Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Upcoming SlideShare
TDD a piccoli passi
TDD a piccoli passi
Loading in …3
×
1 of 33

More Related Content

You Might Also Like

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Accidenti! Non è command and control! ovvero Stili di leadership in un contesto agile

  1. 1. Accidenti!!! Non è Command&Control!
 ovvero Stili di leadership in un contesto Agile Fabio Ghislandi
 twitter.com/fghislandi linkedin.com/in/fabio-ghislandi Agile Day Pavia, 19 Settembre 2016
  2. 2. Nelson Mandela Io sono il padrone 
 del mio destino: io sono il capitano 
 della mia anima da “Invictus” di Henley
  3. 3. Taylor Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro
  4. 4. 2 Bassa variabilità Bassa qualità Alta quantità Scarsa concorrenza Risorse illimitate Bassa variabilità Bassa qualità Alta quantità Scarsa concorrenza Risorse illimitate
  5. 5. Complicato Ovvio Cynefin di Snowden
  6. 6. MicromanagementMicromanagement
  7. 7. Manager-EroeManager-Eroe
  8. 8. Ma le cose sono cambiate
  9. 9. Complesso Caotico Cynefin di Snowden
  10. 10. Valore
  11. 11. PersonePersone
  12. 12. You manage things. You lead people. Grace Hopper You manage things. You lead people. Grace Hopper
  13. 13. Leadership 
 post-eroiche
  14. 14. Intelligenza emotiva Goleman Host Leadership McKergow Leadership Situazionale Blanchard Leadership Situazionale Blanchard Host Leadership McKergow Intelligenza emotiva Goleman Servant Leadership Greenleaf Servant Leadership Greenleaf
  15. 15. Servant Leadership Robert Greenleaf 1970 I due termini, apparentemente estremi, si coniugano e si fondono in un atteggiamento che incoraggia la collaborazione, la fiducia, l’ascolto e che implica l’uso etico del potere. Il servant leader è innanzitutto un servo.
  16. 16. Non limitarti ad indicare 
 la strada da percorrere; 
 imboccala tu per primo 
 e verrai seguito. Taiichi Ohno Non limitarti ad indicare 
 la strada da percorrere; 
 imboccala tu per primo 
 e verrai seguito. Taiichi Ohno
  17. 17. Leadership situazionale Kenneth Blanchard Paul Hersey 1985 I manager devono usare stili diversi di leadership in funzione della maturità dei collaboratori. 
 La maturità ha due dimensioni: quella professionale e quella psicologica
  18. 18. Leadership situazionale Kenneth Blanchard Paul Hersey 1985 In funzione del grado di maturità cambia l’atteggiamento del leader sia nei suoi comportamenti di relazione che nei suoi comportamenti direttivi
  19. 19. Leadership situazionale Kenneth Blanchard Paul Hersey 1985 L’insieme dei comportamenti direttivi e di relazione determina uno dei quattro stili di leadership: Addestrare Delegare Dirigere Sostenere
  20. 20. Leadership situazionale Kenneth Blanchard Paul Hersey 1985
  21. 21. La leadership riguarda la comunicazione. 
 I leader hanno un modo di comunicare che attrae le persone 
 verso la visione e l’orizzonte. Doug Firebaugh
  22. 22. Host Leadership Mark McKergow Helen Bailey 2013 E’ basata sulla metafora del padrone di casa che organizza una cena oppure una festa. Prima dell’evento si impegnerà affinché tutto sia ben preparato, poi durante l’evento dovrà adoperarsi perché tutto funzioni al meglio.
  23. 23. Host Leadership Mark McKergow Helen Bailey 2013 In questa metafora si evidenziano sei atteggiamenti o ruoli Inviter Gatekeeper Initiator Space creator Co-partecipator Connector
  24. 24. Host Leadership Mark McKergow Helen Bailey 2013 Questi sono invece i luoghi in cui l’host si posiziona: Among the people In the kitchen On the stage On the balcony
  25. 25. Il nostro lavoro è prima di tutto coltivare il potenziale umano. Kōnosuke Matsushita Il nostro lavoro è prima di tutto coltivare il potenziale umano. Kōnosuke Matsushita
  26. 26. L’intelligenza emotiva Daniel Goleman 1995 L'intelligenza emotiva consente di governare le emozioni e guidarle nelle direzioni più vantaggiose; è la capacità di capire sentimenti degli altri al di là delle parole.
  27. 27. L’intelligenza emotiva Daniel Goleman 1995 Oltre all’intelligenza intesa in senso classico, esistono cinque abilità che allargano il concetto di intelligenza: Controllo delle emozioni Riconoscimento delle emozioni altrui Conoscenza delle proprie emozioni Motivazione di se stessi Gestione delle relazioni
  28. 28. L’intelligenza emotiva Daniel Goleman 1995 La gestione delle relazioni è alle base di una leadership di successo, che passa dalla capacità di organizzare i gruppi, di negoziare soluzioni, di stabilire legami personali, di analizzare la situazione sociale.
  29. 29. The leadership that gets results Daniel Goleman 2000 Goleman individua sei stili di leadership e ne descrive i risultati e gli effetti, positivi e negativi: Visionary (come with me) Democratic (what do you think) Commanding (do what i tell you) Affiliative (people come first) Pacesetting (do as I do, now) Coaching (try this)
  30. 30. La grandezza di una leadership si fonda su qualcosa di molto primitivo: la capacità di far leva sulle emozioni. (Daniel Goleman) La grandezza di una leadership si fonda su qualcosa di molto primitivo: la capacità di far leva sulle emozioni. (Daniel Goleman)
  31. 31. Nelson Mandela Io sono il padrone 
 del mio destino: io sono il capitano 
 della mia anima da “Invictus” di Henley
  32. 32. Grazie :) Fabio Ghislandi
 twitter.com/fghislandi linkedin.com/in/fabio-ghislandi

×