Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Complexity Literacy Meeting - Scheda del libro presentato da Roberto Masiero: "Artisti della fame"

63 views

Published on

Cosa e come mangiava l’australopiteco Lucy circa tre milioni di anni fa? Perché Kafka ha scritto un racconto dal titolo Un artista della fame? Cosa ha mosso un digiunatore quale Rabelais a scrivere Gargantua e Pantagruel e un poeta come Holderlin a intitolare una poesia Pane e vino? Quante volte abbiamo sentito la frase: l’uomo è ciò che mangia.

Published in: Food
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Complexity Literacy Meeting - Scheda del libro presentato da Roberto Masiero: "Artisti della fame"

  1. 1. COMPLEXITY INSTITUTE - APS Corso Genova 32 - 16043 Chiavari – GE - CF: 90059610106 www.complexityinstitute.it complex.institute@gmail.com LA SCHEDA DEL LIBRO PUBBLICATO: “ARTISTI DELLA FAME. STORIE DI VIVENTI ALLE PRESE CON IL CIBO” Dall’Autore: ROBERTO MASIERO 1. TITOLO: Artisti della fame; storie di viventi alle prese con il cibo 2. AUTORE: Roberto Masiero NOTE SULL’AUTORE: Roberto Masiero ama la vita e ascoltare le storie degli altri. Casualmente, è anche professore ordinario di Storia dell’architettura allo IUAV a Venezia. Ha pubblicato molti libri scientifici (così si usa dire) in varie lingue. Quelli che vuole ricordare sono: Estetica e architettura (Mulino 1999); Dalla Smart city alla smart land (Marsilio 2014); Paesaggio, paesaggi. Vedere le cose (Libria 2015); con Aldo Bonomi, La società circolare, fordismo, capitalismo molecolare, sharing economy (DeriveApprodi 2016). Ha curato molte mostre. È sostanzialmente indisciplinato. 3. CASA EDITRICE: DeriveApprodi 4. ANNO PUBBLICAZIONE: 2018 5. BANDELLA LATERALE con breve descrizione dei contenuti del “Libro Pubblicato” Cosa e come mangiava l’australopiteco Lucy circa tre milioni di anni fa? Perché Kafka ha scritto un racconto dal titolo Un artista della fame? Cosa ha mosso un digiunatore quale Rabelais a scrivere Gargantua e Pantagruel e un poeta come Holderlin a intitolare una poesia Pane e vino? Quante volte abbiamo sentito la frase: l’uomo è ciò che mangia. Viene da un grande filosofo dei primi dell’Ottocento, Ludwig Feuerbach. Sarebbe bene leggerla in tedesco: der Mensch ist, was er isst. L’astuto Ludwig gioca sull’analogia tra ist, che sta per “essere”, e isst, per “mangiare”. Vuoi vedere che non siamo ciò che mangiamo, ma siamo il mangiare stesso? O, meglio, l’Essere (scritto maiuscolo) è ciò che mangia e digerisce il mondo stesso, è ciò che vuole un mondo perché ha fame? Questo libro si interroga sul cibo nei suoi molti aspetti: il potere, il sapere, i filosofi, le arti (inclusa la musica, che qualcuno definisce cibo dell’anima). E questo per capire il gusto e il disgusto, l’eros, il dono, il tempo, la metamorfosi… perché tutto ciò che è vivente ha a che vedere con il cibo.
  2. 2. COMPLEXITY INSTITUTE - APS Corso Genova 32 - 16043 Chiavari – GE - CF: 90059610106 www.complexityinstitute.it complex.institute@gmail.com 6. INDICE DEI CAPITOLI PRINCIPALI Molti sono i capitoli del libro, tali per cui non vale la pena riportarli. Ma ciò che per l’autore è più importante è fare in modo che il lettore si inventi un proprio indice sul quale mettere in gioco la propria esperienza del cibo in quanto forma di conoscenza del mondo, di sé stessi e degli altri. 7. INDICARE LE POSSIBILI DECLINAZIONI IN AMBITO SISTEMICO E COMPLESSO CHE SCATURISCONO DALLA LETTURA DEL LIBRO: Mette in gioco con scritture stilisticamente e formalmente molto diverse tra loro i rapporti tra il cibo e una serie di temi o di questioni come il potere, l’eros, la politica, le arti, la complessità, il digitale, etc. etc. In fondo il libro allude, in modo sotterraneo, al fatto che è finito il tempo delle ricette e come ci insegna ogni teoria della complessità è necessario pensare continuamente a cosa succede quando metto in relazione la parte con il tutto o, se volete, un uovo con del latte (ma quanti modi ci sono di manipolare le uova o il latte?) e quindi praticare le logiche del quanto basta, in cucina del Q.b.

×