Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

2 premio forum pa sanità 2021 template ppt (2)

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Loading in …3
×

Check these out next

1 of 6 Ad

2 premio forum pa sanità 2021 template ppt (2)

Download to read offline

La pandemia da Covid-19 con l’emergenza sanitaria hanno posto una nuova ed urgente sfida a tutte quelle attività diagnostiche e terapeutiche che richiedono il contatto diretto, operatore sanitario e paziente/utente/cliente. L’emergenza ha richiesto l ’implementazione delle pratiche di lavoro agile non solo per le attività strettamente amministrative ma anche per quelle cliniche di diagnosi e cura. Con specifico riferimento alle attività riabilitative nella U.O.C. di neuropsichiatria infantile della ASL Bari è in fase di realizzazione un progetto che mira a sviluppare nuovi modelli e pratiche diagnostico-terapeutiche che sfruttano le tecnologie digitali. Lo sviluppo della soluzione di digitalizzazione dei processi diagnostico-terapeutici della NPIA si articola nelle seguenti fasi: Analisi dello stato asis:mappatura dei processi, utilizzando sia tecniche di Process Flow Diagram che di Data Flow Diagram; mappatura delle competenze del personale, organizzative e digitali; analisi della disponibilità di accessi sicuri dall’esterno agli applicativi e ai dati nonché disponibilità di software.Implementazione dello stato to be: riprogettazione e digitalizzazione dei processi diagnostico-terapeutici. L'elaborazione dei dati raccolti attraverso le attività di monitoraggio consentirà l'alimentazione di una base di conoscenza indispensabile per la ASL BA con l’obiettivo di ridisegnare gli interventi finalizzati alla promozione della salute, per meglio rispondere agli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

La pandemia da Covid-19 con l’emergenza sanitaria hanno posto una nuova ed urgente sfida a tutte quelle attività diagnostiche e terapeutiche che richiedono il contatto diretto, operatore sanitario e paziente/utente/cliente. L’emergenza ha richiesto l ’implementazione delle pratiche di lavoro agile non solo per le attività strettamente amministrative ma anche per quelle cliniche di diagnosi e cura. Con specifico riferimento alle attività riabilitative nella U.O.C. di neuropsichiatria infantile della ASL Bari è in fase di realizzazione un progetto che mira a sviluppare nuovi modelli e pratiche diagnostico-terapeutiche che sfruttano le tecnologie digitali. Lo sviluppo della soluzione di digitalizzazione dei processi diagnostico-terapeutici della NPIA si articola nelle seguenti fasi: Analisi dello stato asis:mappatura dei processi, utilizzando sia tecniche di Process Flow Diagram che di Data Flow Diagram; mappatura delle competenze del personale, organizzative e digitali; analisi della disponibilità di accessi sicuri dall’esterno agli applicativi e ai dati nonché disponibilità di software.Implementazione dello stato to be: riprogettazione e digitalizzazione dei processi diagnostico-terapeutici. L'elaborazione dei dati raccolti attraverso le attività di monitoraggio consentirà l'alimentazione di una base di conoscenza indispensabile per la ASL BA con l’obiettivo di ridisegnare gli interventi finalizzati alla promozione della salute, per meglio rispondere agli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

Advertisement
Advertisement

More Related Content

Slideshows for you (20)

Similar to 2 premio forum pa sanità 2021 template ppt (2) (20)

Advertisement

Recently uploaded (20)

2 premio forum pa sanità 2021 template ppt (2)

  1. 1. E- GOVERNMENT& E - DEMOCRACY (G&D) ASL BARI
  2. 2. IL GRUPPO DI LAVORO Nomi, Cognomi, altre info (qualifiche, esperienze e competenze) Dr.ssa Domenica Munno - Presidente Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, il benessere organizzativo e di contrasto alle discriminazioni - ASL BA Dott. Vito Lozito - Direttore Medico U.O.C. NPIA ASL BA Dott. Giuseppe Cipolla – Dirigente Medico U.O.C. NPIA ASL BA Dr.ssa Francesca Maltesi - Collaboratore Amministrativo AGRU ASL BA Prof.ssa Nunzia Carbonara, Professore Associato di Ingegneria Economico-Gestionale, DMMM Politecnico di Bari: Esperta di Organizzazione Aziendale, Change Management e Digital Transformation. Prof.ssa Barbara Scozzi, Professore Associato di Ingegneria Economico-Gestionale, DMMM Politecnico di Bari: Esperta di Processi organizzativi e Business Process Management. Ing. Roberta Pellegrino, Ricercatrice di Ingegneria Economico-Gestionale, DMMM Politecnico di Bari.
  3. 3. PRESENTAZIONE DELLA SOLUZIONE 1/2 Breve descrizione della soluzione L’utilizzo del tecnologie digitali a supporto dei processi diagnostico-terapeutici nell’U.O.C. di neuropsichiatria infantile ha garantito la continuità delle cure in una fase emergenziale caratterizzata dai vincoli di distanziamento sociale. Tuttavia, la soluzione che si intende realizzare risultante da una riprogettazione e digitalizzazione dei processi di riformulazione dei processi diagnostico-terapeutici consentirebbe di rispondere ai bisogni dei pazienti e delle famiglie, che ottimizzerebbero sui tempi e i costi legati agli spostamenti. Migliora l’efficacia del processo terapeutico, rendendo parte attiva la famiglia nei percorsi terapeutici e riabilitativi. La promozione dell’autogestione comprende approcci centrati sul paziente/utente volti a sostenere le persone seguite dai servizi, nonché i loro familiari, nell’affrontare le sfide che ne conseguono e a rafforzarne le risorse e le competenze. L’autogestione è un aspetto delle competenze per la salute. In presenza di un problema di salute, l’autogestione si identifica con un processo dinamico comprendente le capacità di un individuo e della famiglia di gestire in modo attivo e adeguato i sintomi, le conseguenze fisiche e psicosociali, i trattamenti e di adattare di conseguenza il proprio stile di vita. Essa interviene in processi attivi di gestione e cambiamento all’interno di un percorso comune tra gli interessati e l’ambiente di sostegno (specialisti, familiari e pari). L’ambiente di vita dell’interessato è preso in considerazione nel suo insieme (p. es. gestione dei carichi psichici e delle emozioni, rapporto con il piano terapeutivo, gestione dei cambiamentinei rapporti familiari e sociali, mutamenti dell’atteggiamento e del comportamento, ecc.).
  4. 4. PRESENTAZIONE DELLA SOLUZIONE 1/2 Per chi è adatta / in che contesti o amministrazioni si può attuare Soluzione adatta a paziente e familiari dei servizi socio sanitari pubblici e privatiL’utilizzo del tecnologie digitali a supporto dei processi diagnostico-terapeutici nell’U.O.C. di neuropsichiatria infantile ha garantito la continuità delle cure in una fase emergenziale caratterizzata dai vincoli di distanziamento sociale. Tuttavia, la soluzione che si intende realizzare risultante da una riprogettazione e digitalizzazione dei processi di riformulazione dei processi diagnostico-terapeutici consentirebbe di rispondere ai bisogni dei pazienti e delle famiglie, che ottimizzerebbero sui tempi e i costi legati agli spostamenti. Migliora l’efficacia del processo terapeutico, rendendo parte attiva la famiglia nei percorsi terapeutici e riabilitativi. La promozione dell’autogestione comprende approcci centrati sul paziente/utente volti a sostenere le persone seguite dai servizi, nonché i loro familiari, nell’affrontare le sfide che ne conseguono e a rafforzarne le risorse e le competenze. L’autogestione è un aspetto delle competenze per la salute. In presenza di un problema di salute, l’autogestione si identifica con un processo dinamico comprendente le capacità di un individuo e della famiglia di gestire in modo attivo e adeguato i sintomi, le conseguenze fisiche e psicosociali, i trattamenti e di adattare di conseguenza il proprio stile di vita. Essa interviene in processi attivi di gestione e cambiamento all’interno di un percorso comune tra gli interessati e l’ambiente di sostegno (specialisti, familiari e pari). L’ambiente di vita dell’interessato è preso in considerazione nel suo insieme (p. es. gestione dei carichi psichici e delle emozioni, rapporto con il piano terapeutico, gestione dei cambiamenti nei rapporti familiari e sociali, mutamenti dell’atteggiamento e del comportamento, ecc.). In base alla definizione operativa, un’offerta sanitaria può essere considerata una misura di promozione dell’autogestione soltanto se soddisfa i seguenti criteri: 1) il paziente/utente assume un ruolo attivo e partecipativo e il rapporto tra i professionisti, la famiglia e la persona è percepito come una collaborazione reciproca; 2) vengono incentivate le dimensioni della conoscenza, della motivazione e delle competenze; 3) l’accento è posto sulla persona interessata e sul suo contesto di vita; 4) non può essere considerata un’offerta sporadica o dell’emergenza sanitaria. Per un’autogestione efficace, le persone interessate hanno inoltre bisogno della motivazione ad agire e delle competenze che possono essere loro utili nell’affrontare la malattia nell’arco della loro vita. Competenze di autogestione 1.osservare sé stessi, i propri sintomi e riconoscere i problemi di salute; 2.partecipare alle decisioni di trattamento; 3.prendere decisioni e trovare soluzioni, pianificare e attuare azioni; 4. fare un uso adeguato di medicamenti e mezzi ausiliari e utilizzare in modo efficace le offerte del sistema socio assistenziale e sanitario; 5.comunicare con familiari, specialisti e datori di lavoro e curare i rapporti interpersonali; 6.modificare il proprio comportamento in materia di salute; evitare rischi, ricadute o complicazioni (nel senso di promozione della salute ma anche di prevenzione primaria, secondaria e terziaria).
  5. 5. ULTERIORI APPROFONDIMENTI Pubblica qui il testo In base alla definizione operativa, un’offerta sanitaria può essere considerata una misura di promozione dell’autogestione soltanto se soddisfa i seguenti criteri: 1) il paziente/utente assume un ruolo attivo e partecipativo e il rapporto tra i professionisti, la famiaglia e la persona è percepito come una collaborazione reciproca; 2) vengono incentivate le dimensioni della conoscenza, della motivazione e delle competenze; 3) l’accento è posto sulla persona interessata e sul suo contesto di vita; 4) non può essere considerata un’offerta sporadica o dell’emergenza sanitaria. Per un’autogestione efficace, le persone interessate hanno inoltre bisogno della motivazione ad agire e delle competenze che possono essere loro utili nell’affrontare la malattia nell’arco della loro vita. Competenze di autogestione osservare sé stessi, i propri sintomi e riconoscere i problemi di salute; partecipare alle decisioni di trattamento; prendere decisioni e trovare soluzioni, pianificare e attuare azioni; fare un uso adeguato di medicamenti e mezzi ausiliari e utilizzare in modo efficace le offerte del sistema socio assistenziale e sanitario; comunicare con familiari, specialisti e datori di lavoro e curare i rapporti interpersonali; modificare il proprio comportamento in materia di salute; evitare rischi, ricadute o complicazioni(nel senso di promozione della salute ma anche di prevenzione primaria, secondaria e terziaria).
  6. 6. ANAGRAFICA DEL REFERENTE Nome e Cognome: DOMENICA MUNNO Email domenica.munno@asl.bari.it Altre informazioni: Presidente CUG ASL BA

×