Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Commodore 65 – la storia
di Carlo Pastore
Da dove partiamo? Senza dubbio da qui….
1. Personal computer più venduto di tutti i tempi
2. Audio e video senza rivali ne...
Nel 1985 vide la luce quel che doveva essere il successore del C64, il Commodore 128
Fu realmente così? No.
Il Commodore 1...
Che fare dunque?
Il Commodore 64 era la maggior fonte di guadagno per l’azienda che ancora non aveva trovato un degno sost...
Da Commodore 64 DX si passò nel breve termine a Commodore 65
Caratteristiche tecniche della CPU
La CPU 4510 è un microcontrollore a 8 bit realizzato in tecnologia
CMOS 2 micron a dopp...
Caratteristiche tecniche della GPU
La nuova unità grafica del Commodore 65 rappresenta un netto
miglioramento del già perf...
Caratteristiche tecniche del controller
Il chip è una interfaccia disco MFM* . Richiede l' uso di una RAM esterna da 512
b...
Caratteristiche tecniche del chip
recupero basato su un elenco delle sequenze di comandi DMA
capacità di concatenare più s...
Caratteristiche tecniche del Commodore 65
La CPU denominata CSG 4510 R3 è una versione personalizzata del chip 4502 combin...
Postazione di sviluppo impiegata da William Gardei durante la progettazione del
Commodore 65
Questo l’aspetto finale di un
Commodore 65
Drive esterno per Commodore 65 (denominato 1565)
Espansione di memoria da 1 Mb per C65
Schermata del Commodore 65 all’accensione
Scheda madre di Commodore 65 revisione 2b completa
Commodore 65 con alimentatore originale. I primi alimentatori erano quelli del C64 modificati
L’adesivo in alto sulla dest...
Disegno originale della CPU 4510
Questo foglio accompagnava le unità prototipo che venivano
spedite per i test presso le divisioni Commodore
Descriveva le ...
Riassunto di un fallimento – Commodore 65 mai commercializzato
L’esiguità del gruppo di sviluppo e le iniziali difficoltà ...
Commodore 65 – La storia …… dettagliata e completa
La mia storia del Commodore 65 anche in lingua inglese nel
libro di David Pleasance
Pastore - Commodore 65 - La storia
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Pastore - Commodore 65 - La storia

343 views

Published on

Il Commodore 65 è un prototipo di personal computer che Commodore avrebbe dovuto mettere in commercio quale successore del Commodore 64. Purtroppo la sua realizzazione si fermò appunto allo stadio prototipale. Racconterò l'affascinante storia del suo sviluppo ed il perchè della soppressione del progetto ormai ad un passo dalla immissione in commercio.

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Pastore - Commodore 65 - La storia

  1. 1. Commodore 65 – la storia di Carlo Pastore
  2. 2. Da dove partiamo? Senza dubbio da qui…. 1. Personal computer più venduto di tutti i tempi 2. Audio e video senza rivali nel 1982 3. Enorme parco software 4. Prezzo concorrenziale
  3. 3. Nel 1985 vide la luce quel che doveva essere il successore del C64, il Commodore 128 Fu realmente così? No. Il Commodore 128 pur essendo macchina evoluta (128 Kb di RAM, basic 7.0, possibile clock a 2 Mhz) non conservava compatibilità con il C64 se non nella modalità specifica e fu snobbato dalle software house che non rilasciarono molti programmi per la modalità 128. Il comando più usato per questa macchina era di fatto Go64
  4. 4. Che fare dunque? Il Commodore 64 era la maggior fonte di guadagno per l’azienda che ancora non aveva trovato un degno sostituto Nell’ancor florido segmento 8-bit la vastissima gamma di software per ogni uso disponibile per Commodore 64 ne faceva il computer più appetibile L’esplorazione del segmento 16-bit con Amiga iniziato nel 1985 ancora non produceva i suoi frutti e di fatto la dirigenza Commodore neanche ben sapeva cosa fare del nuovo nato Giunse il 1987….. Uno sparuto gruppo di giovani ingegneri venne collocato alla realizzazione di quel che doveva essere un Commodore 64 evoluto, potente, appetibile per la grande massa di utenti del Commodore 64 All’inizio venne chiamato Commodore 64 DX e si intraprese la progettazione proprio sperimentando sulle boards del C64
  5. 5. Da Commodore 64 DX si passò nel breve termine a Commodore 65
  6. 6. Caratteristiche tecniche della CPU La CPU 4510 è un microcontrollore a 8 bit realizzato in tecnologia CMOS 2 micron a doppio metallo con alta velocità e basso consumo energetico. Il circuito integrato è un dispositivo completamente statico che contiene un microprocessore avanzato 6502 (65CE02), quattro timer di intervallo indipendenti a 16 bit, due clock giornalieri di 24 ore (AM/PM) con allarme programmabile per ognuno, canale I/O seriale full-duplex (UART) con generatore di baud rate programmabile, funzione di mappa della memoria integrata per indirizzare fino a 1 megabyte di memoria, due registri shift a 8 bit per I/O seriale sincrono e 27 linee di I/O singolarmente programmabili. La frequenza del clock è di 3.54 Mhz. Victor chip – CSG 4510 – CPU – disegnato da Victor Andrade Nacque per modifica del chip 4502
  7. 7. Caratteristiche tecniche della GPU La nuova unità grafica del Commodore 65 rappresenta un netto miglioramento del già performante chip grafico VIC-II del Commodore 64. Ha la capacità di riprodurre a schermo 256 colori contemporaneamente prelevati da una palette di 4096 colori. Le risoluzioni grafiche disponibili sono 320x200 (con appunto massimo 256 colori contemporanei a schermo), 640x200 (medesimo numero di colori possibili a schermo), 640x400 (limitando il numero di colori a 16), 1280x200 (sempre 16 colori a schermo), 1280x400 (con 4 colori a schermo). In modalità testo sono possibili 40 od 80 colonne per 25 righe. Sincronizzabile con una fonte video esterna, possiede un controller DMA integrato. Il clock interno può raggiungere i 3.58 Mhz. Bill chip – CSG 4567 – GPU – disegnato da William Gardei
  8. 8. Caratteristiche tecniche del controller Il chip è una interfaccia disco MFM* . Richiede l' uso di una RAM esterna da 512 byte come buffer di cache dati. Questa interfaccia è in grado di eseguire letture e scritture su dischetti formattati MFM, nonché letture e scritture di tracce complete in formato libero. Può anche formattare i dischetti. Incorpora anche la logica per il movimento della testina di lettura-scrittura e per il movimento del motorino. L’integrato contiene la logica di controllo del lettore di floppy disk esterno (Commodore 1565). Fornisce inoltre un simulatore di indice per quei lettori che non lo posseggono in modo nativo. * Modified frequency modulation (MFM) è uno schema di codifica utilizzato per codificare i dati presenti nella maggior parte dei floppy disk. È stato introdotto nel 1970 con l'hard disk IBM 3330. Hardware compatibile con questo formato si può trovare nel Commodore Amiga così come nelle macchine compatibili IBM. MFM parte da una modifica dell'originale FM utilizzato per codificare dati su floppy disk a bassa densità e i primi hard disk. A causa dello spazio minimo tra i flussi di transizione, MFM può immagazzinare dati a densità più elevata rispetto a FM. È in grado di gestire un flusso dati di 250-500 Kbit/s sui dischi standard da 5¼" and 3½". MFM era utilizzato anche nei primi hard disk prima dell'arrivo di codifiche più efficienti come RLL ed attualmente è considerato obsoleto nella tecnologia magnetica. Floppy disk controller chip – CSG4165 F011 – disegnato da Paul Lassa
  9. 9. Caratteristiche tecniche del chip recupero basato su un elenco delle sequenze di comandi DMA capacità di concatenare più sequenze di comandi DMA accesso diretto all’intera memoria di sistema blocchi di memoria lunghi sino a 64Kb possibilità di impiegare blocchi a finestra con la funzione modulus le operazioni DMAgic generano accessi al chip video (VIC) ed al DMA esterno le operazioni DMAgic possono in via opzionale accedere agli interrupt di sistema le operazioni di DMAgic che vengono interrotte possono essere riprese o cancellate gestione del flusso di dati per i dispositivi di input/output gestione indipendente della memoria per sorgente/destinazione gestione indipendente della direzione di trasferimento della memoria tra sorgente e destinazione abilitazione indipendente di modulus per sorgente e destinazione puntatore fisso indipendente per sorgente e destinazione DMAgic – CSG 4151 DMA controller – disegnato da Paul Lassa
  10. 10. Caratteristiche tecniche del Commodore 65 La CPU denominata CSG 4510 R3 è una versione personalizzata del chip 4502 combinato con due schede di interfaccia complesse MOS 6526 (CIA), un' interfaccia seriale UART e un mappatore di memoria per consentire uno spazio indirizzabile di 1MB Frequenza di clock a 3,54 MHz Un nuovo chip grafico VIC-III chiamato CSG 4567 in grado di produrre 256 colori a partire da una tavolozza di 4096 colori; le modalità disponibili sono 320×200×256,640×200×256,640×400×400×16,1280×200×16, e 1280×400×4 Supporta tutte le modalità video di VIC-II Modo di testo con 40/80 × 25 caratteri Sincronizzabile con sorgente video esterna (genlock) Controllore DMA integrato (chip custom DMAgic) Due chip audio CSG 8580R5 SID che producono suono stereo Controllo separato (sinistra/destra) per volume, filtro e modulazione 128 kB RAM, espandibile fino a 8 MB utilizzando una porta di espansione RAM simile a quella del Commodore Amiga 500 128 kB ROM Commodore BASIC 10.0 Un' unità floppy disk DSDD da 3½" Tastiera con 77 tasti e blocco cursore direzionale a T invertita
  11. 11. Postazione di sviluppo impiegata da William Gardei durante la progettazione del Commodore 65
  12. 12. Questo l’aspetto finale di un Commodore 65
  13. 13. Drive esterno per Commodore 65 (denominato 1565)
  14. 14. Espansione di memoria da 1 Mb per C65
  15. 15. Schermata del Commodore 65 all’accensione
  16. 16. Scheda madre di Commodore 65 revisione 2b completa
  17. 17. Commodore 65 con alimentatore originale. I primi alimentatori erano quelli del C64 modificati L’adesivo in alto sulla destra reca scritto in cinese «non correggere»; cosa non lo sapremo mai
  18. 18. Disegno originale della CPU 4510
  19. 19. Questo foglio accompagnava le unità prototipo che venivano spedite per i test presso le divisioni Commodore Descriveva le modalità di accensione ed impiego del prototipo
  20. 20. Riassunto di un fallimento – Commodore 65 mai commercializzato L’esiguità del gruppo di sviluppo e le iniziali difficoltà economiche in cui versava Commodore dopo il flop della serie 264, dilatarono a dismisura i tempi di sviluppo. La macchina, iniziata nel suo concepimento nel 1987, per Natale del 1990, data per la quale era stata programmata l’apparizione sul mercato, non fu pronta. Erano stati allestiti solo 205 prototipi, equipaggiati con la scheda incompleta revisione 2b, che spediti nelle varie sedi Commodore sparse per il mondo dovevano fare da postazioni test (alcuni recavano con se anche prototipo della espansione di memoria da un megabyte). Per questo, considerata ormai una realtà sorpassata quella degli 8 bit nel 1991, il progetto fu cancellato. La chiusura, comunque, non fu una spesa irrisoria per Commodore. Anni di sviluppo, risorse impiegate per sviluppare chips custom e PCBs nonché case in materiale plastico, impoverirono ulteriormente le casse dell’azienda. In definitiva quello che si rivelava un ottimo progetto alla fine degli anni 80 era stato tramutato nell’ennesimo disastro finanziario. Una curiosità? Unico recuperato per altro impiego tra i chip custom fu la CPU (CSG 4510) che venne destinata alla gestione del display del Commodore CDTV CR (la seconda versione del Commodore CDTV). Commercializzato? No, mai. Anche quello restò un prototipo
  21. 21. Commodore 65 – La storia …… dettagliata e completa
  22. 22. La mia storia del Commodore 65 anche in lingua inglese nel libro di David Pleasance

×