Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Wikibib
un nuovo ecosistema per i dati bibliografici
(e non solo)
Roma, 19 novembre 2015
Perché Wikibib?
“I nostri dati sono in
vacanza. Dobbiamo farli
lavorare di più”*
Perché Wikibib?
❏ La maggioranza degli utenti inizia ad informarsi partendo da un motore
di ricerca (quasi nessuno da un c...
Wikidata e Wikibase
Wikidata
❏è un database secondario, libero, collaborativo e multilingue per la raccolta di
dati strutt...
Wikidata e Wikibase
Wikibase
❏ è il motore di Wikidata
❏ mette a disposizione di tutti (anche ai non esperti di RDF e di O...
Come funziona Wikibase
❏ Organizzato in pagine, ciascuna dedicata ad un’entità
❏ Le entità sono di due tipi: elementi (ite...
Come funziona Wikibase
❏ Per ogni dichiarazione (una tripla RDF) c’è la possibilità di
indicare sia il contesto - le condi...
Schema.org
❏Accordo del 2011 tra Google, Yahoo, Bing e Yandex per la codifica nel linguaggio
RDF dei dati all’interno dell...
I dati bibliografici in Wikibase
❏Wikibase è in grado di ospitare i dati bibliografici oggi presenti in Indice senza
perde...
Non solo dati bibliografici
Opere d’arte
es. Amore e psiche_Canova
Luoghi della cultura
es. Biblioteca Classense_Ravenna
D...
Non solo dati bibliografici ma...
❏ a patto di modificare i modelli (e i livelli!) di
cooperazione
❏ definendo ontologie u...
Grazie al prezioso lavoro di:
Cristian Bacchi
Giovanni Bergamin
Cristian Consonni
Silvia Dessì
Enrico Francese
Camilla Fus...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Wikibib : un nuovo ecosistema per i dati bibliografici

397 views

Published on

Presentazione del progetto in occasione del 2° Congresso Nazionale MAB, Roma 19 novembre 2015

Published in: Data & Analytics
  • Be the first to comment

Wikibib : un nuovo ecosistema per i dati bibliografici

  1. 1. Wikibib un nuovo ecosistema per i dati bibliografici (e non solo) Roma, 19 novembre 2015
  2. 2. Perché Wikibib? “I nostri dati sono in vacanza. Dobbiamo farli lavorare di più”*
  3. 3. Perché Wikibib? ❏ La maggioranza degli utenti inizia ad informarsi partendo da un motore di ricerca (quasi nessuno da un catalogo di biblioteca o dal sito di un museo…)* ❏ Nuove modalità di produzione di dati ed informazioni (es. social network… > “Internet delle cose”) ❏ Nuovi “attori” nella produzione di dati e metadati - bibliografici e non - (es. editori, distributori..ma anche utenti finali) ❏ Consente di salvaguardare la ricchezza dei dati già prodotti e dei cataloghi legacy, rendendoli immediatamente disponibili ad una platea più ampia
  4. 4. Wikidata e Wikibase Wikidata ❏è un database secondario, libero, collaborativo e multilingue per la raccolta di dati strutturati ❏può essere letto ed implementato sia dagli umani che dalle macchine ❏ha lo scopo di fornire supporto a Wikipedia, a tutti i suoi progetti fratelli (Wikimedia Commons, Wikisource…) e a molti altri siti e servizi anche fuori dal dominio di Wikimedia ❏i suoi contenuti sono disponibili con licenze libere, hanno formati standard (RDF) e sono collegabili con altri open data sets nel web >> potrebbe diventare l’hub fondamentale del Web Semantico ed è, di fatto, un “Super Authority Control” poiché collega identificativi diversi ma equivalenti (es. VIAF) rendendo riconoscibile un’entità in modo non ambiguo.
  5. 5. Wikidata e Wikibase Wikibase ❏ è il motore di Wikidata ❏ mette a disposizione di tutti (anche ai non esperti di RDF e di OWL) tutto quello che serve per creare e aggiornare ontologie e dati strutturati (o metadati) pronti per essere fruiti nel web semantico ❏ facilita sia la collaborazione nella creazione di dati strutturati, sia lo sviluppo condiviso e aperto dell'ontologia di riferimento
  6. 6. Come funziona Wikibase ❏ Organizzato in pagine, ciascuna dedicata ad un’entità ❏ Le entità sono di due tipi: elementi (item) e proprietà (property) ❏ Un elemento è una risorsa da descrivere ❏ Le proprietà sono “relazioni tra una risorsa soggetto e una risorsa oggetto” ❏ Gli elementi sono membri di / <istanza di> una classe ❏ Gli elementi possono essere creati di chiunque es. Il film Arancia meccanica (Q181086)
  7. 7. Come funziona Wikibase ❏ Per ogni dichiarazione (una tripla RDF) c’è la possibilità di indicare sia il contesto - le condizioni di validità nel tempo e nello spazio, il punto di vista, ecc...- (qualificatori), sia la fonte o provenienza dell’informazione (riferimenti) es. Londra (Q84) > I dati sul patrimonio culturale sono dati “ricchi” perché fortemente contestualizzati e referenziati!
  8. 8. Schema.org ❏Accordo del 2011 tra Google, Yahoo, Bing e Yandex per la codifica nel linguaggio RDF dei dati all’interno delle normali pagine HTML > per permettere di fare ricerche più “puntuali", filtrandole per tipologie d’oggetto e in base al contesto ❏Tra gli “oggetti” ricercati attraverso i motori di ricerca ci sono anche libri, documenti, opere d’arte, biblioteche, istituzioni culturali ecc... > BiblioGraph.net >> In Wikibib, Schema.org non è pensato per sostituire MARC, UNIMARC o altri formati di codifica dei record bibliografici ma come strumento per esporre e rendere ricercabili nel web i dati che costituiscono tali record, a seguito di un’attività di mapping tra le diverse ontologie dei diversi domini
  9. 9. I dati bibliografici in Wikibase ❏Wikibase è in grado di ospitare i dati bibliografici oggi presenti in Indice senza perdere informazioni e di farli convivere con informazioni bibliografiche create in contesti differenti (ad es. cataloghi commerciali) ❏Ogni unità atomica di informazione può essere qualificata e storicizzata (sul modello wiki): in questo modo siamo sempre in grado di sapere quando, in che contesto e da chi qualcosa è stato aggiunto/modificato >> esempio di caricamento di un record UNIMARC di SBN in ambiente Wikibase: Elogio del disordine (prototipo a cura di Cristian Bacchi, wikipediano in residenza alla BNCF)
  10. 10. Non solo dati bibliografici Opere d’arte es. Amore e psiche_Canova Luoghi della cultura es. Biblioteca Classense_Ravenna Documenti d’archivio es. Dichiarazione d’Indipendenza degli Stati Uniti d’America >> Schema Architypes Community Group
  11. 11. Non solo dati bibliografici ma... ❏ a patto di modificare i modelli (e i livelli!) di cooperazione ❏ definendo ontologie usabili in domini differenti ❏ mappando le ontologie già in uso
  12. 12. Grazie al prezioso lavoro di: Cristian Bacchi Giovanni Bergamin Cristian Consonni Silvia Dessì Enrico Francese Camilla Fusetti Agnese Galeffi Valentina Ginepri Claudio Leombroni ...e molti altri! Lorenzo Losa Anna Lucarelli Lara Mar Andrea Marchitelli Luca Martinelli Raffaele Messuti Chiara Storti Simona Turbanti Andrea Zanni

×