Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Via Rasella, 155 - 00187 Roma Via dell’Orso, 2 - 20121 Milano
Tel +39 06 696661 Fax +39 06 69666544 Tel +39 02 722341 Fax ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

DIGITALMEDIA.INFO - APPROFONDIMENTO:Il tribunale di milano conferma il blocco di uberpop

110 views

Published on

Il collegio della sezione specializzata in materia di impresa “A” del Tribunale di Milano con ordinanza del 2
luglio scorso sul reclamo presentato dalle diverse società del gruppo Uber evocate in giudizio contro
l’ordinanza emessa dallo stesso Tribunale il 25 maggio scorso, di cui avevamo parlato nello scorso numero
della nostra newsletter, ha confermato l’ordinanza emessa determinando il blocco sull’intero territorio
nazionale del servizio denominato Uberpop.
La decisione che si segnala conferma l’impianto argomentativo seguito dal primo giudice e riconosce,
dunque, la sussistenza di un’attività in concorrenza sleale esercitata da Uber nei confronti delle cooperative
di tassisti. In particolare il Tribunale chiarisce alcuni aspetti significativi nella valutazione giuridica delle
condotte contestate. Secondo il Tribunale:

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

DIGITALMEDIA.INFO - APPROFONDIMENTO:Il tribunale di milano conferma il blocco di uberpop

  1. 1. Via Rasella, 155 - 00187 Roma Via dell’Orso, 2 - 20121 Milano Tel +39 06 696661 Fax +39 06 69666544 Tel +39 02 722341 Fax +39 02 72234545 Il Tribunale di Milano conferma il blocco di Uberpop Marco Bellezza Il collegio della sezione specializzata in materia di impresa “A” del Tribunale di Milano con ordinanza del 2 luglio scorso sul reclamo presentato dalle diverse società del gruppo Uber evocate in giudizio contro l’ordinanza emessa dallo stesso Tribunale il 25 maggio scorso, di cui avevamo parlato nello scorso numero della nostra newsletter, ha confermato l’ordinanza emessa determinando il blocco sull’intero territorio nazionale del servizio denominato Uberpop. La decisione che si segnala conferma l’impianto argomentativo seguito dal primo giudice e riconosce, dunque, la sussistenza di un’attività in concorrenza sleale esercitata da Uber nei confronti delle cooperative di tassisti. In particolare il Tribunale chiarisce alcuni aspetti significativi nella valutazione giuridica delle condotte contestate. Secondo il Tribunale:  la predisposizione dell’app Uber è equiparabile al tradizionale servizio di radiotaxi “[…] ancorché realizzata con modalità più moderne”;  la previsione di un prezzo per le corse variabile a seconda delle condizioni di domanda e offerta, come nel servizio Uberpop, esclude che tale fenomeno sia inquadrabile nell’ambito della sharing economy;  il servizio non ha effetti positivi in termini di inquinamento atmosferico e di concentrazione del traffico, come sostenuto da alcune associazioni di consumatori intervenute nel giudizio a sostegno delle tesi di Uber, in quanto secondo il Tribunale, in mancanza di Uber, i clienti del servizio si rivolgerebbero ai servizi di trasporto pubblico locale;  la violazione di norme pubblicistiche consente il risparmio di costi a vantaggio di Uber consistendo in ciò stesso l’attività in concorrenza sleale condotta in danno dei tassisti. E’ interessante segnalare come il Tribunale di Milano nella decisione segnalata, sollecitato dalle difese proposte da Uber, ha avuto modo di esprimersi seppur incidentalmente sulla recente segnalazione indirizzata al governo e al parlamento da parte dell’Autorità di regolazione dei trasporti proprio sul trasporto pubblico non di linea. Nella richiamata segnalazione l’autorità propone una serie di modifiche puntuali alla normativa vigente nell’intento di favorire lo sviluppo di “servizi tecnologici per la mobilità”. In relazione a tale proposta il Tribunale rileva come comunque Uberpop non rispetta i requisiti ivi contemplati, seppur non ancora vigenti e che, quindi, il richiamo a tale segnalazione appare non conferente. Stante i limitatissimi mezzi di ulteriore impugnazione offerti dal nostro ordinamento all’ordinanza segnalata ora la parola non può che passare al legislatore, ove intenda affrontare il tema alla luce delle questioni proposte dalla vicenda Uberpop come avvertito dallo stesso Tribunale di Milano.

×