Dichiarazione finale

439 views

Published on

Dichiarazione di Bruxelles - 16 settembre 2010.

Published in: News & Politics, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
439
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dichiarazione finale

  1. 1. Dichiarazione finaleIl coinvolgimento delle parti sociali e della società civile organizzata nellambito della strategiaEuropa 2020Dichiarazione di Bruxelles - 16 settembre 2010I Presidenti e i Segretari generali dei consigli economici e sociali (CES) degli Stati membri e delComitato economico e sociale europeo, riuniti a Bruxelles il 16 settembre 2010, hanno elaborato unariflessione comune sul coinvolgimento delle parti sociali e delle altre organizzazioni rappresentativedella società civile nellambito della nuova strategia Europa 2020 dellUE e hanno adottato lapresente dichiarazione. Questultima integra e approfondisce tutta una serie di contributi del CESE edei diversi CES nazionali che figurano, in particolare, nella relazione integrata del marzo 2010presentata allultimo Consiglio europeo di primavera. La presente dichiarazione si basa sulle rispostedate in un questionario inviato ai Presidenti e ai Segretari generali in merito al coinvolgimento dellasocietà civile e delle parti sociali nella strategia Europa 2020.1. Un quadro contraddistinto dalla crisi e da sfide di grande rilievo1.1 Il quadro economico congiunturale non si è ancora stabilizzato. La recessione non riguarda più soltanto i settori bancario e finanziario, ma si è trasformata in una profonda crisi economica e sociale alla quale si accompagnano una crescita stentata, la perdita di numerosi posti di lavoro e le difficoltà di bilancio di alcuni Stati membri. I Presidenti e i Segretari generali esprimono tutta la loro preoccupazione per la situazione sul fronte del mercato del lavoro, tuttora caratterizzata da vive tensioni, e per le ripercussioni economiche e sociali della crisi, che seguitano a gravare sulle imprese e sui lavoratori.1.2 In questa fase in cui lUnione europea attraversa una crisi che non ha precedenti dalla Seconda guerra mondiale, i cittadini dellUE si trovano ad affrontare sfide a lungo termine di grande rilievo, come ad esempio - per citarne solo alcune - la globalizzazione delleconomia, la creazione di nuovi e migliori posti di lavoro, il rafforzamento della coesione sociale, il miglioramento del mercato interno, la politica energetica e il cambiamento climatico, le trasformazioni demografiche e la migrazione.1.3 È evidente che ogni Stato membro conserva le sue particolari caratteristiche e che gli effetti della recessione sono più o meno gravi a seconda dei paesi. Malgrado ciò, i Presidenti e i Segretari generali si dichiarano convinti che tanto le sfide attuali quanto quelle future riguardino lintera UE e che esse potranno essere raccolte e vinte soltanto insieme, ossia grazie allo sforzo congiunto di tutti i popoli dellUnione.R/CESE 1063/2010 fin FR/EN-COS/STO/Mar/STO/Cos/cp/cl …/… IT
  2. 2. -2-2. La strategia Europa 2020 al centro del progetto europeo2.1 Nonostante il contesto attuale, i Presidenti e i Segretari generali esprimono la convinzione che la costruzione europea debba, oggi più che mai, proporsi come un progetto positivo, capace di suscitare entusiasmo e proiettato verso il futuro per i popoli che compongono lUE e per quelli che aspirano a farne parte.2.2 In occasione del Consiglio europeo del giugno 2010, lUnione europea ha adottato un nuovo quadro generale per lattuazione, nei prossimi dieci anni, delle riforme in campo economico, sociale e ambientale. Sono stati definiti cinque obiettivi principali per far progredire lUE, nellarco del prossimo decennio, nei settori delloccupazione, dellinnovazione e della ricerca e sviluppo, del cambiamento climatico e dellenergia, dellistruzione e, infine, della riduzione della povertà. La nuova strategia impone agli Stati membri di assumersi maggiori responsabilità, poiché essi si sono impegnati a fissare degli obiettivi nazionali che - tenuto conto delle rispettive condizioni di partenza - determineranno il contributo di ciascuno di essi alla realizzazione degli obiettivi principali dellUnione. La governance verrà rafforzata: il Consiglio europeo fungerà da cabina di regia della strategia e i passi in avanti verso il conseguimento degli obiettivi principali saranno valutati con cadenza periodica.3. La strategia di Lisbona: dieci anni di esperienze nel campo della partecipazione3.1 Se è vero che le relazioni tra le parti sociali, la partecipazione della società civile organizzata e larchitettura delle strutture incaricate delle decisioni politiche possono essere molto diverse da uno Stato membro allaltro, in generale le attività svolte dai CES nazionali appaiono sempre più correlate alla problematica dellintegrazione europea e alle scadenze stabilite nel quadro di tale processo.3.2 Per le parti sociali e le altre organizzazioni rappresentative della società civile, trovare una collocazione in una strategia complessa e di vasta portata come la strategia di Lisbona è stata una sfida. I CES nazionali, ognuno servendosi dei propri strumenti e in base alle proprie modalità di funzionamento, si sono adoperati senza riserve per partecipare alla strategia di Lisbona, benché con risultati ancora disomogenei da un paese allaltro.3.3 I Presidenti e i Segretari generali intendono sottolineare il notevole contributo dato dallistituzione dellOsservatorio della strategia di Lisbona del CESE. Questo organo del Comitato, che riunisce periodicamente i CES degli Stati membri per esaminare questioni connesse alla strategia di Lisbona, ha rappresentato uno strumento di particolare rilievo per lo scambio di informazioni e di pratiche tra gli stessi CES nazionali in materia di titolarità della strategia. I Presidenti e i Segretari generali auspicano quindi che questo strumento di cooperazione continui a sviluppare le sue attività adeguandole alla nuova strategia Europa 2020.3.4 Tuttavia, malgrado gli sforzi e i progressi fin qui compiuti, i Presidenti e i Segretari generali sono del parere che la strategia di Lisbona sia rimasta in larga misura sconosciuta al pubblico.R/CESE 1063/2010 fin FR/EN-COS/STO/Mar/STO/Cos/cp …/…
  3. 3. -3- Il tentativo di mobilitare linsieme della società intorno agli obiettivi della strategia si è scontrato con grandi difficoltà, il che si è tradotto, in generale, in un coinvolgimento insufficiente delle parti sociali e delle altre organizzazioni rappresentative della società civile.3.5 Alla luce dellesperienza maturata in un decennio di attuazione della strategia di Lisbona, i Presidenti e i Segretari generali pongono laccento sullesigenza imprescindibile di accrescere la legittimità e la visibilità della strategia per la crescita e loccupazione. È inoltre necessario rafforzare - nel quadro delleconomia sociale di mercato e a livello sia nazionale che dellUE - le piattaforme di informazione, di consultazione, di concertazione e/o di negoziazione di cui i CES degli Stati membri fanno, in misura diversa, parte affinché la sensibilizzazione delle varie componenti della società alle sfide da affrontare e la loro partecipazione a un tale processo si realizzino in modo efficace e democratico. Occorre mettere a frutto il potenziale offerto dalla costruzione europea, non per definire un modello sociale europeo unico da sostituire a quelli nazionali, ma per aumentare le capacità di adattamento di questi ultimi e per tutelare i singoli cittadini da rischi che essi non sono in grado di assumere da soli.4. Strategia Europa 2020: è necessaria una maggiore partecipazione4.1 Nel momento in cui lUnione europea avvia lattuazione di una nuova strategia di sviluppo economico, sociale ed ambientale per il prossimo decennio, i Presidenti e i Segretari generali sottolineano lesigenza inderogabile di dotarsi, nel quadro di tale strategia, di una governance che garantisca un più forte coinvolgimento delle parti sociali e delle altre organizzazioni rappresentative della società civile, per dare una risposta concreta e immediata allentrata in vigore del Trattato di Lisbona, con particolare riferimento ai paragrafi da 1 a 3 dellarticolo 11 del Trattato.4.2 Per conseguire gli obiettivi che lUE si è prefissa, è necessario che le imprese, i lavoratori e i cittadini europei in generale, come pure le organizzazioni e le istituzioni che li rappresentano, agiscano in qualità di soggetti concreti e pertinenti del processo di convergenza e di integrazione innescato dai cantieri politici di vaste proporzioni che sono stati aperti nei settori delle riforme socioeconomiche e dello sviluppo sostenibile. I Presidenti e i Segretari generali accolgono con favore le considerazioni della presidenza belga del Consiglio Occupazione, formulate in seguito al Consiglio informale dei ministri del Lavoro dell8 luglio 2010, che confermano tra laltro la necessità di un coinvolgimento più forte ed effettivo delle parti sociali nella realizzazione della strategia Europa 2020 sia a livello europeo che nazionale.4.3 Lattuazione delle politiche previste dalla strategia Europa 2020 dovrebbe servire a migliorare le condizioni di vita di tutti i cittadini dellUnione europea. Per essere comprese e approvate dallopinione pubblica, le riforme che discendono dallapplicazione di tali politiche devono, da un lato, inscriversi in un quadro europeo solido e, dallaltro, fondarsi su un modelloR/CESE 1063/2010 fin FR/EN-COS/STO/Mar/STO/Cos/cp …/…
  4. 4. -4- equilibrato di cooperazione tra linsieme delle componenti della società e delle parti in causa, a tutti i livelli del processo decisionale.4.4 Il dialogo sociale, il dialogo macroeconomico e, più in generale, il dialogo con la società civile sono altrettante componenti essenziali di una strategia ben calibrata volta al conseguimento degli obiettivi fissati, sul piano sia delle riforme strutturali che delle politiche macroeconomiche. Occorre in sostanza soddisfare, mediante modalità di interazione elaborate soprattutto in sede di CES nazionali, le esigenze di uneconomia efficiente e globalizzata, come pure la richiesta dei cittadini europei di beneficiare di posti di lavoro di qualità, di un ambiente di vita sano e gradevole e di tutti gli altri vettori di integrazione socioeconomica.4.5 Il dialogo deve essere portato avanti a tutti i livelli: europeo, nazionale, regionale e locale. Un coordinamento ottimale delle politiche tra i diversi piani - internazionale, delle istituzioni UE e nazionale - è di primaria importanza per la riuscita della strategia. Occorre un costante affinamento delle interfacce tra la dimensione europea e quella nazionale. Se è vero che le consultazioni pubbliche, di portata nazionale o allargata allintera UE, rappresentano un innegabile progresso, esse presentano però lo svantaggio di mettere sullo stesso piano i singoli individui, talune organizzazioni non democraticamente elette e gli organismi la cui azione è fondata su una legittimità democratica.4.6 Sebbene il dialogo sociale europeo sia riconosciuto dalle disposizioni del Trattato, nella pratica il suo ruolo deve essere rafforzato in tutte le varie fasi del processo istituzionale. I punti di vista delle parti sociali dovrebbero essere considerati importanti sia nella definizione che nellattuazione di politiche fondate su raccomandazioni e su forme di coordinamento. La loro consultazione rimane limitata nel quadro dei metodi aperti di coordinamento adottati dalla Commissione per le politiche sociali, segnatamente in materia di pensioni o di politiche occupazionali, fatta eccezione per il vertice sociale tripartito, per il quale sarebbe necessario ricercare un più adeguato coordinamento con le iniziative messe in campo dal Presidente del Consiglio europeo.4.7 La strategia Europa 2020 introduce nuovi principi di governance che impongono a tutte le parti una giusta valutazione e comprensione dellapproccio dellUE, ma anche delle differenze nazionali e regionali. Queste differenze dovranno dora in poi essere tenute in maggiore considerazione e andranno inquadrate in modo più adeguato da tutte le sfere decisionali, mediante il coinvolgimento dellinsieme degli attori interessati e grazie ad un coordinamento delle iniziative intraprese da questi ultimi. In questo senso, la definizione di obiettivi nazionali coerenti con gli orientamenti stabiliti dallUnione europea dovrebbe risolvere alcuni di questi problemi e rimediare a tutta una serie di carenze registrate in passato.4.8 I Presidenti e i Segretari generali esortano a un migliore coordinamento tra le dinamiche innescate dai programmi nazionali di riforma e i piani di stabilità e di crescita, che porti dora in poi a una partecipazione più adeguata delle parti sociali e delle altre organizzazioni rappresentative della società civile alle varie procedure di consultazione.R/CESE 1063/2010 fin FR/EN-COS/STO/Mar/STO/Cos/cp …/…
  5. 5. -5-5. Vie per rafforzare la partecipazione5.1 Lattività svolta dal CESE e dai CES nazionali nellambito dellOsservatorio della strategia di Lisbona e del lavoro preparatorio alla presente dichiarazione dimostra che, al di là delle differenze esistenti tra i vari Stati membri, è possibile individuare taluni fattori comuni in grado di promuovere, o addirittura di condizionare, il coinvolgimento delle parti sociali e delle altre organizzazioni rappresentative della società civile nellattuazione delle politiche europee. Questi fattori comuni vengono presentati brevemente qui di seguito: − La chiarezza e la leggibilità della strategia dellUE5.2 I Presidenti e i Segretari generali insistono in particolare sullimportanza di adoperarsi per quanto possibile perché le politiche europee siano chiare e comprensibili. Oggi, infatti, la strategia attuata dallUE si contraddistingue per la sua elevata complessità, tanto sul piano normativo quanto su quello istituzionale: una maggiore chiarezza delle politiche e degli strumenti messi in campo per attuarle costituisce il presupposto indispensabile di unautentica e concreta titolarità degli obiettivi della nuova strategia. Inoltre, unaccresciuta trasparenza e un più stretto coordinamento delle discussioni che si svolgono in sede, ad esempio, di comitati europei (comitato di politica economica - CPE, comitato economico e finanziario, comitato per la protezione sociale e comitato per loccupazione) non possono che rafforzare la legittimità delle istituzioni dellUnione europea. − Il coinvolgimento sistematico dei CES nella strategia5.3 Diversi CES nazionali partecipano già, nei rispettivi paesi, a gran parte delle attività previste dalla rete istituzionale nel campo delle consultazioni e/o della concertazione sociali sulle tematiche europee, in base a procedure stabilite per legge oppure con modalità ad hoc e/o specifiche a seconda dei casi. Taluni CES privilegiano canali di dialogo formale o informale con le autorità pubbliche, in particolare con il coordinatore nazionale per la strategia di Lisbona; altri, invece, hanno coinvolto i soggetti interessati nel lavoro svolto da un osservatorio dello sviluppo sostenibile. In alcuni casi vengono periodicamente organizzate audizioni informali con ministri, delegazioni di parlamentari, funzionari della Rappresentanza permanente dello Stato membro in questione presso lUnione europea, nonché con i rappresentanti nazionali presso i comitati europei o con funzionari di uffici ministeriali. Queste diverse forme di partecipazione dei consigli economici e sociali fanno parte dei sistemi esistenti di partecipazione e consultazione dei partner economici e sociali.5.4 Nel quadro dei sistemi di partecipazione e di consultazione, nellambito dei quali i CES svolgono le loro funzioni, e tenendo conto della diversità delle modalità di tale partecipazione, i Presidenti e i Segretari generali dei CES nazionali desiderano ribadire la loro volontà diR/CESE 1063/2010 fin FR/EN-COS/STO/Mar/STO/Cos/cp …/…
  6. 6. -6- partecipare, in conformità con le loro competenze specifiche e con le prassi in vigore in ciascun paese, allelaborazione delle prese di posizione politiche sostenute dai rispettivi paesi sulla scena europea e ai meccanismi di applicazione delle normative europee. Ciò è particolarmente necessario in relazione alle diverse procedure di coordinamento previste dai piani nazionali di riforma, dagli indirizzi di massima per le politiche economiche degli Stati membri e dagli orientamenti in materia di occupazione, nonché in relazione al metodo aperto di coordinamento per le questioni sociali. − Laccesso alle informazioni5.5 Una delle richieste ricorrenti è che i CES siano informati tempestivamente circa le questioni, le iniziative e le valutazioni attinenti alla strategia Europa 2020. Il buon funzionamento della comunicazione consentirebbe infatti alle parti in causa di difendere i loro interessi o di intervenire sullorientamento dei testi fin dalle prime fasi del processo di consultazione. − Lorganizzazione di un autentico dialogo con le parti sociali e la società civile organizzata5.6 Lorganizzazione da parte delle autorità pubbliche di un vero e proprio dialogo nelle fasi più importanti della strategia, in modo da consentire ai CES nazionali di incidere sul processo decisionale relativo alle politiche, rappresenta inoltre un fattore essenziale per promuovere la partecipazione dei soggetti interessati dalla strategia stessa. È altresì necessario favorire un atteggiamento globale di apertura verso il contributo offerto dai pareri dei CES nazionali al fine di incoraggiarne il coinvolgimento. − La definizione di scadenze realistiche per il processo di consultazione5.7 Non solo i CES nazionali spesso conoscono poco e male il calendario delle attività previste nellambito delle istituzioni UE, ma le scadenze stabilite per le consultazioni sono troppo brevi perché i CES siano in grado di intervenire nelle procedure nel rispetto dei termini loro imposti. I Presidenti e i Segretari generali dei CES fanno osservare che, al fine di garantire un autentico coinvolgimento delle istituzioni che essi rappresentano, è fondamentale poter esaminare i testi nella versione preliminare, prima che vengano adottati dalle autorità politiche, per poter offrire in tempo utile un contributo alla redazione di tali documenti. − Lo scambio di informazioni e di pratiche tra i CES5.8 I CES nazionali pongono laccento sullinteresse di uno scambio reciproco di esperienze e di pratiche per quanto riguarda la loro partecipazione allattuazione delle politiche europee. Limportanza di strumenti quali lattuale Osservatorio della strategia di Lisbona del CESE e CESlink deve essere conformata al nuovo sistema di governance della strategia. I contributi dei CES nazionali, nei quali vengono illustrate in sintesi le difficoltà incontrate nellattuazione della strategia di Lisbona, le buone pratiche adottate e le proposte avanzate in materia diR/CESE 1063/2010 fin FR/EN-COS/STO/Mar/STO/Cos/cp …/…
  7. 7. -7- titolarità, rappresentano unimportante fonte di informazioni e saranno consultabili online tramite il portale CESlink. * * *I Presidenti e i Segretari generali sostengono pienamente i diversi approcci qui proposti per rafforzareil coinvolgimento delle parti sociali e delle altre organizzazioni rappresentative della società civilenellattuazione della strategia Europa 2020 e ribadiscono il loro appoggio allistituzione, allinterno delCESE, di una struttura ispirata allOsservatorio della strategia di Lisbona, adeguata però alle esigenzedella nuova strategia. Lo scambio di informazioni realizzato nel quadro di questa strutturaconsentirebbe, nel lungo periodo, di descrivere in maniera più dettagliata le iniziative intraprese dalleparti sociali e dalle altre organizzazioni rappresentative della società civile nei diversi paesi e quindidi far conoscere ancora meglio la loro partecipazione alla nuova strategia Europa 2020. _____________R/CESE 1063/2010 fin FR/EN-COS/STO/Mar/STO/Cos/cp

×