Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Politiche wiki a Genova

1,254 views

Published on

Politiche Wiki, sperimentare a Genova partendo dai Municipi

  • Be the first to comment

Politiche wiki a Genova

  1. 1. Politiche Wiki, sperimentare a Genova partendo dai Municipi Genova, Palazzo Ducale – 28 settembre 2013 relatore Enrico Alletto
  2. 2. Cosa s’intende per Politiche Wiki? PREMESSA Sotto il cofano delle democrazie moderne Delega democratica + Processo amministrativo
  3. 3. Delega democratica I cittadini scelgono un rappresentante e lo incaricano di gestire la cosa pubblica Processo inclusivo = tutti sappiamo come votare ma c’è un problema non riesce a valorizzare il patrimonio di idee, competenze e passione dei cittadini
  4. 4. Delega democratica Quando il cittadino tenta di comunicare idee o critiche al rappresentate questo non riesce ad incorporarle tutte SONO TROPPE
  5. 5. Processo Amministrativo Il rappresentante eletto agisce per mezzo di una struttura amministrativa che è quella che realizza le politiche pubbliche ATTENZIONE Le strutture amministrative sono pensate per applicare in modo rigido regole formali stabilite a priori SISTEMA STABILE ED IMPARZIALE MA HA UN DIFETTO
  6. 6. Processo Amministrativo Non è flessibile rispetto a: 1. Eccezioni 2. Cambiamenti di scenario 3. Contributi che i cittadini potrebbero offrire in modo inaspettato cittadino = soggetto passivo delle politiche pubbliche Cittadino = utente, beneficiario MAI protagonista
  7. 7. Il vecchio processo ha funzionato bene fino ad oggi L’intelligenza che era una risorsa scarsa è diventata ai giorni nostri una risorsa abbondante e diffusa L’azione collettiva delle politiche pubbliche rimane ancora oggi il modo migliore per fronteggiare i cambiamenti che ci circondano Ma come possiamo fare per utilizzare l’intelligenza risorsa abbondante e diffusa per rendere le politiche pubbliche migliori?
  8. 8. CON INTERNET Internet è quel luogo in cui ogni giorno milioni di persone collaborano a progetti che da soli non potrebbero mai raggiungere
  9. 9. La forza dell’esempio Wikipedia. Nel 2007 l’edizione inglese supera le 2 milioni di voci e diventa la più grande enciclopedia mai scritta nella storia dell’umanità
  10. 10. La forza dell’esempio Nei suoi primi 8 anni di vita 100 mila ore di lavoro corrisponde al lavoro a tempo pieno di circa 6 mila redattori PECCATO CHE WIKIPEDIA HA 50 dipendenti 14 milioni di contributori volontari non ricevono compenso non fanno riferimento ad una struttura di comando non si conoscono neppure Forte coerenza interna: grafica, stile, metodo COME POSSIBILE CHE ACCADA QUESTO?
  11. 11. Un nuovo processo Autoselezione + Reti Sociali
  12. 12. Autoselezione Ciascuno decide da solo 1. Che vuole partecipare a Wikipedia 2. Su quali pagine lavorare Si posiziona la dove c’è 1. più interesse 2. più competenze 3. più passione, motivazione sforzo minimo e risultato massimo
  13. 13. Reti Sociali Il software e le regole sociali mettono in comunicazione un contributore con gli altri che sono interessati a lavorare sulla stessa pagina/argomento RISULTATO Flussi di informazione e di collaborazione che non sono progettati da nessuno ma che producono risultati che sono la somma di una miriade di persone appassionate di uno stesso argomento
  14. 14. Politiche Wiki Questa configurazione rende la collaborazione in rete efficace Questa è la configurazione che noi vorremmo applicare per mettere in comunicazione la pubblica amministrazione con i cittadini Politiche pubbliche collaborative abilitate dalla rete. Per gli amici: Politiche Wiki.
  15. 15. Poche regole 1. Accettare il cambiamento 2. Costruire comunità e fidarsene 3. Praticare la trasparenza 4. Rispettare il contributo del cittadino La Community di Open Genova è stata progettata rifacendosi in larga parte a questo approccio ed a queste regole sociali
  16. 16. I Laboratori di OG Quando su OG parliamo di mobilità sostenibile, riqualificazione spazi pubblici, eccetera ci riferiamo alla proposta di una nuova metodologia di progettazione condivisa.
  17. 17. Qualcosa si muove? Esistono esempi pratici in cui questo approccio è stato applicato e che stanno funzionando dal livello locale a quello internazionale Esiste anche una comunità globale composta da esperti di queste cose disposta ad aiutarsi
  18. 18. Obiettivi di Open Genova Open Data Trasparenza Partecipazione con nuovi strumenti Sono punti fondamentali per l’applicazione e la buona riuscita delle Politiche Wiki. Open Data produce trasparenza e la trasparenza favorisce la partecipazione MA C’E’ ANCORA UN PROBLEMA
  19. 19. Digital Divide Dati dicembre 2011 in Italia „ Dato di agosto 2013: Genova è la grande città italiana che detiene il maggior numero di ultracentenari, ben 295, uno ogni 2.037 abitanti COME AFFRONTARE IL PROBLEMA?
  20. 20. Approccio ibrido in presenza-online affinché ciascuna tragga il massimo beneficio dall’altra Ridurre lo “scalino all’ingresso” Proporre attività in presenza opportunità di alfabetizzazione informatica Molto importanti saranno le collaborazioni con realtà che già operano sul territorio
  21. 21. Innovazione e territorio Tutti sul proprio territorio vogliono l'innovazione (in teoria) Quando si prova a farla però, ti accorgi che qualunque cosa si faccia: 1. disturba qualche equilibrio 2. suscita gelosie, attacchi e scetticismo ALLORA DA CHE PARTE COMINCIARE?
  22. 22. DAI MUNICIPI Sono l’istituzione più vicina al cittadino delega democratica forte Più margine di sperimentazione processo amministrativo ancora complesso I gruppi organizzati, le associazioni sono già in rete. Le istituzioni oggi si trovano di fronte ad un bivio: ignorare questo fenomeno oppure provare ad indirizzarlo in modo costruttivo trasformando il cittadino attivo da semplice utente, beneficiario a PROTAGONISTA della trasformazione E’ una sfida dall’esito tutt’altro che scontato. Ce la sentiamo di affrontarla insieme?
  23. 23. Grazie Registrati su: www.opengenova.org/register Queste slide si basano sul lavoro di Alberto Cottica: www.cottica.net

×