Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
IL LIBRO
DI
HEINZ VON FOESTER:
SISTEMI CHE OSSERVANO
Casa Editrice Astrolabio, 1987
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTE...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
CHE COS’E’ LA REALTA’?
"Domanda: Allora, che cos'è la realtà?
Risp...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
BCL: LA CIBERNETICA DEL 2° ORDINE
- La cibernetica è la scienza ch...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
SISTEMI CHE OSSERVANO
- Cibernetica dei sistemi che osservano: spi...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
SCIENZA DEI SISTEMI AUTO-ORGANIZZATORI
- Il concetto di auto-organ...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
GLI OGGETTI SONO GENERATI DA AZIONI MOTORIE
«Nella mia teoria gli ...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
L’INFORMAZIONE NON ESISTE
«Il mondo «è come è», l’informazione è c...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
L’INFORMAZIONE E’ IL MODO IN CUI SI CAMBIA
«(…) le biblioteche non...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
LINGUAGGIO. L’APPARENZA CONTRADDICE LA FUNZIONE
«Nella forma appar...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
«E’ COME LO HAI DETTO»
«Nelle scuole di giornalismo si insegna un ...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
«PROGRESSIVA CORRUZIONE DELLA FACOLTA’ PERCETTIVA»
«(…) Nell’indiv...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
DISTORSIONI SEMANTICHE
Oltre ai «tranelli semantici» (reazione
pro...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
DISTORSIONI SEMANTICHE
2. LE RELAZIONI CONFUSE CON I PREDICATI
Que...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
DISTORSIONI SEMANTICHE
3. LA QUALITÀ CONFUSA CON LA QUANTITÀ
«(fut...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
DISTORSIONI SEMANTICHE
LA CASTRAZIONE
«Veniamo allevati in un mond...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“SISTEMI CHE OSSERVANO”
IL FUTURO: TENIAMOGLI APERTA LA PORTA
IL FUTURO
Definirò ‘domanda ...
IMPERATIVO ETICO ED ESTETICO
Marinella De Simone - CMLM 2015
“ IL CASTELLO DEI DESTINI INCROCIATI”
«Come nel sistema elioc...
Marinella De Simone - CMLM 2015
“ IL CASTELLO DEI DESTINI INCROCIATI”
GRAZIE!
Marinella De Simone
Complexity Institute
www...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Sistemi che osservano - al Complexity Literacy Meeting il libro presentato da Marinella De Simone

1,160 views

Published on

"Consiglio questo libro perché lo ritengo uno dei testi fondamentali per comprendere il pensiero sistemico e la sua evoluzione verso la teoria della complessità, un “classico” in questo ambito di studi. Ritengo che von Foerster sia uno di quei pensatori straordinariamente rari che hanno rivoluzionato radicalmente il nostro modo di essere nel mondo e che pertanto andrebbe studiato ancora oggi con grande attenzione."

Published in: Education
  • Be the first to comment

Sistemi che osservano - al Complexity Literacy Meeting il libro presentato da Marinella De Simone

  1. 1. IL LIBRO DI HEINZ VON FOESTER: SISTEMI CHE OSSERVANO Casa Editrice Astrolabio, 1987 Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO”
  2. 2. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” CHE COS’E’ LA REALTA’? "Domanda: Allora, che cos'è la realtà? Risposta: Ti racconterò una storia. Un prete islamico, un mullah, sta cavalcando sul suo cammello nel deserto quando vede tre uomini e dei cammelli in lontananza. Li raggiunge e li saluta, chiedendo loro la ragione di tanta tristezza. "Nostro padre è morto". "Questo è molto triste ma sicuramente Allah lo ha accettato. Vi deve aver lasciato qualcosa". "Ci ha lasciato quello che possedeva, questi 17 cammelli e ci ha chiesto di spartirli tra noi. Il fratello più vecchio dovrebbe avere metà dei cammelli, il secondo un terzo e l'ultimo un nono. Abbiamo provato a dividerli tra noi ma ci è risultato impossibile con 17 cammelli". Il prete comprende il problema, aggiunge il suo cammello e comincia a dividere: la metà di 18 è 9; un terzo è 6; un nono è 2. 9+6+2=17. A questo punto salta in groppa al suo cammello e si allontana".
  3. 3. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” BCL: LA CIBERNETICA DEL 2° ORDINE - La cibernetica è la scienza che studia i fenomeni di autoregolazione (controlli automatici e adattativi) e comunicazione (teoria dell'informazione), sia negli organismi viventi sia nei sistemi artificiali. - Al BCL nasce la «cibernetica del 2° ordine»: la cibernetica dei sistemi che osservano - Cibernetica del 1° ordine: dei sistemi osservati
  4. 4. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” SISTEMI CHE OSSERVANO - Cibernetica dei sistemi che osservano: spiegare i processi viventi e cognitivi come processi di computo (COMPUTO: nel senso letterale di COM-PUTARE = considerare le cose nel loro complesso) - Unificazione del problema della natura della vita e del problema della natura della cognizione: la vita è un processo cognitivo (epistemologia sperimentale: Mc Culloch e Varela; epistemologia genetica: Piaget) - Un sistema vivente (a differenza di un sistema artificiale) computa la sua stessa sopravvivenza: processo di auto-organizzazione
  5. 5. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” SCIENZA DEI SISTEMI AUTO-ORGANIZZATORI - Il concetto di auto-organizzazione diventa un paradosso se inteso come proprietà del sistema in se stesso, separandolo dall’osservatore - E’ la relazione tra osservatore e osservato che consente la chiusura dell’organizzazione del sistema osservato
  6. 6. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” GLI OGGETTI SONO GENERATI DA AZIONI MOTORIE «Nella mia teoria gli oggetti sono generati da azioni motorie, e sono «simboli di auto- comportamenti». Possono cioè dare al mio comportamento che è «palleggiare» il nome che è «palla». Così la palla è creata dal mio fare qualcosa. Per me prima c’è l’azione e poi la nominalizzazione» RELAZIONE TRA AZIONE E LINGUAGGIO
  7. 7. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” L’INFORMAZIONE NON ESISTE «Il mondo «è come è», l’informazione è ciò che ne tiriamo fuori. «I Sumeri scrivevano su delle tavolette che, una volta scoperte, ci han permesso di studiarli. All’inizio si credeva fossero lavori di studenti, pieni di errori di calcolo: 3x2=9, 2x3=8, errori catastrofici. Cinquant’anni dopo ci si è accorti che i segni non indicavano una moltiplicazione ma l’elevamento a potenza. Dipende da come si guarda alle cose; c’era senz’altro ‘conoscenza’ nelle tavole ma non c’era comprensione in chi le interpretava.»
  8. 8. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” L’INFORMAZIONE E’ IL MODO IN CUI SI CAMBIA «(…) le biblioteche non sono l’equivalente della conoscenza scientifica, la conoscenza è nella testa di chi fa scienza e di chi legge i libri presi nelle biblioteche. Non c’è passaggio di informazione, perché l’informazione non esiste. E’ nella mia testa e posso ‘sintonizzarmi’ con un altro, come in una danza, dopo la quale ne so più di prima. Questa danza è un dialogo parlato, scritto o letto con qualcuno. L’informazione è il modo in cui si cambia dopo il coinvolgimento con questo qualcuno.»
  9. 9. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” LINGUAGGIO. L’APPARENZA CONTRADDICE LA FUNZIONE «Nella forma apparente la posizione di colui che parla è di una persona separata dal mondo: io parlo del mondo. Nella funzione del linguaggio, colui che parla e il mondo non sono separati, sono una cosa sola in quanto sono parte del mondo, al suo interno. La forma apparente del linguaggio è monologica, la sua funzione è dialogica»
  10. 10. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” «E’ COME LO HAI DETTO» «Nelle scuole di giornalismo si insegna un motto: «Dillo com’è». Io proporrei piuttosto: «E’ come lo hai detto». I particolari che raccontano una storia acquistano realtà e definiscono, determinano la storia stessa.»
  11. 11. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” «PROGRESSIVA CORRUZIONE DELLA FACOLTA’ PERCETTIVA» «(…) Nell’individuo, i sintomi di questa malattia si manifestano attraverso una progressiva corruzione della sua facoltà di percezione; ed è il linguaggio a svolgere la funzione di agente patogeno, cioè di quell’agente che rende così contagiosa la malattia.»
  12. 12. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” DISTORSIONI SEMANTICHE Oltre ai «tranelli semantici» (reazione protettiva/aggressione; incursione/invasione, ecc.) esistono 3 coppie di concetti in cui un membro della coppia viene generalmente usato al posto dell’altro, così che il nostro modo di pensare ne risulta impoverito: 1. IL PROCESSO CONFUSO CON LA SOSTANZA Es.: informazione e conoscenza considerate come merci, mentre l’informazione è quel processo mediante il quale si acquisiscono delle conoscenze, e la conoscenza consiste in quei processi che integrano esperienze passate e presenti in modo da dar luogo a nuove attività
  13. 13. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” DISTORSIONI SEMANTICHE 2. LE RELAZIONI CONFUSE CON I PREDICATI Quello di confondere le relazioni con i predicati è diventato un passatempo politico. Nella proposizione «gli spinaci sono verdi», ‘verdi’ è un predicato; in «gli spinaci sono buoni», ‘buoni’ è una relazione tra la composizione chimica degli spinaci e l’osservatore che li assapora. Anche l’ «ordine» è uno di quei concetti che siamo stati abituati a cercare nelle cose, e non nel nostro modo di percepirle.
  14. 14. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” DISTORSIONI SEMANTICHE 3. LA QUALITÀ CONFUSA CON LA QUANTITÀ «(futurologi)- Il loro compito consiste nel confondere la qualità con la quantità, e ciò che essi producono sono ‘scenari futuri’ in cui le qualità restano le stesse, mentre a cambiare sono le quantità: più automobili, aerei più veloci, bombe più grosse e via dicendo. (…) Diagnosticando questa incapacità di percepire il cambiamento qualitativo, cioè un cambiamento delle attuali relazioni soggetto/oggetto e soggetto/soggetto, ci siamo avvicinati di molto alla radice dell’epidemia (…)».
  15. 15. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” DISTORSIONI SEMANTICHE LA CASTRAZIONE «Veniamo allevati in un mondo visto attraverso le descrizioni altrui, invece che attraverso le nostre stesse percezioni. Ciò comporta che invece di usare il linguaggio come uno strumento per esprimere pensieri ed esperienze, si accetti il linguaggio come uno strumento che determina i nostri pensieri e le nostre esperienze.» LA BANALIZZAZIONE Trasformazione degli studenti da imprevedibili «macchine non banali» a «macchine banali» «I test scolastici sono un mezzo per misurare il grado di banalizzazione. Se lo studente ottiene il punteggio massimo, ciò è segno di una perfetta banalizzazione: lo studente è completamente prevedibile, e quindi può essere ammesso nella società. Non sarà fonte di sorprese, né di problemi.»
  16. 16. Marinella De Simone - CMLM 2015 “SISTEMI CHE OSSERVANO” IL FUTURO: TENIAMOGLI APERTA LA PORTA IL FUTURO Definirò ‘domanda illegittima’ quella domanda di cui si conosca già la risposta. Non sarebbe affascinante immaginare un sistema di istruzione che chieda agli studenti di rispondere solo a ‘domande legittime’, cioè a domande le cui risposte siano ignote? (…) Se una società del genere esistesse, sono certo che vi si farebbero le più straordinarie scoperte. Tanto per fare un esempio, potrei citarne tre: 1. L’istruzione non è un diritto, né un privilegio: è una necessità. 2. L’istruzione consiste nell’imparare a fare domande legittime Una società che abbia fatto le precedenti due scoperte, riuscirà alla fine a farne una terza, la più utopica: 3. Quando B sta meglio, sta meglio anche A.
  17. 17. IMPERATIVO ETICO ED ESTETICO Marinella De Simone - CMLM 2015 “ IL CASTELLO DEI DESTINI INCROCIATI” «Come nel sistema eliocentrico, deve esistere un terzo che costituisca il punto di riferimento centrale. Questo terzo è la relazione tra l’Io e il tu, e questa relazione è L’IDENTITA’: Realtà = Comunità Quali sono le conseguenze di tutto ciò per l’etica e l’estetica? L’imperativo etico: Agisci sempre in modo da accrescere il numero delle possibilità di scelta L’imperativo estetico: Se desideri vedere, impara ad agire»
  18. 18. Marinella De Simone - CMLM 2015 “ IL CASTELLO DEI DESTINI INCROCIATI” GRAZIE! Marinella De Simone Complexity Institute www.complexityinstitute.it info@complexityinstitute.it marinelladesimone@gmail.com «La competenza comporta delle responsabilità. Il medico deve agire sulla scena dell’incidente. Non possiamo più permetterci di essere solo consapevoli spettatori del disastro globale. Dobbiamo far parte agli altri della competenza che possediamo, tramite la comunicazione e la collaborazione nel tentare di risolvere i problemi del nostro tempo. Questo è l’unico modo in cui possiamo adempiere le nostre responsabilità sociali e individuali di cibernetici che debbono mettere in pratica ciò che predicano.»

×