Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Oncologo dott. Sergio Orefice - Prevenzione cancro alla mammella

1,982 views

Published on

Presentazione del dott. Sergio Orefice, oncologo.
Che fare per prevenire il cancro alla mammella? conferenza del 20 giugno 2017 presso Kathay, Milano

Published in: Healthcare
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Oncologo dott. Sergio Orefice - Prevenzione cancro alla mammella

  1. 1. CHE FARE PER PREVENIRE IL CANCRO DELLA MAMMELLA ?? .1/34
  2. 2. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves PREVENZIONE O DIAGNOSI PRECOCE  CON I MEZZI PRESENTATI SCOPRIAMO TUMORI DI POCHI MILLIMETRI  CON LE REGOLE DI VITA CHE PRESENTEREMO CERCHIAMO DI NON FARLI VENIRE 2/34
  3. 3. PROGRAMMA VIP VIVERE PROTETTE Contro il tumore della mammella La nostra esperienza ci ha portato a considerarne alcuni parametri CHE AUMENTANO IL RISCHIO DI AMMALARSI, parametri che possono essere corretti, riducendo così le possibilità di ammalarsi di cancro dottsergioorefice@gmail.com
  4. 4. SI SONO STUDIATI MOLTI FATTORI DI RISCHIO PER IL CANCRO DELLA MAMMELLA SI SONO STUDIATI MOLTI FATTORI DEL TUMORE SU CUI BASARE LE TERAPIE MIRATE dottsergioorefice@gmail.com 4/34
  5. 5. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves FATTORI TUMORALI CONOSCIUTI  DIMENSIONI  STATO LINFONODALE  RECETTORI ORMONALI  INDICE DI CRESITA  ESPRESSIONE DI GENI «TOSSICI»  PRESENZA DI PROTEINE ANOMALE  GRADO DI DIFFERENZIAZIONE CELLULARE  ISTOTIPO 5/34
  6. 6. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves MA DELLA DONNA CHE SI SA???  POCO O NULLA  ETA’  STATO MENOPAUSALE (ALL’INGROSSO) 6/34
  7. 7. QUALI SONO QUESTI FATTORI PREDISPONENTI? DOTTSERGIOOREFICE@GMAIL.COM -
  8. 8. ALTERAZIONE DEL RAPPORTO TRA 2 E 16 ESTRONE Misurabile con il loro dosaggio nelle urine (estramet) 8/34
  9. 9. IPERSTIMOLAZIONE INSULINICA Misurabile con la glicemia, con la indagine alimentare personale 9/34
  10. 10. INFIAMMAZIONE GENERALE CRONICA Misurabile con il dato :proteina C reattiva e con CALPROTECTINA 10/3 4
  11. 11. ALTERAZIONE DEPOSITI ADIPE MISURABILE CON IL”GIRO VITA”11/3 4
  12. 12. ALTERAZIONI ORMONALI ASPECIFICHE DOSAGGIO dhea, cortisolo,tsh,testosterone,estroni 12/3 4
  13. 13. FATTORI GENETICI VALUTAZIONE brca 1 ,brca 2 13/3 4
  14. 14. VISTE LE CAUSE VEDIAMO I RIMEDI . 14/3 4
  15. 15. RAPPORTO TRA 2 E 16 ESTRONE Il 2 e blocca la riproduzione cellulare tumorale Il 16 stimola la riproduzione cellulare . Per riportarli nella norma si deve somministrare indolo 3 carbinolo( L’ODORE FORTE DEI CAVOLI) Oggi ,invece di grandi quantità di crucifere , si può assumere un estratto bilanciato delle stesse 15/3 4
  16. 16. DOTTSERGIOOREFICE@GMAIL.COM LA GLICEMIA “AL LIMITE” NON CURATA CON FARMACI Quando la glicemia sale troppo rapidamente, il pancreas manda nel sangue molta insulina. Questa abbassa la glicemia , ma quella in eccesso si comporta da forte stimolatore di crescita cellulare, anche di quelle tumorali.Per cui la alimentazione deve essere povera di cibi a alto valore glicemico . Non zuccheri, ma farine integrali. 16/3 4
  17. 17. NEL GRASSO DEL GIROVITA, OLTRE I LIMITI ,SI ACCUMULANO ORMONI PERICOLOSI, IL 16 ESTRONE . QUI VENGONO ANCHE METABOLIZZATI ALTRI ORMONI. NEL FEGATO VENGONO PRODOTTI GLI ORMONI “BUONI” IL 2 ESTRONE Movimento, dieta e disintossicazione del fegato sono i pilastri di una riduzione del rischio di tumore 17/3 4
  18. 18. LA INFIAMMAZIONE CRONICA AUMENTA IL RISCHIO DI TUMORI, VEDIAMO LA PELLE,L’ULCERA GASTRICA ECC. ANCHE PER LA MAMMELLE LA INFIAMMAZIONE CRONICA GENERALE (MISURATA CON LA PROT C REATT,E CALPROTECTINA) E’ UN GRAVE FATTORE DI RISCHIO Curiamola 18/3 4
  19. 19. LA INFIAMMAZIONE Terapie dolci antiinfiammatorie, non cortisoniche ,riducono il rischio.PROBIOTICI KEFIR La dieta ricca di proteine animali acidifica l’organismo e provoca infiammazione cronica19/3 4
  20. 20. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves DIGESTIONE  I vegetali vengono digeriti mediante fermentazione , produce CO2  Le carni sono digerite per putrefazione  Che avviene nel nostro intestino 20/3 4
  21. 21. SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO Partendo da molti studi e dai risultati della dieta DIANA, si può affermare che una alimentazione bilanciata riduce il rischio di ammalarsi (malattie tumorali, metaboliche,ossee e cardio circolatorie 21/3 4
  22. 22. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves I CIBI CONSIGLIATI  LEGUMI .lenticchie ,fagioli,ceci, piselli, fave . Contengono lignani e fibre .  Riducono la colesterolemia e l’assorbimento rapido dei carboidrati .  Poca insulina , ridotto rischio di diabete e di tumore .  dottsergioorefice@gmail.com 22/3 4
  23. 23. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves DALLA SOIA E LEGUMI FARINA, , SALSA,OLIO,MISO,PROTEINE  Ricca di isoflavonoidi e lignani  Si comporta come ormone vegetale “buono”riboflavoni 23/3 4
  24. 24. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves LATTE E LATTICINI  Il latte è stato creato per essere SOLO alimento.  E’ così specifico che esiste un enzima specifico,la LATTASI che serve a digerire il latte . Senza non si può. E questa lattasi rimane nell’intestino dei lattanti, negli adulti è scarsa o assente  PER DIGERIRLO SI USANO ENZIMI DI ALTRI  (Batteri o lattanti) 24/3 4
  25. 25. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves PER OGNI ALTERAZIONE LA SUA CORREZIONE  INSULINA . DIETA SENZA ZUCCHERI E FARINE BIANCHE  GIROVITA ridotto con DIETA IPOCALORICA E MOTO 25/3 4
  26. 26. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO  Infiammazione generale, dieta con poche calorie animali, molti legumi. Probiotici intestinali.  Vit a . Fibre alimentari vegetali  Poco latte  dottsergioorefice@gmail.com 26/3 4
  27. 27. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves PROGRAMMA VIP DOTTSERGIOOREFICE@GMAIL.COM  CONOSCERE IL RISCHIO DI AMMALARSI DI TUMORE DELLA MAMMELLA  RIDURLO QUANDO E’ POSSIBILE ABOLENDO I FATTORI DI RISCHIO RILEVATI  AUMENTANDO LE DIFESE IMMUNOLOGICHE 27/3 4
  28. 28. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves STILE DI VITA VIRTUOSO  ASTENSIONE DA ALCOOL, FUMO, ANTIBIOTICI,ORMONI A CASO  GRASSI E PROTEINE ANIMALI IN ECCESSO   ABBONDARE  SECONDO VIP FRUTTA E VERDURA FRESCA PROTEINE E GRASSI VEGETALI CIBI A BASSO INDICE GLICEMICO 28/3 4
  29. 29. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves PER LE DONNE MUTATE (BRCA ½)  CONTROLLI SPECIFICI  PREVENZIONE ?  SE HANNO ALTRI FATTORI, CORREGGIAMOLI, (VIP)  IN OGNI CASO . POCHE PROTEINE ANIMALI E LATTE .POCHE CALORIE PER NON INGRASSARE 29/3 4
  30. 30. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves PREVENZIONE 30/3 4  LO STILE DI VITA VIRTUOSO DEVE INIZIARE DALLA GIOVANE ETA’  NON DEVE ESSERE UN SACRIFICIO , SE NO DURA POCO !  SE UNA DONNA SA CHE E’ A RISCHIO E’ PIU’ MOTIVATA A CURARSI
  31. 31. 2° meeting DOBI GROUP Roma 17 febbraio 2011 Dr. Guidi Ilves IL FUTURO  LA PREVENZIONE CON LO STILE DI VITA SARA’ IMPORTANTE SINO A QUANDO NON SI TROVERA’ IL MODO DI STIMOLARE SPECIFICATAMNETE IL SISTEMA IMMUNUTARIO ELLA DONNE (VACCINO ANTITUMORALE) 31/3 4

×