La comunicazione politica Nuria

968 views

Published on

Published in: News & Politics, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
968
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
23
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La comunicazione politica Nuria

  1. 1. La comunicazione politica (le diverse forme di comunicazione politica, sedurre informando, per campagne elettorali/per governare)
  2. 2. L’ uomo Comunica su base simbolica Descrive la Realtà oggettiva Il linguaggio è comunicazione e la comunicazione è mutata: . Scrittura . Stampa (1453) . Giornale (1609) . Manifesti murali (701 a.C.) . Televisione (1939) . Telefono (1871) . Internet (1991) . Radio (1893) . Pubblicità (1630) Linguaggio Politico <ul><li>Più atti verbali sono ripetuti più riescono a mantenere il fattore dell’insieme </li></ul>2. Ha funzione espressiva e serve al mantenimento della tradizione 3. Carattere formulaico
  3. 3. Il Rito è il contesto in cui hanno luogo azioni collettive <ul><li>. la tecnologia di stampa si sviluppa e cresce la cultura; </li></ul>Genera così conseguenze solo sulla ragione di chi li esercita L’ insicurezza favorisce la pratica rituale La Rivoluzione Francese influenza il linguaggio politico dall’800 al 900. . Libero accesso per la massa al linguaggio politico; . il volume di libri a disposizione si amplia; Nasce la politica di massa e l’opinione pubblica accompagnata dai media che la vincolano.
  4. 4. Uomini politici capaci e carismatici trasformano la comunicazione politica con persuasione e seduzione . Per arrivare più direttamente all’elettore hanno favorito questa tipologia comunicativa i nuovi mezzi di comunicazione. E’ un approccio perfetto in quanto è un mezzo alla portata di tutti . Vi è una forte problematica : i politici e i dittatori ancora oggi hanno un approccio distaccato e non corretto con i destinatari. “… questi autoritari hanno una lettura cieca del mondo intorno a loro.” dal Blog di Alessandro Dattilio Prima il politico si esprimeva in modo diretto al suo pubblico, attraverso il contatto personale , organizzazioni politiche e gruppi politici organizzati. http://www.scritturavincente.it/discorsi/comunicazione-persuasiva-analisi-discorso-gheddafi
  5. 5. Appuntamenti Elettorali <ul><li>Momento simbolico conteso dalle forza politiche dell’arena  vi sono due principali sociali. </li></ul>Utilizzano comunicazione: . mirata . Persuasiva Il politico tende al cambio del linguaggio , dei comportamenti e dell’ atteggiamento in base al pubblico e al luogo in cui si trova. Carl Iver Hovland è stato uno psicologo statunitense. Egli fu uno dei primi ricercatori a interessarsi al campo della ricerca sugli effetti de mezzi di comunicazione. L’uomo politico Ricorrono spesso alla parola ed ai messaggi propagandistici per mantenere il consenso degli elettori. Nasce negli ultimi anni in Europa un movimento di professionisti della politica: i consulenti politici.
  6. 6. Il Consulente Politico <ul><li>Si occupa della gestione delle principali funzioni della campagna elettorale: </li></ul><ul><li>. Scelta del messaggio ; </li></ul><ul><li>. Scelta dei mezzi di comunicazione; </li></ul><ul><li>. Comunicazione vera e propria; </li></ul><ul><li>Fornisce le competenze necessarie al leader politico. </li></ul><ul><li>Alla loro comparsa vennero considerati la </li></ul><ul><li>causa del deterioramento delle campagne elettorali. </li></ul>Nasce negli ultimi anni in Europa un movimento di professionisti della politica: i consulenti politici.
  7. 7. <ul><li>Oggi i partiti politici non godono di un solido elettorato , vedono l’ indebolirsi del loro ruolo e percepiscono il crescere l’individualismo tendendo così a considerare l’elettore come una singola particella che ha bisogno di uno studio più approfondito su quali possono essere i suoi bisogni. </li></ul>Emerge la mancanza di fiducia e lo scetticismo verso la politica. Gli stili di vita degli elettori diventano la chiave per capire come relazionarsi agli stessi. Intervento sul micro-targeting, 28 Aprile 2011, di Emma squillaci Perché Marketing Politico? Il marketing e la politica convergono molto in quanto i politici diventano il prodotto che si promuove , si rinnova, attraverso le pubblicità . Questo è ciò che si definisce spot politico e molto spesso lo ritroviamo nei periodi di campagna elettorale .
  8. 8. La politica viene alla luce, di fatto, negli USA e proprio in questa nazione si sviluppa fino a divenire tradizione e la maggior arma utilizzata nelle elezioni <ul><li>Proprio per l'importanza che le strategie d’informazione stanno assumendo in ogni contesto politico, il presente lavoro si propone di chiarirne meglio il ruolo nel contesto statunitense, proprio laddove esse sono generate e si sono sviluppate. Tra i differenti approcci probabili, si è preferito concentrarsi su un unico strumento delle campagne elettorali: lo spot . </li></ul>ci sono scambi e confronti Con l’avvento dei nuovi mezzi d’informazione il Marketing Politico elettorale con i suoi messaggi mediatici si è massificato , diventando così un fenomeno mediatico. Oggi vi è una professionalizzazione della comunicazione, con tecniche sempre d’avanguardia , così da raggiungere in modo più ricco , persuasivo e articolato il pubblico . Vengono sempre più utilizzate queste strategie d’immagine
  9. 9. Analisi spot pubblicitario Lega Nord La campagna elettorale del 2008 è stata considerata dai politologi leggera e noiosa, a differenza di quella del 2006, che ha avuto un costante afflusso alle urne. La Lega innanzitutto è l’unico movimento Politico che ignora le forme attuali di informazione. Il partito ha basato la sua campagna elettorale sul vocabolo SICUREZZA . I vari spot prodotti sono stati mandati in onda quasi come se fossero portavoce e difensori della popolazione, in cambio della fiducia connessa attraverso il voto dello scorso aprile 2008. Il partito ha preso così il voto dalla parte scontenta della popolazione. Più lontani da Roma più vicini a TE  L’Altro è nella prospettiva della Lega un portatore di caos nella superficie irreale e materiale della comunità padana. Il tormento per il territorio, tipico di una sfera culturale sostanzialmente giovane come quella padana, trova massima celebrazione nel claim dello spot: “Più lontani da Roma. Più vicini a te.”
  10. 10. La Lega è l’unico movimento Politico che ignora le forme attuali di informazione. Essa fa del suo radicamento nella terra e del suo rapporto con gli individui il suo basilare momento di comunicazione . Questo complicato ma produttivo lavoro le permette di capire gli umori profondi del suo elettorato, reale e potenziale. Più sicuri a casa NOSTRA  Viene sempre richiamato l’ ALTRO . Vengono inoltre mandati in onda nel Nord Est nel 2008 gli spot che parlano di due differenti reati: la rapina in casa e lo stupro. ”Casa nostra” come “casa” e come “strade” “città”, “non devono essere violate” e “derubate”. Sì, ma da chi? Chi è questa volta il nemico?
  11. 11. “ A casa nostra decidiamo noi, e non l’ultimo arrivato”  idea che vi sia un confine che divide la cultura padana e quella degli ALTRI .
  12. 12. “ Lo scorso anno 40250 violenze sessuali ”  si apre qui una parentesi soggettiva. http://www.youtube.com/watch?v=dK7q3-Wi61A Figurativizzazione di spazi culturali: lo spot del cavaliere  E’ solito vedere che per la Lega il male sia raffigurato dallo straniero e che quindi l’antagonista principale, l’ ALTRO sia lo straniero, che il leghista sia rispettoso delle regole e “sano” come un cavaliere. Fa sembrare quindi la contaminazione vicina. Chi lascia che lo straniero entri nel nostro Paese lascia entrare il male e ne diventa complice. http://www.youtube.com/watch?v=PJfEuooOSaQ&feature=player_embedded

×