Medicina di gruppo il caso san moderanno

185 views

Published on

MEDICINA DI GRUPPO SAN MODERANNO
Via Trieste 108/A
Parma

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
185
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
35
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Medicina di gruppo il caso san moderanno

  1. 1. MEDICINA DI GRUPPO SAN MODERANNO Via Trieste 108/A ParmaLogo
  2. 2. Ingresso principale e posteggio anteriore: una porta scorrevole automatica permette alle persone di entrare senza dovermanipolare maniglie o infissi. E’ stata abolita ogni forma di ostacolo architettonico. Sono stati posizionati sulla parete didestra l’ insegna ufficiale dell’ambulatorio; le targhe dei vari medici contenenti solamente il nome e cognome, la qualifica ei numeri di permesso comunale; la denominazione dei servizi offerti e delle organizzazioni ospitate nel locale.L’ampia vetrata della porta scorrevole, unidirezionale o “a specchio” permette di poter ottenere la massima luminositàinterna senza influire sulla privacy degli assistiti in attesa.
  3. 3. Sulla parete di sinistra è stato posto un cartello che avvisa che la struttura e dotata di una videosorveglianza con registrazione24/h . Un potente faro posto sotto la tettoia di protezione dell’entrata permette di mantenere la caratteristica unidirezionaledella vetrata anche nelle ore serali.
  4. 4. Le targhe esposte all’entrata sono essenziali.Se il locale è sufficientemente ampio è opportuno prevedere una evoluzione della struttura stessa inserendo già dal momentodell’installazione delle targhe la possibilità di aggiungere servizi o funzioni o giovani colleghi.
  5. 5. Come si presenta la struttura all’assistito che entra dalla porta centrale: a sinistra c’è il front office dove i collaboratori distudio accolgono le persone e rispondono alle necessità.Il front office ha una parte esterna che permette il contatto diretto con gli assistiti ma nello stesso tempo protegge glioperatori da invadenze eccessive.Nella parte posteriore c’è la stanza delle collaboratrici di studio che contiene la centralina telefonica, i computer, i quadri dicomando dell’impiantistica generale, gli allarmi, le stampanti.La stanza à dotata di una propria areazione autonoma forzata. L’accesso al front office avviene tramite una porta scorrevoleche si chiude dall’interno.
  6. 6. La sala d’aspetto è direttamente antistante il front office e questo permette un completo controllo di quanto succede.Tutte le sedie della sala d’aspetto sono spostabili al fine di poter utilizzare questo spazio come sala conferenze per lapopolazione o per l’aggiornamento dei colleghi del NCP o per la formazione a piccoli gruppi.Il maxischermo ha molteplici funzioni: televisione satellitare, radio, schermo per computer. La postazione di comando dellevarie funzioni del maxischermo si trova sempre nel front office.
  7. 7. Interno front office
  8. 8. Front office visto dalla sala d’aspetto
  9. 9. Distanziatori a nastro estraibile posti d’innanzi al front office
  10. 10. Distanziatori e indicatori di flusso a nastro estraibile
  11. 11. La sala d’aspetto trasformata in sala conferenze
  12. 12. Sistema artigianale e provvisorio di prenotazione: ogni medico è contrassegnato da un colore e da cartoncini numerati.Il paziente che vuole accedere all’ambulatorio del medico ritira il proprio numero che poi alla fine restituirà alle collaboratricidi studio.Il cartoncino utilizzato per questo sistema di prenotazioni è facilmente deperibile o asportato involontariamente ma nellostesso tempo è estremamente facile e poco costoso ritagliare altri cartoncini dello steso colore, riscrivere e riposizionare ilnumero rovinato o mancante.
  13. 13. L’informazione anche se provvisoria e semplice si è dimostrata efficace e di facile comprensione. Sono stati regolamentatianche gli accessi al front-office, alla medicheria, alla Capo Sala, alla specialistica, alla Guardia medica leggera.
  14. 14. Ripetizione delle regole per l’accesso
  15. 15. Nella parete della sala d’aspetto sono affissi comunicazioni ed avvisi utili agli assistititi e contenenti le informazioniessenziali per il buon funzionamento dell’ambulatorio
  16. 16. Orario di ambulatorio esposto in sala d’attesa e sulla porta di entrata principale
  17. 17. Cartellonistica esposta nella sala d’aspetto: carta dei servizi ( comunicato per gli assistiti), onorari unificati rigiuardante i certificati medici,onorari delle prestazioni private, avvisi e informazioni varie
  18. 18. Vista dall’interno dell’ambulatorio verso l’esterno: la porta scorrevole con i vetri unidirezionali permette di osservare tuttociò che avviene d’avanti all’entrata senza che dall’esterno possa accadere la stessa cosa.Sulla destra i servizi per il pubblico e per il personale.
  19. 19. Questo ambulatorio è adibito a più funzioni: medicheria, stanza della Capo Sala, ambulatorio per la specialistica,ambulatorio per patologia, ambulatorio per progetti di integrazione medico-psico-sociale, ambulatorio per la guardia medicadi quartiere.
  20. 20. Interno ambulatorio della Capo Sala
  21. 21. Materiale e parte della strumentazione presente nella medicheria
  22. 22. Posteggio posteriore riservato all’ambulatorio
  23. 23. Uscita di sicurezza con maniglia antipanico
  24. 24. Parte dell’arredamento interno di un ambulatorio
  25. 25. Parte dell’arredamento interno di un ambulatorio
  26. 26. Entrata di un ambulatorio.Le porte scorrevoli sono state scelte per guadagnare spazio. .
  27. 27. Stanza riservata all’archivio, stanza del “pulito”, reparto server, spogliatoio riservato, locale ristoro per gli operatori
  28. 28. La stanza archivio-ristoro-server- ripostiglio- materiale pulito-spogliatoio degli operatori è fornita di porta blindata, areazioneforzata, frigoriferi e distributore di bevande calde.
  29. 29. Macchine “a soffitto” per il sistema di riscaldamento, di condizionamento, di ventilazione
  30. 30. Sistema di diffusori suoni e musica installati nel soffitto
  31. 31. Spazio ristoro per gli operatori
  32. 32. Postazione server
  33. 33. Ripostiglio, stanza “dello sporco” e dei rifiuti speciali, locale caldaia, materiale per le pulizie, quadro elettrico generaleesterno, magazzino per stoccaggio materiale vario ( carta, detersivi, tavolo conferenze, sedie di scorta, attrezzi da lavoro…)
  34. 34. Macchina climatizzazione per esterno
  35. 35. Porta di servizio posta nel retro
  36. 36. In caso di controllo con videosorveglianza ( considerata la difficoltà di poter osservare l’intero ambiente e tutto il materialeelettronico e informatico presente in una medicina di gruppo attrezzata modernamente) occorre esporre cartelli indicanti lamodalità di sorveglianza adottata sia all’interno che all’esterno della struttura.
  37. 37. 1 2 3 4 8 5 6 7Componenti della Medicina di Gruppo San Moderanno ( Parma):1- Bruno Agnetti; 2 – Claudio Ferrari; 3 – Rosanna Quaretti I.P. Capo sala; 4 – Laura Camporesi Colaboratrice di Studio;5 – Nazaria Vecchi; 6 – Giovanni Tumino; 7- Giacinta Gurrado Collaboratrice di Studio; 8 – Emilio Melloni . Ogni componente o operatore della Medicina di Gruppo porta sul camice un cartellino di identificazione con nome, ruolo efunzione. Tutti i componenti dell’associazione seguono un regolamento interno che viene comunque periodicamenterivisitato secondo le necessità emergenti.
  38. 38. Parte della cartellonistica esposta nella sala d’aspetto per avvisi ed informazioni varie: orari di ambulatorio, avvisi per lemodalità di accesso al front office, competenze, specialità, attività convenzionate e private dei singoli medici
  39. 39. Il “Comunicato per gli assistiti” rappresenta la modalità più semplice per presentare la Carta dei Servizi di unaMedicina di Gruppo. Deve essere esposto obbligatoriamente.
  40. 40. Parte dell’arredamento interno di un ambulatorio
  41. 41. Interno della medicheria e ambulatorio della Capo Sala

×