Doll News #52 Aprile 2009

1,629 views

Published on

this issue variously celebrates Barbie's 50th anniversary from the standpoint of a number of adult doll collectors. So it won't be only a "pink dream" but a recflection on Barbie's time.

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,629
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
20
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Doll News #52 Aprile 2009

  1. 1. 52 www.dcci-italia.com APRILE 2009 s’ NEWSLETTER DEL DOLL COLLECTORS’ CLUB ITALIA Buon compleanno, Barbie ph. Emma Gilardi
  2. 2. E D I T O R I A L E In questo numero Happy Birthday To You!!!! Immagina, immagina che quest'anno tu compia 50 anni. Immagina che Fuori cornice… durante la tua vita, tu sia partita da semplice modella sulla spiaggia, e che poi tu sia stata infermiera, cantante di night, creatrice e redattrice di Cara la mia Barbie moda, insegnante, e che tu abbia ricevuto eserciti di amici e fatto barbecue per tutto il Centro America. Immagina che tu ti sia fatta vestire Barbie teatrale da Mary Quant ed abbia cantato con i Beatles, che ti sia abbronzata a Malibu, che i tuoi capelli potessero crescere e decrescere a dismisura. Out of the frame Immagina che il tuo fidanzato sia un citrullo sfortunato di cui tutti si dimenticano il nome, ma che tu lo ami imperterrita e platonicamente da BJD e l'estetica 50 anni quasi (sì lo sappiamo la storia con quel surfista australiano era dell'ambiguità solo una scusa per visitare le spiagge di Sydney). Immagina di esserti fatta il femminismo, il controfemminismo, di essere Assaggio di saggio 3 stata mandata al rogo, e poi invece santificata. Immagina di essere stata sulla luna, ambasciatrice dell'Unicef e candidata alla presidenza degli Stati Uniti. Immagina che tu abbia vinto il concorso di Miss America, che tu abbia Rubriche fatto parte di un gruppo rock e di aver vinto X-factor (è vero, in America si chiama Idol), immagina che una mattina ti svegli caucasica e platinata, quella dopo afroamericana e piena di ricci, e il giorno dopo ti ritrovi gli occhi a mandorla e i capelli drammaticamente lisci e piatti. Bambole del mese Immagina che dopo essere stata chirurgo, infermiera, dentista e veterinario, ti ritrovi principessa sull'isola perduta e che guardandoti allo Notizie dal Club specchio sembri più giovane di quando sei partita, per questa carriera. Immagina di essere stata rimodellata, rimaneggiata, ripettinata e Barbie's Angels ritruccata, almeno un milione di volte, immagina che i tuoi capelli possano cambiare colore secondo il tuo umore. La valle delle bambole Immagina che tua mamma ti sforni sorelline a ciclo continuo, ma che tu non ti ricordi nemmeno che faccia abbia tua madre. Barbie Link Lo hai fatto? Immagina allora che per il tuo compleanno tutti vogliano parlare di te; chi Walk of Fame ti ama e ti ha amato, chi ti ha odiato, chi ti conosce e chi non ti conosce, chi ti capisce e chi non ti capisce, chi ha qualcosa da dire, e chi invece ARTtenzione da dire non ha proprio niente. Immagina che molti continuano a ripeterti che sei un cattivo esempio, che travii le ragazzine e che insegni loro principi errati, con tutte le tue case, le tue macchine, i tuoi cavalli ed i tuoi Yacht (per non parlare delle piscine!!!!) E poi! Quella vita così sottile, quel seno florido e le gambe lunghe, proprio non si fa!!! Immagina che continuino a rifriggere che sei inadeguata, che Chi fa la Doll News: sei diseducativa, che sei l'espressione cristallizzata della middle class della provinciona americana, che ti lasci travolgere dalle mode, e che non Editor-in-chief: insegni il senso della modestia e della misura (e l'uncinetto no?) Daniela Ferrando (DF) Che dici? Ti scivola? Ma sei di plastica? Ma che sei Barbie? Art director Auguri !!! Buon 50° compleanno cara icona del tempo e delle mode, Emma Gilardi simbolo del Novecento che è passato e che ha lasciato un segno così Public relations profondo che sei tra i simboli dell'umanità insieme all'uomo Vitruviano di Staff Milano Leonardo da Vinci ed alla formula della relatività di Einstein, sei stata + tutti i collezionisti, sigillata nella capsula del tempo e mandata in orbita nello spazio. E preziosi autori pensare che nello spazio ci eri già stata, libera e tutta vestita di rosa!!! di rubriche, articoli, foto! Chissà Leonardo da Vinci cosa ne penserebbe di te! Antonio Doll Collectors’ news è una pubblicazione indipendente a cura del Doll Collectors’ Club Italia. Non è in vendita ed è distribuita gratis esclusivamente ai soci del Club. Nessun articolo può essere riprodotto s’ anche in parte senza l’autorizzazione scritta del Doll Collectors’ Club Italia.
  3. 3. 3 DCCI NEWS 52 Le bambole del mese Ovvero: le migliori bambole in circolo recensite da Marco Banfi scelte esclusivamente secondo il suo parere personale. Immaginiamo Barbie. Nel 1959 fa il suo ingresso ufficiale nel modo dei giocattoli, tutti lo sappiamo. Quest'anno si parla molto di questo evento, 50 anni sono un traguardo importante. Importante per noi, che da anni la amiamo, ma anche per il mondo del gioco. Ufficialmente chi nel '59 comprò quella bambola appariscente e adulta ha ora in casa una bambola “antica”. Antica ma così moderna che sembra anacronistico avvicinarla alla serietà di un ingresso come quello di quest'anno. Ancora imbattibile come concetto e ancora vicino al mondo dell'infanzia. Questo “Dolls of the month” vuole essere un omaggio a lei e a tante altre, sarà quindi differente dai precedenti. Mattel U.S.A. per il 2009 ha previsto diverse bambole, tante festeggeranno il cinquantesimo anniversario di Barbie altre invece saranno nuove e con linee che celebreranno semplicemente la bellezza femminile. Quella bellezza che la nostra fashion doll ha sempre avuto che ci ha conquistato e che tuttora (lo spero) ci mantiene legati a lei come in una lunga storia di amore. Spesso ho sentito collezionisti, e io stesso l'ho desiderato, che vorrebbero realizzare la loro Barbie (o fashion doll) dei sogni. In fin dei conti però la bambola dei sogni già la abbiamo, se non fisicamente sappiamo quale ci renderebbe molto felice se fosse nella nostra collezione. Dopo 11 anni di ricerche, risparmi e patimenti, ho conquistato la mia (una ponytail brunette del '60, una #3) e la soddisfazione ora non ha pari. Così per scrivere questo brano ho fatto un gioco, ho immaginato di
  4. 4. 4 DCCI NEWS 52 essere un designer che negli anni '50 studiò il trucco di Barbie. Questa persona ha realizzato la sua bambola dei sogni e l’ha resa inequivocabile, per milioni di persone che ci hanno giocato in questi 50 anni e come simbolo stesso del gioco. Lasciamo ad altri le implicazioni sociali e psicologiche della cosa, vorrei essere come nostro solito deliziosamente superficiale, e infatti parliamo di trucco... ah, beato chi lo ha inventato! Un volto. Uno che accompagnerà, a volte influenzandolo, un immaginario estetico per decenni. Quel volto è probabilmente nato dal frutto di una o tante citazioni e probabilmente ne è fonte di altrettante, e di loro ci occuperemo insieme. È nato in un decennio in cui le regole che dominavano la bellezza femminile erano severe e rigide, a volte anche crudeli. Immaginiamo il volto di Barbie: piccole sopracciglia accuratamente disegnate ad ala di gabbiano castano scuro; ciglia nere e piene; eyeliner che accenna una piccola virgola agli angoli esterni di entrambi gli occhi; ombretto azzurro che sfuma nel grigio; labbra rosse e luminose, grandi, ben delineate; gote spolverate di rosso che alzano gli zigomi. Marco Banfi www.flickr.com/photos/mood4mod Nota per le foto: Le immagini delle riviste e le illustrazioni vintage sono recuperate da internet; alcune foto delle Barbie sono mie, altre recuperate da Flickr, se qualcuno vedesse la propria bambola ritratta grazie di cuore per la preziosa fonte iconografica!
  5. 5. 5 DCCI NEWS 52
  6. 6. 6 DCCI NEWS 52 Fuori cornice, dopo “out of the frame” È utile scrivere qualche tempo dopo l'evento di questa stessa news, una carrellata della Calenzano dello scorso dicembre. bambole in concorso per chi non le avesse viste Perché il giorno stesso e nei giorni successivi si dal vero o in internet. Al di là dei premi, meritati, è completamente sotto l'effetto frizzantino del voglio sottolineare la passione con cui tutti contest e della giornata e delle centinaia di foto hanno cercato l'ispirazione e l'hanno su flickr che piovono da tutte le parti. Per chi trasformata in creazione tridimensionale. Ma organizza, occorrono tempi di recupero. non solo loro… Allora. L'idea di derivare bambole da dipinti L'evento è fatto anche di espositori che famosi ha attirato molti partecipanti. investono, curiosi che intervengono, staff che si Ha alzato il livello di difficoltà creativa - era più prodiga dappertutto. Si condividono ore di difficile banalizzare - e ha fatto capire cosa allestimento, cene, viaggio, acquisti… mi ha continua a piacere ai realizzatori, cosa invece colpito moltissimo l'aiuto ricevuto nel preparare colpiva di più i visitatori, attirava l'invidia o la sala. Tutti sapevano i loro compiti, come piuttosto ha provocato lo stupore quest'anno. prima di una cerimonia collaudata. Dava molto La prossima edizione, chissà! il senso di una community - cosa che, più o meno, siamo. Più avanti, nelle pagine centrali a colori di (DF) Coffeecakedolls ovvero Pam Austria, Germania, Italia… vintage
  7. 7. 7 DCCI NEWS 52 Scorcio del tavolo contest Elvira si scalda con un 4° premio “Parade” creata e offerta da Mauro Marchetti per l'asta su La giuria pensosa (Otto) sospirante (Antonio) serafica (Giuseppe) ammiccante (Daniela)
  8. 8. 8 dida foto Daniela premia Anna, Otto domina il centro pagina Bellezze costumate Valentina e la sua bambola si somigliano!
  9. 9. Notizie E invece sììì: dal Club 21 giugno 2008 Club Meeting a Milano :) allora è vero. * h 15 > 17 scambi e riffa Faremo il club meeting domenica 21 giugno, a Milano, con delle novità! Cosa vi chiediamo *portare una vostra bambola da mettere in vetrina! Ma prima di tutto, ringrazio pubblicamente Marco A breve vi dirò il tema Banfi e Alessandro Borghi che hanno trovato il * anticipare 10 euro via paypal a posto. Grazie per aver voluto tenacemente cercare! DCCI@fastwebnet.it (o a mano a me) come Com'è il posto: contributo per il brindisi o su postepay # 4023 6004 • NUOVO - è il Negozio Civico di Milano, dietro 6481 1795 intestata a Gai Cinzia Anna piazza San Babila. * donare qualcosa per la riffa • GRATIS! è uno spazio del Comune. Pubblico. * avvisare se avete ospiti personali - anche per loro Durante il ns evento potranno entrare visitatori valgono i 10 euro interessati. * tenere un comportamento responsabile: abbiamo • SPAZIOSO - e ha una vetrina stupenda, eccezionalmente ottenuto di poter fare lunghissima, con una mensolona per esporre abbonamenti, vendere biglietti riffa, fare un mini- bambole che tutti dall'esterno potranno vedere mercatino. Le regole del Negozio Civico lo • ATTREZZATO - schermo, proiettore, connettività vieterebbero, ma grazie ad una scrittura privata noi • CENTRALE - ci si arriva facilmente ci assumiamo la gestione del meeting. Meritiamoci la fiducia che hanno voluto accordarci Cosa faremo * dare pronta diffusione di questo messaggio tra gli * h 10 registrazione e accoglienza amici * h 11.30 > 13 due relazioni tra storia a attualità - probabilmente, su primi modelli di bambole A presto, (Antonio Russo) e sulla bambola come modello * h 13 pranzo libero * h 14 > auguri Barbie! Daniela Ferrando Doll Collectors' Club Italia (1 euro per commissioni paypal) Join us! Stay with us! • 20 euro sulla postepay Iscriversi o rinnovare l'iscrizione per un # 4023 6004 6481 1795 anno al Doll Collectors' Club Italia costa intestata a Gai Cinzia Anna, avvisando (ancora e soltanto) 20 euro. Pagabili a scelta: Cinzia del pagamento avvenuto, • 20 euro direttamente al tavolo DCCI all'email cinzia.gai@fastwebnet.it alle convention • 21 euro via paypal a DCCI@fastwebnet.it Grazie!
  10. 10. Barbie cinquantenne nei media: Appuntamenti lettera agrodolce di una collezionista Nel mondo Cara la mia 7-11 luglio Barbie 50th Gala 2009 National Barbie Doll Collectors Convention Washington DC, USA Barbie, www.barbieconvention.com In Italia 8 marzo, 15 novembre Tu ed io ci conosciamo da tanto tempo: dalla fine Un Milione di giocattoli degli anni 60, quando cominciasti a essere la mia Mostra mercato del giocattolo d'epoca e da collezione più agognata e preferita compagna di giochi, per Cremona, frazione Cavatigozzi, palestra comunale www.aigec.it poi passare alla metà degli anni 90, allorché ti riscoprii piacevolmente come collezionista adulta. Nel 2009 compi 50 anni e scopro che di te 19 aprile Bambole a Roma ultimamente parlano a iosa i media e soprattutto i info@bambolearoma.it giornali, le riviste e più prestigiosi quotidiani www.bambolearoma.it nazionali, anche nei loro siti web. Non passa settimana che, sfogliando uno di questi non scopra 5 aprile, 14 giugno, 6 settembre, 20 dicembre un articolo su te e poi, non ci crederai, ma mi ritrovo Borsa Scambio Giocattoli e Modellismo amici, parenti e conoscenti che ritagliano le pagine Novegro, Milano borsascambio@parcoesposizioninovegro.it ed i trafiletti e me li mandano, ben conoscendo la www.parcoesposizioninovegro.it mia passione per te. Come al solito leggo tutto, avidamente. 10 maggio, 4 ottobre Piacenza Toys Expo Bene, allora non vuoi sapere cosa scrivono di te, e Pizzighettone (CR) qualche, rara, volta di noi (tuoi collezionisti)? www.aigec.it Devo ammettere che l'occasione del tuo 50° compleanno ha risvegliato e riacceso 21 giugno quell'interesse per te, che ultimamente era un po' Milano Club Meeting sopito. I riflettori sono tornati ad essere puntati su Negozio Civico, Milano Prelazione ai soci DCCI di te, rediviva “Solo in the Spotlight” e ciò non può che giovarti. Come si suole dire: l'importante è che se ne parli! Sarebbe inutile negare che non ci faccia piacere ritrovarti ad occhieggiare dalle pagine Noi e illustrate: per me è come rivedere qualcuno di famiglia. Grazie a tutti per aver partecipato ancora a Tuttavia, da amica sincera, non vorrei ferirti, ma Dolls4Children: risultato, una donazione di 500 euro a Telefono Azzurro. lascia che ti esprima la mia disillusione e Un grazie speciale a tutti: donatori, artisti, compratori perplessità su quello che scrivono o mostrano di te: E soprattutto all'indistruttibile staff D4C e a eBay Italia. ci sono rimasta un po' male, però tutto questo bla bla giornalistico mi è sembrato nella stragrande PS qualcuno sa niente maggioranza dei casi scontato, ripetitivo, banale, approssimativo. Quante volte ho letto in questi delle “Only hearts club”?
  11. 11. DCCI NEWS 52 11 giorni la tua mini-storia: quando e come sei nata e modo, organizzando mostre, club, mercatini- perché…. ormai lo sa anche il gatto della portinaia! scambio, conventions, contests, meetings, ritrovi, Probabilmente i vari giornalisti hanno attinto tutti comunità virtuali, blogs, siti web oppure anche solo dalla stessa fonte e “ci han dato di copia e incolla” partecipando semplicemente ad uno di questi? alla grande! (noi invece sappiamo che se avessero Quando, raramente, mi è capitato di leggere in cercato di più, avrebbero trovato materiale un po' questi giorni articoli a proposito di noi collezionisti, i più interessante). giornalisti italiani sono sovente andati a scomodare Abbondano i reportages fotografici di vere sfilate di quelli esteri senza sforzarsi di andare a cercare moda a te inspirate, in cui “eccellenti” rappresentanti, improbabili mannequins in carne esistenti sul suolo patrio. A quei ed ossa, abbigliate da famosi cari giornalisti sarebbe bastato, couturiers, ti fanno il verso con seduti comodamente alla risultati alquanto discutibili. Per scrivania, davanti al loro pc, non parlare delle tue numerose e andare sul qualsiasi motore di ricorrenti biografie fotografiche, in ricerca in Internet per venire in cui si mescolano senza senso e con contatto con noi o anche solo errori clamorosi foto d'epoca e non: prendere informazioni su di noi. proprio recentemente ho visto una Ed anche allorquando parlano di foto di una riproduzione del 1994 noi, sovente ci dipingono troppo (commerativa del 35° anno di spesso in tono caricaturale, Barbie) spacciata per una vera, come delle macchiette, dei rarissima, preziosa Barbie #1 del bambini/e mai cresciuti, spinti da 1959… ti confesso che mi si è manie compulsive-ossessive, accapponata la pelle! tesi ad accaparrarsi e Saranno organizzati feste, eventi in contendersi il maggior materiale tuo onore, anche in Italia, celebrati barbifero possibile, come se una ampiamente e preventivamente collezione si giudicasse solo dal dalla stampa. La soubrette di turno, numero di pezzi posseduti, alla che dicono tanto ti somigli e che stregua di Guinness dei primati. manco a farlo apposta si è confessata per Dietro al tuo collezionare, cara Barbie, c'è pas- l'occasione tua collezionista, t'impersonerà e sarà sione, gioia, divertimento ma anche conoscenze, una tua “very special testimonial”. Forse ci sarà letture, approfondimenti, confronti, scambi, incontri, anche una FIAT 500 personalizzata Barbie: e aggiornamenti… insomma cultura. vai,basta che aiuti a risollevare il martoriato mercato italiano dell'auto. Cara la mia bambola, adesso ti devo lasciare, devo Ma la nostra stampa nostrana e tutti questi tornare agli impegni “seri” della vita di tutti i giorni, organizzatori di mega eventi per il cinquantenario, ma tu resta lì, accompagnami sempre come hai sa o si è mai data la briga di scoprire che anche in fatto sinora. Italia esiste, ed anche da diverso tempo, un mondo Tanti auguri Barbie e 100 di questi anni! collezionistico legato a te Barbie, ben articolato e Laura Ostinelli diversificato, che “si impegna”, ognuno a suo
  12. 12. DCCI NEWS 52 12 Barbie teatrale. A tu per tu con l'autrice “Casa di bambole!”: uno spettacolo teatrale dedicato a Barbie. Diretto agli adulti, per pensare. Da un contatto con Antonella dell'Ariccia (co-autrice del testo e attrice protagonista) è nata questa conversazione. • Daniela: 100 parole per raccontarti. conto che quella bambola, più di qualsiasi altra, Antonella: Mi rimane sempre difficile descrivermi. aveva influenzato il mio immaginario ed era rimasta Ho sempre diviso la mia vita tra quelli che sono due un punto di riferimento anche estetico sempre interessi principali: il teatro e la storia dell'arte, presente. Ho cominciato quindi ad interrogarmi sul interessi che comunque in qualche modo si perché proprio questa bambola fosse diventata un intrecciano e alimentano l'un l'altro. Come attrice vero e proprio mito, un'icona intramontabile per ho lavorato con diverse compagnie teatrali, come molte generazioni. L'idea dello spettacolo nasce autrice invece sono al mio debutto assoluto. Vorrei quindi da una duplice spinta, quella più giocosa di a questo proposito ricordare che il testo che nasce poter finalmente quot;essere quot;, indossare i panni di una da una mia idea ed è stato poi scritto a quattro mani Barbie e quella più seria di indagare, attraverso con Alessandro Trigona. questo simbolo, l'universo femminile con i suoi Mi interessa molto anche il lavoro sul teatro di stereotipi, le sue regole, le sue contraddizioni e le narrazione e sul racconto. Organizzo infatti oramai sue costrizioni. Mi interessava infatti che questo da diversi anni serate di racconti, immagini e universo venisse visto e letto proprio attraverso gli musica dal titolo Tempo di Esposizione. occhi di una bambola come Barbie. Se dovessi dire qualcosa di me in una sola frase direi che quot;mi piace giocarequot; utilizzando questo • D: Sai, vero, che le primissime Barbie, sotto la termine nella sua accezione più ampia. Ed è proprio pettinatura a coda di cavallo erano piuttosto calve per questo non voler mai smettere di giocare che anche loro? ho deciso di fare l'attrice e sono arrivata a scrivere A: In realtà lo avevo immaginato vedendone le foto. uno spettacolo in cui le protagoniste volenti o Ma ti confesso che non ne ho mai vista una dal vero. nolenti devono stare al gioco. • D: Ci sono doll collectors che vedono davvero • D: com'è nata l'idea di scrivere une pièce su Barbie come un sogno in rosa e altri che, come te, Barbie? cercano di svelarne le malizie... hai mai parlato con A: Come tutte (o quasi) le bambine ho amato loro, per documentarti? giocare con le Barbie e sono rimasta sempre A: No, ho scoperto lo sconfinato mondo dei affascinata da loro mondo. Crescendo mi sono resa collezionisti di Barbie quando avevo già scritto lo
  13. 13. 13 DCCI NEWS 52 Note di regìa: Barbie ci rimanda l'immagine di una femminilità che si manifesta prepotente in tutto il suo desiderio di piacere e primeg- giare; di mettersi al centro, o meglio, di essere il centro. Sale sulla cabriolet e la vedi sfrecciare capelli al vento: saluta, sorride, si cambia un'altra volta d'abito, poi saluta e sorride di nuovo. Il testo di Alessandro Trigona e Antonella Dell'Ariccia parte da questi assunti per poi mettere in contraddizione, per togliere metaforicamente le parrucche alle bambole e mostrarne la testa calva. Barbie, Midge e Skipper si nascondono dietro relazioni fatte solo di frasi registrate e prestabilite; ma quando l'ultima frase, delle 270 a disposizione, è stata detta, quando il tempo ha consumato ancora e ancora quegli stanchi dialoghi, non spettacolo. Per documentarmi ho parlato con quelle che io chiamo le rimane che tirarsi recipro- quot;barbistequot; ragazze e donne che hanno amato le Barbie e hanno camente i capelli, strapparsi via giocato con loro. Ho letto inoltro quasi tutto quello che sono riuscita a le parrucche e vedere cosa c'è reperire sull'argomento: da i mini libri con tutti i vestiti di barbie, ai sotto...Per scoprire se quelle vecchi album delle figurine usciti fuori dai cassetti delle mie amiche, bambole sono davvero quello fino ai vari libri di taglio più storico e sociologico come quello appena che appaiono...per svelare il uscito di Nicoletta Bazzano. Mi piacerebbe però in una fase gioco a cui stanno giocando... successiva del lavoro (voglio perfezionare e sistemare il testo) parlare con qualche collezionista e avere i suo punto di vista. (Alessandro Baracco, regista dello spettacolo) • D: come ha reagito il pubblico che è venuto allo spettacolo? A: In generale credo di poter dire che lo spettacolo sia piaciuto. Quello A cura di Daniela Ferrando che è stato particolarmente apprezzato è stato proprio il testo con la sua ironia e i suoi colpi di scena. Il pubblico si è molto divertito ed ha amato entrare nella quot;casa delle bambolequot; cogliendone lo spirito decisamente ludico e grottesco.
  14. 14. Tra abiti sontuosi, nudità, insondabili misteri della psiche e intrepide provocazioni, le immagini delle bambole in concorso. Per la vostra delizia.
  15. 15. DCCI NEWS 52 15
  16. 16. 16 DCCI NEWS 52 BJD e l'estetica dell'ambiguità Una tesi di laurea sulle BJD! L'autrice Gabriella Calvano, ce le mostra come sono: androgine. Cioè né maschi, né femmine perché sono sia maschi che femmine al tempo stesso. Ciò che colpisce delle BJD, è soprattutto la bellezza allo stesso tempo. L'androginia è anche un segno di delicata, quasi eterea dei volti. Soprattutto per le nobiltà. L'ideale del “nobile”, in ogni paese e in ogni bambole maschio, la loro bellezza androgina, tipica epoca, è sempre stato “effeminato”. Nei giorni degli anime e dei manga giapponesi di genere nostri, molti modelli, specialmente quelli d'alta shojo1, shonen'ai2 e yaoi3, le rende particolarmente moda, hanno spesso tratti femminei. L'aspetto affascinanti, capaci di racchiudere in sé quell'ideale androgino comunica sempre un'ideale di grandezza estetico totale conosciuto come bishonen (bel e completezza, qualcosa che va al di là della norma, ragazzo) tipico della cultura giapponese. che si riempie di un fascino magnetico e misterioso. L'immaginario legato all'androginia mira alla Insieme alla bellezza femminea dei personaggi completezza e all'integrazione, non solo sul piano maschili e all'omosessualità, anche il tema del religioso o mistico, ma anche su quello psicologico travestitismo e del cross-dressing è molto diffuso e dell'immagine. Il risultato è talvolta ambiguo, ma nei manga per ragazze (ne sono un esempio La nasce da un bisogno che è reale, e perdura nel principessa Zaffiro o Lady Oscar). tempo e nelle culture. Molte collezioniste di BJD sono appassionate del L'ideale orientale è quello di una bellezza che genere yaoi, questa loro passione trapela nella comprenda “tutto”. La bellezza androgina è creazione dei personaggi per le loro bambole. apprezzata perché ha qualcosa di divino, sopran- Spesso questi personaggi sono omosessuali, ma naturale e angelico, perché è maschile e femminile rappresentano un'ideale di omosessualità particolare.
  17. 17. Glossario BJD: http://www.mochidelicious.com/dollsmania/forum/viewtopic.php?t=6283 Si tratta di un romanticismo meno melenso e più “forte” nella coppia, dove entrambe le parti hanno caratteri importanti ed anche molto maschili, e quindi nessuno è veramente succube dell'altro. Per le ragazze, la passione per il genere yaoi è anche una sorta di compensazione psicologica in quanto eliminazione della concorrenza femminile. Sapere che un personaggio è omosessuale, che sia esso una bambola, il personaggio di un fumetto, o una persona famosa, lo rende in qualche modo irraggiungibile per qualsiasi altra donna: “Se non posso averlo io, non deve essere di nessuna”. L'omosessualità, per queste ragazze, non rende tali personaggi meno attraenti, anzi, l'irraggiungibilità che viene loro conferita ne aumenta il mistero e il fascino. La bellezza androgina, la passione per gli shonen'ai e gli yaoi, e il cross-dressing, sono tutti aspetti del mondo giovanile giapponese attuale che si riflettono nel collezionismo di bambole. Essendo la personalizzazione la caratteristica principale delle BJD, non si limitano le potenzialità di uno sculpt a solo maschio o solo femmina ma, lo stesso volto, truccato in modo differente, può rappresentare sia una bellissima donna che un uomo affascinante. Le BJD, con i loro volti eterei, maschili e femminili allo stesso tempo, ben si prestano alla creazione di un personaggio che racchiuda in sé l'ideale di una bellezza completa. Spesso le creature che vengono rappresentate sono demoni, angeli, elfi e vampiri, personaggi fantastici che nell'immaginario collettivo sono percepiti come esseri perfetti, che possiedono le qualità preferite della femminilità e della mascolinità, di una bellezza tale da trascendere il tempo. 1.Con questo termine - che significa “ragazza” - ci si riferisce 3. Genere di anime e manga focalizzato su relazioni sessuali a un genere di anime e manga destinato a un pubblico omosessuali tra protagonisti maschili (corrispondente femminile. I temi trattati sono soprattutto l'amore e l'amicizia. femminile yuri). Si distingue dallo shonen'ai perché si focalizza sull'aspetto esplicito dell'atto sessuale, mentre lo 2. Da shonen, quot;ragazzoquot;, e ai, quot;amorequot;; è un genere di anime shonen'ai si basa sulla relazione amorosa e viene poco e manga che tratta di relazioni affettive a carattere enfatizzata la parte fisica. omosessuale tra adolescenti o giovani ragazzi.
  18. 18. Assaggio di saggio 3 Terza puntata del tentativo di proporre al collector anche pigro il saggio pesantuccio di Marianne Débouzy in dosi digeribili. Chi vuole il boccone intero, può sempre scrivermi (DF) LA BAMBOLA MERCE Nel 1991 la Mattel aveva un queste bambole vanno a ruba, a fatturato complessivo di 1,6 giudicare dai dati forniti dalla La Mattel si colloca oggi fra i miliardi di dollari, di cui circa un Mattel e dalla stampa: sembra maggiori produttori di giocattoli miliardo proveniva dalle vendite che le bambine americane ne al mondo. La sua sede centrale si di Barbie. Secondo “Le Figaro” possiedano in media sette, due le trova a El Segundo, nella del 5 marzo 1993, il giro d'affari piccole francesi di età compresa California meridionale. Possiede della Mattel è aumentato di un fra i tre e gli undici anni, tre le inoltre ventiquattro filiali e otto altro 17% nel 1992, con un italiane e tre le bambine fabbriche situate in diversi paesi, aumento dei profitti pari al 21%. tedesche. “Quelle che non ne tra cui l'Italia, con un personale Le entrate sono dovute es- possiedono nemmeno una sono complessivo di quindicimila senzialmente alla bambola una minoranza: il 14% in Francia, unità, duecento nel solo settore Barbie, che viene venduta in più il 2% nella Germania Federale, il di progettazione e sviluppo. Il di cento paesi del mondo. Il 3% negli Stati Uniti, il 4% in Italia.”15 Oltre a vendere la stessa successo di Barbie è merito di Jill gruppo adatta le sue strategie di Barad, che a sua volta si era già vendita ai paesi in cui opera: Barbie, la Mattel offre dei affermata nel campo dei prodotti l'esempio della Mattel France contratti di licensingad altri cosmetici. La bambola Barbie è potrebbe essere analizzato per gruppi, come ad esempio la stata prodotta dapprima negli illustrare le caratteristiche di Disney. La sua strategia Stati Uniti e in Giappone, poi in questo marketing “naziona- commerciale consiste anche Malesia,12 nelle Filippine, a lizzato”. nell'incentivare al massimo la Formosa, in Corea, nella Repub- La Mattel dichiara di aver vendita degli accessori per blica Popolare Cinese, a Hong venduto 650 milioni di bambole Barbie e nel ricercare accordi Kong e in Messico. Stando a un in tutto il mondo a partire dal con i produttori di abbigliamento articolo apparso recentemente 1959. Negli Stati Uniti ne aveva per bambini, in particolare nel su Mondo Barbie, all'epoca in cui venduti cinque milioni nel 1963, settore della biancheria da notte: le bambole venivano fabbricate venti milioni nel 1988 e trenta la Mattel ha stipulato un in California la visita alla fabbrica milioni nel 1989, su cinquanta contratto con il gruppo Aviva e ha veniva proposta alle ragazzine in milioni di bambole vendute a formato una jointventure con vacanza.13 livello mondiale.14 Fra le bambine Benetton.16
  19. 19. 19 DCCI NEWS 52 13. Vedi Kathryn Harrison, da Thicker LA BAMBOLA GIOCATTOLO quantità di “modelli” immessi sul Than Water in Mondo Barbie, Lucinda mercato (circa trenta all'anno Ebersole and Richard Peabody, eds., Ci sono dei collezionisti che negli ultimi anni), non può che New York, St. Martin Press, 1993, pp. possiedono fino a undicimila ricordare il susseguirsi di nuovi 44-5. Barbie. Ciò può far pensare a una modelli di automobili. Anche per grande varietà di modelli, mentre le bambole si pianifica 14. “Newsweek”, 20 feb. 1989; in realtà c'è un solo modello di l'obsolescenza: le “novità” Working Woman, maggio 1990, p. 91. base che ha subito qualche vengono ampiamente modifica nel tempo, rimanendo pubblicizzate, anche se la 15. Le XXe siècle des femmes, cit., p. fondamentalmente inalterato. bambola rimane nel complesso 454; si veda anche “Business Week”, Secondo la documentazione invariata. E questi cambiamenti, 8 giugno 1992; Jill Barad in “The New della Mattel France, “Barbie secondari ma significativi, York Times”, 22 giugno 1992, D 9; aveva una figura perfetta per i riguardano i capelli, la vita, il “The European”, 22 feb. 1991. parametri della cultura colore, e soprattutto i vestiti di occidentale: gambe slanciate, Barbie. 16. “La bambola possiede oggi più di braccia lunghe, vita snella, collo Anche la sua morfologia è stata sessanta licenze: può vendere allungato ... era la bellezza allo leggermente modificata. qualsiasi cosa, dagli hula hoop alle valigie”. “La biancheria da notte è stato puro.” Una bellezza l'articolo più venduto.” Kate Fitzgerald, anatomicamente improbabile, Barbie Grows Up, “Advertising Age”, 1° come dimostra M.F. Motz: “Le giugno 1992. Barbie è anche “un misure di Barbie (alta 29 cm in marchio che può far vendere”, “Mattel origine) ne fanno un prodigio o Fashions Boutiques”, ibidem, 1° un mostro della natura, ... perché giugno 1991. Le licenze principali in il busto prominente è Francia sono Les Trois Suisses: sproporzionato rispetto al resto abbigliamento, casual e biancheria da del corpo.”17 notte; Edito Agenda Barbie; L'età di Barbie è indefinibile - Panini/France Images: album e adolescente presunta ma anche figurine; VICI: biciclette; Belin: biscotti; Ed. Hemma: libri per bambini adulta dichiarata, sviluppata (Documen tazione Mattel France). sessualmente ma anomala da un punto di vista anatomico (per non 12. Nel 1989 i vestiti di Barbie 17. M. F. Motz, “I Want to Be a Barbie parlare di Ken, il suo compagno). venivano prodotti in Malesia: “Ogni Doll”, cit., pp. 128-29; sui collezionisti Nelle “generazioni” di Barbie volta che si disegna un modello, lo si anche F. Theimer, Barbie, cit.; Nidi succedutesi tra il 1959 e il 1971 memorizza attraverso il computer e lo Nkagbu, “In Love with a Shapely Piece è stata introdotta qualche si trasmette via satellite alle fabbriche of Plastic”, “The Independent” 23 ott. modifica: fra i primi modelli della Mattel in Malesia”. Doug Stewart, 1991; Carol Masciola “Stolen, 5000 c'erano anche delle bambole In the Cutthroat World of Toy Sales: Barbies, Unplayed with”, “International brune, ma molto rapidamente la Child's Play Is Serious Business, Herald Tribune bambola bionda si è imposta. La “Smithonian”, dic. 1989, p. 81.
  20. 20. DCCI NEWS 52 20 Il primo film francese di Barbie era pessimo! Ci vuole un occhio cinefilo pazzesco. Ma chicche così fanno la gioia del collezionista... Conoscete il film Ces Messieurs de la famille (trad. loro che la lett. “Quei signori della famiglia”), girato alla fine del bambola 1967 e uscito nelle sale [francesi, NdT] nel 1968? fatta di Ci sono molte probabilità che la vostra risposta sia caucciù no. E come rimproverarvi per questo? Non si può sintetico certo dire che sia un capolavoro della settima arte. è pronta Eppure il suo regista, Raoul André (specializzato nei dal punto film a budget ridotto), aveva saputo circondarsi di di vista grandi artisti francesi: Michel Serrault, Jean Poiret, tecnico Jean Yanne, Francis Blanche, Michel Galabru, Darry ma non può essere redditizia dal punto di vista Cowl e Annie Cordy. commerciale facendo riferimento al solo mercato Devo citare anche una bella starlette statunitense europeo. Propone dunque di associarsi a un alla sua prima apparizione cinematografica e che industriale di Boston per affrontare gli Stati Uniti: se non figura nemmeno tra le comparse: la bambola l'accordo verrà firmato, la fortuna è assicurata. Barbie. Nei due minuti della sequenza, il direttore gioca con Dal momento che siamo alla fine degli anni la Barbie Twist n'Turn, le accarezza i capelli, le piega Sessanta, Barbie non è altro che una splendida le gambe e la tiene anche per i piedi. Twist n'Turn bionda in top arancione e maglia a rete È divertente sottolineare che, in questo film, Barbie bianca. è francese e si cerca di imporla sul mercato All'ottavo minuto del film Michel Serrault alias statunitense, mentre nella realtà in quella stessa Gabriel Pelletier, direttore commerciale, prende epoca in Francia la società Jouets Rationnels faceva parte a una riunione manageriale riguardante un il contrario proponendo sul mercato francese la pin misterioso “Progetto 308” che non è altro che la up americana. bambola Barbie! Secondo la mia modesta opinione di critico Il dirigente della società accoglie il proprio direttore cinematografico non professionista, la presenza di commerciale e altri quadri dell'impresa spiegando Barbie in questo film costituisce il solo elemento di
  21. 21. interesse della storia. Ma è sempre appassionante per il tempo di un film o di una foto più nuova e più scoprire in un vecchio film o su una rivista di quegli bella che mai. anni una bambola Barbie vintage quando non ci si aspetta di trovarla: Barbie abbandona per un Eric Chatillon, trad. Moviem@tica momento i nostri ripiani da collezionisti e viene rispedita nella propria epoca, ritornando a essere
  22. 22. appuntamento con gli anni ‘80 …que viva Barbie! La ditta messicana CIPSA ha prodotto numerosi modelli oltre alle Free Moving…uno dei miei favoriti è sicuramente rappresentato dalle Peinado Magico, una sorta di versione messicana delle più famose Quick Curl con le quali ed hanno in comune la fibra dei acconciare grazie capelli. Il mold utilizzato per Valerie è sempre quello alla struttura capace di mantenere la forma data di Stacey ma in questo caso non è semplice poiché più rigida rispetto a quella dei capelli riconoscerlo a causa del trucco che è molto diverso utilizzati “normalmente”. Gli occhi sono sottili ma da quello tipico delle classiche Stacey. Nel mio intensi, blu truccati con un largo eyeliner e ciglia personalissimo giudizio relativo al confronto tra nere che spiccano moltissimo sull'ombretto bianco. Barbie e Valerie di solito vince la seconda per Le sopracciglia sono alte, piccole e sottili e le dolcezza dei lineamenti e particolari degni di nota, labbra, che lasciano intravedere i denti, sembrano ma ammetto che nel caso delle Peinado Magico avere appena ricevuto una leggera passata di devo proprio ricredermi. La Valerie è decisamente lucidalabbra. Il vestito, pur essendo lo stesso nelle 2 meno attraente di Barbie che, in questo caso, è versioni, cambia nel colore: il body con maniche proprio insuperabile. Il motivo è presto detto: Barbie lunghe e scollo quadrato può essere giallo o color Peinado Magico utilizza il mold Steffie ed è lavanda, la gonna bon ton lunga al ginocchio curatissima nei dettagli e nei particolari. Ma marrone acceso ovvero rosa mentre il foulard ben andiamo con ordine. Proprio come nel caso delle stretto al collo può essere rosso con stampe vivaci Free moving descritto nella scorsa news, anche nel o nei colori del rosa e del nero con disegni gialli. Gli caso di Valerie Peinado Magico esistono 2 versioni accessori a corredo sono rappresentati da un che si distinguono solo per le differenti pettine, una spazzola, un arricciatore, 2 fermagli e combinazioni del vestitino. La Valerie Peinado un paio di scarpette a punta quadrata. Magico ha i capelli castano scuro, con la riga La Barbie Peinado Magico è invece davvero centrale e grossi boccoli realizzati con la stessa deliziosa: la pelle è rosata, gli occhi sono grandi e fibra utilizzata dalle Quick Curl: facile da pettinare
  23. 23. 23 DCCI NEWS 52 secondo anniversario della produzione di questo modello. La Barbie Peinado Magico indossa una maglietta senza maniche a scollo quadrato in jersey, sulla quale spicca il foulard stretto al collo, ed una lunga ed ampia gonna a fiori colorati su sfondo chiaro. Le differenze di colore negli abitini consentono, anche in questo caso di poter stimare la cronologia della produzione. Nella prima versione la maglietta è verde scuro abbinata al foulard verde chiaro mentre la gonna ha fiori rosa, verdi e azzurri su fondo bianco mentre nella seconda la maglietta ed il blu, le sopracciglia folte e decise, le foulard sono arancioni ed i fiori labbra carnose sono chiuse e ben della gonna hanno colori molto truccate ed i capelli acconciabili, più intensi ed accesi (rosso, lunghi fino alle spalle e con tanto di arancio, verde vivo). Nella terza boccolo finale, sono di un bel versione infine, speciale biondo cenere intenso. Le mani anniversario, la maglietta ed il sono quelle Mexico ed il corpo ha la foulard sono si colore blu vita girevole e le gambe pieghevoli. intenso cui è abbinata la gonna Di Barbie Peinado Magico ne con stampa floreale nei vari esistono 3: le prime due sono state toni del blu su fondo bianco. prodotte differenziando solo i colori dei vestiti mentre la terza, con la Nicoletta Ruta quale venivano regalati ben altri 2 vestitini oltre ad un piccolo diario per la bambina, è nata come versione speciale per festeggiare il
  24. 24. Una nuova rubrica, una nuova collaborazione: un'esperta di cinema, che si è appassionata alle bambole! La valle delle bambole #1 Dal vinile alla celluloide... e ritorno! Ne «Le ragazze dalla pelle di luna», apparso sul n.9 di «Barbie News», Pietro Peroni accennava alla bambola “africana” che Marlene Dietrich aveva come portafortuna sul set di «L'angelo azzurro», Savage. Per dare il via alla rubrica «La valle delle bambole», dedicata a cosa, dove, quanto e come il cinema rappresenta le bambole e le “racconta” a tutti noi, ho scelto due immagini che ritraggono Savage in tutto il suo splendore: nella prima è insieme a Marlene e all'altro portafortuna della diva, un bambolotto dalle fattezze orientali; nella seconda è insieme a Emil Jannings, mostro sacro del cinema tedesco e co- protagonista de «L'angelo azzurro». Non trovate che il primo vincitore dell'Oscar come miglior attore protagonista e Savage facciano un figurone insieme? La terza immagine... vi lascia pregustare uno dei prossimi film di cui parleremo, è insomma un piccolo antipasto. Di celluloide e vinile, ovviamente. Moviem@tica http://moviematica.blogspot.com
  25. 25. 25 DCCI NEWS 52 Barbie Liberi collegamenti dollculturali Link Daniela Ferrando http://dollculture.blogspot.com/ Per ogni volta che qualcuno dice “Barbie” nel o meno spontanei, più o meno sponsorizzati, più o mondo (quindi miliardi di volte), se non sono soldi meno soubrettati. Per cui è una pioggia: cocktail rosa, sonanti per la Mattel quantomeno è fama, fama, balli a tema, camere d'albergo deliranti rosa, moda fama. vintage, emissioni filateliche anniversarie (es del Musée Tanto più adesso, in questo National del Principato di mezzo secolo. E se non Monaco) e naturalmente bastassero le collezioni merende, aperitivi, feste e ufficiali, i gift set creati e sfilate spontanee ironiche e spacciati per l'occasione, molto fai-da-te: sì, quelle dei l'indotto dei vestitini e degli collezionisti, secondo me le accessori compresi i vestitini e più sentite e sentimentali! gli accessori con marchio Barbie per le bambine, E quanta fama aggiungiamo a Barbie anche quando dobbiamo considerare tutto il non stiamo parlando di lei come bambola, ma usiamo vintage movimentato o il suo nome per dare un'idea, ad esempio quando custodito dai collezionisti, descriviamo una ragazza bionda, levigata, quelli di sempre e gli appariscente e a volte non specialisti improvvisati. Non necessariamente un mostro di basta. Quanti creatori di OOAK intelligenza, dicendo “è una lavorano su Barbie, parlando Barbie”. Questo, ahimé, è un di lei e andando oltre Barbie in paragone che di solito anche ogni diversa realizzazione? E un non collezionista afferra. E gli esponenti dell'arte anche se dipinge Barbie in contemporanea che la modo deteriore, le dà fama, distruggono e la fanno fama, fama. rinascere in mille modi? Anche loro le danno fama, Vogliamo infine parlare di tutte fama, fama. quelle parole usate tra noi collectors, parole che derivano Poi c'è tutta la parte che da Barbie come “barbiefero, riguarda i media (come per esempio barbiesco, barbiecidio, www.barbiemedia.com) e tutto il materiale filmico che barbielogico, barbiemetrico”? potete guardarvi su youtube e tutti i vari siti, forum, Ok, se tutta questa fama vi ha blog, santuari virtuali e stupende galleries d'immagini fatto venire fame, il mio che si trovano in rete - molti di noi ne hanno - per tutte sommesso suggerimento è celebrare con un vassoio le volte che qualcuno digita “Barbie”. di meringhe. Sì, meringhe, la vera dolce punizione del Io stessa utilizzo il tag “Barbie” volentieri, perché so collezionista, ma non mi sento obbligata a rivelare che è attraente e una buona parola-chiave che si perché. applica in molti contesti, e non solo alla lettera. Daniela Ferrando Ma Barbie esonda anche da una quantità di eventi più http://dollculture.blogspot.com/
  26. 26. Walk of Fame… girovagando nel mondo delle ooaks secondo il gusto e il parere personale di Sonya Bamboli dolci comein questo miele… il posto è commestibile. quot;Ogni cosa Persino io sono commestibile. Ma questo si chiama cannibalismo, miei cari bambini, e perciò non è ben visto in molte societàquot;* Dolls. Una perfetta riproduzione (forse un po' troppo statica) di Johnny Deep nel film diretto da Tim Burton. Il bellissimo soprabito in velluto bordeaux e il cilindro danno alla bambola un aplomb molto britannico, spiazzato dagli occhiali bianchi e dal bastone da passeggio arcobaleno. Nel complesso la creazione è molto simile all'action figure di Willy in commercio. assate le Feste Natalizie, mi è rimasta in P bocca una certa qual voglia di dolci… e di fantasia… e di bambole, ovviamente! Googlando qua e là, tra un dolcetto e una tortina, tra una Barbie e una Misaki, ho ben pensato di immergermi completamente nel mondo caramelloso di Willy Wonka e della sua fabbrica del Originalissima e spet- cioccolato. Con mia grande sorpresa ho trovato tacolare la Blythe (una molte dolls a tema, ognuna molto bella e ben fatta, bambola donna, quindi, ognuno con un tocco di magia zuccherosa! anzi…ragazzina!) trasfor- mata in Willy e scovata La prima, che conoscevo da tempo e che ha da diversi appassionati scatenato la mia curiosità, è di Lorena di Cats 'n' bambolari che hanno postato su Flickr le loro foto
  27. 27. 27 DCCI NEWS 52 di Tokyo. Io la trovo molto molto bella, sarà che Blythe riproduce l'espressione triste e malinconica di Willy bambino. Complimenti davvero a chi ha avuto l'idea! Si sono ispirate a alla prima edizione del film, invece, Prickly e Vikky. Entrambe hanno riprodotto in modo fedele e allo stesso tempo originale Gene Wilder. Appena ho visto la foto del Ken customizzato da delle bambole di pezza da strapazzare quando, Prickly, mi è fuoco nel camino, fuori si scatena il temporale… preso un colpo… sembra di vedere l'attore in Oompa Loompa Doompadee Dah persona! If you're not greedy you will go far Perfino lo sguardo un po' stranito e impacciato è You will live in happiness too stato riprodotto con l'aiuto di un ottimo repaint e un Like the Oompa reroot indiavolato! Oompa Loompa doompadee do* Su ebsqart, invece, c'è un vero e proprio tutorial per la creazione di *La fabbrica di cioccolato di Tim Burton 2005 Willy-Gene. Vikki, l'artista, ha creato una bambola posizionabile Sonya Lanfranchi molto simile al personaggio del primo film e devo dire che le fattezze poco “da bambola” e molto “da folletto” premiano l'ingegno di questa ragazza che regala un'anima alla sua creatura. Ho trovato poi due mini-Willy dal sapore antico: uno fatto in panno lenci e uno all'uncinetto. Più che bambole sembrano dei biscottini o
  28. 28. ARTtenzione I mille modi delle bambole nell'arte e non solo. Arte sulle bambole d'arte. Nati, illustratrice, ama le enchanted dolls (le pallide OOAK di Marina Bychkova) e ha dedicato loro lavori che sanno di favola. www.nati-art.com www.enchanteddoll.com ph. Emma Gilardi

×