Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Rigoletto

615 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Rigoletto

  1. 1. RIGOLETTO Melodramma in tre atti Musica di Giuseppe VERDI Libretto di Francesco Maria PIAVE Prima esecuzione: 11 Marzo 1851, Venezia.
  2. 2. Personaggi: Il Duca di Mantova (tenore) Rigoletto, buffone di Corte (baritono) Gilda, figlia di Rigoletto (soprano) Sparafucile (basso) Maddalena, sorella di Sparafucile (contralto) Giovanna, custode di Gilda (mezzo-soprano) Il Conte di Monterone (baritono) Marullo, cortigiano (baritono) Borsa, cortigiano (tenore) Il Conte di Ceprano (basso) La Contessa di Ceprano (mezzo-soprano) Usciere di Corte (basso) Paggio della Duchessa (mezzo-soprano)
  3. 3. Musicato su libretto di Francesco Maria Piave, si ispira al dramma di Victor Hugo "Le roi s'amuse" andato in scena a Parigi nel Novembre del 1832; l'opera fu rappresentata per la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia l'11 Marzo 1851.
  4. 4. A Francesco Maria Piave a Venezia da Busseto, 28 aprile 1850 Credo non vi sarà più nulla a dire sul contratto. Brenna mi scrive per Kean: eppure è un bel sogetto e voi lo vedrete quando col tempo lo farò. Ma, non se ne parli più. Stradella è appassionato, ma è meschino e tutte le posizioni sono vecchie e comuni. Un povero artista che s’innamora della figlia di un patrizio, che la ruba, che dal padre è perseguitato, sono cose che non presentano nulla di grande, nulla di nuovo. Non conosco Stifelius, mandamene uno schizzo. Il Conte Herman di Dumas lo conosco: non si può fare (...). Difficilmente troveremo cosa migliore di Gusmano il Buono, nonostante avrei un altro sogetto che se la polizia volesse permettere sarebbe una delle più grandi creazioni del teatro moderno [prima di moderno c’era tragico, poi cancellato]. Chi sa! hanno permesso l’Ernani potrebbe (la polizia) permettere anche questo, e qui non ci sarebbero congiure. Tentate! Il sogetto è grande, immenso, ed avvi un carattere che è una delle più grandi creazioni che vanti il teatro di tutti i paesi e di tutte le epoche. Il sogetto è Le Roi s’amuse, ed il carattere di cui ti parlo sarebbe Tribolet che se Varese è scritturato nulla di meglio per Lui e per noi. P. S. Appena ricevuta questa lettera mettiti quattro gambe: corri per tutta la città, e cerca una persona influente che possa ottenere il permesso di fare Le Roi s’amuse. Non addormentarti: scuotiti: fà presto. Ti aspetto a Busseto ma non adesso, dopo che avranno scelto il sogetto. Giuseppe Verdi
  5. 5. "Rigoletto" è la prima delle opere di Verdi che- assieme a "Traviata" e "Il Trovatore" - compone la cosiddetta "trilogia popolare"
  6. 6. Il successo fu immediato, ma la sua messa in scena alquanto difficoltosa per l'ostracismo posto in atto dalla censura austriaca (ricordiamo che in quel tempo Venezia faceva parte dell'Impero Austro Ungarico); ciò in quanto il dramma di Hugo era imperniato su un autentico Re, Francesco I di Francia, ed a quei tempi non era certamente conveniente rendere di dominio pubblico i vizi delle case regnanti. Il problema fu risolto da un modesto funzionario di censura, Carlo Martello, che suggerì all'autore di spostare l'azione dalla Corte di Francia a quella di Mantova, ormai da tempo scomparsa; in realtà anche così vi era un preciso riferimento a Vincenzo I Gonzaga, principe dai molti vizi e dalle poche virtù, ma la censura austriaca fu molto più tollerante.
  7. 7. Busseto, 30 dicembre 1850, nella casa d’abitazione del Maestro Giuseppe Verdi. In relazione all’incarico ricevuto con ordine 27 dicembre dalla Presidenza della Società proprietaria del gran Teatro la Fenice di Venezia, il sottoscritto Segretario della Presidenza stessa invita il Sig. Maestro Verdi a concretare i cambiamenti ai quali consente di assoggettare il libretto presentato sotto il titolo La Maledizione, per essere musicato per la corrente stagione di Carnovale e Quaresima 1850-51 a norma del contratto 23 aprile p. p., e ciò a fine di rimuovere gli ostacoli opposti dall’Autorità d’Ordine Pubblico a permettere la produzione.
  8. 8. In concorso pertanto del poeta Francesco Maria Piave, resta convenuto quanto segue: 1.° L’azione si trasporterà dalla Corte di Francia a quella d’uno dei Duchi indipendenti di Borgogna, di Normandia, o di taluno dei piccoli Principi assoluti degli Stati Italiani, e probabilmente alla Corte di Pier Luigi Farnese ed all’epoca che converrà meglio di assegnarvi pel decoro e la riuscita della scena. 3.° [sic, evidentemente nella fretta e nell’emozione il segretario ha saltato un punto, N.d.R.] Si conserveranno i tipi originali dei caratteri di Victor Hugo del dramma Le Roi s’amuse, cangiando i nomi dei personaggi a seconda della situazione ed epoca che verrà prescelta. 4.° Si eviterà affatto la scena in cui Francesco si dichiarava risoluto di profittare della chiave di cui era in possesso per introdursi nella stanza della rapita Bianca. E ciò sostituendovi altra scena, che conservi la necessaria decenza, senza togliere l’interesse del dramma.
  9. 9. 5.° Al rendez-vous amoroso nella taverna di Magellona [la futura Maddalena N.d.R.], il Re o Duca andrà invitato da un inganno del personaggio che sostituirà Triboletto. 6.° Alla apparizione del sacco contenente il corpo della figlia di Triboletto, si riserva il Maestro Verdi all’atto pratico quelle modificazioni che saranno reputate necessarie. 7.° I cangiamenti di cui sopra, esigendo tempo oltre a quello fin ora trascorso, dichiara il Maestro Verdi di non poter andar in scena colla nuova sua opera prima del 28 febbraio o primo marzo p. v. Dopo di che, venne chiuso il presente colla firma degli intervenuti G. VERDI - F. M. PIAVE. G. BRENNA, Segretario.
  10. 10. Musicalmente l'opera segna una rivoluzione nel campo melodrammatico: in primo luogo, nel protagonista, un uomo deforme e grottesco, ben lontano dagli eroi standardizzati della lirica; ma con questa trovata Verdi si è assicurata la simpatia popolare, che si è subito immedesimata in quel padre deforme, costretto a subire le più pesanti angherie per amore della figlia. In secondo luogo, nella volontà di superare la scomposizione classica in numeri chiusi, per giungere a quell'unità drammatica che troverà la più alta espressione in "Otello"e "Falstaff".
  11. 11. Rigoletto Duca Gilda Monterone Cortigiani Maddalena Sparafucile
  12. 12. L’episodio fondamentale della vicenda, che si apre mostrandoci una festosa serata nella sala magnifica del palazzo ducale, è la maledizione pronunciata da Monterone, la cui figlia è stata violentata dal duca, : “Oh, siate entrambi voi maledetti, slanciare il cane a leon morente è vile”. Il duca ha rivelato , fin dalla prima apparizione la propria natura dissoluta “Questa o quella per me pari sono” . Monterone si rivolge a Rigoletto con parole ancora più severe: “ e tu, serpente, che d’un padre ridi al dolore, sii maledetto!” .
  13. 13. Il buffone Rigoletto, intanto, viene deriso dai cortigiani che partecipano alla festa; gli viene attribuita un’amante giovane e bella, che altri non è se non la figlia Gilda, che egli custodisce ben nascosta e al riparo dalla corruzione della corte.
  14. 14. Nel secondo quadro si assiste all’incontro di Rigoletto con Sparafucile, il sicario che poi verrà incaricato dell’uccisione del Duca. Piave, il librettista, qui prepara drammaticamente l’incontro successivo. “Pari siamo! Io la lingua egli ha il pugnale; l’uomo son io che ride, ei quel che spegne...” è la frase simbolo dell’avvicinamento tra i due personaggi affidata al canto di Rigoletto.
  15. 15. Gilda la scopriamo innamorata candidamente del duca che le si è presentato sotto le mentite spoglie di un giovane povero “Gualtiero Maldè” e le ha promesso amore eterno; “Caro nome che il mio cor festi primo palpitar”, è l’aria che Gilda canta; un brano pieno di fioriture e passaggi veloci che sottolineano il candore virginale della fanciulla.
  16. 16. I cortigiani, però, nell’intento di burlare il buffone e di fare omaggio al signorotto all’insaputa dello stesso duca, rapiscono Gilda e la conducono a palazzo; qui il duca di Mantova, canta un’aria che ambiguamente quasi gli attribuisce una poco di sensibilità; poiché, recatosi alla dimora della giovane , non trovandola, pensa che sia stata rapita da Monterone: “Ella mi fu rapita”. Si tratta solo di un transitorio sentimento di umanità, ben presto egli apprende che Gilda è a palazzo e, naturalmente, la seduce.
  17. 17. Rigoletto, apprendendo che la sua diletta figlia è stata condotta a forza a corte, maledice gli astanti: “Cortigiani vil razza dannata” e, incontrandola, appreso dalla viva voce della figlia Gilda che le è stato strappato l’onore , minaccia “Vendetta, tremenda vendetta”, concludendo con effetto drammatico il secondo atto.
  18. 18. L’ambientazione del terzo atto è del tutto diversa, la scena si apre su un’osteria dove agiscono Sparafucile e sua sorella Maddalena, un’avvenente prostituta, complice degli omicidi di Sparafucile, e fuori della locanda Gilda e Rigoletto. La giovane è ancora innamorata del duca e suo padre intende dimostrargli quanto il signorotto sia mentitore e infedele.
  19. 19. Nel frattempo il gobbo ha incaricato Sparafucile di uccidere il duca e di consegnargli il corpo in un sacco perchè egli stesso possa gettarlo al fiume. Il duca giunge cantando la celebre canzonetta “La donna è mobile” e comincia a corteggiare Maddalena “Bella figlia dell’amore”. Rigoletto ordina alla figlia di recarsi immediatamente a Verona, vestita con abiti maschili, mentre egli consumerà la vendetta.
  20. 20. Maddalena attira il duca nelle stanze della locanda, ma, affascinata dalla bellezza del duca che dovrebbe cadere vittima di Sparafucile, chiede al fratello di risparmiarlo; Sparafucile accetta uno scambio: anziché il duca ucciderà la prima persona che entrerà. La sorte vuole che Gilda ancora innamorata del duca, avendo ascoltato di nascosto l’accordo di Sparafucile e Maddalena, entri volontariamente vestita da uomo e venga accoltellata al posto del Duca; la maledizione di Monterone si compie.
  21. 21. Sparafucile consegna il sacco che racchiude la vittima a Rigoletto, il quale assapora il gusto della vendetta, ma mentre si accinge ad aprire la tela, ode in lontananza “La donna è mobile” cantata dal duca, taglia il sacco e al bagliore d’un lampo scorge il corpo morente della figlia. Il terribile finale, la tragica disperazione di Rigoletto, è teatralmente uno dei momenti più intensi della storia dell’opera lirica.
  22. 22. Preludio Nota ribattuta Questa o quella Contrasto Carattere del Duca con la melodia orecchiabile e dispiegata
  23. 23. La maledizione di Monterone Note ribattute Contrasto drammatico con la festa Tutto si riallaccia con il finale Track 5
  24. 24. Primo incontro con Sparafucile Orchestrazione raffinata Basso profondo Clima “dark” Tema nota ribattuta Track 6
  25. 25. Track 13 Caro nome... Canto lirico leggero Uso dei trilli Carattere di Gilda Cromatismi sensuali Contrasto con successivo rapimento
  26. 26. Track 21 Cortigiani vil razza dannata Dramma Melodizzare spezzato e ribattuto Do minore Vocalità di Rigoletto
  27. 27. Track 26 - Contrasto acuito dalla orecchiabilità della Donna è mobile (sempre perfettamente attagliata al Duca) Recitativo chiuso ormai superato
  28. 28. Track 28 Quartetto Polifonia e caratteri conpresenti Una delle parti più apprezzate dalla critica
  29. 29. DUCA: Bella figlia dell'amore, schiavo son de'vezzi tuoi; con un detto sol tu puoi le mie pene consolar. Vieni e senti del mio core il frequente palpitar. Con un detto sol tu puoi le mie pene consolar. MADDALENA: Ah! ah! rido ben di core, chè tai baje costan poco, quanto valga il vostro gioco, mel credete so apprezzar. Sono avvezza, bel signore Ad un simile scherzar. GILDA: Ah così parlar d'amore a me pur l'infame ho udito! Infelice cor tradito, per angoscia non scoppiar, Perché o credulo mio core, un tal uomo dovevi amar! RIGOLETTO: (a Gilda) Taci, il piangere non vale; Ch'ei mentiva or sei sicura... Taci, e mia sarà la cura la vendetta d'affrettar. Pronta fia sarà fatale, io saprollo fulminar.
  30. 30. Verdi a Somma nell’aprile del ’53 : A me pare che il miglior soggetto in quanto ad effetto che io m’abbia finora posto in musica (non intendo parlare affatto sul merito letterario e poetico) sia Rigoletto. Vi sono posizioni potentissime, varietà, brio, patetico: tutte le peripezie nascono dal personaggio leggero, libertino del Duca, da questo i timori di Rigoletto, la passione di Gilda et. et., che formano molti punti drammatici eccellenti, e fra gli altri la scena del quartetto, che in quanto ad effetto sarà sempre una delle migliori che vanti il nostro teatro.

×