Attività dei NAC

947 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
947
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Attività dei NAC

  1. 1. NUCLEI ANTIFRODI CARABINIERIContro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini Attività Operativa 2010
  2. 2. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini 2010Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari Roma - via Torino, 44
  3. 3. Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  4. 4. Numero Verde 800 020 320 3 Sommario SommarioIl Ministro ................................................................................................................................ 4Il Comandante ......................................................................................................................... 6I Nuclei Antifrodi Carabinieri ............................................................................................... 10La Tutela della Legalità nel Comparto Agroalimentare ..................................................... 12L’OLAF e la Cooperazione Internazionale per la Lotta alle Frodi ...................................... 15Le Azioni di Recupero delle Illecite Erogazioni e la Collaborazione Istituzionale con la Corte dei Conti ............................................... 17Dai Prodotti di Qualità alla Tracciabilità nell’Etichettatura .............................................. 19La Nuova Politica Agricola Comune .................................................................................... 22Settore Fondi Strutturali ...................................................................................................... 25Settore Cerealicolo ................................................................................................................ 27Settore Ortofrutta e Conserviero .......................................................................................... 29Settore Lattiero - Caseario ................................................................................................... 31Settore Oleario ...................................................................................................................... 33Settore Tabacco ......................................................................................................................35Settore Vitivinicolo ................................................................................................................ 36Settore Ittico ........................................................................................................................... 38Settore Zootecnico ...................................................................................................................41Settore Ippico.......................................................................................................................... 43Aiuti Paesi in via di Sviluppo e agli Indigenti ..................................................................... 44La Comunicazione Istituzionale ............................................................................................ 46Operazione “Natale Sicuro” a Tutela dei Consumatori ....................................................... 48Operazioni di Servizio ............................................................................................................ 50Organismi Pagatori ............................................................................................................... 58Siti Internet d’Interesse ........................................................................................................ 60Informazioni Utili .................................................................................................................. 61 Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  5. 5. Il Ministro Il MinistroComando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  6. 6. Numero Verde 800 020 320 I tempi tecnici per la realizzazione di questa importante pubblicazione dedicata all’At-tività Operativa – 2010 del Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari mi consentonodi presentare il documento in un momento assai significativo per le iniziative che il Ministerosi accinge ad intraprendere. Ci stiamo avvicinando infatti sempre di più alla nuova Politica Agricola Comune, che cer-tamente imporrà criteri più rigorosi nel regime degli aiuti comunitari, ed è assolutamente in-dispensabile che l’Italia si presenti a questo fatidico appuntamento con le idee chiare sulla lottaalle frodi. In quest’ottica, l’opera dei Nuclei Antifrodi Carabinieri è sicuramente un bigliettoda visita che non ha rivali: il lavoro svolto dai NAC, dagli 80 Militari del Comando CarabinieriPolitiche Agricole e Alimentari che operano spesso in silenzio lontano dai clamori delle atten-zioni mediatiche, è preziosissimo ed insostituibile nella tutela della legalità e della sicurezzanel comparto agro-alimentare. Soprattutto se si vuole che il “Made in Italy” non venga com-promesso dall’azione irresponsabile di pochi soggetti senza scrupoli che pensano di lucrare sullabuona fede, sui risparmi e sulla salute dei consumatori. L’attribuzione duale dell’azione di controllo conferita al Comando Carabinieri PoliticheAgricole e Alimentari sia sul fronte delle frodi comunitarie, intese come gli illeciti percepimentidelle erogazioni comunitarie, sia su quello delle frodi agro-alimentari considerate in senso piùgenerale e con particolare riferimento alle sempre più insidiose forme della «agropirateria», ri-sponde ad una visione unitaria strategica in cui legalità ed efficienza debbono necessariamenteconiugarsi per rendere sempre più moderno e competitivo il nostro comparto agro-alimentare,anche rispetto alle nuove dinamiche globali. È con tale convinzione che pertanto presento davvero con soddisfazione il resoconto dell’At-tività Operativa 2010 del Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari, convinto chesi possa pensare presto ad un programma di potenziamento organizzativo del Reparto. Lo ri-chiedono le sfide che ci accingiamo ad affrontare e soprattutto lo vogliono i Cittadini, siano essiconsumatori, agricoltori, commercianti, produttori, perché ognuno di noi ha bisogno di sentirsimaggiormente tutelato nelle sue istanze di sicurezza, fra cui figura indubbiamente anche lasicurezza alimentare. Grazie dunque agli Ufficiali, Marescialli, Brigadieri, Appuntati e Carabinieri dei NAC. A Voi tutti giunga davvero sentito il mio più vivo e sentito apprezzamento per quello che fate e per quello che farete nell’interesse del Paese e della nostra agricoltura. Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Francesco Saverio Romano Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  7. 7. 6 Il Comandante Il ComandanteComando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  8. 8. Numero Verde 800 020 320 7“C ontro le frodi alimentari, al serviziodei cittadini”: è questo il senso di un anno di in-tensa attività del Comando Carabinieri Politi-che Agricole e Alimentari sintetizzata nel re-soconto annuale sull’«Attività Operativa» dei NucleiAntifrodi Carabinieri. Il documento si prefigge loscopo di fornire elementi di conoscenza agli operatoridel settore, agli organi istituzionali, alle associazionidi categoria ed anche ai semplici cittadini chehanno a cuore il tema della legalità nel compartoagroalimentare. Ma l’iniziativa rappresenta anche l’occasioneper una riflessione sulle progettualità che possonoriguardare un impegno comune da condividere perla tutela di un settore di primario interesse che stadiventando sempre più strategico non solo per lasalvaguardia degli interessi economici nazionali,ma anche per investire nel futuro “svilupposostenibile” globale. Lo stesso Pontefice PapaBenedetto XVI ha invitato a «rivalutare l’agricolturanon in senso nostalgico ma come risorsa indispen-sabile per il futuro» per riscoprire in essa la «di-mensione sociale delle attività rurali fondate suvalori perenni quali l’accoglienza, la solidarietà, lacondivisione della fatica nel lavoro» (Enc. Caritasin veritate, Angelus del 14 novembre 2010). In tale contesto di riferimento va pure sottoli-neato che le prospettive più immediate della filieraagroalimentare nazionale vedono nuove sfide perfronteggiare gli effetti della crisi internazionale,le dinamiche di un mercato sempre più globalizzato Pertanto, le linee d’azione che il Comandoe i criteri più rigorosi negli strumenti di sostegno Carabinieri Politiche Agricole e Alimentariannunciati anche dalla nuova Politica Agricola ha sviluppato, ed intende rafforzare, sono stateComune. Per tali motivi, occorre garantire le imperniate essenzialmente su due direttrici di in-condizioni di legalità e di efficacia/efficienza del tervento: da un lato, l’intensificazione dei controllisistema agroalimentare nazionale anche rispetto straordinari sul territorio anche a supporto deglialla rilevanza socio-economica degli interventi fi- altri organi di controllo mirati a contrastare tantonanziari comunitari attuati nel comparto. Ed è gli illeciti percepimenti delle erogazioni co-necessario tutelare ampiamente i consumatori e i munitarie, quanto più in generale le frodi agroa-soggetti economici, agricoltori ed imprenditori, limentari, specie con riferimento alla falsa evo-che rispettano le regole e che spesso inconsapevol- cazione o alla contraffazione dei marchi dimente subiscono la concorrenza sleale dei disonesti qualità che tanto danneggia la produzione nazio-che sovvertono l’etica del mercato ponendosi al di nale; dall’altro, l’aggressione ai patrimoni cri-fuori della legalità. minali o comunque illecitamente percepiti segna- Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  9. 9. 8 Il Comandante Il Comandante lando le azioni di recupero del danno erariale e attivando gli strumenti interdittivi previsti per gli organismi pagatori e dal D. Lgs. 231/2001 sulla responsabilità degli enti. Le attività sviluppate dal Comando Cara- binieri Politiche Agricole Alimentari in questo 2010 hanno confermato l’esigenza di mantenere e sulla salubrità degli alimenti, ambiti nei quali, alta la guardia nel contrasto degli illeciti rilevati com’è noto, operano tutte unità specializzate del- nel comparto agroalimentare adeguando costan- l’Arma con cui il Comando Carabinieri Politiche temente i controlli alle insidie che alterano il Agricole e Alimentari elabora condivise strategie sistema di mercato e vedono nuovi e più invasivi di intervento. interessi criminali. È in tale prospettiva che il Ma più in generale, l’approccio sistematico a ruolo dei Nuclei Antifrodi Carabinieri appare “progetti investigativi” articolati e concreti e proporsi ulteriormente nella sua specificità e le potenzialità del modello organizzativo di con caratteristiche di assoluta modernità se si una Forza di Polizia a competenza generale considera che l’Italia è l’unico Paese con una Unità diffusa su tutto il territorio nazionale e con di una Forza di Polizia specializzata nelle frodi in un’efficace capacità di proiezione interna- agricoltura. L’azione essenzialmente “investigativa” zionale rappresentano il valore aggiunto che i svolta dai Nuclei Antifrodi Carabinieri è inserita Nuclei Antifrodi Carabinieri possono conferire in una attività globale di contrasto alla criminalità ad una moderna ed efficace azione di contrasto che nello stesso comparto agroalimentare spazia alla diffusione della illegalità nel comparto agro- su un vasto ventaglio di illeciti, che vanno dal- alimentare, anche quando questa tende ad assumere l’inosservanza delle norme sull’impiego dei lavo- le forme più insidiose della criminalità organizzata ratori, alle violazioni sulla normativa ambientale o transnazionale.Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  10. 10. Numero Verde 800 020 320 9 In tale quadro, la tutela degli interessi fi- Siamo fermamente convinti che se questo pro-nanziari dell’Unione Europea rispetto agli getto potrà realizzarsi, si corrisponderà al meglioilleciti percepimenti delle erogazioni comunitarie, tanto alle aspettative della Cittadinanza di mag-la vigilanza sul tessuto socio-economico del giori garanzie di legalità e sicurezza nel-mondo agricolo e dell’imprenditoria alimen- l’agricoltura e nell’alimentazione, quanto al-tare in cui possono incunearsi anche forme di cri- l’esigenza del Paese di confrontarsi ancheminalità economica quali il finanziamento e il sul piano del “sistema dei controlli” nei piùriciclaggio delle organizzazioni criminali, co- ampi scenari internazionali.stituiscono un tutt’uno con la lotta alle frodi, allecontraffazioni e alle alterazioni dei regimi di pro- Col. t. SFP Maurizio Delli Santiduzione regolamentata, perché tutti questi illecitidanneggiano profondamente il Paese e il “modellodi sviluppo” agroalimentare nazionale. E’ per queste ragioni che ringrazio il SignorMinistro Giancarlo Galan, oltre che per la suasempre attenta e premurosa vicinanza, per averauspicato, proprio alla luce di queste riflessioni edei significativi risultati qui illustrati, che il Co-mando Carabinieri Politiche Agricole e Ali-mentari possa vedere al più presto un potenzia-mento organizzativo tanto negli strumenti di in-telligence e di ricerca operativa, quanto nellearticolazioni periferiche che meritano sicuramenteuna maggiore diffusione territoriale. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  11. 11. 10 I Nuclei I Nuclei Antifrodi Comando delle Unità Mobili e Specializzate Divisione Raggruppamento Divisione Unità Mobili Operativo Speciale Unità Specializzate Visita del Comandante Comando Carabinieri Raggruppamento Carabinieri della Divisione Ministero Affari Esteri Investigazioni Scientifiche Unità Specializzate Gen. D. Saverio Cotticelli Raggruppamento Comando Carabinieri Carabinieri Aeromobili Tutela Patrimonio Culturale Comando Carabinieri Comando Carabinieri Banca d’Italia per la Tutela della Salute Comando Carabinieri Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari Tutela Ambiente Comando Carabinieri Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro Antifalsificazione Monetaria 1^ Brigata Mobile 2^ Brigata Mobile Reggimento Carabinieri 7° Reggimento a cavallo Trentino Alto Adige 11 Battaglioni 13° Reggimento Friuli Venezia Giulia 1° Reggimento Tuscania G.I.S. Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari Comandante Vicecomandante Nucleo Comando NAC Parma Nucleo di Coordinamento NAC Roma Operativo NAC SalernoComando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  12. 12. Numero Verde 800 020 320 11Antifrodi CarabinieriCarabinieri I Nuclei Antifrodi Carabinieri del Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari, se- condo quanto ribadito dal recente D.P.R. 22 luglio è anche componente del COLAF, Comitato In- terministeriale per la Lotta contro le Frodi Comunitarie previsto dall’art. 76 della Legge 2009 n° 129, svolgono controlli straordinari sulla 19 febbraio 1992, n. 142. erogazione e percepimento di aiuti comunitari nel La lotta alle frodi, alle contraffazioni alimen- settore agroalimentare, della pesca ed acquacol- tari, alla concorrenza sleale, alla alterazione di re- tura, sulle operazioni di ritiro e vendita di prodotti gimi di produzione regolamentata e l’azione di con- agroalimentari, ivi compresi gli aiuti a Paesi in trasto a tutti gli illeciti che comportano distorsioni via di sviluppo e agli indigenti. Inoltre, esercitano nel mercato agroalimentare, ove si insidiano anche controlli specifici sulla regolare applicazione dei gli interessi della criminalità, rappresentano le regolamenti comunitari nell’attività di preven- principali declinazioni delle attività del Reparto, zione e repressione delle frodi nel settore agro- anche nell’ottica di tutelare e valorizzare le alimentare. produzioni agroalimentari nazionali. Ai sensi del D.M. 2 dicembre 1997, eseguono Particolari accertamenti sono concentrati sul anche controlli per la prevenzione e repressione comparto agroalimentare in tutte le sue fasi dalla degli illeciti concernenti l’ippicoltura. semina alle produzioni finali, e la recente tendenza Il D.M. 28 aprile 2006 “Riassetto dei com- dell’Italia a produrre nel rispetto dell’ecositema parti di specialità delle Forze di Polizia” ha e della qualità alimentare ha portato il Reparto inoltre attribuito al Comando “un ruolo pre- ad incrementare la vigilanza sulle coltiva- minente con riguardo alle frodi nel settore zioni biologiche e sul sistema europeo dei agroalimentare”. marchi di qualità. Eguale attenzione è posta an- L’inquadramento organico del Comando Ca- che nei settori zootecnico, ittico, ortofrutticolo, lat- rabinieri Politiche Agricole e Alimentari in seno tiero-caseario, olivicolo e vitivinicolo. L’ampia ar- alla Divisione Unità Specializzate ed al Comando ticolazione dell’attività operativa del Reparto Unità Mobili e Specializzate risponde ad una vi- Speciale è resa possibile per la stretta intesa sia sione strategica ben delineata nel modello orga- con i Reparti territoriali dell’Arma ed in par- nizzativo dell’Arma dei Carabinieri in cui l’azione ticolare con i Comandi Stazione, presidi sto- prevalentemente “investigativa” svolta dai Nuclei rici della sicurezza sociale, sia con enti ed Antifrodi Carabinieri è inserita in una attività glo- organizzazioni di settore. bale di contrasto alla criminalità nella quale ope- Tra i servizi resi al cittadino, il Comando rano le altre Unità Specializzate dell’Arma con cui Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari fornisce il Comando Carabinieri Politiche Agricole e Ali- personale specializzato in grado di soddisfare ri- mentari condivide comuni linee d’intervento. chieste di informazioni al Il Comando si articola su 3 Nuclei Antifrodi Carabinieri (N.A.C.) con sede in Parma, Roma e Salerno con competenza territoriale rispettivamente per il Nord, il Centro ed il Sud Italia, e su un Nucleo di Coordinamento Operativo (N.C.O.) con sede in Roma. Per le attività di coordinamento internazionale si avvale di un Ufficiale di collegamento all’OLAF, l’Uffi- cio Europeo per la Lotta Antifrode, con sede a Bruxelles. Con tali finalità il Comandante Carabinieri delle Politiche Agricole e Alimentari Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  13. 13. 12 Il Reparto Il Reparto La tutela della legalità L nel comparto agroalimentare a rilevanza economica e sociale degli in- manodopera clandestina, delle frodi alimentari e terventi finanziari comunitari nel comparto agro- dell’agropirateria. alimentare pone l’esigenza di assicurare un “si- È in questo quadro di riferimento che si collo- stema di controlli” efficace ed incisivo che eviti cano i costanti interessi criminali nel comparto indebite destinazioni che possano alimentare an- agroalimentare, ove i più recenti riscontri investi- che il finanziamento delle organizzazioni crimi- gativi del Comando Carabinieri Politiche nali. Infatti, le linee evolutive della criminalità Agricole e Alimentari hanno evidenziato forme organizzata evidenziano un sicuro interesse oltre associate di condotte criminali che hanno riguar- che per il traffico di sostanze stupefacenti anche dato tanto gli illeciti percepimenti delle ero- per la gestione della “criminalità d’affari”. È gazioni comunitarie, quanto le commissioni di in tale ottica che va collocata la linea di basso frodi alimentari e il tentativo di assumere il con- profilo tenuta tanto dalle organizzazioni criminali trollo dei prezzi dei mercati ortofrutticoli. tradizionali quanto dalle nuove forme di crimi- In questo ambito vengono indirizzate le linee nalità transnazionali che sembrano essere orien- strategiche ed i principali propositi operativi dei tate alla rimodulazione delle attività verso vere e Nuclei Antifrodi Carabinieri. I finanziamenti sot- proprie forme di imprenditorialità criminale. tratti dall’azione criminale ledono sensibilmente È anche attraverso queste forme di criminalità l’efficacia delle politiche economiche per le quali economica che viene assicurato il controllo del sono stanziati e la sottrazione di spazi di compe- territorio in cui i soggetti criminali sono veri e titività ad operatori onesti, spesso vittime incon- propri soggetti economici che operano con i metodi sapevoli dell’azione criminale, altera l’intero mo- del condizionamento dei mercati, della corruzione dello di sviluppo del sistema agroalimentare di pubblici funzionari, dello sfruttamento della nazionale.Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  14. 14. Numero Verde 800 020 320 13Aziende controllate 1.375Tonnellate prodotti agroalimentari sequestrati 11.872,410Valore € 22.559.266,43Valore beni immobili, conti correnti € 115.819.500,13ed altri beni sequestratiContributi illeciti accertati € 17.687.921,69Violazioni penali 132Violazioni amministrative 232Persone segnalate Autorità Giudiziaria 374Segnalazioni alla Corte dei Conti 30 Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  15. 15. 14 La La Cooperazione La Convenzione sulla protezione degli interessi finanziari delle Comunità Europee È stata la Convenzione sulla protezione degli inte- ressi finanziari delle Comunità europee (nota come Convenzione PIF) del 26 luglio 1995, ratificata con la legge 29 settembre 2000, n. 300 ad introdurre un ob- bligo per tutti gli Stati membri dell’U.E. di perseguire i comportamenti fraudolenti ai danni degli interessi finanziari comunitari con “sanzioni penali, effettive, proporzionate e dissuasive” e a fornire una definizione armonizzata di frode sia sul fronte delle spese che delle entrate della Comunità. Costituisce frode, lesiva degli interessi finanziari della Comunità, “qualsiasi azione o omissione intenzionale relativa all’utilizzo o alla presentazione di di- chiarazioni o di documenti falsi, inesatti o incompleti cui consegua il percepi- mento o la ritenzione illecita di fondi provenienti dal bilancio generale della Comunità Europea (con riguardo alle spese)... o la diminuzione illegittima (con riguardo alle entrate) di risorse del bilancio generale della Comunità Eu- ropea”; nonché “la mancata comunicazione di una informazione in violazione di un obbligo specifico”... o “la distrazione di tali fondi per fini diversi da quelli per cui sono stati concessi o... la distrazione di un beneficio lecitamente ottenuto, cui consegua lo stesso effetto”. Nei casi di frodi gravi, gli Stati devono punire le condotte con sanzioni penali. La nozione di irregolarità, secondo il Reg. 2988/1995 del 18 dicembre 1995, prevede “qualsiasi violazione di una disposi- zione del diritto comunitario derivante da una azione od omissione di un ope- ratore economico che abbia o possa avere come conseguenza un pregiudizio al bilancio comunitario attraverso la diminuzione o la soppressione di entrate provenienti da risorse proprie percepite di- rettamente per conto della Comunità o a causa di una spesa indebita”. La convenzione PIF è stata seguita poi da un primo protocollo del 27 settembre 1996, che ha introdotto il c.d. principio di as- similazione che impone agli Stati membri, ai fini della lotta contro le frodi che ledono gli interessi finanziari della Comunità, di adottare le stesse misure che essi adottano per combattere le frodi che ledono i loro interessi finanziari. Un secondo protocollo del 19 giugno 1997 ha previsto obblighi in materia di incrimi- nazione del riciclaggio, nonché di confisca dei proventi derivanti da tali reati e dalla corruzione passiva e di responsabilità delle persone giuridiche per frodi, corruzione attiva e riciclaggio.Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  16. 16. Numero Verde 800 020 320 15Cooperazione InternazionaleInternazionale L’OLAF e la Cooperazione L’ Internazionale per la lotta alle frodi OLAF è lo strumento giuridico d’indagine Cina, dal Mediterraneo ai Paesi dell’Est Europeo. di cui si è dotata l’Unione Europea per garantire In tale quadro l’attività svolta dai Nuclei An- una migliore tutela degli interessi comunitari. tifrodi Carabinieri è stata incentrata anche a L’ufficio è entrato in funzione il primo giugno supportare il Ministro per le Politiche Europee 1999 ed ha sostituito la task force “Coordinamento e il Comitato per la Lotta contro le Frodi Co- della Lotta Antifrode” (UCLAF) del Segretariato munitarie (COLAF) nelle iniziative volte a valo- Generale della Commissione creata nel 1988. At- rizzare l’incisiva azione antifrode condotta dall’Ita- tualmente la direzione è retta ad interim dal dr. lia e quindi, in sinergia anche con il Nucleo per la Nicholas Ilett, il quale cederà l’incarico nel febbraio Repressione Frodi della Guardia di Finanza, nel del 2011 all’italiano Giovanni Kessler, magistrato, ricercare il giusto riconoscimento dell’impegno as- nominato il 14 dicembre 2010 dalla Commissione sunto dall’Italia nei confronti dell’Unione Europea. Europea quale Direttore Generale dell’OLAF. È stato così possibile che nel “Rapporto An- L’Arma dei Carabinieri è presente in OLAF nuale della Commissione Europea sulla pro- con un Ufficiale superiore del Comando Carabi- tezione degli interessi finanziari dell’U.E. nieri Politiche Agricole e Alimentari, distaccato Lotta alle Frodi Anno 2009” per la prima volta presso l’“Unità Aiuti all’Agricoltura e Com- è stato valutato che per i Paesi, come l’Italia, che mercio di Prodotti Agricoli”, diretta dalla presentano più alti tassi di frode fra gli Stati mem- dott.ssa Elisabeth Sperber. bri «ciò, tuttavia, non significa che in quei Paesi Attualmente l’OLAF conta circa 330 agenti, vengono commesse più frodi quanto invece che compreso il personale non statutario. essi sono in possesso di un efficace sistema anti- I responsabili delle indagini dell’OLAF hanno frode (sia in termini di capacità di scoprire le frodi, una solida esperienza professionale, acquisita nei che di comunicarle) in grado di produrre più ri- servizi investigativi e giudiziari dei rispettivi Paesi sultati.» di provenienza. L’attività di verifica dei flussi internazionali La caratteristica della squadra di investigatori delle produzioni agricole alimentari è sviluppata dell’OLAF è la sua pluridisciplinarietà che con- in piena sinergia anche con l’Agenzia delle Do- sente di avere un approccio globale e intersettoriale gane, un organismo di assoluto rilievo strategico alle attività di contrasto. per una efficace attività di vigilanza nel sistema Il Comando Carabinieri Politiche Agricole e complessivo di import-export della produzione Alimentari è pertanto in grado di sviluppare at- agroalimentare, con il quale il Comando Carabi- tività investigative articolate e complesse anche nieri Politiche Agricole e Alimentari ha inteso svi- sul piano internazionale valutando prioritario luppare privilegiati rapporti di collaborazione info- l’interesse di tutelare il “Made in Italy” anche operativa. nel comparto agroalimentare. I programmi d’azione in tale ambito vedono quindi lo sviluppo di ulteriori iniziative volte a rafforzare la coo- perazione internazionale di polizia nella lotta alle frodi agro-alimentari che assumono di- mensioni transnazionali anche avvalendosi degli strumenti operativi e informativi posti a disposi- zione dai sistemi Interpol, Europol, Shengen e nel quadro degli accordi di cooperazione bi- laterale che si vanno sviluppando nei più ampi scenari internazionali dall’America Latina alla Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  17. 17. 16 Le Azioni Le “Irregolarità” e frodi nel settore agroalimentare secondo il REG. (CE) N.1848/2006 P er irregolarità si intende “qualsiasi violazione di una disposizione del diritto comunitario derivante da un’azione o un’omissione di un operatore economico che abbia o possa avere come conseguenza un pregiudizio al bilancio generale delle Comunità, attraverso la diminuzione o la soppressione di entrate provenienti da risorse proprie percepite direttamente per conto delle Comunità, ovvero attraverso l’imputazione al bilancio comunitario di una spesa indebita” Per frode si intende, invece, un irregolarità aggravata dall’intenzionalità della condotta. Dati Operativi Segnalazione alla Corte dei Conti 30 Controvalore stimato di danno erariale € 100.953.756,67 Soggetti economici segnalati alla Corte dei Conti 557Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  18. 18. Numero Verde 800 020 320 17di RecuperoAzioni di Recupero Le azioni di recupero delle illecite erogazioni e la collaborazione istituzionale L’ con la Corte dei Conti attività di recupero delle somme indebi- efficace, da un lato, per la peculiare funzione tamente percepite è diretta conseguenza dell’ac- della magistratura contabile a determinare il certamento di una irregolarità o di una frode ai danno erariale, dall’altro, per la speciale misura danni dei fondi agricoli e, di conseguenza, ai cautelare a tutela del credito erariale azionabile danni del bilancio dell’Unione Europea. dalle Procure Regionali, quale il sequestro con- Il sistema di comunicazione delle irregolarità servativo ex art. 5 L. 19/1994, oltre a tutte le e le modalità di recupero delle somme indebita- azioni a tutela del credito previste dalla proce- mente erogate nell’ambito dei finanziamenti de- dura civile. rivanti dai fondi agricoli comunitari è attual- Il sistema delle azioni di recupero per la tu- mente disciplinato dal Regolamento (CE) n. tela degli interessi finanziari dell’Unione Europea 1848/2006 emanato dalla Commissione. si completa con l’attivazione degli organismi Il Reg. CE n. 1290/2005 istitutivo dei fondi pagatori per la sospensione dalle erogazioni agricoli (FEAGA e FEASR) ha introdotto una nei confronti dei soggetti economici, deferiti al- normativa estremamente innovativa nel sistema l’Autorità Giudiziaria o sottoposti a misure di dei recuperi. Gli artt. 32 e 33 dello stesso Rego- prevenzione e con la segnalazione all’Autorità lamento, infatti, prevedono che qualora il recu- Giudiziaria per l’adozione degli strumenti inter- pero delle somme irregolari non abbia avuto luogo dittivi dell’esercizio di impresa previsti dal nel termine di quattro anni dalla data del D. Lgs n. 231/2001 sulla responsabilità degli primo verbale di accertamento amministrativo o Enti per illeciti amministrativi dipendenti giudiziario, oppure nel termine di otto anni nel da reato. caso di procedimento giudiziario davanti ai tri- bunali nazionali, le conseguenze finanziarie del mancato recupero sono per il 50% a carico dello Stato membro e per il restante 50% a carico del bilancio comunitario. In tale quadro, è evidente che, anche per la diretta tutela dell’era- rio statale, primaria importanza assume la tem- pestiva attività di recupero dei contributi comu- nitari indebitamente percepiti. A tal fine, tutti i casi di frode o di irregolarità individuati dal Comando Carabinieri Politi- che Agricole e Alimentari sono portati senza ritardo a conoscenza delle competenti Procure Regionali della Corte dei Conti, affinché possa essere avviato rapidamente il procedimento di recupero delle somme indebitamente percepite. La giurisdizione della Corte dei Conti in ma- teria di recupero dei contributi comunitari inde- bitamente percepiti, affermatasi nell’ultimo de- cennio anche nei confronti dei soggetti privati beneficiari o gestori di fondi comunitari, nonché degli altri soggetti privati incaricati delle funzioni di riscontro e controllo per conto della Pubblica Amministrazione, si dimostra particolarmente Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  19. 19. 18 Marchi di Qualità Marchi di QualitàComando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  20. 20. Numero Verde 800 020 320 19 Dai prodotti di qualitàL alla tracciabilità nell’etichettatura a qualità dei prodotti agroalimentari Il panorama dei prodotti diè un argomento di sempre più stretta attualità. qualità si completa con i pro- La normativa europea e nazionale attualmente dotti provenienti dall’agricol-in vigore, oltre a riconoscere la specificità di de- tura biologica. Un metodo diterminate produzioni, si propone l’obiettivo di pro- produzione (definito e disciplinato a livello comu-muovere un modello di agricoltura tutto incentrato nitario dai Regg. CE n. 834/07 e n. 889/08 e a li-sulla qualità e sulla conservazione di pratiche pro- vello nazionale dal D.Lgs. 220/95) che si contrad-duttive fortemente radicate, capaci di rilanciare distingue per il non impiego di sostanze chimichela competitività del settore e di affrontare a testa di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici,alta le sfide dell’internazionalizzazione e del com- insetticidi, pesticidi in genere) o di tecniche chemercio, nel segno della garanzia di qualità anco- alterano il naturale ciclo biologico delle piante orata ed assicurata dall’origine del prodotto. degli animali. Oggi, quello comunitario rappresenta il si- Dal 1° luglio 2010 è entrato in applicazione ilstema complessivamente più avanzato ed ar- Reg. CE n. 271/2010 che integra e modifica il Reg.ticolato di tutela e di promozione dell’autenticità CE n. 889/2008 e che introduce il nuovo marchiodei prodotti agroalimentari di qualità e per indi- per le produzioni biologiche comunitarie.viduare la genuinità dei prodotti con margini ade- Quando il logo viene usato deve obbligatoria-guati di garanzie. mente contenere le seguenti informazioni: Il consumatore può quindi avvalersi del si- – l’indicazione del luogo in cui sono state coltivatestema dei marchi di qualità previsti dai Regola- le materie prime agricole;menti Comunitari n. 509 e 510 del 2006 come di – l’indicazione dell’organismo di controllo auto-seguito indicato: rizzato (con il codice di riferimento); – l’indicazione dell’operatore controllato. DOP – denominazione di origine Ma l’indicazione in etichettatura del protetta: identifica la denomina- luogo di origine del prodotto agricolo, sino zione di un prodotto la cui produ- ad oggi obbligatoria solo per alcuni prodotti quali, zione, trasformazione ed elabora- ad esempio, olio extravergine di oliva, ortofrutta zione devono aver luogo in un’area fresca e carne bovina, diventerà presto la regola geografica determinata e caratte- generale per tutti i prodotti agroalimentari e sod- rizzata da una perizia riconosciuta disfare la crescente esigenza di informazione che e constatata. in una economia globalizzata è un elemento cono- IGP – indicazione geografica scitivo indispensabile per il consumatore che vuole protetta: identifica il legame con effettuare le proprie scelte di acquisto consape- il territorio il cui carattere distintivo volmente. è presente in almeno uno degli stadi È per queste ragioni che è stata estremamente della produzione, della trasforma- importante l’approvazione del disegno di legge n. zione o dell’elaborazione del pro- 2260-bis sull’etichettatura d’origine dei prodotti dotto. alimentari. Il provvedimento che reca il titolo “Di- STG – specialità tradizionale sposizioni per il rafforzamento della compe- garantita: non fa riferimento ad titività nel settore alimentare”, persegue im- un’origine ma ha per oggetto quello portanti obiettivi: la tutela della salute e del di valorizzare una composizione tra- consumatore che ha il diritto ad essere informato dizionale del prodotto o un metodo sugli elementi essenziali di origine e provenienza di produzione tradizionale. della sua alimentazione; la salvaguardia delle Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  21. 21. 20 Marchi di Qualità Marchi di Qualità La nuova etichettatura per il “BIOLOGICO” D al 1° luglio 2010, è entrato in applicazione il Regolamento CE n. 271/2010 che integra e modifica il Regolamento CE 889/2008 e che in- troduce il nuovo marchio per le produzioni bio- logiche comunitarie. L’uso del logo è facoltativo solo per i prodotti provenienti da Paesi Terzi, mentre è vietato nei prodotti biologici in con- versione e nei prodotti multi-ingrediente con un contenuto in ingredienti bio inferiori al 95%. Quando il logo viene usato, deve obbligato- riamente contenere le seguenti informazioni: – indicazioni del luogo in cui sono state coltivate le materie prime agricole; – l’indicazione dell’organismo di controllo autorizzato (con il codice di riferimento); – l’indicazione dell’operatore controllato. Prodotto proveniente da Prodotto proveniente Prodotto proveniente Paesi UE. Se il prodotto in parte da Paese UE da Paesi Extra UE. Se il proviente da un singolo e non UE prodotto proviente da un Paese, è possibile singolo Paese, è possibile indicarne il nome indicarne il nome IT BIO IT BIO IT BIO SPAGNA AGRICOLTURA UE/NON UE AGRICOLTURA NON UEComando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  22. 22. Numero Verde 800 020 320 21 Etichettatura Categorie per le quali vige l’obbligoidentità delle produzioni frequentemente og- di indicazione di originegetto di false evocazioni e contraffazioni; la tutela – Carne di pollo e derivatidegli agricoltori onesti che operano traman- – Carne bovinadando la qualità e la tradizione agroalimentare. – Frutta e verdura fresca Il provvedimento mira dunque a valorizzare – Uovail sistema produttivo agroalimentare nazionale, – Miele – Passata di pomodoroarginando le frodi che a vario titolo minano la no- – Latte frescostra economia e sicurezza alimentare. Ecco perché – Pescetra le prescrizioni di legge vi è l’obbligo di indicare – Olio extravergine di olivaper tutti gli alimenti, non solo il luogo di originee di provenienza, ma anche i dati relativi allacoltivazione, all’allevamento, all’ultima trasforma-zione delle materie prime utilizzate. Ed è singolare che l’approvazione del testo allaCamera dei Deputati sia avvenuta all’unanimità,segno evidente dell’intento comune e solidale ditutte le componenti politiche a considerare lo stru-mento normativo sicuramente strategico anchenell’ottica di valorizzare le produzioni nazionali. Un impegno condiviso nell’assicurare latracciabilità concreta ed effettiva rappresentadunque un atteggiamento etico e responsabile perle produzioni nazionali e certamente tale iniziativapotrà rappresentare anche per l’Unione Europeaun riferimento per una futura “etichettatura eu-ropea”, superando le riserve di quelle componentiche ritengono che il provvedimento possa nuocereal principio della libera circolazione delle merci.L’Europa ha tutto l’interesse a garantire che ri-gorosi standard qualitativi siano applicati intutti i Paesi membri perché sicurezza e qualitàalimentare non possono essere subordinatead alcun tipo di interesse commerciale. Il Comando Carabinieri Politiche Agri-cole e Alimentari seguirà con attenzione l’at-tuazione del provvedimento che prevede l’emana-zione di successivi decreti ministeriali e tempi diadeguamento delle produzioni nazionali, ma inogni caso sarà l’impegno comune di cittadini, ope-ratori del settore e associazioni di categoria a ga-rantire effettività ad una regola che ormai è sen-tita come necessità comune e condivisa da tutti. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  23. 23. 22 La Nuova Politica Agricola La Nuova L a Politica Agricola Comune (PAC) ha avuto fin dalle sue origini l’obiettivo di incremen- tare la produttività in agricoltura assicurandone – crescita sostenibile, per un’economia più ef- ficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva; uno sviluppo razionale, con prezzi ragionevoli – crescita inclusiva, per un’economia con un per i consumatori europei e una remunerazione alto tasso di occupazione che favorisca la coesione equa agli agricoltori grazie, in particolare, all’Or- sociale e territoriale. ganizzazione Comune dei Mercati agricoli e al In tale contesto, si prevede che la futura PAC rispetto dei principi dell’unicità dei prezzi, della so- introdurrà criteri di sostegno all’economia agricola lidità finanziaria e della preferenza comunitaria. più rigorosi nell’ottica di garantire maggiori con- La riforma della PAC che andrà in vigore dizioni di equità per tutti gli Stati membri. dopo il 2013 si inserisce con le proprie peculiarità Il tema che più sta a cuore all’Italia in questo all’interno della Strategia 2020, approvata dal momento riguarda il prospettato regime di pa- Consiglio Europeo del 25 e 26 marzo 2010, che gamenti diretti omogenei basati sul parame- stabilisce tre priorità di intervento: tro della superficie che non riconoscerebbe al- – crescita intelligente, per un’economia basata l’agricoltura internazionale quei valori della sulla conoscenza e sul’innovazione; produzione (tradizione, qualità, investimenti,Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  24. 24. Numero Verde 800 020 320 23ComunePolitica Agricola Comune LEGEND lavoro) che costituiscono il valore ag- giunto del nostro sistema agroalimen- tare. Come è emerso dal dibattito che si sta sviluppando in sede europea, le linee di indirizzo della nuova PAC chiamano dunque in causa un maggiore senso di responsabilità de- gli Stati membri anche nell’appre- stare efficaci “sistemi di controllo” strumentali al perseguimento del- l’obiettivo di assicurare alla popola- zione europea la produzione di ali- menti salubri, sicuri, di qualità e rispettosi delle tradizioni e delle ca- ratteristiche geografiche e territoriali. Questa funzione si dovrà accompa- gnare ad altre, altrettanto impor- tanti, quali la gestione e la preserva- zione delle risorse naturali, la cura del paesaggio e del territorio nel qua- dro del principio della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente. In tale ottica, la specificità e l’esperienza del modello organizzativo del Comando Carabinieri Politi- che Agricole e Alimentari potrà costituire un sicuro elemento di rife- rimento anche per gli altri Paesi eu- ropei che non hanno ancora unità di forze di Polizia specificatamente de- dicate al contrasto delle frodi agro- alimentari. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  25. 25. 24 Settori Fondi Settori Fondi Strutturali Dati Operativi Aziende controllate 96 Proposte per la sospensione da aiuti comunitari 5 Segnalazioni alla Corte dei Conti 5 Contributi verificati € 3.471.626,48 Contributi illecitamente percepiti € 1.079.131,26 Violazioni penali accertate 9 Violazioni amministrative accertate 13 Persone segnalate Autorità Giudiziaria 12Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  26. 26. Numero Verde 800 020 320 25Strutturali Fondi strutturali nel comparto agroalimentare (tra cui piani regionali di sviluppo rurale, I agriturismo, aiuto ai giovani agricoltori, ecc.) fondi strutturali sono strumenti finan- Gli aiuti per i giovani agricoltori hanno la ziari gestiti dalla Comunità Europea per realizzare finalità principale di fornire, in particolari territori la coesione socio-economica di tutte le Regioni dove si richiede un forte stimolo al ricambio gene- dell’Unione, al fine di ridurre il divario di sviluppo. razionale, una serie di incentivi specifici per Tali forme di aiuto comunitario, per il principio gli agricoltori sotto i 40 anni che desiderano dell’addizionalità, intervengono unitamente agli insediarsi in azienda. Quindi, non solo il premio aiuti nazionali e regionali. di insediamento, ma anche un sostegno al piano La programmazione per il 2007-2013 ridi- di investimenti aziendale, il supporto del servizio segna il quadro della politica di coesione nel con- di assistenza e l’aiuto per la consulenza aziendale, testo dell’Europa allargata a 27 e si ispira agli l’incentivo al pre-pensionamento, oltre alle altre orientamenti dell’Unione Europea delineati dalla misure aziendali ritenute più opportune in fun- strategia di Lisbona per la crescita, la competi- zione delle caratteristiche dell’azienda. tività e l’occupazione. Inoltre, molti obiettivi sono tra loro fortemente Nel quadro dei fondi strutturali si inseriscono correlati poiché da un lato concorrono a creare le il F.E.A.S.R. (Fondo Europeo Agricolo per lo condizioni per attrarre attività economiche, popo- Sviluppo Rurale) ed il F.E.P. (Fondo Europeo lazione e turismo nelle aree rurali, dall’altro do- Pesca), strumenti finanziari che si rivolgono al vrebbero stimolare gli operatori locali a investire comparto agricolo e agroalimentare. e a diversificare le opportunità di reddito e occu- Il Regolamento (CE) n. 1698/2005 stabilisce pazione. quattro assi per la programmazione dello sviluppo Altri obiettivi sono la creazione di iniziative che rurale 2007-2013: consentono una reale diversificazione delle atti- – asse I, miglioramento della competitività del set- vità agricole, con particolare riguardo, tra le altre, tore agricolo e forestale; alla qualificazione dell’offerta agrituristica ed il – asse Il, miglioramento dell’ambiente e dello spa- mantenimento e lo sviluppo di iniziative nel campo zio rurale; del turismo rurale e dei servizi ricreativi locali. – asse III, qualità della vita nelle zone rurali e di- Il comparto agrituristico (Turismo Ru- versificazione dell’economia rurale; rale), oltre a beneficiare di aiuti specifici, è rego- – asse IV, leader. lato dalla legge n. 96/2006 che stabilisce la con- A livello nazionale, attraverso l’elaborazione nessione tra le attività ricettive e quelle produttive del Piano Strategico per lo Sviluppo Rurale, agricole e tipiche del territorio. La norma demanda vengono definiti gli obiettivi prioritari che si in- alle Regioni ed alle Province autonome la defini- tendono realizzare attraverso tali sovvenziona- zione delle modalità e la differenza degli obblighi menti. La gestione dei contributi a carico del amministrativi per l’esercizio dell’attività agritu- F.E.A.S.R., infine, è devoluta alle Regioni che vi ristica. I finanziamenti erogati in genere riguar- provvedono attraverso la programmazione di un dano la ristrutturazione e/o l’ampliamento di Piano Regionale di Sviluppo Rurale in cui fabbricati e annessi rurali, realizzazione e miglio- vengono specificati gli obiettivi da perseguire ed ramento di strutture per attività sportive, escur- individuate le misure e le azioni specifiche oggetto sionistiche, ricreative e culturali legate all’attività di finanziamento. agricola, alle tradizioni gastronomiche locali e alla Tra queste, particolare importanza assumono fruizione dei beni ambientali e naturali, all’acqui- gli incentivi elargiti ai giovani agricoltori e sto di arredi e attrezzature, alla creazione di fat- quelli per le attività agrituristiche. torie didattiche, ecc. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  27. 27. 26 Settore Cerealicolo Settore Cerealicolo Dati Operativi Aziende controllate 70 Proposte per la sospensione da aiuti comunitari 8 Segnalazioni alla Corte dei Conti 8 Contributi verificati € 785.294,21 Contributi illecitamente percepiti € 490.499,02 Violazioni penali accertate 15 Violazioni amministrative accertate 3 Persone segnalate Autorità Giudiziaria 12Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  28. 28. Numero Verde 800 020 320 27 I Settore cerealicolo premi previsti per il settore cerealicolo, – aiuto specifico riso;che riguardano varie tipologie di produzioni, pos- – aiuto ai coltivatori di patate da fecola;sono essere erogati sia con il sistema “disaccop- – premio per le colture proteiche;piato” (domanda unica) sia con quello “accoppiato” – pagamento per la superficie per la frutta a gu-(legato al tipo di coltura e alla quantità prodotta), scio;limitatamente ad alcune produzioni (inquadrate – aiuti alle sementi;nel c.d. Regime titolo IV del Reg. (CE) 19.01.2009 – pagamenti per i bovini;n. 73/2009 del Consiglio): – premio specifico per la qualità del frumento duro. In questo contesto vengono erogati finanzia- menti alla produzione di foraggi essiccati che, cal- colati con il sistema “accoppiato”, sono disciplinati dal Reg. (CE) 22 ottobre 2007, n. 1234/2007 (Re- golamento Unico OCM). I Marchi di qualità l settore cerealicolo annovera numerosi trasformati (pane). Tutti i cereali possono essereprodotti a marchio di qualità, sia relativamente coltivati con tecniche di agricoltura biologica e,alle materie prime che per i principali cereali pertanto, per tutti i prodotti derivati, se oppor-trasformati. tunamente controllati e certificati, può essere in- Tra questi i principali riguardano i cereali dicata la provenienza “da agricoltura biologica”minori (riso, lenticchie, farro, ecc.) ed i prodotti della materia prima. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  29. 29. 28 Settore Settore Ortofrutta e Dati Operativi Aziende controllate 73 Proposte per la sospensione da aiuti comunitari 4 Segnalazioni alla Corte dei Conti 4 Contributi verificati € 3.997.224,27 Contributi illecitamente percepiti € 3.997.224,27 Valore beni sequestrati € 5.760.822,27 Violazioni penali accertate 27 Violazioni amministrative accertate 3 Persone segnalate Autorità Giudiziaria 235Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  30. 30. Numero Verde 800 020 320 29Ortofrutta e ConservieroConserviero G Settore ortofrutta e conserviero li aiuti per la trasformazione di pro- mettere sul mercato il prodotto in eccedenza. dotti ortofrutticoli, dalla campagna 2010/2011, Non tutto il prodotto può essere ritirato: per le non saranno più previsti essendo entrato in vigore, pere e le mele, ad esempio, è possibile ritirarne anche in questo settore, il regime di disaccop- solo l’8,5% del quantitativo commercializzato; piamento totale. L’accesso a questi sostegni fi- – i programmi operativi, previsti fino all’anno nanziari è previsto dal Reg. (CE) n. 1234/07 del 2013. Consistono in piani posti in essere dalle Consiglio e dal Reg. (CE) n. 1580/07 della Com- Organizzazioni di Produttori (OP) e dalle loro missione e in questo settore l’O.C.M. prevede il Associazioni (AOP), al fine di organizzare, ra- mantenimento di due principali diverse tipologie zionalizzare, valorizzare e promuovere la pro- di interventi: duzione, ridurre e stabilizzarne i costi e adottare – i ritiri dal mercato di alcune tipologie di misure ambientali produttive, nel rispetto del- prodotti ortofrutticoli freschi. Il premio denomi- l’ecosistema. Per tali programmi i sostegni ven- nato “indennità comunitaria di ritiro” è deter- gono erogati attraverso la costituzione di un minato di anno in anno dall’Unione Europea ed fondo di esercizio, alimentato per il 50% da con- è corrisposto in base alla quantità di ortofrutta tributi comunitari e per il restante 50% dalle effettivamente commercializzata, alla scopo di Organizzazioni dei Produttori o dalle Associazioni indennizzare i produttori (attraverso le Orga- Ortofrutticoli Produttori. nizzazioni di Produttori) che rinunciano ad im- Quantitativo di pomodoro sequestrato Falso DOP San Marzano Tonnellate 525,84 Falso biologico Tonnellate 1.400,00 Concentrato di pomodoro cinese dichiarato nazionale Tonnellate 861,50 Privo di documentazione sulla tracciabilità Tonnellate 48,72 In cattivo stato di conservazione Tonnellate 1.217,00 Totale Tonnellate 4.053,06 I Marchi di qualità l settore ortofrutticolo risulta particolar- mercato sia tal quali sia trasformate. In molti mente ricco di prodotti a denominazione di ori- casi la denominazione di origine accompagna gine con particolare riguardo ai prodotti orticoli il prodotto trasformato. È molto importante ac- ed alcune specialità frutticole. certarsi che in questi ultimi siano realmente pre- In Italia vi sono alcune produzioni ortofrut- senti i prodotti a denominazione di origine. In ticole molto consistenti (come ad esempio il po- questo settore vi è una particolarità riservata modoro e gli agrumi) che vengono trasformate solo per la passata di pomodoro: la legge italiana dando origine ad importanti prodotti conservieri. pone l’obbligo di indicare in etichetta il Paese di Le produzioni ortofrutticole sono presenti sul provenienza dei pomodori utilizzati. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  31. 31. 30 Settore Settore Lattiero Dati Operativi Aziende controllate 268 Valore beni sequestrati € 13.612.000,00 Violazioni penali accertate 15 Violazioni amministrative accertate 86 Persone segnalate Autorità Giudiziaria 8Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  32. 32. Numero Verde 800 020 320 31Lattiero CasearioCaseario I Settore lattiero caseario l regime delle Quote Latte, istituito dalla Nel corso degli anni diversi allevatori non U.E. nel 1984 e che cesserà nel 2015, tende ad hanno provveduto al pagamento delle sanzioni equilibrare la produzione europea di latte bovino riferite alle eccedenze produttive. Nel 2009, al assegnando a ciascun Stato membro un Quanti- fine di sanare tale situazione, è stato emanato il tativo Nazionale Garantito, suddiviso in quota decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, che conver- consegne (latte conferito ai primi acquirenti cioè tito in legge il 09 aprile 2009, ha inciso profonda- caseifici o latterie) e in quota vendite dirette (latte mente sul sistema delle quote latte. Tra i princi- o prodotti trasformati venduti direttamente dal pali provvedimenti introdotti vi è la parificazione produttore al consumatore). Il quantitativo na- delle eccedenze produttive (tramite assegnazioni zionale garantito viene ripartito tra tutti gli alle- di nuove quote ai produttori con esubero produt- vatori, che possono pertanto produrre la quantità tivo) per la decorsa campagna produttiva, e che loro assegnata. Il latte prodotto in esubero è as- sarebbero state oggetto di multa. Inoltre, è stata soggettato al “prelievo supplementare” (chiamato prevista una rateizzazione a titolo oneroso delle comunemente “multa”), che attualmente ammonta multe precedentemente contratte per gli esuberi a € 27,83/Quintale. Tali somme sono versate men- produttivi. silmente dal produttore, tramite il primo acquirente, Per il periodo 2009/2010, su 27 Paesi solo ad A.G.E.A. (Agenzia per le Erogazioni in Agri- Danimarca, Paesi Bassi e Cipro sono respon- coltura). sabili di un superamento delle rispettive Al termine della campagna lattifera (che va quote nazionali pari a 70.000 Tonnellate. Da- dal 1° aprile al 31 marzo successivo) AGEA effet- cian Ciolos, Commissario Europeo all’Agricoltura tua la compensazione nazionale tra il latte pro- e allo Sviluppo Rurale, ha commentato: «nono- dotto in esubero e quello non prodotto rispetto alla stante la notizia che l’Italia è finalmente riu- quota posseduta. L’importo corrispondente all’esu- scita a rimanere entro le quote assegnatele, bero totale nazionale viene versato nelle casse il periodo di produzione 2009/2010 sarà ricordato dell’Unione Europea. Le somme versate in eccesso soprattutto per le gravi difficoltà incontrate dai vengono invece restituite totalmente o parzial- mercati di moltissimi Stati membri (...) confido mente ai produttori, sulla base di criteri di priorità che le proposte che presenterò in dicembre per- stabiliti dalla legge. metteranno ai produttori di latte di affrontare me- Il sistema, in apparenza molto lineare, risulta glio i mutamenti del mercato e creeranno più sta- invece assai complesso nella sua fase applicativa, bilità nel periodo fino alla cessazione del regime coinvolgendo nella gestione operativa diversi sog- delle quote nel 2015.» getti. I Marchi di qualità l settore lattiero caseario è tra i settori duzione del latte sino alla trasformazione ed alla più ricchi di prodotti a denominazione di origine o stagionatura, ottenendo così la certificazione DOP indicazione geografica. I prodotti che beneficiano o IGP. di questa tutela sono soprattutto i formaggi. Questi I segni distintivi del prodotto certificato sono devono attenersi a specifici disciplinari che ne impressi in modo indelebile sullo “scalzo” del for- regolamentano tutte le fasi produttive, dalla pro- maggio o all’esterno della confezione. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  33. 33. 32 Settore Oleario Settore Oleario Dati Operativi Aziende controllate 111 Proposte per la sospensione da aiuti comunitari 1 Segnalazioni alla Corte dei Conti 1 Valore beni sequestrati € 350.000,00 Violazioni penali accertate 5 Violazioni amministrative accertate 61 Persone segnalate Autorità Giudiziaria 4Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  34. 34. Numero Verde 800 020 320 33 I Settore oleario l comparto dell’olio d’oliva, dal l° gennaio coltivate a olivo nelle campagne prese a riferi-2006, nell’ambito della riforma della PAC è in- mento. In questa tipologia di aiuto permane, daglobato nel c.d. “regime disaccoppiato”. Per- parte dei produttori, l’obbligo dell’osservanza nel-tanto, anche per questo settore, è presente un pre- l’oliveto del “principio di condizionalità” affe-mio erogato in base ai titoli individuali assegnati rente al mantenimento delle buone condizionied è commisurato alla storicità della produzione agronomiche, della salute delle piante e il rispettoaziendale riconosciuta, ovvero alle superfici già ambientale.U Marchi di qualità na crescente sensibilità alla qualità l’indicazione obbligatoria dell’origine sul-dell’olio d’oliva è stata dimostrata nel corso degli l’etichetta per l’olio vergine ed extravergine dianni sia dai consumatori che dal legislatore na- oliva con il Regolamento n. 182/2009 entrato inzionale e comunitario. vigore il 1° luglio 2009. Dal lato della produzione, se innumerevolisono le aziende agricole che hanno scelto di pas-sare alla coltivazione degli ulivi con metodo bio-logico in ambito nazionale nell’anno 2010 è sa-lito a 39 il numero degli olii Extravergine diOliva che hanno ottenuto la Denominazionedi Origine Protetta (DOP), mentre un’olioExtravergine di Oliva ha ottenuto l’Indica-zione Geografica Protetta (IGP). La differenza qualitativa, a seconda dell’ori-gine geografica, dovuta essenzialmente agli usiagricoli e alle pratiche locali di estrazione dell’olio,ha indotto la Commissione Europea a prescrivereL Le principali frodi a frode più usuale nel settore oleario è difficile individuazione, consiste nel far passarequella di miscelare olio di semi con olio di oliva e per olio extra vergine d’oliva olii che all’originefarlo passare per olio extravergine d’oliva. In al- erano stati qualificati lampanti o maleodoranti.cuni casi è stato accertato che olio di semi colorato Questi, opportunamente trattati e con l’aggiuntaartificialmente con clorofilla e betacarotene era di modeste quantità di olii vergini di oliva, acqui-venduto per olio extravergine. stano, sotto l’aspetto chimico, parametri propri Un’altra frode più specialistica e raffinata, di dell’olio extravergine. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  35. 35. 34 Settore Tabacco Settore Tabacco Dati Operativi Aziende controllate 34 Proposte per la sospensione da aiuti comunitari 5 Segnalazioni alla Corte dei Conti 5 Contributi verificati € 988.795,54 Contributi illecitamente percepiti € 748.795,54 Valore beni sequestrati € 950.233,70 Violazioni penali accertate 8 Persone segnalate Autorità Giudiziaria 47Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  36. 36. Numero Verde 800 020 320 35 I Settore tabacco l settore del Tabacco è regolato dal Reg. Il settore vede ancora attività illecite di un(CE) n. 73/2009 del gennaio 2009 e dal D.M. 29 certo rilievo orientate a truffare l’Unione Europealuglio 2009. Pertanto, per il quadriennio 2010- con false documentazioni sulla titolarità dei ter-2013, gli aiuti saranno parzialmente disaccop- reni e sui livelli effettivi di produzione ed in talepiati dalla produzione in quanto il 50% confluirà ambito il Comando Carabinieri Politiche Agricolenel premio unico all’azienda, mentre il restante e Alimentari ha dato ulteriore impulso all’attività50% sarà utilizzato all’interno del Piano di Svi- di contrasto anche avvalendosi dei sistemi diluppo Rurale per finanziare programmi di ri- rilevazione aerofotogrammetrica.strutturazione. I punti essenziali della riforma prevedono:– il riconoscimento delle Associazioni dei Pro- duttori, delle imprese di prima trasformazione del tabacco e dei centri di acquisto;– la gestione del Fascicolo Aziendale;– il pagamento dell’aiuto condizionato alla pre- ventiva contrattazione e alla effettiva con- segna del prodotto. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  37. 37. 36 Settore Vitivinicolo Settore Vitivinicolo I l Settore Vitivinicolo del nostro Paese ri- veste un ruolo molto importante poiché l’Italia è tra i maggiori produttori di vino al mondo. Nel corso degli anni è stato oggetto di diversi interventi. A seguito della Nuova OCM Vino Comunita- ria sono stati recepiti i Regolamenti (CE) n. 479/2008 e n. 555/2008 definendo così un Programma Na- zionale di Sostegno del settore vitivinicolo per il quinquennio 2008/2013. Si tratta di un piano con- cordato con le amministrazioni regionali e con i rap- presentanti del mondo produttivo che prevede le se- guenti misure: – la “distillazione di crisi”, ove per alcune Regioni sono stati stanziati circa 27 milioni di euro; – la “vendemmia verde”, ritenuta una alternativa alla distillazione di crisi poiché consentirebbe di equilibrare il mercato evitando il verificarsi di ec- cedenze di prodotto; – l’“assicurazione del raccolto”, finalizzata a ga- rantire il reddito dei produttori; Altre misure tra cui l’abbassamento delle soglie minime per la presentazione dei progetti di promo- zione del vino sui mercati dei Paesi terzi, rispettiva- mente da 300.000,00 a 200.000,00 euro per i progetti presentati nella seconda e terza annualità e da 500.000,00 a 300.000,00 euro per i progetti presentati a decorrere dalla quarta annualità. lnoltre, per le piccole e medie imprese, è consen- tita la riduzione fino a 100.000,00 euro della soglia minima di accettazione dei progetti presentati dalle imprese così classificabili. Per questa misura è con- sentito, ove disponibile, l’intervento con fondi nazio- Dati Operativi Aziende controllate 27 Proposte per la sospensione da aiuti comunitari 1 Segnalazioni alla Corte dei Conti 1 Valore beni sequestrati € 1.450,00 Violazioni penali accertate 6 Violazioni amministrative accertate 6 Persone segnalate Autorità Giudiziaria 2Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari
  38. 38. Numero Verde 800 020 320 37 Settore vitivinicolo euro/ha. Analogo incremento è stato previsto in at- tuazione dell’articolo 10 bis del Reg CE n. 555/08. L’accesso alla misura è consentito a tutte le Regioni e Provincie autonome, fatta eccezione per la Re- gione Liguria, per la quale la misura è finanziata con i fondi dello Sviluppo Rurale. Altri aiuti nel settore vengono erogati per la distillazione dell’alcool che può essere ad uso commestibile (attraverso il conferimento di vino) o industriale (attraverso il conferimento di feccenali e regionali. Aumento del contributo medio per e vinacce). Inoltre, viene sovvenzionata una “di-la ristrutturazione e riconversione dei vigneti por- stillazione di crisi”, in caso di saturazione deltandolo dagli attuali 8.600,00 euro/ha a 9.500,00 mercato. I Marchi di qualità l vino di qualità è prodotto seguendo i di- DOCG, DOC e IGT, ma introduce alcune innova-sciplinari di produzione che costituiscono un zioni sostanziali tra cui le seguenti:insieme di vincoli qualitativi a cui attenersi nella – la procedura di riconoscimento delle DOPproduzione del vino e che può contenere, ad esem- e IGP, che si concluderà con l’iscrizione nel re-pio, la delimitaziore della coltivazione in un dato gistro comunitario delle DOP e IGP dei vini, av-territorio di origine dei vitigni da utilizzare, la verrà mediante una preliminare procedura na-gradazione alcoolometrica minima, la resa mas- zionale ed una successiva procedura comunitaria,sima delle uve per ettaro, ecc. comunque in via transitoria, esclusivamente Tale disciplinare è presente già per i vini IGT per le domande pervenute entro il l° agosto(Indicazione Geografica Tipica) e diventa progres- 2009. Si potrà continuare con la preesistentesivamente più restrittivo per le DOC (Denomina- procedura nazionale fino al 31 dicembre 2011;zione di Origine Controllata) e le DOCG (Deno- – la delimitazione della zona di vinificazioneminazione di Origine Controllata e Garantita) ed anche per i vini IGT;è diverso a seconda del tipo di vino. Agli inizi del – il sistema dei controlli di filiera, previsto2009 l’Unione Europea ha completato il nuovo anche per i vini IGT dovrà essere effettuato daquadro di norme sulla produzione e il commercio un organismo terzo. Tale sistema è teso a ga-del vino, varando il testo del regolamento con le rantire maggiore tutela sia del consumatore siadisposizioni sull’etichettatura e sulla prote- dei produttori.zione di DOP, IGP e menzioni tradizionali. Gli aspetti pertinenti le Denominazioni di Ori-Le regole introdotte garantiscono la protezione dei gine Protette e le Indicazioni Geografiche Protette,vini italiani DOC, DOCG e IGT che, a partire dal le menzioni tradizionali, l’etichettatura e la pre-1° agosto 2009, sono transitate automaticamente sentazione di determinati prodotti vitivinicoli sononel Nuovo Registro Comunitario delle DOP state previste da specifiche modalità di applica-e delle IGP. La nuova OCM vino per l’importante zione indicate nel Reg. (CE) n. 607/2009, recepitosettore dei vini DOP (corrispondenti alle DOCG e a livello nazionale con il D.Lgs. 08 aprile 2010,DOC) e IGP (corrispondenti alle IGT) sostanzial- n.61, “Tutela delle Denominazioni di Originemente non stravolge il sistema italiano delle e delle Indicazioni Geografiche dei vini”. Contro le Frodi Alimentari al Servizio dei Cittadini
  39. 39. 38 Settore Ittico Settore Ittico L’Acquacoltura nel mercato globale L’ acquacoltura è il settore agricolo che regi- stra una considerevole espansione nella glo- balizzazione dei mercati: più di 17 chili annui per ciascun abitante è il consumo procapite di pesce stimato nel recente Rapporto FAO sullo “Stato della pesca e dell’acquacoltura nel mon- do” (2010). L’Europa, insieme a USA e Giappone, è tra i maggiori acquirenti sui mercati internazionali in cui il primato dell’export globale spetta alla Cina, che copre un terzo dei 140 milioni di tonnellate di pesce commercializzato. Il tema centrale anche in questo settore è quello della sicurezza alimentare che appare orientare le produzioni di qualità delle colture ittiche all’intensificazione degli allevamenti “biologici” e, in ogni caso, a vigilare sull’apporto nel ciclo vitale degli antibiotici e degli ormoni. Le preoccupazioni del settore riguardano ovviamente anche la perdita delle biodiversità, l’alterazione della specie, le esigenze di ripopolamento ittico che quindi richiedono grande attenzione ai regimi di pesca regolamentata. Dati Operativi Aziende controllate 11 Contributi verificati € 525.000,00 Violazioni penali accertate 15 Valore beni sequestrati € 140.400,00 Violazioni amministrative accertate 4 Persone segnalate Autorità Giudiziaria 4Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari

×