Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Corte Grande N° 13 - Luglio 2006

617 views

Published on

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Corte Grande N° 13 - Luglio 2006

  1. 1. La redazione in festa per il 1° anno del giornale Progetto grafico di Stefania Costantini PERIODICO DI INFORMAZIONE MARTANESE ANNO I° - N. 13 – DISTRIBUZIONE GRATUITA Iscritto al Registro della Stampa presso il Tribunale di Lecce Direttore Responsabile Fernando DuranteC’è una famiglia disagiata che chiede aiuto. In essa un ragazzo autistico ha bisogno di cure specialistiche presso centri specializzati. In particolare, sitratterebbe, fra l’altro, di accompagnare il ragazzo a Lecce, due tre volte al giorno, per le indispensabili cure. La segnalazione a “ Corte Grande” è stataavanzata dl presidente delle “ Misericordie” di Martano Giovanni Caracuta. Allo scopo di rispettare la privacy della famiglia l’Istituzione di volontariatoha acceso un conto corrente, presso la Banca Popolare Pugliese. Chiunque volesse dare il proprio contributo, è pregato di fare un versamento sul Contocorrente che risponde al numero: 7777777 Se i cittadini collaborassero LAVORO NERO tutto sarebbe più facile La Libertà LAVORO VERO Il Sindaco: siamo sulla strada giusta non è una parola L’imbonitore calcistico ha sedato le menti, nessuno si è astenuto dalla falsità del gioco calcistico a seguito Se non si dichiara soddisfatto al cento per cento, lo è- almeno- priva di contenuti dello scandalo di calciopoli, tutti in piazza a festeggiare come polli impazziti pronti allo spiedo! Le piazze per il 75%. Parliamo della valutazione del sindaco Pasquale Il diritto di parola italiane erano fiumi in piena, nessuno in piazza il 7 Conte sulla “raccolta è dovuto a tutti. luglio 2006 a denunciare la morte dell’operaio rumeno differenziata spinta” a circa un risucchiato da un tombino, mentre lavorava in nero anno dall’avvio. In questo modo Francois Marie Arouet, detto Voltaire, per conto della ditta Smat. L’operaio lavorava in un risponde anche ai rilievi che avanza- in altra filosofo francese del XVII sec, dichiarava tombino mentre nella città di Torino imperversava un parte del giornale - il capo dell’opposizione di temporale. Secondo le norme sindacali, l’operaio non centrosinistra, “ Uniti per l’Ulivo”, Donato che, pur non condividendo le ragioni avrebbe dovuto svolgere il proprio servizio, viste le Saracino. Il primo cittadino esordisce dell’amico al quale si rivolgeva, era pronto ringraziando tutti coloro che si interessano al condizioni climatiche sfavorevoli. Eppure lavorava, a morire pur di dargli il diritto di esprimere problema. Evidenziando le disfunzioni ancora pioggia a parte, aveva 24 anni, era stato assunto da le proprie opinioni. Scusate il dotto due giorni, lavorava al fianco di due colleghi marocchini persistenti del servizio. “ Quanti più cittadini riferimento, sapete che evito- per quanto anch’essi lavoratori in nero. sollevano critiche, tanti più, vuol dire, sono possibile- citazioni del genere, ma non Segue a pagina 8 interessati al problema”. Poi, mutuando una volevo accreditarmi una considerazione di frase del promotore dei boy- scouts, Baden ben altre menti. Dunque: la libertà di dire IO DISSENTO Powel: “ il mondo è pulito. Sono gli uomini le proprie opinioni. Per quanto, almeno a Carpe diem. Poi...il direttore ribatte che lo sporcano”, continua,:“ noi dobbiamo parole, sembra un principio acquisito, di ad Anna Tamborrino sforzarci per lasciarlo più pulito di come lo fatto risulta molto difficile. Nel mio caso, abbiamo trovato. Ne va del domani dei nostri Io dissento dalla tua analisi, cara Anna. Almeno in figli”. Ma, nonostante la soddisfazione, i in particolare, non sono mai entrato nel parte. Mi sembra parziale e non tiene in considerazione merito di opinioni scritte dagli altri problemi non si possono nascondere. Il servizio supposti, per me evidenti, risvolti sociali di una vittoria fotografico al quale abbiamo dedicato parte collaboratori del giornale. Ho sempre del campionato del mondo di calcio. Segue a pagina 8 dei nostri ultimi due numeri è la rispettato le idee di tutti. Ed a tutti, proprio documentazione che qualcosa non va. “ Se i a tutti, è stato rivolto l’invito di esprimerle. Raccolta differenziata cittadini fossero più sensibili al problema”, Se non lo hanno fatto, è stato per una loro i disservizi li paghino i responsabili commenta,” riceveremmo una sostanziosa libera scelta. Che rispetto. Ma non posso Donato Saracino prende posizione mano allo scopo di raggiungere obiettivi sopportare che mi si aggredisca, seppure importanti e risolvere tanti piccoli problemi. Donato Saracino Martano, 06/07/06 verbalmente, per esprimere il dissenso su Protocollato il 07/07/2006 Segnalare eventuali inquinatori, potrebbe quanto scritto. Si può replicare, e questo Egr. Sign.Sindaco del comune di Martano Egr. Sig. Dott. Tondo contribuire allo scopo”. In effetti le stradine di diritto è garantito, fino a quando sarà il Segretario Comunale campagna proliferano di elettrodomestici fuori Direttore Generale del comune di Martano uso, rifiuti di tutti i tipi e gusti: “di tutto di sottoscritto il direttore responsabile. Detto E g r. S i g . I n g . R a f f a e l e M i t t a r i d o n n a più”, come recita lo slogan. Senza contare la Responsabile Settore Tecnico del comune di questo, debbo pur dire, che- a Martano- Martano Segue a pagina 2 Egr. Sig. Dott. Salvatore Scrascia non è facile essere una mente libera. Il paese Responsabile Settore Economico del comune di non è abituato a mettersi in discussione. Martano SOMMARIO La libertà non è una parola priva di contenuti pag. 1 Tutto quel che arriva da una parte politica, Nel n. 12 del periodico di informazione martanese di Fernando Durante pag. 1-8 Lavoro nero lavoro vero se è propria, è giusto, sbagliato se giunge "Corte Grande"- Direttore Resp. Fernando Durante-, di Anna Tamborrino Io dissento... pag. 1-8 dall’altra. E non si da la possibilità di replica. distribuito gratuitamente nella nostra città, è stato di Fernando Durante Raccolta differenziata pag. 1-2 Questa, naturalmente, è la mia personale pubblicato, a pag. 5, larticolo avente ad oggetto le di Donato Saracino Se i cittadini collaborassero... pag. 1-2 opinione. Ovvero: soggetta a critica. Ma discariche abusive nel territorio di Martano. di Fernando Durante Bollenti spiriti pag. 2 nessuno mi può vietare di dirla. Invito tutti Ho appurato personalmente che oltre alla discarica di Maristella Chiriatti Amare considerazioni sul sistema scolastico italiano pag. 2 ad una riflessione in merito. Peraltro devo abusiva cui fa riferimanto la nota giornalistica, sempre Alunna 5B tecnico commerciale P.R.G. problemi comparti pag. 2 dichiarare che non tutte le persone sono sulla strada comunale vecchia di Lecce, negli slarghi di Fernando Durante La FDB emigra... pag. 3 in prossimità del fondo" Personè", esistono altre di Maristella Chiriatti uguali. Seppur non sempre trattati in punta Pennelli e scalpelli pag. 4 discariche che deturpano violentemente il territorio. di Fernando Durante di fioretto, cè gente che non protesta mai. Vi è da precisare, altresì, che quasi tutte le vie vicinali Riflessioni di un volontario ENPA pag. 4 di Andrea Coluccia Sarebbe opportuno, una volta tanto, del comune di Martano, a spregio della vocazione Successo della scuola primaria di Martano... di Salvatore Caracuta pag. 5 emularli. turistica del nostro paesaggio ruale, sono, a tratti, Un gesto "equo e solidale"? salviamo Ramona! pag. 5 di Maristella Chiriatti A tutti, comunque, è concesso il diritto di interesate da sversamenti di materiale di risulta, con Iena Ridens pag. 6 replica. la presenza, ormai storica, di residui di elettrodomestici. Speciale Sport pag. 7 Nellespressa qualità di consigliere comunale-capo Arte e cultura: meglio sopprimerle? di Letizia Gaetani pag. 7 Fe. Du. Gruppo della Minoranza Consigliare"Centro- Sinistra Un invito alla prudenza per tutelare il ricordo di Martina Stomeo pag. 8 Segue a pagina 2
  2. 2. PAG. 2segue dalla prima pagina BOLLENTI SPIRITIUnito per Martano"- con la presente evidenzio Cè qualcosa di nuovoagli Organi di cui sopra che negli indirizzi Il progetto è già giunto sui tavoli dell’amministrazione regionale. L’ennesimo partito dalla provincia di Lecce,Generali di Governo discussi ed approvati dal che nell’ultimo anno ha vantato il maggior numero di progetti presentati alla regione, evidenziando il fervoreConsiglio Comunale con la deliberazione n. giovanile di questa terra. È il proprio il caso di dire che siamo in presenza di “Bollenti Spiriti”. È proprio25 del 15/06/2002, ai sensi dellart. del Testo questo, infatti, il nome del progetto, sostenuto da fondi europei che la Regione Puglia ha indirizzato alleUnico degli Enti Locali, è inserito, per farne politiche giovanili, grazie all’intervento del Presidente della Regione, Nichi Vendola, e dell’Assessore allaparte integrante, (all.to A) il programma cittadinanza attiva Minervini. Tali fondi, sotto la vecchia amministrazione di centro- destra, erano statiamministrativo di maggioranza. Nello stesso destinati alla riqualificazione urbana. Fondi però mai utilizzati e che, diversamente, sarebbero andati perduti. Questo progetto, che per legge doveva essere presentato da una città di almeno 30.000 abitanti, è statovi è uno specifico capitolo alla tutela sostenuto dall’intera Grecìa Salentina, che nel complesso raggiunge la quota prevista. Un progetto che unisceambientale. In particolare, a pag. 7, fra le e permette di superare le differenze. I giovani della Grecìa si sono incontrati e hanno stabilito, insieme, iazioni di Governo dellattuale Maggioranza è laboratori da promuovere e sostenere. Hanno superato le distanze e le divergenze e si sono impegnati perprevista la verifica dellesistenza di discariche la promozione e la creazione di alcuni laboratori formativi, che vanno dall’artigianato, alla musica, al teatro,abusive e di altri siti che determinano all’editoria e al giornalismo. Nello specifico sono proprio i giovani di Martano ad essersi proposti per ladeturpamento del territorio. Lo stesso creazione di un giornale e di una casa editrice/tipografica interna all’iniziativa. Ma il progetto “Bollentiprogramma prevede specifici interventi con Spiriti” va oltre. Non si tratta soltanto di organizzare alcuni laboratori formativi ma anche, e soprattutto, di"opere di bonifica raccordate e funzionale". riutilizzare alcuni luoghi fisici preesistenti, da tempo inutilizzati, come sedi per i vari progetti. La presidenza della Grecìa Salentina, in base a tela principio, ha proposto di utilizzare le “stanze della memoria”, presentiAttesa la particolare attribuzione ai nei dieci paesi dell’unione. Tuttavia le proposte sono varie. Per Martano, per esempio, si sta prendendo inResponsabili di Settore e al Direttore Generale considerazione la possibilità di utilizzare il palazzo ducale. Tale scelta comporterebbe anche una serie didi compiti diretti alla piena attuazione degli interventi di recupero, destinati a garantirne l’utilizzazione. Tutto, però, è ancora a livello progettuale.obiettivi e dei programmi definiti con gli atti Attendiamo, con interesse, sviluppi che speriamo imminenti. di Maristella Chiriattidi indirizzo adottati dall Organo politico, ancheai fini della conseguente attribuzione e del Rubrica: lettera al Direttorericonoscimento, agli Organi Dirigenziali, delle AMARE CONSIDERAZIONI SUL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO.indennità di risultato e della retribuzione diposizione, la presente per sollecitare ogni atto Che quest’anno la vita scolastica si sia attenuta alle questa propone. Proprio questo è successo quest’anno,amministrativo finalizzato allattuazione del solite, invisibili regole del costume provinciale e come in chissà quanti altri anni, qui a Martano, comepogramma di Governo nello specifico settore gerarchico comune, per cui chi ha la fortuna (se di in chissà quante altre scuole d’Italia, o dell’Europa,di cui alloggetto, anche al fine di evitare grandi fortuna si possa parlare) di avere spiccate conoscenze, essendo il problema di dubbia e improbabiledanni erariali per lEnte locale. Confidando non linguistiche o fisico- matematiche, ma appartenenti nazionalità. Convinta che le denunce, soprattutto se agli alti ranghi dell’ambiente scolastico o politico o così generali e poco supportate, valgano poco e nulla,in un sollecito intervento, porgo distinti saluti. ecclesiastico, che dir si voglia, non è certo una novità. mi limito ad utilizzare questo mezzo di informazione Avv. Donato Saracino Che nella vita, scolastica o esistenziale in senso stretto, per dare libero e innocuo sfogo a una sete di giustizia non sia il più competente ad essere ricompensato ma che da qualche anno sento forte. Convinta, oltretutto, Capogruppo Consiliare del gruppo dopposizione" che tali”mezzucci”, di antico e radicato costume, il più “alto locato”, cioè locato(posizionato) in alto, Centro- Sinistra unito per Martano" a godere dei più alti privilegi che una vita luculliana valgano poco domani, quando nessuno,in giacca e e troppo semplice da vivere comportano, non fa certo cravatta,sarà pronto, sempre e comunque, a garantiresegue dalla prima pagina scalpore. Non per l’opinione pubblica, che il sistema per il futuro altrui, mi consolo pensando che, in qualchefatica richiesta per portare l’elettrodomestico scolastico ha conosciuto e conosce. Forse più per chi modo, un giorno, chi avrà lavorato e sudato sarà piùfuori uso nella stradina di campagna. Caricarlo ha da poco subito lo scacco, ancora fresco alla vita e soddisfatto della sua vita, mentre chi avrà solo ricevutosull’Ape, trasportarlo, scaricarlo…Quando- ai dolori che questa arreca, troppo poco abituato (forse doni, continuerà a vivere aspettando invano.poi- si potrebbe evitare il tutto chiamando gli mai abituato) alle ingiuste sfide senza alternativa che Una alunna della 5B Tecnico Commercialeaddetti che verrebbero a casa a prelevarlo chelo depositerebbero nel luogo di stoccaggio. Ma P.R.G. problema compartiè facile. Capisco. Ciò detto, bisogna osservareche, o il servizio espletato non comprende la La speranza nel P.U.G.raccolta nelle strade vicinali o è carente. Se si Si chiamano comparti. Ma altro non sono che grandi pezzi di terreno destinati a costruzioni edilizie che sonotratta del primo appunto, bisognerebbe correre stati disegnati per ampliare il paese ed abbassare i costi dei terreni. Detto così, potrebbe dare la sensazioneai ripari. Se, invece, cadesse nel secondo, allora di costituire un problema di poca entità, di interessi particolari, destinato a gente che ha importanti interessisarebbe necessario richiamare la ditta nella materia. In parte è anche vero. In altra, però, tocca gli interessi di tutta la collettività. Se, infatti, in unappaltatrice al rispetto del capitolato d’appalto. comparto ricadono numerose proprietà diviene più difficile lottizzare. Possono coincidere interessi contrastanti.Non si può, ma è una osservazione da uomo Ci potrebbero essere proprietari intenzionati a costruire ed altri a cui non interessa affatto. Chi fosse intenzionatocomune, osservare il grado di inquinamento a farlo dovrebbe, innanzitutto, lottizzare, pagando gli oneri, e sono pesanti, per quelli non interessati.che assedia- letteralmente- i suoi intorno alla Naturalmente, quanti più sono i proprietari, tanto maggiore sarà l’onere all’atto del ritiro della licenza edilizia.discarica, sulla via vecchia per Lecce, e non Rientrerà dalla spesa quando altri che hanno suolo in quel comparto vorrà costruire. Comunque, da questopreoccuparsi della vista degli operatori ecologici momento, ogni titolare di immobile dovrà pagare l’Ici. Fino a quando? E qui cominciano le dolenti note.dell’impresa appaltatrice. Come si fa, infatti, Sempre, in quanto titolare di proprietà immobiliare. Una imposta che lo stesso sindaco, Pasquale Conte,a non notare l’assedio ad un metro dai propri definisce “ odiosa”. Che, comunque, va pagata, aggiungiamo noi. Che, comunque, costituisce l’unico polmoneocchi? Ma il bicchiere mezzo pieno del sindaco di sostentamento per i “ poveri” comuni destinati alla bancarotta, se va avanti così. Che, comunque, e quievidenzia che “ siamo passati dal bidone al finisco, sarà una tassa permanente. Come se ne esce? Chiediamo al primo cittadino. “Penso che il Pug cibidoncino, la pulizia delle strade è, certamente possa dare una mano”, sostiene Conte. Cos’è quest’altra sigla? E’ uno strumento urbanistico molto più agilemigliorata. Abbiamo raggiunto uno standard del Prg ( Piano regolatore generale di sviluppo del territorio, appena approvato), in quanto può entrare nelche molti paesi ci invidiano. Anche Lecce, ci merito di questioni singole e modificarle, senza- perciò- tornare all’uffico regionale di competenza. Comunqueha presi a confronto per alcuni esperimenti nei l’onere resta a carico dei cittadini. “ Ma se vogliamo la città bella che abbiamo sognato di realizzare con ilrioni come Santa Rosa, Casarano. Si, perché, Prg dobbiamo sopportare gli oneri. Se vogliamo il verde, le piste ciclabili, li dobbiamo mantenere”, sostieneMelpignano( primo paese ad aver avviato il Conte. Ma il “ limite” di questo Prg, secondo il sindaco, sarebbe costituito dal basso indice di coperturatipo di raccolta ndr) “è troppo piccolo per fare previsto. “ Certamente sarà una bella città negli anni a venire. Ma i costi schizzeranno alle stelle”, analizzastoria”. Sarà, osserviamo noi, ma se l’esempio il primo cittadino. Secondo cui, anche sulle residenze agricole, bisognerebbe ritornare per scrivere nuoveserve per migliorare il servizio, piccolo o grande regole e nuovi indici di fabbricabilità, “ se non vogliamo che siano destinate all’abbandono”. Permane, inche sia, è benvenuto. quest’ultimo caso, il serio rischio di speculazione ma, “ bisogna fare attenzione. Vigilare”, osserva e conclude Fe.Du. il sindaco. Fe.Du. Natura pes e Pia din Benessere re da Cesare e C Natural Essences & Cosmetics Via Cile TORRE DELLORSO www.benesserenatura.com Anna Tamborrino 2
  3. 3. Eventi estivi PAG. 3 Festa (Frisella di Orzo) Largo 14-15-16 Luglio 06 1° MaggioM A R T A N O incontro dei sapori, tradizioni e cultura della Grecìa Salentina VEN Aironi Neri (tributo ai Nomadi) SAB Luigi Derrico 14 Kiss and the Gang 15 ManekaCOMUNE di MARTANO DOM Alta Tensione Sandro Pellè MOTOINCONTRO della Grecìa Salentina 16 A. e G. Patera "Giovanni Sansonetti" Ore 10.00 Raduno in Piazza 1° Maggio. Ore 11.00 Partenza per il giro della Grecìa.PROVINCIA di LECCE Ore 12.00 Rientro in Piazza 1° Maggio. IL GIRO PARTIRÀ DA MARTANO e toccherà tutti i paesi che compongono larea della "Grecìa Salentina" con il seguente percorso: Martano - Carpignano Sal.no - Melpignano - Castrignano dei Greci - Corigliano DOtranto - Cutrofiano - Soleto - S A L E N T I N A Sternatia - Zollino - Martignano - Calimera - Martano. Associazione Culturale "Cosimo MOSCHETTINI" LA FDB EMIGRA. SARA’ MARTIGNANO LA SUA NUOVA CASA. L’amarezza di non trovare una soluzione.Otto anni di fdb, 6 giorni di manifestazione, con al riguardo sono stati distribuiti già qualche mese considerazione, invece, che, indipendentementecirca 50 concerti e 400 artisti. 30.000 mq a fa, nel tentativo, sembra, di fornire alcune dalle questioni specifiche, uno degli eventi piùdisposizione, su cui sono distribuite 20 zone ristoro spiegazioni relativamente ai cambiamenti di giovanili del Salento e, sicuramente, l’unico chee un’aula convegni. Si prospettano 200.000 quest’anno. Su quei volantini le maggiori Martano potesse vantare, da quest’anno si svolgeràpresenze. La fdb, fiera/festa che si svolge nel cuore responsabilità per il trasferimento dell’evento a a Martignano, è necessario? Non possono, infatti,del Salento e dell’estate salentina, mira a diventare Martignano sono state imputate al sindaco, Pasquale non sorgere spontanee notevoli perplessità.l’evento cool del sud-Italia, nel suo genere. Circa Conte, che sembra essersi del tutto disinteressato Considerando la portata dell’evento e3.300 persone coinvolte tra fornitori, tipografie, alla manifestazione. Oltretutto, si fa presente come riconoscendolo, oltre che interessante e attraentesponsor, albergatori, B&B, agenzie di vario di tipo, un evento come la fdb, che ha garantito la presenza, sotto il profilo giovanile, efficace mezzo dipersonale, etc. si costruirà un vero e proprio in quattro giorni, di circa cinquantamila persone, promozione territoriale. Non si poteva tentare,villaggio, con zone riservate a caravan e con non abbia gravato minimamente sulle casse almeno tentare, di tenerlo in paese, tenendol’organizzazione di linee bus da tutte le parti d’Italia comunali, ma, anzi, abbia contribuito notevolmente presente- fra l’altro- l’arida scarsità di eventie dalle vicine stazioni ferroviarie, riportando alla alla promozione del territorio. E’ anche noto che cittadini? O Martano pensava tranquillamente dimente, un po’, i grandi concerti-raduni del periodo il sindaco si sia trovato a dover far fronte alle poter fare a meno di tale iniziativa convinto chea cavallo tra anni ‘60 e ‘70. Il tutto nel paese di lamentele che i cittadini residenti nella zona una tranquilla moderazione sia sempre l’alternativaMartignano. E’, infatti, conoscenza comune che Pozzelle hanno fatto pervenire al comune, esasperati a tutto? Ma, abbandonata ogni domanda, alletale manifestazione quest’anno non si svolgerà più dalla vita attiva e “mondana” cui erano, perplessità seguono presto amare considerazioni:a Martano ma che è stata trasferita a Martignano. forzatamente, sottoposti nei giorni della quest’estate martanese sarà più spoglia e silenziosaE anche i motivi per i quali ciò è avvenuto manifestazione. Non è mia intenzione schierarmi che mai. Ma-. forse- è proprio questo l’obiettivodovrebbero essere abbastanza noti. Alcuni volantini da una o dall’altra parte. Voglio prendere in che si voleva raggiungere. Maristella Chiriatti C&C INFORMATICA Di Chiriatti Donato Via B. Croce, 30 - 73025 Martano (LE) INFORMATICA Tel./fax 0836 571599 Cell. 3284675229 3
  4. 4. PAG. 4 Pennelli e ScalpelliIl colore nascosto dellanima MARIA ASSUNTA SARACINO Corpi nudi e volti che scrutano al di la dell’apparenza. Sguardi carezzevoli, ma- a volte- inquisitori. Bellissimi nudi femminili in armoniosa attesa di essere scoperti. Colori sempre tenui, ma decisi da colpi di spatola e pennelli. E’ la pittura “di getto” di Maria Assunta Saracino. Ma il suo è un nudo bugiardo. Un nudo che, proprio perché privo di veli, non dovrebbe nascondere segreti, ma che- invece- nasconde un pinocchio che si individua nei suoi dipinti. Proprio quel burattino ha sede nell’animo dell’artista, nella morsa di un carattere appartato e controverso, un “bugiardo” sempre presente. Lo sa la pittrice, lo sanno lesue creature artistiche.“ Non sopporto le cose precise”, dichiara. Perciò le sue creazionisono così diluite nei contorni ed immerse in una atmosfera rarefatta. Volti che scrutanol’anima di chi li guarda contrapposti ed altri docili a farsi scrutare. La tecnica adottata èvaria. La base, per lo più, si compone di polvere di terre ed acrilico. “ Sa”, confida la pittrice,”mio padre era “intonacatore”. Ho ereditato da lui il piacere di lavorare la terra”. Scherzala Saracino, ma- in fondo- nasconde una parte di verità. Forse- un rifugio in ciò che per leirappresenta una forma di sicurezza.” Io vivo gran parte del mio tempo in unmondo che non c’è. In cui tutti si vogliono bene. In cui vorrei fare ma ho paura di mostrarmi”. A 41 anni, la Saracino vive ancora quella fase di travaglio,tipica degli artisti, che sarà- forse- infinita.“ Ci sono giorni in cui mi sento di conquistare il mondo. Mi sveglio con una voglia irresistibile di trasferiresulla tela i sentimenti più profondi senza filtri di preparazione. Sono proprio quelli che mi salvano. In cui posso dipingere in continuazione. In cui laspatola ed il pennello interpretano i miei sentimenti più profondi. Ed allora le idee mi vengono di getto ed i colori impressionano tele su tele”. Ci sonoaltri momenti, invece, in cui all’orizzonte vede tutto nero, “senza idee, né volontà”. In questo frastuono di situazioni “ho bisogno di avere un punto diriferimento”, che individua nel marito. “ E’ lui che mi spinge a fare.E lui che mi sostiene e crede in me. E’ importante. E’ il mio migliore amico”. Oggi la pittrice si prepara ad affrontare un nuovo giudizio di pubblicocon la prossima mostra che si inaugura il 22 di luglio e, proseguirà, fino al 5 di agosto, presso “Villa Raffaella”, a Santa Cesarea Terme. La sua carrieraregistra il primo passo nel 1998, con la mostra grafica, “ Segnalibro”, organizzata dall’Università di Lecce. Poco prima di diplomarsi presso l’Accademiadi Belle Arti con il punteggio di 110/110. A seguito del diploma conseguito presso l’Istituto d’Arte, del capoluogo. Poi, è stata una escalation di mostre,incontri, partecipazioni. Fra le più importanti segnaliamo: la “IV estemporanea di pittura”, a Monteroni( 98); la “Prima estemporanea”, Porto Cesareo,nel 98; il “VII Concorso nazionale di calcografia” nel comune di Gorlago( Bg), nel 99; nello stesso anno partecipa al “Premio internazionale” diMonsummano Terme( Pt). Gode di una “permanente” presso lo “ Show room” a Martano, in via Largo Pozzelle. E’ anche una esperta nel restauro dimobili antichi, che effettua nel proprio laboratorio. Nell’anno scolastico 2005/2006 ha collaborato, nel ruolo di esperta, al progetto “ Heliantus II”, dellarete scolastica di Galatina, con gli alunni del liceo Classico Magistrale, di Castrano, dal titolo “ Salviamo l’arte per salvare l’uomo”. “Una esperienzairripetibile che arricchisce l’anima, a contatto con l’entusiasmo dei giovani”. di Fe.Du. RIFLESSIONI DI UN VOLONTARIO ENPALo scopo dell’articolo è informare, esclusivamente dal mio punto di vista, economiche non perché fossero obbligati a farlo, ma semplicemente perchéla cittadinanza martanese degli importanti passi che l’ENPA (Ente Nazionale erano spinti dalla loro volontà e dal loro senso morale di responsabilitàProtezione Animali) di Martano ha compiuto in questi ultimi anni fra mille verso esseri viventi meno fortunati. Importante è stata la sterilizzazionedifficoltà. Spesso durante i miei piccoli interventi, da semplice volontario, delle cagne che circolavano sul territorio martanese. Infatti, i frutti di questoho subito molte critiche ingiuste da voi cittadini. Le critiche dovrebbero intervento, sempre a spese dell’associazione, si colgono a vista.essere costruttive e non, come dire, distruttive; esse dovrebbero portare ad Mi preme ricordare che da circa due anni non si vedono piùun miglioramento della situazione e non essere branchi di cani che inseguono qualche poverafini a se stesse. Vorrei ricordare che è la volontà Ho attivato lallarme, chiuso il gas, abbandonato il cane...è tutto a posto. cagna la cui unica colpa è quella di ‘essere ine la voglia di fare qualcosa che spinge il volontario calore’. Eppure neanche questo è un obbligo pere non l’obbligo; fare qualcosa di buono, cioè il nostro volontario visto che la legge del 1991,aiutare esseri viventi in difficoltà, basandosi sulla citata precedentemente, indica le istituzionipropria volontà e sulla propria voglia, non significa competenti per questo servizio. Infatti la primané essere obbligati ad intervenire ogni qualvolta parte dell’articolo 2 di questa legge afferma: ilc’è un problema inerente gli animali, né essere controllo della popolazione dei cani e dei gattiresponsabili degli animali stessi. mediante la limitazione della nascite vieneDopo questa mia interpretazione del volontario effettuato, tenuto conto del progresso scientifico,ENPA, vorrei passare ai risultati che la sezione presso i servizi veterinari delle unita sanitariemartanese dell’associazione ha raggiunto in questi locali. Tirate un po’ voi le somme. Altro aspettoultimi anni. Importante, a livello istituzionale, è importate di queste leggi è anche la limitazionestata la promozione di una convenzione che il dei volontari a semplici collaboratoriComune di Martano ha stipulato per risolvere il problema del randagismo, delle istituzioni; cioè è il volontario che deve collaborare con le istituzionicome previsto dalla legge nazionale in materia del 1991 e dalla successiva e non viceversa. Ognuno di noi può fare qualcosa, basta semplicemente unlegge regionale del 1995. A livello pratico l’associazione ha curato e affidato po’ di buona volontà. Un’idea potrebbe essere quella di raccogliere qualchemolti animali, soprattutto cani, mediante la realizzazione di banchetti che soldo per lavare e tagliare il pelo a tutti quei cani che stanno a contatto conavevano lo scopo principale di raccogliere fondi per le spese veterinarie, le persone. Per risolvere questi piccoli problemi basta veramente poco.anche se- molto spesso- alcuni volontari hanno attinto dalle proprie risorse Andrea Coluccia AGRICOLA nuova generazione SOC. COOP. Coop ng 73025 Martano (LE) Via Prov. Borgagne Km. 1 Tel. +39.0836.575223 - Fax +39.0836.574614 http://www.nuova-generazione.it e-mail: info@nuova-generazione.it 4
  5. 5. Pag. 5 SUCCESSO DELLA SCUOLA PRIMARIA DI MARTANO NEI GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHILa scuola primaria di Martano ha conseguito brillanti Marianis, Daniele Saracino, Gianluca De Lumè,risultati nella fase provinciale dei Giochi Sportivi Alessandro Pranzo, Pierluigi Scordari, Lorenzo Perrotta,Studenteschi, svolti presso il campo scuola "Santa Simone Antonaci, Stefano Chiriatti, FrancescoRosa" di Lecce e organizzati dal C.S.A. di Lecce e dal De Patuanis, si è classificata al secondo posto fra tutteC.O.N.I. le scuole della Provincia di Lecce, sia nella corsaComplessivamente la squadra femminile, formata da campestre che nella manifestazione di atletica leggera.Sara Spedicato, Martina Petrucelli, Valeria Coricciati, Tra i ragazzi, da segnalare il primo posto nella staffetta,Alessia Griffini, Melania Fuso, Roberta Chiriatti, il secondo posto nel salto in lungo, nei 50m, nelAntonazzo Arianna, Rossella De Pascalis, Valentina mezzofondo e nella campestre.Causio, Valentina Nocco e Barbara Saracino, si è Buoni piazzamenti nel lancio e nel salto in alto.classificata al PRIMO POSTO fra tutte le scuole della La scuola primaria di Martano da molti anni dedicaProvincia di Lecce, sia nella finale di corsa campestre unattenzione particolare alleducazione motoria eche nella manifestazione di atletica leggera. sportiva; questa viene svolta anche in orario aggiuntivoTra le ragazze a livello individuale da segnalare il alla base di un progetto finalizzato pienamente condivisoprimo posto nei 50m e nel salto in lungo, il secondo dagli organi collegiali e dal Dirigente Scolastico eposto nel lancio, il terzo posto nel salto in alto, il primo attuato dagli insegnanti Antonio Caracuta e Paoloposto nella campestre, gli ottimi piazzamenti nella Morello, con la collaborazione dei genitori e dellEntestaffetta e nel mezzofondo. Locale.Complessivamente la squadra maschile, formata daSimone Contino, Tommaso Fariello, Mattia De Salvatore Caracuta UN GESTO “EQUO E SOLIDALE” ? "SALVIAMO RAMONA"!Undici anni fa nasce “Arcimondo”, un’associazione culturale e per la “Salviamo Ramona”. A tutte quelle ragazze come Ramona, e a tutti queisolidarietà internazionale, dapprima con un raggio d’azione limitato alla ragazzi, vittime di violenze e soprusi. A tutti i bambini che vivono nelleprovincia, promovendo una serie di progetti come mostre sul cinema o su fogne aspirando colla, nel tentativo di garantire loro un lavoro meno nero.libri, con l’intervento di diversi autori salentini. Poi, come racconta Pino A Bucarest, italiani o uomini di altra nazionalità, si recano per vivere daCannoletta, uno dei responsabili dell’associazione, ci fu un episodio signori, sfruttando donne e bambini. Proprio qui, dove le fogne sono ilparticolare che diede una nuova impronta all’intera iniziativa. luogo più caldo in quegli inverni che non superano lo 0, sorge profonda laSiamo tra mito e realtà: l’ Eriteno, una nave fantasma con a bordo 200 contraddizione, e si registrano i segni impellenti di una americanizzazionebambini schiavi, arriva nei pressi della Liberia, e lì scompare. Questo e di una globalizzazione, sviluppatesi dalla fame, dalla miseria e dallaepisodio, su cui poco si è saputo, tanto da pensare che l’Eriteno non sia disperazione. Qui catene di Mc Donald’s, superforniti, colorano e sfiguranoaffatto esistita, ha comunque portato all’attenzione un problema fondamentale: l’altra faccia della moneta, contrapponendosi ai bambini, coperti di metastasila schiavitù e lo sfruttamento minorile. L’associazione “Arcimondo” ha, tumorali che chiedono l’elemosina sui marciapiedi. I “nuovi ricchi” vivonocosì, provveduto ad organizzare una mostra fotografica, “Bambini d’Africa” alle spalle dei “sempre poveri”, così come è sempre stato e come è oggi.di Giacomo Pirozzi, nel corso di una campagna di sensibilizzazione. Ma Le ragazze sono vittime della prostituzione o di quel denaro, che le compraquell’evento mitico/reale ha generato altre importanti conseguenze, prima e le vende, come merce. Ma soprattutto sono vittime dell’arroganza efra tutte l’attuazione di un commercio equo e solidale. Questo tipo di dell’ignoranza umana, di quei nuovi ricchi che col denaro, e senza pietà,commercio è alternativo rispetto a quello tradizionale, , nascendo dal comprano ogni cosa. E proprio lì dove la contraddizione è più evidente noitentativo di promuovere una maggiore dignità sociale ed economica. chiudiamo gli occhi, liberando la coscienza da ogni pesante fardello unaGarantendo, intanto, un prezzo equo, capace di salvaguardare i produttori volta ogni tanto, così come si libera un cassetto troppo pieno di ogni sortae le loro famiglie attraverso una vita dignitosa, la mancanza di intermediari di cose. E proprio mentre noi chiudiamo gli occhi un bambino muore,negli scambi, la necessità di stabilire il prezzo della merce prima dello sfruttato, venduto, violentato. Ma noi abbiamo gli occhi chiusi, perché ilscambio e ,soprattutto, garantendo la possibilità di un prefinanziamento, nostro è il “primo mondo” e del terzo ci importa poco.che può arrivare fino al 50 % del pagamento stabilito, per incentivare la Riporto alcuni versi di una poesia anonima, “Minuti di silenzio”,creazione dei prodotti, senza che i produttori finiscano vittime degli usurai. tratta da “Poesie color rosso sangue”, a cura di Pino Cannoletta:Oltretutto, Pino Cannoletta fa presente che il ricavato di questi scambi “ il silenzio continua, i minuti passano…commerciali viene utilizzato per la creazione di opere pubbliche nei diversi quante vittime, quanti morti?paesi interessati, decise dalle stesse popolazioni. Il tutto nel tentativo di un Quanti minuti di silenzio?processo di responsabilizzazione che tuteli, comunque, libertà decisionali Ore, giorni, settimane, anni!e gestionali. I prodotti del commercio equo e solidale vengono oltretutto Se avessimo usato quel tempoinseriti in mercati nazionali. Ma il progetto forse più impegnativo e di più Per eliminare l’ingiustizia…ampia portata è rivolto ai bambini di strada di Bucarest, nell’ambito Ma noi non avevamo tempo…”dell’operazione “Salviamo Ramona”, in collaborazione con l’università delposto. Ramona è una bambina incontrata a Gare de Nord. Era incinta e Ogni commento è superfluo.viveva nelle fogne, come la maggior parte dei bambini, abbandonati al lorodestino da genitori disperati. Non sapeva nemmeno chi fosse il padre del A Martano, in via Mazzini, è presente un piccolo negozio i cui si praticabambino. Ma sapeva che il suo destino era scritto. Sarebbe finito per le il commercio equo e solidale. Oltretutto, l’intera iniziativa può esserestrade ad aspirare Aurolac(colla) o in un istituto, dove i bambini vengono sostenuta con un piccolo contributo sul ccp n. 34863431, intestato adsottoposti a trattamenti di psico-farmaci e da cui, molte volte, spariscono “Arcimondo”, specificando progetto “Liberiamo Ramona”. Non facciamosenza lasciare traccia. Proprio a quei bambini è indirizzato il progetto mancare il nostro appoggio! Maristella Chiriatti F.lli PERROTTA IMPRESA EDILE COSTRUZIONI E RESTAURI Via San Giorgio, 15 - MARTANO (Le) - Tel. 0836 575132 Cell. 333 2233341 - 333 4373861 E-mail: flliperrottasnc@libero.it 5
  6. 6. IENA RIDENS PAG. 6 No Marti no party!!! Meteore Ritorna in tv il famoso programma “Meteore”, condotto da Simona Ventura. I Protagonisti della serata saranno gli assessori della giunta Conte: E’ un segretario festaiolo Bruno Contino: giornalista che negli anni 80 ha condotto il tg su Tele Surano. Dallo stile modaiolo. Ha concluso miseramente la sua carriera con il licenziamento. Oggi si avvia alla stessa conclusione Da sempre antiproibizionista Aspira anche lui ad un posto in lista. con l’assessorato. Della movida è l’organizzatore Ma , come prima, nessuno se ne accorgerà. E di lab05 l’inventore. Alessandro Costantini: conduttore del fortunatissimo reality di Tele Onda Con il “sound” lui si dimena “li vagnoni ‘Ngraziati”. Meju de nienti. Ma per gli amici è una gran pena. Luigi Saracino: autore del saggio linguistico “parchimetri o parcometri?”. Ancora è ttaccatu a nudu. E’ un convinto associazionista Antonio Zacheo: già aspirante ministro dell’economia nel governo Goria e profondo estimatore Ma per rifondazione è amore a prima vista. della finanza creativa, ha affidato al libro “Maggioranza Silenziosa” il suo pensiero, altrettanto Si chiama dj Marti silenzioso. Ma quistu quandu parla? Ed è il re di ogni party!!! Paolo Stella: ha partecipato al festival di Sanremo nel 1987 con lo sfortunato brano “Io resto qui”. Del “non-sense” non si può dire niente. SensazionaleStralcio dell’intervista rilasciata al Corriere della Sera dal segretario dell’Udeur di Martano, avvocato Medina.D. E’ felice per la vittoria dell’Italia ?R. Sono Contento ma non mi sbilancio.D. Ma non è il caso di lasciarsi andare dopo una vittoria così esaltante?R. Noi dell’Udeur festeggiamo a modo nostro…D. E del fallo di Zidane cosa ne pensa ?R. Ho parlato con entrambi e mi sono fatto un’idea sull’accaduto. Ma non penso di esternare quel che ci siamo detti.D. Confermerebbe Lippi alla guida degli azzurri?R. Ci esprimeremo nei tempi e nei modi opportuni sul futuro della panchina azzurra. Ora festeggiamo, ma con equilibrio.D. Qual è il giocatore simbolo della nazionale di questo mondiale ?R. Il gruppo.D. Qualcuno in particolare?R. Tutti.D. Mastella chiede le attenuanti su calciopoli, lei cosa ne pensa?R. Sono pienamente d’accordo con Clemente.D. La sua squadra del cuore…R. Il Lecce perché sono salentino, l’Inter per gli amici, la Roma perché è la squadra della capitale, la Juve per solidarietà, il Milan per il prestigiointernazionale, la Lazio…, il Martano per il paese. L’Ausl offre parco giochi ai clienti in attesa. Il medico giocherellone sorprende tutti e concede il bis40 fra vecchietti che giocano a tennis, giovanotti che ammazzano il tempo detto, quegli “ invalidi”, erano- soprattutto giovanottoni in grado di sostenerein una partita di calcio, altri che , invece, preferiscono gustarsi la partita una intera partita di calcio e scambiare micidiali palle da fondo campo, indel campionato mondiale fra l’Italia e l’Australia sul maxischermo, all’interno un set.del Poliambulatorio regolarmente rinfrescato dal funzionante impianto di Chi si stancava negli impegni esterni, comunque, perché quel pomeriggiocondizionamento, messo a disposizione dalla dirigenza dell’Ausl Le 1. era molto afoso, poteva optare di godersi la partita “ offerta”- al frescoPartita che si disputava quella sera. Insomma non si facevano mancare dell’accogliente aria condizionata- dalla dirigenza dell’Ausl martanese.nulla. Con queste premesse, la notizia che il medico aveva deciso di non essereIl tutto, in attesa del medico convenzionato che doveva effettuare la visita presente alla visita quel pomeriggio, non è stata accolta benevolmente dai,di revisione per l’eventuale conferma della invalidità dichiarata. fin troppo, pazienti.Tutti presenti, per quanto impegnati ad ammazzare il tempo nell’attesa. Ma Si doveva tornare a casa, e ritornare in altra data, abbandonando tutto quellui, proprio perché voci di corridoio avevano annunciato che quei ragazzi gran bell’ambiente, gentilmente offerto dai responsabile del Poliambulatorio,convocati dalla segreteria erano felici di sfidare la calura pomeridiana pur sempre attenti alle esigenze, seppur le più estreme, della clientela.di trascorre qualche ora presso l’ambulatorio, con quel po’ po’ di confort, Resta un dilemma: chi ha avvertito il medico che i “ ragazzoni” avrebberoaveva deciso di dare un’altra chance di permanenza presso gli ambulatori, accettato di buon grado di ritornare un’altra volta al parco giochi di via f.llidecidendo di rinviare ad altra data quelle visite. Anche perché, come abbiamo Cervi? Prov.le Martano - Soleto Km 1,500 - 73025 Martano (Le) Italy tel. 0836.571416 - fax 0836.572388 www.sprech.com - info@sprech.com 6
  7. 7. PAG. 7 Speciale Sport IL MARTANO INGAGGIA CATALANO "Si punta sul gruppo" Cesare Catalano è il nuovo tecnico del Martano- e disponibilità alla comprensione da parte di tutti. Questa calcio. Sostituisce Luigi Colagiorgio, passato ad è la sfida. Riuscire a dare al ragazzo valori forti, importanti, allenare il Tricase. Catalano 44 anni, è di Soleto. Ha oggi per essere leali in campo, domani per essere uomini alle spalle una lunga carriera, iniziata con veri nella vita. Sono, per grandi temi, le linee guida di un l’acquisizione del patentino di terza categoria nel futuro prossimo del Martano-calcio. Peraltro, sono questi 1995. In un conviviale incontro, alla presenza del indirizzi già perseguiti nel corso della passata stagione. “ presidente, Domenico Scordari, ed del direttore Lo sport è un divertimento e tale deve restare”, ritorna sportivo Luigi Perrotta, parliamo dell’impostazione all’antico ritornello il presidente. Su questo refrain la futura della squadra. Si cerca di imbastire quei fili società si è sempre impegnata con sacrifici che tutti le di comunicazione capaci di costruire un rapporto riconoscono. E la disponibilità a farne ancora, pur di raggiungere obiettivi improntato alla massima collaborazione. minimi in campo agonistico, quali “ una tranquilla posizione in classifica e “Abbiamo- da sempre- scelto di non intervenire sulle un dignitoso campionato”, c’è tutta. “ Quest’anno”, osserva il tecnico,” ilscelte tecniche. Ma ci sembra importante avere uno scambio di vedute sulle livello delle squadre che partecipano al campionato si è elevato. Ci sonocose da fare e sulle aspettative della dirigenza”, sostiene il presidente. Che formazioni più forti di noi. A questi livelli “fare gruppo” è la parola chiavetrova orecchie attente e sensibili sull’argomento. “ Io sono uno che si mette per raggiungere obiettivi, altrimenti, impensabili”.in discussione. Non sono infallibile e le osservazioni non possono che Intanto la società si muove sul campo del mercato. E’ stato acquistato ilarricchire le persone”, risponde Catalano. Allenare in una squadra di prima portiere Garzilli dal Veglie. Ritorna Andrea Catalano, vice del titolare, incategoria comporta problemi, oltre che tecnici, anche di carattere psicologico. porta. Insieme al tecnico stanno arrivando ragazzi che conosce bene e di cuiL’età media dei calciatori rientra in quella fase critica per la formazione dei si fida. Ma è sugli atleti martanesi che si punta molto. “ Faremo di tutto pergiovani. Perciò ci sforziamo di comprendere anche i problemi personali di far rientrare giocatori- oggi- in forza ad altre squadre. Puntiamo anche sulloogni ragazzo”, sostengono all’unisono. Le soluzioni tecniche sono più facili, spirito di campanile e di squadra”. Si apre un capitolo nuovo.proprio perché tali. Ma quelle individuali, richiedono maggiore impegno Buon lavoro a tutti. Fe.Du Arte e Cultura: meglio sopprimerle? Manifestazioni ed eventi culturali: importanti momenti aggreganti o inutile spreco di denaro?Il futuro culturale di un paese dipende sia dal suo etimologia, dal latino "colere" che significa soffocare le proprie idee ed iniziative. Organizzarepassato che dal suo presente. Senza impegno ed coltivare, è più facile capire che tale valore non delle feste che riscuotono successo, attirando turisti,iniziative, questo non potrà guardare avanti, perché deve essere considerato il punto di arrivo, il sono degli eventi che è meglio insabbiare? Noni cittadini non si accontentano di vivere in una risultato, ma tutto ciò che comprende il suo processo credo sia giusto limitare un fenomeno che ha larealtà che non offre prospettive. I giovani, sebbene di formazione. E perché si arrivi a tale risultato possibilità, quindi il diritto di crescere. Perché,preparati a dover affrontare un avvenire difficile, occorre tempo; i modi sono tanti ma devono essere dunque, spostare altrove una festa come la “fdb”,in cui la legge del più forte regna sovrana, già riconosciuti da tutti. La cultura è vita, è la che ha attirato a Martano migliaia di presenze?sperano di fuggire da un territorio circoscritto, componente fondamentale di ognuno, senza la Una manifestazione del genere comporta lalimitato a sporadiche manifestazioni ed eventi quale non c’è società. L’ esistenza della società, necessità di avere un programma che si prolunghiculturali. E se quei pochi avvenimenti dovessero infatti, implica necessariamente l’ esistenza della anche nelle ore della notte. A Roma, a Milano èscomparire del tutto? Che futuro si prospetterebbe cultura e viceversa. Si deve perciò mettere da parte famosa “La Notte Bianca”,o a Rimini “La Notteper il nostro paese? Se anche quegli eventi che quell’ atteggiamento pragmatico che molti ancora Rosa”, ma senza andare lontano, a pochi chilometririescono a riunire un po’ di gente, non vengono manifestano. Se non c’è un’inversione di tendenza dal nostro “tranquillo”paese, si svolgono serate dipiù riconosciuti ed apprezzati, come potremmo da parte di chi ancora stenta ad organizzare eventi simile importanza, alcune delle quali puntano adpretendere che il “popolo del domani” non “migri” o semplici “appuntamenti”, non possiamo evidenziare il valore delle radici della nostra terra,nelle città più sensibili e aperte ai bisogni dei pretendere che un Comune progredisca, attirando come “La notte della Taranta”, che nata sempre agiovani? È necessario guardare alle feste e alle a se giovani e turisti. Alla domanda “ cosa non ti Melpignano, ma svincolatasi dagli stretti confinimanifestazioni come inutile spreco di denaro, o piace del tuo paese? ”, tutti hanno una risposta della nostra zona, ha fatto tappa, oltre che in moltecome un importante momento di ritrovo e di unanime: non ci sono attrazioni, non c’è nessun città italiane, persino in Cina. Ma anche questa,pubblicità per un paese? Le manifestazioni sono tipo di divertimento. Perché Martano, a differenza prima di diventare un fenomeno internazionale,la rappresentazione della cultura. Limitarle di altri paesi, non offre nessuno spunto di richiami ha dovuto confrontarsi con il suo Comune. Ognisignifica, in un certo senso, limitare un’erudizione e di interessi? Il nostro unico punto a favore è il manifestazione, se ben organizzata, può esserediffusa. Molto probabilmente sembrerà strano fatto di avere scuole, che attirano ragazzi dai paesi definita una forma di arte. Dunque, se è vero chepensare che un uomo possa coltivare la propria limitrofi. Certo, ci sono le varie associazioni che la cultura è anche l’ espressione dell’attività umana,conoscenza, quindi maturare le proprie idee, in si stanno affermando con successo nel territorio, dobbiamo considerare questo tipo di eventi cultura.piazza oltre che a scuola e sui libri. È dal confronto ma non senza numerose difficoltà. Anche queste, Perché è dell’uomo la lingua, l’arte, la scienza, lache si sviluppano le proprie idee. Non basta offrire che dimostrano la sensibilità di molti giovani verso religione ma anche il gioco, lo sport, la musica escuole: ad un paese occorrono manifestazioni, certi argomenti, hanno a stento trovato la la moda. Se questi elementi sono propri dell’uomo,associazioni… Per comprendere il significato e il collaborazione del Comune. Le lamentele purtroppo lo saranno anche le manifestazioni che livalore della parola cultura basta risalire alla sua non sono ancora finite, perché i giovani sentono rappresentano: meglio sopprimerle? Letizia Gaetani Iscrizione al Registro della Stampa del Tribunale di Lecce. Direttore Responsabile: Fernando Durante Redazione: Salvatore Caracuta, Paolo Saracino, Giuseppe Castrignanò, Marco Termo, Fabio Tarantino, Cesare Caracuta, Maristella Chiriatti, Poderi Canfore Anna Tamborrino. e-mail: redazionecortegrande@libero.it AGRITURISMO Per la pubblicità tel. 333 1334233. Stampato da Grafiche Chiriatti Martano Prov.le Martano-Borgagne km. 4 - Carpignano Salentino (Le) Tiratura 4.000 copie Distribuzione porta a porta Tel. 339.6070113 7
  8. 8. PAG. 8segue dalla prima paginaLa Smat dichiara di non essere al corrente delle assunzioni, curate dalla innocenti, quello io definirei primitivismo. Lavoriamo per mangiare, perchéditta Siciliano srl e sminuisce l’accaduto liquidando la faccenda con la se non si lavora, non si mangia, questo ci hanno insegnato, e intanto i nostriseguente dichiarazione: “ Siamo sconvolti per l’accaduto. Ma se gli operai stipendi finiscono in rate, bollette, assicurazioni. Lavoriamo per il benessereavessero rispettato le disposizioni di sicurezza, questo drammatico incidente dei padroni e non per mangiare. Credo sia giunto il momento di una presasi sarebbe potuto evitare.” L’operaio risulta colpevole della sua morte, un di coscienza comune. I vostri figli muoiono lavorando e il lavoro è l’unicooperaio in nero, la cui assunzione non rispetta le disposizioni costituzionali, mezzo che continuate a insegnare!muore e la colpa è sua. Quanto dovremo sopportare ancora prima di vederele piazze riempirsi per chiedere giustizia? Durante la finale Italia-Francia, nessuno ha osservato un minuto di silenzio per le vittime bianche del lavoro. Se al loro posto fossero morti dei militari,7 luglio 2006 muoiono, all’interno d’una fabbrica abusiva, due operaie, allora il buon costume avrebbe imposto il minuto di silenzio per le vittimeGiovanna Curcio, 15 anni, e AnnaMaria Mercandante, 49 anni. Operaie in d’una guerra, che hanno appoggiato. Un ragazzo di 24 anni, una bambinanero, lavoravano nello scantinato di una scuola elementare. Siamo nel di 15 e una donna di 49 morti lo stesso giorno non fanno scalpore. Non cisalernitano, la ditta è la Bimal.tex, le operaie lavoravano dieci ore al giorno sono bandiere a mezz’asta per loro, niente minuti di silenzio.per 2 euro all’ora. Io il lutto l’ho portato e lo porto ancora, queste vittime sono miei fratelli, la bandiera, che avete sventolato come segno di unità, come segnoStesso giorno, stessa morte, città diverse Torino e Montesano per tre destini d’appartenenza ad una patria, vi ha fatto dimenticare, che all’interno dellacomuni. Come si può restare in silenzio al cospetto di questi abusi? Il lavoro vostra patria si muore di lavoro nero…continua a secernere le sue vittime. Tutti fingono di non vedere e di noncapire. Il nuovo governo continua a parlare di tagli alle pensioni e agli enti Chi impianta le antenne ad alta tensione sulla vostra terra patria, attentapubblici per risanare il deficit. Intanto la popolazione educata alla logica alla vostra vita. In Italia si muore di tumore, i malati aumentano. Ma lodel sacrificio, lavora, lavora, si sacrifica, rinuncia alle vacanze, rinuncia Stato spaccia per terroristi chi si batte contro questi abusi, chi si batte peralla vita e perde la vita per una misera paga! I nostri politici, al contrario, la demolizione di queste antenne. Pisa 7 luglio 2006 vengono condannatinon hanno mai dovuto rinunciare a nulla, loro. Per loro la dottrina del con pene, che variano da 6 a 3 anni William, Francesco, Costantino, Alessio,sacrificio, dell’ “ora et labora”, “lavora e prega”, non ha alcun valore. I loro Betta e Leo. L’accusa? La solita associazione sovversiva ai fini dell’eco-stipendi rimangono immutati, per assurdo aumentano e una bambina nel terrorismo.fiore degli anni muore arsa viva, e non siamo negli anni sessanta, siamonel 2006. Perché la gente non è scesa in piazza a contestare questi abusi, Un giorno qualunque per molti, l’ultimo giorno per altri. Ma l’opinionecredete che questo non vi riguardi? Vi riguarda e come, a Martano il lavoro pubblica è sedata, AVETE VINTO I MONDIALI, FESTEGGIATEnero è una delle poche realtà sicure di “contratto” indeterminato. Vogliamo PURE……..continuare a portare la benda sugli occhi, il lavoro va abolito nella suaaccezione di sfruttamento. Bisogna avere il coraggio di astenersi dal lavoro, Intanto Berlusconi e Confalonieri rimangono in libertà con l’accusa di falsodi denunciare gli abusi: la terra non manca, ci si può auto gestire. In Italia in bilancio, saranno processati e la storia si ripete….sono attive molte comunità, che fondano la loro autonomia sul lavorocollettivo dei campi. In queste comunità è stato abolito l’uso del danaro e QUESTA È L’ITALIA CHE MERITIAMO!ogni comunità ha delle scuole e degli ospedali funzionanti. Primitivismo?Non credo. La barbarie sociale, che permette la morte bianca di lavoratori Anna Tamborrinosegue dalla prima paginaSe è vero, come lo è, che milioni di cittadini ricchi posso non essere d’accordo, invece, su quanto nel corso di una operazione ardita, non per unae poveri sono scesi in piazza a fare festa. Se è vero, scrivi- per esempio- su alcuni comportamenti delle subdola, vigliacca, bomba piazzata sul percorsocome io penso sia, che, anche chi ha perduto amministrazioni. Di fronte ad un incidente mortale che, solo per un caso fatale, è capitata sotto laqualche famigliare in un incidente sul lavoro, abbia in Irak- per fare un esempio- si decide il lutto ruota di un camion su cui viaggiava un poverosorriso di fronte alla vittoria dell’Italia. Si è cittadino, le squadre di calcio osservano un minuto ragazzo. Un militare- purtroppo- deve mettere inrisvegliato, quello che chiamano, orgoglio di essere di silenzio. Di fronte ad una morte sul lavoro, la conto un “ Incidente sul lavoro”. Così come lo faitaliani. Abbiamo- per un attimo- rinviato le risposte si ignora, o quasi. Nonostante il fatto che , entrambe un operaio. O no?. Quanto- poi- alle motivazioniche gli assillanti problemi quotidiani ci pongono. siano provocate da una stessa causa: il lavoro. giuste o sbagliate di una guerra, la questione èSiamo ritornati bambini festosi. Detto questo, non Perché essere eroe vuol dire aver perduto la vita molto lunga per affrontarla in chiusura di giornale. Fe.Du Un invito alla prudenza per tutelare il ricordoVorrei dedicare uno spazio di questo giornale ad un argomento che coinvolge situazione o far ritornare chi ormai ci ha lasciati, ma letto con un po’ die interessa tutti noi. attenzione, potrebbe essere l’inizio di una nuova realtà, e un appello a chi,Faccio riferimento a ciò che è successo qualche settimana fa, quando un da poco, si mette alla guida di un autoveicolo.ragazzo di soli diciottanni, Stefano Ruffo, ha lasciato questa vita a causa Siamo giovani ed abbiamo tutti i nostri sogni nel cassetto, facciamo indi un incidente stradale; avvenimento che ha seminato tristezza un po’ modo che, aprendolo, possiamo prenderli uno ad uno e realizzarlidappertutto e che, come ogni tragedia, fa pensare veramente tanto. come meglio riusciamo; non permettiamo alla smania di essere grandi, alCome è possibile compromettere la propria esistenza se per un attimo desiderio di provare sensazioni “magiche”, di privarcene e, talvolta, perl’imprudenza priva la ragione della sua virtù? sempre.Sono tante le “vittime della strada”, ma anche tante le vittime della voglia Stefano e tutti i giovani che, come lui, hanno scritto “fine” su una strada,di strafare al volante di un’auto. da questo punto in poi ne seguiranno un’altra… Chissà, magari quiSono consapevole che questo mio intervento non potrà migliorare la scriveranno o avranno scritto “partenza” per un’altra impeccabile vita. Martina Stomeo La New Medical Network ricerca persone di successo per creare una partnership commerciale per la promozione e distribuzione dei propri prodotti (Casalinghi, Benessere e Salute), di alta qualità ed a basso costo, al cliente finale tramite la vendita diretta. L’inserimento di nuove unità non prevede alcun impegno economico da parte del nuovo consulente. Per tutti coloro che si apprestano a formare una squadra di lavoro, offriamo corsi professionali quali: corso vendite; corso vendite avanzato; leadership base; direttore vendite. Con un impegno minimo di 3 ore giornaliere, si possono raggiungere guadagni che superano € 1.000,00 mensili. Il nostro motto è VIVERE PER LAVORARE e non LAVORARE PER VIVERE!!! NEW MEDICAL NETWORK ha inaugurato lo scorso 5 aprile la propria Filiale a Martano, in Via Verdi n° 106, dove gli interessati possono chiedere informazioni sulle possibilità di lavorare presso questa azienda. 8

×