Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

10 tesi sull'impresa di Anna Grandori - - Al Complexity Literacy Meeting il libro presentato da Dario Simoncini

701 views

Published on

La questione affrontata con coraggio dalla Grandori è centrale: se desideriamo trasformare il modello d’impresa dominante è necessario metter in discussione i suoi presupposti fondanti.
Si tratta di un breve saggio; di un “piccolo, affascinante e prezioso gioiello” attraverso il quale la Grandori dona ai lettori la propria saggezza scientifica maturata in molti anni di riflessioni e insegnamenti.

Published in: Leadership & Management
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

10 tesi sull'impresa di Anna Grandori - - Al Complexity Literacy Meeting il libro presentato da Dario Simoncini

  1. 1. 10 TESI SULL’IMPRESA di Anna Grandori 3° COMPLEXITY LITERACY MEETING - ABANO TERME 18/20 NOV 2016 LIBRO CONSIGLIATO DA SIMONCINI DARIO Professore ordinario di Organizzazione aziendale. ***** In Bocconi e’ stata Presidente del CROMA (Centro di Ricerca sull’ Organizzazione e Management), Direttore Istituto di Organizzazione e Sistemi Informativi e Direttore del PhD in Administration and Management.
  2. 2. 10 TESI SULL’IMPRESA di Anna Grandori 3° COMPLEXITY LITERACY MEETING - ABANO TERME 18/20 NOV 2016 LIBRO CONSIGLIATO DA SIMONCINI DARIO SCOPO: stimolare il dialogo su principi e materiali per disegnare ed attuare nuove architetture organizzative SORGENTE: ripensamento di fondo ! sull’organizzazione del nostro sistema economico CRISI: necessita’ di un profondo cambiamento delle CONCEZIONI e delle PRATICHE oggi considerate normali PROTAGONISTI: crisi dell’istituzione impresa, ! precisamente del modo in cui sono governate ed organizzate COSA FARE: riformare concetti e linguaggio L’IDEA DEL LAVORO
  3. 3. 10 TESI SULL’IMPRESA di Anna Grandori 3° COMPLEXITY LITERACY MEETING - ABANO TERME 18/20 NOV 2016 LIBRO CONSIGLIATO DA SIMONCINI DARIO TRE ASSUNZIONI FORTI DA TRASFORMARE
  4. 4. SONO OPERATIVE LE CONDIZIONI E LE REGOLE DEL GIOCO ! CHE RENDONO IL FUNZIONAMENTO DEL LIBERO MERCATO ! EFFICACE (MIGLIOR USO ) ED EFFICIENTE (MIGLIOR QUANTITA’) C’E’ UNA SOLA ALTERNATIVA AL MERCATO: LA GERARCHIA! FIORITURA DI DILEMMI. DICOTOMIE TRA MERCATO E GERARCHIA, ! TRA MERCATO E STATO, TRA LIBERTA’ E REGOLE CIO’ CHE E’ … E’ COME DOVREBBE ESSERE. PERCHE’ E’ IL RISULTATO! DI CIO’ CHE COMPIE L’UOMO RAZIONALE PERSEGUENDO IL MASSIMO PROFITTO CON IL MINOR COSTO POSSIBILE
  5. 5. DIECI LUOGHI COMUNI DA CONFUTARE …
  6. 6. … CON DIECI TESI SU CUI RIFLETTERE E DIALOGARE
  7. 7. L’impresa privata è qualcosa di proprietà di qualcuno I proprietari sono coloro che acquistano le risorse Una persona giuridica non è un insieme di cose e non può avere un padrone. Nel modello costituzionale non sono i rapporti di potere a regolare la co-operazione Il “diritto” ha la funzione di offrire protezione e garanzia alle identità dei contraenti in un ambiente incerto e rischioso con la dinamiche imprevedibili. La “societas” permette che le finalità vengano perseguite con libertà e creatività L’impresa è un contratto di società che crea una entità terza rispetto ai contraenti; attenua le individualità ed obbliga anche la proprietà a servire un fine soprastante La “societas” rende istituzionale la forma e le regole del gioco per una identità di ordine superiore che emerge dallo sviluppo delle attività co-operative delle identità dei contraenti
  8. 8. Se l’impresa è privata il proprietario può disporne come vuole La proprietà vuole il profitto o il valore per i proprietari Ragione fondante dell’impresa è l’incertezza sull’evoluzione degli eventi e sulle azioni da mettere in campo per la finalità collettiva. Azioni nuove e nuovi usi delle risorse Nella sua veste giuridica l’impresa si fonda per permettere la co- operazione verso la creazione di comportamenti collettivi desiderati in contesti complessi, rischiosi ed incerti E’ necessario focalizzarsi sul capitale umano basato sulla conoscenza. al quale è necessario riconoscere l’investimento e un titolo a diritti di proprietà. L’idea e con essa la conoscenza è generatrice di un sistema co- operativo di cui il capitale umano è parte essenziale. Il contratto societario va oltre la dicotomia tra individui e conoscenza
  9. 9. Gli obiettivi d’impresa devono ! essere allineati al profitto o al valore Se l’impresa non persegue il profitto! viene espulsa dal mercato L’impresa ha una costituzione che parla di valori e principi ispiratori nel perseguire “interessi”. L’impresa limita la pressione individualista e gli obiettivi devono essere liberi L’impresa è una istituzione complessa che favorisce la continua co-operazione. Il profitto è un risultato numerico e non una guida. Il dilemma dell’interpretazione dominante è che qualunque tentativo di riconcettualizzare il valore dell’impresa finisce con il cercare “come misurarlo” C’è una lista senza fine di imprese di successo che non pongono tra i loro scopi fondanti la realizzazione del profitto ma progetti sociali, sogni e visioni “reali” di trasformazione del mondo
  10. 10. L’organizzazione dell’impresa privata è la gerarchia basata sull'autorità La flessibilità dei contratti di lavoro dipendente è ! data dal crescente diritto di recesso Ordine delle cose sacre hierai archein e si collega all’emergenza di sistemi complessi con vincoli e possibilità (cessione di diritti) La natura dell’impresa non ha nulla a che fare con la gerarchia intesa come potere centrale. Funziona solo in presenza di concentrazione delle conoscenze essenziali. Molte imprese sono decentrate o circolari La ragion d’essere del contratto di lavoro a tempo indeterminato è la sua necessaria flessibilità in relazione alle dinamiche incerte dell’opera Un nuovo modo di vedere la dignità del lavoro come impegno delle reti di imprese a farsi carico del percorso di sviluppo ed attivazione delle capacità personali
  11. 11. La democrazia dell’impresa privata si limita alla collaborazione, partecipazione o co-gestione in una cosa altro da sé La responsabilità sociale è una opzione volontaria a bilanciamento degli scopi di profitto Se si assume un presupposto partecipativo si può comprendere la diffusione di nuove forme o r g a n i z z a t i v e c o n a s s e t t i organizzativi democratici L’impresa è una società democratica fondata su una costituzione interna che può essere diversa tra impresa e impresa ma mai considerare le persone altro da sé La responsabilità sociale non è un optional ma una funzione fondamentale dell’impresa come istituzione E’ il tratto connotativo della responsabilità che caratterizza il dominio sociale e costituzionale dell’impresa. Non è uno scopo volontario ma uno scopo intrinseco alla sua costituzione
  12. 12. ! NON AVER DIGERITO LA EFFETTIVA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA! DELLA SOCIETA’ E DEL DIRITTO AVVENUTA NEL CORSO DEL ‘900! ! NON SI ABBANDONA LA CONVINZIONE CHE C’E’ UN MODO CAPITALISTICO DI ORGANIZZARE LA PRODUZIONE IN UN MERCATO CHE ORGANIZZA GLI SCAMBI ! ! DUE PILASTRI INSCINDIBILI CHE FONDANO L’ECONOMIA ! IL PECCATO DI TUTTI I PECCATI SEMBRA ! PERO’ ANCORA PIU’ GRANDE!
  13. 13. 10 TESI SULL’IMPRESA di Anna Grandori 3° COMPLEXITY LITERACY MEETING - ABANO TERME 18/20 NOV 2016 LIBRO CONSIGLIATO DA SIMONCINI DARIO LA PROPOSTA DEL LAVORO UN! GOVERNO! COSTITUZIONALE! D’IMPRESA FINALITA’! SOCIALI FINALITA’! REALI FLEXIBLE PURPOSES &! FLEXIBLE STRUCTURES GRAZIE! DARIOSIMONCINI@GMAIL.COM

×