Il Tricolore

10,869 views

Published on

Presentazione commemorativa (del 2007) per il 210° anno dalla nascita del tricolore.
arcella umberto aka esserre
www.iltrepiedi.blogspot.com

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
10,869
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
38
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il Tricolore

  1. 1. Storia del Tricolore
  2. 2. Il Tricolore, simbolo di libertà e identità nazionale, ha alle sue spalle una lunga storia fatta di eventi e grandi uomini. Di seguito sono riportati: · una sintesi storica che illustra più dettagliatamente gli avvenimenti che portarono, il 7 gennaio 1797, alla nascita del vessillo nazionale. · il percorso cronologico che, grazie alla suddivisione in tappe, permette di ripercorrere il primo secolo di storia della bandiera focalizzando l'attenzione sui mutamenti grafici e allegorici.
  3. 4. 1 79 6 <ul><li>Vessillo militare dei Cacciatori a cavallo della Legione Lombarda (Museo del Risorgimento di Milano)Il vessillo sventolò alla testa delle formazioni dei patrioti italiani che nell'ottobre 1796 si arruolarono volontariamente nell'Armata d'Italia per combattere contro l'Austria. Napoleone infatti, entrato da vincitore a Milano il 10 maggio 1796, promuove l’organizzazione della “Legione Lombarda”, forte di 3.471 uomini, nella quale ognuna delle sette coorti &quot;avrà il suo stendardo tricolorato Nazionale Lombardo distinto per numero, ed ornato degl'emblemi della Libertà&quot;. </li></ul>
  4. 5. 1 79 7 <ul><li>Bandiera della Repubblica Cispadana </li></ul><ul><li>Nella seduta del 7 gennaio 1797 i delegati della Repubblica Cispadana, accogliendo una mozione di Giuseppe Compagnoni, decretano &quot;che si renda universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di tre colori verde, bianco e rosso&quot;. Nasce così il Tricolore come vessillo nazionale La prima bandiera tricolore Cispadana ha i colori disposti in tre strisce orizzontali: il rosso in alto, il bianco in mezzo, il verde in basso. Al centro è dipinto il Turcasso o Faretra con quattro frecce, a simboleggiare l'unione delle quattro popolazioni di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia. Le lettere “R” e “C”, poste ai lati sono le iniziali di Repubblica Cispadana. La ricostruzione storica del primo tricolore è di Ugo Bellocchi. </li></ul>
  5. 6. 1 79 8 <ul><li>Bandiera della Cisalpina a bande verticali </li></ul><ul><li>Il Gran Consiglio della Repubblica Cisalpina, nella seduta dell’11 maggio 1798, decreta che &quot;La Bandiera della Nazione Cisalpina è formata di tre bande parallele all'asta, la prossima all'asta verde, la successiva bianca, la terza rossa. L'asta è similmente tricolorata a spirale, colla punta bianca&quot;. Tale risoluzione venne molto spesso disattesa: per almeno quattro decenni, infatti, le bandiere con il tricolore saranno composte con modalità variabili nell'accostamento e nella disposizione, sino alla definitiva codifica del 1848. </li></ul>
  6. 7. 1 80 2 <ul><li>Bandiera di terra e di mare della repubblica Italiana Su proposta del Ministro della Guerra Trivulzi, il 20 agosto del 1802, il Governo della Repubblica approva il cambiamento della “Bandiera di terra e di mare” dello Stato. La forma del nuovo vessillo sarà, &quot;un quadrato a fondo rosso, in cui è inserito un rombo a fondo bianco, contenente un altro quadrato a fondo verde”. La decisione adottata resterà in vigore, immutata anche dopo la promulgazione del Regno d'Italia, fino al 1814, con lievi varianti riconosciute ai drappi di taluni reparti militari o adottate in circostanze particolari . </li></ul>
  7. 8. 1 83 1 <ul><li>Bandierina tricolore sventolata da Giuditta Bellerio Sidoli nel 1831 (Museo del Tricolore di Reggio Emilia)Il tricolore viene di nuovo sventolato durante i moti liberali del febbraio 1831 che, scoppiati a Modena per iniziativa di Ciro Menotti, si estendono a Parma e a Bologna. A Reggio Giuditta Bellerio Sidoli, vedova del patriota reggiano Giovanni Sidoli, porta alla Guardia Civica costituitasi per l’occasione, la bandiera tricolore che viene poi esposta al balcone del Municipio. Dopo il fallimento dell'insurrezione, a Modena la contessa Rosa Testi Rangoni viene condannata a tre anni di reclusione per aver cucita una bandiera tricolore. A Marsiglia Giuseppe Mazzini fonda la &quot;Giovine Italia&quot;: la bandiera della nuova associazione rivoluzionaria avrà i colori bianco, rosso e verde, con le scritte &quot; Libertà, Uguaglianza, Umanità&quot; da un lato e &quot;Unità, Indipendenza&quot; dall'altro. </li></ul>
  8. 9. 1 84 6 <ul><li>Fazzoletto tricolore con il ritratto di Pio IX (Museo del Tricolore di Reggio Emilia)L'elezione di Pio IX fa sorgere grandi aspettative fra i liberali italiani e la sua politica riformatrice suscita dovunque l'entusiasmo dei patrioti: l'effigie del nuovo pontefice viene presto associata ai colori nazionali come simbolo di libertà e di unità. </li></ul>
  9. 10. 1 84 8 <ul><li>Carlo Stragliati, Episodio delle Cinque Giornate in Piazza Sant'Alessandro (Museo del Risorgimento di Milano)Un'ondata rivoluzionaria percorre tutta l'Europa, facendo del 1848 &quot;l'anno dei miracoli&quot;. Le rivoluzioni di Parigi e di Vienna innescano le insurrezioni di Milano e Venezia. I milanesi, in cinque giornate di lotta accanita tra il 18 e il 22 marzo, costringono gli austriaci a ritirarsi dalla città e a rifugiarsi nelle fortezze del Quadrilatero. </li></ul>
  10. 11. 1 84 8 <ul><li>Disegno del Tricolore secondo il &quot;modello Bigotti“ Il 23 marzo Carlo Alberto rompe gli indugi e dichiara guerra all'Austria: ha inizio la prima guerra di indipendenza. Lo stesso re ordina che &quot;Le truppe che entreranno sul suolo lombardo inalberino ed assumano la bandiera italiana bianca, rossa e verde, con in mezzo lo scudo di Savoia (croce bianca in campo rosso)&quot;. L'incarico di disegnare il modello della nuova bandiera fu affidato a Bigotti, segretario del Ministro dell'Interno. </li></ul>
  11. 12. 1 84 9 <ul><li>Bandiera della Repubblica Romana (Museo del Risorgimento di Milano)Il 9 febbraio si costituisce la Repubblica Romana che decreta la fine del potere temporale e adotta come bandiera il tricolore, come del resto già avevano fatto i governi provvisori dei Ducati dell'Italia settentrionale sorti dopo la fuga degli antichi sovrani. L'estrema difesa della Repubblica dagli attacchi delle truppe francesi, capeggiata da Garibaldi, vede il sacrificio, tra gli altri, anche di Goffredo Mameli, autore dell'inno nazionale. </li></ul>
  12. 13. 1 85 9 <ul><li>Coccarda tricolore con la scritta Annessione. (Museo del Tricolore, Reggio Emilia)L'armistizio di Villafranca pone bruscamente fine alla seconda guerra d'indipendenza che frutta al Piemonte la Lombardia. A Parma, Modena, in Toscana ed in Romagna i governi provvisori reclamano l'annessione al Piemonte che nel marzo del 1860 viene sancita dai plebisciti: si compie così un decisivo passo verso la creazione dello Stato nazionale italiano. </li></ul>
  13. 14. 1 86 0 <ul><li>Garibaldi </li></ul><ul><li>Con la vittoriosa spedizione dei Mille viene abbattuto il regime borbonico che in un estremo tentativo di sopravvivenza aveva ripristinato la costituzione del 1848 ed adottato la bandiera tricolore con l'emblema della dinastia. Il 7 settembre Garibaldi entra a Napoli fra le acclamazioni popolari. L'incontro di Teano tra Garibaldi e Vittorio Emanuele II corona la fase più saliente della costruzione dello Stato unitario. </li></ul>
  14. 15. 1 86 1 <ul><li>Tricolore del Regno d'Italia Il 18 febbraio 1861 si riunisce a Torino il primo Parlamento italiano e il 17 marzo viene proclamata la costituzione del Regno d'Italia. Il nuovo Stato adotta tacitamente come bandiera nazionale quella del Regno di Sardegna: il tricolore con lo stemma dei Savoia, orlato d'azzurro e sormontato dalla corona reale. </li></ul>
  15. 16. 1 86 6 <ul><li>Girolamo Induno, La partenza dei coscritti </li></ul><ul><li>(Museo del Risorgimento di Milano)Con la pace di Vienna del 3 ottobre 1866 si concludeva la terza guerra di indipendenza che riunisce all'Italia il Veneto. Restavano fuori dai confini nazionali le &quot;terre irredente&quot; del Trentino e della Venezia Giulia con Trieste che costituiranno da allora fino alla Grande Guerra motivo di attrito con l'impero asburgico. </li></ul>
  16. 17. 1 87 0 <ul><li>Cartolina commemorativa della Breccia di Porta Pia La guerra franco-prussiana costringe Napoleone 3° a ritirare le sue truppe che a Roma difendono il potere temporale del Papa. Il 12 settembre 1870 l’esercito italiano varca i confini dello stato pontificio ed il 20 settembre, superando le difese delle truppe pontificie, entra in Roma dalla breccia aperta dall'artiglieria nella cinta muraria presso Porta Pia. Il Regno d'Italia conquista così la sua capitale naturale. </li></ul>
  17. 18. 1 89 7 <ul><li>Il Centenario della Bandiera Tricolore Italiana Copertina de &quot;La Tribuna Illustrata&quot;. A Reggio Emilia, il 7 gennaio 1897, il primo Centenario del Tricolore viene celebrato in modo particolarmente solenne. E' Giosuè Carducci a pronunciare, dall'atrio del Palazzo Comunale, l'orazione ufficiale: &quot; […] Non rampare di aquile e leoni, non sormontare di belve rapaci, nel santo vessillo; ma i colori della nostra primavera e del nostro paese, dal Cenisio all'Etna; le nevi delle Alpi, l'aprile delle valli, le fiamme dei vulcani […]&quot;, </li></ul>
  18. 19. 2 00 7 <ul><li>210° anniversario della nascita del Tricolore </li></ul><ul><li>La bandiera quale oggi la conosciamo e che campeggia sui Palazzi istituzionali è quella voluta dall'Assemblea costituente che si riunì dopo la nascita della Repubblica, il 2 giugno del 1946, per elaborare l’attuale costituzione che all’art.12 così recita: ''La bandiera della Repubblica è il Tricolore italiano: verde, bianco e rosso a bande verticali e di uguali dimensioni”. </li></ul><ul><li>Il significato dei colori: verde per il colore delle nostre pianure, bianco per la neve delle nostre cime, rosso per il sangue dei nostri caduti. </li></ul><ul><li>La Bandiera, richiamata nella Costituzione, è espressione e simbolo di unità, di condivisione di valori, di una tradizione storica comune. </li></ul>fine
  19. 20. Immagini e testi tratti dal sito ww w.tricolore.it che ne detiene i diritti Musica: Fra telli d’Italia -G offredo Mameli- Umberto Arcell a

×