Successfully reported this slideshow.

Tracce di sè in rete. I social network tra tracciare ed essere tracciati

1,127 views

Published on

Presentazione sintetica di "Tracce di sè in rete. I social network tra tracciare ed essere tracciati", un'etnografia all'interno di alcuni social network condotta da Elisabetta Locatelli e Sara Sampietro. La ricerca è stata illustrata durante il convegno "Le reti socievoli. Fare ricerca nel web sociale" tenutosi a Urbino il 20 novembre 2009.

Published in: Technology
  • Be the first to comment

Tracce di sè in rete. I social network tra tracciare ed essere tracciati

  1. 1. Tracce di sé in rete I social network tra tracciare ed essere tracciati Elisabetta Locatelli, Sara Sampietro elisabetta.locatelli@unicatt.it ; sara.sampietro@unicatt.it Università Cattolica del Sacro Cuore
  2. 2. Domanda di ricerca Ogni giorno nei Social Network a cui siamo iscritti, in maniera più o meno consapevole, ci rendiamo tracciabili e ci relazioniamo ad altri soggetti a partire dalle loro tracce. Quali processi attiviamo per raccontarci attraverso le nostre tracce e al contempo quali tattiche mettiamo in atto per sfuggire ai rischi connessi alla “tracciabilità”?
  3. 3. Metodo Analisi degli ambienti Facebook, Twitter , Friedfeed
  4. 4. Campione <ul><li>Progetto pilota con soggetti caratterizzati da un utilizzo consapevole e mirato dei social network  HEAVY USER INTERNET e EARLY ADOPTER degli ambienti di social networking </li></ul><ul><li>L’uso autoriflessivo e sperimentale che questi soggetti esibiscono nei social network può rappresentare una CARTINA AL TORNASOLE per verificare la forza delle ipotesi interpretative proposte, poiché presentano alcune dinamiche che nell’uso comune non sono ancora evidenti </li></ul><ul><li>Soggetti con almeno tre profili </li></ul><ul><li>FACEBOOK </li></ul><ul><li>TWITTER </li></ul><ul><li>FRIENDFEED </li></ul><ul><li>+ un BLOG (elemento di confronto/paragone ) </li></ul>
  5. 5. Social Network e traccia <ul><li>Il concetto di traccia risulta strutturalmente connesso ai Social Network a partire dai loro elementi costitutivi: PROFILI, LISTE DI CONTATTI, COMMENTI </li></ul><ul><li>Inoltre nei Social Network il processo di PRODUZIONE e CONSUMO di tracce appaiono profondamente connessi </li></ul><ul><ul><li>Il social network può esistere solo grazie al contributo di soggetti disposti a “produrre” tracce </li></ul></ul><ul><ul><li>E i soggetti sono portati a produrre tracce solo se rassicurati dal fatto di poterle poi conservare, commentare, valorizzare, anche grazie all’aiuto altrui </li></ul></ul><ul><li>Il nesso strutturale tra traccia e social network assume un rilievo ancora maggiore se associato alle dinamiche che, secondo Boyd, influiscono sulla visibilità dei contenuti nei Social Network: PERSISTENZA, RICERCABILITÀ, REPLICABILITÀ, PUBBLICO INVISIBILE </li></ul>
  6. 6. La traccia nei tre ambienti Se ne va a letto. Domani ancora a Milano. Uffa 10:58 PM Jun 8 th E’ stato appena aggiunto su Facebook dal suo adorato nipote quattordicenne. 12 Giugno A Venezia per la Biennale - http://www…(link alla fonte del feed)
  7. 7. IL PROCESSO DI PRODUZIONE E CONSUMO DI TRACCE SI INSERISCE, IN TUTTI E TRE GLI AMBIENTI ANALIZZATI (FACEBOOK, TWITTER, FRIENDFEED), IN UNA DIALETTICA FRA AUTO E ETERO RAPPRESENTAZIONE
  8. 8. Auto-rappresentazione: le tre dinamiche <ul><li>Sono principalmente TRE le DINAMICHE attraverso cui il soggetto costruisce la propria identità all’interno dei Social Network: </li></ul><ul><ul><li>AGIRE : azioni per rimarcare la propria presenza </li></ul></ul><ul><ul><li>ESPORRE: mettere in mostra contenuti che parlano di sé </li></ul></ul><ul><ul><li>PORRE IN RELAZIONE : ragnatela di richiami a persone, luoghi, situazioni </li></ul></ul>Status (FB): Scopre che le commesse di Sephora sono tanto gentili, quanto noiose Agire Status (FB)Pubblica le prime foto fatte con la sua nuova reflex http://www.flickr.com Esporre (FB)MyBrianza.it Eventi in rilievo: Mostra tutti Porre in relazione
  9. 9. Auto-rappresentazione: Agency vs Action <ul><li>Le dinamiche dell’ AGIRE , dell’ ESPORRE e del PORRE IN RELAZIONE possono essere vissute con una diversa intensità e consapevolezza </li></ul>AGENCY: Istintività, immediatezza ACTION: Riflessività, rielaborazione A X piace questo elemento (da FB) Scopiazzo da &quot;La Carica di 101&quot; di questa mattina: qual è l'sms che tenete in memoria sul cellulare da più tempo? E perché? (da Twitter) Iscrizione istantanea e “di pancia” a un gruppo: X si è iscritta al gruppo Quelli che al mattino prendono le nord per andare a milano (da FB) Ogni giorno fa pace con un pezzetto (da FB)
  10. 10. Auto-rappresentazione: Logica centrifuga vs centripeta <ul><li>La gestione cross-piattaforma di una pluralità di profili può appoggiarsi a due distinte logiche </li></ul>CENTRIFUGA: Dissemina i contenuti nei diversi profili, diversificandoli il più possibile CENTRIPETA: Accentra i contenuti in una sola piattaforma e utilizza le altre in maniera complementare Scrivere in modo criptico alcuni contenuti : [post secret] in questo periodo vive oscillando pericolosamente fra l'incoscienza dell' es e la supremazia del super io. (da FriendFeed) Blog come luogo principale i cui contenuti sono replicati sugli altri spazi: Nerd mattinieri http://www…( link al blog, su FriendFeed)
  11. 11. Etero-rappresentazione: l’Altro come coautore <ul><li>La pratica della traccia si configura anche come collettiva, perché trova nell’Altro non solo il suo INTERLOCUTORE , ma anche il suo COAUTORE </li></ul>L’altro può agire nel nostro ambiente  MODIFICA LE NOSTRE TRACCE L’altro può assumere il ruolo di investigatore  RICOSTRUISCE LE NOSTRE TRACCE
  12. 12. Concludendo: La traccia come processo inesauribile <ul><li>La traccia rimane anche al di là di una reale PRESENZA dell’emittente e del destinatario  si affida all’ INTERPRETAZIONE di coloro che vorranno leggerla e alla loro LIBERTÀ di ripubblicarla o inserirla in contesti diversi da quello in cui è stata pensata, anche oltre la volontà del suo creatore. </li></ul><ul><li>OGNI TRACCIA NON È MAI DEL TUTTA ESAURITA ED ESAURIBILE PERCHÉ SEMPRE APERTA ALLA COMPLESSITÀ DELLA VITA E DELLE RELAZIONI A CUI RIMANDA: </li></ul><ul><ul><li>Gli altri ambienti di interazione online </li></ul></ul><ul><ul><li>Le altre pratiche di fruizione mediale </li></ul></ul><ul><ul><li>Il contesto esperienziale del soggetto nella sua totalità (online e offline) </li></ul></ul>

×