Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La Torino di domani: programma Ambiente. Chiara Appendino

204,950 views

Published on

La quarta tappa di presentazione del programma è stata dedicata al tema dell’ambiente.
Difendere la salute e la qualità di vita della cittadinanza, salvaguardare l’ambiente quale bene di tutti per migliorare la qualità di vita, ridurre lo spreco di risorse naturali e il diritto ad una mobilità sostenibile ed efficiente sono i valori fondanti del nostro programma. Ridurre la produzione di rifiuti, ridurre l’inquinamento in tutte le sue matrici, migliorare la vivibilità degli spazi verdi e degli spazi comuni e interventi di formazione e sensibilizzazione sono alcuni dei nostri obiettivi.
Le nostre proposte si articolano su tre grandi ambiti: rifiuti, tutela e sviluppo del verde, inquinamento e bonifiche, formazione ed informazione.
La grande sfida culturale è trovare un equilibrio tra il nostro stile di vita e l’impatto che questo ha sull’ambiente. L’ambiente e il clima sono beni comuni e ognuno di noi deve contribuire a preservarli per le generazioni future.

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

La Torino di domani: programma Ambiente. Chiara Appendino

  1. 1. PROGRAMMA AMBIENTE TORINO 2016 WWW.CHIARAAPPENDINO.IT
  2. 2. Valori e Principi
  3. 3. ● Difendere la salute e la qualità di vita della cittadinanza ● Salvaguardare l’ambiente e il territorio quali beni di tutti ● Migliorare l’ambiente per migliorare la qualità di vita ● Ridurre lo spreco di risorse naturali ● Ridurre gli impatti antropici sull’ambiente ● Diritto alla salubrità, al silenzio e alla bellezza degli spazi della città ● Diritto ad una mobilità sostenibile ed efficiente per tutti I valori e i principi
  4. 4. I nostri Obiettivi
  5. 5. I nostri Obiettivi ● Riduzione produzione rifiuti e maggior recupero: strategia “Rifiuti Zero” ● Riduzione sprechi ed inefficienze fonti di inquinamento ● Ridurre l’inquinamento in tutte le sue matrici (aria, acqua, acustico, suolo) ● Miglioramento degli spazi verdi rendendoli più vivibili ed inclusivi ● Miglioramento degli spazi comuni ● Sensibilizzazione mediante formazione ed informazione ● Riduzione della spesa sanitaria derivante dai punti precedenti
  6. 6. Rifiuti
  7. 7. Ambito Rifiuti - OBIETTIVI ● Strategia “Rifiuti Zero” ● Raggiungere il 65%-70% di raccolta differenziata ● Progressiva riduzione del rifiuto indifferenziato conferito all’inceneritore ● Riduzione della Tariffa rifiuti basandosi sul principio di chi più inquina più paga (tariffazione incentivante)
  8. 8. Ambito Rifiuti - AZIONI ● Estensione della Raccolta Differenziata porta a porta ● Analisi e sviluppo della tariffazione incentivante (c.d. puntuale) ● Incentivazione del commercio di prodotti sfusi (negozi senza imballagi) ● Riduzione delle tariffa rifiuti con pratiche quali l’uso di pannolini riutilizzabili, compostaggio domestico/condominiale, utilizzo di stoviglie riusabili, ecc. ● Punti pubblici per il conferimento di rifiuti con dimensioni e/o peso ridotti (es cartucce stampanti, piccoli elettrodomestici, ecc.) ● Convenzioni con associazioni per riparazione / recupero / riuso / trasformazione presso case del quartiere / edifici in concessione / ecocentri e Mercatini dell’usato controllato ● Sistema premiante/disincentivante mediante controlli puntuali sulla RD (sistema bonus/malus) ● “Olimpiadi dei rifuti”, competizione tra quartieri con premialità da destinarsi a spazi sociali (scuole, parchi, centri d’incontro, ecc.) ● Strutturazione delle “Fabbriche dei materiali” ● Convenzioni con Università ed enti di ricerca per riprogettazione di materiali ed imballaggi
  9. 9. Tutela e sviluppo del verde
  10. 10. Tutela e sviluppo del verde - OBIETTIVI ● Migliorare il verde pubblico e la sua fruibilità ● Rendere accessibili gli spazi verdi e giochi a tutti ● Migliorare la qualità delle attività sportive all’aperto
  11. 11. Tutela e sviluppo del verde - AZIONI ● Approvazione del “Piano del verde”: strategie del sistema dei parchi, aree verdi, alberate, fasce fluviali, ecc. ● Sostegno per l’adozione delle aree verdi di prossimità da parte di cittadini/associazioni tramite la promozione dei principi e degli strumenti previsti all’interno del regolamento per la gestione dei beni comuni ● Incremento del patrimonio arboreo sulle aree verdi vaste, migliorandone la qualità, con specie autoctone e alberi da frutto ● Mantenimento e sviluppo delle alberate. Mantenimento di quelle storiche, realizzazione di alberate nelle vie e corsi perifierici, miglioramento di quelle ubicate nelle aree mercatali ● Bilancio del verde arboreo (abbattimenti e loro motivazioni, piantumazioni compensative, nuovi impianti) ● Aree verdi esistenti in piena terra: evitare compromissione da impermeabilizzazione mantenendole e sviluppandole ● Mantenimento e miglioramento del verde privato in collaborazione con l’amministrazione ● Tutela delle aree agricole esistenti con inserimento nel PRG quali aree a destinazione agricola ● Sviluppo dei parchi giochi inclusivi ● Miglioramento delle aree gioco con strutture meno soggette a rotture e/o atti vandalici ● Impianti sportivi all’aperto: renderli maggiormente fruibili anche con installazione di strutture meno soggette a rotture / atti vandalici
  12. 12. Inquinamento e bonifiche
  13. 13. Inquinamento e bonifiche - OBIETTIVI ● Ridurre l’inquinamento dell’aria mediante azioni concertate con gli altri GDL ● Ridurre i rischi per la salute dei cittadini
  14. 14. Inquinamento e bonifiche - AZIONI ● Con altri GDL si stanno concertando alcune azioni Tra queste alcune sono: ○ Riduzione del traffico veicolare privato, in particolare quello maggiormente inquinante, favorendo il trasporto pubblico ovvero l’uso del car pooling e/o del car sharing ○ Conversione del parco veicoli pubblici prevalentemente con mezzi elettrici * ○ Utilizzo materiali innovativi e/o ecologici * ○ Utilizzo di materiali riciclati per giochi o pavimentazione di ciclabili in gomma riciclata ○ Riduzione degli sprechi energetici degli edifici pubblici e efficentamento energetico ○ Limitare l’uso di mezzi non ecologici nei cantieri, sopra una certa portata utile o potenza del motore * le azioni così indicate impattano anche sull’inquinamento acustico. In tal senso si provvederà al verifica dell’attuazione del Piano di risanamento acustico ● Mappatura delle discariche abusive ● Mappatura dei manufatti pubblici a rischio amianto o altri materiali potenzialmente cancerogeni ● Utilizzo dei Fondi Strutturali e d’Investimento Europei per le bonifiche degli edifici comunali contenenti amianto ● Bonifica dei siti dismessi per restituirli alla cittadinanza e controllo di quelli già bonificati
  15. 15. Formazione e Informazione
  16. 16. Formazione e Informazione - OBIETTIVI ● Rendere partecipi i cittadini dei problemi ambientali ● Fornire le informazioni necessarie agli amministratori per attuare gli obiettivi del programma
  17. 17. Formazione e Informazione - AZIONI ● Pubblicazione dei dati di qualità ambientale anche sul sito internet comunale in modo da renderli facilmente fruibili agli utenti. ● Analisi e pubblicazione dei flussi di rifiuti e diffusione dei dati semestrale in modo facile e comprensibile (RD totale, percentuale di recuperato, percentuale di conferimento all’inceneritore, ecc.) ● Pubblicazione dei dati di consumo energetico e delle temperature medie degli edifici pubblici ● Sviluppo di un progetto in merito al bilancio della CO2 del comune ● Percorsi formativi/informativi per bambini - famiglie - personale scolastico in merito a strategia “rifiuti zero”, raccolta differenziata, alimentazione e spreco alimentare

×