Forme di produzione e consumo di contenuti digitali

2,642 views

Published on

Presentazione PPT del seminario sul consumo di contenuti digitali tenuto all'Università di Urbino il 4 aprile 2007 presso la cattedra di Sociologia dei New Media del prof. Giovanni Boccia Artieri

Published in: Technology
0 Comments
6 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,642
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
149
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
6
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Forme di produzione e consumo di contenuti digitali

  1. 1. Forme di produzione e consumo di contenuti digitali Davide Bennato Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Roma “La Sapienza”
  2. 2. Indice <ul><li>Oltre le forme tradizionali </li></ul><ul><li>Le relazioni sociali digitali </li></ul><ul><li>Il caso del file sharing </li></ul><ul><li>Relazioni sociali 2.0 </li></ul>
  3. 3. Oltre le forme tradizionali <ul><li>La questione della comunicazione tecnologica </li></ul><ul><ul><li>Broadcasting </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Trasferimento di contenuti da uno a molti </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Thompson 1995: quasi-interazione mediata </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Tipico dell’industria dei media </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Nato con la società industriale </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Narrowcasting </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Condivisione di esperienze da uno a pochi, da pochi e pochi </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Thompson 1995: interazione mediata </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Tipico dei rapporti sociali </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Nato con la scrittura </li></ul></ul></ul><ul><li>Le forme comunicative emergenti </li></ul><ul><ul><li>Socialcasting </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Aspetto broadcast: trasferimento di contenuti </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Aspetto narrowcast: condivisione di esperienze </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Cosa succede quando l’esperienza diventa un contenuto? </li></ul></ul></ul>
  4. 4. <ul><li>L’organizzazione dello spazio informativo </li></ul><ul><ul><li>Goffman 1959: palcoscenico vs retroscena </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Lo spazio fisico come vincolo allo spazio comunicativo </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Lull 1980: la televisione come incorporata nello spazio quotidiano </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Usi della TV: strutturali e relazionali </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Meyrowitz 1985: palcoscenico laterale </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Lo spazio comunicativo come spazio sociale </li></ul></ul></ul><ul><li>I primi sintomi di un cambiamento fra spazio pubblico e spazio privato </li></ul><ul><ul><li>Williams 1974: l’automobile e la TV </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Privatizzazione mobile </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Flichy 1992: Walkman </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>La bolla comunicazionale </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Bakardjieva 2003: Internet </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Socializzazione immobile </li></ul></ul></ul>
  5. 6. <ul><li>Il Social Computing </li></ul><ul><ul><li>Il termine è stato formalizzato da una ricerca della Forrester 2006 </li></ul></ul><ul><ul><li>Indica una struttura sociale in cui il potere risiede nelle comunità e non nelle istituzioni </li></ul></ul><ul><ul><li>La tecnologia alla base del Social Computing </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Potenza di calcolo molto sviluppata </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Hardware economico </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Software che permette la connessione fra persone </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>La società alla base del Social Computing </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Le persone sempre più desiderose di legami sociali </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>La nuova generazione sempre più tecnologizzata </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>La crescita della società globale </li></ul></ul></ul><ul><li>Cambiamenti per il mercato </li></ul><ul><ul><li>L’innovazione dal top-down al bottom-up </li></ul></ul><ul><ul><li>Il valore passa dal fruire un prodotto al fruire di un’esperienza </li></ul></ul>
  6. 9. Relazioni sociali digitali <ul><li>Il Networked individualism di Barry Wellman (2001): un nuovo attore sociale </li></ul><ul><ul><li>Individualismo basato su reti </li></ul></ul><ul><ul><li>Legame sociale: dalla vicinanza fisica alla socialità delocalizzata </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Dal gruppo al network </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Effetti dell’industrializzazione sulle comunità pre-moderne </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Cambiamenti sociali (la famiglia) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Cambiamenti dello spazio urbano (zona residenziale e lavorativa) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Cambiamenti tecnologici (trasporti e comunicazioni) </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Reti sociali e reti di computer si rimandano l’un l’altro </li></ul></ul><ul><ul><li>Gli elementi alla base del concetto </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Creazioni di relazioni sociali locali e a distanza </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Reti personali scarsamente compatte </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Permeabilità delle relazioni: costruite/abbandonate facilmente </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>La forza delle relazioni è variabile </li></ul></ul></ul>
  7. 10. <ul><li>La virtual togetherness di Maria Bakardjieva (2003): un nuovo processo di socializzazione </li></ul><ul><ul><li>Uso sociale di internet nel contesto quotidiano </li></ul></ul><ul><ul><li>La comunità non esaurisce la socialità online </li></ul></ul><ul><ul><li>Le due modalità d’uso delle reti sociali </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Il modo del consumo: assenza di interazione con l’altro </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Il modo della comunità: forte relazione partecipativa </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>La virtual togetherness e le tipologie del continuum consumo/comunità </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Infosumer: consumatore di informazioni </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Relazioni strumentali: gli altri come fonte di informazioni </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Sfera pubblica virtuale: lo scambio e il confronto sulle idee con gli altri </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Il chatter: socievolezza senza confini, scambiare relazioni con le persone </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Comunitario: internet come risorsa comunitaria con cui identificarsi e appartenere </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>La ricchezza sociale di internet dipende dalla sua incorporazione nella vita quotidiana </li></ul></ul>
  8. 11. Le forme della virtual togetherness Infosumer Relazioni pubbliche strumentali Sfera pubblica virtuale Chatter Comunitario Modo del consumo Modo della comunità
  9. 12. Il caso del file sharing <ul><li>L’impatto sociale di Napster </li></ul><ul><ul><li>File sharing: pratica esplosa nel 1999 con Napster </li></ul></ul><ul><ul><li>Peer-to-peer network: diffusione globale di nuove architetture </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>EITO 2006: Le reti P2P come strategia di distribuzione </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Janus Friis e Niklas Zennstrom: Kazaa, Skype, Joost </li></ul></ul></ul><ul><li>Perché è un caso interessante? </li></ul><ul><ul><li>Tecnologia </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>È una pratica che richiede una buona competenza tecnologica </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>È una pratica basata su una specifica infrastruttura tecnologica </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Contenuti </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>È uno dei sistemi alternativi più usati per l’accesso ai contenuti </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Non sempre è in competizione con altre forme di accesso ai contenuti </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Condivisione </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>È una pratica che consente la condivisione di materiale </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Il materiale condiviso si configura come un’esperienza </li></ul></ul></ul>
  10. 13. Relazioni sociali 2.0 <ul><li>Nuovi servizi internet </li></ul><ul><ul><li>Internet broadcast: quotidiani online </li></ul></ul><ul><ul><li>Internet narrowcast: chat, IM, forum </li></ul></ul><ul><ul><li>Internet socialcast: wiki, blog, social bookmark, fotosharing, videosharing </li></ul></ul><ul><li>Nuove forme di cooperazione </li></ul><ul><ul><li>Rheingold 2002: Smart Mob </li></ul></ul><ul><ul><li>Howe 2006: Crowdsourcing </li></ul></ul><ul><ul><li>Benkler 2006: Social production (commons-based per production) </li></ul></ul><ul><ul><li>Tapscott, Williams 2006: Wikinomics </li></ul></ul><ul><li>Nuove pratiche di comunicazione </li></ul>
  11. 16. <ul><li>Folksonomy </li></ul><ul><ul><li>Folks +tax onomy : tassonomie costruite dalle persone </li></ul></ul><ul><ul><li>Consiste nel catalogare un contenuto usando piccole etichette di testo dette tag (da cui il termine tagging ) </li></ul></ul><ul><ul><li>La condivisione della pratica permette di costruire tassonomie in maniera non gerarchica (top-down) ma emergente (bottom-up) </li></ul></ul><ul><li>User generated content </li></ul><ul><ul><li>Contenuto prodotto dalle persone </li></ul></ul><ul><ul><li>Consiste nel partecipare ad un progetto collettivo il cui scopo è la produzione di un contenuto (come Wikipedia) </li></ul></ul><ul><ul><li>Se il contenuto è rappresentato da una news si parla di citizen journalism </li></ul></ul><ul><li>Social networking </li></ul><ul><ul><li>Rete sociale </li></ul></ul><ul><ul><li>Consiste nel creare legami fra persone usando servizi internet come piattaforma di riferimento (come eBay, MySpace, Facebook) </li></ul></ul><ul><ul><li>Altri termini che definiscono questa pratica sono: social computing, social software </li></ul></ul>

×