Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
www.caritas.it
EMERGENZA
TERREMOTO NEPAL
Aggiornamento al 15 maggio 2015
IL CONTESTO
Il Paese
Il Nepal è un paese tra i più poveri al mondo con basso sviluppo
umano, alti indici di povertà, servizi pubblici ...
La Chiesa
Il Nepal è un vicariato apostolico con 11 parrocchie, 60 stazioni
missionarie, 1 Vescovo, 18 sacerdoti diocesani...
Le aree colpite
Le aree colpite
Nepal
• colpite 8 milioni di persone in 39 distretti su
75.
• Oltre 2 milioni di persone vivono negli 11
d...
Le aree colpite
Nord-Est dell’India
Stati di :
• Bihar
• Uttar Pradesh
• West Bengal
• Sikkim
• Assam
• Uttarakhand, Delhi...
I numeri della catastrofe
• Magnitudo di 7.8 della scala Richter la scossa del
25 aprile 2015 seguita da una di 6.7 il gio...
I numeri della catastrofe
Nepal
• Oltre 8.000 i morti registrati e oltre 20.000 i feriti
• 8 milioni le persone colpite
• ...
I danni alle infrastrutture e alle
strutture pubbliche
Le vie di comunicazione sono pesantemente
danneggiate ostacolando l...
I bisogni prioritari
• Si scava ancora tra le macerie, la gente è in
strada ed ha bisogno di tutto.
• Nell’immediato vi è ...
IL PIANO DI RISPOSTA CARITAS
Interventi in corso
Caritas Nepal con il sostegno della Caritas
Italiana e della rete Caritas internazionale ha
avviato un...
Tipologia di aiuto
• Fornitura di kit per alloggi temporanei: teloni,
corde, materassini, coperte
• Fornitura di kit di ge...
Tipologia di aiuto
• L’intervento è rivolto alle famiglie con abitazioni
crollate o severamente danneggiate con priorità a...
Le aree dell’intervento
Distretto Pop. ne
Famiglie
colpite
Famiglie
sfollate
Destinatari
stimati di
Caritas
Nepal
Kavre Da...
Interventi futuri
• Vista l’entità del disastro, vi è la necessità di un
sostegno significativo, sia nell’immediato sia ne...
Interventi futuri
Concretamente gli interventi avranno un orizzonte pluriennale e
si focalizzeranno su alcuni settori prio...
Interventi futuri
• Gli interventi avranno un’ attenzione
particolare nel favorire la ricostruzione dei
legami comunitari ...
Appello alla solidarietà
E’ possibile esprimere concretamente vicinanza alla
popolazione partecipando alla colletta nazion...
PER LA RIFLESSIONE
I fattori di rischio
Il rischio derivante dagli eventi naturali dipende da un mix di fattori, i
più importati sono:
• le c...
Emergenza Terremoto Nepal 2015 - L'azione Caritas
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Emergenza Terremoto Nepal 2015 - L'azione Caritas

791 views

Published on

Il 25 aprile un sisma di magnitudo 7,9 colpisce lo stato asiatico del Nepal ed è avvertito con forza anche dai Paesi confinanti. Altissimo il numero di vittime e dei dispersi sotto le macerie. Caritas è presente in Nepal ed è sostenuta negli interventi da Caritas India e da tutta la rete Caritas, con Caritas Italiana impegnata subito in un'azione di supporto e vicinanza.

Published in: Government & Nonprofit
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Emergenza Terremoto Nepal 2015 - L'azione Caritas

  1. 1. www.caritas.it EMERGENZA TERREMOTO NEPAL Aggiornamento al 15 maggio 2015
  2. 2. IL CONTESTO
  3. 3. Il Paese Il Nepal è un paese tra i più poveri al mondo con basso sviluppo umano, alti indici di povertà, servizi pubblici carenti, soprattutto quello sanitario, e infrastrutture arretrate sia nei trasporti che nella fornitura di energia. Dati Superficie: 147.181 Kmq. Popolazione: 28.700.000 * Religione: Induisti 80,6%, buddisti 10,74%, mussulmani 4,2%, Kìrat 3,6% cristiani 0,4% Indice di Sviluppo Umano: 157° posto su 187 paesi (rapporto UNDP 2013) Pil pro capite annuo: 730$ * % di popolazione sotto soglia di povertà di 2$ al giorno: 56% * Aspettative di vita alla nascita: 68 anni * Mortalità infantile sotto i 5 anni: 39,6 per mille (Italia 3,6) * Economia: agricoltura e turismo i settori prevalenti. *Banca Mondiale 2010 e 2013
  4. 4. La Chiesa Il Nepal è un vicariato apostolico con 11 parrocchie, 60 stazioni missionarie, 1 Vescovo, 18 sacerdoti diocesani, 58 religiosi, 13 religiosi non sacerdoti, 165 religiose. L’attuale Vicario apostolico è S.E. Mons. Paul Simick. Secondo l’Annuario Statistico della Chiesa in Nepal i cattolici sono 8.000. La Chiesa gestisce 17 centri di assistenza e beneficenza, e 22 scuole materne, 28 primarie e 23 medie, tra inferiori e superiori. Caritas Nepal opera dal 1990 soprattutto nei settori dello sviluppo rurale, la lotta all’HIV e le emergenze. Caritas Nepal è il punto di riferimento per il coordinamento della risposta della Chiesa all’emergenza in corso. Il direttore è il gesuita Fr. Pius Perumana, S.J.
  5. 5. Le aree colpite
  6. 6. Le aree colpite Nepal • colpite 8 milioni di persone in 39 distretti su 75. • Oltre 2 milioni di persone vivono negli 11 distretti più danneggiati: Dhading, Gorkha, Rasuwa, Sindhupalchowk, Kavre, Nuwakot, Dolakha, Kathmandu, Lalitpur, Bhaktapur and Ramechhap
  7. 7. Le aree colpite Nord-Est dell’India Stati di : • Bihar • Uttar Pradesh • West Bengal • Sikkim • Assam • Uttarakhand, Delhi, • Punjab, Haryana
  8. 8. I numeri della catastrofe • Magnitudo di 7.8 della scala Richter la scossa del 25 aprile 2015 seguita da una di 6.7 il giorno successivo. Il sisma più forte nel paese degli ultimi 80 anni. • Numerose ulteriori scosse di magnitudo oltre 5.0 si sono susseguite nei giorni successivi, la più intensa di magnitudo 7.3 il 12 maggio. • Epicentro a 81 km a nord-ovest della capitale Kathmandu nel distretto di Lamjung ad una profondità di 15 km.
  9. 9. I numeri della catastrofe Nepal • Oltre 8.000 i morti registrati e oltre 20.000 i feriti • 8 milioni le persone colpite • 2.8 milioni di sfollati • Oltre 750.000 le abitazioni danneggiate, il 60% completamente distrutte India • 50 morti e qualche centinaio di feriti. • Danni lievi a vie di comunicazioni e abitazioni. Crollo di parti di alcune scuole nel West Bengal's Malda.
  10. 10. I danni alle infrastrutture e alle strutture pubbliche Le vie di comunicazione sono pesantemente danneggiate ostacolando l’accesso alle aree più remote alcune delle quali risultano ancora non essere state raggiunte. Molti ospedali sono stati danneggiati acuendo molto le già carenti capacità del sistema sanitario nepalese aumentando fortemente il rischio di epidemie.
  11. 11. I bisogni prioritari • Si scava ancora tra le macerie, la gente è in strada ed ha bisogno di tutto. • Nell’immediato vi è urgenza di alloggi provvisori, acqua potabile, servizi igienici, viveri di prima necessità e supporto psicosociale. • Essendo la popolazione prevalentemente dedita all’agricoltura è urgente un sostegno per la stagione agricola di inizio giugno. • Successivamente ricostruzione e riabilitazione materiale, ricomposizione del tessuto sociale.
  12. 12. IL PIANO DI RISPOSTA CARITAS
  13. 13. Interventi in corso Caritas Nepal con il sostegno della Caritas Italiana e della rete Caritas internazionale ha avviato un piano di aiuto per oltre 20.000 famiglie (circa 100.000 persone) per i prossimi due mesi. con un costo di oltre 2,5 milioni di euro.
  14. 14. Tipologia di aiuto • Fornitura di kit per alloggi temporanei: teloni, corde, materassini, coperte • Fornitura di kit di generi non alimentari di prima necessità: lampade a energia solare, taniche, secchi, pentole e utensili da cucina • Fornitura di pastiglie per la potabilizzazione dell’acqua, kit igienico sanitari. I kit igienico sanitari sono composti da: sapone, disinfettante, panni sanitari, panno di cotone, biancheria intima per donne, asciugamani, spazzolino + dentifricio.
  15. 15. Tipologia di aiuto • L’intervento è rivolto alle famiglie con abitazioni crollate o severamente danneggiate con priorità alle più vulnerabili quali: donne capofamiglia, minori non accompagnati e disabili. • Caritas Nepal prevede una formazione e un accompagnamento nell’utilizzo dei materiali forniti e un monitoraggio successivo anche al fine di prevenire abusi e sfruttamento soprattutto nei casi di maggiore vulnerabilità. • Si sta predisponendo la raccolta dei bisogni per la fornitura di sostegno psicosociale e l’impostazione di un successivo piano di ricostruzione e riattivazione socio-economica.
  16. 16. Le aree dell’intervento Distretto Pop. ne Famiglie colpite Famiglie sfollate Destinatari stimati di Caritas Nepal Kavre Dato mancante 45,000 35,000 2,000 Ghorka 269,388 Dato mancante Dato mancante 2,000 Nuwakot+ Rasuwa 278,761 35,529 36,000 55,000 12,000 4,000 Sindupalchowk 289,485 40,000 30,000 1,000 Dhading + Makwanpur 336,250 60,000 70,000 6,000 Okhaldhunga + Sindule 148,320 Dato mancante 39,000 4,000 Lamjung 8,697 8,697 1,000 Lalitpur 466,784 TBC 21168 1,000 Bhjaktapur 303,027 68,636 48,045 1,000 Khatmandu 1740977 436,344 436,344 1,000 Destinatari dell’intervento Caritas suddivisi per distretti::
  17. 17. Interventi futuri • Vista l’entità del disastro, vi è la necessità di un sostegno significativo, sia nell’immediato sia nel medio /lungo termine. • Accompagnare e rimanere accanto alla gente per tutto il tempo necessario anche quando i riflettori si saranno spenti è la prossimità che la Chiesa è chiamata ad esprimere alle popolazioni travolte dalla catastrofe e che Caritas intende promuovere per i prossimi anni grazie alla colletta nazionale.
  18. 18. Interventi futuri Concretamente gli interventi avranno un orizzonte pluriennale e si focalizzeranno su alcuni settori prioritari : • Aiuto d’urgenza per la fornitura di beni essenziali ai senzatetto e accompagnamento psicosociale • Ricostruzione di abitazioni e strutture di pubblica utilità • Riattivazione socio-economica e sviluppo comunitario • Accompagnamento e rafforzamento delle capacità della chiesa nepalese nella prevenzione e nella risposta alle emergenze, e nella sua capacità di promuovere prossimità alle fasce più svantaggiate in dialogo e in collaborazione con le altre confessioni religiose e la società civile.
  19. 19. Interventi futuri • Gli interventi avranno un’ attenzione particolare nel favorire la ricostruzione dei legami comunitari lesi dalla catastrofe e alle fasce più vulnerabili. • I fondi raccolti sono gestiti da Caritas Italiana che opera in coordinamento con Caritas Nepal e la rete Caritas internazionale.
  20. 20. Appello alla solidarietà E’ possibile esprimere concretamente vicinanza alla popolazione partecipando alla colletta nazionale con un’ offerta in denaro alla Caritas diocesana. Al momento, questa è la forma più utile di solidarietà. Al contempo è importante che questo gesto sia accompagnato da una riflessione sulle cause degli squilibri che affliggono il nostro pianeta. In Nepal, ancora una volta, i danni e le sofferenze provocate dal sisma derivano e sono amplificate dall’impreparazione al terremoto nonostante l’alto rischio sismico e dalle preesistenti condizioni di arretratezza e povertà.
  21. 21. PER LA RIFLESSIONE
  22. 22. I fattori di rischio Il rischio derivante dagli eventi naturali dipende da un mix di fattori, i più importati sono: • le condizioni di vulnerabilità delle comunità (persone, edifici, infrastrutture, attività economiche …) in una determinata area, come propensione a subire danni a seguito di eventi naturali di una data intensità. • La pericolosità , ovvero la probabilità che un fenomeno di una determinata intensità si verifichi in una data area, in un certo periodo di tempo. • L’esposizione ovvero il numero degli elementi a rischio presenti in una determinata area (vite umane, insediamenti …).

×