Il Programma di sviluppo rurale 2014-2020

241 views

Published on

a cura di Mario Perosino
Regione Piemonte – Direzione Agricoltura
mario.perosino@regione.piemonte.it

Published in: Government & Nonprofit
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
241
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Modello slide con solo testo. Inserire il testo con dimensione minima 23 punti – carattere Garamond Premr Pro in nero per il testo semplice. Per le evidenziazioni e i punti elenco seguire il modello.
  • Il Programma di sviluppo rurale 2014-2020

    1. 1. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Il Programma di sviluppo rurale 2014-2020 Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016 Mario Perosino Regione Piemonte – Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it
    2. 2. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR La situazione (SWOT - rischi e opportunità) Che cosa bisognerebbe fare (i fabbisogni) Che cosa intende fare il PSR (la strategia) Le precondizioni (le condizionalità ex ante) Chi, cosa e come sostiene il PSR (le misure) Con quanti soldi (la tabella finanziaria) In quali tempi (il “performance framework”) Il PSR in pillole Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    3. 3. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR 1° settembre 2014 notifica alla CE 27 febbraio 2015 osservazioni della CE 22-23 aprile 2015 incontro bilaterale con la CE mag - set 2015 negoziato con la CE 12 ottobre 2015 notifica finale alla CE 28 ottobre 2015 decisione della CE 26-27 novembre 2015 costituzione del Com. di sorveglianza 27 nov 2015 – 11 mar 2016 criteri di selezione e cronoprogramma La storia recente del PSR 2014-2020 Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    4. 4. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR I criteri di selezione L’articolo 49 del R1305/2013 stabilisce che l’AdG del PSR definisca una serie di criteri di selezione degli interventi previa consultazione del comitato di sorveglianza. I criteri di selezione sono intesi a garantire: - la parità di trattamento dei richiedenti; - un migliore utilizzo delle risorse finanziarie; - una maggiore rispondenza delle misure alle priorità dell’Unione in materia di sviluppo rurale. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    5. 5. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSRIl PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Tortona (AL), 19 maggio 2016
    6. 6. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSRIl PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Tortona (AL), 19 maggio 2016
    7. 7. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Le misure sono raggruppabili in tipologie: Chi, cosa e come finanzia il PSR (le misure) -misure per favorire il trasferimento di conoscenze e l’innovazione; -misure di sostegno alle imprese del settore agricolo, agroindustriale e forestale (strutture, infrastrutture, qualità, filiere e rischi aziendali) ; -misure per lo sviluppo delle zone rurali; -misure di sostegno alle pratiche agricole vantaggiose per l’ambiente e il clima. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    8. 8. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSRIl PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    9. 9. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR 0% 20% 40% 60% 80% 100% PS RPU PSR PAC montagna (D+C2) collina (C1) altre zone (A+B) Pagamenti annui: RPU: 350 Meuro PSR: 135 Meuro Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    10. 10. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Misure per la conoscenza e l’innovazione M01 – Formazione, informazione, scambi M02 – Servizi di consulenza M16 – Cooperazione M16.1 e M16.2 – Gruppi PEI e prog. pilota M16.3 – Processi di lavoro in comune (F) M16.4 – Filiere corte e mercati locali (A) M16.5 – Progetti ambientali (A) M16.6 – Approvvigionam. di biomasse (F) M16.7 – Sviluppo locale non LEADER (F) M16.8 – Piani forestali (F) M16.9 – Agricoltura sociale (A) Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    11. 11. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSRIl PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    12. 12. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Misure di sostegno alle imprese agroforestali M03 – Qualità dei prodotti agricoli M04 – Invest. in immobilizzazioni materiali M04.1 – Miglioramento aziende agricole M04.2 – Trasformazione e commercializz. dei prodotti agricoli M04.3 – Infrastrutture (irrigue, strade e acquedotti, alpeggi, piste forest.) M04.4 – Investimenti non produttivi (siepi e filari, difesa dai lupi, biodivers.) M05 – Prevenzione e ripristino danni Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    13. 13. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Misure di sostegno alle imprese agroforestali M06 – Sviluppo delle aziende agricole M06.1 – Insediamento giovani agricoltori M06.4 – Sviluppo di attività extra-agricole M08.1 – Imboschimento di terreni M08.3 – Prevenzione dei danni M08 – Sviluppo delle aree forestali M08.4 – Ripristino dei danni M08.5 – Accrescimento resilienza M08.6 – Incremento del potenziale economico delle foreste Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    14. 14. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Misure per lo sviluppo delle zone rurali M07 – Servizi di base e rinnovam. villaggi M07.1 – Stesura e aggiornamento piani M07.3 – Infrastrutture banda ultralarga M07.5 – Infrastrutture turistico-ricreative M07.6 – Miglioramento dei fabbricati di alpeggio M19 – LEADER (preparazione e attuazione delle strategie di sviluppo locale, cooperazione fra Gal, gestione e animazione) Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    15. 15. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Pratiche agricole per ambiente e clima (1) M10 – Pagamenti agro-climatico-ambientali M10.1.1 – Produzione integrata M10.1.2 – Biodiversità nelle risaie M10.1.3 – Agricoltura conservativa M10.1.4 – Sistemi colturali ecocompatibili (az. 1 Conversione seminativi; az. 2 Diversificazione in aziende maidicole) M10.1.5 – Riduzione emissioni (NH3 e GHG) M10.1.6 – Difesa del bestiame da canidi M10.1.7 – Gestione elementi naturaliformi M10.1.8 – Allevamento razze autoctone M10.1.9 – Gestione ecosostenibile pascoli Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    16. 16. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Pratiche agricole per ambiente e clima (2) M10.2 – Conservazione e uso delle risorse genetiche in agricoltura M11 – Agricoltura biologica M11.1 – Adozione produzione biologica M11.2 – Mantenimento produz. biologica M12 – Indennità Natura 2000 e WFD M12.2 – Pagamento compensativo per le zone forestali Natura 2000 M13 – Zone soggette a vincoli naturali M13.1 – Pagamento compensativo per le zone montane Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    17. 17. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR M13.1 - Pagamento compensativo per le zone montane Principali novità previste dal regolamento: -è riservato agli agricoltori in attività; -non è differenziato in funzione delle colture ma può essere diversificato in funzione di: - gravità del vincolo permanente ⇒ 4 classi di intensità dei vincoli naturali; - sistemi agricoli ⇒ 3 sistemi agricoli (coltivazioni legnose; seminativi; pascoli e prati permanenti). Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    18. 18. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Sistema agricolo Bassi Medi Medio alti Alti Coltivazioni legnose 200 200 250 250 Seminativi 150 150 230 230 Pascoli e prati perm. 130 180 230 280 Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    19. 19. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Con quanti soldi (la tabella finanziaria) 0 50 100 150 200 250 300 M01 M02 M03 M04 M05 M06 M07 M08 M10 M11 M12 M13 M15 M16 M19 P2 Competitività P3 Filiere e rischi P4 Ambiente P5 Clima P6 Sviluppo zone rurali Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    20. 20. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Il cruscotto dei bandi Il PSR 2014-2020 Pomaretto (TO), 20 maggio 2016
    21. 21. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Grazie per l’attenzione! psr@regione.piemonte.it Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    22. 22. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR I bandi aperti a oggi 1.1.1 (Formazione professionale) 3.1.1 (Nuova adesione ai regimi di qualità) 3.2.1 (Azioni di informazione e promozione) 4.1.2 (Investim. nelle az. agricole dei giovani) 5.1.1 (Prevenzione danni da calamità biotiche) 6.1.1 (Insediamento di giovani agricoltori) 7.1.1 (Piani di sviluppo dei comuni) 8.1.1 (Imboschimento di terreni agricoli e non) 10.1 (Pagam. per impegni agro-climatico-amb.) 11.1 (Conversione agli impegni dell’agric. biol.) 12.2 (Indennità Natura 2000 nelle aree forest.) 13.1 (Indennità compensativa zone montane) Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    23. 23. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR I bandi chiusi a oggi Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    24. 24. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Bandi chiusi Il bando sull’operazione 4.1.1 (Miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole) si è chiuso il 5 aprile 2016. Sono state presentate 2.040 domande, per un volume complessivo di investimenti di circa 268 Meuro, cui corrisponde un contributo pubblico richiesto di 105,5 Meuro, di cui: - 85,7 Meuro (40% della spesa ammessa) nelle tipologie areali A, B e C1; - 19,8 Meuro (50% della spesa ammessa) nelle tipologie areali C2 e D. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    25. 25. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Bandi sulla sottomisura M04.1 (Miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole) Sulla M04.1 il 22 dicembre 2015 erano stati aperti i bandi relativi alle operazioni: - 4.1.1 (Miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole), con scadenza 15 marzo, poi posticipata al 4, indi al 5 aprile, con una dotazione di 50,0 Meuro; - 4.1.2 (Miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole dei giovani agricoltori), con scadenza 15 aprile, posticipata al 30 giugno e con una dotazione di 30,0 Meuro. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    26. 26. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Bandi sulla sottomisura M04.1 (Miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole) L’art. 17(2) del regolamento (UE) n. 1305/2013 prevede che nel caso di investimenti destinati a sostenere la ristrutturazione delle aziende agricole il sostegno venga indirizzato secondo l’analisi SWOT. Detta analisi SWOT nel PSR è stata condotta per i principali sotto-settori dell’agricoltura piemontese e relativamente ai temi della competitività e della sostenibilità. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    27. 27. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Bandi sulla sottomisura M04.1 della qualità dei prodotti e all'inserimento in specifici segmenti di mercato Fabbisogno trasversale Nelle aree C e D può dare un contributo complessivo all’offerta del territorio, anche operando sui settori minori. Opportuno creare percorsi volontari e condivisi nelle filiere anche attraverso la definizione di protocolli, disciplinari e sistemi di tracciabilità. Miglioramento della sicurezza alimentare e della biosicurezza Fabbisogno trasversale E’ un tema che tocca tutti i sottosettori. In particolare, nei cereali è necessario affrontare il tema delle micotossine, nelle produzioni destinate al consumo fresco quello dei residui di fitofarmaci, nelle attività zootecniche la salvaguardia degli allevamenti e dei consumatori dai rischi legati alle epizozie e alla presenza di inquinanti nelle materie prime e nei prodotti finali. Opportuno creare percorsi condivisi nelle filiere anche attraverso la definizione di azioni volontarie quali protocolli, disciplinari e sistemi di tracciabilità, che possono anche sostenere la valorizzazione commerciale dei prodotti. Valorizzazione di razze locali / tipiche e varietà locali / tipiche X X X X X In vari sottosettori è possibile puntare alla valorizzazione delle varietà locali, innescando meccanismi virtuosi con la filiera corta e i circuiti produzione artigianale e di fruizione turistica locale, soprattutto nelle zone C e D. Nel settore vitivinicolo può essere opportuno riqualificare produzioni basate su vitigni locali (es. Barbera, Dolcetto, Cortese) non ancora adeguatamente valorizzate. In questo ambito spiccano inoltre le opportunità di valorizzazione della Razza Bovina Piemontese. Miglioramento del benessere animale X X X X Il miglioramento del benessere animale, oltre il rispetto delle norme, può consentire di migliorare le prestazioni degli allevamenti, riducendo i rischi e incrementando il livello di sicurezza alimentare e di qualità delle produzioni. Azioni di riconversione produttiva X X X X X Puntare a riconversioni produttive dove la redditività viene meno a causa del mutare delle condizioni economiche (es. cambiamento del Primo Pilastro della PAC, andamento negativo del mercato). In altri casi la motivazione della riconversione dipende dall’insorgenza di fitopatie di particolare gravità, come ad esempio nel caso della vite (Flavescenza dorata) e dell’actinidia (Batteriosi). Sviluppo della L’efficienza logistica è un elemento essenziale della competitività soprattutto per il settore frutticolo ed Fabbisogno prioritario Riso Cerealiealtri seminativi Ortofrutta Vitivinicolo Carnebovina Carnesuina Latte Avicunicoli Ovicaprini Note Riduzione dei costi di produzione e perseguimento di economie di scala Fabbisogno trasversale La riduzione dei costi di produzione riguarda tutti i sottosettori e generalmente si ottiene attraverso l’introduzione di processi e macchinari innovativi; in vari casi il raggiungimento di un’elevata efficienza tecnica, energetica ed economica richiede l’utilizzo condiviso tra più aziende. Innovazione nei processi produttivi finalizzata al miglioramento della qualità dei prodotti e all'inserimento in specifici segmenti di mercato Fabbisogno trasversale La problematica riguarda tutti i sottosettori, in particolare i comparti con carattere prevalente di “commodity” quali la carne suina, la carne avicola, il latte, i cereali, in ragione dello scarso valore aggiunto trattenuto dalla fase agricola. Nelle aree C e D può dare un contributo complessivo all’offerta del territorio, anche operando sui settori minori. Opportuno creare percorsi volontari e condivisi nelle filiere anche attraverso la definizione di protocolli, disciplinari e sistemi di tracciabilità. Miglioramento della sicurezza alimentare e della biosicurezza Fabbisogno trasversale E’ un tema che tocca tutti i sottosettori. In particolare, nei cereali è necessario affrontare il tema delle micotossine, nelle produzioni destinate al consumo fresco quello dei residui di fitofarmaci, nelle attività zootecniche la salvaguardia degli allevamenti e dei consumatori dai rischi legati alle epizozie e alla presenza di inquinanti nelle materie prime e nei prodotti finali. Opportuno creare percorsi condivisi nelle filiere anche attraverso laIl PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    28. 28. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Bandi sulla sottomisura M04.1 Per stabilire l’appartenenza delle aziende richiedenti ai diversi sottosettori, così come per stabilire la maggior parte degli altri requisiti, si fa riferimento alle risultanze degli archivi amministrativi, compreso il fascicolo aziendale dell’anagrafe agricola unica. Fra i 9 criteri di selezione, soltanto per il 5° (investimenti che permettano di incrementare l’occupazione) e per il 7° (domande relative a produzioni inserite in regimi di qualità) il punteggio è calcolato a partire dalla dichiarazione del richiedente. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    29. 29. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Bandi sulla sottomisura M04.1 sottosettore • OTE • produzione standard Rubriche per la classificazione tipologica Coefficienti di produzione standard 91 voci, di cui 66 per le coltivazioni Fascicolo aziendale uso del suolo 8 198 voci, di cui 928 significative consistenza zootecnica 87 voci (anagrafe zootecnica) Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    30. 30. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Bandi sulla sottomisura M04.1 Per stabilire l’appartenenza delle aziende richiedenti ai diversi sottosettori, così come per stabilire la maggior parte degli altri requisiti, si fa riferimento alle risultanze degli archivi amministrativi, compreso il fascicolo aziendale dell’anagrafe agricola unica. I bandi prevedono che soltanto le domande che raggiungono il punteggio minimo (14 punti) possano essere trasmesse attraverso il sistema informativo. Entro la data di scadenza del bando 4.1.1 sono state trasmesse 2.040 domande. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    31. 31. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% fino a 30 30-45 45-60 60-85 85-100 100-250 250-500 >500 classe di produzione standard ('000 euro) Numero di domande Contributo pubblico richiesto Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    32. 32. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSRIl PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    33. 33. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR 0 5 10 15 20 25 30 35 40 <19 19 20 >20 milionidieuro Tipologie areali A, B e C1 Tipologie areali C2 e D Bando 4.1.1 - Domande pervenute per punteggio Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    34. 34. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR I condizionamenti e gli aiuti recati dalla politica agricola comune (PAC) sono sempre più importanti per l’agricoltura. Aiuti compensativi accoppiati alla produzione Regime di pagamento unico disaccoppiato Pagamenti diretti “inverditi” (greening) Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    35. 35. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Dal 2000 la PAC è articolata su due pilastri Attuazione attraverso programmi (PSR) PSR articolati in misure / sottomisure / operazioni con selezione degli interventi sulla base di criteri Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    36. 36. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR CRESCITA SOSTENIBILE INTELLIGENTE E INCLUSIVA Obiettivi generali della PAC Obiettivi specifici del 1° pilastro Priorità del 2° pilastro Contribuire al reddito agricolo e limitarne le fluttuazioni con minima distorsione degli scambi Migliorare la competitività del settore agricolo e potenziarne il contributo alla filiera alimentare Mantenere la stabilità dei mercati Rispondere alle attese dei consumatori Fornire beni pubblici (prevalentemente ambientali) e adoperarsi per la mitigazione dei cambiamenti climatici e l’adattamento ad essi Promuovere l’innovazione per un uso più efficiente delle risorse Salvaguardare un’agricoltura differenziata nell’insieme dell’UE 2. Potenziare la competitività dell’agricoltura in tutte le sue forme e la redditività delle aziende agricole 3. Promuovere l’organizzazione della filiera agroalimentare e la gestione dei rischi nel settore agricolo 4. Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi dipendenti dall’agricoltura e dalle foreste 5. Incoraggiare l’uso efficiente delle risorse e il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale 6. Promuovere l’inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali 1.Promuovereiltrasferimentodiconoscenzee l’innovazionenelsettoreagricoloeforestalee nellezonerurali Produzione alimentare sostenibile Gestione sostenibile delle risorse naturali e azione per il clima Sviluppo equilibrato del territorio Entrambi i pilastri concorrono agli obiettivi della PAC Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    37. 37. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR La delimitazione delle zone rurali Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    38. 38. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR 2007-2013 2014-2020 Il PSR entra nel vivo Bagnolo Piemonte (CN), 9 maggio 2016Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    39. 39. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR 2014-2020 Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    40. 40. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR 0 % 10 % 2 0 % 3 0 % 4 0 % 5 0 % 6 0 % 7 0 % A B C 1 C 2 D p r o d u z i o n e st a n d a r d d o m a n d a u n i c a Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    41. 41. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Operazione 4.3.2 Ripristino di strade e acquedotti rurali al servizio di più aziende agricole Beneficiari: forme associative o consortili. Localizzazione: tipologie areali C e D. Interventi ammessi: a) sistemazione della viabilità; b) opere acquedottistiche. Contributo previsto: 80 % spesa ammessa. Due bandi: 1) zone collinari e montane appenniniche, 2) zone alpine. Dotazione finanziaria: 9.500.000 euro. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    42. 42. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Operazione 4.3.3 Infrastrutture per gli alpeggi Beneficiari: Enti pubblici Interventi ammessi: - collegamenti a linee elettriche o telefoniche; - opere acquedottistiche. Contributo previsto: 80 % (max. 150.000 €) Dotazione finanziaria: 1.500.000 € Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    43. 43. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Operazione 7.1.1 Piani di sviluppo dei Comuni Beneficiari: Comuni in forma associata. Interventi ammessi: Redazione di piani di sviluppo. Contributo previsto: 100 % della spesa ammessa. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    44. 44. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Operazione 7.6.1 Miglioramento dei fabbricati di alpeggio Beneficiari: Enti pubblici o privati. Interventi ammessi: - riqualificazione dei fabbricati e delle loro pertinenze; - opere impiantistiche. Contributo previsto: 90 % per gli enti pubblici, 50% per i privati. Dotazione finanziaria: 9.800.000 euro. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    45. 45. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Criteri di selezione dell’operazione 7.6.1 Superficie: -fino a 100 ha: 2 punti/ha; -fra >100 ha e 200 ha: 1 punto/ha; -fra >200 ha e 500 ha: 0,2 punti/ha. Gestione aziendale: 40 punti per: caseificazione, agriturismi, attività didattiche Progetti integrati: con un’altra operazione (4.3.3 o 4.3.4): 30 punti; con entrambe le operazioni: 50 punti. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    46. 46. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Criteri di selezione dell’operazione 7.6.1 Continuità d’uso: - inutilizzo nel 2015: -20 punti; - inutilizzo nel 2015 e nel 2016: -40 punti; - contributi sul PSR 2007-2013: -20 punti. Soglia minimo di accesso: 100 punti. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    47. 47. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Criteri di selezione dell’operazione 7.6.1 Aspetti innovativi: - produzione di energia elettrica o captazione/distribuzione dell’acqua: 50 punti. Localizzazione: -zone ad alto valore naturalistico o prossimità a itinerari escursion.: 20 punti; Coerenza con soluzioni architettoniche e paesaggistiche: 20 punti. Soglia minima: 150 punti. Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    48. 48. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Confronto delle dotazioni finanziarie delle M04.3.3, M04.3.4 e M07.6.1 Tipo di operazione PSR 2007-2013 PSR 2014-2020 Strade e acquedotti rurali 4.528.000 9.500.000 Infrastrutture di alpeggio 1.990.000 8.000.000 Fabbricati di alpeggio 0 9.800.000 Associazionismo fondiario 0 950.000 Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016
    49. 49. 26 novembre Comitato di sorveglianza PSR Operazione 4.3.4 Infrastrutture per l’accesso e la gestione delle risorse forestali e pastorali (alpeggi) Beneficiari: Enti pubblici e privati Interventi ammessi: apertura e adeguamento di piste silvopastorali (esclusa manutenzione ordinaria e straordinaria) Contributo previsto: 80% Dotazione finanziaria: 17,5 Meuro (11+6,5) Il PSR 2014-2020 Biella, 7 giugno 2016

    ×