Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Brigatti - Bernareggi: Trompe l'oeil: la matematica non è solo come la vediamo

1,229 views

Published on

Presentazione di Valeria Brigatti e Cristian Bernareggi

Published in: Education
  • Abstract del seminario: http://www.culturasenzabarriere.org/2009/11/trompe-loeil-la-matematica-non-e-solo-come-la-vediamo/
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

Brigatti - Bernareggi: Trompe l'oeil: la matematica non è solo come la vediamo

  1. 1. TROMPE-L'OEIL: LA MATEMATICA NON È SOLO COME LA VEDIAMO Valeria Brigatti - Freelancer Cristian Bernareggi - Università degli Studi di Milano
  2. 2. STRUMENTI BASE La matematica entra nella vita di tutti alle elementari. Gli elementi che caratterizzano l'esperienza dello studio della matematica fin dalle elementari sono: i numeri, organizzati in espressioni, equazioni e formule i disegni, usati in geometria o per la comprensione di concetti (ad es., la torta utilizzata per spiegare le frazioni)
  3. 3. DISABILITÀ VISIVA E MATEMATICA: ALCUNI PROBLEMI Fin dalla scuola primaria gli studenti con disabilità visiva incontrano numerose difficoltà nello studio delle materie scientifiche (matematica e geometria, in particolare)
  4. 4. STRUMENTI DI STUDIO Non vedenti: dattiloritmica dattilobraille display braille sintetizzatore vocale piano gomma e strumenti per immagini tattili
  5. 5. STRUMENTI DI STUDIO Ipovedenti: ingranditore (portatile o software) sintetizzatore vocale CCTV
  6. 6. PRINCIPALI DIFFICOLTÀ Le maggiori difficoltà riguardano: la lettura e l'elaborazione di espressioni matematiche, la comprensione di concetti presentati mediante rappresentazioni grafiche, la realizzazione di rappresentazioni grafiche.
  7. 7. ESPRESSIONI MATEMATICHE (1) I non vedenti: leggono la linearizzazione di un'espressione matematica perdono la visione d'insieme sull'espressione matematica devono applicare strategie di elaborazione dell'espressione matematica adeguate alla rappresentazione lineare devono trovare metodologie per la risoluzione di operazioni in colonna e simili
  8. 8. ESPRESSIONI MATEMATICHE (2) Gli ipovedenti: leggono le espressioni matematiche in notazione comune, ma devono poter ingrandire parte di esse, perdono la visione complessiva dell'espressione matematica, hanno difficoltà nell'esplorazione della rappresentazione bidimensionale (ad es. operazioni in colonna), l'elaborazione è spesso lenta
  9. 9. LE IMMAGINI (1) I non vedenti: possono esplorare le immagini mediante rappresentazioni tattili e con descrizioni verbali adeguatamente dettagliate possono realizzare immagini tattili (ad es. mediante il piano gomma), ma ciò richiede una specifica formazione fin dai primi anni della scuola primaria
  10. 10. LE IMMAGINI (2) Gli ipovedenti: possono esplorare le immagini mediante ingranditori: processo spesso lungo e che richiede un notevole sforzo di concentrazione possono realizzare immagini su carta o al computer avvalendosi di strumenti di ingrandimento di supporto
  11. 11. ESPERIENZA DIRETTA SIMULAZIONE DI BARRA BRAILLE Risolvere la semplice espressione matematica spostando solo il cartoncino con la finestrella
  12. 12. ESPERIENZA DIRETTA (2) SCOPRI L'IMMAGINE Provate ad indovinare il disegno rappresentato nell'immagine tattile con il solo ausilio delle mani, senza guardare.
  13. 13. info@valeriabrigatti.com cristian.bernareggi@gmail.com
  14. 14. GRAZIE PER L'ATTENZIONE!

×