Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Traversetolo-L'amministrazione informa

1,963 views

Published on

Periodico comunale di Traversetolo (PR).
Numero speciale sulla Biblioteca comunale e Gemellaggio con Oraison (Provenza).

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Traversetolo-L'amministrazione informa

  1. 1. Periodico di informazione a cura dell’Amministrazione comunale di Traversetolo • FEBBRAIO 2011 FEBBRAIO 2011 Nel segno dell’amiciziaNel 2010 Traversetolo e Oraison hanno festeg- hanno potuto viaggiare e vivere esperienze educa-giato assieme un traguardo importante: trant’anni tive e formanti con i loro gemelli d’Oltralpe.di amicizia tra i nostri paesi. Tante associazioni, cittadini, famiglie hanno effet-Il patto che abbiamo rinnovato significa molto per tuato lo stesso intenso percorso fatto di acco-le nostre comunità: grazie al Gemellaggio abbiamo glienza e condivisione.imparato a vivere l’Europa in modo consapevole. Pertanto abbiamo pensato di realizzare un nume-Il confronto con i nostri amici francesi è stato una ro speciale del periodico per parlarvi di questafonte di insegnamento e di arricchimento profon- amicizia e raccontarvi in dettaglio le manifestazio-do. Insieme abbiamo camminato verso quell’unità ni e le celebrazioni che abbiamo realizzato e alleideale dei popoli che significa comprensione reci- quali abbiamo partecipato.proca, rispetto delle nostre diversità, confrontodi idee. Alberto PazzoniGrazie al Gemellaggio, negli anni, i nostri studenti Sindaco di Traversetolo
  2. 2. SPECIALE Fateci e fatevi un regalo: venite in biblioteca Inizia un nuovo anno di lavoro con tutti i no- di libri in lingua straniera. Allora non è un gran stri utenti grandi e piccoli. Riteniamo corretto peccato non utilizzare questi spazi e questo darvi conto della nostra attività del 2010. Con patrimonio di libri? Ciò che insomma vorrem- la tabella che riportiamo a fianco diamo conto mo dirvi ancora è: venite a trovarci almeno a tutti voi, in sintesi, dei risultati di ciò che fac- una volta! E’ inutile credo ma lo riaffermiamo: ciamo, non c’è tutto, ma le cose più rilevanti. TUTTI I PRESTITI SONO GRATUITI! Anche Il nostro tenace lavoro nei confronti dei letto- l’iscrizione alla biblioteca è gratuita. ri delle lettrici di ogni età ancora una volta ci Orari: Siamo aperti tutti i giorni dal lunedì al conforta nei risultati numerici. E’però quanto sabato dalle 9.00 alle 12.00 e 14.30-19.00. Sia- mai difficile, in questi tempi, resistere e otte- mo chiusi al pubblico il mercoledì e venerdì nere un andamento positivo, nella nostra at- mattina perché sono le due mattine riserva- tività di proposte culturali e librarie per tutti te alle scolaresche previo appuntamento (tel. voi. E, permetteteci di dirlo, anche un gran 0521/842436). peccato! Spiego perché. Questa biblioteca è la VOSTRA biblioteca, di tutti voi cittadini, e, La Responsabile Servizi Culturali come vedete nei numeri, dà degli ottimi ri- Maria Cristina Ramuschi sultati ma potrebbe darne tanti tanti di più. La collocazione degli spazi, il confort e la gra- devolezza degli ambienti potrebbe accogliere La biblioteca vi da’ numeri di utenti ancora maggiori; e allora un invito vogliamo farvi da questo periodico che tutti i suoi numeri arriva in tutte le Vostre case: venite a trovar- Dati al 31 dicembre 2010 ci! Anche solo per curiosità. Troverete sicura- PATRIMONIO LIBRARIO mente nelle 48 diverse riviste di viaggi, d’arte, n.31.265 (+ 1.102 rispetto dic.2009) di giardinaggio, di cucina, di psicologia, di cura e crescita del bambino a disposizione per la UTENTI ISCRITTI consultazione (l’ultimo numero esposto) e il ALLA BIBLIOTECA n.3.556 (+ 412 rispetto dic. 2009) prestito (dei numeri precedenti da richiedere al bancone) qualcosa che possa essere di Vo- PRESTITI ESTERNI n.12.090 stro interesse. Abbiamo anche 4 quotidiani e diverse riviste settimanali di attualità e riviste PRESTITI RIVISTE n.691 per i bambini e i ragazzi. Sempre a pianoterra PRESTITI INTERBIBLIOTECARI un confortevole spazio dove poter navigare DEL POLO PARMENSE su internet con i nostri PC oppure se volete tot. 641 così suddivisi portare il vostro al 1° piano si può navigare LIBRI RICEVUTI da altre Biblioteche n.456 NOSTRI LIBRI DATI IN PRESTITO alle al- senza fili (zona WIFI). Se avete un bimbo o tre Biblioteche n.185 una bimba c’è uno spazio tutto per loro con libri di fiabe e favole classiche , storie brevi PRESTITI NAZIONALI n.57 (libri ricevuti n.41 libri inviati n.16) molto illustrate, libri-gioco, videocassette di cartoni animati in italiano e anche in lingua, do- PRESTITI COMPLESSIVI cumentari: provate a portare i Vostri bimbi e TOTALE GENERALE leggere loro un libro! Nella nostra esperienza n.13.479 (nostri libri 12.090 + riviste 691Direttore Responsabile: prestito interbib.provinciale n.641 + presti-Alberto Pazzoni saranno poi i bimbi stessi a richiedervelo. An- to interbib.nazionale n.57)Redazione: Annalisa Ghiretti che gli adolescenti hanno un apposito spazioghiretti@comune.traversetolo.pr.it in cui sono raccolti i libri di narrativa e quelli MEDIA MENSILE PRESTITIDisegni, progetto grafico, che possono aiutarli per le ricerche e gli studi. n.1.123 (uguale all’anno 2009)impaginazione:Kaiti expansion srl - RE Al 1° piano poi abbiamo migliaia di libri di let- UTENTI ISCRITTI AL SERVIZIOtel. 0522 924196 - www.kaiti.it teratura (narrativa, poesia,opere classiche) e INTERNETPubblicità: n. 1.487 (+ 111 rispetto dic.2009)Kaiti expansion srl - RE di saggistica: di arte, di storia, di psicologia, ditel. 0522 924196 viaggi, guide turistiche di tutto il mondo, bio- NAVIGAZIONI INTERNETufficiocommerciale@kaiti.it grafie ecc. ecc. Poniamo particolare attenzio- n.4.977Stampa: Nuova GraficaCarpi (MO) ne al mondo dell’educazione pensando sia alla scuola, sia alle famiglie, acquistando libri che MAGGIORENNI n.2.463Autorizzazione Tribunale di PR n. 021 possano essere di utilità sia ai docenti che aidel 18/06/1990 MINORENNI n.2.514 genitori. Abbiamo anche una piccola raccolta2 febbraio 2011
  3. 3. SPECIALECosa abbiamo fatto nel 2010Nel 2010, ci sono stati tanti appuntamenti LABORATORIO DI SCRITTURAe attività. Cerchiamo di riassumerli un po’ CREATIVA “…della stessa natura deisinteticamente. sogni” condotto da Flavia De Lucis. Sono 16 gli iscritti a questo laboratorio, si ri-IL COMPLEANNO DELLA BI- trovano di mercoledì sera, ogni 15 giorni.BLIOTECA è stato festeggiato con due Sono persone con la passione per i libriappuntamenti: con mamme, papà, bambi- che apprendono le tecniche della scrittu-ni intrattenuti dai lettori volontari “Nati ra e che producono propri elaborati daper leggere” il 25 settembre e il 2 ottobre esaminare e discutere insieme su un temaaderendo alla campagna nazionale “OT- che scelgono di volta in volta. Al termineTOBRE PIOVONO LIBRI” un paese che di questi corsi solitamente viene prodot-legge è una storia bellissima, campagna to un piccolo volume degli scritti di tuttipromossa dal Centro per il Libro e la Let- i corsisti e presentato al pubblico. Per latura, in sinergia con la Conferenza delle biblioteca è un’interessante esperienzaRegioni e delle Province Autonome, l’U- attorno al mondo dei libri e chissà chenione delle Province d’Italia e l’Associa- non possano nascere futuri scrittori!!zione Nazionale dei Comuni Italiani. Sitowww.cepell.it. VISITE SCOLARESCHE per annoIn vista delle celebrazioni del 2011 per i solare gennaio/dicembre 2010 n.95.150 anni dell’Unità d’Italia, quest’anno gli Se invece esaminiamo il risultato sul pri-organizzatori hanno proposto un tema, mo trimestre dell’anno scolastico da set-Parole d’Italia, invitando i partecipanti a tembre a dicembre, registriamo un note-costruire liberamente il proprio evento. vole incremento: sono già 24 le classi cheLa nostra idea, riprendendo la raccolta sono venute in questi 4 mesi.delle Fiabe italiane di Italo Calvino, rac-conti, leggende popolari di tutta Italia, ACQUISTI LIBRARIentrate per tradizione a far parte del no- Tutti i mesi vengono acquistate, cataloga-stro folklore narrativo, è stata quella di te ed esposte le principali novità librarie:giocare con i bambini non con una parola, i libri di narrativa e di saggistica. Partico-ma con tante in un confronto tra dialetti lare attenzione viene posta agli acquistie lingua italiana e di disegnare insieme su librari per i bambini e gli adolescenti gra-una grande cartina dell’Italia oggetti, mo- zie all’ausilio delle più importanti rivistenumenti, particolarità che caratterizzano italiane specializzate nel settore e a spe-la nostra nazione. E’ lo stesso autore che cifiche banche dati on-line, e al completa-nell’introduzione alla sua raccolta scrive- mento delle collane di libri più richieste.va che “le fiabe sono, prese tutte insiemenella loro ripetuta e sempre varia casisti-ca di vicende umane, una spiegazione ge-nerale della vita… il catalogo dei destiniche possono darsi ad un uomo e a unadonna”.CORSI PER LA POPOLAZIO-NE ADULTA ATTIVATI CON ILCENTRO TERRITORIALE PER-MANENTE DEI COMUNI DELLAPEDEMONTANA- corso di italiano (2 livelli)- entro febbraio inizierà un corso di italia-no per sole donne straniere con serviziodi babysitting- inglese livello base- inglese livello avanzato- informatica livello base- informatica livello avanzato- spagnolo livello avanzato- tedesco livello base febbraio 2011 3
  4. 4. SPECIALE Progetto Vivere la Biblioteca anno 3° Sono stati concordati in questi mesi gli in- lettere dell’alfabeto, disegnando e creando contri per i nuovi progetti didattici iniziati già un alfabetiere; per le terze il “viaggio” sarà nel mese di settembre.Hanno aderito con alla scoperta del mondo dei dinosauri, per le più incontri: la Scuola dell’Infanzia Micheli di quarte la lettera/il diario, per le quinte l’atti-Da settembre a gennaio Vignale, l’Asilo Paoletti, la Scuola dell’infan- vità sarà di ascolto e rielaborazione insiemeabbiamo ospitato con più zia Madonna di Fatima di Mamiano, l’Istituto di un breve testo ambientato in biblioteca.incontri le seguenti classi: Comprensivo: Scuola primaria D’Annunzio e Per la Scuola Secondaria di 1° grado la Bi-Ist.Comprensivo Scuola Scuola Secondaria di 1° Manzoni, la Scuola blioteca è a disposizione per l’”ora di nar-secondaria di 1° gradoManzoni classi I A – III A dell’infanzia e primaria di Scurano “La casa rativa” in cui gli studenti possono scegliereprof.ssa Maria Cristina tra gli aceri”.L’attività che viene svolta con tra le novità che vengono esposte e pro-Brovelli, II C - III C prof. la classe prevede sempre una breve introdu- poste mensilmente per poi creare un pro-ssa Roberta Zanni, I B-II B zione e spiegazione dell’organizzazione e fun- prio “diario personale delle letture”. Sonoprof.ssa Cristiana Prestianni, zionamento della Biblioteca : le regole che state presentate e accolte tante richiesteI C prof.ssa Maria Chiara gli studenti devono conoscere per il prestito, specifiche presentate da parte dei docentiCantarelli, I D prof.ssa la restituzione, la proroga della scadenza, la che spaziano dalla visione di un film per leBarbara Pianforini, Scuola prenotazione, come tenere con cura il libro classi prime a Natale, ai miti greci e romaniprimaria D’Annunzio classi II a casa, senza rovinarlo o perderlo, perché alla collaborazione per la partecipazione alA ins.Tonina De Fazio, II Dins.Carla Aimone, classe II B altrimenti occorre ricomprarlo. A seguire si laboratorio di poesia collegato al concorsoins.Antonietta Riggiola, classe procede con delle attività laboratoriali che letterario “L’usignolo” del Comune di SissaIII D ins.Rossana Monica, V definiamo “ludico-didattiche”, perché pon- e di teatro collegato al progetto promossoC ins. Rossella Sassone, I D gono sempre al centro il libro e la bibliote- dalla Provincia di Parma “La gabbianella for-ins. Vita Buscemi, I B ins.Lina ca in modo divertente, per terminare con il tunata”, all’approfondimento su personaggiGrimaldi , I A Ins. Viviana prestito di uno o più libri da riportare nell’in- storici , alla storia di Parma, alla partecipa-Magazzù. Classe V C Ins. contro successivo. In sintesi: i più piccoli del zione al Premio Bancarellino di PontremoliRossella Sassone, classe V Nido e delle Scuole dell’Infanzia visiteranno e all’ormai tradizionale appuntamento degliB ins.Gabriella Neri, Scuola la Biblioteca per scoprire e condividere in- studenti con “l’ incontro con lo scrittore”.dell’Infanzia e primaria diScurano “La casa tra gli sieme lo spazio e il mondo meraviglioso del- Nei precedenti anni gli studenti della Scuolaaceri” ins.Cristina Malagoli le parole e delle illustrazioni. Ascolteranno Manzoni hanno incontrato e intervistato ile ins.Samantha Bocconi. Nei delle letture di brevi racconti tratti dal libri giallista Valerio Varesi e la scrittrice di libriprossimi mesi continueranno segnalati nel progetto nazionale “Nati per fantasy Cecilia Randall. Da diversi anni col-gli incontri con le classi della Leggere”. Gli alunni della Scuola Primaria po- laboriamo con l’Istituto Tecnico EconomicoScuola Manzoni e verranno tranno diventare a loro volta “veri addetti per la ricerca di testi e bibliografie e per le vi-a trovarci anche le classi I alla biblioteca” sperimentando il gioco del site con gli studenti. Molte sono le richiesteC ins.Francesca Gorreri, V bibliotecario, i più piccoli di prima e seconda che provengono anche da parte di docenti diD ins.Palma Banzi, IV C ins. giocheranno ascoltando storie e rime sulle altri Comuni e Scuole.Mauro Reggiani, IV B ins.Maria Giovanna Zappa, IVD ins.Rita Zanettini, V Ains.Elisa Guidetti, classe IIIA ins.Annamaria Grossidella Scuola D’Annunzio e ipiccoli delle Scuole Maternedi Vignale, Asilo Paoletti eScuola dell’infanzia “Madonnadi Fatima” di Mamiano.4 febbraio 2011
  5. 5. SPECIALECome si svolge un incontrocon una classe?Due brevi esempi con il risultato delle attività: gli uccelli.Nel mondo dei dinosauri - Inventiamo insieme una Abbiamo ricevuto anche la mappa dei luoghistoria fantastica in biblioteca dove sono stai ritrovati i dinosauri nel mondoSiamo degli archeologi/paleontologi e oggi, 3 e l’abbiamo portata a casa insieme al libro del-dicembre, scavando nel cortile della scuola di la Biblioteca. Una nostra amica paleontologaTraversetolo abbiamo trovato uno strano nido ha iniziato a raccontarci una storia: “una voltarotondo contenente una ventina di sassi di 15 una Maiasaura aveva incontrato una Pachicefa-- 20 cm. Ci siamo recati in Biblioteca per docu- losaura amica e insieme erano andate a cercarementarci. Abbiamo cercato sui libri, consultato cibo per i piccoli. Mentre stavano mangiando,l’enciclopedia dei ragazzi e abbiamo scoperto avevano sentito all’improvviso un rumore eche erano uova di dinosauro. Ci siamo divisi in avevano cercato di scappare perché si eranogruppi e abbiamo consultato libri specifici sui trovati davanti un branco di Scypionix carni-dinosauri per trovare le caratteristiche. vori. Nella corsa la Maiasaura era inciampata eAbbiamo scoperto: caduta. Il Pachicefalosauro, amico, si era girato- che tutte le uova appartenevano alla Maia- e aveva caricato a testate uno Scipionix. A que-saura il cui nome significa ‘buona madre della sto punto era iniziata una grande lotta tra i dueterra, un dinosauro erbivoro che migrava tutti grandi erbivori e i piccoli Scipionix carnivori.gli anni in branco per nidificare, di circa 4 ton- Intanto, dall’altro capo del mondo, un enormenellate di peso e lungo 9 metri; meteorite aveva colpito la terra:- che si occupava a lungo dei suoi cuccioli a cui tutte le foreste vicine si erano incendiate e su-portava il cibo; bito erano morti gli animali che vivevano lì.- che l’ambiente in cui vivevano milioni di anni L’impatto aveva causato un fortissimo terre-fa era molto diverso da oggi, c’era molto caldo moto che si era sentito su tutto il pianeta. Lae molto umido, c’erano foreste, alberi altissimi crosta terrestre si era aperta e numerosissi-e molte paludi. Non c’erano gli uomini e nulla me furono le colate di lava. Anche la terra deidi costruito; nostri protagonisti aveva iniziato a tremare,- che la Maiasaura avrebbe potuto incontrare il combattimento si era fermato per un atti-il Pachicefalosauro, un dinosauro vegetariano, mo e gli animali, spaventati e confusi, avevanocon una testa molto sviluppata , il cranio con cercato salvezza nella fuga. Qualcuno venneuna cresta e delle sporgenze che usava per di- inghiottito nelle voragini del terreno, qualcu-fendersi dando delle forti testate, lungo circa 5 no restò intrappolato dai grossi massi staccatimetri e di 2 tonnellate di peso, buon corridore dalle montagne. Rimasero vivi la Maiasaura, ile lo Scypionix, un dinosauro carnivoro, vissuto Pachicefalosauro e due Scipionix. Si guarda-110 milioni di anni fa con occhi laterali come rono tutti negli occhi e la Maiasaura riuscì a febbraio 2011 5
  6. 6. SPECIALE far capire la sua preoccupazione per le uova e ca e i fuggitivi chiudono la porta alle loro spalle. il suo bisogno di aiuto. Tutti insieme corsero Ora occorre pensare a Marcel e all’equipaggio verso il nido della Maiasaura e nel tentativo di della nave biblioteca. Olivia e i libri parlanti proteggerle, le ricoprirono di sabbia. A quel incominciano ad esplorare il palazzo di Kuko punto una nuova scossa di terremoto aprì una Tay. Fortunatamente, nella sala radio, trovano voragine sotto i quattro dinosauri che vennero su una parete la mappa del palazzo. Capisco- inghiottiti. Le uova vennero invece ricoperte no che dovranno salire uno scalone dove si da una frana e lì nel segreto della terra restaro- trovano… gli appartamenti di Kuko Tay e le no e si fossilizzarono per essere poi ritrovate prigioni. Pensano immediatamente a un piano: ai giorni nostri. Olivia farà indossare la sua tunica blu ad un La classe III D Scuola Primaria D’Annunzio In- libro parlante uomo e questi dovrà ordinare segnante Rossana Monica alle guardie donna che sorvegliano le prigioni Hamza, Alessia, Leonardo, Enea, Sara, Meghi, di recarsi immediatamente da Kuko Tay, che Rosaclara, Samuele, Ana, Davide, Francesco, così vuole, lasciando a lui le chiavi della porta Chiara, Salvatore, Aurora, Alida, Alessia, No- perché, nel frattempo, provvederà alla sorve- emi, Erik Rai, Anna e Giuliano. glianza. Con questo stratagemma riescono a liberare i prigionieri. Le guardie donne, arri- Rielaboriamo un breve testo tratto dal libro: vate da Kuko Tay, capiscono di essere state “L’isola dei libri parlanti” di Ambrogio Borsani. ingannate e tornano immediatamente sui loro Gli alunni hanno ascoltato il testo, presentato a passi, ma nel frattempo, Olivia e Marcel aveva- turno delle ipotesi e spiegazioni, in classe hanno no cosparso d’olio il corridoio: le guardie sci- lavorato insieme per creare un finale unico. volano precipitosamente dentro le prigioni e la “Olivia viene obbligata da Kuko Tay a rimane- porta viene chiusa. A questo punto Kuko Tay, re in biblioteca con il compito di far imparare rimasto solo, viene obbligato ad accettare i libri nuovi testi ai libri parlanti. Fingendo di accetta- di carta. La storia finisce così: il libri parlanti re, studia un piano per poter liberare sé stessa diventano scrittori e Kuko Tay un bibliotecario e tutti gli altri. Arriva sera, si sentono dei passi che d’ora in avanti amerà i libri di carta; Marcel che si avvicinano alla porta… all’improvviso diventa un direttore d’albergo perché trasfor- questa si spalanca ed entra una guardia. Al se- ma le prigioni in un hotel; Olivia e l’equipaggio gnale di Olivia, tutti i libri parlanti attaccano la ripartono con la loro nave biblioteca. La Classe guardia che viene svestita e legata: la sua tunica V C Scuola Primaria D’Annunzio Ins.RossellaNella foto sotto: viene indossata da Olivia. Questa così vestita, Sassonegli studenti incontrano la si dirige verso il luogo dove sono radunate le Anna, Filippo Marcello, Camilla, Feriel, Renata,scrittrice Cecilia Randall guardie di Kuko Tay urlando: - La bibliotecaria Simone, Natalia, Enrico, Giorgio, Farah, Ileana,(aprile 2010) ha trovato un passaggio segreto e sta scappan- Kevin, Andi, Matteo, Carlo, Anmol Rai, Cele- do!- Tutte le guardie si precipitano in bibliote- ste, Nicola, Xin.6 febbraio 2011
  7. 7. SPECIALEAdesione al progettonazionale Nati per LeggereOgni bambino ha diritto ad essere protet- Scrivono gli esperti sulle riviste specializ-to non solo dalla malattia e dalla violen- zate che gli studi condotti da diversi anniza ma anche dalla mancanza di adeguate in Usa e Gran Bretagna dimostrano comeoccasioni di sviluppo affettivo e cognitivo. la promozione della lettura favorisca l’ac-Questo è il cuore di Nati per Leggere. quisizione della competenza linguistica,Dal 1999 il progetto ha l’obiettivo di pro- delle abilità cognitive e dell’abitudine allamuovere la lettura ad alta voce ai bambini lettura con importanti valenze di tipo cul-di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni. turale, economico e sociale. La lettura inRecenti ricerche scientifiche dimostrano famiglia (in inglese “Family Literacy”) di-infatti come leggere ad alta voce, con una venta un fattore di crescita decisivo delcerta continuità, ai bambini in età presco- bambino: qualunque programma scola-lare abbia una positiva influenza sia dal stico o attività in biblioteca che integripunto di vista relazionale (un’opportunità la lettura tra le sue attività non può daredi relazione tra bambino e genitore), che risultati significativi se la famiglia a casacognitivo (si sviluppa meglio e più preco- non legge.Obiettivo del progetto è quel-cemente la comprensione del linguaggio e lo di far diventare una consuetudine fa-la capacità di lettura). miliare la lettura condivisa: un adulto chePer di più si consolida l’abitudine a legge- legge una storia ad un bambino fa amarere che si protrae, poi, nelle età succes- la lettura attraverso un gesto d’amore. Lasive anche grazie all’imprinting precoce valenza affettiva infatti ne accresce le po-legato alla relazione. Nati per leggere èpromosso dall’alleanza tra bibliotecari epediatri attraverso le seguenti associa- Filastrocca deizioni: - l’associazione culturale pediatri Nati per LeggereACP che riunisce tremila pediatri italiani,l’associazione italiane biblioteche AIB che Leggimi subito, leggimi forteassocia oltre 4000 tra bibliotecari, biblio-teche, centri di documentazione, servizi Dimmi ogni nome che apre le portedi informazione, il Centro per la salute Chiama ogni cosa, cosi il mondo vienedel bambino, Onlus che ha come fini sta-tutari attività di formazione, ricerca e so- Leggimi tutto, leggimi benelidarietà per l’infanzia. Il progetto è attivo Dimmi la rosa, dammi la rimasu tutto il territorio nazionale con circa Leggimi in prosa, leggimi prima220 progetti locali. febbraio 2011 7
  8. 8. SPECIALE tenzialità creando l’abitudine all’ascolto, aumentando i tempi di attenzione, accre- scendo il desiderio di imparare a legge- re, calmando, rassicurando e consolando, rafforzando il legame tra chi legge e chi ascolta. L’importanza del progetto “Nati per leggere” in Italia viene testimoniato anche dai seguenti riconoscimenti: nel mese di luglio 2002 è stato accordato il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, premiato dallo stesso Ministero come “migliore manifestazione di promozione del libro e della lettura di rilevanza nazionale”. Nel febbraio 2004 è stato firmato il pro- lontari. Giada, Milena, Raffaella, Martina, tocollo di intesa con il Ministero dell’I- Cristina, Letizia e Lucia hanno già svolto struzione, dell’Università e della Ricerca diverse attività di sabato pomeriggio al- – Miur per promuovere e sviluppare ini- ternando letture, narrazioni a voce alta ziative di consultazione permanente e ha e collaborando per i laboratori creativi: ricevuto una menzione di merito dalla Se- sabato pomeriggio: 10 aprile, 17 aprile, greteria della Presidenza della Repubblica. 24 aprile, 08 maggio, 25 settembre, 2 ot- La nostra adesione: siamo inseriti con le tobre, 11 dicembre. Abbiamo ricevuto la nostre iniziative nel sito www.natiperleg- disponibilità della pediatra di Traverseto- gere.it lo dottoressa Sandra Mari a collaborare Abbiamo distribuito depliant e segnali- insieme per diffondere e divulgare tra i bri del Progetto NPL, organizzato corsi genitori l’importanza del libro fin da pic- di lettura e narrazione ad alta voce per colissimi. genitori ed insegnanti, abbiamo acquista- Nel pomeriggio di sabato 11 dicembre si to durante tutto l’anno i libri dell’ultimo è svolto presso la Sala delle Colonne il catalogo nazionale pubblicato, tutti con- primo incontro specifico rivolto ai genito- trassegnati dal logo adesivo sulla coper- ri alla presenza della pediatra Sandra Mari, tina , esposti separatamente rispetto agli della coordinatrice del nostro Gruppo altri libri in modo da renderli più visibili e NPL Flavia De Lucis. A seguire i bambi- accessibili ai genitori. ni sono stati intrattenuti con le letture a Sono stati organizzati e sono tuttora in voce alta e con le attività del laboratorio corso sette incontri con la coordinatrice creativo. Sono stati esposti i libri contras- Flavia De Lucis per formare e consolida- segnati dal logo e distribuita la bibliogra- re un gruppo stabile di lettori/lettrici vo- fia specifica con tutti i libri già presenti in Biblioteca. Anche in occasione del tradizionale ap- puntamento la domenica della sagra di San Martino con “LIBRINFESTA”, esposizione di libri per bambini e adolescenti in colla- borazione con le librerie e agenzie edito- riali di Parma, è stata colta l’occasione per allestire lo stand NATI PER LEGGERE per informare, promuovere, far conoscere il progetto nazionale e le attività della no- stra Biblioteca, che è rimasta aperta tutto il giorno con un buon riscontro di presen- ze e di prestiti. Continueremo il nostro progetto nei prossimi mesi sia organizzando le letture di sabato pomeriggio sia lavorando con le Scuole.Tutti i bambini dei Nidi e delle Scuole dell’Infanzia che verranno in Bi- blioteca verranno coinvolti con letture e narrazioni dei libri segnalati NPL.8 febbraio 2011
  9. 9. SPECIALEIntervento della dott.ssaSandra MariRiportiamo integralmente l’intervento della ritagliarsi un po’ di tempo per stare accanto alpediatra dott.ssa Sandra Maria all’incontro nostro bambino e leggergli un bel libro. E’ unpubblico svolto in biblioteca il giorno 11 di- bel gesto d’amore che il bambino si ricorderà ecembre 2010 all’interno del progetto “Nati lo farà diventare un lettore appassionato.per Leggere”. Il momento di intimità con il genitore che legge comporta un grande momento emozionale eLa libertà di leggere è prevista dalla Carta Inter- di relax per cui anche in seguito, pure da gran-nazionale dei Diritti dell’Infanzia. de, il bambino vivrà la lettura come momentoE’ un diritto che si accompagna a quello dell’i- rilassante. Un approcio precoce alla lettura fa-struzione e al diritto di essere messi in condizio- vorirà una buona relazione genitore-bambino. Ilne di pensare, di creare idee e fantasticherie. bambino svilupperà meglio e più precocementeIl libro crea un’atmosfera di intimità con se stes- la comprensione del linguaggio e la capacitàsi e fornisce una chiave di lettura per capire ed di lettura, arricchiranno il loro lessico di nuoveaffrontare le esperienze della vita. parole e miglioreranno la loro conoscenza delAi diversi momenti della crescita evolutiva dei mondo.bambini corrispondono letture adeguate. Per Nella lettura potrà poi vivere il piacere dellai bambini sotto l’anno di età è bene scegliere immedesimazione nelle storie e con i personag-libri-gioco in tessuto morbido e plastificati per gi che lo aiuteranno a superare anche le suefare in modo che il bambino li possa anche as- paure.saggiare senza il rischio di mangiarsi la carta Attraverso le illustrazioni svilupperà un gustostampata. Dobbiamo tenere presente che a estetico, svilupperà la fantasia e l’immagina-questa età i suoi organi di conoscenza sono so- zione.prattutto le mani e la bocca. L’emozione è un ponte tra mente e corpo eSceglieremo anche libri colorati o che fanno il piacere di leggere crea una interazione trarumore per catturare meglio la sua attenzio- intelligenza cognitiva e intelligenza emozionale.ne. Per questi primi approci sono importanti le E’ necessario che il genitore legga e discuta leforme i colori e i rumori. Per i bambini tra 1 e favole con il bambino perché così si possono3 anni scegliete libri che inizino a proporre im- analizzare con lui le sue emozioni, le sue pauremagini associate a parole semplici. Ai bambini ed aiutarlo ad affrontarle. Per lui questo diventain età prescolare si possono proporre storie di più facile se nelle storie incontra dei personaggianimali o di principesse o libri avventurosi, di con problemi, ansia o conflitti simili ai suoi.eroi, personaggi con i quali i bambini possano Quindi leggendo un libro con vostro figlio il ruoloidentificarsi o riconoscersi facilmente, utilizze- che avete è anche quello di indurlo alla riflessio-remo anche le letture dei classici. E’ importante ne facendogli domande (che cosa ti è piaciuto? febbraio 2011 9
  10. 10. SPECIALE E perché? Cosa ne pensi, come avresti risolto Durante la lettura il sistema percettivo deve tu? Ecc. ). estrarre le sillabe che sono la componente base Questo vi aiuterà a capire meglio il vostro bam- delle parole e poi si passa a una decodificazio- bino, a conoscerlo e anche a creare fin da pic- ne del suono e del significato. In questo proces- colo un dialogo con lui, senza però porsi mai so sono naturalmente in gioco sia il culturaleLETTURE come giudice. Cosa succede nel cervello durante la lettura? che il biologico (genetico), il cerebrale e il condi- zionamento ambientale in una interdipendenzaANIMATE PER Prima ancora di imparare a leggere il bambino mediata dalla plasticità del cervello che consen- che legge il mondo abbinando un oggetto a un te un utilizzo di circuiti neuronali al di là dellaBAMBINI simbolo astratto che è la parola e poi imparano loro funzione originaria.(3-6 anni) a leggere ascoltando le storie perché in questo modo accompagnano con l’immaginazione e la Perciò la lettura aiuta ad allargare gli orizzonti, conoscere idee, persone, situazioni, luoghi che fantasia vicende fantastiche racchiuse in quella altrimenti non sarebbero conoscibili in primaCalendario di Primavera cosa magica che è il libro. persona. Attraverso la lettura il lettore o il bambino che Inoltre impara a conoscere che esistono altri26 MARZO ascolta entra in relazione con sé stesso, con il mondi, altre culture, altri modi di pensare, di vi- suo mondo di credenze, di opinioni, di cono- vere, di essere, coglie i sentimenti e le emozioni2 APRILE scenze. Quindi è un processo che prevede l’ela- che richiamano la vastità del mondo interiore. borazione dell’informazione legata al testo e il La lettura sviluppa quindi il pensiero, induce al9 APRILE confronto con le componenti affettivo-emotive. ragionamento, sviluppa l’immaginazione, svi- In questo modo si costruisce un pensiero e un luppa la creatività.Ore 16.00 significato personale rispetto a ciò che accade, Identificandosi con i personaggi il bambino creaBiblioteca Comunale si supera lo scenario dell’azione e si entra in al suo interno una scala di valori, coltiva ideali,Via F.lli Cantini, 8 quello della coscienza. In questo modo il bam- interessi, sviluppa iniziative grandi e significati- bino prende parte alla narrazione e la utilizza ve, diventa un uomo libero.A cura del Gruppo Lettrici e per costruire la sua conoscenza del mondo e la Il bambino impara a leggere vedendo l’adultoLettori Volontari sua concezione del mondo e di sé. che legge, l’esempio è sempre la forma più ef- Questo aumento delle sue conoscenze gli con- ficace di insegnamento. Quindi la preparazio- sente di organizzare, interpretare, dare senso ne alla lettura è un processo che si costruisceIngresso gratuito alle sue azioni e ai suoi eventi personali sod- lentamente nel corso degli anni attraverso unaPer info: 0521/842436 disfacendo il suo bisogno di coerenza e preve- coordinata strategia famigliare rafforzando dibilità di reazione nello scontro con la realtà nell’immaginario infantile l’associazione della fisica. Attraverso la narrazione il bambino può lettura ad un’attività estremamente piacevole. infatti contare sulla prevedibilità e regolarità degli eventi. Dott.ssa Sandra Mari10 febbraio 2011
  11. 11. SPECIALEUn omaggio agli amicidi OraisonNel 2010 abbiamo celebrato il trentennale di e sanità Gabriella Ghirardini; i Consiglieri Co-gemellaggio con Oraison, paese della Proven-za (Francia). Il 9, 10 e 11 luglio una delegazione munali di maggioranza Stefano Prada e Monica Laura; il Capogruppo di Minoranza Clemente Le parole didi traversetolesi ha raggiunto Oraison per la Pedrona; Marino Giubellini già Vice Presiden- Pier Luigi Ferrari,prima parte delle celebrazioni. I nostri gemelli te della Provincia; i componenti del Comitato vicepresidente Provinciafrancesi hanno preparato una grande festa e di Gemellaggio. di Parmatante attività per far conoscere ancora meglio Diverse erano poi le associazioni presenti conil loro territorio. Tutti i cittadini italiani sono volontari e rappresentati: La positiva esperienzarimasti colpiti per l’accoglienza così affettuosa Aido; Croce Azzurra; Avis; la comunità Giro- dell’incontro per ricordareche li ha fatti sentire davvero parte del pae- tondo; Mamiano Insieme (che partito da Tra- il gemellaggio tra Oraisonse francese. Le celebrazioni a Traversetolo si versetolo con i propri mezzi ha preparato per e Traversetolo mi offresono invece svolte il 10,11 e 12 settembre. i gemelli francesi la torta fritta nel pomeriggio l’opportunità di sottolineare l’importanza dell’iniziativa.Vogliamo, con queste pagine del Periodico di sabato); il gruppo Alpini di Traversetolo. Il consolidamento delleComunale, ringraziare i nostri gemelli francesi relazioni tra le due Comunità,per la loro accoglienza e raccontare ai citta- In totale sono partite da Traversetolo circa testimonia il ruolo deglidini di Traversetolo che non erano presenti, 60 persone. Enti Locali nell’avanzamentole manifestazioni dell’estate scorsa a Oraison. dell’integrazione Europea. Nello spirito del gemellaggioDella delegazione italiana facevano parte: si invera il messaggio eil Sindaco Alberto Pazzoni; il Vicesindaco An- la missione dell’Unitàtonio Coico; l’Assessore ai servizi sociali dell’Europa, un cammino faticoso ma l’unico percorso per rendere concreto il disegno dei Padri Fondatori. L’impegno profuso dalle Comunità di Oraison e Traversetolo soprattutto da quanti hanno creduto nella scommessa del gemellaggio, è ricompensato da un modello di rapporti che ormai rientra nella quotidianità dell’agire. febbraio 2011 11
  12. 12. SPECIALE Programma delle celebrazioni Venerdì 9 luglio to il rinnovo del patto. - Arrivo della delegazione italiana accolta e Vi è stato quindi un piccolo fuori program-Le parole di condotta nella sal del Consiglio Comunale ma: dopo il rinnovo del patto da parte delMarino Giubellini dal sig, Proverbio, presidente del Comitato di gemellaggio di Oraison Comitato di Gemellaggio e degli amici di Traversetolo è stata consegnata una targa“ Il mio primo impatto con - Cerimonia di accoglienza: i membri della a Jeane Sube che nel ’79 era vice sindacoil gemellaggio Traversetolo delegazione di Oraison hanno accolto la di Oraison. A lui e all’allora Sindaco di Tra-– Oraison l’ho avuto nel nostra delegazione; vi è stato poi spazio versetolo Bruno Agresti si deve l’inizio dinovembre 2002. Ero per il discorso del sindaco di Oraison e il questa storica amicizia.all’epoca assessore provinciale saluto del sindaco di Traversetolo Alberto Purtroppo la giornata di sabato, sebbenedella giunta Borri e il Pazzoni. La cerimonia si è conclusa con un preparata con tanto affetto e impegno,presidente della provincia mi brindisi di amicizia. è stata volutamente sottotono perchéincaricò di coordinare, con Sabato 10 luglio il giorno prima Oraison ha perso un suola preziosa collaborazione La mattinata è stata dedicata alle visite per pompiere deceduto per soccorrere gli abi-dell’amico Arnaldo Cadoppi,il Convegno delle Comunità conoscere meglio Oraison e il suo terri- tanti di una casa che erano rimasti intossi-gemellate della Provenza torio: la delegazione italiana accompagnata cati dal monossido di carbonio.e della Provincia di Parma dai gemelli francesi ha visitato l’altopiano di Per questo motivo, al termine della ceri-“Dal Petrarca all’Europa”. Valensole ed in particolare i campi di lavan- monia ufficiale e prima della cena ufficia-Ho poi successivamente da, il museo dell’apicoltura e la distilleria. le nella corte del castello di Oraison, lerappresentato la Provincia Dopo il pranzo al ristorante e un po’ di autorità si sono recate alla Caserma deidi Parma, in qualità di siesta, tutti si sono radunati in piazza del Pompieri di Oraison per portare le lorovicepresidente,all’incontro Municipio per la cerimonia ufficiale di rin- condoglianze.di ritorno ad Oraison novo del patto di gemellaggio. Domenica 11 luglionell’ottobre del 2003.Ho avuto subito l’impressione Ad accogliere cittadini francesi ed italiani La delegazione italiana ha effettuato le ul-che quello fra Traversetolo e vi era il gruppo folkloristico “Les Fileuses time visite. I nostri concittadini sono statiOraison fosse un gemellaggio d’Oraison” con i loro bellissimi vestiti tra- portati all’altipiano di ganagobie dove han-solido, grazie alla lungimiranza dizionali. Si sono poi susseguiti i discorsi no poi seguito una Messa al Priorato die alla passione messa dai ufficiali. Sono stati quindi suonati gli inni Nostra Signora di Ganagobie.sindaci che si sono succeduti nazionali (italiano e francese), l’inno euro- Il pranzo è stato organizzato all’ippodro-nel tempo e alla passione peo e la “Coupo Santo” che è l’Inno alla mo. Verso le 16,30 la delegazione è ripar-dei due comitati promotori, Provenza. I due sindaci hanno quindi firma- tita per l’Italia.ma anche e soprattutto perl’autentica convergenza delledue popolazioni sui valoriproposti dalle profonde radicicomuni, storiche e culturali. Le parole di Antonio CadeiIn questo solido quadro dirapporti fra le due comunità, Gemello dal 1990 e assessore ai gemellaggi dal 1993 al 1997ha costituito un valoreaggiunto l’azione intelligente La ricorrenza del 30° anniversario di ge- molto il sapore dell’ “amarcord”, ho avu-del presidente Andrea Borri, mellaggio con Oraison ha assunto per me to il privilegio di dormire ed essere ospi-che ha sempre dato , anche un momento non solo di gioia ma anche te in tante famiglie: J.Paul e Annie Boyer,fuori dagli obblighi istituzionali di malinconia nel pensiero delle persone M.Christine e Alain Mosconi, Bruno e An-un contributo di risorse, di scomparse. In particolare mi è mancata drea Proverbio, Renè e Françoise Henry,idee e di amicizia vera. Borri Lydie, moglie di Jean Sube, scomparsa nel Michel e Marine Vittenet, i “pasticceri” Ar-partiva nella sua visione deigemellaggi , e in particolare dicembre 2008. Essa ha rappresentato, naud; ho altresì avuto il privilegio di averdi questo gemellaggio, anche negli anni della malattia e dell’im- “messo i piedi sotto la tavola” di altri carida un’idea semplice e al mobilità, un punto di riferimento costan- amici Michele Begnis, Pierre Sube , Berna-tempo stesso inconfutabile: te. In questi 30 anni di gemellaggio molti dette Sube Mogenet, Louise Brunetaud,l’Europa si potrà veramente di noi hanno goduto della sua accoglienza Gino Ferrari, Fabienne Blarylour, Renèrealizzare se i popoli europei e dell’ospitalità, le fondamenta dello spi- Carlavan, Gilles Ripert, Pierre Estublier,si incontrano e se in questi rito del gemellaggio. Credo che a Lydie Latil.. per tutti e i tanti che non nomino maincontri riscoprono le comuni vada tributato un pensiero ed un ringra- sono presenti nella storia del mio gemel-radici culturali. L’Europa ziamento speciale per avere sempre aiu- laggio personale, va il senso di gratitudinepotrà veramente abbatterei suoi attuali confini se le tato, sostenuto,consigliato Jean, da tutti per avermi accolto, ospitato ed aiutato acomunità locali si incontrano noi riconosciuto come uno degli artefici di “capire” ed arricchire il mio percorso di questi lunghi 30 anni di scambi dei comu- vita, al di là dei limiti della lingua, della di- >>> segue a pagina 13 ni gemelli. La trasferta a Oraison ha avuto stanza fisica e del modo diverso di vivere.12 febbraio 2011
  13. 13. SPECIALELe parole di Clemente PedronaGià Sindaco di Traversetolo e in questi incontri scopronoEro giovane consigliere comunale quando francesi, a Traversetolo e ad Oraison; varie che, nei secoli, la storia, l’arte,una delegazione del Comune di Oraison ven- volte, come Vice Sindaco e poi Sindaco di la letteratura, i commerci,ne per la prima volta a Traversetolo. Quel Traversetolo sono andato ad Oraison a rap- le scoperte scientifiche,gruppo di amministratori, guidata dall’allora presentare il nostro Comune e sempre sono il pensiero filosofico, ilSindaco Dott. Santucci e di cui faceva parte il stato accolto con grande simpatia e amicizia. sentimento religioso nonVice Sindaco Jean Sube (che in questi 30 anni E così anche mia moglie e i miei figli, che mi hanno mai avuto confini perché sono sempre stati unè stata l’anima del gemellaggio ad Oraison) hanno accompagnato in varie occasioni, han- grande patrimonio comune.fu ricevuta dal nostro Sindaco Comm. Bruno no potuto toccare con mano l’ospitalità e Questi elementi diAgresti e dal Consiglio comunale. l’amicizia della gente di Oraison. consapevolezza si ritrovanoEra la prima occasione di incontro, ma già Non potevo quindi mancare in questa occa- tutti nel gemellaggioallora sbocciò la simpatia reciproca, la con- sione straordinaria della celebrazione dei 30 Traversetolo – Oraisondivisione di ideali e l’amicizia che poi diedero anni di gemellaggio. e contribuiscono a farnevita al Gemellaggio nel 1980. Con mia moglie abbiamo incontrato cari un’esperienza in qualcheDa allora, tante volte ho incontrato gli amici vecchi amici (tra i tanti, desidero ricordare modo emblematica di come Jean Sube e Marie Cristine Mosconi) con deve essere un gemellaggio. Consentitemi in questo cui abbiamo condiviso anni di un cammino occasione del trentennale di di amicizia; abbiamo incontrato anche amici chiudere con una notazione conosciuti di recente, con cui abbiamo con- personale; anche dopo diviso belle e intense giornate. aver dismesso l’abito di In quei giorni ho rivissuto con emozione pubblico amministratore ho tanti ricordi di questi trent’anni: le varie ce- continuato ( avendo la fortuna lebrazioni ufficiali del 10°, del 20°, del 25° di essere coniuge di una anniversario; l’intitolazione della strada a Traversetolese) a frequentare Traversetolo, la visita con l’on. Andrea Borri, gli incontri di scambio negli anni successivi e ho avuto le feste in piazza. modo di realizzare solide e Da questa esperienza ho tratto una convin- durature amicizie proprio ad zione: Traversetolo deve coltivare i gemel- Oraison. E ciò mi fa essere laggi, con Oraison come con Majano, perchè particolarmente grato verso sono occasione di scambio, di incontri di il gemellaggio e verso la giovani, di cammino comune verso la con- memoria di Andrea Borri. divisione di ideali, in uno spirito di amicizia. Allora, grazie Oraison! E lunga vita al Gemellaggio! febbraio 2011 13
  14. 14. SPECIALE MAMIANO INSIEME: ad Oraison con la torta fritta laggio. Così una rappresentanza dell’Associazione Mamiano Insieme (composta da Clemente e Tiziana Pedrona, Giorgio e Laura Aschieri, Pietro e Giovanna Baiocchi) ha organizzato un sostanzioso rinfresco ad Oraison, al ter- mine della cerimonia del gemellaggio, con torta fritta, accompagnata dal salume e dai vini della nostra terra. Tutta l’attrezzatura (friggitrice, taglieri, macchine per la sfoglia) e il pastone sono stati trasportati da Mamiano ad Oraison con il pulman. Al termine della cerimonia ufficiale la squa- dra di Mamiano Insieme ha preparato la tor- ta fritta, con vassoi di salume e malvasia deiGrazie aAl Vice Presidente dellaProvincia di Parma Dott.Pier Luigi Ferrari per laSua presenza ha volutoonorare questo momentononostante i suoi numerosiimpegni istituzionali; al prof.Marino Giubellini già VicePresidente della Provincia;all’Associazione Mamiano Da anni gli amministratori di Oraison desi- nostri colli, offrendo gratuitamente il tuttoInsieme; un grazie a AntonioCadei, già Assessore del deravano che in una occasione di festa nel ai cittadini francesi; l’entusiasmo con cui iComune di Traversetolo al loro paese fosse presentata la torta fritta cittadini di Oraison hanno accolto la novi-Gemellaggio; ai Componenti che loro apprezzano a Traversetolo. L’oc- tà è stato evidente: grande apprezzamentoil Comitato del Gemellaggio casione si è presentata con il 30° di gemel- per tutto ed esaurimento di tutte le scorte!di Traversetolo; aRossella Torri e SilvanaCampanini, Pietro Baiocchie Angelo Ruffini; a tutte leAssociazioni e a tutte quellepersone che in qualsiasimodo hanno tenuto vivoe alimentato il nostroGemellaggio; grazie JeanSube che per oltre vent’anniè stato il Presidente delComitato di Gemellaggio;al Vice Sindaco delegato aigemellaggio signora MicheleBegnis e a Marie CristineMosconì; a Tutta la GiuntaComunale; ai ConsiglieriComunali di Oraison; alProf. Bruno Proverbio e aicomponenti del Comitatodel Gemellaggio; uUn grazieai Dipendenti del Comune diOraison. GRAZIE a TUTTI.14 febbraio 2011
  15. 15. SPECIALEScambi scolasticiNel corso del 2009 e del 2010, e per la pri-ma volta, gli scambi tra scolaresche hanno Arnaldo Cadoppiineressato non solo i ragazzi delle scuole Agenzia al Turismo emedie e superiori ma cnhe i bambini della Gemellaggi del Comunescuola elementare. Nel maggio 2009 sono ar- di Traversetolorivati a Traversetolo 25 bambini della scuola Sembra ieri, quando giovaneprima ria di Oraison mentre i nostri bambi- dipendente comunale honi, accompagnati dalle insegnanti e da alcuni visto arrivare la primagenitori, sono stati a Oraison nel maggio del delegazione francese2010. “Per loro si è trattato di una esperien- nell’autunno del 1979za impoprtantissima, non solo didattica, ma capeggiata dal Sindacodi vita - afferma Emma Iovino, assessore alla Santucci con Jeane Sube aScuola - in cui i bambini sono stati all’estero prendere i primi contatti perper una settimana, hanno potuto consescere con nuovo vigore”. L’assessore quindi ringra- concordare il gemellaggio.altre tradizioni, hanno approfondito l’insegna- zia chi si è adoperato perché il progetto riu- Dalla lungimiranza degli Amministratori di alloramento della lingua francese e hanno vissuto scisse nel migliore dei modi, in particolare le (ricordo i sindaci Brunointensamente lo spirito del gemellaggio. Con insegnanti Mariella Morini, Annamaria Fagioli, Agresti e Bice Borghesi, illoro speriamo di aver gettato le basi perché i Francesca Gorreri, Rossella Torri, Maria Gio- presidente della Provincianostri gemellaggi proseguano ancora a lungo vanna Zappa, Marina Petrolini. Andrea Borri e tanti altri) e dal loro esempio oggi in Provincia di Parma quasi tutti i 47 Comuni hanno un gemellaggio (per lo più con paesi della Francia). Oraison e Traversetolo hanno condiviso assieme tante emozioni, tante iniziative, che hanno visto le nostre due Comunità diventare sempre più legate. Solo l’ultima che ci tengo a ricordare è la solidarietà dei nostri gemelli con un contributo consistente a favore delle popolazioni colpite dal terremoto in Provincia dell’Aquila. febbraio 2011 15

×