Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Cortese's news gennaio 2019

1,163 views

Published on

edizione straordinaria del giornalino della nostra scuola

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Cortese's news gennaio 2019

  1. 1. Sommario Orientamento p.1 Il punto p.2 Perchè scegliere p.3 I laboratori p.4 Olimpiadi p.6 Imparare p. 7 Una fiaba ... p. 8 Relax p. 9 La scuola p.10 Open day p.11 Lapbook p.12 Cortese’s News Ed. straordinaria gennaio 2019 A cura dei ragazzi dell’I.C. Cortese di Casoria Edizione straordinaria Continuità, orientamento ed open day In pillole A cura di Emmanuele Vicino Perché scegliere la nostra scuola? 1) Per i progetti 2) Per i laboratori 3) Per i docenti 4) Per l’attenzione dedicata a noi alunni Anno II Cari lettori, questa edizione straordinaria del Cortese’s news è dedicata all’orientamento e all’open day. Per dare spazio agli articoli riguardanti queste attività, alcune rubriche non verranno pubblicate, ma le ritrove- rete nel terzo numero del nostro giornalino. Iniziamo spiegando cos’è l’orientamento e chi coinvolge. L’ orientamento è un’attività utile per indirizzare gli studenti al pas- saggio di un nuovo ordine di scuola. In particolare, aiuta gli alunni, che provengono dalle classi quinte della scuola primaria e gli alunni delle classi terze della secondaria di primo grado, a inserirsi nel nuovo con- testo scolastico. Attraverso l’accoglienza, i neoiscritti possono superare il disagio iniziale che in genere si prova quando c’è un cambiamento in atto e possono partecipare alla vita scolastica in maniera serena. In questo numero, troverete vari articoli sulle nostre attività e progetti. Vi ricordiamo che dal 7 al 31 Gennaio 2019, si possono effettuare iscrizio- ni on line presso la nostra segreteria didattica, dove sarà possibile iscri- versi per la scuola dell’infanzia, della primaria e della secondaria di primo grado. Per coloro che volessero visitare la scuola e avere una vi- sione completa delle nostre attività, l’istituto vi ospiterà domenica 20 gennaio 2019, dalle ore 9 alle ore 13. Le sedi saranno: il plesso Bel- lini (Succursale) per la scuola secondaria di primo grado, il plesso Parco dei Pini e Soriano, per la scuola dell’infanzia e primaria. Per ulteriori informazioni, potrete venire nel nostro istituto e rivolgervi alle prof.sse Abate e Troiano Emma, per la scuola secondaria di primo gra- do e alla docente Castaldo per la scuola primaria. Detto questo, vi a- spettiamo numerosi al nostro open day! Antonio Grimaldi, classe 3a F
  2. 2. Il punto: orientamento e continuità Pagina 2 Cortese’s News Sono ormai 5 anni che ricopro il ruolo di funzione strumentale sull’orientamento e continui- tà e questo incarico nel tempo mi ha condotto a favorire sempre la crescita personale e lo sviluppo professionale dei nostri alunni e a tener conto dei loro bisogni ed esigenze specifi- che; per questo occorre fornire ai ragazzi conoscenze e competenze che li rendano competi- tivi, versatili e sempre aggiornati in un mondo del lavoro in continua evoluzione. L’orientamento va inteso quindi come un processo formativo lungo tutto l’arco della vita, che non può essere circoscritto ai soli interventi informativi attuati nei momenti di transizio- ne tra un ciclo di studi e l’altro. L’orientamento è un processo continuo attraverso il quale la persona sviluppa capacità e acquisisce strumenti, che la mettono in grado di porsi in manie- ra sempre più consapevole e critica di fronte alla realtà e di compiere scelte più responsabili sia sul piano individuale, sia su quello sociale. Nella vita ogni scelta responsabile e ragione- vole implica sempre una coscienza attenta di sé, che è il punto di partenza di ogni processo decisionale, e una conoscenza della realtà che ci circonda nella totalità dei suoi fattori. Dunque il mio lavoro a scuola serve ad accompagnare gli alunni in questo cammino di co- noscenza di sé e della realtà che li circonda, con lo scopo di portarli ad operare una scelta responsabile fondata su ragioni adeguate, per intraprendere il proprio personale cammino nella vita. La referente per l’orientamento e la continuità, Prof.ssa Rosaria Abate Ci sono due plessi del- la secondaria di primo grado: la sede centrale in via B. Croce e quella succursale (plesso Bellini). Disegno di Sara Guerrero, classe 1a F
  3. 3. Pagina 3 Perché scegliere la nostra scuola Cari ragazzi, so benissimo che questo passaggio dalle elementari alle medie non è affatto facile, ci sono passata anche io. Adesso sono all’ultimo anno, quindi ho esperienza e sono qui per aiutarvi a non avere timore nell’ affrontare questo nuovo percorso che, sono sicura, una volta iniziato vi piacerà. Sicuramente ora avete tanti dubbi e vi state facendo tantissime domande. Adesso vi toglierò qualsiasi incertezza spiegandovi un po’ la vita alle scuole medie. Allora, per iniziare vi dico che nella nostra scuola ci sono professori che vi aiuteranno e, con estre- ma pazienza, vi consiglieranno e guideranno nelle vostre scelte. Farete tanti progetti per di- verse discipline. Andrete nel laboratorio di informatica dove ci sono le postazioni con i computer, andrete nel laboratorio di scienze e farete tanti esperimenti. Abbiamo un teatro dove prenderete parte a bellissime manifestazioni: ballerete, canterete e suonerete anche il flauto. Sono sicura che spiegandovi un po’ la situazione, già vi sentite meglio. Ci sono due plessi della secondaria di primo grado della Cortese: la sede centrale e quella succursale. Ovviamente non sarete voi a scegliere. Spero che con queste poche righe abbia tolto qualche vostro dubbio. Per concludere, vi consiglio di scegliere questa scuola, tutto l’istituto vi accoglierà a braccia aperte. Giovanna Salerno, classe 3a G Nella foto accanto, alcuni alunni sono al lavoro per la preparazione dei lapbook, nel nostro laboratorio artistico
  4. 4. Cortese’s news I nostri laboratori Pagina 4 Cari lettori, la nostra scuola offre un laboratorio artistico davvero innovativo. I ragazzi po- tranno svolgere molte attività tra le quali: la lavorazione dell’argilla, la tecnica con l’acquerello, la tecnica con le tempere. Ovviamente, i nostri docenti di arte accompagneran- no e seguiranno i ragazzi durante le attività, insegnando le varie tecniche pittoriche. Attra- verso il laboratorio di arte, gli alunni creeranno manufatti, allestiranno mostre come quella che sarà rappresentata all’open day del 20 gennaio, realizzeranno scenografie per gli spetta- coli. Ragazzi, vedrete che il nostro laboratorio di arte vi piacerà molto! Chiara Battaglia e Sabrina Tranchese, classe 3a G Laboratorio artistico Nella nostra scuola c’è un laboratorio informatico molto interessante con varie postazioni dotate di computer per gli studenti e una LIM. Dopo che il professore ci ha dato un argo- mento, noi attraverso il computer, effettuiamo delle ricerche su Internet, per poi scrivere gli argomenti sul programma di scrittura“word”. Organizziamo lavori didattici, ma so- prattutto impariamo l’utilizzo del P.C., uno strumento importante per i nostri studi e lavori futuri. Inoltre, grazie a questa modalità di studio, la scuola offre un sistema diverso di le- zione, che ci permette di imparare divertendoci. Mattia Barbaro, classe 3a L Il nostro laboratorio informatico
  5. 5. Cortese’s news Pagina 5 I laboratori musicale e linguistico Il laboratorio musicale è un luogo magico per gli amanti della musica. Esso non è solamente un laboratorio, è un vero e proprio teatro dove noi ragazzi, in speciali occasioni, ci esibiamo con can- ti con accompagnamento strumentale e balli. In questo luogo si imparano moltissime cose, come suonare il flauto e la tastiera. Il laboratorio fornisce casse e microfoni, oltre a strumenti musicali per offrire la migliore esperienza a tutti voi ragazzi! Vi ospiterà con la sua grandezza e il suo ca- lore e vi farà sentire sicuramente a vostro agio. Abbiamo molti altri strumenti da suonare oltre a quelli citati, come l’ukulele, e diversi strumenti a percussione. Salvatore Criscuolo, classe 3a G. In basso, il coro dell’I.C. Cortese, durante una pausa delle prove di uno spettacolo Tre banchi enormi, svariati poster e attrezzature come il microscopio ottico, questo ed altro al labora- torio scientifico della Nino Cortese! Nella nostra scuola, subito di fronte l’entrata principale, troviamo il nostro laboratorio destinato ad esperimenti e osservazioni. Ciò è possibile grazie alle sue attrezzature: beker, bisturi, beuta, pipetta, cucchiai e svariate sostanze chimiche che ci permettono di fare le nostre lezioni in un nuovo modo che riesce a coinvolgere tutti. Vari modellini accurati di alcune parti del corpo umano circondano l’aula e lo scheletro intatto del corpo umano, all’angolo della stanza, ci ha permesso di studiare con più precisione il sistema schele- trico; inoltre, i vari disegni affissi alle pareti permettono allo studente di capire con più precisione la posizione di un organo del nostro o del corpo di un animale. Ma le riproduzioni in scala non finiscono qui! Tutti gli alunni della Nino Cortese hanno lasciato un proprio segno nel laboratorio: il sistema solare, la struttura del DNA, alcuni minerali, una tavola pe- riodica gigantesca al muro e la mia classe, ad esempio, ha lasciato delle piante coltivate al primo an- no. Il laboratorio però, non era bello così come lo conosciamo oggi, è solo grazie al duro lavoro dei pro- fessori e dei loro alunni se ha raggiunto la bellezza odierna, ed è questo che rende il laboratorio scientifico della Nino Cortese unico nel suo genere! Dakota Acampora, classe 3a F Il laboratorio scientifico Il laboratorio linguistico ci permette di studiare le lingue, francese e inglese, in maniera innovativa, attraverso l’uso dei computer e della Lim. Inoltre, la nostra scuola ci offre un insegnante madrelingua, che ci aiuta a migliorare la pronuncia. Grazie allo studio delle lingue, noi possiamo avere un futuro lavorativo nel settore del turismo e all’estero, quindi è importante studiarle. Il nostro laboratorio ci dà la possibilità di usare cuffie di ascolto infatti, per i dialoghi in inglese e francese, è importante poter lavorare sul testo scritto e ascoltare contemporanea- mente la pronuncia delle parole. Giovanni Galletta, classe 3a I
  6. 6. Cortese’s News Pagina 6 OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING Il progetto Liber*e Letture è un’attività proposta dalla nostra magnifica scuola I.C. “Nino Cortese”. Sinceramente è un’esperienza che consiglio a chiunque perché, sentendo i nostri professori leg- gere, si riesce ad entrare nel mondo della lettura che oggi, a causa delle alte tecnologie è sempre più sminuito. Ho provato, anzi, vissuto, questa magnifica esperienza nella nostra biblioteca. I nostri professori, ad esempio, sono riusciti attra- verso la lettura a coinvolgerci nella comica storia di Marcovaldo e della sua simpatica famiglia. An- che chi non è un appassionato sfegatato della let- tura può essere coinvolto e può scoprire tante nuo- ve storie. Venite a vedere con i vostri occhi la no- stra unicità e il nostro impegno per portare avanti questo progetto che ha avuto dal’Invalsi il rico- noscimento di buona pratica da adottare nelle scuole. Criscuolo Salvatore, classe 3a G L’ I. C. Nino Cortese di Casoria è una scuo- la con circa 1200 alunni, distribuiti in 5 plessi. Beh, adesso voi direte: “Perché scegliere questa scuola?” Vi possiamo assicurare che la scuola Nino Cortese fa vivere esperienze formative importantissime. Oltre a svariati progetti, l’istituto offre la possibilità di potenziare le vostre capacità logico-matematiche con cor- si pomeridiani come quello del Problem Solving, un’attività ritenuta una delle nostre eccellenze. Essa, infatti, ci permette di ap- profondire alcune materie come l’informatica, la matematica, l’inglese e l’italiano. La nostra scuola partecipa da ben due anni alle Olimpiadi e l’anno scorso si è classifi- cata prima nella regione Campania. Il no- stro istituto punta alla qualità degli studi e del metodo scolastico. Noi vi aspettiamo, sperando che la nostra scuola vi regali qual- cosa di speciale, proprio come ha fatto con noi ragazzi di terza. Siamo una “grande fa- miglia” ed è per questo che la Nino Cortese vi aspetta! Maria Rosaria Mantova e Scognamillo Maria, classe 3a L Liber*e letture
  7. 7. Il nostro laboratorio sportivo e lo “street soccer” Pagina 7 Cari lettori, sono qui oggi a scrivere che la nostra scuola rappresenterà per l’open day un’attività proposta all’interno del nostro laboratorio sporti- vo. Essa è chiamata “STREET SOCCER”. Attraverso questo sport possiamo in primis impa- rare le regole; una di questa è quella di rispettare l’avversario. In tal modo abbiamo l’opportunità di giocare con il pieno rispetto dei compagni e degli avversari e abbiamo la possibilità di prati- care appieno ciò è chiamato fair-play. Inoltre, ci relazioniamo tra compagni di squadra e facciamo gruppo, trattandoci come una vera famiglia. In ultimo, impariamo anche il valore della sconfitta tutti insieme, come una vera e propria squadra. Vi parlo cosi perché sono io per primo a vivere que- sta esperienza meravigliosa . Salvatore Maffei , classe 3a F C’è una cosa che accumuna quasi tutti gli studenti: lo studio. Ma soprattutto, a tutti noi qual- che volta è capitato di sentirsi dire di non avere un buon metodo di studio. Dovete sapere che il metodo di studio è molto personale e consiste nell’organizzare il lavoro sia individualmente che in gruppo. Nel nostro articolo cercheremo di dare alcuni suggerimenti per trovare un me- todo di studio efficace quando siamo da soli con i nostri libri e ci troviamo in difficoltà. Dicia- moci la verità, chi non vorrebbe studiare in un modo efficiente e senza avere il timore delle interrogazioni? Esistono vari modi per studiare bene senza sprecare tempo e energie, seguen- do vari accorgimenti: 1) Ascoltare le spiegazioni in classe e prendere nota 2) A casa leggere ad alta voce minimo 3 volte il testo 3) Sottolineare le parole che si ritengono più importanti 4) Rileggere le parti sottolineate cercando di capire bene 5) Elaborare una mappa concettuale 6) Preparare un discorso chiaro 7) Ripetere i concetti ad alta voce, fin quan- do non si è sicuri di sapere gli argomenti alla perfezione. Ragazzi, ora basta esporre la lezione ai pro- fessori e avrete sicuramente un buon voto. BUONA FORTUNA!! Silvana Masotti e Chiara Battaglia, classe 3a G Imparare ad imparare
  8. 8. Open Day I musicanti Di Brema...una fiaba e tanto altro Pagina 8 I nostri laboratori pomeridiani (Pon e ScuolaViva)  C’era una volta  Sport Cortese  Tutti in scena  Latino  Viva le scienze  Matematicamente  English time  Informatica  Ciak scuola  Il mio primo latino Noi alunni della classe 1a G offriremo per l’open day uno spettacolo dedicato alla fiaba dei fratelli Grimm “I musicanti di Brema”. In un primo momento, abbiamo letto e studiato questa bellissima fiaba con l’aiuto dei compa- gni più grandi e della professoressa Emma Troiano. Abbiamo reso la storia più “colorita”con disegni, abbiamo attribuito ad ogni personaggio un tema musicale su musi- che composte dal prof. Notari. Abbiamo diviso in sequenze la storia raffigurando ogni parte con matite e colori, con l’aiuto della professo- ressa Rosa Ciampa. Si è pensato di raffigurare questa tra tante fiabe perché affronta diversi temi che non devono essere dimenticati: amici- zia, lealtà, coraggio, rispetto. In questo modo abbiamo trasformato delle attività monotone in pratiche divertenti e giocose, “colorandole” con il pennello della “creatività”. Vi consiglia- mo di ascoltare attentamente, perché dopo vi aspetta la presentazione dei nostri laboratori! Con questo racconto, davvero molto bello, ci siamo divertiti studiando, pa- rola che per alcuni ragazzi, oggi, signi- fica noia o anche scocciatura. Ma vi possiamo assicurare che non è così, perché quello che facciamo ora, ci ser- virà in futuro. Chiara Mileto e Lorenzo Arcopinto, classe1a G  Hello English  Olimpiadi problem solving  Giochi studenteschi
  9. 9. La pagina del relax: Crucipuzzle e altro Mozart soffriva della sindrome di Tourette, condizio- ne caratterizzata da tic nervosi, fisici e vocali, ma an- che, talvolta, dalla necessità incontrollabile di pro- nunciare parole oscene. A sostegno di questa ipotesi, ci sono le lettere inviate dal compositore alla cugina Maria Theckla Mozart. Melissa Mazzarella, classe 5a A Shakespeare, drammaturgo e poeta inglese, ebbe una carriera fulminea che gli procurò notevoli guadagni. Fu il primo a scrivere in inglese ben 1700 parole ed espressioni nuove, che poi sarebbero diventate tipiche del suo idioma. Tra i tanti esempi, abbiamo la parola amazement (stupore). Ne “Il mercante di Venezia”, compare il famoso motto “Non è tutto oro quel che luccica”, ripreso da una favola di Esopo. Ilaria Sollo, classe 5a A Alessandro Magno, nato nel 356 a. C., pare non avesse studiato per diventare soldato, a causa del fisico gracile che lo limitava. Tuttavia, grazie alla sua determinazione, in 12 anni riuscì a conquistare un territorio immenso che si estendeva dall’Asia minore all’Egitto. Giovanna Prinno, classe 5a A Pagina 9 Cancella le parole elencate, le lettere non cancellate ti daranno una parola segreta. Forse non tutti sanno che … a cura degli inviati della scuola primaria C O R T E S E O E M A E S T R O R S I I F U T U R O I A R E T A A A E T T O N A L U N N O L S T O I L N A M E A U E C A O N T C C O P E N D A Y S E U R O P E O O Alunno Anno Aula Casoria Cortese Esito Età Europeo Futuro Scuola Scelta Liceo Maestro Open day Soluzione a pag. 12 A di Rebus: (5,2,5) di S. Criscuolo La soluzione del rebus è a pag. 12
  10. 10. La mia scuola... di Fortuna Rusiello Pagina 10
  11. 11. Open day in biblioteca Le attività per l'Open day saranno legate a due pro- getti dedicati ai libri e alla lettura: Liber*e Letture in Biblioteca e le Olimpiadi della Lettura. Saranno mo- strati gli ambienti della biblioteca. Ci sarà la lettura ad alta voce di un albo illustrato da parte di alcuni professori della Biblioteca e la lettura corale di un brano di Gianni Rodari, da parte degli alunni della scuola. In seguito ci sarà una discussione sul testo letto e la scrittura di pensieri in libertà su una nuvo- letta di carta colorata. Sarà inoltre allestita una mostra lungo i corridoi, de- lineando un percorso che porti fino alla Biblioteca, di graphic novel, albi illustrati, silent book ed altre let- ture di testi appartenenti alla collezione del gruppo Liber*e Letture. Saranno esposti con maggiore visi- bilità i volumetti di Marcovaldo alla Cortese. Andrea La Gorga, classe 3a G Napoli, arte e fantasia... Pagina 11 All’open day, potrete ammirare i la- vori realizzati nell’ambito delle atti- vità di accoglienza svolte a inizio an- no e curate dai nostri bravissimi pro- fessori di arte e immagine. Vedrete le illustrazioni degli alunni della nostra scuola sulle bel- lezze storico-artistiche e i monumen- ti della città di Napoli. A fianco, il disegno di Piazza del Plebiscito, della nostra compagna Dalila Basile, della classe 1a F. Vicino Emmanuele e Andrea La Gorga, classe 3a G
  12. 12. Caporedattore: Andrea La Gorga Redattori: Laudiero Francesco e Salvatore Criscuolo Giornalisti: Antonio Grimaldi, Salvatore Maffei, Giovanna Salerno, Mattia Barbaro, Dakota Acampora, Luigi Colella, Fortuna Rusiello, Silvana Masotti, Terry Modugno, Sabrina Tranchese, Maria Rosaria Man- tova, Emmanuele Vicino, Lorenzo Arcopinto e Chiara Mileto, Scognamillo Maria, Alessia Zuppa, Giovan- ni Galletta, Chiara Battaglia. Fotoreporter della centrale: Emmanuele Vicino Inviati plesso Soriano: Melissa Mazzarella, Ilaria Sollo, Giovanna Prinno Ilustratori: Sara Guerrero, Fortuna Rusiello, Basile Dalila Segretarie di redazione: Amalia Arenella e Maria Pia Cimminiello Responsabile articoli sullo sport: Alessia Zuppa La nostra Redazione vi aspetta il 20/01/2019 a scuola! Rebus: amici di penna Crucipuzzle: orientamento Pagina 12 All’ open day vi aspetta la sezione lapbook. Questi sono degli esempi di lavori realizzati dagli alunni della nostra scuola primaria ... Gli alunni che hanno progettato questi bellissimi e coloratissimi LAPBOOK sono: Giuseppe Cappiello, Bruna Mosca , Matteo D’Avino e Genny Villani della classe 3a A del plesso Soriano.

×