PSR20142020
Le misure
per Comuni e
Unioni montane
Uncem Piemonte
BIELLA
7 giugno 2016
Misura 7.1.1
Piani di sviluppo dei Comuni
 Beneficiari: Comuni in forma associata
 Interventi ammessi: redazione “Piani ...
Misura 7
Operazioni “Montagna”
Proposta di modifica al PSR
 7.2.1 Realizzazione e miglioramento delle
opere di urbanizzaz...
Misura 7.2.1 Urbanizzazione e
spazi aperti pubblici nei borghi
Investimenti materiali di:
 adeguamento / rifacimento / re...
Misura 7.4.1 Strutture e
infrastrutture ricreative-ricettive
Investimenti materiali di realizzazione e/o
potenziamento di ...
Borgate alpine, in sintesi…
 Localizzazione:
montagna,
limitatamente a
tipologie areali D e C
 Beneficiari: Comuni
 Inv...
Borgate alpine, i requisiti
 presenza di collegamento alla rete viaria
ordinaria
 borgate di antica formazione
 borgate...
Borgate alpine,
criteri per la selezione
 pregio architettonico
 dimensione contenuta
 buon stato di conservazione
 lo...
Banda ultralarga (BUL)
e agenda digitale
 Nel PSR?! Si, nel Psr…
 284 milioni di euro di investimenti nelle zone
“a fall...
Banda larga: garantire
nuovi e migliori servizi
 Migliorare i servizi nelle valli e nelle zone
alpine: servizi digitali p...
Obiettivi del Piano Nazionale
BUL e obiettivi comunitari
OBIETTIVI
NAZIONALI
- Copertura ad almeno 100 Mbps fino all’85% d...
Infrastrutture regionali esistenti
Programma regionale Wi-Pie
• Realizzazione di infrastruttura
backbone regionale
• Nodi ...
La strategia nazionale
•Aree Bianche: aree che non saranno
coperte (al 2018) tramite interventi
diretti di Operatori TLC; ...
Modalità di intervento
Progettazione e
realizzazione
dell’infrastruttura
passiva
• Infratel soggetto
attuatore
• Regione d...
Ipotesi pianificazione interventi
• Le aree in nero sono quelle non ricomprese
nel piano
• Le aree in in verde sono quelle...
Quali altri finanziamenti
 Programmi UE transfrontalieri: Alcotra
 Programmi UE transnazionali: Med, Spazio
Alpino, Cent...
Quale economia,
quale sviluppo
 Nelle aree montane, economia che oggi tenta di
rigenerarsi
 Ricostruire opportunità di i...
Smart? Intelligente
e interconnesso
 Smart è solitamente associato a “city”, alla città
intelligente
 Necessarie nuove s...
La (nostra) vera sfida
 Non è rendere smart la città: le aree urbane hanno
tutti i servizi connessi tra loro. Torino è la...
Grazie per
l’attenzione
Uncem Piemonte
www.uncem.piemonte.it
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Uncem PSR - Le misure per Comuni e Unioni montane - Biella 7 giungo 2016

267 views

Published on

Redazione dei Piani di Sviluppo” – Precondizione per l’accesso ad altre misure

Published in: Government & Nonprofit
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
267
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Uncem PSR - Le misure per Comuni e Unioni montane - Biella 7 giungo 2016

  1. 1. PSR20142020 Le misure per Comuni e Unioni montane Uncem Piemonte BIELLA 7 giugno 2016
  2. 2. Misura 7.1.1 Piani di sviluppo dei Comuni  Beneficiari: Comuni in forma associata  Interventi ammessi: redazione “Piani di Sviluppo” – Precondizione per l’accesso ad altre misure  Una mappatura di borghi e alpeggi  Contributo previsto: 100 %  Dotazione finanziaria: 550.000 €
  3. 3. Misura 7 Operazioni “Montagna” Proposta di modifica al PSR  7.2.1 Realizzazione e miglioramento delle opere di urbanizzazione e degli spazi aperti ad uso pubblico delle borgate montane (8.800.000 Euro)  7.4.1 Realizzazione e miglioramento di strutture ed infrastrutture culturali- ricreative nelle borgate montane (8.800.000 Euro)
  4. 4. Misura 7.2.1 Urbanizzazione e spazi aperti pubblici nei borghi Investimenti materiali di:  adeguamento / rifacimento / realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria della borgata [rete fognaria, rete idrica, opere di interramento e/o potenziamento delle linee aeree (elettriche e telefoniche), rete di distribuzione del riscaldamento]  adeguamento / rifacimento / qualificazione degli spazi aperti ad uso pubblico della borgata (interventi di arredo, illuminazione e pavimentazione della viabilità interna della borgata)
  5. 5. Misura 7.4.1 Strutture e infrastrutture ricreative-ricettive Investimenti materiali di realizzazione e/o potenziamento di :  biblioteche e laboratori linguistici e di lettura  laboratori per attività artistiche, culturali, teatrali e musicali  laboratori informatici e multimediali  laboratori dedicati a tematiche ambientali  laboratori ed impianti per attività ludico-sportive e psicomotorie
  6. 6. Borgate alpine, in sintesi…  Localizzazione: montagna, limitatamente a tipologie areali D e C  Beneficiari: Comuni  Investimento: min. 100.000 euro, max. 400.000 euro  Contributo: 90%  Piani di sviluppo dei Comuni (op. 7.1.1)
  7. 7. Borgate alpine, i requisiti  presenza di collegamento alla rete viaria ordinaria  borgate di antica formazione  borgate di limitata estensione  presenza trascurabile di edifici non utilizzabili  presenza di un numero minimo di residenti
  8. 8. Borgate alpine, criteri per la selezione  pregio architettonico  dimensione contenuta  buon stato di conservazione  localizzazione nelle fasce più elevate del territorio montano  demografia (numero di residenti)  presenza di attività economiche  presenza di “servizi”
  9. 9. Banda ultralarga (BUL) e agenda digitale  Nel PSR?! Si, nel Psr…  284 milioni di euro di investimenti nelle zone “a fallimento di mercato” (194 fondi Par Fsc, 45 Por Fesr, 45 Por Fse)  Realizzazione di un’infrastruttura pubblica  Tutti i cittadini (tutti!) devono raggiungere velocità di navigazione 30mbs  Neutralità tecnologica: fibra, satellite, wi.fi.
  10. 10. Banda larga: garantire nuovi e migliori servizi  Migliorare i servizi nelle valli e nelle zone alpine: servizi digitali per trasporti, scuole, pubblica amministrazione, sanità, assistenza  Infratel, a livello nazionale gestirà i bandi  Accordo a breve Regione-Infratel-Mise  Convenzioni Regione-Infratel-Unioni montane, definendo priorità e tempistiche
  11. 11. Obiettivi del Piano Nazionale BUL e obiettivi comunitari OBIETTIVI NAZIONALI - Copertura ad almeno 100 Mbps fino all’85% della popolazione italiana - Copertura ad almeno 30 Mbps garantita alla totalità della popolazione italiana - Copertura ad almeno 100 Mbps di sedi ed edifici pubblici (scuole e ospedali in particolare), delle aree di maggior interesse economico e concentrazione demografica, delle aree industriali, delle principali località turistiche e degli snodi logistici OBIETTIVI COMUNITARI - Accesso ad una connessione pari o superiore a 30 Mbps per la totalità della popolazione - Almeno il 50% delle famiglie europee con connessioni Internet di oltre 100 Mbps
  12. 12. Infrastrutture regionali esistenti Programma regionale Wi-Pie • Realizzazione di infrastruttura backbone regionale • Nodi di Internet Exchange • Realizzazione di dorsali in fibra ottica provinciali (760 km di F.O.)
  13. 13. La strategia nazionale •Aree Bianche: aree che non saranno coperte (al 2018) tramite interventi diretti di Operatori TLC; sono le uniche in cui è possibile intervenire con finanziamento pubblico. Il Governo assicura che il piano consentirà la totale copertura. •Aree Nere: aree che saranno coperte (al 2018) tramite interventi diretti degli Operatori TLC. •Criterio di assegnazione cluster: numero di Unità Immobiliari (UI):  Cluster C – sopra 2.500 UI  Cluster D – sotto 2.500 UI
  14. 14. Modalità di intervento Progettazione e realizzazione dell’infrastruttura passiva • Infratel soggetto attuatore • Regione definisce le priorità di intervento Gestione, Manutenzione e commercializzazione dell’infrastruttura passiva • Infratel soggetto attuatore • Regione Piemonte monitora il processo Fase 1 e Fase 2 sono oggetto dell’Accordo MISE – Regione e potranno essere attuate mediante procedure di gara a livello regionale o pluri-regionale. Fase 3 non è prevista dall’Accordo.
  15. 15. Ipotesi pianificazione interventi • Le aree in nero sono quelle non ricomprese nel piano • Le aree in in verde sono quelle ammissibili su FESR e FEASR • Le aree in viola sono quelle ammissibili solo su FESR • FSC può intervenire sia sulle aree verdi che su quelle viola Per la pianificazione temporale degli interventi potrebbero essere adottati i criteri di premialità definiti su Agenda e PSR: • Attività produttive (Imprese, Imprese agricole o Agroindustria) • Popolazione • Classificazione territori (Aree PSR, Aree Interne) • Punti di interesse pubblico (sedi PA, ospedali, scuole, aree Unesco, aree turistiche, ecc..)
  16. 16. Quali altri finanziamenti  Programmi UE transfrontalieri: Alcotra  Programmi UE transnazionali: Med, Spazio Alpino, Central Europe  Conto termico 2.0: 900 milioni di euro  Fondo regionale montagna: 11 mln euro  Fondo associazionismo Comunale (regionale): 2,6 mln  Strategia nazionale Aree interne
  17. 17. Quale economia, quale sviluppo  Nelle aree montane, economia che oggi tenta di rigenerarsi  Ricostruire opportunità di impresa, di nuovi insediamenti, di crescita economica  Settori agricolo e turistico sono i due pilastri  Smobilitazione di servizi che si allontanano: meno corse di autobus, ospedali “più lontani”, scuole piccole a rischio chiusura, posta a giorni alterni, banche che chiudono…  Ripensare il modello di gestione dei servizi pubblici  Fondamentale la crescita delle forme di collaborazione con i privati
  18. 18. Smart? Intelligente e interconnesso  Smart è solitamente associato a “city”, alla città intelligente  Necessarie nuove strategie per la pianificazione urbanistica per ottimizzare servizi pubblici, mettendo in relazione infrastrutture e capitale umano  Nuove tecnologie della comunicazione, della mobilità, dell'ambiente e dell'efficienza energetica, al fine di migliorare la qualità della vita e soddisfare le esigenze di cittadini, imprese e istituzioni  Possiamo anche essere smart nelle aree montane?  Serve una gestione manageriale, anche negli Enti locali
  19. 19. La (nostra) vera sfida  Non è rendere smart la città: le aree urbane hanno tutti i servizi connessi tra loro. Torino è la città più smart e innovativa d’Italia (seconda in Europa)  @SmartValley è la vera opportunità del Paese: azione sulle aree montane e interne – Lavorare su dimensione grande  Nelle aree interne “c’è spazio, ci sono spazi di libertà, fame di innovazione. Si offre diversità al mondo che chiede diversità” (Barca)  Uscire dagli “spazi chiusi”, già in mano a stakeholders potenti e strutturati. Abbiamo noi gli spazi di frontiera da trasformare in laboratori di innovazione e sperimentazione
  20. 20. Grazie per l’attenzione Uncem Piemonte www.uncem.piemonte.it

×