Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Presentazione Dipartimento Rizzoli RIT

40 views

Published on

1° Presentazione del workshop finale del progetto Custom Implants

Dipartimento Rizzoli RIT - Research, Innovation & Technology

Nel 2009 sono stati istituiti 6 appositi laboratori in spazi ricavati presso il Centro di Ricerca Codivilla Putti, nel 2010 sono stati quindi organizzati nel Dipartimento Rizzoli – Research Innovation & Technology (RIT).
Con questi laboratori il Rizzoli partecipa alla Rete Regionale dell’Alta Tecnologia dell’Emilia Romagna ed alla formazione del Tecnopolo bolognese.

Sito web del progetto: www.custom-implants.it

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Presentazione Dipartimento Rizzoli RIT

  1. 1. Progettazione e realizzazione di tessuti e endoprotesi su misura mediante tecnologie sottrattive e additive Progetto di ricerca industriale approvato sul “Bando per progetti di ricerca industriale strategica rivolti agli ambiti prioritari della strategia di specializzazione intelligente” (DGR 774/2015) all’interno del POR FESR EMILIA-ROMAGNA 2014/2020 Asse 1 Azione 1.2.2
  2. 2. I Tecnopoli I Tecnopoli sono una rete di 10 infrastrutture dislocate in 20 sedi nel territorio dell'Emilia- Romagna che ospitano e organizzano attività e servizi per: - la ricerca industriale - lo sviluppo sperimentale - il trasferimento tecnologico Sono finanziati dai fondi europei del Por Fesr (Programma Operativo regionale del fondo europeo di sviluppo regionale 2007-2013) e da contributi regionali. Nei Tecnopoli operano i laboratori di ricerca industriale della Rete Alta Tecnologia dell'Emilia- Romagna, dotati di moderne strumentazioni di ricerca e personale dedicato ad attività e servizi per le imprese, favorendone anche la proiezione a livello nazionale e internazionale I Tecnopoli Includono strutture di servizio per attività di divulgazione, dimostrazione e informazione e strutture di accoglienza per le imprese, spazi per spin off innovativi e per laboratori di ricerca privati e promuovono l'incontro tra imprese e ricercatori e l'accesso ad attrezzature scientifiche all'avanguardia riducendo la distanza fra domanda e offerta di ricerca.
  3. 3. Partnership IOR-RIT – Dipartimento Rizzoli RIT – Istituto Ortopedico Rizzoli (Coordinatore) MIST E-R s.c.r.l. – Laboratorio di ricerca industriale CIRI-ICT – Centro Interdipartimentale dell’Università d Bologna Confindustria Emilia Romagna RIcerca Soc. Cons. a r.l. – Centro per l’innovazione A.T. Progetti s.r.l., I+ s.r.l., Samo S.p.A., Energy Group s.r.l. – Imprese
  4. 4. Dipartimento Rizzoli RIT Research, Innovation & Technology Nel 2009 sono stati istituiti 6 appositi laboratori in spazi ricavati presso il Centro di Ricerca Codivilla Putti, nel 2010 sono stati quindi organizzati nel Dipartimento Rizzoli – Research Innovation &Technology (RIT). Con questi laboratori il Rizzoli partecipa alla Rete Regionale dell’Alta Tecnologia dell’Emilia Romagna ed alla formazione del Tecnopolo bolognese I laboratori di ricerca che costituiscono il Dipartimento Rizzoli RIT intrattengono relazioni con il mondo industriale interessato ai seguenti ambiti di ricerca: - Medicina rigenerativa - Biomedicina - Farmaceutica - Biomeccanica - Informatica clinica
  5. 5. I Laboratori del RIT - 2010 RAMSES Prof. Andrea Facchini PROMETEO Dott. PierMaria Fornasari BITTA Prof. Roberto Giardino NABI Prof. Maurilio Marcacci CLIBI Dott. Luca Sangiorgi BIC Ing. MarcoViceconti
  6. 6.  Analisi del Movimento  Tecnologia Medica  Biomeccanica ed Innovazione Tecnologica  Biologia Cellulare Muscoloscheletrica  Fisiopatologia Ortopedica e Medicina Rigenerativa  Immunoreumatologia e Rigenerazione Tissutale  Oncologia Sperimentale  Patologia delle Infezioni Associate all’impianto  Studi Preclinici e Chirurgici Lab IOR  BIC  BITTA  CLIBI  NABI  PROMETEO  RAMSES RIT
  7. 7. SSD Laboratorio BIC BioIngegneria Computazionale SSD Laboratorio BITTA Biocompatibilità Innovazione Tecnologica Terapie Avanzate SSD Laboratorio CLIBI Bioinformatica Clinica SSD Laboratorio RAMSES Studi Preclinici in GLP per la Medicina Rigenerativa dell’Apparato Muscolo-Scheletrico SSD Laboratorio NABI Nano Biotecnologie SC Lab. Biomeccanica e Innovazione Tecnologica SC Lab. Biologia Cellulare Muscoloscheletrica SSD Studi Preclinici e ChirurgiciSSD Fisiopatologia Ortopedica e Medicina Rigenerativa SSD Prometeo
  8. 8. I Laboratori del RIT - 2018 BIOMECCANICA Dr.ssa Milena Fini CLIBI Dott. Luca Sangiorgi BIC Ing. FulviaTaddei RAMSES Dr.ssa Brunella Grigolo FISIOPATOLOGIA Prof. Nicola Baldini NABI Prof.ssa Maria Paola Landini STUDI PRECLINICI E CHIRURGICI BIOLOGIACELL. MUSCOLOSCHELETRICA Prof. Nicola Baldini Dr.ssa Milena Fini
  9. 9. Bic Bioengineering Computing Dr.ssaTaddei Il Laboratorio si occupa dello sviluppo di tecnologie di biocomputing, nonché della valutazione di queste tecnologie sia in laboratorio che nella pratica clinica, al fine di trasformarle in opportunità industriali. Le attività di ricerca industriale e di innovazione tecnologica si articolano su tre linee principali: - Sviluppo soluzioni software per la computer aided medicine in ambito ortopedico. - Consulenza su temi di biomeccanica scheletrica. - Ingegnerizzazione di prototipi di ricerca in bioingegneria computazionale.
  10. 10. Dr.ssa Fini Il laboratorio si occupa di ricerca preclinica con modelli in vitro ed in vivo rivolta al settore scientifico-industriale. Disegno ed esecuzione di studi preclinici nell’ambito di: - biomateriali/scaffold biologici e tessuti decellularizzati, di sintesi (metallici, ceramici, polimerici, compositi anche con proprietà biomimetiche e nanostrutturati); - biocompatibilità/safety, bioattività e biofunzionalità di biomateriali e loro superfici, scaffold, dispositivi medici e sostanze chimiche; - osteointegrazione e bone ingrowth in vitro ed in vivo; - studi pivotal e proof of concept su innovazioni tecnologiche, nuovi trattamenti e terapie avanzate (ingegneria tessutale e medicina rigenerativa; - caratterizzazione di terapie cellulari da diverse sorgenti, valutazione di utilizzo di molecole segnale, stimoli biologici, biofisici e meccanici per la realizzazione di costrutti ingegnerizzati, la riparazione endogena dei tessuti ed il controllo del microambiente Laboratorio Studi preclinici e chirurgici
  11. 11. Dr. Sangiorgi il CLIBI sviluppa progetti innovativi nel campo dell’eHealth nell’ottica di una medicina sempre più personalizzata. - Progettazione e sviluppo di tools innovativi per collezionare in modo organizzato e standardizzato dati e informazioni su patologie ereditarie - Data merge & integration - Gestione dati e big data - Biobanche e dati inerenti - Realizzazione di software modulari e registri di patologia attraverso la collezione di campioni biologici e all’analisi dei pedigree. CLIBI Clinical Bioinformatics
  12. 12. Prof.ssa Landini Il Laboratorio si occupa di progettazione e sviluppo di nuove metodologie basate sulle nanotecnologie per applicazioni in medicina rigenerativa, chirurgia, protesica e traumatologia ed in particolare: -Sviluppo di coating nanostrutturati multifunzionali antibatterici, biomimetici ed antiusura, mediante tecnica Pulsed Electron Deposition; - Caratterizzazione morfologica, chimico-fisica e strutturale di biomateriali e dispositivi biomedicali, con particolare riferimento ai film sottili. - Progettazione di sistemi di movimentazione per la deposizione assistita al plasma su dispositivi di forma complessa, ad elevato ingombro e/o porosi. - Analisi delle proprietà meccaniche e composizionali del tessuto osseo e osteo-cartilagineo. NaBi NanoBiotechnology
  13. 13. Dr.ssa Grigolo Il Laboratorio svolge attività di - ricerca preclinica con riferimento alla medicina rigenerativa; - studio di patologie osteoarticolari e metaboliche. - isolamento, crescita, caratterizzazione fenotipica e funzionale e differenziamento di cellule da diversi tipi di tessuto umano e/o linee cellulari; - analisi interazioni fra cellule e biomateriali di diversa origine e natura sia in condizioni basali che durante differenziamento Nel laboratorio è attiva una piattaforma di 3D Bioprinting destinata alla fabbricazione di dispositivi “custom made” utilizzabili in campo ortopedico. RAMSES Preclinical studies for regenerative medicine of the musculoskeletal system
  14. 14. Prof. Baldini Laboratorio di biologia cellulare muscoloscheletrica Il Laboratorio opera in diversi settori della ricerca scientifica bio-medica. In particolare studia: - Meccanismi patogenetici delle distrofie muscolari; - Meccanismi di regolazione della proliferazione e del differenziamento cellulare, sulla fisiopatologia di malattie muscolo-scheletriche e osteoarticolari, malattie degenerative e neoplastiche; - Interazione fra cellule e biomateriali - Effetti biologici delle radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti. .
  15. 15. Dr.ssa Fini Laboratorio di Biomeccanica e innovazione tecnologica Il laboratorio si avvale della collaborazione fra chirurghi ortopedici, ingegneri, chimici, fisici, informatici, biologi, biotecnologi, e dottori in scienze motorie, creando un supporto teorico e pratico all’attività di ricerca clinica e chirurgica. Ha acquisito rilevanza internazionale sviluppando attività di ricerca nei seguenti campi: - computer-aided surgery; - nuove tecnologie per la valutazione clinica e funzionale; - RSA; - metodi computazionali per la biomeccanica articolare; - biotecnologie.
  16. 16. Prof. Baldini Laboratorio di Fisiopatologia ortopedica e medicina rigenerativa Svolge attività di ricerca preclinica e clinica negli ambiti della Patologia Ortopedica anche oncologica, della Biocompatibilità e della Medicina Rigenerativa in collaborazione con altre Unità assistenziali e di ricerca dell’Istituto Ortopedico Rizzoli e con Centri di ricerca italiani e stranieri.
  17. 17. RIT BTM Collaborazione e interscambio tra RIT e BTM
  18. 18. La Banca delTessuto Muscoloscheletrico (BTM) è un'organizzazione pubblica no profit il cui scopo principale è ottenere innesti ossei sostitutivi in chirurgia ortopedica, utilizzando principalmente i prelievi da donatore vivente (teste di femore prelevate nell'intervento di protesizzazione dell'anca). Per raggiungere questo scopo le attività principali sono: - la raccolta - la conservazione, - la lavorazione - la distribuzione Un'altra attività importante è la lavorazione di tessuti da altre banche di tessuti italiani. di tessuti da donatori viventi o deceduti
  19. 19. La BTM è stata identificata come struttura di eccellenza di riferimento per la Regione Emilia-Romagna che contribuisce al potenziamento delle dotazioni strutturali con finanziamenti annuali per la raccolta, la conservazione, la validazione e la distribuzione di tessuto muscolo-scheletrico. Da iniziale struttura di raccolta, stoccaggio e distribuzione del tessuto osteotendineo, la BTM ha implementato una struttura produttiva in ambiente a contaminazione controllata, affiancando al taglio dell’osso congelato anche manipolazioni più complesse quali la liofilizzazione, la demineralizzazione, la produzione di paste d’osso estrudibili..
  20. 20. I tessuti vengono utilizzati in diverse specialità chirurgiche: - Chirurgia ortopedica correttiva, protesica, traumatologica e oncologica - Chirurgia della mano - Odontoiatria - Chirurgia maxillo-facciale e plastica - Neurochirurgia - Microchirurgia ricostruttiva otologica
  21. 21. TESSUTI DISTRIBUITI (numero di confezioni) 2013 2014 2015 2016 2017 A Unità Operative dell’Istituto Ortopedico Rizzoli 1420 1465 1329 1179 1219 A strutture sanitarie regionali 1568 1514 1889 2066 1813 A strutture sanitarie extraregionali 1073 972 1546 1573 1327 Ad altre Banche dei tessuti (nazionali) 210 105 40 62 455 Esportati (Europa e Paesi extraeuropei) 35 26 60 44 37 Teche craniche (distribuite a Neurochirurgie, in ambito regionale e nazionale) 79 70 73 59 117 Totale tessuti BTM IOR 4385 4152 4937 4983 4968 Dal 1997 ad oggi, la BTM ha distribuito oltre 80.700 tessuti muscoloscheletrici. DISTRIBUZIONE COMPLESSIVA DI TESSUTI MUSCOLOSCHELETRICI
  22. 22. RIT BTM Lab Analisi Movimento
  23. 23. Un team di ingegneri, fisiatri, e chirurghi lavora sinergicamente su svariati progetti di scienza del movimento e studi clinici. Il laboratorio utilizza strumenti all’avanguardia per misurazioni oggettive del movimento umano, come la stereofotogrammetria o i sensori inerziali (IMU), e delle forze interne ed esterne generate durante il movimento, attraverso pedane di forza e di pressione e sistemi elettromiografici di superficie (EMG). Questi strumenti consentono di ottenere un’accurata analisi della cinematica e della dinamica dei segmenti del corpo, e delle relative articolazioni coinvolte nel compito motorio che si sta valutando. Le attività del laboratorio sono focalizzate su tre aree di ricerca: Analisi cinematica e dinamica del movimento umano; Protesi articolari; Ortesi plantari e calzature. Laboratorio di Analisi del Movimento Ing. Leardini
  24. 24. Workshop Finale: 10 luglio h 12:00 @ Dipartimento Rizzoli RIT Custom Implants presenta le innovazioni tecnologiche nell’ortopedia sviluppate nel corso del progetto

×