Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Ristomarketing art.3

321 views

Published on

Per conoscere il punto di equilibrio del tuo locale (#ristorante, #pizzeria)

Published in: Marketing
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Ristomarketing art.3

  1. 1. 4 0 4 1 ncora oggi, nell’era del digital e dei social, sono tanti i ristoratori che non conoscono il punto di equili-brio o punto di pareggio (break even point) del pro-prio locale. La leva del marketing, forse tra le più importanti, è il prezzo. Quale deve essere il prezzo di vendita del-le pizze? Più alto è il prezzo più ci guada-gniamo. Ma forse, con un prezzo troppo alto , verranno meno clienti e quindi si venderanno meno pizze. Quindi, quante pizze dovrò fare al giorno per guadagnare? Op-pure, “quanti coper-ti devo fare se voglio arrivare a produrre un certo volume di utili?” Questa, è la domanda che tutti i ristoratori dovrebbero porsi. Forse qualcuno ha cercato di darsi una risposta, ma sempre in maniera approssimativa, e cioè senza aver fatto un conteggio reale dei costi e ricavi. Costi e Ricavi E sono proprio questi gli elementi principali per deter-minare il punto di pareggio. Diciamo che il calcolo del punto di pareggio dovreb-be essere sempre calcolato prima di avviare il pro-prio locale e di monitorare costantemente, cioè pe-riodicamente questo indice/coefficiente. Il punto di pareggio, dovrebbe essere la nostra guida, come per i marinai lo era la stella polare. Non dobbiamo aspet-tare alla fine dell’anno per renderci conto di ritrovarci una perdita insanabile in bilancio. Questo vuol dire anche saper gestire un locale. Monitorare il punto di pareggio è la cosa più importante in qualsiasi business e quindi an-che per il proprio risto-rante, pizzeria, bar, etc. Concretamente, l’a-nalisi del punto di pareggio permette di esaminare in un uni-co modello l’andamento delle variabili economiche. Queste variabili sono: i costi, sia fissi che variabili, e i ricavi. Il punto di pareggio è il punto in cui il ristoran-te non realizza né perdite né profitti, ma riesce solo a coprire i costi. I costi fissi si sostengono indipendentemente dall’an-damento dell’attività: l’affitto dei locali, le spese del personale (gli extra e gli stra-ordinari sono esclusi), gli am-mortamenti, etc. I costi variabili, invece, sono quelli il cui ammontare dipen-de da quanto si lavora: il più importante è il food cost (ma-terie prime: farina, pomodo-ro, mozzarella ed ingredienti vari), ma ci sono anche luce e gas (non la quota fissa ma quella a consumo), personale extra, le scatole per la consegna delle pizze, ecc. I ricavi sono determinati dal prezzo di vendita del-le pizze e delle altre pietanze. Per calcolare il break even occorre stimare il prezzo medio di vendita. Un elemento cruciale Il punto di pareggio è il livello dei ricavi che permette la totale copertura dei costi. Per un ristoratore, il suo calcolo, presuppone una corretta conoscenza della propria struttura dei costi e un’adeguata previsione dei ricavi. Una volta definiti questi valori, una semplice formula permetterà di calcolare il punto di pareggio: basterà prendere i costi fissi e dividerli per il prezzo medio del coperto meno il costo variabile di ogni pasto. Il valore che si ottiene è il numero di coperti necessari a raggiungere il break even point, cioè il punto oltre al quale si inizia a guadagnare. Ipotesi Per semplicità di calcolo, simuleremo una piccola pizzeria che vende solo pizze margherite ad un certo prezzo (simuleremo tre esempi). S’ipotizze-ranno che i costi fissi sono di euro 18.000 e i costi variabili di euro 2,10. P = prezzo di vendita delle pizze CF = costi fissi CV = costi variabili Q = quantità di pizze per raggiugere il punto di pareggio (Break-event-point). Per capire come la leva prezzo può influenzare la Q, faremo tre esempi, lasciando invariati i CF e i CV: Esempio 1 P= 5,50 - CF=18.000 - CV=2,10 Esempio 2 P= 6,50 - CF=18.000 - CV=2,10 Esempio 3 P= 4,50 - CF=18.000 - CV=2,10 Come si può notare, al variare del prezzo di vendita varia la quantità di pizze da vendere per coprire tutti i costi. Lo stesso esempio, può essere fatto anche con le altre variabili. A Domenico Di Paola - www.dipaola.eu È un ex-pizzaiolo e per tanti anni si è occupato di formazione. Negli ultimi anni si sta occupando anche di sviluppare progetti e soluzioni aziendali di mobile marke-ting e social media. Ha pubblicato con l’editore Franco Angeli il libro sul Mobile Marketing Immobiliare. Per la ristorazione, in generale, si occupa di consulenza e supporto attraverso l’uti-lizzo delle nuove tecnologie, ad esempio con il progetto QRmenu (www.qrpass.it) ed ARwine (www.arwine.it). Più in generale sviluppa APPs con la propria società (www.nezwork.it). Il suo motto è: “Crediamo molto nelle nuove tecnologie… e ci riteniamo gli artigiani delle APPs”. a cura di Domenico Di Paola RistoMarketingstrumenti e consigli per la ristorazione Come conoscere il punto di equilibrio del tuo locale Ipotesi 1 Ipotesi 2 Ipotesi 3 18.000 18.000 18.000 C F C V P Pizze anno Pizze mese Pizze giorno 2,1 2,1 2,1 5,5 5,5 5,5 5294,12 7500,00 4090,91 441,18 625,00 340,91 17,65 25,00 13,64

×