Pinterest Right Click” per Google Chrome che permette di “pinnare” le immagini (e i video) semplicemente utilizzando il tasto destro del mouse.
  15. 15. Creare una board
  16. 16. Board
  17. 17. Pinterest per il web marketing
  18. 18. Contest (branding)• Toys”R”Us Per San Valentino ha lanciato la campagna “Be ‘R’ Valentine” scegliendo per i propri pin i prodotti che maggiormente si adattano alla festa degli innamorati, accompagnando spesso i pin con descrizioni sul possibile uso dei vari giocattoli ed accessori.
  19. 19. Pinterest - Seo• I link provenienti da Pinterest sono “dofollow” (al contrario di Facebook e Twitter), cioè trasmettono valore al sito dell’immagine pinnata.• Questo aiuta il posizionamento sul motore di ricerca• E’ sconsigliato abusare dell’auto-pinnata nella Pin Etiquette.• E’ probabile che presto i link diventeranno “nofollow”.
  20. 20. Pinterest -Seo - Social
  21. 21. Pinterest - ecommerce• Le board sono vetrine on line dove promuovere, vendere/cercare i propri prodotti.• Pinterest offre una catalogazione automatica dei prodotti che diventano “Gift”.• Quando carichi un’immagine basta inserire il simbolo £ o $ nel titolo per descriverla ed il sistema riconoscerà automaticamente che è un prodotto di vendita.
  22. 22. Esempio - board (design)
  23. 23. Esempio - Reserve WineSnob (board)
  24. 24. Ricerca su google Persol-Pinterest
  25. 25. Da social network a social selling• Le 2 P di Pinterest: Passioni -Prodotti. Un social basato sui prodotti (e sulle immagini) più che sull’utente.• E’ stato dimostrato che Pinterest spinge il traffico verso siti e blog più di Linkedin, YouTube e G+ messi assieme. Soprattutto indirizza gli utenti verso i siti dei rivenditori, diventa fondamentale per l’e- commerce.
  26. 26. Content Curation• E’ la semplificazione organizzativa e comunicativa dei contenuti (foto, video) per categorie.• Più le categorie (board) sono specifiche, a “coda lunga” più sono specialista in quel settore, più sono seguito da una determinata nicchia di utenti.• Divento il cool hunter dei miei contenuti/interessi, li condivido e li metto in vetrina.• In poche parole “valgo per quello che scovo e condivido”.
  27. 27. Content Curation• Dal blog “long form” al social “push button”• Con Pinterest e simili la fruizione dei social subirà un’accelerazione nel tempo (più rapido e real-time) e nello spazio (più mobile) alimentando la partecipazione spontanea dell’utente.
  28. 28. Conclusioni• Pinterest è un vanity-social. Ha già dei cloni (Pinspire).• E’ utile per progetti condivisi formazione/lavoro (ricerche tematiche, fotografie, ricette, disegni, progetti, raccolta articoli, ecc.)• E’ utile per il Web Marketing: branding e per il Seo (ma Google correrà ai ripari).• E’ utile per l’e-commerce poiché è una vetrina on line graficamente accattivante e direttamente collegata.• A breve migliorerà la sua strategia di Web Marketing con tool specifici, anche interni per il social commerce.• Sicuramente un social da tenere d’occhio! Soprattutto se avete un prodotto fisico (materiale) da mostrare.
  29. 29. Fine - Articoli sull’argomento1. http://marketingarena.it/2012/01/18/pinterest-il-social-media- che-collega-le-persone-ai-loro-interessi/2. http://www.minimarketing.it/2012/02/a-cosa-ci-serve-forse- pinterest-come-esportarlo-ovunque-e-usarlo-per- lecommerce.html3. http://www.webinfermento.it/pinterest-cosa-e-e-perche-puo- aiutare-il-web-marketing/4. http://www.sestyle.it/2012/pinterest-per-il-tuo-personal- branding/5. http://blog.tagliaerbe.com/2012/01/pinterest-social-content- curation.html6. http://www.davidelicordari.com/aziende-e-pinterest-alcuni- esempi-di-successo/7. http://www.hdblog.it/2012/02/06/pinterest-il-social-network- che-sfida-i-colossi-e-li-supera/

×