Terzo Rapporto sull’innovazionedella provincia di Forlì-Cesena                                  Luca Valli                ...
Obiettivo e strumenti     Monitorare il sistema economico locale rispetto al tema                         dell’Innovazione...
Strumenti – EIS/IUS • EIS nasce su iniziativa della Commissione Europea nel 2000 nell’ambito della strategia di Lisbona • ...
Strumenti – Osservatorio Innovazione • Permette la contestualizzazione territoriale dell’andamento di indicatori che rappr...
Strumenti – Osservatorio InnovazioneLe caratteristiche del campione:• Dimensioni:    – netta prevalenza della piccola e de...
Strumenti – SIMET • Sistema di Data warehouse attivato nel 2004 dalla Camera di Commercio di Forlì-Cesena • Integra un ins...
Strumenti – SIMET, le fonti dati Fonte: Camera di Commercio                                             Fonte: Miur Demogr...
Innovazione in termini di Sviluppo • Progresso tecnico, capitale economico e capitale umano concorrono allo sviluppo econo...
Dimensioni dell’Innovazione Il III Report sull’innovazione della provincia di Forlì-Cesena prende in considerazione le seg...
Andamenti ultimo triennio                                 FORLÌ-CESENA                                                    ...
Andamenti ultimo triennio                                 FORLÌ-CESENA                                                    ...
Andamenti ultimo triennio                                 FORLÌ-CESENA                                                    ...
Andamenti ultimo triennio                                 FORLÌ-CESENA                                                    ...
Innovazione introdotta nell’ultimo triennio     Il 58% delle imprese regionali nell’ultimo triennio          non ha introd...
Tipologia di innovazione introdotta nell’ultimotriennio  L’innovazione più “pregiata” prevalentemente sviluppata  internam...
Portata dell’innovazione introdottae incidenza sul fatturato             Nuova per il                  Nuova per il   Nuov...
Portata dell’innovazione introdottae incidenza sul fatturato        I prodotti/servizi innovativi introdotti nell’ultimo  ...
Indice di apertura (misura l’estensione geografica del business)                                     A monte (fornitori)  ...
Indice di apertura a valle in relazione conle imprese che non innovano                                                    ...
Obiettivi dell’innovazioneQuali potrebbero                                              FC       ER       ∆ FC–ERessere, p...
Investimenti in strumenti per l’innovazione                                                                               ...
Fattori abilitanti l’innovazione                                                              FC      ER       ∆          ...
Ostacoli all’innovazione                                                                    FC      ER        ∆           ...
Benefici/effetti dell’innovazione                                                                                ∆        ...
Spesa in R&S in relazione al PILSpesa R&S in percentuale del PIL:                              totale   settore privato   ...
Ambiti di miglioramento per beneficio attesoin termini di competitività                                                   ...
Forme di tutela adottate   Strategie e/o forme di tutela adottate dalle imprese   sul totale della popolazione (per milion...
Forme di tutela adottate   Benefici ottenuti dalle forme di tutela adottate                                               ...
Basso tasso di assorbimento di risorse laureate        Nella provincia di Forlì-Cesena prevalgono, con il        63,5%, le...
Sensibilità alla sostenibilità ambientale:    bassi consumi di energia     • nel 2005 il consumo regionale medio pro-capit...
Sensibilità alla sostenibilità ambientale:efficienza energetica  Efficienza in termini di PIL rispetto al consumo di energ...
Sensibilità alla sostenibilità ambientale:bassa previsione di investimenti    Investimenti futuri in razionalizzazione/ris...
Considerazioni finali Innovazione e sviluppo economico: partire dagli obiettivi più che più che dai modelli di innovazione...
Considerazioni finali Il fine ultimo dell’innovazione, seppure non sempre direttamente perseguibile ed ottenibile, è il co...
Considerazioni finali  A questo scopo è necessario l’impegno della componente imprenditoriale  assieme a quello delle rela...
Terzo Rapporto sull’innovazionedella provincia di Forlì-Cesena                                  Grazie per l’attenzione   ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

III Rapporto sull'Innovazione

753 views

Published on

  • Be the first to comment

III Rapporto sull'Innovazione

  1. 1. Terzo Rapporto sull’innovazionedella provincia di Forlì-Cesena Luca Valli CISE - Direttore
  2. 2. Obiettivo e strumenti Monitorare il sistema economico locale rispetto al tema dell’Innovazione Ciò viene perseguito attraverso: • EIS 2010 (European Innovation Scoreboard) • IUS 2011 (Innovation Union Scoreboard – naturale evoluzione di EIS) • Osservatorio Innovazione Unioncamere Emilia Romagna • SIMET
  3. 3. Strumenti – EIS/IUS • EIS nasce su iniziativa della Commissione Europea nel 2000 nell’ambito della strategia di Lisbona • IUS è la naturale evoluzione di EIS dal 2011 • EIS/IUS prevedono il monitoraggio degli stati membri UE27 e delle principali potenze industriali • EIS/IUS includono un ventaglio di circa 30 indicatori che misurano gli aspetti più rilevanti per la descrizione analitica dell’innovazione e per effettuare un benchmark tra i Paesi UE27
  4. 4. Strumenti – Osservatorio Innovazione • Permette la contestualizzazione territoriale dell’andamento di indicatori che rappresentano alcune dimensioni dell’Innovazione • Attivato nel 2006 da Unioncamere Emilia Romagna • Raccoglie annualmente centinaia di interviste presso le imprese della regione (1841 indagini raccolte durante la rilevazione condotta fra luglio 2010 e aprile 2011, di cui 303 della provincia di Forlì- Cesena) • Base di dati utilizzata dalle Camere di Commercio di Ferrara, Piacenza, Reggio-Emilia e Ravenna, per la pubblicazione di Rapporti provinciali sull’innovazione
  5. 5. Strumenti – Osservatorio InnovazioneLe caratteristiche del campione:• Dimensioni: – netta prevalenza della piccola e della micro impresa (92% dei rispondenti, con una leggera maggioranza di micro imprese nel campione provinciale 60% rispetto a quello regionale 54%);• Settore economico di attività: – prevalenza di imprese manifatturiere, – peso consistente di imprese di commercio e servizi, con il 21,5% a livello provinciale contro appena il 4% registrato a livello regionale (a causa della maggiore rispondenza attraverso la compilazione dell’indagine permanente online).Complessivamente il campione può essere considerato rappresentativo dell’universo.
  6. 6. Strumenti – SIMET • Sistema di Data warehouse attivato nel 2004 dalla Camera di Commercio di Forlì-Cesena • Integra un insieme di banche dati relative ad un sistema di fenomeni eterogenei relativi ad economia e territorio • Permette analisi e comparazione mediante indicatori sintetici nati dalla lettura combinata delle singole banche dati
  7. 7. Strumenti – SIMET, le fonti dati Fonte: Camera di Commercio Fonte: Miur Demografia Online: Bilancio demografico, popolazione per fasce Numero di laureati (2002-2008) e dottorati (2003-2007) delle d’età, aspetti sociali e movimento migratorio dei 30 comuni della province italiane per corso di laurea provincia di Forlì-Cesena (serie storica 1995-2010) Diplomati nelle province dellEmilia-Romagna (2004-2006) Stockview: Struttura e dinamica imprenditoriale, dimensione media Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico - UIBM aziendale, consistenza addetti, profilo imprenditori dei comuni Dati sulla proprietà intellettuale: invenzioni, disegni, modelli di della Emilia-Romagna e delle regioni italiane(2000-2010) utilità, marchi (1997-2010) Fonte: Unioncamere Fonte: Ecocerved Rapporto Excelsior: personale dipendente partecipante a corsi di MUDA: Pressione ambientale in termini di rifiuti urbani e speciali formazione nelle province della Emilia-Romagna (2002-2009) prodotti e quantità di rifiuti gestiti dagli impianti nei comuni della provincia di Forlì-Cesena (2002-2008) Osservatorio Brevetti Unioncamere: Numero di brevetti europei Fonte: Banca dItalia pubblicati dallEPO(European Patent Office) – elaborazione su dati Crediti erogati da banche e altre istituzioni finanziarie per provincia EPO (1999-2009) italiana (1998-2008) Fonte: ISTAT Bilancia tecnologica dei pagamenti per regione italiana (2005-2009) Demografia in cifre: Bilancio demografico(2002-2010), Commercio internazionale di servizi per provincia dell’Emilia- popolazione per fasce d’età, aspetti sociali e popolazione straniera Romagna (2005-2009) residente in Emilia-Romagna e delle regioni italiane (2002-2009) Fonte: Tagliacarne Coeweb: Valore delle importazioni ed esportazioni delle province Serie storica provinciale del Prodotto Interno Lordo (2004-2009) italiane verso le nazioni estere (2000-2010) Popolazione per massimo titolo di studio conseguito - Serie storica del PIL per le regione italiane (2000-2009) elaborazione su dati ISTAT (2008-2009) Fonte: AIFI Investimenti in Ricerca&Sviluppo nel settore pubblico e privato Venture Capital per la regione Emilia-Romagna (2007-2010) delle regioni italiane (2000-2008) Fonte: Thompson Reuters Forza lavoro per le province dell’Emilia-Romagna (2008-2010) Copubblicazioni pubblico-privato (2002-2009)
  8. 8. Innovazione in termini di Sviluppo • Progresso tecnico, capitale economico e capitale umano concorrono allo sviluppo economico, apportando benefici al processo di innovazione all’interno di un Paese o di un sistema • Lo sviluppo umano, concetto più ampio del precedente, è rappresentato dal continuo miglioramento delle condizioni che permettono alla popolazione di vivere una vita lunga, in buona salute e creativa
  9. 9. Dimensioni dell’Innovazione Il III Report sull’innovazione della provincia di Forlì-Cesena prende in considerazione le seguenti dimensioni dell’innovazione: • Economico imprenditoriale • Scientifico-tecnologica • Sociale • Territoriale-ambientale
  10. 10. Andamenti ultimo triennio FORLÌ-CESENA EM ILIA-ROMAGNAEsportazione EsportazioneOccupazione Occupazione Investimenti Investimenti Fatturato Fatturato 0% 20% 40% 60% 80% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Forte diminuzione Diminuzione Stabile Aumento Forte aumento Forte diminuzione Diminuzione Stabile Aumento Forte aumento Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011 Fatturato: quasi il 60%, sia delle imprese di Forlì-Cesena, sia di tutto il campione regionale, dichiara di aver subito una flessione del fatturato e fra queste, più della metà una forte diminuzione (ovvero superiore al 10%).
  11. 11. Andamenti ultimo triennio FORLÌ-CESENA EM ILIA-ROMAGNAEsportazione EsportazioneOccupazione Occupazione Investimenti Investimenti Fatturato Fatturato 0% 20% 40% 60% 80% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Forte diminuzione Diminuzione Stabile Aumento Forte aumento Forte diminuzione Diminuzione Stabile Aumento Forte aumento Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011 Investimenti: quasi il 60% delle imprese di Forlì-Cesena (e il 47% di quelle emiliano-romagnole) è riuscita in questi ultimi tre anni a mantenere stabile il livello dei propri investimenti e quasi un quarto (24%) li ha invece accresciuti.
  12. 12. Andamenti ultimo triennio FORLÌ-CESENA EM ILIA-ROMAGNAEsportazione EsportazioneOccupazione Occupazione Investimenti Investimenti Fatturato Fatturato 0% 20% 40% 60% 80% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Forte diminuzione Diminuzione Stabile Aumento Forte aumento Forte diminuzione Diminuzione Stabile Aumento Forte aumento Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011 Occupazione: il dato provinciale, in linea con quello regionale, presenta una contrazione limitata a circa un quarto delle imprese coinvolte nell’indagine (dunque flessione inferiore a quella rilevata per il fatturato).
  13. 13. Andamenti ultimo triennio FORLÌ-CESENA EM ILIA-ROMAGNAEsportazione EsportazioneOccupazione Occupazione Investimenti Investimenti Fatturato Fatturato 0% 20% 40% 60% 80% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Forte diminuzione Diminuzione Stabile Aumento Forte aumento Forte diminuzione Diminuzione Stabile Aumento Forte aumento Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011 Esportazioni: forte flessione soprattutto per le imprese di Forlì- Cesena, per la quali si conta un 20% in forte diminuzione contro un 14% a livello regionale.
  14. 14. Innovazione introdotta nell’ultimo triennio Il 58% delle imprese regionali nell’ultimo triennio non ha introdotto alcun tipo innovazione! La percentuale sale ulteriormente (59,7%) per il livello provinciale.
  15. 15. Tipologia di innovazione introdotta nell’ultimotriennio L’innovazione più “pregiata” prevalentemente sviluppata internamenteModalità di sviluppo dell’innovazione nelle imprese di Forlì-Cesena: Innovazione sviluppata in Innovazione sviluppata Innovazione sviluppata cooperazione con altra esternamente internamente azienda o istituzione Prodotto incrementale 5,8% 17,3% 76,9% Prodotto radicale 8,7% 34,8% 56,5% Processo incrementale 13,1% 15,2% 71,7% Processo radicale 23,6% 17,6% 58,8% Organizzativa 2,2% 17,8% 80,0% Marketing 8,3% 20,9% 70,8% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011
  16. 16. Portata dell’innovazione introdottae incidenza sul fatturato Nuova per il Nuova per il Nuova per mercato settore lazienda Emilia-Romagna 21,3% 9,4% 69,3% Forlì-Cesena 25,6% 12,8% 61,6% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011 •L’innovazione meno pregiata (“nuova solo per l’azienda”) è la più diffusa. •Nelle forme più “pregiate” la provincia di Forlì – Cesena supera la media regionale.
  17. 17. Portata dell’innovazione introdottae incidenza sul fatturato I prodotti/servizi innovativi introdotti nell’ultimo triennio hanno inciso per cerca il 13% a livello regionale e circa il 17% a livello provinciale sul fatturato (2009) delle imprese del campione di riferimento.
  18. 18. Indice di apertura (misura l’estensione geografica del business) A monte (fornitori) A valle (clienti) ER FC ER FC Nullo 50,3% 59,3% 42,1% 51,7% Marginale 43,3% 35,7% 38,9% 35,0% Significativo 6,4% 5,0% 19,0% 13,3% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011 Sia le imprese di FC che quelle dell’ER mostrano una più spiccata apertura in termini di clienti che non in termini di fornitori. Imprese provinciali con una apertura a valle (e anche a monte) minore rispetto alla media regionale. Al crescere delle dimensioni aziendali aumenta il grado di penetrazione in mercati sempre più ampi. Settore economico: sia a livello provinciale che regionale sono le imprese della meccanica a mostrare maggior apertura (oltre 36% con apertura significativa). Minor apertura a valle da parte delle imprese manifatturiere tradizionali.
  19. 19. Indice di apertura a valle in relazione conle imprese che non innovano La quota delle imprese regionali, ER che non hanno introdotto alcuna Dimensione innovazione, si riduce drasticamente Piccola 60,4% al crescere delle dimensioni delle Media 32,2% stesse e all’aumentare del grado di Grande 8,7% specializzazione e di dotazione Classificazione Ocse tecnologica. Manifatturiere ad alta tecnologia 42,7% Manifatturiere a medio/alta tecnologia 50,3% Significativa la relazione, lineare e Manifatturiere a media tecnologia 57,9% monotonica, rispetto al grado di Manifatturiere a bassa tecnologia 62,6% apertura verso i clienti/mercati: per le Indice di apertura a valle (clienti) imprese con apertura a valle nulla Apertura nulla 67,4% la percentuale di quelle che non ha Apertura marginale 49,1% introdotto alcuna innovazione Apertura significativa 36,1% nell’ultimo triennio è superiore al Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011 67%.
  20. 20. Obiettivi dell’innovazioneQuali potrebbero FC ER ∆ FC–ERessere, per la Diminuire i costi 16,4% 14,7% 1,7%vostra azienda, Aumentare la produttività 13,3% 14,4% -1,1%i principali obiettivi Penetrare in nuovi mercati 9,8% 9,6% 0,2%dell’innovazione? Migliorare il servizio al cliente 9,6% 7,4% 2,2% Aumentare la quota di mercato 8,5% 8,0% 0,5% Al primo posto Migliorare il risultato economico 8,3% 8,8% -0,5%l’innovazione “meno Migliorare la qualità del prodotto 7,2% 9,6% -2,4%pregiata” Migliorare limpiego delle risorse 6,4% 5,4% 1,0% Estendere o sostituire la gamma 5,8% 5,8% 0,0% dei prodotti Adeguarsi alla concorrenza 2,5% 3,1% -0,6% Aumentare la flessibilità 2,4% 3,9% -1,5% produttiva … … … … Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011
  21. 21. Investimenti in strumenti per l’innovazione ∆ FC ER Fc-Er Acquisto nuovi macchinari/attrezzature 35,7% 40,4% -4,7% Sviluppo/design nuovi prodotti interno 19,8% 23,6% -3,8% Sviluppo nuovi macchinari interno 16,0% 9,0% 7,0% Sviluppo/design nuovi prodotti esterno 10,7% 8,2% 2,5% Marketing nuovi prodotti/servizi 3,1% 2,7% 0,4% Acquisto nuovo software 2,9% 3,2% -0,3% Sviluppo nuovi macchinari in collaborazione 2,8% 2,5% 0,3% Acquisto servizi informatici 2,7% 2,6% 0,1% Acquisto nuovo hardware informatico 2,5% 2,3% 0,2% Assunzione/formazione personale R&S 1,3% 1,3% 0,0% Assunzione/formazione personale nuovi processi/prodotti/servizi 1,1% 1,1% 0,0% Sviluppo nuovo software interno 1,1% 2,0% -0,9% Acquisto nuove tecnologie 0,3% 1,1% -0,8% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011
  22. 22. Fattori abilitanti l’innovazione FC ER ∆ M+A M+A FC - ER Collaborazione clienti 61,6% 67,9% -6,3% Investimenti/finanziamenti 60,7% 60,2% 0,5% R&S intra-muros 60,2% 66,8% -6,6% Conoscenze apportate dal personale 50,0% 52,6% -2,6% Collaborazione fornitori 49,6% 61,5% -11,9% Fiere, convegni, stampa specializzata 32,7% 30,6% 2,1% Collaborazione altre imprese 23,9% 29,5% -5,6% Collaborazione istituzioni 16,1% 14,9% 1,2% Imitazione processi/prodotti da altre imprese 10,0% 17,7% -7,7% Collaborazione con ricerca o università locali 7,3% 10,9% -3,6% Collaborazione con ricerca o università non locali 4,5% 5,3% -0,8% Altro 11,6% 9,6% 2,0% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011
  23. 23. Ostacoli all’innovazione FC ER ∆ M+A M+A FC - ER Eccessiva pressione fiscale 78,5% 78,6% -0,1% Rischio percepito elevato 47,6% 47,9% -0,3% Difficoltà di reperire personale qualificato 43,8% 37,8% 6,0% Difficoltà strategiche di mercato 40,6% 39,9% 0,7% Difficoltà di riorganizzazione aziendale 27,7% 24,9% 2,8% Difficoltà di riorganizzazione del processo produttivo 26,6% 27,7% -1,1% Mancanza di stimoli interni 20,9% 21,1% -0,2% Difficoltà di reperimento partner 20,7% 17,0% 3,7% Difficoltà di reperire finanziamenti 20,0% 36,0% -16, 0% Mancanza di informazioni su ricerca 15,7% 13,1% 2,6% Attività di ricerca non coincidente con i bisogni dellimpresa 12,3% 10,5% 1,8% Difficoltà nel relazionarsi con centri di ricerca/Università 9,9% 9,4% 0,5% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011
  24. 24. Benefici/effetti dell’innovazione ∆ FC ER FC - ER Migliore qualità prodotti/servizi 16,5% 18,5% -2,0% Migliore organizzazione aziendale 16,0% 11,4% 4,6% Migliore efficienza utilizzo personale 13,5% 9,0% 4,5% Conquista quote di mercato 13,5% 14,5% -1,0% Migliore efficienza utilizzo materiali/materie prime 11,8% 10,1% 1,7% Migliore risultato economico 9,3% 14,3% -5,0% Risparmio energetico 5,9% 7,9% -2,0% Conquista di nuovi mercati 5,5% 8,3% -2,8% Migliore prestazione ambientale 2,1% 2,1% 0,0% Riduzione tempi di lavorazione 1,7% 1,7% 0,0% Migliori rapporti bilaterali e/o clima aziendale 1,3% 0,8% 0,5% Migliore conciliazione lavoro-famiglia 0,8% 0,6% 0,2% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011
  25. 25. Spesa in R&S in relazione al PILSpesa R&S in percentuale del PIL: totale settore privato settore pubblico 2006 2007 2008 2006 2007 2008 Europa 0,65%* 0,64%* 0,67%* Europa 1,18%* 1,19%* 1,21%* Italia 0,54%* 0,53%* 0,55%* Italia 0,55%* 0,61%* 0,60%* Emilia-Romagna 0,48%** 0,66%** n.d. Emilia-Romagna 0,74%** 0,81%** 0,84%** Fonte: *Eurostat, **ISTAT Fonte: *Eurostat, **ISTAT
  26. 26. Ambiti di miglioramento per beneficio attesoin termini di competitività FC ER ∆ M+A M+A Fc-Er Materiali 60,00% 58,10% 1,9% Informatica 43,60% 45,70% -2,1% Energia 37,00% 41,50% -4,5% Ingegnerizzazione dei processi produttivi/automazione/robotica 29,10% 32,90% -3,8% Impatto ambientale 27,10% 29,30% -2,2% Telecomunicazioni 24,20% 25,40% -1,2% Logistica 23,90% 21,00% 2,9% Nanotecnologie 14,70% 12,70% 2,0% Salute/Wellness 13,70% 15,50% -1,8% Bioingegneria 9,10% 11,50% -2,4% Medicina 3,80% 5,60% -1,8% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011
  27. 27. Forme di tutela adottate Strategie e/o forme di tutela adottate dalle imprese sul totale della popolazione (per milione) FC ER Marchi registrati 97 55 Licenze acquistate e/o in uso 92 36 Brevetti italiani 82 53 Accordi di segretezza 46 30 Brevetti europei e/o internazionali 28 27 Copyright 18 8 Prodotti ad elevato grado di complessità 3 18 Creative commons 0 2 Fonte: Elaborazione dati Osservatorio Innovazione 2010-2011 e ISTAT
  28. 28. Forme di tutela adottate Benefici ottenuti dalle forme di tutela adottate FC ER Nessuno 57,0% 47,7% Assenza di prodotti similari sul mercato 15,1% 16,8% Riconoscimenti economici derivanti dai meccanismi di protezione 12,9% 14,6% Altro 15,1% 20,5% Introiti da vendite di licenze 0,0% 0,2% Introiti da vendite di brevetti 0,0% 0,2% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011
  29. 29. Basso tasso di assorbimento di risorse laureate Nella provincia di Forlì-Cesena prevalgono, con il 63,5%, le imprese aventi un numero di dipendenti laureati inferiore all’1% (dato regionale pari al 70,3%)
  30. 30. Sensibilità alla sostenibilità ambientale: bassi consumi di energia • nel 2005 il consumo regionale medio pro-capite di energia primaria* è stato di 3,44 tep (tonnellate equivalenti di petrolio) contro i 2,71 tep delle regioni del nord-est, mentre il consumo medio di energia primaria della provincia di Forlì-Cesena è stato di 2,90 tep/abitante Consumi pro- Consumi di energia N. abitanti capite primaria (tep/ab.) (Mtep) Italia 197,7 58.751.711 3,37 Emilia Romagna 14,4 4.187.557 3,44 Forlì-Cesena 1,08 374.678 2,90 Fonte: Elaborazione su dati contenuti nel Piano Energetico Ambientale Provincia di Forlì- Cesena 2008*L’energia primaria è definibile come il potenziale energetico presentato dai vettori e fonti energetiche non rinnovabilinella loro forma naturale, ovvero quando non hanno ancora subito alcuna conversione o processo di trasformazione.
  31. 31. Sensibilità alla sostenibilità ambientale:efficienza energetica Efficienza in termini di PIL rispetto al consumo di energia elettrica (2009) Forlì-Cesena Emilia-Romagna Italia 6,50 [€/kWh] 5,15 [€/kWh] 5,07 [€/kWh] Fonte: Elaborazione su dati Terna ed ISTAT • le imprese del territorio producono un PIL più alto per FC ER kWh consumato, il che è indice M+A M+A di maggiore efficienza Riduzione consumi energia elettrica 58,9% 59,8% nell’utilizzo di energia elettrica Aumento efficienza energetica 43,9% 49,1% • e riconoscono l’importanza di Energia elettrica da fonti rinnovabili 34,9% 32,7% ridurre i consumi di energia e Valutazione qualità dei sistemi energetici 32,2% 40,9% aumentare perciò l’efficienza Riduzione consumi energia termica 30,8% 35,4% Qualità dei propri rifiuti 27,6% 32,3% Energia termica da fonti rinnovabili 21,4% 29,7% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011
  32. 32. Sensibilità alla sostenibilità ambientale:bassa previsione di investimenti Investimenti futuri in razionalizzazione/risparmio energetico dei processi produttivi (2010) FC ER Abbastanza 27,3% 30,0% Molto 4,2% 7,6% Per niente 50,8% 46,2% Poco 17,6% 16,3% Totale 100% 100% Fonte: Osservatorio Innovazione 2010-2011
  33. 33. Considerazioni finali Innovazione e sviluppo economico: partire dagli obiettivi più che più che dai modelli di innovazione da applicare … “è necessario favorire l’accesso delle imprese ai centri di ricerca” … … “occorre finalizzare i risultati della ricerca universitaria nell’impresa” …… “servono adeguati strumenti per facilitare il trasferimento tecnologico nelle imprese” … … “occorre una maggiore propensione delle imprese a brevettare” … … “dobbiamo favorire lo sfruttamento di brevetti non ancora utilizzati” … … “serve mettere in rete le competenze” … Queste affermazioni, per il sistema imprenditoriale, appaiono ormai come luoghi comuni che non ci aiutano nel compiere uno scatto decisivo in materia di innovazione. Non esiste una “ricetta” univoca per generare più innovazione, ma l’innovazione è un fenomeno complesso che attraversa le diverse sfere della tecnologia, dell’ambiente, del sociale, dell’antropologia, della cultura, dell’arte, della creatività, ecc.. (in sintesi di tutte le diverse componenti della realtà).
  34. 34. Considerazioni finali Il fine ultimo dell’innovazione, seppure non sempre direttamente perseguibile ed ottenibile, è il contributo che questa può dare all’innalzamento del livello di qualità della vita. Per quanto fattori abilitanti essenziali del processo innovativo, gli approcci elencati non sembrano in grado di “spingere” l’innovazione; essa pare invece essere più sovente “trainata” dalle aspettative di innalzamento della qualità della vita, dal vincolo della competitività ed in generale da BISOGNI irrisolti del nostro tempo. Le imprese questo, sembrano averlo capito.
  35. 35. Considerazioni finali A questo scopo è necessario l’impegno della componente imprenditoriale assieme a quello delle relative parti interessate, che le imprese non possono fare a meno di ascoltare e di porre al centro del processo di innovazione, per perseguire il miglioramento in maniera coesa, condivisa e di maggior prospettiva futura.
  36. 36. Terzo Rapporto sull’innovazionedella provincia di Forlì-Cesena Grazie per l’attenzione Luca Valli CISE - Direttore

×