Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Complexity Literacy Meeting - La scheda del libro pubblicato da Bettoni, Gandolfi, Sedda "Compliance & Management"

216 views

Published on

Scheda del libro pubblicato da Bettoni, Gandolfi, Sedda "Compliance & Management" - presentato al Complexity Literacy Meeting organizzato dal Complexity Institute ad Abano Terme dal 18 al 20 novembre 2016

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Complexity Literacy Meeting - La scheda del libro pubblicato da Bettoni, Gandolfi, Sedda "Compliance & Management"

  1. 1. COMPLEXITY INSTITUTE - APS Corso Genova 32 - 16043 Chiavari – GE - CF: 90059610106 www.complexityinstitute.it complex.institute@gmail.com LA SCHEDA DEL “LIBRO PUBBLICATO” Dall’Autore GIANFRANCO BETTONI, ALBERTO GANDOLFI, STEFANO SEDDA TITOLO: COMPLIANCE & MANAGEMENT – L’INTELLIGENZA DELLE REGOLE PER IL VANTAGGIO COMPETITIVO 2. AUTORI Gianfranco BETTONI, Alberto GANDOLFI, Stefano SEDDA NOTE SUGLI AUTORI GIANFRANCO BETTONI: esperienza ventennale come imprenditore e compliance manager in aziende italiane ed estere – socio fondatore ASSOCOMPLIANCE (Associazione Italiana per la Compliance alle regole) Firenze ITA – Direttore IAS International Compliance Business School (IAS REGISTER AG - SVIZZERA) – Compliance Consultant, Compliance Trainer and Compliance auditor free lance ALBERTO GANDOLFI: attivo dal 2000 alla AFG Partners di Lugano – Svizzera, vent’anni di esperienza nel management e in progetti di consulenza internazionali. Professore e ricercatore alla SUPSI (Università Professionale Svizzera Italiana – Canton Ticino CH) presso il Dipartimento di Scienze Aziendali e Sociali – autore di numerose pubblicazioni scientifiche e divulgative STEFANO SEDDA: Formatore e coach, ex manager di aziende multinazionali – socio fondatore di Energetic Coaching e di IAS International Compliance Business School (Svizzera) – Socio fondatore ASSOCOMPLIANCE (Associazione italiana per la conformità alle regole) 3. CASA EDITRICE FRANCO ANGELI 4. ANNO PUBBLICAZIONE ottobre 2016 5. BANDELLA LATERALE con breve descrizione dei contenuti del “Libro Pubblicato” Il compliance management come elemento organizzativo importante per la gestione della complessità della regole, gli aspetti culturali di approccio, la compliance come linguaggio organizzativo, il rapporto tra la compliance e l’esercizio di una leadership incisiva (Incisiveship) nell’organizzazione, il compliance world – mandatory and voluntary - , la compliance come focus di modello di organizzazione. 6. INDICE DEI CAPITOLI PRINCIPALI INTRODUZIONE – Dentro le regole – il Glocal Compliance Management System © CAP.1 La sfida: Non farsi sommergere dalla Complessità CAP.2 Le regole, l’intelligenza organizzativa e il ruolo della Compliance CAP 3 Il sistema organizzativo e la compliance CAP 4 Il modello di leadership e il modello di compliance – l’Incisiveship CAP 5 Compliance e progettazione organizzativa
  2. 2. COMPLEXITY INSTITUTE - APS Corso Genova 32 - 16043 Chiavari – GE - CF: 90059610106 www.complexityinstitute.it complex.institute@gmail.com CAP 6 Il Compliance World – Mandatory and Voluntary CAP 7 Il Glocal Compliance Management System © CONCLUSIONI Una sfida epocale APPENDICI E BIBLIOGRAFIA 7. INDICARE LE POSSIBILI DECLINAZIONI IN AMBITO SISTEMICO E COMPLESSO CHE SCATURISCONO DALLA LETTURA DEL LIBRO: La compliance alle regole è una sorta di convitato di pietra nell’ambito dell’organizzazione di qualsiasi entità sociale ed economica. L’approccio più tipico alla gestione delle regole è che spesso viene considerata come un fatto acquisito da chi nelle organizzazioni ha la responsabilità di gestirne i diversi processi; le regole poi sono spesso viste come una sorta di grado di vincolo all’ideale piena libertà d’azione dell’organizzazione e la loro gestione più tipica è quella di una logica di tipo reattivo ed adattativo specializzato. Nella realtà dei fatti le regole ci sono e sono sempre più numerose, complesse, articolate e interdipendenti tra di loro. La nostra esperienza pone l’accento quindi sul fatto che l’approccio alla loro corretta gestione “in compliance” non possa più essere un dato acquisito, ma debba essere consapevole, sistemico e proattivo, pena la messa a repentaglio della continuità operativa e della sopravvivenza di lungo periodo dell’organizzazione stessa. L’approccio deve inoltre tenere conto che, secondo quanto elaborato anche da W. Ross ASHBY (psichiatra e cibernetico inglese del ‘900) nella sua Legge della Variabilità Necessaria, la complessità delle regole deve essere vista come un sistema complesso che per essere coerentemente e correttamente gestito debba strutturarsi con una modalità di comportamenti che debba avere una varietà o complessità almeno pari (o superiore) alla varietà e complessità che l’organizzazione deve affrontare. In ambito sistemico è quindi ragionevole, a nostro giudizio, ipotizzare che le organizzazioni debbano affrontare la gestione della compliance come fattore organizzativo proprio ed interagente con tutti gli altri fattori dell’organizzazione che concorrano alla creazione del valore dell’organizzazione stessa. Le organizzazioni devono prevedere e strutturare un vero e proprio sistema di gestione della compliance.
  3. 3. COMPLEXITY INSTITUTE - APS Corso Genova 32 - 16043 Chiavari – GE - CF: 90059610106 www.complexityinstitute.it complex.institute@gmail.com 8. COME SI DIFFERENZIA DA ALTRI TESTI SIMILI? (EVENTUALE) Relativamente a quanto abbiamo potuto analizzare, non ci è parso di trovare specifiche pubblicazioni sul tema, se non una abbondante produzione bibliografica relativa alla Compliance in ambito bancario, assicurativo e del finance, legata agli obblighi di autorizzazione al funzionamento delle organizzazioni che operano in questi settori. Una compliance quindi che potremmo definire settoriale. L’obiettivo del libro è quello di proporre un punto di vista che ponga l’attenzione sul fatto che la compliance è un elemento decisivo per la sopravvivenza delle organizzazioni nel lungo periodo, ma che spesso questo elemento è trascurato. L’approccio alla gestione della compliance nelle organizzazioni è quasi sempre di tipo reattivo e specializzato e mai proattivo e sistemico. La complessità del Compliance World, che le organizzazioni devono quotidianamente affrontare, non consente più una visione di questo tipo, previa un’efficienza e un’efficacia sistemica ed economica non adeguata, che può arrivare a pregiudicare la sopravvivenza di lungo periodo delle organizzazioni (i più o meno recenti casi Siemens, Volkswagen, Riva Taranto, Thyssen, Samsung, Parmalat, fino al caso ENRON degli anni 90, sono i fatti più eclatanti). E’ un aspetto organizzativo che riguarda tutte le organizzazioni, profit e no profit, di qualsiasi Paese e dimensione, dei vari settori e mercati.

×