Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Complexity Literacy Meeting - Scheda del libro consigliato da Eusebio Balocco: "La psicoanalisi nelle terre di confine. Tra psiche e cervello"

242 views

Published on

Scheda del libro consigliato da Eusebio Balocco: "La psicoanalisi nelle terre di confine. Tra psiche e cervello" - presentato al Complexity Literacy Meeting Nazionale 2017 organizzato dal Complexity Institute

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Complexity Literacy Meeting - Scheda del libro consigliato da Eusebio Balocco: "La psicoanalisi nelle terre di confine. Tra psiche e cervello"

  1. 1. COMPLEXITY INSTITUTE - APS Corso Genova 32 - 16043 Chiavari – GE - CF: 90059610106 www.complexityinstitute.it complex.institute@gmail.com LA SCHEDA DEL “LIBRO CONSIGLIATO” Dal Lettore: Eusebio BALOCCO 1. TITOLO: La psicoanalisi nelle terre di confine – Tra psiche e cervello. EVENTUALE TITOLO EDIZIONE ORIGINALE 2. AUTORE/I Silvio MERCIAI e Beatrice CANNELLA Silvio Merciai è psichiatra e psicoanalista, membro della Società Psicoanalitica Italiana (SPI) ed ha insegnato Neurobiologia dell’esperienza relazionale all’Università della Valle d’Aosta. Beatrice Cannella, psicologa e psicoterapeuta, insegna Modelli Psicodinamici e le loro applicazioni presso l’Università della Valle d’Aosta. 3. CASA EDITRICE Raffaello CORTINA Editore 4. ANNO PUBBLICAZIONE: 2009 5. BANDELLA LATERALE con breve descrizione dei contenuti del “Libro Consigliato” Le “terre di confine” nelle quali ci conducono gli autori sono le neuroscienze: si esaminano i differenti aspetti dell’incontro che, tra difficoltà e resistenze, si è andato delineando tra psicoanalisi e scoperte neuroscientifiche, a partire dalle classiche proposte di Eric KANDEL e prestando attenzione sia allo scenario internazionale sia al mondo scientifico italiano. I capitoli sono dedicati ai temi fondamentali in questo ambito, del decision making della neuroeconomia alla neurobiologia dell’innamoramento, dall’uso dei cognitive enhancers ai dilemmi morali della neuroetica, dalle nuove concezioni dell’inconscio al concetto di libertà e di libero arbitrio, dalla teoria della mente all’empatia per poi dedicare un’attenzione speciale, e non senza rilievi critici, al fenomeno del mirroring e alle sue implicazioni per la psicologia e la psicoanalisi. La prospettiva in cui gli autori mostrano l’opportunità di questo dialogo è quella di superare ogni arroccamento disciplinare per promuovere la fondazione scientifica della psicoanalisi.
  2. 2. COMPLEXITY INSTITUTE - APS Corso Genova 32 - 16043 Chiavari – GE - CF: 90059610106 www.complexityinstitute.it complex.institute@gmail.com 6. INDICE DEI CAPITOLI PRINCIPALI Capitoli I ° - Alla ricerca di un nuovo paradigma. Un punto di contatto con la biologia. La prospettiva metodologica di interazione tra neuroscienze e psicoanalisi nella proposta di Eric KANDEL. Un clima di convergenze Psicoanalisi e cognitivismo classico Le neuroscienze cognitive La neuro psicoanalisi A contatto diretto con le neuroscienze II ° - Emozione e decisione Affetto ed emozione: Le ricerche di Joseph LeDoux; Le teorie di Antonio DAMASIO; La ricerca attuale sui correlati neurali delle emozioni Corticale o sottocorticale? Il modello di Jaak PANKSEPP (Alcune ipotesi sulla funzione del gioco) III ° - La Neurobiologia dell’esperienza relazionale La cognizione sociale I correlati neurali della cognizione sociale Il fenomeno del mirroring IV ° - Verso una nuova (neuro) psichiatria V ° - La psicoterapia psicoanalitica e l’incontro con le neuroscienze VI ° - Prospettive e problemi aperti Contro la neuro psicoanalisi (e non solo …) Che cosa si prova ad essere un cervello Un dialogo aperto Appendice Bibliografia
  3. 3. COMPLEXITY INSTITUTE - APS Corso Genova 32 - 16043 Chiavari – GE - CF: 90059610106 www.complexityinstitute.it complex.institute@gmail.com 7. PERCHE ’ CONSIGLIO QUESTO LIBRO (max. 300 parole) Il testo rappresentò, quando uscì, una sfida scientifica, culturale ed epistemologica. L’espressione “terre di confine” del titolo indica in modo preciso il crinale che gli autori percorrono con grande apertura, chiarezza, competenza e acume critico, per esplorare e connettere i due mondi – quello delle discipline psicologiche con la psicoanalisi e quello rappresentato sommariamente dal termine neuroscienze (= NS) – che sono molto distanti. Il primo infatti, lavora con un approccio metodologico idiografico, cioè in prima persona e l’altro nomotetico, in terza persona. Suggerisco la lettura del libro per tre motivi: 1. Ho conosciuto personalmente il dr. Silvio MERCIAI, l’ho frequentato per motivi di lavoro, quando incominciai ad occuparmi di NS e management, che è il mio attuale ambito di ricerca. L’intento era quello di non “buttare con l’acqua sporca anche il bambino”: cioè la mia formazione di base orientata da ipotesi psicoanalitiche. Sono consapevole di una possibile distorsione affettiva nei confronti del suo libro. 2. Per chi desidera introdursi ai territori di confine accennati, il volume rappresenta una sintesi accessibile, non esaustiva - oggi è impossibile tenere il passo con le numerosissime ricerche in corso – negli ambiti delle neuroscienze che più incidono sulla rappresentazione dell’uomo elaborata dalla psicoanalisi. Illustra i conflitti presenti nei diversi orientamenti psicoanalitici, espone gli interrogativi emergenti ed apre finestre di estremo interesse su alcuni territori che sono al centro della riflessione filosofica e religiosa. 3. Suggerisce infine molti interrogativi intriganti. Da un punto di vista classico: cervello e mente sono la stessa cosa? L’inconscio freudiano è lo stesso di quello delle NS? E in quale rapporto stanno? E’ sempre legittimo un approccio radicalmente riduzionistico? Da un punto di vista antropologico: chi siamo? Che cosa vuol dire essere un cervello? Ha senso parlare di “io”, di libero arbitrio? Che cos’è la coscienza? Le NS stanno producendo ricadute enormi dall’ambito sanitario a quelli più raffinati delle scienze umane, o a quelli industriali, come il neuro marketing e l’azienda 4.0.

×