SMART & GREEN Città Intelligenti, integrazione di servizi e reti, risparmio energetico, tecnologie verdi, ... ____________...
<ul><ul><ul><li>Il  disegno di Bologna   come città </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>smart e sostenibile  </li></ul></u...
<ul><li>Ampliamento dello “spazio pubblico digitale” anche  in chiave multicanale, “mobile”, ubiqua. </li></ul><ul><li>Una...
<ul><li>E’ necessario che l’amministrazione, nel dispiegamento delle proprie strategie e attività di comunicazione / inter...
<ul><li>… è quindi basilare la disponibilità per cittadini, city user, imprese…, del  wifi pubblico diffuso e delle NGN (n...
… .è  sul modo  in cui la tecnologia interagisce con le persone e come la tecnologia può cambiare il rapporto tra le perso...
un sistema di sistemi
<ul><li>In questo quadro di  definizione e di scrittura “in divenire” di Bologna “città intelligente ¨  sono attivi, e in ...
<ul><li>In questo contesto l’ICT è occasione </li></ul><ul><li>per promuovere  i servizi che  la Pubblica Amministrazione ...
SMART MOBILITY  <ul><li>SMARTiP -  Smart Metropolitan Areas Realised Through Innovation & People -  CIP-PSP -  30 mesi. In...
www.opencities.net <ul><ul><ul><li>Il progetto europeo  open cities </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Partner:  </li></u...
iCity <ul><li>Linked Open Apps Ecosystem to open up innovation in smart cities  </li></ul><ul><li>CIP-ICT-PSP- 36 mesi -In...
TappER Realizzazione di una  piattaforma con funzioni di integrazione di dati , in differenti formati sorgenti e funzional...
TappER 2  La lettura delle informazioni verrà effettuata tramite meccanismi di  gestione di feed rss  e sfrutterà i dati r...
un disegno a molte mani, in divenire…
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

SMART & GREEN Città Intelligenti, integrazione di servizi e reti, risparmio energetico, tecnologie verdi...

991 views

Published on

SMART & GREEN
Città Intelligenti, integrazione di servizi e reti,
risparmio energetico, tecnologie verdi...

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
991
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
38
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

SMART & GREEN Città Intelligenti, integrazione di servizi e reti, risparmio energetico, tecnologie verdi...

  1. 1. SMART & GREEN Città Intelligenti, integrazione di servizi e reti, risparmio energetico, tecnologie verdi, ... _____________________ 21 Novembre 2011 LEDA GUIDI Responsabile Servizi di Comunicazione e Rete civica Iperbole Comune di Bologna [email_address]
  2. 2. <ul><ul><ul><li>Il disegno di Bologna come città </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>smart e sostenibile </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>reticolare e interconnessa </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Si realizza attraverso politiche - azioni - progetti basati su </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>open government e trasparenza nell’agire (total disclosure approach) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>open data </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>condivisione e contributo dei cittadini (civic commons). </li></ul></ul></ul><ul><li>quali piattaforme per: </li></ul><ul><ul><ul><li> lo sviluppo dell'innovazione e immaginazione sociale </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li> come strumento essenziale di governance della e nella comunità </li></ul></ul></ul>un approccio open
  3. 3. <ul><li>Ampliamento dello “spazio pubblico digitale” anche in chiave multicanale, “mobile”, ubiqua. </li></ul><ul><li>Una nuova condizione di cittadinanza è oggi agita anche attraverso </li></ul><ul><li>La dimensione sociale e di conoscenza / intelligenza della rete </li></ul><ul><li>i“dispositivi tecnologici” che sempre più cittadini utilizzano nella loro quotidianità (internet come diritto). </li></ul><ul><li>Nel centro storico e in tutto il territorio comunale , i cittadini devono poter contare sulla più ampia accessibilità alla rete e alle sue risorse - distribuito in modo equilibrato - secondo criteri </li></ul><ul><li>di pari opportunità per tutti </li></ul><ul><li>di valorizzazione delle diverse vocazioni culturali, sociali, produttive </li></ul>essere SMART: nuove centralità per una città policentrica
  4. 4. <ul><li>E’ necessario che l’amministrazione, nel dispiegamento delle proprie strategie e attività di comunicazione / interazione, renda disponibili piattaforme sociali multimedia, collegate al portale istituzionale “classico” ( IPERBOLE2020 ), che favoriscano </li></ul><ul><li>l’e-inclusion </li></ul><ul><li>il co-design dei servizi </li></ul><ul><li>la partecipazione alle decisioni </li></ul><ul><li>la relazionalità bidirezionale e multidimensionale </li></ul><ul><li>la progettazione condivisa </li></ul><ul><li>la messa in valore del sapere sociale, individuale e associativo </li></ul><ul><li>anche attraverso un ‘ambiente digitale’ che stimoli la produzione e la messa a disposizione di beni comuni e contenuti generati dagli utenti. </li></ul>un ambiente digitale abilitante
  5. 5. <ul><li>… è quindi basilare la disponibilità per cittadini, city user, imprese…, del wifi pubblico diffuso e delle NGN (next generation network) per </li></ul><ul><li>generare gli opportuni investimenti di mercato </li></ul><ul><li>stimolare l'accesso alla banda larga, nuova frontiera della cittadinanza digitale </li></ul><ul><li>condizione che consente </li></ul><ul><li>la nascita di nuovi modelli produttivi </li></ul><ul><li>la maturazione di modalità di fruizione più proattive , simmetriche, paritarie e consapevoli della rete e dei servizi pubblici e privati che la popolano. </li></ul>una infrastruttura abilitante
  6. 6. … .è sul modo in cui la tecnologia interagisce con le persone e come la tecnologia può cambiare il rapporto tra le persone e i diversi aspetti della vita. L’ICT è di supporto allo sfruttamento dei benefici derivanti dalle sinergie esistenti in tutti i diversi sistemi di una città, in termini di infrastrutture e reti che permettono l’analisi olistica di dati e rilevazioni provenienti da vari sensori e sistemi già presenti in città. E’ necessario un “cambio di punto di vista” che permetta l’analisi coordinata e congiunta su vari ambiti, quali Mobilità , Ambiente , Sicurezza , Comunicazione o Economia . L’ICT offre strumenti consolidati, quali data-warehouse, data-mining, business intelligence, cruscotti e indicatori. il focus per una città intellingente….
  7. 7. un sistema di sistemi
  8. 8. <ul><li>In questo quadro di definizione e di scrittura “in divenire” di Bologna “città intelligente ¨ sono attivi, e in corso di messa a punto, progetti e servizi per </li></ul><ul><li>l'ambiente </li></ul><ul><li>la mobilità </li></ul><ul><li>la cultura </li></ul><ul><li>Il welfare </li></ul><ul><li>l'economia locale </li></ul><ul><li>anche attraverso la mobilitazione di risorse esterne (private e no profit), di attori diversi, di reti e di partenariati europei </li></ul>servizi e progetti per la città intelligente
  9. 9. <ul><li>In questo contesto l’ICT è occasione </li></ul><ul><li>per promuovere i servizi che la Pubblica Amministrazione ritiene fondamentali, “core” (approccio top-down) </li></ul><ul><li>per coinvolgere i cittadini negli sviluppi di nuovi servizi della Pubblica Amministrazione (approccio bottom-up). </li></ul><ul><li>In quest’ultimo caso, sono i cittadini che rendono evidenti i propri bisogni e trovano in modo collaborativo con la PA una soluzione agli stessi , tramite strumenti come OpenData e Co-Design, producendo servizi o applicazioni nuove (es. co-design di “app” per terminali mobili). </li></ul>ICT, PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, CITTADINI
  10. 10. SMART MOBILITY <ul><li>SMARTiP - Smart Metropolitan Areas Realised Through Innovation & People - CIP-PSP - 30 mesi. Inizio Nov 2010. Budget totale: 4.882.176 euro - Budget del Comune di Bologna: 212.000 euro Coordinatore: Manchester City Council UK - Partner: Colonia DE, Bologna IT, Gent BE, Oulu FI,Institute for Broadband Technologies BE, Alcatel Lucent BE, Engineering Ingegneria Informatica S.p.A IT, Peoples Voice Media UK, Università di Manchester UK, Regione Emilia Romagna IT, European Network of Living Labs BE </li></ul><ul><li>La soluzione è quella di sperimentare l'innovazione aperta , in termini di co-creazione di prodotti e servizi innovativi per le “Smart Cities”, sviluppati attraverso &quot;Living Labs&quot;. </li></ul><ul><li>Gli utenti utilizzerano metodi e strumenti all'interno di “Living Labs” al fine di sviluppare le conoscenze e le competenze necessarie per essere attivi collaboratori. </li></ul><ul><li>Quattro città, Manchester, Gand, Colonia e di Bologna , lavorano con un primo gruppo di 100 cittadini, mentre Oulu contribuisce ai lavori con 50 piccole e medie imprese e gli sviluppatori attraverso i 5 partner. </li></ul><ul><li>La tematica scelta da Bologna è la “smart mobility”, con l'intento di ottimizzare il proprio sistema di gestione e monitoraggio del traffico cittadino. </li></ul>
  11. 11. www.opencities.net <ul><ul><ul><li>Il progetto europeo open cities </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Partner: </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Helsinki, Berlino, Amsterdam, Parigi, Roma e Barcellona (presenti nel Consorzio con Comuni, Università, imprese e Centri di ricerca), un framework proficuo per l'Amministrazione per approfondire ambiti di innovazione tecnologica, economica e sociale - strategici e “chiave” anche per la messa a punto dell’ AGENDA DIGITALE PER BOLOGNA, quali: </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li> Open Innovation in Cities </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>Living Labs in Smart Cities: Urban Labs </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li> Crowdsourcing </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li> Open Data&quot;, </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li> Open Platform for high Speed </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>Open Sensor Networks </li></ul></ul></ul></ul><ul><li>Open Cities si propone di indagare i legami tra le metodologie di innovazione &quot;open & user driven&quot; per la Pubblica Amministrazione e gli scenari di nuovi servizi per la &quot;future internet&quot; e le Smart Cities.   </li></ul>
  12. 12. iCity <ul><li>Linked Open Apps Ecosystem to open up innovation in smart cities </li></ul><ul><li>CIP-ICT-PSP- 36 mesi -Inizio Genn 2012 - Open Innovation for Internet enabled Services - PARTNER: </li></ul><ul><ul><ul><li>1. Institut Municipal d'Informàtica de Barcelona - Spain </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>2. RETEVISION I, S.A. - Spain </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>3. CISCO SYSTEMS INTERNATIONAL B. V.- Netherlands </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>4. FRAUNHOFER-GESELLSCHAFT ZUR FOERDERUNG DER ANGEWANDTEN FORSCHUNG E.V - Germany </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>5. GREATER LONDON AUTHORITY - United Kingdom </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>6. FUNDACIO PER A LA UNIVERSITAT OBERTA DE CATALUNYA - Spain </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>7. FUNDACIO PRIVADA PEL FOMENT DE LA SOCIETAT DEL CONEIXEMENT - Spain </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>COMUNE DI GENOVA - Italy </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>COMUNE DI BOLOGNA – Italy </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Il Comune di Bologna agirà come fornitore di dati e di infrastruttura aperti e come “agenzia pubblica” attraverso la rete civica Iperbole e il servizio gratuito Iperbole Wireless promuovendo azioni di e-participation e e-inclusion, processi di crowdsourcing e la consuetudine nella condivione di contenuti e formati aperti. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>In questo contesto la rete civica Iperbole sarà supportata da organizzazioni esterne profit e non-profit bodies selezionate secondo una procedura pubblica e aperta. </li></ul></ul></ul>
  13. 13. TappER Realizzazione di una piattaforma con funzioni di integrazione di dati , in differenti formati sorgenti e funzionalità, in differenti sistemi mobili e con meccanismi di interazione con gli user il più possibile omogenei. La piattaforma sarà a disposizione di tutti gli Enti, rilasciata in modalità open source, e permetterà di realizzare di apps a basso costo soprattutto grazie alla possibilità di riutilizzare componenti sviluppate da altri soggetti. Verrnno redatte e diffuse linee guida che affrontino gli aspetti di design e quelli legali/giuridici connessi alla realizzazione di apps. Verranno organizzati incontri formativi diretti a cittadini, personale della Pubblica Amministrazione e imprese (training e empowerment) per favorire la diffusione del framework. Top apps per l'Emilia Romagna
  14. 14. TappER 2 La lettura delle informazioni verrà effettuata tramite meccanismi di gestione di feed rss e sfrutterà i dati rilasciati nell’ambito del progetto OpenData. L’ applicazione fornirà informazioni in tempo reale sulla mobilità urbana e integrerà un meccanismo di segnalazione di presenza di elementi di degrado urbano . Verranno anche fatte ulteriori dimostrazione utilizzando le apps di micropagamento e di gestione parcheggi. L’infrastruttura verrà resa fruibile agli enti che intendono sviluppare nuove apps, mentre le apps create saranno direttamente fruibili dal cittadino o dalle Imprese. Le linee guida saranno direttamente fruibili da cittadini, Pubbliche Amministrazioni e Imprese. I prodotti di progetto, il cui codice verrà rilasciato in modalità Open Source (licenza GPL), saranno riutilizzabili da altri partner di progetto.
  15. 15. un disegno a molte mani, in divenire…

×