Corte Grande N° 5 - Novembre 2005

356 views

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
356
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Corte Grande N° 5 - Novembre 2005

  1. 1. Progetto grafico di Stefania Costantini PERIODICO DI INFORMAZIONE MARTANESE ANNO I° - N. 5 – DISTRIBUZIONE GRATUITA San Martino S. Martino di Tours nacque da genitori pagani. A 15 anni, obbedendo al padre si arruolò nellesercito. In questo periodo sarebbe avvenuto il celebre episodio in cui il santo donò ad un povero, metà del suo mantello. Dopo il battesimo abbandonò la vita militare. “Ma per le vie del borgo…”, suggestiva e carica Con grande piacere abbiamo ricevuto uno scritto di di ricordi la poesia del Carducci (e chi se la Anna Tamborrino da Torino che, peraltro, avevamo dimentica?) ci riporta indietro, al tempo della richiesto. Troviamo la corrispondenza estremamente scuola, e ci trasporta in ambienti indimenticabili, interessante e produttiva. Soprattutto perché ci per chi li ha conosciuti, ma cancellati dalla storia auguriamo di coinvolgere anche altri di ragazzi che recente. In un clima che è resistito fino agli anni dimorano fuori dal paese che, mutuando una frase 80, San Martino era tutte le sere, la festa era di don Lorenzo Milani, priore di Barbiana impensabile. Poi, il Servizio Igiene dell’appena (Fi) chiamiamo, “ rappresentanti diplomatici nata Usl cominciò a cancellare le “puteche”, per all’estero”. Il nostro giornale è aperto a tutti. Ma di mancanza delle norme igieniche. I giovanissimi questa collaborazione vogliamo in particolare, non sanno cosa siano. Ma all’epoca, costituivano sottolineare la brillantezza e la piacevolezza della punti di riferimento certi, per quanti, di ritorno penna di cui dispone Anna. Un talento naturale, dal lavoro dei campi, dalle botteghe artigiane , certamente. Peraltro, abbiamo voluto pubblicare o dal cantiere, si ritrovavano a scambiarsi un anche la nota di chiusura che ci è sembrata una bicchiere di vino. Erano luoghi di ritrovo del impegnativa dichiarazione d’intenti. Auguri a tutti dopo-lavoro per molti, tanti, per la maggior parte i ragazzi. Ed ad Anna una “ Buona sbronza” della gente che produceva. Ognuno aveva la sua (magari è astemia). “puteca” , con la sua cerchia di amici. Quella PATROCINIO DI MARIA SS. ASSUNTA IN CIELO “cricca” che, alla fine, costituiva una importante Con calici alzati, catena di tacita solidarietà umana. Buona per orsù brindiamo, senza un bel niente da festeggiare brindiamo Nella ricorrenza del 19 novembre tutte le circostanze. Soprattutto per quelle in cui da queste botti scolate, invitiamo i cittadini di Martano a partecipare si aveva bisogno: quasi sempre, e ci si dava una brindiamo con le rimanze delle bottiglie... alla presentazione dellopuscolo sulle notizie storiche mano. Si diventava “cumpari”, ci si litigava relative allistituzione della festa di la finanziaria promossa dallattuale Maria SS. Assunta inCielo perchè si rimaneva “all’urmu” (senza bere) nel ognor governo del faccio io per me, giro della “passatella”. Si veniva irrisi fino alla sè scolata tutto... rivincita del giorno dopo. Ma si cambiava solo il soggetto. Peraltro, le modalità dello “sfottò” Questa è lora del debutto che avrà luogo sul povero malcapitato erano sempre le stesse. signorine e signorini fanno il loro ingresso nellalcolicità Giovedì 17 novembre 2005 alle ore 19.00 Si ritiravano a casa, quasi sempre brilli. Molte volte per non pensare ai problemi della famiglia. oplà, chi fermerà Cupido da Bacco baciato, presso la Sala Convegni di Piazza Caduti bere allo stato di salute Era il mondo povero dell’epoca, ma ricco di imbroncia gli intestini INTERVERRANNO: umanità. E “Santu Martino” veniva invocato ed che chiedono smagriti la cassa integrazione chi la pagherà... Ing. Pasquale CONTE Sindaco di Martano augurato per una ricca vendemmia o raccolta di grano. Insomma era considerato il taumaturgo Quel vino che voi bevete assicuratevi Don Massimo DE DONNO Parroco della Chiesa matrice dellAssunta dell’abbondanza. All’epoca alla quale ci riferiamo in anteprima che sia di botte Don Renato DELOS Parroco della Chiesa matrice di Martignano erano solo i primi bicchieri ad essere gustati, poi, e non di concentrato duva, Mons. Cesare PALMA Parroco della Chiesa del SS. Rosario che la manovra dellindustriali imbottigliatori Prof. Paolo PROTOPAPA Relatore tutto diveniva uguale, distratto dai fumi dell’alcol alluva del contadino e dei sigari ai quali la gente si abbandonava. preferiscono il concentrato del cinesino.... Prof.ssa Anna STOMEO Letture segue in seconda pagina segue in seconda pagina Pasquale STELLA Ricerca e realizzazione "fdb" cambia piazza. Franco Farì: "Margherita": SOMMARIO Accuse allAmministrazione. Analisi politica e solidarietà. San Martino pag. 1 Il Consigliere Provinciale scende in campo Fernando Durante e Anna Tamborrino in difesa di Andrea Chiriatti I circoli uniti e concordi fdb cambia piazza pag. 1 Franco FarìMartanesi…popolo di migranti. E’ questa la prima Dopo tre anni di amministrazione di Centro Destra, Margherita pag. 1sensazione che mi fa venire alla mente la lettera di la Margherita fa il punto della situazione politico- Avv. Mauro De Pascalis e Ing. Francesco PalanoAndrea, intrisa di delusione, rammarico, ma anche amministrativa di Martano. Lettera aperta ai cittadini pag. 3 Roberto Calòrimpianto per una opportunità forse irrimediabilmente Il nostro Partito, che pure all’inizio del mandato Raccolta differenziata pag. 4persa. amministrativo del sindaco Conte, aveva appoggiato Marco Termo e Fabio TarantinoMa qual è stata la reazione degli Amministratori la maggioranza uscita vincitrice dalla tornata elettorale, Proverbi pag. 4Comunali di fronte a questa evenienza? dopo un forte travaglio politico interno non ha inteso Paolo Saracino Uranio Impoverito pag. 5“Al nemico che fugge, ponti d’oro”, narra un vecchio, sostenere più la amministrazione contestando con Giuseppe Castrignanònoto proverbio che pare avere ispirato la risposta del forza le scelte politico-amministrative del Sindaco e Buon Bere? Da Bacchus pag. 5Sindaco Conte alla notizia diffusa da Andrea Chiriatti della sua maggioranza, sebbene i due consiglieri della Cesare Caracutache la “Festa della Birra cambia piazza”. Margherita eletti nella lista Conte abbiano preferito Iena Ridens pag. 6Questo è lo spirito con cui l’Amministratore Unico restare agganciati alla maggioranza che governa la Calcio: fra alti e bassi la squadra va pag. 7 Fernando Durantedel Comune si pone di fronte ad un episodio grave, città, uscendo dal Partito. Polemiche a buon fine pag. 7l’ennesimo, di un giovane imprenditore martanese La Margherita è comunque uscita rafforzata da questa Salvatore Caracutache fugge da Martano. Andrea, infatti, si è arreso, esperienza: La Margherita è comunque uscita rafforzata Risposta al questionario pag. 8 segue in seconda pagina segue in terza pagina Antonio Saracino
  2. 2. PAG. 2 continua dalla prima pagina continua dalla prima paginaQuestoggi beviamo senza dimenticar la battaglia contadina,che vide un uomo morir per strada, esausto, dopo enormi difficoltà affrontate nella propria città, in cuiun uomo tra tanti che si batteva per il suo santo diritto del pane quotidiano. tenacemente ha cercato di resistere con la sua iniziativa, fino aOggi con più gioia rivolgendo alla sua memoria un brindisi facciamo. quando un’Amministrazione Comunale ottusa, chiusa nella propriaChe il bicchier pieno sia simile al bicchier svuotato autoreferenzialità, frapponendo ostacoli di ogni genere non lo haquesto Berlusconi lha dimostrato, sfinito e costretto ad emigrare.il falso in bilancio è una sua usanza arcana,riconosciuta da Previti, allo scuro della legislazione italiana... Complimenti Sindaco! Continua così che meno restiamo e meglio staremo.Noi che contadini siamo, Lincapacità dellAmministrazione Comunale di gestire un grandepopolo della terra dalle profonde radici, evento come fdb compatibilizzandolo con le giuste e legittimeche videro il ribollir dei tini sin dai tempi di Bacco... esigenze di tranquillità dei cittadini del rione ha portato a questoNoi che dalla terra traiamo insufficiente alimento, epilogo.ricordiamo in questo giorno di festa la lotta contadina, La risposta quasi rancorosa con cui il primo cittadino esterna ilricordiamo che a seguito di azioni mercantili la nostra terra è stata svalutata, suo acido commento sul giornale “Grecìa Ta Nea Ma” verso lache i nostri contadini sono stati calpestati nel loro diritto. decisione del giovane Andrea di abbandonare il campo è addirittura sconcertante, se emblematicamente assunta quale misura delloTonnellate e tonnellate di pomodori spessore della cultura politica dell’Amministrazione.marciti sulle piante, per ricordar gli odoridei sudor che costarono la fatica della semina e del raccolto. La fdb non è, e non deve essere, semplicisticamente etichettata come un raduno di giovani bevitori.Lo Stato risulta sempre assolto, Essa è un’iniziativa configurantesi all’interno di un target giovanileil contadino condannato dalla povertà, molto apprezzato e seguito, se è riuscita a portare ogni anno alcunecostretto alla miseria del desiderar un posto di lavoro... decine di migliaia di visitatori a Martano. E’ un evento che oramai si va “storicizzando”; sette anni infatti non sono pochi per la FestaMa Signori nel pieno del decoro mentaleasserisco che lunico mestiere degno di lode della Birra di Martano che fino ad oggi ha potuto contare quasiè quello del contadino esclusivamente sull’entusiasmo dei suoi organizzatori.che al pari di Dio crea il frutto dalla terra e da il nutrimento, La birra, come è noto, costituisce un tratto dell’identità culturaleognun di voi brindi al contadino del Nord Europa. La scoperta della birra per gli italiani (abitualidi tutte leternità promosse dalla cultura, consumatori di vino) è coincisa con il grande fenomenoleternità eterna del piantare un albero che da frutto anche dopo la morte di chi lo ha piantato,è solo prerogativa del contadino. dell’emigrazione verso la Svizzera e la Germania di circa 50 anni fa; essa quindi fa parte del costume e delle abitudini di generazioniBrindate dunque, in alto i calici di meridionali. In particolare nelle nuove generazioni il consumoalla salute del contadino, di birra va di pari passo con il definirsi di certi gusti musicali.sperate che non si faccia lusingare dalla facile paga di impiegato statale, Possiamo affermare che la cultura della birra ci ha “contaminati”.perché se manca il contadino manca il pane. Ma non è forse il “Salento terra di contaminazione culturale” unoPensate a quante braccia lesercito italiano ha strappato dai campi dei target identificativi più belli della nostra terra?che or piangono incolti, E la Festa della Birra non è forse l’evento dell’estate salentina chela nostra terra è la terra di Cerere, meglio interpreta questa idea?tutti noi prima di ogni nome siamo contadini, La fdb è diventata negli anni un’importante vetrina musicale perper far rifiorir la terra, sfruttata dal colonialismo di stato, quei gruppi salentini più aperti verso le contaminazioni di altreriprendiamoci la libertà di esser ciò che siamo. culture musicali. Lo dimostra perfettamente il programma diBrindo al contadino questa ultima edizione che ha saputo fondere le esperienze delche renda nobile, al pari del suo animo, Rock più innovativo con la tradizione della pizzica più ortodossa.il mio destino. Ma festa significa anche questo: libertà di fondere i linguaggi, gliBuon San Martino anche agli astemi.. stili, le esperienze. Perché l’Europa del domani sarà il frutto della nostra capacità di incontro, di scambio, di apertura verso gusti enota. quando parlo del colonialismo di stato, mi rifaccio alla politica imprenditoriale culture differenti.che ha trattato il meridione al pari di una colonia, reputando i meridionali dei selvaggi; Ecco, tutto ciò è, anzi era Festa della Birra, condito con la voglianon dobbiamo mai dimenticare lo sfruttamento operaio che cè stato nelle fabbriche di divertirsi e la gioia di vivere dei suoi giovani.ai danni dei nostri conterranei, strappati dalla terra e ridotti alla miseria nelle città. Nonbisogna mai dimenticare che in paesini della Calabria manca la luce elettrica e lacqua Ma tutto ciò nulla ha a che vedere col taglio culturale e la sensibilitàpotabile. Non bisogna mai dimenticare che la nostra terra è una terra che va riscattata, politico-amministrativa del nostro Sindaco e Amministratori.non bisogna scappare dal loco natio, bisogna impiegare le proprie forze per arricchire Tu però, Caro Andrea non desistere, continua il tuo percorso. Tantola terra con le nostre capacità. Lamerica non bisogna cercarla altrove, la nostra terra vi sono altre città ed altri Sindaci che accoglieranno a bracciaè la nostra ricchezza. aperte la tua Festa della Birra e i 45.000 giovani che la frequentano.Chi vi dice queste parole, ora è in esilio volontario dalla propria terra, nellumiltà della E quanto a tornare a Martano poi…non è detto che la nostra cittàmie capacità cercherò di attuare quello che a voi propongo. Siamo una comunità e nella sia condannata in eterno ad Amministratori di questo spessore.cooperazione di tutti ci può essere il miracolo del cambiamento. Franco Farì Anna Tamborrino continua dalla prima paginaA casa, per lo più, le famiglie pagavano un conto salato per le distrazioni del padre. Questa volta si, padre-padrone. In questo quadro sociale, la datadell’11 di novembre, San Martino, era attesa solo per qualche bicchiere in più offerto dal bottegaio. Per quel giorno, infatti, era abitudine aprire le bottidel nuovo ed inebriante vino. La gente attendeva di assaggiare quello de “ sutta a Pasùlu”. E’ una zona limitata e, vocata, in agro di Melendugno che, adire dei soliti intenditori, produceva il vino di migliore qualità. Oggi, invece, si beve a piccoli sorsi, per stimolare le papille gustative ai sapori intimidella bevanda ma…si paga tanto. Si va in ritrovi specializzati e ricercati, puliti. Grandi calici, esaltano gusto e bouquet. Più che bere si degusta.Una volta si beveva a “menzi quinti, a quarti”, per dimenticare. Per questi ultimi era classica la battuta dell’oste: “chi beve per dimenticare è pregato dipagare prima”, ma era un’altra cosa. Buon San Martino a tutti: abbondanza. Fernando Durante SYSTEM Via Castrignano, 106/A concessionaria IMPIANTI 73025 MARTANO (Lecce) ITALY 2000 s . r . l . Tel. e Fax 0836/572339 2
  3. 3. PAG. 3 continua dalla prima paginada questa esperienza: i due Circoli presenti nel paese, fallimentocompleto per la collettività (non per giustificare l’assunzione di due collaboratori adopo aver superato le incomprensioni del passato, qualcuno però i cui interessi speculativi sono stati contratto – come se non bastassero i sei assessori ahanno ritrovato unitarietà di intenti politici e salvaguardati con l’introduzione ad arte di alcune fare quel poco di attività amministrativa ormai nonrappresentano uno dei capisaldi del Centro-Sinistra varianti), perchè non è stata seguita dalla adozione di competenza dei funzionari – hanno creato lo Staff,martanese. degli strumenti urbanistici particolareggiati (P.E.E.P. facendo di fatto svolgere ai nuovi assunti – peraltroPrima di entrare nel vivo dell’argomento ci preme e Piano Particolareggiato per il Centro Storico che completamente o quasi digiuni di attivitàrivolgere un ringraziamento alla redazione ed al vengono lasciati dormire nei cassetti degli uffici amministrativa – le funzioni di due dirigenti andatidirettore del giornale che ci ospita, esprimendo loro comunali) a tutto danno del centro storico, già in pensione.la solidarietà di tutto il nostro partito di fronte agli depauperato da decenni di interventi edilizi scellerati, Ma non è tutto!attacchi gratuiti, perpetrati dalla Maggioranza di e di quei cittadini che si vedono impossibilitati a L’amministrazione ha disposto, o sta per disporre,CentroDestra con discutibili manifesti affissi ai muri costruire a causa delle esorbitanti quotazioni del l’avvicendamento di alcuni dipendenti, destinati allodel paese: è sintomatico del fallimento dell’azione mercato martanese dei suoli. svolgimento di mansioni totalmente diverse da quelleamministrativa l’attacco gratuito nei confronti di chi Stesso discorso per la zona Industriale, i cui tempi svolte sino ad ora, probabilmente incompatibili colcivilmente e con sana ironia esprime il proprio di realizzazione sembrano allungarsi ogni giorno… proprio livello funzionale e con le proprie competenze.dissenso nei confronti del potere, ma la veemenza Non va meglio con gli appalti in corso di esecuzione: Tale comportamento sottende ad un disegno ad oggidei toni usati contro il giornale ci fa pensare che chi i lavori di realizzazione della fognatura nera hanno indecifrabile, soprattutto se si considera che l’Ufficioha scritto probabilmente ha colto nel segno…. trasformato buona parte delle strade comunali in veri Tecnico, prima dello spostamento del geom. RescioMa veniamo all’oggetto peculiare di questo intervento: e propri percorsi di guerra tant’è che ci viene spontanea ad altro ufficio, era stato rafforzato con altro personale,l’esame della situazione politico-amministrativa di una domanda: ma chi vigila sulla corretta esecuzione prelevato da altri settori, sul presupposto che la moleMartano. dei lavori specie di quelli di ripristino del manto di lavoro era tale da non poter essere più sopportataAbbiamo accolto con favore l’avvio della raccolta stradale? dal personale già in organico.differenziata dei rifiuti, ritenendo che essa rappresenti Tante altre strade sono luoghi di completo degrado Che altro aggiungere... i fatti parlano da soli.sicuramente il futuro dello smaltimento degli RSU, ambientale: più volte i cittadini di via Manzoni e via Dall’operato complessivo di questa amministrazionenon solo perchè consente di abbattere notevolmente Teofilo, hanno lamentato, (documentandola), la emerge un dato incontrovertibile: l’assenza totale diil costo complessivo dello smaltimento, con benefiche presenza di grossi topi ed addirittura di grosse serpi un disegno politico-amministrativo (programma) chericadute sulle tasche dei cittadini che vedono ridursi a spasso indisturbate per la strada. Tutto tace.... funga da filo conduttore dell’azione amministratival’entità della tassa sui rifiuti, ma anche, e soprattutto, Notevoli, a nostro parere, gli sprechi di pubblico concreta.perchè consente una maggiore e più immediata denaro in occasione delle due edizioni della Biennale: Nè potevamo aspettarci altro da un governo cittadino,salvaguardia dell’ambiente. a che serve realizzare le “porte di Martano”, con bello forse da vedere in foto, ma assolutamenteNon condividiamo, però, le modalità di svolgimento notevole dispendio di danaro, quando poi nelle scuole incapace di governare perchè formato da tante monadi,del servizio con riferimento, in modo particolare, alla manca financo la carta igienica. ciascuna a sè stante e dotata di voce tonante, daraccolta dei rifiuti solidi organici, e riteniamo ed A proposito di scuole, sappiano i lettori che il paese utilizzare però solo per far valere gli interessi delauspichiamo che l’Amministrazione Comunale ha rischiato seriamente di rimanere senza asilo nido proprio orticello, da un’amministrazione che se nonprovveda quanto prima a rivedere e ritoccare i tempi per la noncuranza o superficialità dei nostri è ancora caduta, è solo perchè non saprebbe neanchedi svolgimento del servizio. amministratori, sempre vigili ed attenti per altre da che parte cadere.Tutto il resto è un completo disastro. problematiche, che avevano “dimenticato” diLa politica urbanistica è inesistente! procedere a riappaltare il servizio. Avv. Mauro De Pascalis portavoce Circolo La MargheritaLa tanto decantata approvazione definitiva del PRG, Stesso discorso per il personale. “Don Luigi Sturzo” Martanodi cui l’attuale maggioranza, ammantandosi – come Dopo aver assistito al teatrino organizzato dallala cornacchia con le piume del pavone – di meriti Amministrazione Conte – che si è inventata Ing. Francesco Palano Presidente Circolo La Margherita “Giuseppe Dossetti” Martanonon propri, ha fatto un vanto, si è rivelata un l’istituzione dello “STAFF DEL SINDACO” per LETTERA APERTA AI CITTADINI DI MARTANO Carissimi concittadini dello spettacolo, che, da ora in poi, si vedranno costretti a rivolgersi alle Agenzie Siae ed Enpals di Galatina, con sede in Cutrofiano. mi corre lobbligo di informarvi che dal 2 novembre 2005 La nostra città subisce, quindi, un duro colpo nella direzione del sono state soppresse a Martano due importanti agenzie: consolidamento del centro dei servizi. Siae (Società italiana autori ed editori) Enpals (Ente nazionale previdenza ed assistenza lavoratori dello spettacolo). Che cosa possiamo fare? queste due agenzie servivano un bacino di utenza di sette comuni quali; Martano, Castrignano dei Greci, Carpignano Dalle informazioni che ho assunto si tratta di uno spostamento Salentino, Calimera, Caprarica di Lecce, Martignano, non ancora definitivo, per cui chiedo al sindaco di Martano, Melendugno. Pasquale Conte, allAssessore provinciale Luigi Calò, al consigliere provinciale Franco Farì ed a tutti coloro che hanno una carica Quindi dal 2 novembre tutti gli operatori commerciali che gestiscono istituzionale, di adoperarsi con tutte le loro forze, presso gli organi competenti, perchè queste due importanti agenzie ritornino ad pubblici esercizi come: Teatri, Cinema, Discoteche, Radio operare nella nostra città. Locali, Pub, Balere, Palestre Sportive, Squadre di Calcio, Bowling, Organizzazione di sagre e fiere di spettacolo Martano, 2 novembre 2005 in genere. Fino al 31 ottobre 2005 venivano alle sedi di Martano ROBERTO CALÒ per assolvere agli obblighi previsti dalla normativa sui diritti riservati Consigliere Comunale agli autori ed editori ed agli obblighi previdenziali per i lavoratori centrosinistra Unito per Martano Direttore Responsabile: Fernando Durante Redazione: Franco Farì, Salvatore Caracuta, Paolo Saracino, Giuseppe Castrignanò, Marco Termo, Fabio Tarantino e-mail: redazionecortegrande@libero.it Stampato da Grafiche Chiriatti - Martano C&C INFORMATICA Di Chiriatti Donato Servizi di manutenzione del verde Pulizie appartamenti e uffici Via B. Croce, 30 - 73025 Martano (LE) INFORMATICA Tel./fax 0836 571599 Cell. 3284675229 3
  4. 4. Pag. 4 RACCOLTA DIFFERENZIATA Problemi e rilieviAnche a Martano è arrivata “Porta a porta”… non si parla della famigerata Soprattutto, a coloro che vivono da soli. Inoltre, leggendo la carta dei servizi,trasmissione televisiva di Bruno Vespa, ma di qualcosa di molto più vicino notiamo che nella parte dedicata al rapporto con gli utenti non sonoa noi e alla quale dovremo abituarci. menzionati né, appunto, gli anziani, né i diversamente abili. Infatti, sonoSi tratta, infatti, di un articolato sistema di stati alcuni di loro che ci hanno segnalatoraccolta differenziata dei rifiuti che ci ha fatto che il trasporto delle pattumelle al di fuoriperdere un vecchio “punto di riferimento”: delle loro abitazioni è molto difficoltoso siaallergico alle differenze, amante dei cattivi a causa del peso, sia, nel caso deiodori, capace di dare cittadinanza ad ogni diversamente abili, per impossibilitàgenere di rifiuto. Per anni è stato il vero oggettiva.protagonista d’ogni rione, d’ogni isolato ed Ci chiediamo se non sia opportuno da parteil vero amico delle nostre mamme, poiché, dell’Amministrazione Comunale esoprattutto, a loro ha fatto risparmiare tanto dell’azienda che gestisce il servizio effettuareutile lavoro…stiamo parlando del un monitoraggio di tutte queste realtà per“cassonetto”! trovare delle soluzioni migliorative. PerQuesta importante rivoluzione multicolore esempio, l’instaurazione di un rapporto dilibera il nostro futuro dai rifiuti e ci allontana collaborazione tra questo tipo d’utenza e gli Foto di Antonio Tarantinodalla “puzza” delle discariche, ormai operatori che si occupano quotidianamentestracolme. E’ questo un problema drammatico della raccolta “porta a porta”.che è affrontato quotidianamente dai cittadini Alcuni commercianti vorrebbero, altresì, chedi quei comuni che, ingiustamente, sono fosse potenziata la raccolta dei RSUinondati dai rifiuti prodotti da tutti quelli altri indifferenziati (umido), perché sono quelliche li producono e li conferiscono in quella che, più degli altri, emanano cattivi odori.discarica. Chiediamo all’azienda appaltante dinecessita di un periodo di rodaggio, ed ecco provvedere al più presto al completamentoche noi vorremmo contribuire ad aggiungere delle previste cinque “isole ecologiche”,sempre più colori per migliorare un servizio perché ad oggi esiste soltanto una,di fondamentale importanza. quell’ubicata in Via Della Libertà, che versaforse, nascono da un’inadeguata campagna in condizioni di assoluto degrado.di sensibilizzazione nei confronti di alcune Infine, il numero verde aziendale non è idoneofasce della popolazione che nel primo periodo a ricevere chiamate di telefonia mobile.non hanno trovato il giusto approccio a Foto di Antonio Tarantino Auspichiamo una revisione della carta deiquest’inedito modo di raccolta. Sarebbe stato servizi sulla base di questi suggerimenti enecessario, forse, soffermarsi un po’ di più per una fase di approfondimento di tutti quelli che i cittadini riterranno utili per un miglioramento del servizio.dell’informazione e spiegare il funzionamento del sistema ai più anziani. Marco Termo - Fabio Tarantino Per chiudere il discorso. Prima che i fumi dellalcool prendano il sopravvento... " Per San Martino si spilla la botte del invernale. odor, sapore". buon vino ", recita un antico adagio. Era questo il periodo di smobilitazione "Se il buon vino conoscer brami, cinque Serviva per giustificare le libagioni ed dei vecchi occupanti dalle masserie. cose ei ti richiami: sia formoso, sia i banchetti organizzati per loccasione. Arrivavano i nuovi locatari per fragrante, forte sia fresco e frizzante". L11 di novembre ricorre la festa in continuare un lavoro organizzato alla "Se ti par che il vin bevuto alla sera ti onore del Santo. stregua di grandi aziende agricole. ha nociuto, troverai che medicina è il Tradizionalmente si fa coincidere con Ma, ancor prima dellultimo periodo al riberne la mattina". la svinatura del vino nuovo. quale ci riferiamo , che va considerato Una volta anche con la scadenza dei fino a tutti gli anni 60, nel medioevo, contratti agrari di colonia ed affitto. si rintracciano proverbi legati allevento. In un certo senso anche linizio del ciclo " Fan palese il vin sapore, limpidezza, La redazione COSTRUZIONI E RESTAURI Impresa Edile F.lli PERROTTAs.n.c. di Perrotta Paolo & Pantaleo Via San Giorgio, 15 - 73025 MARTANO (Le) Tel. 0836 575505 Cell. 333 2233341 333 4373861 E-mail: flliperrottasnc@libero.it 4
  5. 5. PAG. 5 Antonio Zacheo nuovo vicesindaco di Martano Lungamente attesa, la comunicazione del sindaco ha indicato Antonio Zacheo alla carica di vicesindaco, con delega al Bilancio, è arrivata nel corso del Consiglio comunale del 15 settembre scorso, in sostituzione del dimissionario, Luigi Gallo. Il decreto, però, è stato firmato il 6 dello stesso mese. Nulla di eccezionale, fin qui. Se non che, in un’aula deserta è esplosa l’ira dell’ex assessore ai Lavori Pubblici, Vincenzo De Paduanis, che prendendo a pretesto le dichiarazioni del presidente del Consiglio Luigi Protopapa fatte a “ Corte Grande” nel numero del mese, “ Odio gli indipendenti e gli opportunisti”, ha urlato la sua sfida due, tre volte: “ Ora sei tu che ti devi dimettere”. L’invito perentorio è stato rivolto, proprio al neo vicesindaco che, è la considerazione di De Paduanis, sarebbe stato compreso fra le persone odiate nelle esternazioni di Protopapa. Ma se De Paduanis si è sentito offeso in quanto unico indipendente del Consiglio, perché mai anche Zacheo si sarebbe dovuto risentire?. Ci viene il dubbio che l’ex assessore- da tempo in rotta di collisione con la sua stessa maggioranza- considera il neovicesindaco fra le qualifiche comprese nell’odio di Protopapa. P.s. Nel prossimo numero ci auguriamo di poter pubblicare l’intervista che abbiamo fatto al neo vicesindaco. URANIO IMPOVERITO - il nemico invisibile: il libroIl 22 ottobre 2005 nella sala conferenze del Comune di Martano è stato verità, ma in questi casi la verità è troppo scomoda e coinvolge alti verticipresentato un libro dal titolo “URANIO il nemico invisibile” della giornalista militari e politici.napoletana Stefania Divertito edito da Infinito edizioni e con il patrocinio della In Italia purtroppo precedenti esperienze (Vedi Ustica) fanno pensare cheProvincia di Lecce e di Napoli. difficilmente qualcuno potrà mai avere il coraggio di dire “abbiamo sbagliato”,La prefazione è stata affidata all’attore di teatro Marco Paolini e al giornalista “sapevamo che le polveri dell’U-238 erano tossiche. Gli americani ce loAndrea Purgatori. Il testo è un’inchiesta giornalistica avevano detto con documenti ufficiali che bisognavadurata 5 anni sullo scottante problema dell’Uranio proteggersi con guanti, tute, mascherine, ma questo nonimpoverito, adoperato nelle testate dei proiettili utilizzati lo abbiamo fatto”.nelle varie guerre in Bosnia, Kosovo, Iraq, Afghanistan. Non hanno letto o hanno fatto finta di non capire. QuestoLa quantità di uranio impoverito è enorme poiché è viene messo bene in risalto dalla Divertito, che ha potutoderivante dallo scarto del combustibile usato nelle centrali incontrare vertici militari e politici, ed è stata affiancatanucleari ed alcune aziende di armamenti americane e dal capitano Leggiero dell’Osservatorio Militare, unafrancesi hanno costruito testate rivestite di U-238 delle poche organizzazioni che sta cercando in ognirealizzando così un arma micidiale e uno smaltimento modo la verità raccogliendo dati, informazioni, studidi rifiuti nucleari molto redditizio, con una scientifici su questo problema.controindicazione mostruosa, l’inquinamento ambientale Durante la presentazione oltre alla dott.ssa Divertitodelle zone bombardate. La ricerca che l’autrice ha svolto sono intervenuti anche, il Capitano Leggiero, l’Assessoreè stata particolarmente approfondita cercando i provinciale L. Calò, il Sindaco, il presidente provincialeresponsabili di ciò che è successo. della Legatumori Serravezza, il consigliere provincialeSolo in Italia sono stati oltre duecento i militari che si De Mitri oltre ad alcuni famigliari delle vittime tra cuisono ammalati con patologie riconducibili all’inalazione Salvatore Antonaci (il papà del M.llo Andrea Antonaci).di polveri tossiche nelle zone bombardate e almeno 40 Nelle ultime pagine del libro sono riportati una serie disono deceduti. Sono numeri troppo grandi per poter documenti ufficiali militari e civili americani e italianipensare che sia un caso. Tutti i militari erano andati in sui rischi dell’uranio. Nonostante ciò, ancora adesso c’èmissioni di “Pace” in questi territori. Il pericolo derivante chi mette in dubbio la relazione tra l’U-238 e le mortidall’uso di U - 238 (Uranio impoverito) era ed è ben di questi giovani.noto da chi questi materiali ha prodotto. Inoltre anche politico continua ad asserire che l’uranio non è nocivomolti altri studi scientifici effettuati in tempi recenti in e non è stato impiegato nelle missioni.Italia e in altri paesi hanno confermato la tossicità del Il libro non è una denuncia urlata, ma i toni sonoU – 238 nelle zone bombardate. Le polveri che si creano vengono inalate e rigorosamente scientifici. Non si tratta di qualche farneticante predicatorecausano malattie come il linfoma tipo Hodgkin (LH) e non Hodgkin, tumori delle ultime ore, che tende a demolire tutta la nostra società accusandoalla tiroide, ai testicoli e linfomi in genere. chicchessia, ma solo chi è responsabile di atti che potevano prevenire la morteL’autrice ha avuto modo di intervistare alcuni dei ragazzi colpiti da questo di tante persone.problema e di condividere con le famiglie, il dolore causato da questo “nemico Giustizia e verità ancora una volta sono due parole scomode che molti usanoinvisibile”. ma che pochi vogliono comprendere. Si dovrà ancora combattere contro unSono state tre le commissioni parlamentari che hanno cercato di risalire alla altro nemico invisibile. Giuseppe Casrtignanò BUON BERE? DA BACCHUS Come si presenta l’annata? E gli anziani? Buona ma non eccezionale perché le ultime piogge di settembre hanno Gradiscono meglio il rosato. danneggiato i vigneti. Che vini di pregio ha la vostra enoteca? Che tipo di vino proponete nella vostra enoteca? Tanti ad esempio il Tignanello, Sassicaia, Groppello, Lebraci, Nero Conti Il primitivo di Mandria, l’Aglianico del Vulture. Zecca, Feluca, Brunello e Rosso di Montalcino, ecc. Quali vini sono più richiesti? E per San Martino quali vini consigliate? Rosato e rossi del Salento (Leveranno) per il 60-70% delle richieste. Sulla carne grandi rossi del Salento (Primitivo e Negroamaro); per fine pasto In bottiglia invece il Negromaro, il Primitivo, i ricavati dal mix di questi ossia sulle castagne un bel novello. due e altri vini da vitigni autoctoni. Un consiglio ai lettori di corte grande? I giovanili Martano che vino preferiscono? Bevete vino perché fa bene alla salute. Nelle dosi richieste e soprattutto per Maggiormente i vini rossi. i giovani senza eccedere! Cesare Caracuta 5
  6. 6. IENA RIDENS PAG. 6 Progetto grafico Alberto Giammarruco Brutta pagina di storia martanese e alla storia rimase senza rivali. A proposito di “ORA BASTA!” quella vissuta l’ultimo mese. Per non parlare della commedia dell’arte Mai visto tanto astio e accanimento (secondo voi anche quella è di parte?). apparso sui muri della nostra Città. contro umili servitori del commento. Forse è questo il vostro dissapore E’ vero, senza grande impegno, non sapete cos’è il buonumore. Sulla nostra rubrica “Iena ridens” si può dissentire, abbiam proprio colpito nel segno. Come calvinisti, sempre grigi e tristi, poi..… però……si deve. Non ci vuole molto, in verità, siete infelici, bizzòchi, moralisti. Esagerata, falsa, ipocrita, feroce ma, soprattutto anonima. E’ solo un per far ridere questa Città. Se diciam che siete figli di falsi puritani piccolo florilegio di accuse che sono piovute sull’ultima edizione. Basta soffermarsi con leggerezza cosa andate a pensar, che siam villani? su tanti che, con fermezza, I giochi di parole e la battuta pronta Tutte vere? Tutte dovute? Mah…! Interpretazioni. son personaggi di questa piazza son virtù, dono, magia, divina impronta. Ma, stiamo parlando della “Iena”, feroce e spietata di suo: animale di grande o piccola stazza. Il riso abbonda sul viso degli stolti comunque, non persona. Se poi ci aggiungiamo che ride dopo aver I nostri stornelli fan sorridere, ma il sorriso è per intelligenti e colti, “azzannato”…. . il nostro obiettivo è irridere. per chi sa apprezzar il gusto della vita In caso contrario l’avremmo chiamata, per esempio “Volo di farfalla”, E’ uno scherzo, un gioco, e che sa comprendere una battuta. crediam sempre che valga poco, Forse non fate parte di queste categorie, oppure “Rugiada di bosco”, o ancora “Bocca di rosa” per dire di perché al mondo ci sono argomenti ma il problema è vostro, care signorie. leggiadria. certamente più importanti. Anche il PadrEterno è dotato d’ironia Noi non abbiamo alcuna difficoltà a chiedere scusa, nel momento in Ma chi è colpito dalla freccia, avendo donato all’uomo la follia, cui ci rendiamo conto che abbiamo provocato dispiacere a gente che sia certo, non fa parte della feccia. si diverte poi a guardarlo dall’alto nulla ha a che vedere con quella satira e/o con il “potere”. Son sempre stati i potenti che usa il libero arbitrio come un salto. le vittime degli impenitenti, E meno male che vi piace Forattini E’ una questione di maturità. sbeffeggiati, presi in giro quando attacca i comunisti mangia-bambini. Lo abbiamo fatto quando ci ha sfiorato questo dubbio. Ma, ricordiamoci continuamente sotto tiro. Se non sapete come funziona l’ironia sempre che stiamo parlando della “Iena” che, esagerando, ride ed Nella storia dell’umanità di questo mondo siete un’anomalia. irride su azioni- comunque- fatte, su comportamenti, su modi di agire la satira non è certo viltà Persino Shakespeare il Bardo di personaggi pubblici. ma, democrazia e libertà. ai potenti non risparmiò qualche dardo. E la satira più maligna e feroce che si scatena sul governo di una E’ il miele sull’orlo del bicchiere Ma vi immaginate la Elisabetta della medicina che, al malato, si fa bere. che prometta a lui vendetta? città, evidenziando ciò che la stessa realtà paradossalmente nasconde. Questa non l’abbiam certo inventata O che sottoscriva un proclama E verso chi altri può guardare se non verso chi gestisce la cosa da Terenzio l’abbiam solo citata. che alla decenza lo richiama? pubblica, chi detiene il potere? (Pasquino irrideva i papi). In un Per non parlare di beffe e maschere La vostra ipocrita solidarietà giornale di paese poi, toglierla equivarrebbe ad eliminare il peperoncino, da Plauto abbiam commedie vere, può aver un paragone, in realtà. il gusto della popolare “ presa in giro”. Peraltro, sorge un serio dubbio. sbeffeggianti costumi ed usi Come se Priebke nazicarnefice rivelando dei politici i soprusi. di un morale sostegno fosse artefice L’ultimo numero di Corte Grande è uscito il primo giorno della “Sagra Ma troppo lontano da voi siamo verso Adolf Hitler suo signore de la volia cazzata”. Il direttore di questo giornale ha avuto l’opportunità se dell’antica Roma noi trattiamo. contro Chaplin de “Il Grande Dittatore”. conviviale di “pasteggiare” insieme a vari amministratori comunali Forse non è il caso di paragonarci, Noi tanti siam e ci firmiamo Iena e personalità politiche della provincia. In quella occasione ha visto all’ignoranza non vogliamo rassegnarci. e quelli come voi ci fanno pena. sbellicarsi dalle risa uno di quegli amministratori presi maggiormente Chi ci vuol dare lezioni d’ironia Iena, né Plinsken, né Quentin Tarantino perché non parte dalla propria fantasia? siamo del vostro cibo il peperoncino, di mira, e non per la prima volta. Anzi, “reduce”, suggeriva al suo Forse non l’ha, ne è sprovvisto aggiungiamo sapore, a volte pizzichiamo collega amareggiato di non prendersela, in fondo, era un modo come visto quanto illustra sul manifesto. ma più spesso i cattivi odori riveliamo. un altro perché si parlasse di loro. In sostanza: “l’importante è parlare; Forse è questo che fastidio vi dà bene o male non importa”, sosteneva. Non vogliam polemizzare con chi, siamo lo spirito critico, la bocca della verità. Ma è anche quello che sostiene lo stesso sindaco, Pasquale Conte. non sappiam perché, è così; Se non avete l’umorismo e lo stare al gioco, Abbiamo la stravagante idea, però, di pensare che si può parlare di se la prende con ardore i martanesi possono davvero fare poco. con il nostro buonumore. Forse vorreste che fossimo armenti, loro purchè si parli bene. A qualcuno è davvero inviso greggi al pascolo, buoni e silenti? In quel caso, si deve. chi sa regalare ad altri un sorriso. O come nella giungla dei primati Parlare male si può, invece, quando si parla di altri. Altrimenti diventa Eh, si può ridere e scherzare agli istinti animali rassegnati? “ lesa maestà”. La levata di scudi seguita alla precedente pubblicazione ma loro non li devi toccare Con il sorriso facciam ragionare non ha bisogno di dimostrazioni. Questa posizione diviene una forma che mica son gente da poco, la gente che vi sta ad osservare. sono importanti: i padroni del gioco. I (politici) sono al centro dell’attenzione di ricatto che riduce tutti gli spazi della satira. Ed a questo, Non capendo la burla e l’ironia applauditi o derisi dalla popolazione. natuiraòlemente, non ci possiamo stare. Spero che questo concetto se la prendono, senza filosofia. Dipende solo dai vostri comportamenti sia facilmente comprensibile. E’ come dir, se c’è una malattia l’origine di tutti i nostri commenti: Siamo rimasti, per tornare all’episodio della “Sagra”, positivamente non dobbiam prendercela, mai sia, continueremo a burlar, di destri e sinistri colpiti dalla giusta filosofia con la quale il primo consigliere aveva col dottore che non riesce a curare, tutti gli atteggiamenti, buffi, storti e maestri. ma con chi non si doveva ammalare. Invece di perder tempo con queste cose, letto la nota satirica, ridendo a crepapelle. Cosa avviene poi. Nella Storia della Terra abitata voi, avreste il compito di scelte gravose; Il giorno successivo, un manifesto del Sindaco e della sua maggioranza tanta gente è stata burlata; e se meditaste sulle vostre azioni attacca a testa bassa gli autori anonimi, avendo preso coscienza che la libera lingua da noie, si sa, vi affranchereste da satira e lezioni. le loro carenze amministrative venivano messe alla berlina da poche a chi al potere vorrebbe restar. Perciò, se l’ironia non sapete accettare righe in versi. In particolare, le contraddizioni di qualcuno. Al teatro, tra i cantori, gran rappresentazioni invece di star lì, andate a lavorare dell’uomo, dei suoi vizi, delle sue frustrazioni. perché ciò che commuove veramente Conclusione: “Non sarà che senza i nostri irridenti versi gli Il suo nome deriva dal gran pandemonio è il sopportarVi a lungo della gente…..! amministratori sparirebbero nell’anonimato e Corte Grande, invece, creato a Roma dall’arbitro Petronio, da’ loro la possibilità di apparire?”. Se tanto abbiamo offeso, che fece burla di signori e dei suoi pari Una, dieci, cento, mille Iene promettiamo di non scrivere più di Carlo Caracuta. Appuntamento in via della Giudeca al 56E’ finita la finzione. Dopo una strategia durata due farebbe arrivare “ qualche” grappolo dalle zone del Vuoi mettere un vino irrorato di sostanza organicaanni, Paolo Saracino esce allo scoperto. La sera di San brindisino, da San Pancrazio. Peraltro è risaputa la “ scappata” per la paura? Anche se qualunque azione,Martino apre le sue rinomate cantine, in via Giudeca proverbiale tirchieria della casa. Perciò, quando per la più malfamata, si giustifica con il credo principaleal 56, dove abita- fra l’altro- a tutti gli amici e compagni assentarsi la notte racconta alla moglie la favola che si della sua vita: il risparmio. Naturalmente, l’assaggioche vogliono assaggiare il vino nuovo. La trovata non assenta per “motivi di servizio”, in realtà, andrebbe- verrà appoggiato su qualche cosa di sostanzioso,sarà indolore, però. Lo scopo non dichiarato è cercare invece- con qualche fidato amico, alla raccolta di uva castagne, friselline, formaggio e quant’altro, tuttovoti per le primarie alla carica di sindaco del “ Cardinale” da mischiare a quella- ormai- poca che compreso nel prezzo, ed immolato sull’altare dellacentrosinistra, quando si proporrà contro l’attuale fornisce il suo possedimento. Il tutto a costo zero. Nel politica, anche se il cuore sussulterà non poco. Lasindaco, Pasquale Conte, nelle prossime elezioni corso dell’ultima spedizione, pare che, qualche signora collaborerà alla serata con le note prelibatezzeamministrative. Strappare un impegno di adesione al contadino del luogo si sia accorto della presenza dei “ dolciarie. Appuntamento, quindi, in via della Giudeca,suo progetto amministrativo, dopo qualche bicchiere, visitatori” e li abbia sparato contro. Questo è il motivo con l’unica raccomandazione di non lasciarsi trascinarenon dovrebbe essere difficile. Si mangia e beve gratis, per cui Paolo non si è potuto sedere per molto tempo, dai fumi dell’alcool. Nel corso della serata, Paoloquindi. Con questa premessa l’affluenza è garantita. avendolo impallinato. Inutili, quindi, i richiami della Saracino, come si diceva, tenterà di estorcere a qualcheE’ risaputo, fra l’altro, che Saracino utilizza uva che moglie: "nu regetti mai lu culu su la sedia". La poverina amico sotto l’effetto dell’alcool, la auspicata firma perproviene da “Pasulu”, la vigna che da il vino migliore, non sapeva la tragedia che stava vivendo il buon Paolo. il voto alle primarie. E’ l’unico modo per accarezzareda quel che si dice in paese. E’una occasione. Ultimo Nonostante il rischio corso, Saracino doveva finire il un sogno. Ma i più pensano che dovrebbero aprirsiproprietario terriero locale che ha possedimenti nella lavoro intrapreso ed è ritornato sul luogo del misfatto. tutte le cantine del leccese per raggiungere lo scopo,zona. Non solo. Da quel che raccontano i soliti bene E’ questo il motivo, non altri, se il vino che offrirà la “e mancu”, sospira un suo compagno. Perciò: Paolo!informati, insieme a quelle di “ Pasulu”, il buon Paolo, sera di San Martino risulterà veramente di ottima qualità. Continua a risparmiare, conviene e non ti vendi l’anima. 6
  7. 7. PAG. 7 Calcio: fra alti e bassi la squadra va La risposta più naturale alla domanda, “dov’è Luigi Colagiorgio”, è :” sul campo sportivo”. Stiamo parlando del responsabile tecnico della società sportiva, “ Martano calcio”. 33 anni, laureato in Scienze motorie, ha iniziato da quest’anno la collaborazione con i nuovi dirigenti. Come credo tutti sanno, la prima squadra milita nel campionato di prima categoria, occupando la terza posizione. Il titolo è stato acquistato dal Miggiano. In caso contrario, la “ Martano calcio” avrebbe dovuto iniziare dalla terza categoria. A prestazioni di buon livello, però, si alternano a quelle di scarso valore. L’ultima gara contro l’Erchie fa parte della serie negativa. A parte il pareggio di 1 a 1, risicato, fra l’altro, è stata la sensazione di scarso impegno ad infastidire gli appassionati frequentatori che affollano gli spalti da quando è passata di mano la dirigenza. Per non parlare degli “ Ultras” che, nonostante tutto, si sono sgolati dal primo all’ultimo minuto. A questa serie negativa si è aggiunto il risultato dell’ultima ora contro il Merine che ha visto soccombere il Martano con il risultato di 2 a 1. Abbiamo intervistato il tecnico, Luigi Colagiorgio per saperne di più sul periodo sfavorevole. D. Come mai si disputano incontri che danno la sensazione gratificazione massima. Ma dobbiamo avere l’umiltà giusta di scarso impegno? per capire e correggere gli errori. Per ripagare i tifosi R. Si, nell’incontro con l’Erchie abbiamo regalato il primo dell’affetto che ci dimostrano. tempo. E’ mancato l’ardore agonistico, la voglia di vincere. D. Dopo i difetti, qual è secondo lei il pregio più rilevante Poi, il cambio di assetto tattico, nel secondo tempo, ha della sua formazione? prodotto il pareggio inseguito. R. Certamente la preparazione atletica che si deve D. Quali sono i limiti di questa squadra? riconoscere, per intero, a Domenico Ungano, il nostro R. Paghiamo una inesperienza visibile. Alcune partite, poi, preparatore. nascono così. Può capitare. Noi abbiamo bisogno di imporre D. Domenica si è notato con maggiore evidenza la il nostro ritmo. Quando una squadra è più esperta e ci mancanza di un uomo d’area. Come pensa di ovviare? spezzetta il gioco, com’è accaduto nell’ultimo incontro, R. Nonostante tutto, abbiamo pareggiato una partita difficile. troviamo oggettive difficoltà nell’imporci. L’Erchie è una squadra esperta, ci spezzettava il gioco, D. Dopo aver visto le altre squadre in azione, sono in molti rallentandolo. Noi invece, dobbiamo imprimere a credere che siete, potenzialmente, in grado di vincere il l’accelerazione giusta, puntando sulla freschezza dei nostri campionato. Ma voi ci credete? giovani, che altri non hanno. Per quanto giovane, però, la R. Noi non ci tireremmo indietro qualora se ne presentasse nostra è la miglior difesa del campionato l’opportunità. Comunque, faccio presente che ci sono molte D. Ma è anche l’ottavo attacco. Non crede che farebbe squadre che hanno investito non poco per arricchire il comodo un realizzatore? proprio organico e tentare di vincere il campionato. Pensiamo R. Trovare un uomo che concluda il lavoro della squadra al Veglie, per fare un esempio. non è facile. Contrapponiamo un gruppo eccezionale, capace D. Voi avete un pubblico e gli “ Ultras” che nessuna altra di sacrifici e con tanta volontà di migliorare. Quale migliore squadra della vostra serie ha. Le sembra di poco conto premessa per raggiungere obiettivi prestigiosi? tutto questo potenziale? Noi auguriamo che si possano raggiungere tutti. Staremo R. Affatto. Anzi voglio ringraziare ufficialmente tutti. Una sempre affianco alla squadra. squadra quando ha il tifo, ha un valore aggiunto, la Fernando Durante Polemiche a buon fineCi sono avvenimenti, episodi, discorsi, che lasciano il tempo che trovano, per quanto richieste scritte, con il nome dei firmatari coperto, per ovvi motivi di privacy. Vigrandi, maestosi. E altri, piccoli, insignificanti in partenza, che segnano solchi profondi. invitiamo a mandarcene altri. Il caso scoppia all’inizio di quest’anno, quando moltiIl massimalismo a cui ci sta abituando la televisione, prima o poi involverà, riportandoci genitori si rifiutano di finire in questo circolo vizioso. Tanti genitori sanno che sialla dimensione delle piccole cose, quelle che adesso ci sembrano futili, in secondo comincia dalla carta igienica, poi si passa ai gessi colorati, e si finisce al gasolio per ipiano, ma che intrinsecamente sono più importanti di tante altre. Spesso assuefatti riscaldamenti. Alcuni rappresentanti, alcuni genitori, forti anche dalla presenza delalle pesanti spese per i nostri figli a scuola (zaini, diari, libri, ecc.), tutto ciò che va nascituro "Comitato dei genitori", che non li fa sentire isolati, cominciano a chiedersia sommarsi non ha importanza, euro più, euro meno. Il caro-scuola affligge centinaia perché debbano pagare. Il problema maggiore è che si scatena un gioco strano, per cuidi famiglie, a Martano. E’ inutile negarlo: viviamo in una condizione di crisi profonda, nessuno sa, all’interno della scuola, che questi soldi vengono chiesti. A chi andava aogni aumento è una mazzata. Tanto poi, la Finanziaria prevede i bonus per le scuole lamentarsi, è sempre stato detto come a scuola non mancasse niente, e che mai un europaritarie private, che importa della scuola pubblica? La protesta degli studenti viene fosse stato chiesto, ufficialmente, alle famiglie. Allora qualcosa non va, è evidente.accolta con un bel dito medio alzato da un ministro della Repubblica, che volete Questa situazione ha portato il sottoscritto a fare una dichiarazione pesante, provocatoriafarci? Davanti alle ingiustizie subite dalla scuola pubblica, gli studenti delle scuole se volete, nei confronti del Direttore Didattico, esponendosi come Consigliere Comunale,medie superiori hanno sempre utilizzato l’arma della protesta, delle manifestazioni, ossia come rappresentante eletto dei cittadini di Martano. Cittadini che cominciano adcercando di instaurare negli altri una coscienza critica. Con esiti alternanti. Anche a assumere una coscienza critica, cominciano a lamentarsi, a non accettare più questoMartano. Ma a volte risultati sono stati ottenuti: rimane alla storia la lunga protesta sistema. Personalmente non mi è costato poco, ve l’assicuro. Ma qualcuno doveva purdel 1994 per l’apertura del nuovo ITC, o le manifestazioni del 1995 per la presidenza farlo, e la responsabilità della pietra nello stagno me la sono assunta io, perché credounica. Tutto ciò ha aperto la strada all’attuale situazione delle scuole superiori di che sia giusto così. Sono pronto a smentire la mia opinione poco simpatica del Direttore,Martano, che godono di un unico ufficio di presidenza e un unico preside, di un vero in caso di dimostrazione del contrario. La scuola mi aveva promesso un resoconto dele proprio polo scolastico in continua crescita, per il quale ancora si dovrà intervenire bilancio dal quale si evincesse come non siano mai stati chiesti denari a nessuno. Sareiper accelerare la costruzione dell’edificio adiacente la sede attuale (già approvato da stato pronto a pubblicarlo su questo periodico. Ma, ad oggi, non mi è giunto nulla.Comune e Provincia), per migliorare la condizione degli studenti costretti ad essere Rimango in attesa, pronto al commento favorevole. Ma intanto, il polverone sollevatoospitati in aule improvvisate, appena decantierizzate o in delle case…il nostro giornale dalla mia dichiarazione, è stata unoccasione nuova per numerosi genitori e rappresentanticontribuirà, costantemente, a porre l’attenzione su queste vicende, decisive e di classe, che hanno alimentato la polemica. Risultati? Sembra di sì. Il Direttore,fondamentali. Meno combattivi, probabilmente perché troppo timorosi del futuro dei ribaltando il mio giudizio negativo, "ha assunto in pieno limpegno di provvedere, conloro piccoli gioielli, sono i genitori delle scuole elementari e materne, tra cui chi firma i fondi della scuola, alla fornitura di tutto il materiale di facile consumo" (testuale daquest’articolo. Meno combattivi perché probabilmente non si è acquisita una coscienza, nota del Presidente del Comitato dei Genitori del 27/10/2005). Per quest’anno i genitoriperché non sappiamo cosa competa alla scuola e cosa alle famiglie, perché se ci non dovranno sostituirsi a nessuno. Il bilancio scolastico sosterrà i costi del materialechiedono di comprare qualcosa non ci poniamo nessun problema, perché cosa vuoi per lo svolgimento del lavoro didattico. Ma il risultato davvero più grande è stata lache siano due euro, perché se serve serve, perché, perché, perché, sono tantissimi i risposta dei genitori, sdegnata, ma decisa.. La risposta di chi ha finalmente capito qualimotivi per cui, per due anni, solo poche voci isolate hanno contrastato il pessimo sono i propri doveri e quali i propri diritti, per sé e per i propri figli.sistema, che si è venuto a creare, di surrogare ai compiti della scuola attraverso la Un grosso passo avanti, nato da una polemica per una volta costruttiva, che sono fierocontribuzione economica delle famiglie. Se mancano i gessetti per la lavagna, se di aver cagionato. Quando è necessario, non ci si può nascondere dietro un dito. Medio.mancano gli scottex, li possono comprare i genitori. Se la classe vuole imbiancata, Salvatore Caracutala possono tingere i genitori. Se bisogna fare le fotocopie del materiale didattico, chele paghino i genitori. Questa mentalità, venuta fuori in particolare dal 2003, ossia da itoriquando il Comune ha deciso di non comprare più il materiale igienico per i bambini, i genperché non lo riteneva di propria competenza. E a questa mentalità ci si è assuefatti.Alcuni rappresentanti di classe hanno iniziato a raccogliere contributi economici dai te dagenitori per sopravvenire a queste lacune. Qui in basso vi riportiamo due di queste icevu ste r ichie elle r ne d Alcu 7
  8. 8. PAG. 8 Ci scusiamo per il ritardo con il quale stiamo pubblicando la risposta al questionario proposto nel nostro primo numero. E stato solo un problema di spazio.- COME CONSIDERI IL LIVELLO DELLA QUALITA’ DELLA il motore di questo comprensorio. Infine l’agricoltura, che malgrado ilVITA DI MARTANO? termine indecoroso, è “alla frutta”.Per poter dare un giusto livello al quesito posto, devo sforzarmi di rimanere Il livello di disoccupazione è alto (ancora forte risulta l’emigrazione dei“in tema”. Perché parlare di QUALITA’, è sproporzionato e/o inadeguato giovani), inoltre questo livello non è definibile, in quanto il precariatoper tanti motivi. Ve ne cito solo alcuni: (inteso come lavoro nero, lavoro a tempo troppo determinato, lavoroDal punto di vista strutturale, Martano è uno dei pochissimi comuni sottopagato, e lavoro non pagato affatto), è notevole.leccesi, a non avere ancora una rete di fognatura, che comporta non molti Malgrado il cresciuto tasso di scolarizazzione, ancora irrilevante se nonproblemi, sia di natura ambientale (immissione in falda di scarichi urbani inesistente risulta l’azione di formazione, che enti e aziende esercitanoe produttivi), sia dal punto di vista salutare per i risvolti che esso può in favore delle risorse umane.avere, ma anche di impatto economico (oneri di smaltimento, ma anche Come si può pensare alla sola Martano o meglio, pensare che nei paesinuovi oneri, derivanti da adeguamenti degli allacci domestici alla nuova vicini questo possa essere argomento di discussione, se l’interorete). comprensorio è spento e disagiato.Sul piano politico-amministrativo, strumenti urbanistici importanti come La visibilità mediatica esercitata negli anni scorsi, non può essere sufficiente,PRG, PP e PIP, sono, i primi due fermi in Regione per pareri (oramai da né tantomeno pùo risultare efficace senza progettualità e politiche comuni.troppo tempo) e il secondo che stenta a partire per lentezze burocratiche,da aggiungere che il costo al mq delle aree per gli insediamenti produttivi, - COSA PENSI DELL’UNIONE DEI COMUNI DELLA GRECIAè alto, e questo risulta un freno allo sviluppo economico locale e rende SALENTINA?le stesse aree poco appetibili. Se poi guardiamo all’amministrazione vera L’Unione dei Comuni della Grecìa Salentina è uno “status” importante.e propria, da tanti anni a questa parte, sono mancate lungimiranza, Il decreto legislativo relativo alle unioni di comuni, sicuramente non riesceprogrammazione e progettualità politica, ma soprattutto è mancato a trasmettere un’azione egualmente efficace su tutte le unioni, sulle piùquell’ambizioso sogno di costruire qualcosa di unitario nel corso del piccole ne eserciata maggiori; ma è un passo importante per l’attuazionetempo. di politiche unitarie e rappresenta senz’altro il mezzo per l’attuazione diPer quanto riguarda l’economia in generale, vedo nero, e non solo azioni coordinate.nell’aspetto cromatico della parola; escluse poche realtà, la rete d’imprese Attraverso il Consorzio della Grecìa, nel passato recente, si è potutolocali è manifestatamente retrograta, poco propensa al progresso vero, rendere visibile l’intera area con un’azione particolarmente forte, siainteso come slancio delle risorse verso una crescita economica ed umana mediatica che fisica, per mezzo di varie iniziative (recupero del patrimonioallo stesso tempo. Il livello di benessere non è reale, come si manifesta, artistico e culturale, centri d’informazione, corsi di formazione, ecc. .e non può rendere ognuno di noi cieco e sordo. Questo però non è sufficiente, il territorio ha bisogno di essere tutelatoLa mancanza di partecipazione alla vita politica e amministrativa di molti e al tempo stesso sviluppato.di noi, come semplici cittadini, resta un male antico e forse nazionale; L’adozione di PRGI (Piani intercomunali), potrebbe essere una possibilità;restare chiusi e pensare solo al proprio orticello ci impedisce di comunicare gli stessi piani, recependo i PRG vigenti dei comuni dell’unione, sarebberoed interagire insieme e allo stesso tempo di relazionarci con il mondo un mezzo di pianificazione delle zone di sviluppo industriale e delle zonemoderno. rurali a livello comprensoriale. Questo potrebbe rivelarsi uno strumentoE’ auspicabile un rinascita spirituale, tale da svegliarci da questo torpore capace di elaborare progetti comuni e far convergere nuove risorseche ogni giorno ci debilita sempre di più. finanziarie sull’intero comprensorio.In merito al territorio, c’è poco da dire, non la Martano, ma tutto il Salentoè uno splendore; la mancanza di insediamenti industriali rende questa - CITA QUALCOSA CHE TU CREDI MANCHI A MARTANO.terra unica. Ma questo splendido fiore, ha bisogno di essere curato da A Martano manca una struttura polifunzionale. Una struttura dimensionatamani abili ed esperte, menti lucide ed aperte, uomini e donne generosi di per grandi eventi, capace di accogliere manifestazioni sportive, musicalipassione e di tempo, capaci di preservarlo e farlo rifiorire ogni anno. e fieristiche; un potenziale strumento di sviluppo per le aziende delAltrimenti, resterà un fiore selvaggio, raro e nascosto che pochissimi comprensorio e per la creazione di nuovi posti di lavoro.potranno ammirare.A mio avviso, qundi, il livello della vita, nel vero senso che essa può - CITA UN COMUNE SALENTINO CHE APPREZZI E UNessere, è particolarmente “basso”. MOTIVO PER CUI INVIDIARLO. Un modello importante è Lecce. E’ fuori discussione l’improbabile- COME RITIENI SIA CONSIDERATO MARTANO NELL’AMBITO confronto, ma lo sviluppo totale del nostro capoluogo, rappresenta unDEL SUO COMPRENSORIO? modello unico in provincia. Sviluppo urbanistico, strutturale, recuperoLa centralità di Martano non è in discussione, sono diversi gli aspetti che urbano e artistico, politiche commerciali aperte. Certamente nessunacollocano il paese al centro di questo comprensorio, che poi si identifica azione amministrativa è perfetta e può accontentare tutti, ma a Lecce ènella Grecìa Salentina. La collocazione geografica rispetto agli altri paesi, stato fatto un bel lavoro.il patrimonio storico-urbanistico, la concentrazione di servizi ambulatoriali Allo stesso tempo non possiamo aspettarci che un paese come Martanoimportanti, la presenza di scuole medie superiori, danno un idea possa gestire risorse finanziarie pari a quelle affidate ad un capoluogo.dell’importanza. Ma questo basterà mai a colmare il divario che lo stesso E’ possibile pensare, però, all’unione dei comuni, che per grandezzacomprensorio ha, in confronto ad altri del Salento? No. Il sistema produttivo geografica e densità della popolazione è comparabile a Lecce, come unomostra dei risultati in qualche importante media impresa industriale; la strumento per poter usufruire di risorse importanti per lo sviluppo dell’interopiccola impresa si muove sul mercato in maniera solitaria, senza sinergie comprensorio.comuni con altre imprese. Il terziario è inesistente, e dovrebbe rappresentare Antonio Saracino V I D E O T E C A 2 4 h Studio di Fisiokinesiterapia di Giannoccolo Mauro A. & C. Via Mazzini, 81 73025 MARTANO (Le) Tel. 0836 575410 Via Marconi, 59 - MARTANO (LE) - TEL. 0836/575668 E-MAIL: babele.point@libero.it 8

×